Pubblicato il 5 commenti

👤 L’AMORE È UN CONCETTO APPRESO

Come sai come amare? Sei stato seduto ad occhi spalancati di fronte al grande schermo mentre personaggi dai vestiti colorati si abbracciavano l’un l’altro su una colonna sonora zuccherosa
e così questo ti ha infuso il concetto di cosa fosse l’amore? Quei personaggi dei cartoni ti hanno spiegato cos’è amare? Le loro voci esagerate e le loro assurde pagliacciate, seguite dalla morale della storia ti hanno insegnato cos’è l’amore? Forse hai letto sull’amore, lo hai ascoltato nelle canzoni, e hai studiato i molti modi in cui questa fondamentale emozione appare e influenza le persone. È probabile che tu sia stato influenzato da questi passaggi estremamente commoventi nelle grandi opere dedicate all’amore. È probabile che tu sia stato catturato da tormentoni e da motivetti orecchiabili che inoltre affermavano di dirti cosa fosse l’amore. Hanno tutti giocato un ruolo. Potresti aver imparato sull’amore dalla versione sfornata dai media, il romanticismo Hollywoodiano, arditi eroi, belle fanciulle, torte con cuori dorati, il buon uomo che cavalcando corre in soccorso, l’anima ribelle salvata dall’amore. L’amore potrebbe esserti stato spiegato dal pulpito come amore spirituale, qualcosa che trascende ogni manifestazione terrena, un amore così potente e totale che ha sacrificato il suo unico figlio al fine di dimostrare l’amore verso l’umanità. Questo amore divino è tutto intorno a te, tocca ciascuno e tutti ed è potente nei suoi effetti. Potresti aver imparato l’amore armeggiando furtivamente in fondo ai vicoli, sgattaiolando nelle camere da letto quando così giovane, l’esplorazione di parti del corpo così calde e impellenti era accompagnata da quelle dichiarazioni d’amore sempre così sincere. Un viaggio a casaccio attraverso dieci anni incontrollati mentre nulla e tutto assume un senso nell’insieme. Ripensandoci, l’amore potrebbe esserti apparso nella forma di qualcosa di piccolo e peloso, un incondizionato (a patto di essere nutrito) amore che è leale, generoso e sempre così carino. Così tanti precettori eruditi, lezioni apprese e sostenitori saggi di ciò che è l’amore. Ama il prossimo tuo, ama te stesso, l’amore è tutto ciò di cui hai bisogno, donna innamorata, doveva essere amore, quella piccola pazza cosa chiamata amore, conoscerlo è amarlo, abbiamo trovato l’amore, quanto è profondo il tuo amore? L’amore è tutto intorno a noi, dentro di noi, tra noi, ci solleva e ci delude. È ovunque e potresti benissimo aver imparato in merito all’amore dalle cose qui sopra e da altre ancora.

Però, è molto più probabile che l’amore ti sia stato insegnato da quelli che ti hanno creato, quelle due persone che si sono riunite e attraverso il loro piacere ti hanno creato. Due persone che hanno deciso che si sarebbero assunti la responsabilità di creare la vita, nutrirla e portare una nuova persona nel mondo. Queste due persone hanno accettato molte, moltissime responsabilità da una decisione e da un’azione tale. Soprattutto la responsabilità di insegnare ad una persona cos’è l’amore. Tramite la loro rappresentanza hanno fornito a ciascuno di noi l’idea di cosa sia l’amore. Una comprensione radicale e viscerale di come fa sentire l’amore, di cosa sembra, di come suona. Questo è l’amore. Da questi due individui più che da qualsiasi altra cosa siamo stati iniziati al concetto di cos’è l’amore. Questa infarinatura è durata un tempo notevole e anche se ci sono altri fattori che devono essere considerati, è questa la lezione che è stata appresa immancabilmente per prima e l’unica lezione che risuona sopra tutte le altre. Siamo nelle loro mani così spesso quando viene il momento di imparare sull’amore. Quindi, cos’è questo amore che viene insegnato? Ha così tante, tantissime sfaccettature.

L’amore è quando ti viene detto di non fidarti mai di nessuno.

L’amore è quando ti viene fatto riscrivere l’intero compito solo per un errore di ortografia.

L’amore è quando vieni mandato fuori in una fredda giornata d’inverno e devi rimanerci finché tutte le tre strofe di “Ode all’Autunno” non sono recitate correttamente.

L’amore è sapere che nulla va mai abbastanza bene.

L’amore è comprendere che qualcun altro sa meglio di te cosa è meglio per te.

L’amore è estraniarsi dalla realtà.

L’amore è stare dritti contro una parete molte ore per aver parlato a sproposito.

L’amore è per i deboli.

L’amore è quando ti viene detto che quando me ne andrò nessuno si curerà di te.

L’amore è avere successo.

L’amore è costruire un muro il più alto possibile.

L’amore è sforzarsi finché non fa male e guadagnare quel brusco cenno finale di approvazione.

L’amore è essere visti e non sentiti.

L’amore è adempiere al tuo potenziale e garantire quell’eredità.

L’amore è farti male anche se mi fa male, ma qualcuno in questa casa deve farlo altrimenti chi lo farà?

L’amore è rimproverarti da solo prima di essere rimproverato.

L’amore è vivere nell’ombra e sperare di non essere notato.

L’amore è essere il massimo.

L’amore è preservare il potere.

L’amore è quando ti viene negato un compleanno perché gli altri bambini sono troppo stupidi.

L’amore è essere sminuiti per prevenire la vanità.

L’amore è un riconoscimento avaro e l’ordine di metterci più impegno, spingerti oltre, arrampicarti più in alto, correre più veloce, studiare più a lungo.

L’amore è bruciarti la mano ma senza piangere.

L’amore è non dire nulla del nostro segreto.

L’amore sono le giuste botte.

L’amore è distaccarsi e far finta che le cose non sono mai avvenute.

L’amore è essere mandati via

L’amore è il non detto.

L’amore è uno splendido isolamento.

L’amore mi ha insegnato questo modo.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Love Is A Taught Construct

5 pensieri su “👤 L’AMORE È UN CONCETTO APPRESO

  1. Bellissimo ed onesto post.

  2. Complimenti e beato te, narcisista, per aver appreso il concetto dell’amore (???) mentre le descrizioni riportate nel post potrebbero essere frutti di un’esperienza personale, soggettiva, se ne potrebbe realizzare qualche realtà lavorando le parole del post di cui sopra mentre si evince probabilmente qualche educazione pseudo-civile duramente imposta e non so quanto umana, umanitaria, umanizzante, ricordiamoci che il narcisismo è una patologia, auguri reali per autoguarigioni reali a tutti i narcisisti, auguri reali per buonasera, buona domenica! <3 … <3

    1. Forse hai travisato il senso dell’articolo un narcisista è incapace di sentire e decifrare le emozioni, quindi anche e soprattutto l’amore. Sa cosa sono solo per esperienza empirica, osserva i comportamenti delle persone fuori e prende nota per poi farsi la sua maschera, altrimenti se si mostrasse per quello che è, ovvero un sacco vuoto, tutti lo terrebbero a distanza e lui ha bisogno di carburante. Ti consiglio di leggere anche “La futilità dei tuoi sentimenti” e “L’attaccamento è la sede della sofferenza” su questo blog, così ti fai un’idea più chiara

    2. Questo sito nel quale una persona all’altezza di farlo si pone a servizio di traduzione in lingua italiana del materiale di H.G. ha come vediamo la possibilità di inserimento commenti.
      Spero non diventi l’ennesimo luogo dove affionderanno tutti per commentare la patologia e/o per raccontare le loro storie catartiche di vittima od aggressioni contro i narcisisti.
      Questo sito non è nato per questo.
      Se non vi aggrada un Tudor andatevene pure a leggere altro, il web pullula di sapientoni (leggetevi ‘Gli impostori del forum’ di Tudor) e di laureati esperti empatici salvatori e portatori al servizio delle sfortune (inconsapevoli?) degli empatici codipendenti e non.
      Che ci fate qua?
      È un servizio di altissima qualità quello che la traduttrice ci sta fornendo, un suo impegno, quindi chi si sente toccato (si chieda il perchè!) assurdamente (è un sito che porta a conoscenza, non una piattaforma di psicologia on line volta al lamento ed ai giudizi) vada pure a scrivere in altri siti blog etc.
      Spero vivamente non accada questo anche se sto notando, vedi commento precedente, che arrivano persone alle quali nessuno ha puntato una pistola sulla tempia per venire a leggere di Tudor: andatevene in altri siti con lo psicologo on-line.
      Incrocio le dita per il successo di questo sito di traduzione del materiale di Tudor ed auguro alla traduttrice con tutta la mia stima un grande in bocca al lupo nonché un ringraziamento per poter rendere accessibili i testi con una traduzione totalmente attinente e perfetta.
      E spero, mi ripeto, che non diventi un covo di commenti catartici di vittime o persecutori di narcisisti.
      È un servizio di conoscenza. Per altro ci sono ‘gli addetti ai lavori’ (psicologi psichiatri psicoterapeuti etc. etc.)
      Eleonora

      1. Grazie di sostenere il mio operato Eleonora. Io rispetto le opinioni di tutti, purché siano espresse con educazione e rispetto. Del resto siamo in democrazia, almeno per ora…

Rispondi