Pubblicato il Lascia un commento

📁 MAI IMMUNE SEMPRE RESISTENTE

Non sarai mai immune alla nostra specie. Sarai SEMPRE suscettibile a noi per via della tua dipendenza innata alla nostra specie. Non puoi rimuoverla e quindi non raggiungerai l’immunità. Devi quindi sempre resistere.

Puoi indossare l’armatura per proteggere te stesso come viene modellata tramite le mie opere, ma questa armatura non ti darà un’invulnerabilità permanente. Tutte le armature devono essere aggiornate, mantenute e controllate altrimenti lo scudo si spezza, i legami della maglina metallica si indeboliscono e la corazza si frantuma più facilmente.

Se pensi di essere immune a noi, stai soccombendo al pensiero emozionale. Vuole che tu pensi di essere immune perché se è questo che pensi allora indovina cosa farai? Vorrai testare la tua immunità o crederai di poter interagire con noi in qualche modo e quindi stai facendo precisamente ciò che il tuo pensiero emotivo vuole che tu faccia. Vuole che ti coinvolgi con noi e troverà qualsiasi modo possa per fartelo fare.

Tu non sei immune. Potresti benissimo essere in grado di rispondere a una chiamata da parte nostra e non reagire a ciò che ti diciamo e potresti perfino non sentire nulla per noi – nessuna compassione, nessun amore o nessun odio. Questa volta. Potresti essere in grado di rispondere ad una seconda telefonata da parte nostra e sentirti allo stesso modo, ma siccome non sei immune, più hai a che fare con noi – indipendentemente che sia pensare a noi, parlare di noi, passare del tempo con noi – alla fine cadrai preda del tuo pensiero emozionale in misura maggiore.

Il solo fatto che stai interagendo con noi quando pensi di essere immune, significa che il tuo pensiero emozionale è al lavoro, perché ovviamente la logica ti direbbe che non devi interagire con noi. Perché allora lo stai facendo? Perché voglio mostrare a me stesso che non reagirò, non verrò trascinato indietro. Questo è pensiero emotivo. Stai avendo a che fare con noi e molte cose che sono problematiche scaturiscono da questo. Potrebbe non apparirti problematico, perché durante quella telefonata ti senti sotto controllo, non ti irriti, non ti sei sentito più in ansia, non senti nulla per noi, ma stai creando problemi.

1. Ci stai rifornendo di carburante. Potrebbe essere minimo ma ci sarà ancora perché non sei in grado di mantenere un tono neutrale e piatto nel corso di una conversazione. Sì, potresti essere in grado di raggiungerlo per un tempo molto breve e sì, potresti non dare molto carburante, ma è la stessa cosa. Quindi, stiamo ottenendo qualcosa che vogliamo.
2. Non ci stai rifiutando. Parlando con noi ci hai segnalato che risponderai al telefono e dialogherai. Potresti non essere stato entusiasta ma ad ogni modo hai risposto. Questo ci offre incoraggiamento.
3. Stai nutrendo la tua dipendenza e quindi il tuo pensiero emozionale vorrà di più e il suo modo insidioso ti imbroglierà dicendoti che puoi gestire la chiamata senza alcuna difficoltà (sembra così ovviamente ma non è questo il caso) e quindi ti incoraggerà a farlo nuovamente e ti incoraggerà a partecipare a quell’evento sociale dove sai che saremo lì perché rimani sicuro di essere capace di gestire la situazione. Tutto ciò che stai facendo è concedere che la dipendenza venga nutrita ed il pensiero emozionale si impenni finché in futuro (e lo farà) non ti travolga.
4. Potresti nutrirci di informazioni utili nel corso della conversazione che possiamo utilizzare a nostro vantaggio.

Pertanto, pensando di essere immune e quindi pensando di poter dialogare con noi in modo sicuro, stai creando rischi e problemi.

Non c’è alcun bisogno che tu abbia a che fare con noi.

Non hai nessuna necessità di testare la tua immunità perché non sei immune. Comprendilo.

Piuttosto, puoi costruire la tua resistenza. Sei resistente ma non immune. Alcuni di voi hanno una resistenza molto bassa, altri molto più elevata, ma comunque sia, questa resistenza, proprio come la tua resistenza personale alle malattie, può erodersi e indebolirsi. Il modo più facile perché questo accada è esporti ripetutamente ad interagire con noi. Più lo fai, più non stai costruendo la tua resistenza ma indebolendola. Ovviamente, come ho spiegato sopra, pensi di essere diventato più resistente perché hai avuto un incontro con noi e te ne vai a testa alta pensando di averlo gestito bene. Superficialmente, sì, ma sotto la superficie, i problemi che ho spiegato sopra si stanno formando, stanno aspettando e stanno crescendo pronti a intrappolarti.

Obbedendo a questa regola d’oro, eviterai l’autocompiacimento e i rischi che derivano dal pensare di essere immune. Invece riconoscerai di avere resistenza, capirai che questa resistenza può essere rafforzata e può anche essere indebolita, cosicché con questa difesa logica fissata nella tua mente, lavorerai più duramente per evitare di abbassare la guardia e i problemi che ne derivano.

Una parte della tua resistenza sarà innata, ma la maggior parte della resistenza è quella che è appresa e applicata. Incrementi la tua resistenza leggendo e comprendendo, attraverso l’imposizione di un solido regime di no contact, applicando una rigorosa purificazione del contagio emozionale così che venga spinto al livello più basso e tramite la costruzione delle Difese Logiche. Combinando tutti questi elementi eleverai la tua resistenza, minimizzerai l’indebolimento di essa, ridurrai il rischio di utilizzare la tua resistenza inutilmente (cosa che certamente è una conseguenza dell’impatto del pensiero emozionale) e implica che quando un riaggancio capita inaspettato, che quando hai quelle “giornatacce” in cui ti struggi per noi, la tua resistenza non si rivelerà mancante e respingerai il riaggancio, rifiuterai il pensiero emozionale che sta forzando per farti mettere in contatto con noi e ti garantirà che la tua resistenza rimanga intatta. Non testarlo volontariamente, questo è arrendersi al pensiero emotivo e prendersi un rischio non necessario – conserva la forza per quando è davvero necessaria perché senza dubbio quei momenti arriveranno.

Applicando gli elementi fondamentali del paragrafo sopra, il loro mantenimento diventerà più semplice, più naturale e più istintivo e quindi meno arduo per te. Non hai bisogno di mantenere uno stato di vigilanza elevata, perché diventa estenuante, creerai un regime difensivo mantenuto più facilmente. Facendolo poco e spesso diverrà molto più facile rispetto ad una brusca riforma quando è troppo tardi, che è inevitabile quando l’autocompiacimento è già diventato il traditore che sta aprendo i cancelli del castello.

Non sei immune.

Stai sempre resistendo.

Ricorda questo e che la resistenza conseguirà la libertà e la manterrà.

H.G. TUDOR

The Golden Rules of Freedom – No. 4

Rispondi