IL NARCISISTA IN PUNTO DI MORTE: L’INFERIORE MAGGIORE DI TIPO “A”

Whoaaaaahhhhhh!”

“Un bello spettacolo, sono d’accordo”, osservò una voce cupa che sembrava far girare l’ascoltatore come in una turbina.

“Che esplosione, amico! Guarda che fiamme!“, osservò l’uomo eccitato. Era in piedi nella cabina di pilotaggio del costoso motoscafo mentre fiamme arancioni lo circondavano. Il giallo e l’arancione delle fiamme era immobile, congelato, e creava un quadro di diverse sfumature di arancio e giallo. Ocra, zucca, mandarino, ambra, carota e limone si intrecciavano, estinguendosi l’uno nell’altro, un muro di fiamme sospese che circondavano l’uomo sbalordito. L’uomo spinse la mano verso il muro di fiamme. Non era un’azione incerta ma eseguita da qualcuno che avanzava senza mai guardare. La sua mano affondò nella palude fiammeggiante, ma non lanciò nessun grido di dolore, nessun grido di agonia. Invece, tirò indietro la mano e la fissò con gli occhi spalancati e impressionato.

“Guarda!”, dichiarò, mentre sollevava la mano illesa e la esaminava per rilevare eventuali lesioni, “Sono resistente alla fiamma. È fantastico, sono come uno dei Fantastici Quattro! Ehi amico, l’ho fatto? Posso farlo di nuovo?”, chiese frizzante dall’eccitazione mentre gesticolava verso le fiamme.

“Sì e no”, fu la risposta.

Fu allora che l’uomo si rese improvvisamente conto che stava effettivamente conversando con qualcuno piuttosto che parlare a se stesso. Si voltò e vide la figura alta e scura in piedi accanto a lui. La figura era snella e imponente, un mantello con cappuccio nero mezzanotte nascondeva ciò che c’era dentro.

“Sheeeyitttt, chi sei?”, chiese l’uomo. La sua domanda non era né aggressiva né paurosa, ma piuttosto una curiosità eccitata, simile a un bambino che cerca di capire come fosse stato eseguito un trucco magico particolarmente impressionante.

“Il mio nome è Morte”.

“Morte come La Morte?”

“L’unica e la stessa”, fu la risposta pacata.

“Quanto cazzo è fico? Piacere di conoscerti, signor Morte, qua la mano!“, esclamò l’uomo mentre alzava la mano per dare il cinque.

La Morte obbedì, sollevò un braccio avvolto di nero e una mano scheletrica apparve dalla manica e sbatté contro il palmo dell’uomo in attesa.

“Piacere di conoscerla, signor Jack Goff”, rispose cordialmente la Morte.

“Allora, aspetta, torniamo indietro, riavvolgi”, disse Jack imitando perfettamente il rumore di riavvolgimento“, hai detto che l’ho fatto? Andiamo amico, devi dirmi come è successo così posso farlo di nuovo!”

“Temo che sia, letteralmente, un evento che capita una volta nella vita”.

“Noooooo, andiamo amico, ho creato le fiamme! Guarda questa merda amico, è irreale e guarda un po’, non riesco nemmeno a sentire il fottuto calore di questo ragazzaccio, guarda questo signor Morte!”, Jack immerse di nuovo il braccio destro tra le fiamme e lo estrasse. Fece un’espressione come se avesse appena scoperto per la prima volta questo “superpotere”.

Ci fu un rumore simile a due enormi massi che rotolavano lentamente sulle rocce mentre la Morte alzava gli occhi al cielo in risposta all’entusiasmo del Labrador di Jack.

“Jack, Jack, calmati, lascia che ti spieghi”, disse la Morte facendo cenno con la mano a Jack di sedersi.

“No, signor Morte, andiamo, DEVI dirmi come ho fatto. Voglio farlo di nuovo. Jack è Jack per questo. Woo uuh! “

“Hai fatto esplodere il motore perché lo hai manomesso per vincere la gara, un altro giorno di inganni e doppia faccia”, disse la Morte. Diede la sua risposta a voce alta, un boom sonoro di spiegazioni che si abbatté su Jack e gli fece spalancare gli occhi per la sorpresa.

“Fantastic voce ragazzo!”, si complimentò. “Puoi insegnarmi come farla?”

«No».

“Allora, aspetta, tutto questo è perché il mio motore è esploso?”

“Si”.

“Ed è esploso perché ho fatto alcune aggiunte dell’ultimo minuto prima della gara?”

“Proprio così”.

“Quindi, non sono come Jonny Storm o qualcosa tipo Marvel Avengers?”, domandò Jack.

“No”.

“Peccato”, rispose Jack e all’improvviso sembrò abbattuto. Lo sconforto durò un millesimo di secondo prima che annunciasse: “Comunque, un’esplosione infernale, non credi?”. Stava sorridendo, incrociò le braccia e annuì a se stesso, guardando oltre il suo lavoro.

“Sì, proprio il ka-boom”, concordò la Morte.

“Ahh, ora ho capito!”, disse Jack sorridendo realizzando.

“Alleluia!”, disse la Morte.

“Hai detto che l’ho fatto e che non posso farlo di nuovo, e non posso farlo di nuovo perché la mia barca è stata completamente distrutta da questa esplosione, vero?”

“Beh”, osservò la Morte: “Non hai torto, ma non hai nemmeno completamente ragione”.

“Ora aiutami, Morte, dammi una mano”, chiese Jack.

“Questo è il tuo ultimo atto sulla terra, Jack, vedi come al solito hai ignorato le regole, hai calpestato i regolamenti, ignorato i protocolli e fatto quello che volevi”.

“Ehi, cosa posso dire, Jack non si tira indietro!”

“Ehm, evidentemente”, confermò Morte, ”così con la tua solita plateale indifferenza per qualsiasi tipo di ordine, hai cercato di potenziare troppo il tuo motore, contro le regole della gara e questo è il risultato. Il tuo motoscafo è esploso e tu stai per morire“.

“Morire?”

“Esatto”.

“Io? Morire?”

“Sì, devi capire Jack che questo è il tuo Momento del Mai. Sei a metà tra essere vivo ed essere morto. Ecco perché le fiamme non ti bruciano, ecco perché non vieni squarciato dall’esplosione, ecco perché puoi mettere il braccio nelle fiamme e non sentire nulla. Il tempo è stato congelato, il mondo al di là si è fermato, mentre tu e io siamo qui a batter cinque“.

Jack si fermò come se stesse valutando l’importanza di ciò che gli era stato appena rivelato. Annuì lentamente.

“Allora, è qui che giochiamo a scacchi, vero?”

“Scusa?”, chiese la morte.

“Sai, io e te facciamo un gioco, così riesco a sopravvivere, è così che va, no?”

“Oh, capisco”, si udì poi un rumore non dissimile da uno tsunami che si dirigeva verso una terraferma mentre la Morte rideva, “Sceglierai Corazzata o Twister, vero? Stai pensando al viaggio fasullo di Bill e Ted”, rispose la Morte.

“No, Settimo Sigillo di Ingmar Bergman, dove il cavaliere gioca a scacchi con la morte per salvare i suoi amici, film fantastico”, rispose Jack.

“Oh ehm, sì, quello”, ribatté la Morte: “no, scusa, niente partita a scacchi”.

“Peccato, sono grandioso quando si tratta di giocare a scacchi, nessuno dei miei amici mi ha mai battuto”, spiegò Jack.

“Perché ti lasciano vincere”, aggiunse la Morte.

“Certo che lo fanno, come sei, Morte, sempre a punzecchiare eh? Mi piace, tiene un uomo sulle spine.“

“Se insisti”.

“Va bene, quindi niente scacchi, posso fare un discorso, sai come Amleto a Fellatio”.

“Scusa?”

“Beh. Andiamo Morte, non dovresti saperlo, come tutto? Ti sto facendo scuola io qui, non che mi dispiaccia, sembri un tipo piuttosto freddo, puoi venire e unirti a me e alle ragazze sul mio yacht il prossimo fine settimana. Si chiama Hi Jack, perché è quello che dicono tutti quando mi vedono, conosco tutti in questa zona. Ho alcuni bar sul molo e mi diletto con un po‘ di sviluppo immobiliare sai, metto un po’ di soldi in un paio di start-up tecnologiche, non sono del tutto sicuro di quello che fanno, qualcosa a che fare con le app, mi piace esser d’aiuto sai. Ho l’impasto, e aiuto gli altri a fare un po‘ di pane“, disse Jack, ”quindi, stavo pensando di poter fare un discorso, sai come fa sempre il principe di Danimarca, quel ragazzo di Amleto, al suo fratello preferito, Fellatio”.

“È Horatio”, lo corresse la Morte.

“Sei sicuro Morte, il Prof, è quello che chiamo uno dei miei colleghi perché legge sempre, mi ha detto che Amleto dice sempre cose profonde, cose veramente profonde al suo uomo principale, Fellatio che è un po‘ un idiota perché non riesce mai a dire molto da solo perché Amleto dice quasi tutto lui di suo padre morto e di come sua madre fa le cosacce con il fratello di suo padre, non che penso ci sia qualcosa di sbagliato in questo, voglio dire, io fatto qualche lavoretto con mia sorella all’epoca, sai da dove vengo, vero Morte, sai come va?”

“Evidentemente no”, osservò la Morte.

“Certo che sì. Vedi, il mio punto di vista è che la vita è da vivere. Se non sei vivo, allora potresti anche essere morto, e io vivo abbastanza seriamente. Ho comprato un attico sul lungomare di Pacific View quando avevo solo 22 anni, ho le auto, la moto d’acqua, ho preso la patente di pilota quando avevo 24 anni, avrei dovuto farlo un anno prima ma ci sono state alcune complicazioni con la mia istruttrice, non voleva innamorarsi di me, ma cosa ci puoi fare eh Morte? Le ragazze adorano il Jackster!“

“Sì, capisco che hai avuto successo nella tua breve vita, Jack”, ammise la Morte.

“Grazie amico, io adoro tutto, le persone, sono così, così energiche. Sono ciò per cui vivo. Amo tutti, di solito le donne, ma ogni tanto anche un ragazzo, voglio dire, qualsiasi cosa per continuare la festa. Sai da dove vengo Morte, posso dirti che ci hai preso. Siamo come fratelli d’armi, che cavalcano qui sull’oceano, senza paura di nulla, campioni, pionieri, forgiando il nostro destino!”

“È questo il discorso?”, chiese la Morte.

“Questo, no, ti sto solo fornendo un po‘ di retroscena”.

Il rumore di massi rotolanti che si incagliavano nell’aria.

“Non voglio essere scortese, ma ho altre faccende da sbrigare Jack è stato un piacere fare la tua conoscenza mentre siamo sul ponte del tuo motoscafo in fiamme che sta esplodendo, forse potresti rivolgere la tua attenzione al rilascio di alcune profonde dichiarazioni su come hai vissuto la tua vita. È ora di tirare le somme, giovane, perché questa è la fine”.

“Che intendi dire?” chiese Jack perplesso ma affabile.

“Bene, cosa hai da dire a quella lunga fila, ed è una lunga fila di donne a cui ti leghi?”

“Cosa? L’Harem? Oh, lo adorano, vale la pena passare un fine settimana con Jack. Un bel pacco di Jack in giro, capisci cosa intendo?“. Jack fece l’occhiolino alla Morte e abbassò lo sguardo sull’inguine.

“E che mi dici allora del tuo equipaggio?”

“Ragazzi fantastici, persone fantastiche, mi unisco sempre al meglio delle persone”.

“E la tua famiglia, Jack, molti di loro non li vedi. Si preoccupano per te; si sono sempre preoccupati che tu facessi una fine del genere. Schiantarti con la moto, rotolare giù da una scogliera, il BASE jumping e cose simili. Sanno che sei un drogato di adrenalina, ma volevano che ci mettessi un freno e ti assumessi la responsabilità per una volta”.

“C’è un sacco di tempo per questo quando avrò i capelli color neve e mi sarò trasferito in Florida!”, sorrise Jack.

“No Jack, non c’è tempo, è questo il punto. Appena avrai finito, no, non andrai avanti come il Coniglietto Duracell se te lo permetto, no, tra poco concluderò questo Momento del Mai e poi morirai e non sarai Ciao Jack ma Jack Bruciato che Va in Cielo, hai capito?”

“Incredibile! Su, su e poi via! L’uomo di acciaio! Va bene Morte, tienimi stretto e atterreremo nell’oceano e quella specie di mantello sexy che stai indossando diventerà un po‘ bruciacchiata ma niente che un lavaggio a secco e qualche cucitura invisibile non possano aggiustare, Ti metterò in contatto con Marcellus, lui è l’uomo che si occupa di lavori di sartoria”.

“No, morirai, Jack. È la fine, la tua morte, il sipario finale”.

Jack fece per parlare di nuovo e poi si fermò. All’improvviso sul suo viso apparve un’espressione di orrore.

“La fine?”, chiese, la sua voce si abbassò.

“La fine”, confermò la Morte.

“Niente più Jack?”

“Niente più Jack.”

“Jack non tornerà?”

“No, non sei qualificato per la risurrezione”.

“Cazzo! Cazzo! Cazzo!”, dichiarò sbattendo il pugno sinistro nel palmo destro.

La Morte annuì a Jack, che finalmente si rese conto che la sua mortalità stava per finire in modo esplosivo.

“Ho dimenticato di impostare il dispositivo per registrare la partita, puoi farmi un favore Morte, fai un salto lì e fammelo, l’indirizzo è…”

“Adesso basta!”, dichiarò la Morte la sua voce assunse un tuono di definitività.

Jack interruppe le sue istruzioni e sembrò colto alla sprovvista.

“Quello è l’uomo immenso, fammelo vedere di nuovo”, si entusiasmò.

“Non stai mai zitto?”, chiese la Morte: “No, no, non dirmelo, lo so. Devo andare da qualcun altro adesso, Jack, è un Inferiore Maggiore di Tipo B, un grande battitore, quindi possiamo concludere?”

“Un Inferiore Maggiore cosa?”, interrogò Jack.

“Niente, niente, nessuna parola finale, nessuna riflessione sulla tua vita, qualcosa che vorresti che trasmettessi a qualcuno di speciale, qualche aneddoto, anche se breve, che ti interessa condividere sul mondo, per me? Qualche rimpianto per ciò che è passato e ciò che non è accaduto nella tua vita, certamente piuttosto piena, interrotta così presto? Non sei dispiaciuto di non poter più farti le ragazze, le feste, le vacanze, lo sport, lo shopping, le macchine?”

“Ehi Morte, ho insaccocciato così tanto, ne ho amato ogni minuto. È stato un vero spasso!”

“Ma che ne dici di trovare un po‘ di profondità, un significato per la tua vita in contrasto con tutto questo edonismo superficiale?”

“È una crema idratante? Va bene, non posso dirlo, Stavi tenendo nascosta la Vera Morte in quella merda di kimono nero, stronzo modaiolo!“, rise Jack.

“Oh, per amore di una falce affilata”, borbottò la Morte.

“Bene. Eccoci qua. Il Momento del Mai sta per finire. Ultima possibilità. È ora di mettere tutto a nudo, no, non quello!”, ringhiò la Morte mentre Jack andava a tirarsi giù i pantaloncini.

“Ti sto solo prendendo in giro, Morte, non voglio farti sentire piccolo piccolo vedendo Big Jack laggiù”, sorrise Jack con il suo sorriso da un milione di megawatt.

“Hai sessanta battiti cardiaci Jack, usali.”

“Quindi, sto per essere bruciato da tutto questo?”, domandò Jack. La sua faccia adesso era seria. Puntò un braccio contro il muro di fiamme ribollenti.

“Sì, totalmente consumato dalle fiamme, una morte istantanea”.

“Capisco”, commentò Jack mostrandosi per la prima volta pensieroso nella conversazione.

“Come vuoi che sia?”, chiese la Morte.

“Fai quello che devi fare, Morte, lo sai solo tu, ma non la faccia, ok?”, osservò Jack mentre circondava il suo viso dichiaratamente bello con il dito.

“Molto bene, non la faccia”, concordò la Morte.

“Hoo haaa!”, urlò Jack, “fallo Morte!!”

La Morte fece uscire la sua falce adamantina e scintillante e, mentre tirava indietro il braccio per fare la mossa esecutiva per estinguere la vita di Jack Goff, vide Jack in piedi, che lo salutava, sorrideva e diceva:

“Hasta La Vista, baby”.

La Morte fece oscillare la falce e l’aria ruggì con la violenza dell’esplosione, mentre Jack Goff, il narcisista inferiore maggiore di tipo A, moriva.

Ascolta su YouTube

Traduzione di PAOLA DE CARLI dal testo originale di H.G. TUDOR