Pubblicato il Lascia un commento

📰 PERCHÉ IL DIVORZIO È COSÌ DIFFICILE

La scala antistress di Holmes e Rahe afferma che il divorzio è il secondo evento più stressante che una persona possa sperimentare durante la propria vita, dopo la morte di un coniuge o alla morte di un figlio.

Perché il divorzio è così stressante? Perché è così doloroso? Perché è così difficile?

Molti di voi che leggono questo saranno divorziati, staranno attraversando un divorzio, penseranno a un divorzio o conosceranno qualcuno in una di quelle tre posizioni. Praticamente non c’è nessuno che non viene toccato dal divorzio e dai suoi effetti. Che tu sia un figlio di genitori divorziati, o che tu stia sostenendo un amico attraverso il suo divorzio o che tu stia offrendo una consulenza professionale in relazione al divorzio, il divorzio incide sulle persone e sulla società in molti modi ed è sempre noto per avere un costo. Un costo in termini di dolore per i protagonisti, un costo per i bambini contesi tra due genitori, il costo degli avvocati, il calo degli standard di vita, il dolore di avere i dettagli intimi della tua vita sottoposti al processo giudiziario, i commenti e le domande di amici, vicini e colleghi, il dolore di dover scegliere un amico in fase di divorzio piuttosto che un altro, l’interruzione, l’agonia: perché è così difficile?

I governi di tutto il mondo hanno cercato di facilitare il divorzio per ridurre il dolore ad esso associato. Alcuni sono più duri, e credono che si debbano fare maggiori sforzi per superare i capricci della vita, dopotutto, non doveva essere in ricchezza e in povertà, nel bene e nel male e in salute e in malattia? Perché uscire prima del tempo? Risolvi le difficoltà, vengono fatti commenti come “guarda me e tuo padre, abbiamo avuto i nostri problemi ma abbiamo celebrato le nozze d’oro il mese scorso” o “nulla che valga la pena risulta facile” oppure “nessuno ha detto che l’amore sarebbe stato facile”. Questi governi hanno esaminato molti modi per migliorare l’impatto del divorzio, ridurre i costi, imporre un approccio collaborativo per ottenere il divorzio e la risoluzione dei problemi, mediazione obbligatoria, corsi e formazione per sostenere le persone in questo momento difficile. Centinaia di milioni di sterline, dollari, euro sono stati spesi in schemi, commissioni, progetti pilota, leggi e nuovi regimi per affrontare le difficoltà legate al divorzio.

Hanno fallito.
Perché? Perché il divorzio resta difficile?

Il divorzio come processo non è difficile. È chi usa il processo che lo rende difficile.

Prima di approfondire questo argomento, è opportuno considerare in primo luogo perché si verifica il divorzio .

Secondo le statistiche, il 45% dei matrimoni negli Stati Uniti finisce con il divorzio, il 42% dei matrimoni nel Regno Unito finisce con il divorzio e in Francia il 55%. Cosa c’è dietro questi divorzi? I motivi del divorzio variano da giurisdizione a giurisdizione, ma comprendono l’adulterio, il comportamento irragionevole e la separazione.

Ciò che la maggior parte delle persone non capisce è che la maggior parte dei divorzi si verifica perché una o più parti coinvolte nel matrimonio sono narcisiste. Questo non vuol dire che tutti i matrimoni finiscono perché una o più parti sono narcisisti, ma la ragione principale del fallimento di un matrimonio è il coinvolgimento di un narcisista.

Laddove due individui sani (cioè normali o empatici e quindi non narcisisti) sono all’interno di un matrimonio, avranno dei disaccordi perché nessuna delle due parti vivrà né una vita irreprensibile o al di fuori dei capricci della vita. Avranno delle divergenze esterne sul fatto che il presidente Trump sia un bene per gli Stati Uniti o no, su cosa si dovrebbe fare per la plastica nel mare e se la Teoria del Big Bang  è durata per una stagione di troppo? Quelle discussioni possono essere dispute scambiate energiche, appassionate e solide, ma le persone coinvolte non si offenderanno a vicenda, non si precipiteranno fuori, non si picchieranno, non siederanno imbronciate o inizieranno a giocare col loro telefono per iniziare a flirtare con un individuo a caso nel cyberspazio. Questo perché nessuna delle parti è interessata a controllare l’altro individuo in alcun modo (perché nessuno dei due è un narcisista), non sono naturalmente manipolatori e non hanno bisogno di manipolazione cosciente a causa della loro empatia emotiva. Oppure semplicemente non si comportano in quel modo a causa della loro salvaguardia intrinseca contro tale comportamento e / o controllano mentalmente se stessi da tale comportamento perché hanno empatia emotiva per l’altra persona e quindi non agiranno in questo modo.

Queste coppie avranno anche divergenze interne che riguarderanno questioni del tipo una parte lavora per molte ore e l’altra parte si sente sola, il fatto che non facciano più sesso come una volta, la preoccupazione per il modo in cui uno ha educato un bambino e questioni simili. Questi disaccordi interni saranno affrontati in modo costruttivo grazie alla mancanza di un bisogno di controllo, alla mancanza di manipolazione istintiva e alla presenza di empatia emotiva. Potrebbero sentirsi arrabbiate, tristi o ferite, ma non opereranno da una prospettiva alternativa anche perché non sono narcisisti. Ascolteranno, riconosceranno la posizione dell’altra persona e troveranno una soluzione. Inoltre, questi disaccordi interni non ci saranno molto spesso: perché? È a causa della loro empatia emotiva intrinseca che si comportano in modo da non mettersi in conflitto con l’altra persona perché non DEVONO avere il controllo di quella persona, non hanno bisogno di carburante, non reagiscono alle minacce percepite del controllo. In sostanza, il loro modo di essere implica che non solo si verificano raramente disaccordi interni in primo luogo, ma quando capita vengono affrontati in modo costruttivo.

I fattori di stress esterni possono causare aberrazioni temporanee nel comportamento. Ad esempio, la naturale empatia emotiva di una persona si riduce a causa di stress, affaticamento, pressione finanziaria, preoccupazione per un bambino, cattiva salute o lutto. Ciò può far sì che una parte risponda in modo spiacevole, ma presto riconoscono ciò che hanno fatto, correggono il problema, offrono un genuino rimorso e, soprattutto, non lo rifanno cinque minuti o cinque settimane dopo.

Le persone empatiche non sono sante. Commettono errori a causa di una riduzione temporanea della loro empatia emotiva causata da fattori di stress esterni generati dalle circostanze della vita, una vita che non è statica. Tuttavia, questi errori sono limitati e inoltre non si ripetono più e più volte. Tale ripetizione è prerogativa del narcisista.

Inoltre, le persone normali ed empatiche hanno lo scopo della costanza. Osservano il comportamento di una persona a tutto tondo. Potrebbero trovare l’abitudine del loro consorte di non raccogliere mai le mutande, il fatto che sia un povero cronometrista e abbia una strana risata piagnucolante, del tutto irritante, ma riconoscono che è una persona gentile, spiritosa, un’ottima madre, grande lavoratrice, amorevole, attento e interessato a molte cose qual’è lui. Pertanto proprio a causa di questo (o di due o tre difetti o comportamenti irritanti) il coniuge non crea un problema. Ha un’empatia emotiva (le persone sono diverse e nello schema generale delle cose non sono problemi importanti, a me non piacerebbe che lei mettesse fine alla relazione perché ogni giorno lasciavo i miei boxer sul pavimento del bagno, quindi io non lo farei a lei) e mette sul piatto della bilancia le 97 cose eccellenti di lei che superano di gran lunga le tre abitudini irritanti che ha. Affronta o ignora i lievi problemi.

Di conseguenza, sono questi matrimoni (e per estensione) che durano e sono in gran parte esclusi dal divorzio.

Quando una relazione del genere in cui non è coinvolto nessun narcisista può finire in divorzio? Un esempio potrebbe essere quando per esempio il marito è sotto pressione sul lavoro (stress esterno) e non è molto a casa perché viaggia. Lontano in un hotel beve troppo e finisce per avere un’avventura di una notte (probabilmente con una persona narcisista ma questo è un altro discorso). Il marito ha una temporanea riduzione della sua empatia emotiva causata dal bere, dal sentirsi solo, dal trovarsi lontano da casa e sotto pressione. Al ritorno a casa, la sua riduzione dell’empatia emotiva è superata e i suoi tratti empatici di colpa e onestà vengono alla ribalta. Lo confessa a sua moglie. È sinceramente contrito, pieno o rimorso e vuole salvare la relazione. Sua moglie è arrabbiata ma avendo empatia emotiva sa che lui non è una persona cattiva, sa che si possono fare errori (e questo è un errore fondamentale) e capisce (ma non perdona) cos’è successo. Anche lei vuole che la relazione funzioni e ci provano.

Sfortunatamente a causa del fatto che la fiducia è stata infranta, non importa quanto la moglie voglia mettere l’errore dietro le spalle di entrambi, semplicemente non riesce a farlo. Lo vuole ma i suoi sentimenti rimangono gli stessi, anche dopo sei mesi di tentativi. Si dice nervosa e ancora ferita, e incapace di risolvere questo problema, e chiede il divorzio. Lui ha il cuore spezzato, è pieno di sensi di colpa ma capisce il perché. Sa che è stata colpa sua (non c’è spostamento di colpa qui), sa che ci sono ragioni per cui ha fatto quello che ha fatto ma non lo giustificano e accetta la richiesta di lei con un cuore pesante. Dal momento che nessuno dei due è narcisista, non ha bisogno di controllo, non ha bisogno di punire, non ha bisogno di carburante, si concentra sul modo di separarsi nel modo più rapido ed efficiente possibile con il minimo di aggravio. Una parte non vedrà (inconsciamente) il comportamento dell’altra come una minaccia al controllo e non risponderà con una manipolazione istintiva. Il divorzio procede e viene affrontato amichevolmente. Il processo di divorzio non è una cosa che contiene emozioni che lo rendono crudele o odioso. Questo è un patetico errore. È un processo. Sono le persone all’interno di quel processo che causano il problema, non il processo stesso.

Pensala in questo modo. Se vuoi attraversare una porta, apri la porta e attraversi. Facile.

Se c’è una persona normale che arriva dall’altra parte, potrebbe passarti velocemente davanti, ma tu riesci comunque a passare senza problemi.

Se c’è una persona empatica che arriva dall’altra parte, aspetterà per permetterti di passare per primo attraverso la porta e senza dubbio ti terrà aperta la porta e ti saluterà mentre passi. Tu attraversi senza problemi e fai anche sorriso.

Se c’è un narcisista che arriva dall’altra parte, sono necessari controllo e carburante. Il narcisista sta fermo sulla soglia, tiene chiusa la porta, cerca di imporre un pedaggio, il che significa che tu non puoi passare finché non viene pagato, inchioda la porta, la ricopre di veleno o la mura con mattoni. La porta non ti ha impedito di attraversare, l’ha fatto il narcisista.

Il processo di divorzio non è difficile. È la presenza di un narcisista nel processo di divorzio che lo rende difficile.

La maggior parte delle persone che hanno relazioni normali e sane hanno problemi, ma molto raramente portano alla conclusione della relazione. Quando le persone sane si sposano, quasi sempre rimarranno insieme, ci saranno sfide ma verranno superate perché operano nell’ambito dello stesso programma e non hanno questioni di controllo e carburante nascoste nel programma (vedi Perché le Discussioni Non Vengono Mai Risolte).

I divorzi si verificano quasi sempre perché è coinvolto un narcisista. Il narcisista deve controllare l’altra persona ed estrarre carburante, quindi questo comporta un comportamento manipolativo. Questo comportamento manipolativo si traduce in adulterio, comportamento irragionevole, abbandono e separazione.

O la vittima vuole iniziare il processo di divorzio o lo fa il narcisista. Non importa da quale parte inizia, ciò che conta è che si tratta di un processo che come qualsiasi altra cosa in questo mondo, noi dirottiamo allo scopo di estrarre i nostri bisogni. Usiamo il processo di divorzio per esercitare il controllo su di te e guadagnare carburante. Se combatti per ciò che è legalmente tuo, ciò influisce sul nostro concetto di controllo e  noi siamo tenuti a rispondere attraverso la manipolazione. Anche se fai offerte generose, ci sembrerà un controllo, quindi riceverai una risposta manipolativa. Il nostro senso del diritto (questi sono i nostri soldi non i tuoi / i tuoi soldi sono i nostri soldi), la nostra mancanza di responsabilità (non avevo una tresca / ho avuto una tresca perché lei mi ha portato a questo / lei è autoritaria e ne ho abbastanza del suo comportamento ecc. ecc.), il bisogno intrinseco di controllo, la nostra superbia, la nostra mancanza di empatia emotiva si combinano per rendere difficile il processo di divorzio.

Noi vogliamo il divorzio veloce, ritarderemo il divorzio, non saremo d’accordo con le tue proposte, nascondiamo beni, inventiamo accuse, creiamo documenti, respingiamo le preoccupazioni, contestiamo gli esperti, discutiamo sugli accordi con le finanze, i bambini e / o il possesso del pesce rosso. Ti diffamiamo con familiari, amici, avvocati, ufficiali CAFCASS, psicologi, servizi sociali, con l’usciere o con l’uomo nella sala d’attesa. Minacciamo, facciamo giochi di pietà, attacchiamo per assicurarci di ottenere il controllo. Non ti daremo ciò che vuoi, noi dobbiamo avere ciò che vogliamo perché al centro di tutto ciò ci sono due cose – carburante e controllo.

La maggior parte dei divorzi nascono perché la relazione contiene uno (a volte due) narcisisti.

Il processo di divorzio non è difficile. Viene RESO difficile.
Perché contiene un narcisista.
La società non si è ancora svegliata a questo proposito.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Why Is Divorce So Hard?

Rispondi