Pubblicato il Lascia un commento

πŸ‘€ INFERNO FANGOSO

Oggi ho una giornata impegnativa. Molto da fare e molte persone a cui farlo, ma quando hai a cuore gli interessi di qualcuno, beh, questo Γ¨ quello che devi fare non Γ¨ vero? Ho l’elenco dei numeri di telefono che ho annotato dal tuo telefono quando vi ho avuto accesso. Non Γ¨ stato difficile farlo. Usando la mia famosa abilitΓ  di muovermi senza fare molto rumore, sono sgattaiolato dietro di te, ti ho visto immettere la password del tuo telefono e l’ho immagazzinata in memoria perchΓ© potessi usarla quando stavi dormendo. Ovviamente ho dato una buona occhiata a tutti i tuoi messaggi, il tuo diario e le e-mail ma questa Γ¨ un’altra storia. Ho riconosciuto i nomi di molte persone e ho preso nota dei loro numeri all’interno del mio libricino e poi l’ho nascosto pronto ad usarlo per quando decidessi che era il momento giusto. Ora quel momento Γ¨ arrivato e spetta a me fare questo passo.

Il primo numero che inserisco nel mio telefono Γ¨ quello di Sarah, una tua amica. Lei risponde dopo due squilli. Come molte persone Γ¨ collegata al telefono in maniera chirurgica.

“Ciao Sarah, sono HG. Ascolta, volevo solo farti sapere, dal momento che sei una sua buona amica, che Gemma Γ¨, beh, penso che il modo piΓΉ semplice per spiegarlo sia che non sta bene, non sta affatto bene. Cosa voglio dire? Si sta comportando in modo piuttosto strano. La minima cosa sembra che la faccia urlare o piangere. All’inizio mi chiedevo se fosse solo, sai, le cose delle donne, ma va avanti da mesi ormai. Non ne avevi idea? No, lo so, non ho detto niente prima perchΓ© speravo di poterla aiutare ad affrontarlo, ma Γ¨ troppo anche per me. Ho intenzione di aiutarla in qualche modo. Cerco di parlarle ma lei si chiude a riccio con me, mi risponde col silenzio e poi un po’ piΓΉ tardi mi accusa di non interessarmi. Penso che non dorma bene e mi ci vuole una vita per farla mangiare. Dovresti venire? No, grazie, Γ¨ gentile da parte tua, ma non voglio che lei faccia qualcosa che possa turbarti. Ha un comportamento molto irregolare, ma Γ¨ qualcosa di piΓΉ che semplici sbalzi d’umore. Ho intenzione di darle l’aiuto adatto, ma ti avverto solo che se ti contatta, sappi che non Γ¨ se stessa. Ha detto cose sulle persone, me incluso, che non sono molto belle e non voglio che questo periodo di malattia influenzi la sua relazione con i suoi amici, sai come alcune persone possono essere eccessivamente sensibili a ciΓ² che qualcuno dice e a loro sfugge il fatto che non stanno bene. SΓ¬, va bene. SΓ¬, penso che sarebbe una buona idea se le dai giusto un po’ di spazio. SΓ¬ assolutamente. Se lei ti contatta, fammi sapere, ora hai il mio numero sul tuo telefono. SΓ¬, riferirΓ² le tue parole gentili, e grazie per il tuo aiuto a Sarah, Γ¨ molto apprezzato in questo momento difficile”.

Termino la chiamata e metto un segno di spunta accanto al nome di Sarah. Era molto comprensiva e apprezzava appieno il bisogno di spazio per permetterti di migliorare. Ora, chi Γ¨ il prossimo. Ah, sΓ¬, un’altra delle tue amiche, Helen. Chiamo Helen e spiego la situazione pressochΓ© parola per parola come ho fatto con Sarah. Chiede maggiori dettagli su ciΓ² che non va e io a malincuore le dico della violenza e della menzogna. È scioccata posso dirlo e passa diverso tempo a cercare una diagnosi amatoriale su cosa potrebbe essere. Ascolto mentre si dilunga nel parlare, mentre io controllo il mio orologio e noto che ho anche altri nomi da affrontare. Alla fine riesco a concludere la chiamata e piazzare un altro segno di spunta. Continuo a lavorare sulla tua lista di amici, aggiungendo le spunte. Poi c’Γ¨ John, il tuo istruttore di fitness.

“Ciao John, sono HG, il compagno di Gemma. Non ci siamo incontrati. Guarda John, Γ¨ una telefonata difficile da fare, ma Gemma non sta bene al momento. È abbastanza serio. SΓ¬, grazie, Γ¨ un momento difficile, ma sto facendo del mio meglio per aiutarla. Al momento non Γ¨ chiaro di cosa si tratti, sto chiamando un dottore che venga a vederla oggi, ma Γ¨ molto difficile che lei si trovi nei paraggi. Potrebbe soffrire di una sorta di esaurimento nervoso provocato dallo stress. SΓ¬, Γ¨ una preoccupazione. So che non avresti pensato di vederla fuori da casa nostra, ma penso che questo stia andando avanti da un po’ di tempo, sai, ha persino iniziato a dirmi che ti avrebbe sposato. SΓ¬, lo so che Γ¨ ridicolo vero? Sei giΓ  sposato? Pensavo che tu lo fossi. Non preoccuparti, so che non sta succedendo nulla, sono sicuro che tu sei troppo professionale per quel genere di cose, ma questo Γ¨ parte del problema, continua a venir fuori con commenti strampalati e io posso reggerla, ma mi preoccupo che gli altri non possano quindi lei non avrΓ  bisogno dei tuoi servizi fino a nuovo avviso. Pagamento? Ebbene sΓ¬, se lei ha un accordo con te allora continua a recepire il suo pagamento mensile, dopo tutto questo non Γ¨ colpa tua, vero? Ti farΓ² sapere quando starΓ  di nuovo bene, ma nel caso in cui lei cerchi di contattarti, penso che sarebbe meglio se tu non le rispondessi, non voglio che lei ti causi problemi, specialmente tra te e tua moglie. Grazie John, la tua discrezione Γ¨ apprezzata.”

Un’altra spunta e una chiamata simile vengono fatte al tuo gruppo corale e al tuo club del libro. Il prossimo Γ¨ il tuo datore di lavoro. Ti ho fatto prendere una pausa oggi con il pretesto di farti fare una dormita e poi di fare qualcosa insieme. Siamo rimasti alzati fino a tardi ieri sera, quindi sei ancora addormentata al piano superiore, permettendomi di fare queste importanti telefonate. Il tuo datore di lavoro Γ¨ comprensivo e posso confermare che verranno presi accordi per fornire il certificato del medico competente perchΓ© ho spiegato che questa situazione dovrebbe durare un certo numero di settimane. Il mio piano passa quindi senza indugio ad accordarmi perchΓ© il medico locale faccia una telefonata a casa dopo aver spiegato all’addetta alla reception, in tono preoccupato, che farti uscire di casa nel tuo stato attuale potrebbe essere un rischio per te e per le altre persone. È stata molto comprensiva e ha confermato che un medico avrebbe provveduto dopo l’intervento chirurgico, verso le 17:00. I prossimi della lista sono i tuoi familiari. Mi sono assicurato il vantaggio di persuaderti a trasferirti con me lontano da loro e ora sono lontani un volo da qui. L’inconveniente di dover volare e la distanza Γ¨ qualcosa che sfrutto mentre chiamo i tuoi genitori e tua sorella, preavvisandoli che potrebbero incontrare alcuni spiacevoli commenti su di loro e soprattutto su di me date le sue condizioni. Li assicuro che mi sto prendendo cura di te e non c’Γ¨ davvero bisogno che loro vengano fin qui. Confermo che li terrΓ² aggiornati e sono contento di aver preso una pausa dal lavoro per prendermi cura di te e che ho predisposto che un dottore ti segua. Trascorro molto tempo a sciorinare esempi del terribile comportamento che hai esposto, spiegando le cose terribili alle quali sono stato sottoposto e le bugie che hai raccontato su di me, sui tuoi amici e sulla tua famiglia. Spiego che io posso gestire la cosa, ma mi sento cosΓ¬ dispiaciuto per i tuoi genitori e tua sorella che devono sentire queste cose e per evitare che accada di nuovo la cosa migliore Γ¨ contattare me e non te e tenerti alla larga. Spiego che capisco che Γ¨ difficile, ma sarΓ  il miglior risultato per tutti gli interessati se ti viene impedito di attaccare e ferire le persone. Le mie spiegazioni e le mie buone intenzioni vengono accettate e vengo ringraziato per la mia comprensione e il mio supporto.

Il segno di spunta finale viene inserito nell’elenco e metto giΓΉ il telefono e la penna. Ora dovrei davvero andare a lavarmi le mani dopo aver spalmato tutto quel fango in giro.

H.G. TUDOR

Muddy Hell

Rispondi