Pubblicato il Lascia un commento

📁 UN NARCISISTA MOLTO ASSASSINO

Potresti aver sentito che Oscar Pistorius, il “Blade Runner” ha avuto la sua condanna per l’omicidio di Reeva Steenkamp aumentato da sei anni a quindici anni, meno la pena già scontata. Questo paralimpionico e uomo che ha fatto la storia partecipando ai giochi olimpici è noto per gli spari che hanno provocato la morte di Miss Steenkamp e, successivamente, per i ripetuti tentativi di Pistorius di sfuggire alla colpa della morte di lei. È un esempio di narcisista e di un narcisista assassino.

Pistorius nacque senza fibule – la più piccola delle due ossa della gamba inferiore – le sue gambe furono amputate sotto il ginocchio quando aveva 11 mesi. Sei mesi dopo ebbe le sue prime protesi. Da lì iniziò l’ascesa dell’uomo che sarebbe stato visto come un ultra-competitivo e un esempio vivente del trionfo della determinazione sulle avversità. Ciò che la gente non capiva era che il narcisismo stava guidando quest’uomo.

È cresciuto in una famiglia agiata dove ha manifestato fin da piccolo il desiderio di impegnarsi in avventure e rischi. Avrebbe guidato go-kart e cavalcato mini-moto senza riguardo per la sua sicurezza e per coloro che lo circondavano. Gli aneddoti dei suoi giorni di scuola lo hanno descritto come mai escluso, sempre circondato da amici ed al centro dell’attenzione. La sua assunzione di rischi è stata incoraggiata dalla sua famiglia poiché nella famiglia Pistorius, a nessuno era conssentito dire “Non posso”.

Un primo pilota nella formazione di ciò che Pistorius doveva diventare era sua madre. Sua madre ha avuto un’enorme influenza. Metteva biglietti ispiratori nei cestini del pranzo dei suoi figli, e una lettera che gli scrisse, e che lui conserva ancora, dice: “Il vero perdente non è mai la persona che ha tagliato il traguardo per ultimo. Il vero perdente è la persona che si mette da parte, la persona che non tenta nemmeno di competere”.

Il giovane Pistorius veniva spinto, il mantello dell’aspettativa posto sulle sue spalle.

Scoprì che la sua mancanza di arti inferiori lo distingueva dagli altri e lo faceva sentire speciale. Non aveva mai dovuto indossare le protezioni imbottite e poteva lasciare la gamba penzolare contro un forno caldo senza subire terribili scottature. I bambini in spiaggia si meravigliavano delle sue piccole orme rotonde, mentre gli avversari sul campo da rugby che lo avevano affrontato erano rimasti con un arto artificiale in mano. Vi era sempre una reazione nell’interagire con Pistorius.

Quando era ancora un bambino, i suoi genitori divorziarono e lui visse con sua madre e i suoi fratelli, lontano da suo padre. Poi sua madre morì quando aveva 15 anni e ciò ebbe un notevole impatto su Pistorius.

La determinazione e la sconsideratezza di Pistorius venivano incanalate nello sport e nella corsa. All’inizio non ebbe un grande successo, ma poi la sua aspirazione della corsa decollò, guidata dal desiderio di essere il migliore e dalla sua profonda e radicata rabbia per le varie umiliazioni che aveva provato in conseguenza della perdita degli arti inferiori. Fu allora che la sua abilità sportiva andò alle stelle. Tre settimane dopo aver preso a correre, Pistorius corse la sua prima gara da 100 metri. Con suo padre che guardava a Bloemfontein, vinse la gara in un tempo più veloce di quello che un amputato ad ambo le gambe aveva raggiunto in precedenza – 11.72s. Era nata una stella. Otto mesi dopo, vinse i 200 metri d’oro alle Paraolimpiadi di Atene e la sua vita cambiò per sempre. In poco tempo iniziò a correre contro atleti non disabili, prima in un Golden Gala 400m a Roma nel 2007, arrivando secondo. Quindi partecipò alle Olimpiadi di Londra nel 2012, facendo storia.

Qui c’era un uomo di bell’aspetto, con accordi di sponsorizzazione che si accumulavano, denaro, fama e attenzione. Tuttavia, accanto a queste cose, i tratti del suo narcisismo c’erano, seppur, come sempre, non rilevati dai commentatori.

Nel 2011, parlando con i giornalisti, Pistorius spiegò che un giorno stava guidando quando investì un cane. Si fermò e scese dalla macchina. La spina dorsale del cane era rotta e le sue zampe posteriori ora inutili, ma era vivo. Il proprietario del cane uscì di casa per protestare contro Pistorius. Pistorius estrasse la pistola dalla sua auto e uccise il cane. Qualcuno potrebbe obiettare che lo fece per togliere il cane dalla sua sofferenza, ma non vi fu alcuna esitazione, nessuna discussione con il proprietario, nessun tentativo di vedere se il cane potesse beneficiare dell’intervento di un veterinario. Pistorius agì con decisione e uccise il cane. Non vi era empatia per il cane o per il suo proprietario.

Quello stesso anno, mentre veniva intervistato dalla BBC, a Pistorius venne fatta una domanda, una domanda ragionevole, sulla sua lotta per prendere parte all’atletica non disabile. Piuttosto che rispondere, fu ferito da questa neutrale domanda sul suo diritto di competere e con furia accesa si tirò precipitosamente fuori dall’intervista.

Alle Paraolimpiadi di Londra del 2012, la sua furia accesa comparve ancora una volta. Si scagliò contro Alan Oliveira, un brasiliano che aveva battuto Pistorius in una vittoria a sorpresa. Dopo che Oliveira batté Pistorius negli ultimi 30 metri di una gara che il sudafricano non aveva mai perso in un campionato importante, Pistorius accusò il brasiliano di aver corso su lame che erano troppo lunghe e di aver fatto una gara sleale.

“Senza togliere nulla alla performance di Alan, è un grande atleta, ma questi ragazzi sono molto più alti e non si può competere con la lunghezza del loro passo. Avete visto quanto lontano è tornato. Non stiamo correndo in una gara leale. Io ho dato il massimo.”

Non c’era grazia in questa affermazione di sconfitta, ma piuttosto la protesta della razza che non era leale. Pistorius ha cercato carburante dalla sua protesta per essere stato battuto, era il suo gioco di pietà. Appare gentile, mentre cerca di mantenere la facciata, ma questo è quanto. Ha perso la gara e piuttosto accettare questo fatto, ha accusato il suo concorrente di barare e che non era leale. Dispiacetevi per me.

Il Comitato Paraolimpico Internazionale ha stabilito che Oliveira non aveva fatto nulla di sbagliato.

Un altro paraolimpico sudafricano, Arnu Fourie, disse a un giornalista che aveva dovuto cambiare stanza nel villaggio degli atleti perché Pistorius stava urlando al telefono così tanto, la furia accesa di Pistorius appariva in molte occasioni dato che non era in grado di controllarla, anche quando qualcun altro era nelle vicinanze a osservare il suo comportamento.

Nel 2013 un giornalista spiegò come Pistorius avesse insistito nel prendere il giornalista all’aereoporto (esercizio del controllo) e poi mentre guidava a 250 km/h controllava i messaggi di testo sul telefono, terrorizzando il giornalista seduto al lato passeggero. Pistorius era divertito da questa reazione. Qui mostra di non avere empatia per la posizione del suo passeggero, mancanza di responsabilità per la velocità a cui sta viaggiando e mentre controlla i messaggi di testo sul suo telefono, un senso di diritto di fare ciò che vuole e, naturalmente, ottiene carburante dalla reazione del passeggero.

Un altro giornalista commentò che, leggendo la biografia di Pistorius “Blade Runner”, non aveva la più pallida idea di chi fosse Pistorius, perché il giornalista dichiarò “non c’è nessuno”. È interessante notare che quel particolare scrittore aveva visto attraverso il costrutto anche se evidentemente non si era reso conto di cosa significasse.

Un altro giornalista spiegò che Pistorius insisteva nell’insegnargli a sparare e non avrebbe risposto a nessuno finché non lo avesse portato in un poligono di tiro. Di nuovo mostra il suo senso di diritto, il desiderio di esercitare il controllo e la mancanza di riconoscimento dei confini.

Sono emersi altri esempi sul narcisismo di Pistorius. C’era una pistola che aveva sparato in un ristorante e un’altra sparata attraverso il tetto di un’auto, e la strana lotta verbale e fisica. Ai giornalisti che si chiedevano se le lame di Pistorius potessero dargli un vantaggio non vennero più concesse interviste.

In questi esempi vediamo

• la necessità di esercitare il controllo sugli altri
• mancanza di empatia per gli altri
• mancanza di riconoscimento dei confini
• senso di grandiosità nell’essere autorizzato a usare le pistole quando ha scelto di farlo
• trattamenti del silenzio messi in atto in seguito a ferite
• la comparsa di furia accesa con conseguente scontri verbali e fisici con le persone

Sembra quindi che Pistorius stesse chiaramente manipolando fonti secondarie e terziarie e applicando la sua furia accesa contro di loro. Che dire delle relazioni intime?

Per sua stessa ammissione, i rapporti di Pistorius con le donne nel corso degli anni sono stati turbolenti. Nel suo libro, si riferiva a un “argomento particolarmente antipatico” qui, una relazione “molto infuocata” lì. È chiaro che la sua furia accesa si sarebbe manifestata anche nel contesto di queste relazioni intime, evidentemente ha lottato per controllarla come conseguenza di essere ferito.

“Potrebbe diventare molto furioso all’improvviso”, dice il suo biografo Merlo. “Parlava di un fuoco dentro. Aveva duri litigi con le ragazze seguiti da una dolce riconciliazione. Ha sempre avuto fidanzate bellissime. Non ho mai visto rabbia, ma a volte vi erano situazioni in cui compariva. A volte può esplodere, ma ho sempre visto la parte luminosa della luna, non ho mai visto la parte oscura.”

Naturalmente il suo biografo sta cercando di mantenere la facciata per Pistorius dicendo che non aveva assistito al lato oscuro e naturalmente potrebbe anche essere che abbia detto la verità e Pistorius non ha esibito la sua furia accesa allo scrittore. Tuttavia, la rivelazione sulle sue fidanzate mostra: –

• ripetute fidanzate bellissime, il marchio di un narcisista d’elite o somatico
• ripetuti litigi – l’accensione della rabbia, questi non erano occasionali o sporadici, ma il comportamento frequente di un narcisista ferito
• pensiero diviso – l’esplosione di furia e poi la riconciliazione; in seguito il carburante fornito avrà guarito la ferita e quindi la furia si attenua

Certamente le persone normali hanno disaccordi nelle relazioni ma non sono frequenti e non sono “duri litigi” o “esplosioni”. Questo è qualcos’altro.

E poi, naturalmente, arriviamo all’assassinio di Reeva Steenkamp, una giovane donna istruita, intelligente e bella che chiaramente attirerebbe l’attenzione di un narcisista somatico o d’élite e così è stato. Ha pagato con la sua vita per questo.

Non è necessario passare attraverso il processo in modo troppo dettagliato, poiché vi è una grande quantità di commenti e relazioni in merito. Le questioni che sorgono e che sono rilevanti per il narcisismo di Pistorius sono i seguenti:

La Corte Suprema in Sud Africa ha giudicato che Pistorius non ha mostrato un vero rimorso per ciò che ha fatto, né comprende la gravità delle sue azioni. Questa è la manifestazione della sua mancanza di empatia, il suo senso di essere intoccabile, di essere al di sopra della legge e inoltre il fatto che ha tentato di manifestare una sorta di contrizione come parte del suo comportamento manipolativo in atto che è trasparito.

Pistorius ha pianto in tribunale. Non stava piangendo per nessuno tranne che per se stesso, un risibile gioco di pietà e una parte del suo comportamento manipolativo.

La sua difesa per l’accusa era assurdamente ridicola. Non ci voleva Columbo per ribadire (ripetutamente) come la sua storia della notte di San Valentino non fosse credibile. Questo mostra il suo pensiero magico, la mancanza di responsabilità e il mentire ripetutamente.

I messaggi di testo scambiati tra Pistorius e Steenkamp che sono stati forniti come prova al processo hanno mostrato dialoghi brutali tra di loro mentre lui si scagliava, manipolando di nuovo e evidenziando la sua furia accesa e lei rispondeva a questi attacchi in modo ferito e arrabbiato ma sfidandolo e quindi naturalmente forniva Carburante di Sfida.

Una volta lei aveva scritto

“A volte ho paura di te, di come mi attacchi e di come reagirai”, la coppia aveva discusso dopo che Pistorius aveva accusato lei di flirtare con un altro uomo. Suona familiare?

L’omicidio di qualcuno che apparentemente amava in modo così forte. Ciò rafforza il fatto che lui non amava la signorina Steenkamp, perché una persona empatica che ama non ucciderebbe la persona amata. Inoltre, la sua reazione con l’uso di armi da fuoco, i colpi sparati e il modo in cui ciò è accaduto mostravano che lui sapeva quello che stava facendo ed era una conseguenza di quella furia accesa che si stava manifestando ancora una volta come aveva fatto molte volte in precedenza.

La Corte Suprema ha commentato

“Anche se potrebbe essere stato in ansia, è inconcepibile che una persona razionale possa aver creduto di avere il diritto di sparare a questa persona con un’arma di grosso calibro, senza prendere nemmeno la più elementare precauzione di sparare un colpo di avvertimento, che l’accusato ha detto ha scelto di non sparare dal momento che pensava che il rimbalzo potesse ferirlo.

“L’imputato deve aver previsto e, quindi, ha previsto che chiunque fosse dietro la porta del bagno potesse morire, ma si è rassegnato a quell’evento che si stava verificando e ha giocato con la vita di quella persona”.

Ciò dimostra come la difesa fosse una bugia e come Pistorius non avesse empatia per Steenkamp.

È interessante notare che lo psicologo della difesa ha ritenuto che Pistorius avesse un Disturbo d’Ansia Generalizzato che naturalmente faceva parte della difesa e cioè che aveva “avuto una reazione eccessiva” dovuta all’ansia di pensare che ci fosse un ladro.

La valutazione psicologica dell’accusa non ha rilevato alcuna malattia mentale e che Pistorius sapeva distinguere ciò che era giusto da ciò che era sbagliato. Naturalmente, l’accusa non avrebbe voluto trovare alcun tipo di malattia o disturbo in quanto ciò potrebbe potenzialmente ostacolare una condanna o, come minimo, l’attenuazione della pena se fosse stato condannato.

Dopo la sua condanna, Pistorius ha cercato quindi varie alterazioni e privilegi riguardo al suo trattamento, di nuovo manifestazioni della sua grandiosità e necessità di un trattamento speciale. Ha anche usato la sua disabilità come base per questo trattamento – proprio un cambiamento da uno che prima aveva sempre insistito sul fatto che la sua disabilità non era mai stata una ragione per trattarlo in modo diverso. Certo, gli andava bene usare la sua disabilità in questo modo, evidenziando l’opportunismo che ci contraddistingue.

Come molte delle nostre vittime sanno, ci ostacola un po’, ma di tanto in tanto, l’impatto della legge criminale raggiunge il nostro tipo e, nel caso di Pistorius, non lo ha raggiunto una sola volta (essendosi il verdetto trasformato in omicidio) ma due volte (la sua pena è stata prorogata). Ovviamente, Pistorius rimarrà indifferente, impantanato nella propria autocommiserazione e incolperà ancora la defunta Miss Steenkamp e gli altri per la sua rovina.

H.G. TUDOR

Potresti aver sentito che Oscar Pistorius, il “Blade Runner” ha avuto la sua condanna per l’omicidio di Reeva Steenkamp aumentato da sei anni a quindici anni, meno la pena già scontata. Questo paralimpionico e uomo che ha fatto la storia partecipando ai giochi olimpici è noto per gli spari che hanno provocato la morte di Miss Steenkamp e, successivamente, per i ripetuti tentativi di Pistorius di sfuggire alla colpa della morte di lei.] È un esempio di narcisista e di un narcisista assassino.
Pistorius nacque senza fibule – la più piccola delle due ossa della gamba inferiore – le sue gambe furono amputate sotto il ginocchio quando aveva 11 mesi. Sei mesi dopo ebbe le sue prime protesi. Da lì iniziò l’ascesa dell’uomo che sarebbe stato visto come un ultra-competitivo e un esempio vivente del trionfo della determinazione sulle avversità. Ciò che la gente non capiva era che il narcisismo stava guidando quest’uomo.
È cresciuto in una famiglia agiata dove ha manifestato fin da piccolo il desiderio di impegnarsi in avventure e rischi. Avrebbe guidato go-kart e cavalcato mini-moto senza riguardo per la sua sicurezza e per coloro che lo circondavano. Gli aneddoti dei suoi giorni di scuola lo hanno descritto come mai escluso, sempre circondato da amici ed al centro dell’attenzione. La sua assunzione di rischi è stata incoraggiata dalla sua famiglia poiché nella famiglia Pistorius, a nessuno era conssentito dire “Non posso”.
Un primo pilota nella formazione di ciò che Pistorius doveva diventare era sua madre. Sua madre ha avuto un’enorme influenza. Metteva biglietti ispiratori nei cestini del pranzo dei suoi figli, e una lettera che gli scrisse, e che lui conserva ancora, dice: “Il vero perdente non è mai la persona che ha tagliato il traguardo per ultimo. Il vero perdente è la persona che si mette da parte, la persona che non tenta nemmeno di competere”.
Il giovane Pistorius veniva spinto, il mantello dell’aspettativa posto sulle sue spalle.
Scoprì che la sua mancanza di arti inferiori lo distingueva dagli altri e lo faceva sentire speciale. Non aveva mai dovuto indossare le protezioni imbottite e poteva lasciare la gamba penzolare contro un forno caldo senza subire terribili scottature. I bambini in spiaggia si meravigliavano delle sue piccole orme rotonde, mentre gli avversari sul campo da rugby che lo avevano affrontato erano rimasti con un arto artificiale in mano. Vi era sempre una reazione nell’interagire con Pistorius.
Quando era ancora un bambino, i suoi genitori divorziarono e lui visse con sua madre e i suoi fratelli, lontano da suo padre. Poi sua madre morì quando aveva 15 anni e ciò ebbe un notevole impatto su Pistorius.
La determinazione e la sconsideratezza di Pistorius venivano incanalate nello sport e nella corsa. All’inizio non ebbe un grande successo, ma poi la sua aspirazione della corsa decollò, guidata dal desiderio di essere il migliore e dalla sua profonda e radicata rabbia per le varie umiliazioni che aveva provato in conseguenza della perdita degli arti inferiori. Fu allora che la sua abilità sportiva andò alle stelle. Tre settimane dopo aver preso a correre, Pistorius corse la sua prima gara da 100 metri. Con suo padre che guardava a Bloemfontein, vinse la gara in un tempo più veloce di quello che un amputato ad ambo le gambe aveva raggiunto in precedenza – 11.72s. Era nata una stella. Otto mesi dopo, vinse i 200 metri d’oro alle Paraolimpiadi di Atene e la sua vita cambiò per sempre. In poco tempo iniziò a correre contro atleti non disabili, prima in un Golden Gala 400m a Roma nel 2007, arrivando secondo. Quindi partecipò alle Olimpiadi di Londra nel 2012, facendo storia.
Qui c’era un uomo di bell’aspetto, con accordi di sponsorizzazione che si accumulavano, denaro, fama e attenzione. Tuttavia, accanto a queste cose, i tratti del suo narcisismo c’erano, seppur, come sempre, non rilevati dai commentatori.
Nel 2011, parlando con i giornalisti, Pistorius spiegò che un giorno stava guidando quando investì un cane. Si fermò e scese dalla macchina. La spina dorsale del cane era rotta e le sue zampe posteriori ora inutili, ma era vivo. Il proprietario del cane uscì di casa per protestare contro Pistorius. Pistorius estrasse la pistola dalla sua auto e uccise il cane. Qualcuno potrebbe obiettare che lo fece per togliere il cane dalla sua sofferenza, ma non vi fu alcuna esitazione, nessuna discussione con il proprietario, nessun tentativo di vedere se il cane potesse beneficiare dell’intervento di un veterinario. Pistorius agì con decisione e uccise il cane. Non vi era empatia per il cane o per il suo proprietario.
Quello stesso anno, mentre veniva intervistato dalla BBC, a Pistorius venne fatta una domanda, una domanda ragionevole, sulla sua lotta per prendere parte all’atletica non disabile. Piuttosto che rispondere, fu ferito da questa neutrale domanda sul suo diritto di competere e con furia accesa si tirò precipitosamente fuori dall’intervista.
Alle Paraolimpiadi di Londra del 2012, la sua furia accesa comparve ancora una volta. Si scagliò contro Alan Oliveira, un brasiliano che aveva battuto Pistorius in una vittoria a sorpresa. Dopo che Oliveira batté Pistorius negli ultimi 30 metri di una gara che il sudafricano non aveva mai perso in un campionato importante, Pistorius accusò il brasiliano di aver corso su lame che erano troppo lunghe e di aver fatto una gara sleale.
“Senza togliere nulla alla performance di Alan, è un grande atleta, ma questi ragazzi sono molto più alti e non si può competere con la lunghezza del loro passo. Avete visto quanto lontano è tornato. Non stiamo correndo in una gara leale. Io ho dato il massimo.”
Non c’era grazia in questa affermazione di sconfitta, ma piuttosto la protesta della razza che non era leale. Pistorius ha cercato carburante dalla sua protesta per essere stato battuto, era il suo gioco di pietà. Appare gentile, mentre cerca di mantenere la facciata, ma questo è quanto. Ha perso la gara e piuttosto accettare questo fatto, ha accusato il suo concorrente di barare e che non era leale. Dispiacetevi per me.
Il Comitato Paraolimpico Internazionale ha stabilito che Oliveira non aveva fatto nulla di sbagliato.
Un altro paraolimpico sudafricano, Arnu Fourie, disse a un giornalista che aveva dovuto cambiare stanza nel villaggio degli atleti perché Pistorius stava urlando al telefono così tanto, la furia accesa di Pistorius appariva in molte occasioni dato che non era in grado di controllarla, anche quando qualcun altro era nelle vicinanze a osservare il suo comportamento.
Nel 2013 un giornalista spiegò come Pistorius avesse insistito nel prendere il giornalista all’aereoporto (esercizio del controllo) e poi mentre guidava a 250 km/h controllava i messaggi di testo sul telefono, terrorizzando il giornalista seduto al lato passeggero. Pistorius era divertito da questa reazione. Qui mostra di non avere empatia per la posizione del suo passeggero, mancanza di responsabilità per la velocità a cui sta viaggiando e mentre controlla i messaggi di testo sul suo telefono, un senso di diritto di fare ciò che vuole e, naturalmente, ottiene carburante dalla reazione del passeggero.
Un altro giornalista commentò che, leggendo la biografia di Pistorius “Blade Runner”, non aveva la più pallida idea di chi fosse Pistorius, perché il giornalista dichiarò “non c’è nessuno”. È interessante notare che quel particolare scrittore aveva visto attraverso il costrutto anche se evidentemente non si era reso conto di cosa significasse.
Un altro giornalista spiegò che Pistorius insisteva nell’insegnargli a sparare e non avrebbe risposto a nessuno finché non lo avesse portato in un poligono di tiro. Di nuovo mostra il suo senso di diritto, il desiderio di esercitare il controllo e la mancanza di riconoscimento dei confini.
Sono emersi altri esempi sul narcisismo di Pistorius. C’era una pistola che aveva sparato in un ristorante e un’altra sparata attraverso il tetto di un’auto, e la strana lotta verbale e fisica. Ai giornalisti che si chiedevano se le lame di Pistorius potessero dargli un vantaggio non vennero più concesse interviste.
In questi esempi vediamo
• la necessità di esercitare il controllo sugli altri
• mancanza di empatia per gli altri
• mancanza di riconoscimento dei confini
• senso di grandiosità nell’essere autorizzato a usare le pistole quando ha scelto di farlo
• trattamenti del silenzio messi in atto in seguito a ferite
• la comparsa di furia accesa con conseguente scontri verbali e fisici con le persone
Sembra quindi che Pistorius stesse chiaramente manipolando fonti secondarie e terziarie e applicando la sua furia accesa contro di loro. Che dire delle relazioni intime?
Per sua stessa ammissione, i rapporti di Pistorius con le donne nel corso degli anni sono stati turbolenti. Nel suo libro, si riferiva a un “argomento particolarmente antipatico” qui, una relazione “molto infuocata” lì. È chiaro che la sua furia accesa si sarebbe manifestata anche nel contesto di queste relazioni intime, evidentemente ha lottato per controllarla come conseguenza di essere ferito.
“Potrebbe diventare molto furioso all’improvviso”, dice il suo biografo Merlo. “Parlava di un fuoco dentro. Aveva duri litigi con le ragazze seguiti da una dolce riconciliazione. Ha sempre avuto fidanzate bellissime. Non ho mai visto rabbia, ma a volte vi erano situazioni in cui compariva. A volte può esplodere, ma ho sempre visto la parte luminosa della luna, non ho mai visto la parte oscura.”
Naturalmente il suo biografo sta cercando di mantenere la facciata per Pistorius dicendo che non aveva assistito al lato oscuro e naturalmente potrebbe anche essere che abbia detto la verità e Pistorius non ha esibito la sua furia accesa allo scrittore. Tuttavia, la rivelazione sulle sue fidanzate mostra: –
• ripetute fidanzate bellissime, il marchio di un narcisista d’elite o somatico
• ripetuti litigi – l’accensione della rabbia, questi non erano occasionali o sporadici, ma il comportamento frequente di un narcisista ferito
• pensiero diviso – l’esplosione di furia e poi la riconciliazione; in seguito il carburante fornito avrà guarito la ferita e quindi la furia si attenua
Certamente le persone normali hanno disaccordi nelle relazioni ma non sono frequenti e non sono “duri litigi” o “esplosioni”. Questo è qualcos’altro.
E poi, naturalmente, arriviamo all’assassinio di Reeva Steenkamp, una giovane donna istruita, intelligente e bella che chiaramente attirerebbe l’attenzione di un narcisista somatico o d’élite e così è stato. Ha pagato con la sua vita per questo.
Non è necessario passare attraverso il processo in modo troppo dettagliato, poiché vi è una grande quantità di commenti e relazioni in merito. Le questioni che sorgono e che sono rilevanti per il narcisismo di Pistorius sono i seguenti:
La Corte Suprema in Sud Africa ha giudicato che Pistorius non ha mostrato un vero rimorso per ciò che ha fatto, né comprende la gravità delle sue azioni. Questa è la manifestazione della sua mancanza di empatia, il suo senso di essere intoccabile, di essere al di sopra della legge e inoltre il fatto che ha tentato di manifestare una sorta di contrizione come parte del suo comportamento manipolativo in atto che è trasparito.
Pistorius ha pianto in tribunale. Non stava piangendo per nessuno tranne che per se stesso, un risibile gioco di pietà e una parte del suo comportamento manipolativo.
La sua difesa per l’accusa era assurdamente ridicola. Non ci voleva Columbo per ribadire (ripetutamente) come la sua storia della notte di San Valentino non fosse credibile. Questo mostra il suo pensiero magico, la mancanza di responsabilità e il mentire ripetutamente.
I messaggi di testo scambiati tra Pistorius e Steenkamp che sono stati forniti come prova al processo hanno mostrato dialoghi brutali tra di loro mentre lui si scagliava, manipolando di nuovo e evidenziando la sua furia accesa e lei rispondeva a questi attacchi in modo ferito e arrabbiato ma sfidandolo e quindi naturalmente forniva Carburante di Sfida.
Una volta lei aveva scritto
“A volte ho paura di te, di come mi attacchi e di come reagirai”, la coppia aveva discusso dopo che Pistorius aveva accusato lei di flirtare con un altro uomo. Suona familiare?
L’omicidio di qualcuno che apparentemente amava in modo così forte. Ciò rafforza il fatto che lui non amava la signorina Steenkamp, perché una persona empatica che ama non ucciderebbe la persona amata. Inoltre, la sua reazione con l’uso di armi da fuoco, i colpi sparati e il modo in cui ciò è accaduto mostravano che lui sapeva quello che stava facendo ed era una conseguenza di quella furia accesa che si stava manifestando ancora una volta come aveva fatto molte volte in precedenza.
La Corte Suprema ha commentato
“Anche se potrebbe essere stato in ansia, è inconcepibile che una persona razionale possa aver creduto di avere il diritto di sparare a questa persona con un’arma di grosso calibro, senza prendere nemmeno la più elementare precauzione di sparare un colpo di avvertimento, che l’accusato ha detto ha scelto di non sparare dal momento che pensava che il rimbalzo potesse ferirlo.
“L’imputato deve aver previsto e, quindi, ha previsto che chiunque fosse dietro la porta del bagno potesse morire, ma si è rassegnato a quell’evento che si stava verificando e ha giocato con la vita di quella persona”.
Ciò dimostra come la difesa fosse una bugia e come Pistorius non avesse empatia per Steenkamp.
È interessante notare che lo psicologo della difesa ha ritenuto che Pistorius avesse un Disturbo d’Ansia Generalizzato che naturalmente faceva parte della difesa e cioè che aveva “avuto una reazione eccessiva” dovuta all’ansia di pensare che ci fosse un ladro.
La valutazione psicologica dell’accusa non ha rilevato alcuna malattia mentale e che Pistorius sapeva distinguere ciò che era giusto da ciò che era sbagliato. Naturalmente, l’accusa non avrebbe voluto trovare alcun tipo di malattia o disturbo in quanto ciò potrebbe potenzialmente ostacolare una condanna o, come minimo, l’attenuazione della pena se fosse stato condannato.
Dopo la sua condanna, Pistorius ha cercato quindi varie alterazioni e privilegi riguardo al suo trattamento, di nuovo manifestazioni della sua grandiosità e necessità di un trattamento speciale. Ha anche usato la sua disabilità come base per questo trattamento – proprio un cambiamento da uno che prima aveva sempre insistito sul fatto che la sua disabilità non era mai stata una ragione per trattarlo in modo diverso. Certo, gli andava bene usare la sua disabilità in questo modo, evidenziando l’opportunismo che ci contraddistingue.
Come molte delle nostre vittime sanno, ci ostacola un po’, ma di tanto in tanto, l’impatto della legge criminale raggiunge il nostro tipo e, nel caso di Pistorius, non lo ha raggiunto una sola volta (essendosi il verdetto trasformato in omicidio) ma due volte (la sua pena è stata prorogata). Ovviamente, Pistorius rimarrà indifferente, impantanato nella propria autocommiserazione e incolperà ancora la defunta Miss Steenkamp e gli altri per la sua rovina.
H.G. TUDOR

A Very Murderous Narcissist

Rispondi