Pubblicato il Lascia un commento

📰 GIOCHI MENTALI-PARTE UNO ➡

Noi amiamo conquistare. Non esiste un off-limits per la nostra specie. La tua mente non fa eccezione a tale mentalità. L’applicazione ripetuta di giochi mentali e l’impatto che ciò ha avuto sono entrambe conseguenze che vivono a lungo nella memoria di coloro che li hanno vissuti come conseguenza di essersi invischiati con noi. Dichiaro ripetutamente che i giochi verranno sempre messi in atto. Dubito che pochi sarebbero in disaccordo con questa affermazione. Dovresti essere consapevole, tuttavia, che lo sviluppo di giochi mentali, pur essendo sempre un fattore nella relazione narcisistica, non è così deliberato come puoi immaginare all’inizio. Nel caso del Narcisista Inferiore, i giochi mentali sono garantiti. Sono una conseguenza dei suoi comportamenti istintivi, delle sue reazioni e delle metodologie predeterminate. Gli manca la funzione cognitiva per impegnarsi in un tormento mentale intenzionale, ma invece ciò che si rivela come gioco di mente è l’effetto collaterale del modo in cui si comporta. Similmente per il Medio Rango, l’applicazione dei giochi mentali a volte si manifesterà come deliberata, ma per la maggior parte, è simile all’Inferiore e questi giochi mentali si verificano come conseguenza del modo in cui è progettato per pensare e comportarsi. È con il Superiore che si manifesta il vero comportamento distorto non solo perché i giochi mentali sono una conseguenza di ciò che facciamo, ma ci impegniamo anche intenzionalmente in essi perché sappiamo quanto sono efficaci nel raggiungere ciò che vogliamo e anche perché siamo eccellenti a svilupparli.

L’imposizione dello smarrimento su una mente distrutta e sfinita possiede una destrezza tattile che è di gran lunga superiore all’applicazione brutale di un pugno su una guancia. L’evocazione della confusione dall’uso delle sole parole è un punto culminante del repertorio manipolativo del Superiore. Di conseguenza, i giochi mentali che nascono dall’intreccio con un Inferiore o un Medio Rango sorgono a causa dei vari meccanismi di difesa utilizzati da quei tipi di narcisisti. Il Superiore considera il gioco dei giochi mentali una parte essenziale della relazione narcisistica, che è considerata nobile, importante e un segno distintivo del suo sofisticato abuso.

Questi giochi mentali sono vari ed efficaci. Chiunque sia stato dalla parte di chi riceve, testimonierà l’impatto orribile che hanno nel creare dubbi, paura, preoccupazione, ansia, sottomissione e senso di impotenza. Quali sono alcuni di questi giochi mentali?

  1. Seconda ipotesi. L’atto di farti dimenticare le tue esigenze perché sei condizionato a pensare prima ai nostri bisogni per evitare qualche terribile ripercussione se non lo fai. Tu applichi la tua mente più e più volte per esaminare la situazione e cercare di valutare come dovresti rispondere, cosa dovresti fare dopo, cosa dovresti organizzare, come dovresti sembrare, come dovresti comportarti per evitare qualche altro abuso.
  2. Pre-occupazione. Rendendoci così centrali nella tua esistenza e l’unica cosa che conta, scopri che ti stai sempre facendo domande su di noi. Cosa stiamo facendo in questo momento? Con chi siamo? Che cosa stiamo facendo? Questo non si verifica necessariamente solo nella svalutazione. Mentre i semi della dipendenza vengono seminati durante la seduzione, scopri che la tua mente si concentra sempre più su di noi. Questa è la costruzione delle fondamenta per farti dimenticare i tuoi stessi bisogni e addirittura chi sei così il noi diveniamo il fulcro totale della tua attenzione.
  3. Rispecchiamento. Ti convinciamo che ti stai innamorando della persona più meravigliosa e fantastica che tu abbia mai incontrato. Questo si ottiene rispecchiando ciò che vuoi nell’oggetto del tuo attaccamento. Incontrando questo bisogno su così tanti fronti diversi, non puoi fare a meno di innamorarti di ciò che credi che noi siamo.
  4. Ossessione. Impegnandoci in modo vago, insipido e amorfo che abbiamo, facciamo in modo che tu inizi a ossessionarti da noi. Ancora una volta l’attenzione si sposta su di noi mentre ti chiedi cosa intendesse con quel commento? Perché è in ritardo? Perché l’ha fatto? Cerchi indizi che non esisteno e cerchi risposte che non ci sono, leggendo troppo in quelli che spesso sono scenari innocui.
  5. Gaslighting. L’infame atto di farti dubitare della tua realtà ed è invariabilmente l’effetto cumulativo di molti diversi tipi di giochi mentali. Finisci per dubitare di te stesso e accettare la nostra falsa realtà come vera realtà.
  6. Gettata a mare. L’atto di averti fatto pensare che stai per essere scartata. Verranno fatti commenti che suggeriscono che siamo insoddisfatti di te, che siamo stanchi di te e che abbiamo interessi altrove. Nulla viene detto apertamente, non c’è nulla di concreto, ma i segni ci sono che verrai scartato. Non è vero?
  7. Gelosia. “Ma è solo un’amica.” “Come posso avere una relazione quando ci incontriamo solo durante il giorno.” “Stai leggendo troppe cose in questo fatto.” L’impressione di qualcuno di cui parliamo molto, trascorriamo del tempo e apparentemente ammiriamo è progettata per provocarti gelosia e minare la tua autostima.
  8. Mea Culpa. La complessità e l’assurdità del nostro comportamento significa che tu non sei in grado di capire cosa sta realmente accadendo. Questo ti porta a dover trovare un qualche tipo di risposta per darti un po’ di tranquillità e quindi, dal momento che non hai motivo di interrogarci, decidi che devi essere in colpa e accuserai te stesso. Dopotutto, nessuno si arrabbia per nessuna buona ragione vero? Devi aver fatto qualcosa di sbagliato per provocarci. È colpa tua.
  9. Proiezione. Lo spostamento intenzionale dei nostri difetti e comportamenti spiacevoli da noi a voi. L’accusa che assumi lo stesso comportamento che noi stessi assumiamo.
  10. Attentato alla personalità. L’attacco immeritato e selvaggio verso di te, criticandoti per un certo numero di cose; come cammini, come parli, il colore dei tuoi capelli, chi sono i tuoi amici; come hai fatto il caffè stamattina. Atteccheremo tutto e il contrario di tutto di te anche se non puoi capire su cosa ci basiamo.
  11. Spostamento di Colpa. Il passo difensivo per garantire che non siamo mai colpevoli o responsabili. Tutto ciò che va storto, qualsiasi comportamento scorretto, qualsiasi contrattempo è tutto dovuto a te. L’hai provocato, tu hai portato a questo, l’hai fatto accadere. Anche se non vedi alcun motivo concreto per l’accusa che ti è stata lanciata, questo non impedirà che ciò accada.
  12. Autorevole rifiuto. Noi non neghiamo e basta, neghiamo con tale convinzione, determinazione e autorità che di sicuro solo qualcuno che fa così è la persona che deve avere ragione, giusto?
  13. Campagne diffamatorie “gassose”. Si sparla di te, si sussurra di te e si lanciano insulti contro il tuo nome, almeno tu pensi che sia così. Sembra che tu stia ricevendo strani sguardi e senti sghignazzare quando cammini da certe persone, ma non senti mai nulla di concreto o sicuro. Potresti udire male, potresti leggere male, potrebbe essere solo paranoia. Cercare di scoprire se stai subendo diffamazione è come cercare di prendere un gas a mani nude.
  14. Trattamenti del silenzio. La base dell’arsenale narcisistico. Perché sta zitto? Perché è sparito? Che cosa hai fatto di sbagliato? Quando mi parlerà di nuovo?
  15. Doppi standard. Siamo così piacevoli e meravigliosi per tutti gli altri. La gente parla così bene di noi, eppure quando la porta principale è chiusa diventiamo un mostro con te. È vero? Forse lo stai togliendo dal contesto e esagerando o forse stai facendo qualcosa che lo fa accadere e nessun altro lo fa?
  16. Amnesia. Neghiamo di aver mai fatto qualcosa o detto qualcosa anche se sei sicura, beh abbastanza sicura, okay, almeno ragionevolmente sicura, lo abbiamo detto. Funziona in entrambi i modi come quando ti accusiamo di avere una memoria difettosa come quando ti diciamo che ti avevamo informato dalla settimana scorsa che saremmo usciti stasera, perché non ricordi queste cose? Lo stai facendo per infastidirci? Naturalmente.
  17. Perdere il senno. Ti etichettiamo come una matta, una pazza, una maniaca che ha bisogno di aiuto. Buon Dio, tutti lo pensano di te e noi siamo santi per aver sopportato questo comportamento per così tanto tempo. Ti diciamo spesso, cerca di farti aiutare, di consultare un medico o un terapista e ti accompagnamo a spiegare loro come perdete le staffe. Stiamo facendo tutto questo per disturbarti ulteriormente, o d’altra parte, potresti semplicemente perdere la testa dopo aver sopportato tutto questo?

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Mind Games – Part One

Rispondi