Pubblicato il Lascia un commento

👥 INNAMORATA DI UN UOMO SPOSATO

Pensi a me ogni giorno. Aspetti quei messaggi stuzzicanti e allettanti che arrivano ripetutamente durante il giorno e poi si esauriscono verso le sei del pomeriggio quando sai che sono a casa con lei. Una volta ogni tanto potrebbe esserci un messaggio improvviso alle 21:00 che ti dice che è andata un attimo in bagno e che ti amo, mi manchi e odio stare lontano da te. Il messaggio ti avvisa anche di non rispondere, perciò tutto quel che sei in grado di fare è toccare lo schermo luminoso e provare ad avvertire il sentimento dietro questi messaggi elettronici di desiderio.

Come apprezzi quel periodo intorno alle 5:30 del pomeriggio quando ogni giorno parliamo al telefono, solo io e te. Torno a casa in macchina dall’ufficio e uso la mezz’ora o giù di lì per deliziarti con i miei complimenti e farti quelle promesse che forse un giorno tornerò a casa in macchina da te. Qualunque cosa tu stia facendo, ti assicuri sempre di essere disponibile e il tuo telefono è libero per ricevere questa chiamata. Organizzi prontamente degli impegni sociali che si svolgeranno più tardi o rimani sul posto di lavoro, sistemata nell’ufficio, sembri essere impegnata in una chiamata di lavoro, anche se sorridi troppo per qualcosa che riguarda il lavoro. Quella mezz’ora di paradiso quando parliamo come se stessimo davvero insieme, facendo progetti, discutendo delle cose che ci piacciono e non ci piacciono, pianificando la prossima volta che potremo strappare del tempo per fare l’amore senza essere scoperti o ridere di ciò di cui avevamo parlato quando ci siamo incontrati a pranzo.

Riesci a organizzarti per pranzare con me almeno una volta alla settimana. Scegliamo deliberatamente un luogo in cui nessuno dei due è probabile che venga riconosciuto e ci posizioniamo nell’angolo e fuori dalla vista. Mano nella mano sotto il tavolo e poi sciolte quando il cameriere ci si avvicina, per sicurezza. Baci rubati, sguardi e promesse prolungati, oh così tante promesse del meraviglioso mondo che ci attende una volta che riuscirò a liberarmi dalle catene del mio matrimonio.

Ascolti con cura e attenzione, facendo sfoggio dell’empatia per la quale sei stata scelta mentre faccio riferimenti obliqui alla mia miserabile vita domestica. Ogni volta premi delicatamente per avere più informazioni per permetterti di capire che cosa devo sopportare. Che cosa devo sopportare e che cosa mi ha spinto tra le tue braccia? Cerco di non dire troppo all’inizio. Non voglio che i nostri tempi troppo brevi insieme siano rovinati dalla mia storia di dolore, ma il tuo orecchio comprensivo si rivela irresistibile e ti permetto di apprendere le ingiustizie che soffro quotidianamente.

“Non ce la facciamo più ad andare avanti.”

“Ha perso interesse sessuale per me tre anni fa. Sono stupito di aver resistito così a lungo.”

“Nulla di ciò che faccio sembra abbastanza buono. Non importa quanto sodo mi impegni, trova sempre qualcosa da criticare.”

Tu ascolti e annuisci. So che sei capace di tutto per intervenire, far scorrere un coltello tra me e lei e spezzare i nostri legami, ma l’onestà di cui sei permeata ti impedisce di farlo. Suggerisci persino dei motivi per cui le cose stanno in questo modo. Sei gentile, generosa e comprensiva.

Rabbrividisci alle mie improvvise chiamate dal nulla. Rispondi sempre dopo un solo squillo, a volte anche meno, si denota quindi che il tuo telefono sta vicino a te in ogni momento. La tua voce mi dice sempre quanto sei felice di sentirmi. Quando ci incontriamo i tuoi occhi, i tuoi baci, i tuoi abbracci e il tuo entusiasmo nel parlare mi fanno salire alle stelle mentre assisto alla tua devozione e al tuo desiderio.

Provi un’ondata di eccitazione quando vieni svegliata da un trillo nel bel mezzo della notte e vedi che sono riuscito a mandarti un altro messaggio.

“Non riesco a toglierti dalla mia testa e dovevo fartelo sapere. Non rispondere, sono a letto con lei.”

La gioia che provi nel sentirmi quando te l’aspettavi viene smorzata dalla consapevolezza che sono con lei e non con te.

I fine settimana sono i momenti più difficili come spesso mi dici. Posso dire che tu vorresti aggiungere altro, ma so che hai paura di allontanarmi se sei troppo esigente. Ti scrivo quando posso e riesco persino a chiamarti, parlando a voce bassa da una toilette o da uno spogliatoio in un grande magazzino, soffocando la mia risata perché ho finto di provare alcuni vestiti solo per poterti chiamare.

Ti tengo comunque agganciata. So quanto mi vuoi. So che mi ami e so che vuoi che io sia amato, per portarmi via dall’inferno del mio matrimonio. Ti prometto che un giorno staremo insieme. Ora non è il momento, non è giusto in questo momento, c’è un evento di famiglia in arrivo e non avrebbe senso gettare una bomba simile con quello all’orizzonte, c’è una vacanza familiare che lei ha prenotato e io non lo sapevo fino ad ora ma cosa posso fare? Dovrò andare. Continuo a fare promesse e a produrre scuse, e tu continui a restare in sospeso.

So che ti chiedi perché tengo il telefono vicino a me. Non hai ancora detto niente ma io non sono stupido. Posso vedere il sospetto nei tuoi occhi quando mi sveglio e controllo immediatamente il mio cellulare.

“Sto aspettando un’e-mail importante che potrebbe arrivare dagli Stati Uniti durante la notte”, spiego e sfodero un sorriso disarmante. Tu annuisci. Sembri accettare la spiegazione.

Ti sei lamentata di come non riesci a rintracciarmi al telefono quando chiami mentre sono sulla strada di casa. Quante volte hai lasciato messaggi che mi chiedevano di comprare un po’ di latte o di andare a prendere uno dei nostri figli al nuoto o al calcio solo che io io ho ricevuto il messaggio troppo tardi?

“Devo essere disponibile per i miei clienti. Non sanno che sono alla guida per andare a casa, né se ne preoccupano; hanno bisogno di parlarmi. Dopotutto, se non fosse per loro, non avremmo questo non trovi?” Spiego con piacere indicando col braccio disteso la grande casa e gli arredi costosi che ci circondano. Annuisci in segno di approvazione. Capisci che il mio lavoro è importante. Ti dico abbastanza spesso che lo è.

“Vorrei che mi raggiungessi per pranzo quando vengo in città”, dici ogni settimana o giù di lì. Ti bacio la fronte e ti dico che vorrei avere il tempo di godermi il pranzo con la donna che amo ma che per me è un sandwich e una bottiglia di acqua frizzante. Ci sono obiettivi da raggiungere. Annuisci nel comprendere e mi dici che lavoro troppo. Ti ringrazio e la mia mente si sposta su ciò che mangerò in quel ristorante thailandese in cui pranzerò domani.

“Vorrei che ti lasciassero da solo”, sospiri quando mi giro dall’altra parte nel letto dopo aver fatto l’amore con te. La tua mano indugia sulla mia schiena, desiderosa di mantenere la vicinanza e il contatto mentre prendo il mio telefono sul comodino e mando un messaggio a tarda notte prima di metterlo a faccia in giù.

“Lo so, ma fa eccezione svegliarmi per un problema”, rispondo prima di girarmi di nuovo verso di te e baciarti mentre ci accoccoliamo nel nostro letto matrimoniale.

So che adori i nostri weekend insieme quando le richieste della settimana lavorativa si intromettono meno nella nostra vita domestica. Riesco a percepire che mi guardi mentre mi siedo, con il telefono in mano, un sorriso di contentezza che si disegna attraverso quelle labbra, ma neanche lontanamente ampio come il sorriso dentro di me mentre sparo un messaggio allettante e provocatorio.

“Sto solo vedendo se Dan è disponibile per lo squash la prossima settimana. Martedì sera, quindi tornerò tardi,” dico attraverso la stanza a titolo di spiegazione, aprendo uno spazio vuoto durante la settimana per una persona diversa da te. Sorridi, annuisci e torni al tuo libro.

“Ti amo” dico improvvisamente e tu alzi lo sguardo, la devozione e il desiderio bruciano nei tuoi occhi e questo sembra così intimo che quasi mi porta a dire qualcosa, ma il pensiero passa e mi crogiolo nell’ammirazione e nell’amore che mi mandi. Non hai mai smesso di farlo.

Tu non sai di lei.

Lei pensa di sapere tutto di te.

Nessuna di voi sa veramente cosa sono io.

H.G. TUDOR

In Love With A Married Man

Pubblicato il 1 commento

📰 PARLIAMO DI EX, BABY

Quando ti invischi con la nostra specie in una dinamica romantica è molto raro in effetti non ritrovarsi a sentir parlare dei nostri ex. Che sia un’ex moglie, un ex fidanzato o un ex partner, l’argomento dell’ex è uno di quelli che appare con notevole frequenza. Effettivamente, potresti non aver mai incontrato queste persone ma sentirai di conoscerle bene quasi quanto te stesso, il risultato del tempo speso a parlarti di loro.

All’inizio del tuo asservimento, è altamente probabile che siamo già in una relazione sentimentale con qualcuno. Inizialmente potrebbe non esserti detto nulla a riguardo, possiamo riferirci a loro perché utilizziamo la loro esistenza come fattore di ingrandimento per incrementare le nostre opportunità di attingere carburante da te e legarti a noi. Potrebbe essere che la loro esistenza venga riferita una volta che tu sei invischiato, quando realizziamo istintivamente che non ti allontanerai o possiamo riferirci a loro quasi come un ripensamento nel momento in cui ci siamo dis-impegnati e ti abbiamo reso Fonte Primaria Intima.

Sia che ti diciamo la verità sul fatto che eravamo sposati o nascondiamo l’esistenza del compagno fino ad un secondo momento e poi ci sciogliamo precisamente nel momento in cui rompiamo con loro, non è un argomento che consideriamo particolarmente rilevante. Ciò che ci importa e che continueremo a raccontarti di loro.

Durante il tuo periodo d’oro, che sarebbe quando ti abbiamo selezionato come obiettivo e sedotto o quando ti abbiamo incorporato, l’ex verrà rappresentato nitidamente e in modo davvero oscuro. Ti diremo di come questa persona sia davvero una persona orribile. L’ex imminente (quello o quella che stanno per diventare ex) è la persona di cui parleremo di più, specialmente se vogliamo dipingerci come un super eroe nel sopportarli o un poveretto da martirizzare. L’ex o gli ex attireranno una (o più) delle seguenti etichette:-

1. La stronza pazzoide – È selvaggia, imprevedibile e chiaramente fuori di testa. Abbiamo provato ad aiutarla, ad essere comprensivi e far capire che c’è qualcosa che non va, ma a dispetto delle nostre migliori intenzioni semplicemente lei non riesce a vederlo. Non ha introspezione e qualunque cosa abbiamo fatto ci è stata risbattuta in faccia.
2. L’ orco controllante – Non ci lascia mai fare nulla. Controllava sempre dove eravamo, con chi eravamo, cosa stavamo facendo, ci sentivamo come se ci fosse stato messo addosso un dispositivo di localizzazione e tutto ciò che volevamo fare era una battaglia già in partenza;
3. Il dipendente da sostanze – che si trattasse di alcol, benzodiazepine, erba, abitudini di costoso shopping, gioco d’azzardo, cibo spazzatura, non importava, queste persone avevano una terribile dipendenza da cui naturalmente abbiamo cercato di guarirli ma questo non li avrebbe aiutati;
4. Il folle geloso – cercava sempre di accusarci di avere relazioni, vedere altri uomini, flirtare ed essere ossessionate dall’attenzione altrui;
5. Un narcisista – L’ex era sicuramente uno di quelli (possiamo aver letto a riguardo e suonava bene o in realtà l’ex ci ha chiamati così una volta quindi glielo ributtiamo in faccia) e questo significava che lui o lei fossero persone orribili verso di noi, oh le storie che potremmo raccontarti riguardo a questa terribile condizione e in effetti lo faremo;
6. L’abusante violento – lui o lei mi attaccherebbero, ho dovuto chiamare la polizia così tante volte per trattare con lui, un passante una volta mi ha dovuto salvare dopo che aveva cominciato a prendermi a pugni in strada, sono un bel tipo quindi so cavarmela ma è stato comunque sgradevole avere qualcuno che ami che ti prende a calci nelle palle.
7. Ossessionato РSemplicemente non mi darebbe nessuno spazio per me stesso e perfino ora, nonostante le abbia detto che ̬ finita, non mi lascia in pace, non intendo spaventarti ma probabilmente al momento mi sta stalkerando, semplicemente sembra che non riesca ad accettare che ̬ la fine.
8. Il criminale РCombinava ogni genere di impresa criminale, rubava macchine, vendeva droghe, faceva rapine, semplicemente era davvero troppo. Non so perch̩ facesse tutto questo quando guadagnavo abbastanza soldi per entrambi ma semplicemente continuava e alla fine era troppo quando ha cercato di coinvolgermi;
9. La famiglia Addams – Lei era proprio strana. La sua famiglia doveva stare con noi tutto il tempo. Abbiamo traslocato da loro per risparmiare l’affitto ma poi quando alla fine siamo andati altrove per conto nostro, ogni volta che tornavo dal lavoro qualche membro della sua grande famiglia sarebbe stato lì ed era come se ci fossero sempre almeno tre di noi nella relazione e beh, sono certo che fossero un po’ troppo amorevoli ed appiccicosi se capisci quel che voglio dire.

Ci sono decine di etichette in più che sono sicuro che potresti aggiungere. Il fatto è però che scoprirai che parleremo di questa persona quotidianamente, offrendoti l’ultimo aneddoto riguardo alle degenerazioni e i comportamenti anomali di questa persona. Ricevi una disamina forense di cosa questa persona ha detto e fatto mentre richiamiamo talmente in dettaglio che puoi vederlo nella tua mente.

Questa insistenza sull’ex naturalmente viene messa in atto per numerosi scopi:-

1. Attirare solidarietà da parte tua riguardo a come siamo stati trattati;
2. Fare appello alle tue doti empatiche per consolarci, aiutarci e amarci dopo questa terribile esperienza;
3. Fare appello al tuo desiderio di superare il tuo rivale passato mostrando che tu sei un partner di molto migliore rispetto a questa persona e quindi a sua volta noi otteniamo più benefici dal tuo desiderio rafforzato;
4. Farci sembrare una brava persona che ha provato ad aiutare l’ex;
5. Farci sembrare una persona rispettabile che ha perseverato;
6. Far sì che non ti piaccia l’ex così che risponderai in maniera ostile se dovessi incontrarle sulla tua strada;
7. Assicurarci che l’ex non abbia credibilità nel caso in cui tentassero di andare fuori dal seminato cercando di avvertirti riguardo a noi;
8. Creare una scusa pronta per ogni cattivo comportamento che possiamo mostrare se la maschera dovesse scivolare (“mi dispiace, è chiaro che sono rimasto traumatizzato dopo il modo in cui Kate mi ha trattato”)
9. Attingere carburante da te nei termini della tua solidarietà, rabbia, odio per ciò che quella persona ci ha apparentemente fatto;
10. Supportare la diffamazione che avremo fatto mentre ci preparavamo a dis-impegnarci dal precedente Partner Intimo Fonte Primaria.

All’inizio sarai compiaciuto di sentire questi rapporti sui bollettini giornalieri contro il tuo ex rivale dato che questo servirà a respingere qualunque paura tu possa avere sul fatto che potremmo tornare indietro o che potremmo soccombere ad un approccio da parte di questa persona per riconquistarci. Più ci ascolti riversare disprezzo su di loro, più ti senti felice e più diventi sicuro. Parleremo di loro mentre ci assicuriamo la tua alleanza verso di noi, ricordandoti sempre di questo spettro che promette di essere il fantasma alla festa.

Una volta che sei stato incorporato allora spesso smetteremo di parlare di loro perché li abbiamo concretamente cancellati dalla nostra mente come conseguenza dell’instaurazione del periodo d’oro che ora stiamo godendo con te. Però, se c’è una ragione per loro di continuare ad apparire nella nostra sfera di influenza (l’ex continua a contattarci per capire perché ci siamo dis-impegnati da loro, per sbrigare la restituzione di una proprietà, per partecipare agli accordi sui contatti con i figli, per far fronte a problemi legati al divorzio) allora continueremo a menzionarli. Non avremo interesse ad interagire con queste persone perché vogliamo relegarle al passato ma se continuano a comparire allora continueremo a menzionarle con lo scopo di attingere ulteriore carburante da parte tua, riferendoci alla Diavolessa o all’Orco.

Di conseguenza, il bollettino giornaliero, calunnie, insulti e così via riguardo all’ex seguirà questo schema:-

1. Estesi riferimenti mentre iniziamo la seduzione verso di te non appena l’ex entra negli stadi finali della svalutazione;
2. Le menzioni continuano una volta che tu sei stato incorporato se l’ex appare nella nostra sfera di influenza.
3. Gli accenni si fermano concretamente una volta che l’ex sta alla larga e comincia l’Instaurazione del Periodo D’Oro.

Raggiungere il punto tre d’altra parte significa che avrai sperimentato discussioni ed osservazioni in abbondanza riguardo all’ex dato che tutto è stato passato al setaccio nei più piccoli dettagli. Se ci fosse una nuvola di parole per questo periodo di tempo tra te e noi, “tu” ed “ex” rivaleggerebbero l’un l’altra per la supremazia.

Tuttavia questa frequenti riferimenti all’ex non sono ancora finiti.

Una volta che inizia la tua Svalutazione come Partner Intimo Fonte Primaria allora l’ex (o gli altri ex) inizieranno ad essere menzionati (o menzionati nuovamente) ma naturalmente tutti le insinuazioni, gli insulti e le calunnie a questo punto verranno spazzati via perché ora l’ex (o gli ex) verranno visti in una luce “candida” comparata alla tua posizione in una luce “oscura”. Di conseguenza, verrai confrontato e messo in contrapposizione con questo ex quotidianamente e secondo gli aspetti a cui si fa riferimento in una o più delle possibilità seguenti:

1. L’unica – lei era l’unica che ci abbia veramente capito e quanto la rivogliamo indietro;
2. Il super dio del sesso – lui era dinamite tra le lenzuola e brami ancora una volta quell’eccitazione, confrontata con il fiasco con cui stiamo ora;
3. La mamma dell’anno – è così brava con i bambini, molto meglio di te Malvagia Matrigna (ovviamente i bambini potrebbero benissimo confermarlo perché lo pensano realmente (non è certo la scoperta del secolo) o sono stati manipolati da parte nostra a pensarlo).
4. La dea domestica Рlei faceva risplendere e teneva in ordine questo posto, portava meravigliose cene in tavola ed appariva sempre al meglio. Guardati, sei un disastro, non sai cucinare e questa casa ̬ una discarica. Cosa ho fatto?
5. Il re dei soldi – ragazzi quanto lavorava, portava dei bei soldi e si prendeva cura di me. Tu cosa fai? Niente o hai un lavoro sottopagato (confrontato con il suo).
6. La santa – lei non mi avrebbe mai trattato in questo modo, tu mi hai raggirato per mettermi con te e mi hai portato via da una donna così meravigliosa, ti odio per questo;
7. Vita sana Рlui curava il suo corpo, mangiava nel modo giusto, non beveva troppo e guarda come ti comporti tu, mangi schifezze e fumi (hai mangiato un hamburger negli ultimi sei mesi e fumi forse due sigarette al giorno Рma non importa perch̩ il pensiero scisso si ̬ manifestato ancora una volta).

Ripeto, ci sarebbero molte altre etichette per la persona che una volta era il Diavolo Incarnato ma che ora è Tornato Sul Piedistallo. A peggiorare le cose quando provi a sottolineare il modo in cui li etichettavamo e con cui ci riferivamo a tutti i terribili comportamenti dell’ex, ti accuseremo di inventarti le cose, essere geloso, proiettare i tuoi personali comportamenti e così via cosa che ti lascerà ferito e assolutamente confuso riguardo a che accidenti succede.

Parleremo di ritornare dall’ex cosa che ti lascerà allibito quando ribatterai che questa persona ha fatto cose orribili (secondo noi). Negheremo che le abbia fatte, attenuandone l’impatto o facendo riferimento al fatto che l’ex è cambiato (ovviamente questo poi ti allerta del fatto che abbiamo interagito con loro dietro le tue spalle cosa che spesso è vera dato che li abbiamo riagganciati). Se l’ex risponde al nostro tentativo di recupero e viene sedotto nuovamente allora certamente sai già cosa ti sta accadendo quando parliamo con loro, non è vero? Sì, proprio così, ti daremo quelle etichette che una volta davamo a loro mentre parliamo di come siamo stati imbrogliati, di come siamo stati indotti in errore, di come la nuova Risorsa Primaria Intima  in realtà ci abbia detto bugie riguardo all’ex e che siamo stati presi da queste.

Non è mai colpa nostra. È sempre di qualcun altro.

La triangolazione è la parte principale della dinamica narcisistica. Ci concede due forti linee di carburante, fa sì che le parti combattano per noi, le fa lavorare duramente per mantenerci (o attirarci via) quando percepiscono che c’è una minaccia. È un’eccellente manipolazione che funziona ogni volta.

Pertanto, adoriamo essere capaci di parlare di ex, baby.

H.G. TUDOR

Let’s Talk About Ex, Baby

Pubblicato il Lascia un commento

📰 DIECI RACCONTI DI TRIANGOLAZIONE

La triangolazione è uno strumento base di manipolazione del nostro arsenale. La triangolazione è un modo conveniente per descrivere una tresca, avere una scappatella con qualcuno, flirtare, giocare in trasferta, investire in una nuova prospettiva, concedersi una distrazione, trastullarsi e così via. La realtà è che la triangolazione offende i principi del motivo per cui due persone sono in una relazione ed è un metodo di manipolazione che viene usato per ottenere carburante, causare confusione ed esercitare controllo. La ragione principale per cui lo facciamo è perché siamo capaci di ricavare due fonti di carburante da due diversi dispositivi. Qualche volta il carburante è doppiamente positivo e altre sia positivo che negativo. Questo è edificante e rinvigorente. Potresti essere triangolato con una persona o un oggetto. Potrebbero esserci triangoli all’interno di altri triangoli. La triangolazione fornisce carburante ma ci permette anche di generare caos ed impegnarci in tattiche di distrazione dove tu e l’altra persona vi attaccate a vicenda, non realizzando (o forse non volendo far vedere di aver capito per la paura di essere considerati dei perdenti) che siamo noi che abbiamo causato la triangolazione. Solitamente non sarai consapevole che sei stata triangolata con l’altra persona. È più facile che manteniamo te e l’altra persona separati e trascorriamo il nostro tempo con loro e poi il nostro tempo con voi. Otteniamo carburante da entrambe e nessuna di voi sa dell’altra. Non vediamo alcun problema nel comportarci in questo modo. Non siamo mai responsabili; abbiamo il diritto di fare come ci pare. Non facciamo distinzione tra di voi perché siete semplicemente dispositivi per noi e quindi interamente intercambiabili. Prima che decidiamo di alzare la posta in gioco e svelarti del tuo avversario, così da amplificare le tue reazioni e risposte, potresti essere in grado di accorgerti che sei stato triangolata perché ci sono certi episodi che lo dicono. Questi sono più evidenti sia nell’Inferiore che nel Medio della nostra tipologia dato che potrebbero mancare delle funzioni superiori nel ricordare le cose che hanno fatto o detto e occasionalmente fanno dei passi falsi, rivelando quindi il racconto. Se ci metti a confronto con questi episodi racconteremo delle frottole, persuadendoti che non vuol dire niente, questa persona è un’amica, c’è un’anomalia nel telefono, lo ha fatto qualcun altro, ti stai immaginando le cose, stai esagerando e nel nostro tradizionale modo negheremo e proietteremo e se ce n’è bisogno attaccheremo perfino nel tentativo di proteggere il nostro investimento sia in te che nell’altra persona. Se vedi questi episodi, non provocarci a riguardo. Ci stai solo dando un modo per attingere carburante da te, confonderti e uscirne. Se li vedi ora sai cosa significano. Sei stata triangolata. Qui ce ne sono dieci.

1. Il nostro cellulare duplicherà i messaggi. Mandiamo lo stesso messaggio a te e all’altra persona, spesso entro pochi secondi dal primo.
2. Ti compreremo un regalo doppio avendotelo già dato uguale una settimana o due prima.
3. Ti diremo qualcosa che ti abbiamo già detto prima, più o meno parola per parola.
4. Faremo riferimento a qualcosa che hai detto sebbene tu non l’abbia mai detto (è stata l’altra persona a farlo).
5. Faremo riferimento a qualcosa che apparentemente abbiamo fatto insieme che tu non ricorderai (questo perché l’abbiamo fatto con l’altra persona).
6. Ti chiameremo con il nome di qualcun altro.
7. Potresti sentirci dire cose sottovoce come “lei non lo farebbe” “lei lo farebbe”.
8. Sbaglieremo nel riconoscere che tu hai fatto qualcosa per noi pensando che sia stata l’altra persona a farlo, per esempio un regalo a sorpresa.
9. Rimarcheremo che non vogliamo rifare una cosa anche se non l’abbiamo mai fatta con te (L’abbiamo fatta con l’altra persona).
10. Faremo una domanda fuori contesto. Per esempio, chiederti come sta tuo padre ricoverato che invece non ha nulla (ovviamente è il padre dell’altra persona ad essere malato).

H.G. TUDOR

Ten Tells of Triangulation

Pubblicato il Lascia un commento

👥 FUORI GUARDANDO DENTRO

Pensi a me ogni giorno. Aspetti quei messaggi stuzzicanti e allettanti che arrivano ripetutamente durante il giorno e poi si esauriscono verso le sei del pomeriggio quando sai che sono a casa con lei. Una volta ogni tanto potrebbe esserci un messaggio improvviso alle 21:00 che ti dice che è andata un attimo in bagno e che ti amo, mi manchi e odio stare lontano da te. Il messaggio ti avvisa anche di non rispondere, perciò tutto quel che sei in grado di fare è toccare lo schermo luminoso e provare ad avvertire il sentimento dietro questi messaggi elettronici di desiderio.

Come apprezzi quel periodo intorno alle 5:30 del pomeriggio quando ogni giorno parliamo al telefono, solo io e te. Torno a casa in macchina dall’ufficio e uso la mezz’ora o giù di lì per deliziarti con i miei complimenti e farti quelle promesse che forse un giorno tornerò a casa in macchina da te. Qualunque cosa tu stia facendo, ti assicuri sempre di essere disponibile e il tuo telefono è libero per ricevere questa chiamata. Organizzi prontamente degli impegni sociali che si svolgeranno più tardi o rimani sul posto di lavoro, sistemata nell’ufficio, sembri essere impegnata in una chiamata di lavoro, anche se sorridi troppo per qualcosa che riguarda il lavoro. Quella mezz’ora di paradiso quando parliamo come se stessimo davvero insieme, facendo progetti, discutendo delle cose che ci piacciono e non ci piacciono, pianificando la prossima volta che potremo strappare del tempo per fare l’amore senza essere scoperti o ridere di ciò di cui avevamo parlato quando ci siamo incontrati a pranzo.

Riesci a organizzarti per pranzare con me almeno una volta alla settimana. Scegliamo deliberatamente un luogo in cui nessuno dei due è probabile che venga riconosciuto e ci posizioniamo nell’angolo e fuori dalla vista. Mano nella mano sotto il tavolo e poi sciolte quando il cameriere ci si avvicina, per sicurezza. Baci rubati, sguardi e promesse prolungati, oh così tante promesse del meraviglioso mondo che ci attende una volta che riuscirò a liberarmi dalle catene del mio matrimonio.

Ascolti con cura e attenzione, facendo sfoggio dell’empatia per la quale sei stata scelta mentre faccio riferimenti obliqui alla mia miserabile vita domestica. Ogni volta premi delicatamente per avere più informazioni per permetterti di capire che cosa devo sopportare. Che cosa devo sopportare e che cosa mi ha spinto tra le tue braccia? Cerco di non dire troppo all’inizio. Non voglio che i nostri tempi troppo brevi insieme siano rovinati dalla mia storia di dolore, ma il tuo orecchio comprensivo si rivela irresistibile e ti permetto di apprendere le ingiustizie che soffro quotidianamente.

“Non ce la facciamo più ad andare avanti.”

“Ha perso interesse sessuale per me tre anni fa. Sono stupito di aver resistito così a lungo.”

“Nulla di ciò che faccio sembra abbastanza buono. Non importa quanto sodo mi impegni, trova sempre qualcosa da criticare.”

Tu ascolti e annuisci. So che sei capace di tutto per intervenire, far scorrere un coltello tra me e lei e spezzare i nostri legami, ma l’onestà di cui sei permeata ti impedisce di farlo. Suggerisci persino dei motivi per cui le cose stanno in questo modo. Sei gentile, generosa e comprensiva.

Rabbrividisci alle mie improvvise chiamate dal nulla. Rispondi sempre dopo un solo squillo, a volte anche meno, si denota quindi che il tuo telefono sta vicino a te in ogni momento. La tua voce mi dice sempre quanto sei felice di sentirmi. Quando ci incontriamo i tuoi occhi, i tuoi baci, i tuoi abbracci e il tuo entusiasmo nel parlare mi fanno salire alle stelle mentre assisto alla tua devozione e al tuo desiderio.

Provi un’ondata di eccitazione quando vieni svegliata da un trillo nel bel mezzo della notte e vedi che sono riuscito a mandarti un altro messaggio.

“Non riesco a toglierti dalla mia testa e dovevo fartelo sapere. Non rispondere, sono a letto con lei.”

La gioia che provi nel sentirmi quando te l’aspettavi viene smorzata dalla consapevolezza che sono con lei e non con te.

I fine settimana sono i momenti più difficili come spesso mi dici. Posso dire che tu vorresti aggiungere altro, ma so che hai paura di allontanarmi se sei troppo esigente. Ti scrivo quando posso e riesco persino a chiamarti, parlando a voce bassa da una toilette o da uno spogliatoio in un grande magazzino, soffocando la mia risata perché ho finto di provare alcuni vestiti solo per poterti chiamare.

Ti tengo comunque agganciata. So quanto mi vuoi. So che mi ami e so che vuoi che io sia amato, per portarmi via dall’inferno del mio matrimonio. Ti prometto che un giorno staremo insieme. Ora non è il momento, non è giusto in questo momento, c’è un evento di famiglia in arrivo e non avrebbe senso gettare una bomba simile con quello all’orizzonte, c’è una vacanza familiare che lei ha prenotato e io non lo sapevo fino ad ora ma cosa posso fare? Dovrò andare. Continuo a fare promesse e a produrre scuse, e tu continui a restare in sospeso.

So che ti chiedi perché tengo il telefono vicino a me. Non hai ancora detto niente ma io non sono stupido. Posso vedere il sospetto nei tuoi occhi quando mi sveglio e controllo immediatamente il mio cellulare.

“Sto aspettando un’e-mail importante che potrebbe arrivare dagli Stati Uniti durante la notte”, spiego e sfodero un sorriso disarmante. Tu annuisci. Sembri accettare la spiegazione.

Ti sei lamentata di come non riesci a rintracciarmi al telefono quando chiami mentre sono sulla strada di casa. Quante volte hai lasciato messaggi che mi chiedevano di comprare un po’ di latte o di andare a prendere uno dei nostri figli al nuoto o al calcio solo che io io ho ricevuto il messaggio troppo tardi?

“Devo essere disponibile per i miei clienti. Non sanno che sono alla guida per andare a casa, né se ne preoccupano; hanno bisogno di parlarmi. Dopotutto, se non fosse per loro, non avremmo questo non trovi?” Spiego con piacere indicando col braccio disteso la grande casa e gli arredi costosi che ci circondano. Annuisci in segno di approvazione. Capisci che il mio lavoro è importante. Ti dico abbastanza spesso che lo è.

“Vorrei che mi raggiungessi per pranzo quando vengo in città”, dici ogni settimana o giù di lì. Ti bacio la fronte e ti dico che vorrei avere il tempo di godermi il pranzo con la donna che amo ma che per me è un sandwich e una bottiglia di acqua frizzante. Ci sono obiettivi da raggiungere. Annuisci nel comprendere e mi dici che lavoro troppo. Ti ringrazio e la mia mente si sposta su ciò che mangerò in quel ristorante thailandese in cui pranzerò domani.

“Vorrei che ti lasciassero da solo”, sospiri quando mi giro dall’altra parte nel letto dopo aver fatto l’amore con te. La tua mano indugia sulla mia schiena, desiderosa di mantenere la vicinanza e il contatto mentre prendo il mio telefono sul comodino e mando un messaggio a tarda notte prima di metterlo a faccia in giù.

“Lo so, ma fa eccezione svegliarmi per un problema”, rispondo prima di girarmi di nuovo verso di te e baciarti mentre ci accoccoliamo nel nostro letto matrimoniale.

So che adori i nostri weekend insieme quando le richieste della settimana lavorativa si intromettono meno nella nostra vita domestica. Riesco a percepire che mi guardi mentre mi siedo, con il telefono in mano, un sorriso di contentezza che si disegna attraverso quelle labbra, ma neanche lontanamente ampio come il sorriso dentro di me mentre sparo un messaggio allettante e provocatorio.

“Sto solo vedendo se Dan è disponibile per lo squash la prossima settimana. Martedì sera, quindi tornerò tardi,” dico attraverso la stanza a titolo di spiegazione, aprendo uno spazio vuoto durante la settimana per una persona diversa da te. Sorridi, annuisci e torni al tuo libro.

“Ti amo” dico improvvisamente e tu alzi lo sguardo, la devozione e il desiderio bruciano nei tuoi occhi e questo sembra così intimo che quasi mi porta a dire qualcosa, ma il pensiero passa e mi crogiolo nell’ammirazione e nell’amore che mi mandi. Non hai mai smesso di farlo.

Tu non sai di lei.

Lei pensa di sapere tutto di te.

Nessuna di voi sa veramente cosa sono io.

H.G. TUDOR

Outside Looking In

Pubblicato il Lascia un commento

📑 PROTEGGERE ALTRI DAL NARCISISTA

Quando vedi un amico o un familiare nella nostra morsa, cosa devi fare?

Non mi riferisco al caso in cui vedi il tuo rimpiazzo come partner intimo, qualcuno che spesso è un estraneo per te, ma che a volte potrebbe essere qualcuno che già conosci. Per quanto possa sembrare allettante, in questi casi, in cui tu non conosci il tuo rimpiazzo e non importa quanto senti che dovresti avvisare questa persona, stai solo perdendo tempo.

L’incantesimo della nuova vittima è così intenso e la diffamazione verso di te come persona che ha subito lo scarto ed è stata rimpiazzata fa sì che le tue chance di persuadere la nuova vittima sul fatto che siamo quel che siamo, raggiungano quasi lo zero.

In una situazione tale devi tener conto della tua difesa personale e devi lasciare che siano le nuove vittime a determinare il proprio destino, per quanto possa suonare duro e senza cuore, per tutto il resto ci sono poche speranze.

Ma per quanto riguarda la situazione in cui non hai avuto nessun coinvolgimento o hai avuto un piccolo coinvolgimento precedente con la nostra tipologia e certamente non sei stato intrappolato da noi? Che succede quando allunghiamo i nostri tentacoli verso qualcuno a cui tieni?

Può darsi che tu sia sufficientemente consapevole (e quindi appartieni al gruppo raro di quelli che hanno consapevolezza e sono attenti osservatori) da identificare che una persona a cui tieni stia nel bel mezzo della nostra seduzione. Tu riconosci le bandiere rosse (molto probabilmente perché l’hai sperimentato in prima persona) e ora le rivedi, ma applicate a un amico o a un membro della tua famiglia. Queste potrebbero essere:-

РFatichi a trascorrere tempo con queste persone perch̩ monopolizziamo il loro tempo.

– Parlano incessantemente di noi e di quanto siamo meravigliosi, facendo riferimento a quanto velocemente ci siamo innamorati di loro, che vogliamo trascinarli in vacanza nel giro di poche settimane dal primo incontro o ci sono perfino delle voci riguardo un fidanzamento e/o andare a vivere insieme con una fretta eccessiva;

– Il tuo amico ha uno sguardo sognante, rimane senza fiato e ha quasi delle reazioni ipnotiche di fronte alla nostra offensiva fascinosa;

– Tutto sembra girare attorno a noi, parlano di ciò che facciamo, di cosa vogliamo fare con loro e di cosa abbiamo fatto.

Tu riconosci fin troppo bene questi comportamenti. Sia per quanto riguarda il modo in cui gli insidiosi tentacoli della nostra tipologia serpeggiano intorno a queste persone e sia per come reagiscono.

Sai cosa li aspetta. Sai che l’illusione verrà intessuta in modo più denso, profondo e stretto attorno alla nostra vittima. Sai di come tutto diventerà acido poiché la svalutazione inizia e si scatena il maltrattamento. Dal momento che sei senza dubbio una persona empatica hai uno schiacciante desiderio di voler aiutare questa persona. Ti senti anche in dovere di condividere la conoscenza, “l’Arte Narcisistica” che hai acquisito. Potresti perfino avere un impulso da evangelizzatore riguardo alla necessità di aprire forzando la nostra morsa e permettere a questa persona di liberarsi.

Se decidi di aiutare, quali sono gli ostacoli che dovrai affrontare?

1. La facciata. Avremo una facciata preconfezionata di Luogotenenti e membri della nostra congrega che saranno felici di garantire per noi. Queste persone confermeranno che grandi persone siamo, gentili, rispettabili e di quanto adoriamo la persona che speri di liberare. Non solo ti verrà detto questo al fine di indebolire e far deragliare il tuo tentativo di liberare questa persona, ma l’obiettivo verrà continuamente esposto a questa propaganda. È la tua parola contro la parola di molti. In questo senso affronti una dura battaglia;
2. La natura del love bombing di provocare assuefazione. Tutti amano essere trattati bene. Se una persona viene affascinata, trattata come una regina, messa su un piedistallo, riempita di complimenti, festeggiata, corteggiata, le vengono offerti prelibatezze e doni, viene esposta a ripetuti piaceri e così via, come potrebbe non piacergli? Chi potrebbe mai rinunciarvi? Questo potere del nostro fascino, magnetismo e bombardamento d’amore rende molto difficile alla vittima di dire di no e rinunciare a ciò che stiamo offrendo.
3. Il rispecchiamento. Ho spiegato spesso che per via del nostro rispecchiamento tu ti innamori di te stesso. È così irresistibile che se dovessi provare ad intervenire per fermare tutto questo, allora stai negando a qualcuno se stesso. È molto difficile da ottenere.
4. La nostra ubiquità. Al fine di provare a persuadere la persona a cui tieni che c’è qualcos’altro rispetto a ciò che appare, devi avere il tempo per farlo. Noi monopolizziamo il loro tempo, sia tramite la nostra presenza, le nostre telefonate, la creazione dell’impressione dell’eterna presenza, i nostri messaggi e l’uso di comportamenti per procura tramite i nostri luogotenenti e la nostra congrega. Sei in minoranza e questo rende la tua missione ancora più ardua.
5. Diffamazione. Verrai diffamato. Quando arriviamo nella vita di una delle nostre vittime ci teniamo anche ad affascinare le persone intorno. È per rafforzare la facciata e ci assicura anche che non ci saranno impedimenti alla nostra seduzione. Siamo esperti nell’identificare quelli che hanno sospetti sulle nostre intenzioni, quelli che sono diffidenti riguardo il nostro atteggiamento e che potrebbero mettersi contro di noi. Dato che possiamo rilevarlo prontamente, faremo dei passi per isolarti dalle nostre vittime. Non solo, ti diffameremo in molti modi

РSei invidioso di quello che noi e le vittime abbiamo e inventeremo conversazioni in cui ̬ stato detto;

РCi hai provato con noi anche se sapevi che stavamo con il tuo amico/sorella/cugino ecc.. Ancora una volta ̬ inventato ma lo facciamo con una tale convinzione basata sulla nostra conoscenza ed esperienza che la vittima quasi sempre crede alle nostre parole rispetto a quelle di chiunque altro.

– Stai provando a controllare la vittima. Un classico caso di proiezione in cui insinuiamo che tu, come variabile interveniente, cerchi sempre di controllare la vita di questa persona. Ovviamente stai solo cercando di fare la cosa giusta, ma dobbiamo tingerlo di una luce completamente diversa.

6. Spesso selezioniamo quelle vittime che in precedenza hanno sofferto in qualche modo. Di conseguenza, questo significa che la vittima è sempre così grata di avere qualcuno che ora è così amorevole e gentile come noi. La grande debolezza che proviene dall’aver sofferto in precedenza viene nuovamente sfruttata, facendo sì che la vittima si aggrappi saldamente a noi e si allontani da te.

7. Ingenuità. La maggior parte della gente è credulona. Desiderano pensare bene degli altri, prendono le persone per ciò che appaiono e questo li rende vulnerabili.

8. Anticipazione. Identifichiamo che porti guai, qualcuno che potrebbe provare a ostacolare i nostri piani con la vittima. Quindi, diciamo alla vittima ciò che abbiamo previsto che dirai su di noi. Possiamo persino ammettere alcune delle cose che sappiamo dirai riguardo a noi in modo da dimostrare che non abbiamo nulla da nascondere. Questo ci farà apprezzare da parte delle nostre vittime e gli permetterà di dirti, dalla loro prospettiva di combattente per la libertà, che abbiamo già ammesso riguardo le accuse e spiegato perché è accaduto. Quindi il pungiglione e il bruciore vengono rimossi dalla nostra potenziale trasparenza.

Affrontando questi ostacoli, il fatto che siamo avversari determinati ed esperti e una vittima apparentemente passiva è totalmente comprensibile che tu concluda che non ci sia speranza e che lasci che le cose facciano il proprio corso nello stesso modo in cui avverrebbe quando vedi intrappolare il tuo rimpiazzo.

Però possiedi un vantaggio.

Questa volta conosci bene la vittima. E loro conoscono te. Si fidano di te.

Inevitabilmente avrai un solo tentativo per mostrare loro la luce. Tentativi ripetuti di persuaderli ti porteranno soltanto a fare il nostro gioco come miglior amico pazzo e geloso o parente controllante.

Laddove il tuo rimpiazzo ti vedrà con sospetto, la persona a cui tieni almeno ti starà a sentire. Nello stesso modo in cui si fronteggia una campagna denigratoria tu devi permettere alla vittima di prendere le proprie decisioni. A questo fine devi:-

1. Spiegare i comportamenti che hai identificati come problematici;
2. Spiegare perché sai che sono problematici (ad esempio basarti sulla tua esperienza personale, su del materiale che hai letto)
3. Spiegare che lo stai dicendo unicamente perché tieni alla persona e che rispetti il fatto che sia la sua vita e quindi lo dirai solo una volta;
4. Mostrare in modo breve del materiale indipendente che mostra come i vari comportamenti siano di natura narcisistica e parte della seduzione;
5. Invitare la persona a smascherare il nostro comportamento facendo alcune domande
Questo approccio potrebbe dare loro il tempo di chiedere cosa sta accadendo. Questo darà loro il tempo di riflettere e trovare da soli la soluzione. Se non lo vedono, ripeterlo non farà la differenza, il lavaggio del cervello è già in azione e finirai per farti allontanare.

Piantando un seme di analisi, riflessione e dubbio, potrai ritardare il processo seduttivo per far dare un’occhiata al nostro vero sé dietro la maschera, specialmente se il narcisista è un Inferiore o Medio. La sfida alla loro presunta seduzione perfetta, gli ostacoli all’invischiamento altrimenti predetto e la loro mancanza di controllo se comparati a quello del Narcisista Superiore potrebbero portare la maschera a scivolare in una fase precoce, la rabbia ad innescarsi e ad una prova del nostro sfogo. Questo potrebbe essere un argomento decisivo nel permetterti di fare un sorriso compiaciuto e dichiarare

“Che ti avevo detto?”

Hai la possibilità di essere un combattente per la libertà. La finestra per l’opportunità è stretta e le probabilità sono contro di te, ma puoi farcela.

Se al primo tentativo non riesci, non insistere sulla questione. Un secondo tentativo non sarebbe fruttuoso e finirai per invalidare la tua capacità di assistere la persona a cui tieni durante la svalutazione. Invece, tieniti pronto ad afferrare questa persona quando il periodo d’oro finisce e inizia la svalutazione. Potresti aver fatto abbastanza per assicurarti che quando il campo di battaglia si altera nel momento in cui inizia la svalutazione tu abbia più di una chance di combattimento per assicurare infine la libertà di questa persona.

H.G. TUDOR

Protecting Others From the Narcissist

Pubblicato il Lascia un commento

📑 6 DIFFAMAZIONI SULL’EX

L’ex partner. La Ex Fonte Primaria Intima. Ce ne sarà sempre una quando ti coinvolgi con la nostra specie perché le accumuliamo nello stesso modo in cui la gente compra vestiti: facilmente, frequentemente ed inclini a diventare di moda o fuori moda. Ci dimenticheremo presto di un ex come se non fosse mai esistito o lo faremo risorgere per provare cosa abbiamo dovuto sopportare prima che arrivassi tu o per ricordarti che sei giù dal piedistallo e avremmo dovuto rimanere con chi ti ha preceduto. L’ ex è l’ingrediente basilare in ogni triangolazione che utilizziamo con te. Non saprai mai la verità riguardo a loro da quello che diciamo. Ad un certo punto dovresti parlarci e conoscere la verità, possibilmente allearvi l’uno con l’altro ma saremo impegnati con una nuova persona, focalizzati nella sostituzione, felici di dimenticare gli ex o spacciare altre menzogne su di loro. Qui ecco sei tra le bugie preferite e tipicamente contraddittorie sui nostri ex.

1. Sono stato sfruttato da loro

Proseguendo dritto fuori dai cancelli a tutta velocità lungo l’Autostrada della Compassione è frequente il ritornello di quanto male siamo stati trattati da chi ti ha preceduto. Lui o lei erano dei mostri, orribili e senza cuore. Li avevo trattati così bene, come un principe o una principessa, dando a questa persona così tanto amore e attenzioni e tutto ciò che hanno fatto è stato rinfacciarmelo. Ho dato tutto me stesso e non ho ricevuto altro che maltrattamenti. Violenza, umiliazioni sessuali, rovina finanziaria, insulti, trattamento del silenzio, scegli tu, sono stato sottoposto a quello. La mia massima dose di proiezione è finalizzata a calunniare il predecessore dovessero mai avvicinarsi a te e tentare di convincerti che in realtà ero io il carnefice. Voglio anche che tu ti dispiaccia per me e con quella deliziosa natura empatica che ti appartiene voglio che mi proteggi da quella belva, quell’arpia, quel perverso ex che ha ferito una persona preziosa e meravigliosa come me.

2. Sono stato preso in trappola da lei/lui

Lei o lui sapevano di essere di fronte ad una cosa buona quando mi hanno incontrato. Io sono una brava persona, cerco sempre di aiutare gli altri, penso il meglio di loro e faccio la cosa giusta. Sono sempre stato visto come un trofeo naturalmente e sarai d’accordo con me quando ti dico che qualcuno come me, bello, intelligente, colto, raffinato, di successo, benestante, simpatico e magnetico è proprio un gran bel premio. Vedo che stai annuendo in segno d’approvazione. Non chiedo molto perché io sono generoso e tollerante e penso che lo sappiano perché lui o lei hanno sfruttato la mia natura divina e mi hanno intrappolato appena hanno potuto. Mi hanno fatto trasferire da loro/Si sono trasferiti da me. Mi hanno fatto prendere casa con loro. Mi hanno fatto la proposta di matrimonio a due settimane dal nostro incontro. Sono rimasta incinta/ lei è rimasta incinta in un attimo. Non mi importava perché credo nell’amore ma ora quando mi guardo indietro capisco che sono stato preso in trappola. Volevano ingabbiarmi e lo hanno fatto coabitando/sposandomi/avendo un bambino così presto dopo esserci incontrati. Non sono uno che si sottrae alle proprie responsabilità e sono rimasto con loro nonostante quanto fossero orribili con me una volta saputo che non potevo andarmene. Non fraintendermi, non c’è nulla di sbagliato nel trasferirsi presto o fidanzarsi in poche settimane o concepire nel giro di due mesi, ma deve essere con la persona giusta, no?

Un’enorme inversione dei ruoli mentre ti spiego la verità di cosa è accaduto con l’ex ma inverto i ruoli e poi li uso per gettare le basi per fare lo stesso con te, con la tua benedizione.

3.  È pazzo/a

Ti devo avvertire riguardo la pazzia della mia ex. Lei aveva un’ossessione per me. Non mi lascia mai stare. Controlla il mio profilo sui social, lo so, perché i miei amici me lo dicono e lei usa profili falsi per lasciarmi messaggi e commenti. Vorrei chiudere il mio profilo ma perché dovrei questo la farebbe vincere no? Io Lei gironzola fuori da dove lavoro e mi segue fino a casa. Lei probabilmente cercherà di parlarti e non avere dubbi sul fatto che ti dirà moltissime bugie su di me. Non credere ad una parola di ciò che dice. Lei non tollera che io abbia chiuso con lei e non riesce a lasciar perdere. Lei deve sapere cosa sto facendo perché la sua vita è così vuota. Vedi, lei vive attraverso di me, ma non preoccuparti, so cosa ha in mente e me la vedrò con lei al momento giusto. Non hai bisogno di preoccuparti perché io ti proteggerò, ma mi sembra giusto metterti in guardia perché lei ovviamente proverà a separarci, ma non succederà non è vero? Bene, sono contento che hai annuito e sorriso. Lei è totalmente fuori.

Più proiezione e fango sulla ex per cercare di far sì che tu mantenga l’idea che quello che dico sia vero, dipingendola come una Matta e legandoti più strettamente a me mentre appaio come l’eroico difensore.

4. Migliore di te

Non so perché sto con te. Mi tratti molto peggio del mio ex partner. Avrei dovuto rimanere con lui o lei e non interessarmi mai a te. Semplicemente tu mi irriti sempre. Non come lei o lui. Lui o lei erano meravigliosi, interessanti, gentili e mi amavano più di quanto tu potrai mai fare. Non so perché ho lasciato che tu mi allontanassi da loro, dovevo essere sotto qualche incantesimo. È questo che hai fatto? Mi hai sedotto allontanandomi da lui-lei per renderci entrambi infelici? Che persona orribile sei. Lui o lei sono migliori nel cucinare/ lavorare/ divertire/carattere/fare sesso/ fare il genitore/ intrattenere gli ospiti rispetto a te. Devo aver perso la ragione nel momento in cui ho scelto te invece di lui-lei.
Dovresti prendere esempio e imparare da loro e forse, solo forse potrai fare ammenda per ciò che hai fatto e rendermi felice ancora. Ho intenzione di farti impegnare più a fondo e darti una chance, perché è questo il tipo di persona che sono, di farti perdonare per le cose orribili che hai fatto. Hai la possibilità di sistemare le cose con me e impegnarti di più. Cosa stai aspettando?

5. La amo ancora

La amo ancora. È così. Qualche volta incontri qualcuno che ha quel qualcosa e tu mi hai fatto capire che la amo ancora, più di quanto amo te. Lo so che può suonare crudele ma se puoi, considera una cosa di te e me ed è che tu mi hai aiutato a realizzare quali sono i miei veri sentimenti e di cosa ho bisogno. Avrai sempre il mio ringraziamento per questo. So che può ferirti ma dovresti trovare una consolazione nel fatto che hai fatto qualcosa di buono e mi hai fatto realizzare per cosa vale la pena lottare. Devo andare e riconquistarla e dirle che la amo. Sono certo che troverai la felicità da qualche parte ma non con me. Lo so che mi ami, è facile innamorarsi di me, ma voglio qualcun altro più di quanto voglia te e tu dovresti saperlo ormai, non accetto il premio di consolazione. Quindi, ora devo andare e stare con l’unico vero amore.
Naturalmente non amo nessuno, ma se questo artificio mi porta carburante da te e da lei, allora dirò tutto ciò che è necessario, no?

6. Lei mi ama ancora

Che posso dire? Lei mi ama ancora e credo che tu ti ci debba solo abituare. Dovresti capire perché so quanto tu mi ami e per lei è lo stesso. Credo che dobbiamo solo imparare a convivere con il fatto che lei continua a cercarmi, volermi e provare a mettersi tra noi, ma so che posso contare su di te per fermare ciò che sta accadendo, non è vero? No, non c’è bisogno di affrontarla, penso che sarebbe solo irritante, per entrambi. Lo so, non posso farci niente ma tengo a tutte e due, per me siete entrambe speciali, ma lasciala stare, lascia che me ne occupi io. La cosa migliore che puoi fare è amarmi di più di come fa lei, adorami più di quello che fa lei e fai tutto ciò che è in tuo potere per tenermi qui. Dopotutto non dovrebbe essere difficile, dato che ti amo così tanto.

Lei in realtà mi odia e non vuole più vedermi ma non c’è nulla di male nell’incentivarti a sottometterti al mio controllo e darmi più carburante, no?

H.G. TUDOR

Smearing the Cast Off

Pubblicato il Lascia un commento

📰 PERCHÉ IL NARCISISTA È TORNATO INDIETRO?

Ripensi a quel tempo glorioso in cui eri corteggiato dal narcisista che ti ha intrappolato. Tra il piacere e l’eccitazione di quella potente e vertiginosa seduzione c’è una buona probabilità che sia stata fatta menzione dell’ex di lui o di lei. Quelle persone erano il diavolo incarnato, non è vero? Abusanti, alcolisti, tossicodipendenti, cacciatori d’oro, giocatori d’azzardo, scansafatiche, parassiti, non aiutavano mai in casa, non aiutavano mai con i bambini, avevano un caratteraccio, asociali, imbarazzanti, giocavano tutto il giorno ai videogiochi e così via.
Non c’è dubbio che l’ex del tuo narcisista fosse una o più di queste cose. Sono stati diffamati da subito.

“Lui è semplicemente cattivo.”

“Lei è completamente fuori di testa”

“Credimi non la vuoi incontrare; è una pazzoide”

“Lui è violento e disgustoso. Affascinante fuori ma orribile dentro.”

Un centinaio di modi differenti per assicurarsi che tu pensi male del predecessore e meglio di noi. Lodi per esserci liberati, solidarietà per ciò che abbiamo passato, incoraggiamento per stare con te. Il carburante fluiva mentre raccontavamo storie su storie di trattamenti orribili. Tutto questo veniva detto dopo che ci eravamo sganciati da questa persona mentre ti inserivamo nel nostro mondo.

Potrebbe anche essersi trattato del caso in cui tu abbia iniziato una tresca con noi. Abbiamo ammesso di essere sposati, di vivere con qualcuno o di essere in una relazione ma una combinazione del nostro magnetismo carismatico e i racconti di sventure riguardo a come il nostro partner fosse orribile e maltrattante hanno fatto sì che tu vedessi qualcuno di meraviglioso che aveva bisogno del tuo amore e non ti sei sentito realmente preoccupato di interferire nella nostra relazione. Dopo tutto, quante volte ti abbiamo detto che non facevamo più sesso con loro, che non condividevamo nemmeno il letto, di come stavamo insieme solamente per il bene dei figli e centinaia di altre motivazioni che ti venivano date per sedurti e rassicurarti che era te che volevamo. Forse abbiamo anche lasciato il nostro partner per stare con te. Hai trionfato. Il bene ha superato il male poiché ti sei assicurato che avessimo il supporto, il coraggio e la determinazione per fuggire dal loro orribile trattamento. Ci hai avuto per te e il periodo d’oro ha potuto davvero iniziare.

Qualche tempo dopo, potrebbero essere settimane, potrebbero essere mesi e forse perfino anni, è successo qualcosa di strano.

Siamo tornati indietro.

Sei stato buttato senza tante cerimonie e siamo tornati nuovamente nelle braccia del nostro ex. Come è potuto essere? Come abbiamo potuto tornare da una persona così orribile, così abusante, così cattiva? Come abbiamo potuto ritornare da questa persona di cui ti avevamo raccontato così tante storie riguardo ai maltrattamenti e alla sua brutta personalità? Come abbiamo potuto tornare dopo che ci hai salvato da lei? Come abbiamo potuto farlo dopo tutto quello che hai fatto per noi? Laddove l’ex era orribile, tu eri piacevole, all’ex non importava, tu non hai mai smesso di essere amorevole e dove l’ex era crudele, tu sei stato meraviglioso. Ci hai aiutato durante la separazione e ci hai difeso quando il malvagio ex ci è venuto a cercare, incolpandoti per aver rotto un felice (ah ah!) matrimonio. Hai ascoltato le proteste sul fatto che avevi fatto girare la testa al partner, sussurrato bugie su di lui-lei e così a sua volta messo il partner contro di loro. Ricordi quanto attonito fossi nel momento in cui qualcuno ha avuto la sfrontatezza di comportarsi in maniera così violenta per poi accusarti di aver fatto le cose che aveva fatto. Questo ex era tale e quale a come te lo abbiamo descritto, vero? Manipolatorio, feroce e incolpa tutti tranne che se stesso. Proprio come ti avevamo avvertito, questa persona si comportava esattamente in base al carattere. Ti ha perfino accusato di certe cose ma non le hai creduto perché ti avevamo già avvertito che queste sono le cose che farebbe. Provare a farti pensare che eravamo noi gli abusanti al fine di spostare l’attenzione da come era veramente. Come diamine possiamo essere tornati da queste bugiarde, traditrici, maltrattanti, cattive e orribili persone? Non sembrava avere senso.

In certi casi, non hai ricevuto risposta. Il nostro numero è cambiato. Siamo tornati a vivere con questa persona in un posto che non conosci. Ti abbiamo bloccato sui social, le amicizie che pensavi di aver fatto nella nostra cerchia ti hanno bandito o ti hanno detto di accettare che sono cose che succedono e voltare pagina. Ma non puoi. Non riesci a capire per qualcuno potrebbe fare questo. Primo, perché tornare da un abusante? Secondo, perché buttare qualcuno meraviglioso come te che gli ha professato un vero e perfetto amore? Nulla ha più senso.

Forse sei riuscito a confrontarti con noi per provare a scoprire perché mai ci siamo comportati in un simile modo. Forse ti è stata data un’unica opportunità per comunicare il tuo caso e verificare perché l’abbiamo fatto lasciandoti devastato. Ti saranno state dette cose come: –

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a realizzarlo e per questo ti sono grato.”

” Lei mi ha promesso di cambiare e ho pensato si meritasse questa possibilità.”

” L’ho fatto per il bene dei bambini invece della mia felicità.”

” Siamo stati insieme vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei.”

Avrai discusso contro queste affermazioni. Avrai provato a persuaderci per riaverci indietro. Non c’è dubbio che tu abbia risposto così ad ognuna delle frasi sopra:-

“Non la ami. Come puoi amare qualcuno che ti ha maltrattato per così tanto? Hai già fatto la parte difficile, allontanandoti da lei, non puoi tornare indietro”

“Non cambierà. Perché dovrebbe? Hai detto tu stesso che lo aveva già promesso in precedenza e nulla era accaduto.”

“Se avessi fatto la cosa giusta per i tuoi bambini non li avresti esposti ad un’atmosfera tossica come quella che mi hai descritto tra te e lei.”

“Sei sotto il suo completo controllo. Non conosci altro che i suoi modi offensivi e li hai accettati. Non devi farlo. Posso aiutarti.”

I tuoi appelli ed esortazioni disperate e ben intenzionate sono falliti. La ragione è perché quando abbiamo detto ognuno dei commenti sopra, questo è ciò che realmente intendevamo.

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a realizzarlo e per questo ti sono grato.”

“Non mi hai fornito il carburante che pensavo mi avresti dato e ho capito che il carburante che avrei ottenuto tornando indietro e recuperando la mia ex e cercando un’altra possibilità avrebbe superato ciò che mi stavi dando ed ha funzionato. Ma non preoccuparti. Non ho intenzione di liberarmi di te per il momento. Ho organizzato una meravigliosa triangolazione per me, per te, per lei che porterò avanti tramite la riconciliazione. Sarà come quando avevamo una tresca (avere una tresca di nuovo). Com’è eccitante. Com’è pieno di carburante.”

“Lei ha promesso di cambiare e ho pensato che si meritasse questa possibilità”

“Io ho promesso di cambiare. Questo l’ha riportata indietro. Lo fa sempre e ci casca in pieno e questo carburante è migliore del tuo.”

“L’ho fatto per il bene dei bambini invece della mia felicità”

“Ho visto qualche crepa nella facciata e ho capito che la gente in realtà potrebbe rivoltarsi contro di me. Ho bisogno di questa facciata quindi al suo posto ho dovuto sacrificare te. Non lo saprai mai ma ho detto a lei, alla nostra famiglia e agli amici che sei una stalker e che cerchi di ricattarmi. Hanno capito. La facciata è intatta. Tu sei sacrificabile.”

“Siamo stati insieme per vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei.”

“La conosco dentro e fuori e so che non importa quante volte io lo faccia, lei mi riprenderà sempre indietro e mi darà del potente carburante di recupero. Lo so, ti ho detto che eri l’unica per cui avevo lasciato lei. Non era la verità. Non sei nulla di speciale. L’ho già fatto molte volte prima e lo farò ancora. Potrebbe anche essere nuovamente con te se sarai abbastanza stupida da darmi un’altra possibilità. È tutto buon carburante.”

Se sei sotto shock per l’improvvisa rivelazione che siamo ritornati dall’ex che era stato etichettato come orribile e maltrattante. Se non sei in grado di capire perché l’avremmo fatto, io lo capisco. Capisco che davvero non ha senso se visto dal tuo punto di vista. La realtà d’altra parte è che loro non mi hanno mai maltrattato. Io sono quello che maltratta. Io ti ho usata come avevo usato la mia partner per ottenere carburante. Ho proiettato i miei comportamenti su di loro e tu te la sei bevuta alla grande, dandomi tu carburante positivo e lei carburante negativo mentre ti triangolavo con lei. Potrei non essere tornato indietro, ma la qualità del carburante di recupero e la facilità con cui lo posso ottenere lo rende irresistibile. Ritornerò ancora da te e tu me lo lascerai fare perché hai assaporato il periodo d’oro. Credi ancora che lei sia una stronza e combattete per me incolpandovi l’una con l’altra invece di realizzare che sono io da incolpare. Io l’ho pianificato. Io l’ho orchestrato. Io sono il burattinaio.

H.G. TUDOR

Why Has the Narcissist Gone Back?

Pubblicato il Lascia un commento

📑 I DIECI TEST DELLE PROSPETTIVE IN COMPETIZIONE

Mi sono stancato della fornitura principale storica. Il carburante che dovrebbe essere fornito ad un livello di premio è diminuito in quantità e qualità. Mentre continua a fluire come parte della svalutazione che continua, è giunto il momento di fare un provino per la tua sostituzione. Ti corteggio seguendo il mio solito lavoro preparatorio una volta che sei stato preso di mira e ora ho iniziato la tua seduzione. Non sei l’unico. Sto seducendo anche qualcun altro. Ha senso avere una polizza assicurativa, dopo tutto. Non saprai di questo concorrente (almeno non ancora) ma credimi che quando sei nelle prime fasi della seduzione da parte della nostra specie, è molto probabile che io stia seducendo qualcun altro. Per identificare la migliore fonte di carburante in modo da scegliere la fonte primaria più efficace, stabiliremo una serie di test. Questi test non sono così ardui da rischiare che la seduzione fallisca, ma sono progettati per accertare quale delle due o più risorse concorrenti fornisce il miglior carburante. Questa performance corrente è un forte indicatore delle prestazioni future. Qui ci sono dieci dei test che sono comunemente utilizzati.

1. Inviare lo stesso messaggio di testo a entrambe le potenziali risorse per vedere chi risponde più velocemente.
2. Inviare lo stesso messaggio di testo a entrambe le potenziali risorse senza badare alla velocità nella risposta, ma alla risposta più carica di carburante.
3. Organizzare un appuntamento con entrambe le potenziali risorse e poi cancellarlo (con l’intenzione di riorganizzare naturalmente) per determinare chi è la più delusa e quali tra le risorse cercano di mantenere la data in vita apportando aggiustamenti e suggerimenti alternativi.
4. Chiamare entrambe le risorse nel cuore della notte per vedere chi risponde.
5. Inviare lo stesso regalo nello stesso momento per vedere chi ci ringrazia nel modo più rapido e con maggiore riconoscenza.
6. Se l’accoppiamento sessuale si è verificato in questa fase precoce, allora dormire con entrambe nell’intervallo di 24 ore (o meno) per determinare chi è l’amante più abile a darci carburante.
7. Simulare una piccola emergenza e vedere chi risponde più velocemente e con la massima preoccupazione e partecipazione.
8. Suggerire una data in cui so che le risorse hanno qualcos’altro da fare per vedere chi manderà a monte il suo impegno per incontrarmi.
9. Avere un luogotenente che cerca di organizzare un appuntamento con te per vedere se lo respingi e fai riferimento me.
10. Tenere una sfida sui social media per vedere quanti like, re-tweets, commenti ogni risorsa mette ai miei post in un intervallo di tre giorni per vedere chi pubblica di più e fornisce più carburante.

Non solo questa gara tra le due potenziali risorse ci fornisce un sacco di carburante proveniente da due fronti, ci consente di determinare su chi concentrare i nostri sforzi maggiori per garantire che vengano sedotte e diventino il nostro partner intimo e fonte primaria. Se il concorso è troppo vicino per scegliere dopo i dieci test di cui sopra, verranno applicati test aggiuntivi e i dieci sopra saranno rieseguiti. La vincitrice diventa il nostro partner intimo, ma le perdenti non tornano a casa a mani vuote, niente affatto. Probabilmente verrà loro assegnato il ruolo di amico di cerchia interno o esterno e saranno mantenute nella nostra sfera di influenza come fornitrici di carburante. Hanno anche un futuro ruolo futuro da svolgere come risorse per triangolazione e potrebbe anche esserci una promozione in vista a un certo punto….

H.G. TUDOR

The Ten Tests of Competing Prospects

Pubblicato il Lascia un commento

📑 DIFFAMARE IL RIFIUTO

L’ex partner. Ce ne saranno sempre quando ti coinvolgi con la nostra specie perché li accumuliamo nello stesso modo in cui la gente compra vestiti: facilmente, frequentemente ed inclini a diventare di moda o fuori moda. Ci dimenticheremo presto di un ex come se non fosse mai esistito o lo faremo risorgere per provare cosa abbiamo dovuto sopportare prima che arrivassi tu o per ricordarti che sei giù dal piedistallo e avremmo dovuto rimanere con chi ti ha preceduto. L’ ex è l’ingrediente basilare in ogni triangolazione che utilizziamo con te. Non saprai mai la verità riguardo a loro da quello che diciamo. Ad un certo punto dovresti parlarci e conoscere la verità, possibilmente allearvi l’uno con l’altro ma saremo impegnati con una nuova persona, focalizzati nella sostituzione, felici di dimenticare gli ex o spacciare altre menzogne su di loro. Qui ecco sei tra le bugie preferite e tipicamente contraddittorie sui nostri ex.

1. Sono stato sfruttato da loro

Proseguendo dritto fuori dai cancelli a tutta velocità lungo l’Autostrada della Compassione è frequente il ritornello di quanto male siamo stati trattati da chi ti ha preceduto. Lui o lei erano dei mostri, orribili e senza cuore. Li avevo trattati così bene, come un principe o una principessa, dando a questa persona così tanto amore e attenzioni e tutto ciò che hanno fatto è stato rinfacciarmelo. Ho dato tutto me stesso e non ho ricevuto altro che maltrattamenti. Violenza, umiliazioni sessuali, rovina finanziaria, insulti, trattamento del silenzio, scegli tu, sono stato sottoposto a quello. La mia massima dose di proiezione è finalizzata a calunniare il predecessore dovessero mai avvicinarsi a te e tentare di convincerti che in realtà ero io il carnefice. Voglio anche che tu ti dispiaccia per me e con quella deliziosa natura empatica che ti appartiene voglio che mi proteggi da quella belva, quell’arpia, quel perverso ex che ha ferito una persona preziosa e meravigliosa come me.

2. Sono stato preso in trappola da loro

Lei o lui sapevano di essere di fronte ad una cosa buona quando mi hanno incontrato. Io sono una brava persona, cerco sempre di aiutare gli altri, penso il meglio di loro e faccio la cosa giusta. Sono sempre stato visto come un trofeo naturalmente e sarai d’accordo con me quando ti dico che qualcuno come me, bello, intelligente, colto, raffinato, di successo, benestante, simpatico e magnetico è proprio un gran bel premio. Vedo che stai annuendo in segno d’approvazione. Non chiedo molto perché io sono generoso e tollerante e penso che lo sappiano perché lui o lei hanno sfruttato la mia natura divina e mi hanno intrappolato appena hanno potuto. Mi hanno fatto trasferire da loro/Si sono trasferiti da me. Mi hanno fatto prendere casa con loro. Mi hanno fatto la proposta di matrimonio a due settimane dal nostro incontro. Sono rimasta incinta/ lei è rimasta incinta in un attimo. Non mi importava perché credo nell’amore ma ora quando mi guardo indietro capisco che sono stato preso in trappola. Volevano ingabbiarmi e lo hanno fatto coabitando/sposandomi/avendo un bambino così presto dopo esserci incontrati. Non sono uno che si sottrae alle proprie responsabilità e sono rimasto con loro nonostante quanto fossero orribili con me una volta saputo che non potevo andarmene. Non fraintendermi, non c’è nulla di sbagliato nel trasferirsi presto o fidanzarsi in poche settimane o concepire nel giro di due mesi, ma deve essere con la persona giusta, no?

Un’enorme inversione dei ruoli mentre ti spiego la verità di cosa è accaduto con l’ex ma inverto i ruoli e poi li uso per gettare le basi per fare lo stesso con te, con la tua benedizione.

3. Sono pazzi/e

Ti devo avvertire riguardo la pazzia della mia ex. Lei aveva un’ossessione per me. Non mi lascia mai stare. Controlla il mio profilo sui social, lo so, perché i miei amici me lo dicono e lei usa profili falsi per lasciarmi messaggi e commenti. Vorrei chiudere il mio profilo ma perché dovrei questo la farebbe vincere no? Io Lei gironzola fuori da dove lavoro e mi segue fino a casa. Lei probabilmente cercherà di parlarti e non avere dubbi sul fatto che ti dirà moltissime bugie su di me. Non credere ad una parola di ciò che dice. Lei non tollera che io abbia chiuso con lei e non riesce a lasciar perdere. Lei deve sapere cosa sto facendo perché la sua vita è così vuota. Vedi, lei vive attraverso di me, ma non preoccuparti, so cosa ha in mente e me la vedrò con lei al momento giusto. Non hai bisogno di preoccuparti perché io ti proteggerò, ma mi sembra giusto metterti in guardia perché lei ovviamente proverà a separarci, ma non succederà non è vero? Bene, sono contento che hai annuito e sorriso. Lei è totalmente fuori.

Più proiezione e fango sulla ex per cercare di far sì che tu mantenga l’idea che quello che dico sia vero, dipingendola come una Matta e legandoti più strettamente a me mentre appaio come l’eroico difensore.

4. Migliori di te

Non so perché sto con te. Mi tratti molto peggio del mio ex partner. Avrei dovuto rimanere con lui o lei e non interessarmi mai a te. Semplicemente tu mi irriti sempre. Non come lei o lui. Lui o lei erano meravigliosi, interessanti, gentili e mi amavano più di quanto tu potrai mai fare. Non so perché ho lasciato che tu mi allontanassi da loro, dovevo essere sotto qualche incantesimo. È questo che hai fatto? Mi hai sedotto allontanandomi da lui-lei per renderci entrambi infelici? Che persona orribile sei. Lui o lei sono migliori nel cucinare/ lavorare/ divertire/carattere/fare sesso/ fare il genitore/ intrattenere gli ospiti rispetto a te. Devo aver perso la ragione nel momento in cui ho scelto te invece di lui-lei.
Dovresti prendere esempio e imparare da loro e forse, solo forse potrai fare ammenda per ciò che hai fatto e rendermi felice ancora. Ho intenzione di farti impegnare più a fondo e darti una chance, perché è questo il tipo di persona che sono, di farti perdonare per le cose orribili che hai fatto. Hai la possibilità di sistemare le cose con me e impegnarti di più. Cosa stai aspettando?

5. La amo ancora
La amo ancora. È così. Qualche volta incontri qualcuno che ha quel qualcosa e tu mi hai fatto capire che la amo ancora, più di quanto amo te. Lo so che può suonare crudele ma se puoi, considera una cosa di te e me ed è che tu mi hai aiutato a realizzare quali sono i miei veri sentimenti e di cosa ho bisogno. Avrai sempre il mio ringraziamento per questo. So che può ferirti ma dovresti trovare una consolazione nel fatto che hai fatto qualcosa di buono e mi hai fatto realizzare per cosa vale la pena lottare. Devo andare e riconquistarla e dirle che la amo. Sono certo che troverai la felicità da qualche parte ma non con me. Lo so che mi ami, è facile innamorarsi di me, ma voglio qualcun altro più di quanto voglia te e tu dovresti saperlo ormai, non accetto il premio di consolazione. Quindi, ora devo andare e stare con l’unico vero amore.
Naturalmente non amo nessuno, ma se questo artificio mi porta carburante da te e da lei, allora dirò tutto ciò che è necessario, no?

6. Lei mi ama ancora

Che posso dire? Lei mi ama ancora e credo che tu ti ci debba solo abituare. Dovresti capire perché so quanto tu mi ami e per lei è lo stesso. Credo che dobbiamo solo imparare a convivere con il fatto che lei continua a cercarmi, volermi e provare a mettersi tra noi, ma so che posso contare su di te per fermare ciò che sta accadendo, non è vero? No, non c’è bisogno di affrontarla, penso che sarebbe solo irritante, per entrambi. Lo so, non posso farci niente ma tengo a tutte e due, per me siete entrambe speciali, ma lasciala stare, lascia che me ne occupi io. La cosa migliore che puoi fare è amarmi di più di come fa lei, adorami più di quello che fa lei e fai tutto ciò che è in tuo potere per tenermi qui. Dopotutto non dovrebbe essere difficile, dato che ti amo così tanto.

Lei in realtà mi odia e non vuole più vedermi ma non c’è nulla di male nell’incentivarti a sottometterti al mio controllo e darmi più carburante, no?

H.G. TUDOR

Smearing the Cast Off