Pubblicato il Lascia un commento

📰 PERCHÉ IL NARCISISTA DEVE RESPINGERE L’INTIMITÀ

I narcisisti detestano l’intimità.

Perché? È una reazione istintiva e necessaria. L’intimità crea attaccamento. Come ho spiegato in L’Attaccamento È La Sede Della Sofferenza, attacchiamo le nostre vittime a noi, ma noi non ci attacchiamo a te. Se ci affezionassimo alle nostre vittime, non prospereremmo e sopravvivremmo perché i nostri bisogni di carburante non sarebbero soddisfatti pienamente come deve essere. Dobbiamo essere in grado di procedere in avanti, senza ostacoli, senza condizioni e scatenati. Dobbiamo essere liberi da tutto ciò che ci rallenta e ci impedisce di raggiungere Gli Scopi Primari.

La nostra necessità di essere in grado di scaricare i nostri apparecchi in una sola azione di ghigliottina determina questo rifiuto dell’attaccamento e quindi ne consegue che dobbiamo respingere l’intimità. L’intimità crea legami, crea collegamenti, ponti e accoppiamenti – tutto ciò va molto bene quando viene fatto per legarti a noi, che è consentito ma non deve e non può essere ricambiato.

Prendiamo ad esempio una Risorsa Primaria Intima difettosa (“IPPS”) (coniuge, partner, fidanzato / fidanzata) che non ci fornisce più il carburante necessario, i tratti caratteriali e i benefici residui che sono necessari alla nostra sopravvivenza. Questa persona è stata idealizzata, è stata svalutata e ora è stato attivato il disimpegno. Dobbiamo respingerla alla grande, non possiamo perdere tempo con il compito, tenendola in sospeso e mantenendola come IPPS quando non funziona correttamente. È molto probabile che ciò causi in tutti i narcisisti (salvo il Superiore e anche in questo caso causerà sempre problemi) una crisi di carburante. Insorgerà una crisi di carburante perché il narcisista avrebbe continuato a impegnarsi con un apparecchio che non sta erogando e il narcisista, se collegato in qualche modo, avrebbe dedicato troppo tempo per una ricompensa troppo bassa. Il tempo non sarebbe disponibile per attingere carburante dalle fonti secondarie e terziarie per compensare le carenze di questa IPPS. Il risultato sarebbe una crisi di carburante o, per lo meno, una riduzione dei livelli di carburante che porterebbe il narcisista a funzionare in modo meno efficace e a sentire maggiormente la presenza di quell’onnipresente baratro di oblio.

Il narcisista può avere una candidata IPSS (“Risorsa Secondaria Intima”) in attesa dietro le quinte, pronta per essere incoronata IPPS, ma poiché la IPPS in carica rimane, questo apparecchio nuovo e funzionante non può ancora essere agganciato al narcisista. Perciò il narcisista si trova in una posizione di malfunzionamento della IPPS senza essere in grado di attingere pienamente al generoso carburante (e ad altri benefici) con la IPPS-In-Attesa. Un pessimo stato di cose.

Questo è lo scenario che l’intimità minaccia di generare. Se viene consentita l’intimità, allora creerà dei tentacoli che ci legano a te e rendono più difficile buttarti giù con un semplice colpo di interruttore o la pressione di un pulsante. Rifiutando l’intimità, viene neutralizzata la minaccia dell’attaccamento.

Tuttavia, che dire di quei narcisisti che DIMOSTRANO intimità nei giorni inebrianti della seduzione, quei teneri tocchi lustrati con la sfumatura infuocata del periodo d’oro, quegli abbracci, quei delicati sfioramenti tra pelle e pelle, la delicata unione di labbra socchiuse su labbra socchiuse? So che molti di voi lo avranno sperimentato e in effetti io stesso mi sono avvalso di questo comportamento in molte occasioni – non è che questo poi creerà intimità e quindi il rischio di attaccamento che pregiudicherà la nostra esistenza?

Non tutti i narcisisti manifesteranno tale intimità. Questo è un punto preliminare. È molto meno probabile che si verifichi nella scuola secondaria del narcisista. Sarà evidente tra i Narcisisti di Medio Rango e Superiore. Perché compare se l’intimità è aberrante per noi? Semplicemente, come per tutte le questioni “narci”, il nostro narcisismo ci obbliga a fare tutto il necessario per acquisire ciò che è richiesto per la nostra esistenza e supremazia. Se ciò significa rispecchiare la tua gioia nel salvare dei cuccioli, allora lo faremo, se questo significa dimostrare un entusiasmo per la cucina fusion asiatica, allora lo faremo, se questo significa cantare insieme a Celine Dion allora … beh, forse ci sarà qualche posto in cui non andremo. Tuttavia, se l’intimità è un dispositivo necessario (e invariabilmente lo è) per assicurare la seduzione di un bersaglio, allora il nostro narcisismo diminuisce e sopprime il nostro innato orrore dell’intimità ai fini di un maggior guadagno; vale a dire la tua seduzione e l’irretimento.

È cosa buona e giusta finora usare dell’intimità per irretire, ma come si mette poi con il rischio di attaccamento e il conseguente impatto sui nostri bisogni? L’intimità spesso appare attraverso la seduzione. Non è sentita, ma piuttosto viene gestita in seguito ad aver capito come la vittima la desidera, a quanto è utile a sostenere l’illusione e a permetterci di tenere sotto controllo quella vittima. Ovviamente la sua messa in atto è del tutto istintiva (salvo con l’aggiunta di un calcolo in cui è coinvolto un Superiore) e si ottiene copiando ciò che è accaduto prima e che viene visto altrove – tra altre persone, nei libri, nei film, ciò che viene detto da altre persone in varie forme. L’intimità viene prodotta e applicata con un’abilità che fa sì che questa tenerezza contraffatta appaia genuina – ma non lo è.

È superficiale e solamente uno smalto. Sì, sembra a tutti gli effetti essere qualcosa di genuino. È certamente reale perché non lo immagini, ma non è genuino, tuttavia dato che il tuo pensiero emotivo aumenta a causa del tuo continuo e prolungato intreccio con noi, non raschi sotto la superficie e accetti che quello che vedi è ciò che stai veramente ricevendo. Quindi, dal momento che non si tratta di una reazione emotiva, ma di una conoscenza, questo rende molto meno probabile l’attaccamento. Tuttavia, il nostro narcisismo non è ancora compiuto. Deve garantire che non vi sia alcun rischio di attaccamento. Di conseguenza, il Primo Stadio è il processo di prevenzione dell’attaccamento attraverso l’applicazione dell’intimità in modo del tutto superficiale. Il Secondo Stadio è il processo di svalutazione.

La messa in atto della svalutazione implica che l’intimità venga revocata. Sono finiti gli abbracci nel loro insieme o sono sostituiti da brevi rigide interazioni di cartone. Il lungo e persistente bacio ti viene tolto e non vi é sostituzione o viene sostituito con un breve bacio sulle labbra, sulla guancia o sulla fronte. Non ti prenderemo più la mano, non ti guarderemo più negli occhi, non permetteremo più alle nostre dita di tracciare i contorni del tuo corpo facendo fremere la tua pelle.

La messa in atto della svalutazione e con essa la rimozione della falsa intimità è una salvaguardia per assicurare che, se ci fosse una leggera possibilità di intimità che crea attaccamento, viene completamente rimossa. La svalutazione apre la strada a un eventuale disimpegno (se vi è un innesco) in modo che il disimpegno sia rapido, efficace e tutto in una volta.

Immagina se vuoi uno scivolo. Perché sia efficace, deve essere libero e non intralciato. Se la vegetazione (intimità) cresce sopra questo scivolo, potrebbe bloccarlo del tutto e impedire una rapida fuga o potrebbe essere parziale e lenta e ostacolare la fuga. Quindi la falsa intimità implica che la crescita di questa vegetazione attraverso lo scivolo è minima, lenta e molto meno probabile. La svalutazione è il lanciafiamme che viene a bruciare ogni vegetazione invadente, quindi il punto di fuga (disimpegno) è totalmente efficace.

Quindi, il nostro narcisismo respinge la vera intimità, mette in atto una falsa intimità, e poi rimuove questa falsa intimità attraverso la svalutazione. Di conseguenza, il rifiuto dell’intimità implica che l’attaccamento non si verificherà. Pertanto, quando i nostri bisogni impongono che tu devi andartene e che devi essere sostituito da un altro o semplicemente di rinunciare e si conta sugli apparecchi esistenti, il disimpegno è rapido, assoluto ed efficace. Non sprechiamo tempo né energia, consentendo alle nostre risorse di essere interamente dirette verso quegli obiettivi primari, in particolare l’acquisizione di carburante.

L’intimità deve essere respinta per facilitare la nostra esistenza e il successo.

H.G. TUDOR

Why the Narcissist Must Reject Intimacy

Rispondi