Pubblicato il Lascia un commento

📁 IL NARCISISTA DI MEDIO RANGO: 5 FATTI

Ho incontrato queste cinque domande in diverse occasioni. Sono spesso considerate le cinque domande fondamentali che vengono sollevate sul nostro comportamento. Di solito ricevono una risposta schietta da alcuni commentatori per portare a casa il messaggio. Tuttavia, queste osservazioni e risposte sono fornite da persone che non sono del nostro tipo. Hanno naturalmente il diritto di commentare, ma il vero valore deriva da qualcuno che si trova dall’altra parte della barricata, l’autore delle azioni, l’autore. Inoltre, le solite osservazioni sono fornite senza riguardo al fatto che i narcisisti sono entrambi simili ma diversi perché operiamo in alcune scuole che sono collegate al nostro grado di funzionamento e alle nostre prospettive maligne. Di conseguenza, la risposta tradizionale fornita ad una di queste domande può essere corretta per il più grande della nostra specie, ma non per il mid-range o per il narcisista minore. Questa volta l’attenzione cade su quei narcisisti che vengono dalla scuola del Medio Rango. Di solito avviene che quelli che appartengono al Medio Rango non siano tanto definiti da ciò che sono, piuttosto da ciò che non sono. Quindi se un comportamento che si accorda con un narcisista inferiore è assente e un comportamento che si accorda col narcisista superiore è assente ma l’individuo continua a mostrare comportamenti che si accordano al narcisismo in sé, questa persona rientra nella categoria di Medio Rango. Il Medio Rango non è una creatura di reazioni completamente riflesse ma nemmeno lui o lei è completamente consapevole di ciò che è o delle capacità che lui o lei potrebbe possedere. Non mostra la controllata, malvagia natura dei narcisisti della scuola superiore. Qui ci sono le cinque risposte alle cinque domande centrali:

1. Sappiamo Cosa Stiamo Facendo?

Mentre il narcisista inferiore agisce attraverso risposte istintive e in maniera riflessa il Medio Rango sa cosa lui o lei sta facendo anche se la reazione per la maggior parte proviene dall’istinto ma ha una grande consapevolezza di ciò che sta avvenendo, che l’Inferiore non denota veramente.

Il Medio Rango noterà che sente un senso di disagio e diverrà irrequieto. Questo avviene quando i suoi livelli di carburante sono scesi ad un livello basso. Non sa che il senso di disagio è collegato al basso livello di energia. Il Medio Rango sa che provocando reazioni nella persona che è la sua fonte primaria e ad altre persone fa sì che il disagio diminuisca e svanisca. Lui o lei realizza che certe reazioni non funzionano (quelle non emozionali) e che certe reazioni sono superiori ad altre (il senso di disagio svanisce velocemente e viene rimpiazzato da un senso di potere) ma non sa perché avviene. Non si accorge che l’indice di provviste di carburante governa il suo stato di potere/disagio. Sa che quando viene elogiato si sente meglio, se ti fa piangere, si sente meglio e che se perdi le staffe per qualcosa che ha fatto, si sente meglio.

2. Sappiamo Che Ti Stiamo Facendo Del Male?

Come il Narcisista Inferiore, il Medio Rango è consapevole del dolore che viene causato, la differenza principale d’altra parte è che il Medio riconosce che sei stata ferita (dato che possiede Empatia Razionale) ma lui o lei non si PRENDERÀ mai la responsabilità di questo dolore. Quindi dirà:

“So che sei ferita quando ti insulto, ma se la smettessi di provare a controllarmi, non dovrei farlo”

Lui sa che insultarti ti sconvolge, è anche consapevole che la tua risposta emotiva ha un impatto positivo su di lui (anche se non sa perché) ma non accetterà mai che questo comportamento sia sbagliato o che sia colpa sua.

Il Medio Rango potrebbe anche dare una certa considerazione al modo in cui potrebbe raggiungere questo obiettivo, laddove l’Inferiore semplicemente agisce. Questo tende a succedere con la maggior parte dei Medi Maggiori, Minori e Centrali anche se agiscono attraverso una risposta istintiva.

Il Medio Rango non si comporta in questo modo per un’innata malvagità ma comunque lui o lei sono consapevoli che l’indizio di dolore da parte tua provoca loro “buoni” sentimenti e diminuiscono il disagio che può apparire.
Il Medio Rango sa che se lui o lei agisce in un certo modo, ti causerà turbamento. Con l’alta funzione da Medio Rango, lui o lei si prenderà un certo tempo per valutare come reagire nel modo migliore in una situazione in modo da poter ottenere “buone” sensazioni. Ecco perché alcuni Medi Maggiori vengono spesso scambiati per Superiori, perché hanno un certo grado di calcolo nelle loro azioni.

Il Medio Rango sarà consapevole delle cose che stai facendo che possono generargli disprezzo, irritazione o fastidio. Sarà capace di fornirti una ragione a queste sensazioni e oltretutto se non c’è un pretesto è capace di inventarselo. Mentre l’inferiore di solito risponde in modo vago e informe, il Medio Rango ti fornirà una ragione per cui il tuo comportamento lo infastidisce e una motivazione per cui lui o lei ti hanno ferito. È facile che sia una bugia, ma comunque una ragione verrà fornita.

3. Lo Facciamo Deliberatamente?

Il Medio Rango è intenzionale nei suoi comportamenti ma rimane governato dall’istinto. Non sa che questo è carburante, non conosce il suo vero scopo ma è sufficientemente consapevole e ha sufficienti funzioni per collegare certe reazioni da parte tua con l’effetto di consolidamento e potenziamento che ha su di lui. Il Medio Rango è consapevole di poter provocare buone e cattive emozioni da parte tua e che esse servono ad uno scopo.

Sono anche capaci di applicare un’ampia gamma di manipolazioni dal loro repertorio a causa della loro maggiore funzionalità. La risposta è istintiva ma in qualche modo sarà ponderata e anche se la capacità di intrigo e calcolo è molto lontana da quella del Superiore, non c’è dubbio che il Medio Maggiore pianificherà. Lui o lei considererà come le persone lo/la possano servire nel migliore dei modi. Non viene fatto con intenzioni malvagie ma riguarda piuttosto l’elaborazione di come servire lui o lei al meglio. Il Medio Rango considererà quali amici lo servono meglio, chi sarà il miglior obiettivo e come gestire le diverse persone che sono i suoi canali del carburante. Non si comporta nel modo casuale e caotico dell’Inferiore e nemmeno con la precisa, malvagia accuratezza del Superiore ma con un senso di organizzazione e pianificazione in modo da ottenere ciò che vuole.

4. Possiamo Controllare Questo Comportamento?

Il Medio Rango ha la capacità di controllare il suo comportamento anche se per la maggior parte è istintivo. Di conseguenza, risponderà a certi comportamenti con la propria gamma di reazioni ma può esercitare un certo controllo, ad esempio tenere nascosta la rabbia per un breve momento, dato che riconosce che la situazione richiede un certo approccio.

Dato che lui o lei non sono creature che si basano sull’istinto come l’Inferiore ma adottano un approccio più ponderato ci sono alcuni modi pensati in cui lui o lei possono rispondere. Il Medio Rango non è consapevole del perché agisce in questo modo, sa solamente che c’è un certo modo di comportarsi che gli conviene di più e hanno bisogno di modellare le proprie reazioni e comportamenti per accordarsi ad esso e questo include l’autocontrollo. Il Medio Rango ha comunque molto controllo ma nei casi in cui i livelli di carburante precipitano e c’è la reale o percepita minaccia dell’abbandono di una fonte primaria allora il Medio Rango perde il controllo nell’ambito di tali pressioni. Questo potrebbe portare ad un’occasionale manifestazione dell’uso di violenza fisica. Il Medio Rango sa che ci saranno delle conseguenze ma è incapace di controllare l’urgente bisogno di “fare qualcosa” e quindi l’autocontrollo viene perduto. Il Medio Rango è particolarmente incline all’uso del trattamento del silenzio perché rappresenta una via di mezzo tra esercitare e perdere il controllo. Lui o lei potrà essere in panico in una reazione improvvisa ma non perde il controllo fino al punto da manifestare una reazione frenetica, tramite violenza fisica o verbale. Invece sparisce. Il Medio Rango è anche più incline a mettere in atto abusi emozionali, finanziari e sessuali attraverso pianificazioni e grandi sottigliezze e la sua natura strisciante è attaccata a queste particolari macchinazioni.

5. Possiamo Smetterla?

Sì, il Medio Rango può farlo in qualche caso. Molto del suo comportamento è istinto. Si considera davvero una brava persona, crede di essere empatico e altruista, crede che siano le altre persone il problema. Non capisce perché gli altri siano così sleali, seccanti e perché gli causino dolore e angoscia, visto che ha una prospettiva differente rispetto a te.

Lui ha la consapevolezza e quindi è capace di decidere che un comportamento può terminare. In realtà, dove il Medio Rango percepisce un vantaggio da acquisire allora farà così e modificherà il suo atteggiamento per accordarsi. Mentre il narcisista inferiore promuoverà un periodo di tregua in modo istintivo senza sapere cosa fa, il suo bisogno di svalutarti semplicemente cesserà e ritornerà il periodo d’oro, il Medio Rango invece conosce il valore di un periodo di tregua e lo concederà perché si sente stabile ed incline a volere nuovamente il contrasto del carburante positivo. Allo stesso modo, quando i livelli di carburante diminuiscono il Medio Rango sa che deve ricominciare con la svalutazione. La sua consapevolezza e controllo gli permettono di fermare il comportamento svalutante quando richiesto. Non lo fa con un senso di malvagità, come il Superiore, ma è mosso dal bisogno. Il Medio Rango potrebbe cessare i suoi comportamenti abusanti ma non lo fa se percepisce il bisogno di continuare. l’inferiore è incapace di fermarsi perché “semplicemente accade”. Delle tre scuole, il Medio Rango è il meno instabile, il meno malvagio ma in qualche modo può essere visto come interamente colpevole per i comportamenti che attua verso le sue vittime.

La difficoltà però sta nel fatto, che puoi considerare il Medio Rango colpevole ma lui o lei non accetterà mai qualsiasi responsabilità dei propri comportamenti perché è configurato per rigettare in automatico ogni nozione secondo cui lui è in errore. La sua reazione automatica è sempre “blocca questo”, “respingi questo”, “controbatti” – di solito attraverso Giochi di Pietà, broncio, trattamenti del silenzio, spostamento di colpa e proiezione.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

The Mid Range Narcissist

Rispondi