Pubblicato il Lascia un commento

πŸ“° PLACEBO

Per quelli di voi che hanno danzato con noi, una volta che la loro mente Γ¨ stata illuminata dalla luce Γ¨ comune osservare

“Sembrava cosΓ¬ reale, sembrava autentico, all’inizio prima che tutto cambiasse”

Ah sΓ¬, la seduzione, il bombardamento d’amore, la luna di miele del periodo d’oro. Chiamalo come vuoi, quel periodo di tempo dove tutto in giardino era meraviglioso e rosato e certamente sembrava piuttosto reale, non Γ¨ vero? Le parole d’amore e passione sussurrate certamente suonavano autentiche. I lunghi abbracci e le ore avvolti l’uno delle braccia dell’altro sembravano reali. Il sesso estatico dava emozioni meravigliosamente intense. Perfino ora che sei seduta uno stato di confusione e smarrimento, le tue dita corrono sopra i regali che ho comprato per te e puoi ancora sentirle. Sicuramente dovevano essere reali anche queste.

Eppure per quanto tu possa richiamare magnificamente i suoni e le sensazioni di quel periodo iniziale ora sai che era tutta un’illusione. Potresti non averci ancora processato nel livello emozionale del tuo sistema. Effettivamente, Γ¨ improbabile che tu lo faccia mai, dal momento che Γ¨ cosΓ¬ che siamo progettati, in modo che il meccanismo possa sempre rimanere attivo.

Tu hai acquisito la conoscenza tuttavia e la tua mente ripetutamente ti dice che non era reale, non era autentico ed Γ¨ stata un’illusione. Sei intrappolata tra due stati, sapere che non era reale ma allo stesso tempo sapere cosa hai provato, cosa hai sperimentato e quanto fossero amplificate le tue emozioni.
È proprio qui che sta la risposta. Era ciò che tu hai provato. Era la tua percezione che ha creato quelle meravigliose sensazioni. Tu percepivi che questa persona che conoscevi a metà era diventato portatore di un perfetto amore. Sentivi che ogni messaggio che hai ricevuto conteneva passione e nostalgia. Percepivi gli sguardi brucianti di desiderio. Vedevi, sentivi e provavi tutto questo perché tu lo volevi.

Nella realtΓ  ti sei nutrita di qualcosa che mancava di sostanza e non era genuino. Ti Γ¨ stato detto che ti avremmo fatta sentire amata e adorata e tu quindi tu sentivi di essere amata e adorata. Ti Γ¨ stato detto che ti avremmo fatta sentire speciale e desiderata. E tu hai sentito di essere speciale e desiderata. La pillola che eravamo non ha una concentrazione richiesta, non contiene principio attivo e non ha efficacia. È stata la tua percezione che ha creato le sensazioni auree che hai sperimentato. Per l’ennesima volta non hai dubbi dicendo a te stessa mentre leggi questo articolo, che le sentivi cosΓ¬ reali. Certo che era cosΓ¬, perchΓ© tu hai lasciato che suonasse cosΓ¬ reale.
Credevi nel suo potere cosΓ¬ tanto da aver creato le emozioni che volevi disperatamente sperimentare. Eri assoggettata all’effetto placebo. Non siamo meglio di una pillola di zucchero nel far fronte alla depressione, alla pressione alta o all’ansia. D’altra parte, come numerosi medici esperti hanno visto accadere molte volte fornire al paziente qualcosa che lui considera un trattamento per il dolore ma che in realtΓ  Γ¨ un placebo di zucchero produce un miglioramento nel livello di dolore del paziente. Noi facciamo lo stesso con te. Ti facciamo sentire amata, desiderata e adorata. Purtroppo ti Γ¨ stato dato un placebo e il tuo desiderio di sperimentare queste meravigliose emozioni ti ha condotto a sperimentarle.

Potrebbe sembrare che sia colpa tua. In un certo senso tu hai qualche colpa per esserti coinvolta in un modo di pensare che produceva dei risultati cosΓ¬ meravigliosi. Forse ora assume piΓΉ senso riguardo i motivi per cui questo periodo di sentimenti straordinari non sia durato perchΓ© tu ti stavi nutrendo di un placebo. Tuttavia, nello stesso modo in cui un placebo ha un effetto, perchΓ© il buon dottore ti ha detto che prenderlo avrebbe diminuito la tua depressione, tu sei stata sottoposta ad una truffa simile. Ti abbiamo detto di quanto ti saresti sentita meravigliosamente e tu l’hai fatto. Abbiamo perpetrato questa frode contro di te facendoti assumere placebo dopo placebo con un effetto inevitabile. La tragedia Γ¨ che con noi non c’Γ¨ un effetto nocebo. Il lato negativo era davvero vero. Te lo dico in caso ti stessi chiedendo anche questo.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Placebo

Rispondi