📰 DIFFAMARE IL RIFIUTO

78943856_118411546295928_2366233638124650496_n.jpg

L’ex partner. Ce ne saranno sempre quando ti coinvolgi con la nostra categoria perché li accumuliamo nello stesso modo in cui la gente compra vestiti: facilmente, frequentemente ed inclini a diventare di moda o fuori moda. Ci dimenticheremo presto di un ex come se non fosse mai esistito o lo faremo risorgere per provare cosa abbiamo dovuto sopportare prima che arrivassi tu o per ricordarti che sei giù dal piedistallo e avremmo dovuto rimanere con chi ti ha preceduto. L’ ex è l’ingrediente basilare in ogni triangolazione che utilizziamo con te. Non saprai mai la verità riguardo a loro da quello che diciamo. Ad un certo punto dovresti parlarci e conoscere la verità, possibilmente allearvi l’uno con l’altro ma saremo impegnati con una nuova persona, focalizzati nella sostituzione, felici di dimenticare gli ex o spacciare altre menzogne su di loro. Qui ecco sei tra le bugie preferite e tipicamente contraddittorie sui nostri ex.

1. Sono stato sfruttato da loro

Proseguendo dritto fuori dai cancelli a tutta velocità lungo l’Autostrada della Compassione è frequente il ritornello di quanto male siamo stati trattati da chi ti ha preceduto. Lui o lei erano dei mostri, orribili e senza cuore. Li avevo trattati così bene, come un principe o una principessa, dando a questa persona così tanto amore e attenzioni e tutto ciò che hanno fatto è stato rinfacciarmelo. Ho dato tutto me stesso e non ho ricevuto altro che maltrattamenti. Violenza, umiliazioni sessuali, rovina finanziaria, insulti, trattamento del silenzio, scegli tu, sono stato sottoposto a quello. La mia massima dose di proiezione è finalizzata a calunniare il predecessore dovessero mai avvicinarsi a te e tentare di convincerti che in realtà ero io il carnefice. Voglio anche che tu ti dispiaccia per me e con quella deliziosa natura empatica che ti appartiene voglio che mi proteggi da quella belva, quell’arpia, quel perverso ex che ha ferito una persona preziosa e meravigliosa come me.

2. Sono stato preso in trappola da loro

Lei o lui sapevano di essere di fronte ad una cosa buona quando mi hanno incontrato. Io sono una brava persona, cerco sempre di aiutare gli altri, penso il meglio di loro e faccio la cosa giusta. Sono sempre stato visto come un trofeo naturalmente e sarai d’accordo con me quando ti dico che qualcuno come me, bello, intelligente, colto, raffinato, di successo, benestante, simpatico e magnetico è proprio un gran bel premio. Vedo che stai annuendo in segno d’approvazione. Non chiedo molto perché io sono generoso e tollerante e penso che lo sappiano perché lui o lei hanno sfruttato la mia natura divina e mi hanno intrappolato appena hanno potuto. Mi hanno fatto trasferire da loro/Si sono trasferiti da me. Mi hanno fatto prendere casa con loro. Mi hanno fatto la proposta di matrimonio a due settimane dal nostro incontro. Sono rimasta incinta/ lei è rimasta incinta in un attimo. Non mi importava perché credo nell’amore ma ora quando mi guardo indietro capisco che sono stato preso in trappola. Volevano ingabbiarmi e lo hanno fatto coabitando/sposandomi/avendo un bambino così presto dopo esserci incontrati. Non sono uno che si sottrae alle proprie responsabilità e sono rimasto con loro nonostante quanto fossero orribili con me una volta saputo che non potevo andarmene. Non fraintendermi, non c’è nulla di sbagliato nel trasferirsi presto o fidanzarsi in poche settimane o concepire nel giro di due mesi, ma deve essere con la persona giusta, no?

Un’enorme inversione dei ruoli mentre ti spiego la verità di cosa è accaduto con l’ex ma inverto i ruoli e poi li uso per gettare le basi per fare lo stesso con te, con la tua benedizione.

3. Sono pazzi/e

Ti devo avvertire riguardo la pazzia della mia ex. Lei aveva un’ossessione per me. Non mi lascia mai stare. Controlla il mio profilo sui social, lo so, perché i miei amici me lo dicono e lei usa profili falsi per lasciarmi messaggi e commenti. Vorrei chiudere il mio profilo ma perché dovrei questo la farebbe vincere no? Io Lei gironzola fuori da dove lavoro e mi segue fino a casa. Lei probabilmente cercherà di parlarti e non avere dubbi sul fatto che ti dirà moltissime bugie su di me. Non credere ad una parola di ciò che dice. Lei non tollera che io abbia chiuso con lei e non riesce a lasciar perdere. Lei deve sapere cosa sto facendo perché la sua vita è così vuota. Vedi, lei vive attraverso di me, ma non preoccuparti, so cosa ha in mente e me la vedrò con lei al momento giusto. Non hai bisogno di preoccuparti perché io ti proteggerò, ma mi sembra giusto metterti in guardia perché lei ovviamente proverà a separarci, ma non succederà non è vero? Bene, sono contento che hai annuito e sorriso. Lei è totalmente fuori.

Più proiezione e fango sulla ex per cercare di far sì che tu mantenga l’idea che quello che dico sia vero, dipingendola come una Matta e legandoti più strettamente a me mentre appaio come l’eroico difensore.

4. Migliori di te

Non so perché sto con te. Mi tratti molto peggio del mio ex partner. Avrei dovuto rimanere con lui o lei e non interessarmi mai a te. Semplicemente tu mi irriti sempre. Non come lei o lui. Lui o lei erano meravigliosi, interessanti, gentili e mi amavano più di quanto tu potrai mai fare. Non so perché ho lasciato che tu mi allontanassi da loro, dovevo essere sotto qualche incantesimo. È questo che hai fatto? Mi hai sedotto allontanandomi da lui-lei per renderci entrambi infelici? Che persona orribile sei. Lui o lei sono migliori nel cucinare/ lavorare/ divertire/carattere/fare sesso/ fare il genitore/ intrattenere gli ospiti rispetto a te. Devo aver perso la ragione nel momento in cui ho scelto te invece di lui-lei.
Dovresti prendere esempio e imparare da loro e forse, solo forse potrai fare ammenda per ciò che hai fatto e rendermi felice ancora. Ho intenzione di farti impegnare più a fondo e darti una chance, perché è questo il tipo di persona che sono, di farti perdonare per le cose orribili che hai fatto. Hai la possibilità di sistemare le cose con me e impegnarti di più. Cosa stai aspettando?

5. La amo ancora

La amo ancora. È così. Qualche volta incontri qualcuno che ha quel qualcosa e tu mi hai fatto capire che la amo ancora, più di quanto amo te. Lo so che può suonare crudele ma se puoi, considera una cosa di te e me ed è che tu mi hai aiutato a realizzare quali sono i miei veri sentimenti e di cosa ho bisogno. Avrai sempre il mio ringraziamento per questo. So che può ferirti ma dovresti trovare una consolazione nel fatto che hai fatto qualcosa di buono e mi hai fatto realizzare per cosa vale la pena lottare. Devo andare e riconquistarla e dirle che la amo. Sono certo che troverai la felicità da qualche parte ma non con me. Lo so che mi ami, è facile innamorarsi di me, ma voglio qualcun altro più di quanto voglia te e tu dovresti saperlo ormai, non accetto il premio di consolazione. Quindi, ora devo andare e stare con l’unico vero amore.

Naturalmente non amo nessuno, ma se questo artificio mi porta carburante da te e da lei, allora dirò tutto ciò che è necessario, no?

 

6. Lei mi ama ancora

Che posso dire? Lei mi ama ancora e credo che tu ti ci debba solo abituare. Dovresti capire perché so quanto tu mi ami e per lei è lo stesso. Credo che dobbiamo solo imparare a convivere con il fatto che lei continua a cercarmi, volermi e provare a mettersi tra noi, ma so che posso contare su di te per fermare ciò che sta accadendo, non è vero? No, non c’è bisogno di affrontarla, penso che sarebbe solo irritante, per entrambi. Lo so, non posso farci niente ma tengo a tutte e due, per me siete entrambe speciali, ma lasciala stare, lascia che me ne occupi io. La cosa migliore che puoi fare è amarmi di più di come fa lei, adorami più di quello che fa lei e fai tutto ciò che è in tuo potere per tenermi qui. Dopotutto non dovrebbe essere difficile, dato che ti amo così tanto.

Lei in realtà mi odia e non vuole più vedermi ma non c’è nulla di male nell’incentivarti a sottometterti al mio controllo e darmi più carburante, no?

H.G. TUDOR

Smearing The Cast Off

📑 LA STELLA CHE SI DISSOLVE

191122D The Fading Star.jpgTutti quelli che fanno parte della nostra Matrice di Carburante hanno un ruolo nel mantenere la nostra esistenza. Il nostro costrutto, ciò che imprigiona il demone e ciò che vogliamo che il mondo veda, deve essere mantenuto per preservare la nostra esistenza. Altrimenti, iniziamo a svanire mentre il costrutto si sbriciola e crolla. Il mantenimento di questo costrutto dipende interamente dalla fornitura di carburante e voi ne fate parte integrante. Come si collegano quindi i vari tipi di dispositivi al fine di impedirci di svanire?

Ho spiegato come attingiamo carburante da fonti primarie, secondarie e terziarie. Queste fonti variano in potenza e sono influenzate naturalmente dal metodo di fornitura del carburante. La fonte primaria rimane la nostra più importante fonte di carburante poiché è questa persona, di solito il partner intimo, con cui stiamo più di chiunque altra, ma anche che ha la maggiore reazione emotiva a ciò che diciamo e facciamo. Pertanto, questa persona ci fornisce la maggior parte del carburante e del tipo più potente. Sono anche coloro che soddisfano Gli Scopi Primari (che includono il carburante) più di chiunque altro. La fonte primaria è naturalmente il più importante fornitore di carburante, motivo per cui seduciamo questa persona con tanta dedizione, scateniamo una così terribile svalutazione e continuiamo a recuperarla dopo la fuga o il disimpegno. Facciamo un tale investimento in te come fonte primaria che consideriamo nostro diritto continuare a prelevare carburante da te, che sia positivo o negativo, che sia ora, la prossima settimana o tra dieci anni. Tu appartieni a noi, nella nostra mente.

Le fonti secondarie sono quelle che danno un buon carburante e sono invariabilmente quelle che fanno parte della nostra facciata. I nostri luogotenenti e la circolo sociale sono tratti dalle fonti secondarie – amici, familiari e colleghi – con cui interagiamo spesso, ma non nella stessa misura della nostra fonte primaria. E le fonti secondarie non danno lo stesso elevato carburante della fonte primaria. Le fonti secondarie svolgono una funzione eccellente come parte della facciata e il mantenimento di questa facciata è importante, quindi preferiamo mantenere le stesse persone e continuare ad aggiungerne. Le fonti secondarie godono invariabilmente di lunghi periodi d’oro con noi. Questo perché la nostra chiamata su di loro è intermittente e quindi è molto meno probabile che consideriamo il loro carburante stantio. Inoltre, possiamo avere molte fonti secondarie ma abbiamo sempre una sola fonte primaria. Quindi, se una tale fonte secondaria non ci ammira molto (ma non ci sta criticando e continua a fornire carburante), non merita una svalutazione. Resta leale, resta parte della facciata e passeremo a un’altra fonte secondaria per aumentare il carburante. Non è necessario svalutare o abbandonare la fonte secondaria iniziale. Perciò potresti vedere la nostra tipologia avere un amico che è “la stella del momento” perché il loro carburante è migliore di altre fonti secondarie e quindi il carburante cede di qualità ma non è un problema dato che possiamo aggiungere un’altra fonte secondaria o passare a un’altra che forse non abbiamo visto da un paio di mesi. Ciò è vantaggioso in quanto significa che la nostra energia può essere conservata per svalutare la fonte primaria mantenendo al contempo una gamma di fonti secondarie funzionanti a portata di mano e la facciata intatta.

Le fonti secondarie raramente smettono di fornire carburante. Non ne hanno bisogno. Una fonte primaria può farlo a causa della caduta in uno stato di salute cagionevole causata dalla svalutazione o perché impara come affrontare la nostra specie come risposta all’abuso. La fonte secondaria, quasi sempre trattata con un periodo d’oro prolungato, non ha bisogno di adottare una posizione di non fornitura di carburante.

Una fonte secondaria potrebbe tuttavia criticarci e, in tal caso, potrebbe essere soggetta a svalutazione, ma di solito sono escluse dal circolo e sostituite abbastanza facilmente. Verrà diffamata e fatta sentire come un’estranea, con il narcisista che usa la facciata e altre fonti secondarie per raggiungere questo scopo. Ci piace creare i nostri gruppi e se qualcuno che è una fonte secondaria minaccia la nostra supremazia o fornisce una critica, verrà espulsa dal gruppo.

L’occasione per la svalutazione della fonte secondaria è rara. Succede solo in due casi. In primo luogo, la risorsa ha criticato il narcisista (questa critica potrebbe giungere attraverso qualcosa che viene detto al narcisista o qualcosa che è stato fatto, ad esempio l’esporre il comportamento del narcisista agli altri) e così la furia viene accesa e il narcisista decide che questa persona deve essere resa un esempio di, prima di essere scartato, per mostrarlo al resto del circolo sociale in carica.

In secondo luogo, in un’istanza ancora più rara può accadere quando il narcisista non ha una fonte primaria. Se c’è assenza di una fonte primaria per un periodo di tempo, diciamo un numero di settimane, i livelli di carburante del narcisista saranno stati messi alla prova. Avrà cercato di sedurre e installare una nuova fonte primaria sostitutiva e il più delle volte il narcisista in quella situazione è in grado di farlo con successo. Tuttavia, supponiamo che ciò non sia avvenuto. Il narcisista si rivolge alle sue fonti secondarie e terziarie (quasi più alle terziarie) e fa affidamento più del solito su di loro perché gli forniscano carburante durante l’assenza della fonte primaria. All’inizio non ci sono problemi, le fonti secondarie forniscono carburante positivo che sostiene il narcisista, ma se ha solo poche fonti secondarie, allora non ci vorrà molto prima che le sue richieste di carburante superino il combustibile positivo che esse possono dare. La qualità inferiore del loro carburante (rispetto alla fonte primaria) viene evidenziata dall’assenza della fonte primaria. È anche perché ne viene posta loro una maggiore richiesta.

Alla fine, la fonte primaria per il narcisista verrà sempre prima di chiunque altro e sarà anche molto più vicina. Non importa quanto sia allettante. Se la fonte secondaria ha a che fare con la sua famiglia, il suo lavoro e così via, potrebbe non essere disponibile a fornire carburante. Se ciò dovesse accadere, in combinazione con l’aumento della domanda e la mancanza di una fonte primaria, la tensione sulle fonti secondarie positive inizierà a rivelarsi. Ciò significa che il narcisista dovrà aggiungere nuove fonti secondarie e / o svalutare le fonti secondarie per passare al carburante negativo, in modo sa essere sostenuto. Questo funzionerà per un periodo di tempo con l’amico confuso della cerchia ristretta che è una fonte secondaria, che sta cercando di capire perché il suo presunto migliore amico lo sta ignorando e subito dopo cerca di ricucire la relazione. Una fonte secondaria tuttavia non sosterrà la svalutazione così a lungo quanto una fonte primaria e potrebbe persino condizionare anche altre fonti secondarie, facendo notare come viene trattata. Il narcisista sta già soffrendo per una riduzione dei livelli di carburante e la supremazia della sua facciata è stata messa in discussione. Questo ne fa aumentare le richieste per lui.

Le fonti terziarie forniscono la minima quantità di carburante e generalmente godono anche di lunghi periodi d’oro – ad esempio la signora che lavora nella stazione di servizio o il postino – dal momento che da loro viene attinto solo su base intermittente. Le fonti terziarie possono anche essere utilizzate immediatamente per il carburante negativo, ad esempio rimproverare un cameriere o gridare al commesso. Noi non li consideriamo necessari per il mantenimento della facciata, il loro carburante negativo fornisce una spinta utile e tale comportamento arrogante può impressionare una fonte primaria (o secondaria) e ricavarne carburante positivo se necessario.

Se non c’è una fonte primaria per un certo periodo di tempo, aumenta la dipendenza dalle fonti terziarie. Ci sarà una maggiore attività nell’uso della tecnologia per attirare queste persone verso il narcisista – come sui siti di incontri, chat rooms o attraverso i social media, ma se l’affidamento è frequente e la qualità del carburante alta, diminuirà rapidamente e coloro che sono stati legati al narcisista in questo modo verranno scartati e sostituiti prontamente con nuove fonti terziarie remote. Ci sarà un alto turnover. Allo stesso tempo, il narcisista probabilmente si butterà sempre di più su fonti fisicamente vicine man mano che il livello del carburante diminuisce. Questo avviene per due motivi. In primo luogo, ha bisogno più che mai del carburante da fonti terziarie e il combustibile negativo è meglio di quello positivo. In secondo luogo, sarà furioso di essersi ritrovato in questa posizione (non avere una fonte primaria senza averne una su cui buttarsi), quindi le fonti terziarie sopportano il peso di questa rabbia.

Un narcisista senza una fonte primaria finirà per allontanare le fonti secondarie e in certi ambienti, ad esempio una piccola città, si darà da fare per sostituirle quando le persone si renderanno conto di quello che lui è. Può mancargli l’energia per mantenere il ricambio delle fonti terziarie remote e passa il suo tempo a scagliarsi contro quelli che sono fisicamente vicini. A questo punto il narcisista è costretto a perdere la facciata (dal momento che così tante persone conoscono il suo comportamento) per continuare a estrarre carburante. È ora che ha tre scelte: –

1. Assicurarsi immediatamente una nuova fonte primaria;
2. Spostare il suo ambiente in modo da poter cercare nuove fonti secondarie e terziarie e ricostruire la sua facciata; oppure
3. Cadere in depressione e inattività mentre i suoi livelli di carburante precipitano.

Il narcisista diventa una stella che si dissolve. Una volta splendente, magnifico e luminoso, la sua perdita della fonte primaria e l’incapacità di trovarne un’altra implica che il seducente splendore svanisce mentre un buco nero l’attende. Comincia a dissolversi quando entra in una crisi da carburante. Così puoi vedere quanto siano fondamentali le fonti primarie nell’esistenza della nostra specie e perché facciamo un tale sforzo per assicurarcele, sostituirle e recuperarle di nuovo.

H.G. TUDOR

The Fading Star

📰 LA TERAPIA

79180006_118412076295875_9062029614695579648_n.jpg

Noi non abbiamo bisogno di terapie. La risposta al perché è così è semplice. Non c’è nulla che non va in noi.
Occasionalmente possiamo essere costretti a sottoporci a un trattamento ma è un’altra storia. Non sentiamo l’impulso a sottoporci volontariamente all’analisi e terapia perché non c’è niente che non va in noi. Sì, sappiamo che il nostro modo di trattare le altre persone è spesso spiacevole e ha notevoli lati negativi per quelli che ne sono vittime ma questo ancora non rappresenta una buona ragione per cui dobbiamo avere bisogno di una qualche forma di assistenza. Il modo in cui ci comportiamo è il modo in cui ci comportiamo. Fattene una ragione. Non possiamo trattenerci dall’agire in questo modo perché è il modo in cui siamo stati progettati. Noi dobbiamo ottenere il nostro prezioso carburante e se questo significa prendercela con qualcuno e ferire gli altri, emozionalmente e fisicamente allora questo è il prezzo che deve essere pagato. Da te.

Devi inoltre ricordare che dato che non abbiamo il concetto di empatia, quando vediamo che il nostro comportamento danneggia gli altri non ci influenza. Non ci sentiamo colpevoli, non proviamo vergogna per ciò che abbiamo fatto e non sentiamo il bisogno di porre rimedio al danno ingiurioso che abbiamo fatto agli altri. Questo è il nostro modus operandi e non può essere cambiato. Aggiungi la nostra assenza di rimorso e avrai due grandi ragioni per cui non andremo nella direzione di farci curare per cambiare il nostro atteggiamento.

Naturalmente, ci saranno volte in cui parleremo della possibilità di andare in terapia

“Ho bisogno di aiuto. Adesso lo so. Tu sei l’unica che può farlo.”

“Se cercherò assistenza per questa terribile malattia, resterai e mi aiuterai?”

“Non so perché lo faccio, forse ho bisogno di aiuto. Mi aiuterai?”

“Cambierò, andrò a farmi visitare da qualcuno, solo non lasciarmi, ti prego”

Sono tutte promesse vuote. Ricorda, le parole ci vengono facili. Facciamo penzolare queste carote di penitenza e comprensione per farti fare ciò che vogliamo. Una volta che siamo al sicuro e tu provi a riscuotere l’assegno che abbiamo firmato scopri che non solo la banca è stata chiusa ma rasa al suolo. Non è solo la questione che non ci sia nessuno da cui incassare, non c’è un luogo dove si possa farlo.

La terapia è per i deboli e gli stupidi. Sottoporsi ad essa è un’ammissione di debolezza. Nei rari casi in cui accada, è solo per permetterci di ottenere qualcosa che vogliamo o vogliamo evitare che ci succeda qualcosa di drastico e quindi riteniamo che la contropartita valga la pena. Lo facciamo nella certezza che qualsiasi trattamento non avrà effetti perchè:

1. Usiamo le nostre arti subdole manipolative per ingannare la persona che ci tratta che arriva alla conclusione che non c’è niente che non vada in noi.
2. Trascorriamo il tempo provando a sedurre il terapista e questo può funzionare o se sopravvive alla nostra manipolazione è comunque forzato ad interrompere le sedute.
3. Non vogliamo cambiare e vediamo le azioni del terapista come una sfida diretta che dobbiamo contrastare. La nostra energia è canalizzata nel frustrare e sconfiggere lui o lei e non nell’applicarci al trattamento.
4. Consideriamo la terapia come una fonte di carburante.

Il risultato è che è inutile. La realtà è che solo quelli che sono impegnati con noi sono gli unici che finiscono per aver bisogno di una terapia. Spesso accade che la nostra condotta sconcertante e disorientante verso di te ti porti a non sapere più dove sbattere la testa. Hai bisogno di risposte e se sei fortunato, capiti da un professionista che abbia una conoscenza approfondita della nostra tipologia. Sono capaci di illuminarti su ciò che hai passato, favorire la tua comprensione e tenerti la mano mentre passi nel difficile e doloroso momento della liberazione dalla nostra morsa. Tu sei benedetta dalla comprensione intuitiva attraverso questo trattamento.
In certi casi, l’abuso che somministriamo è tale da danneggiare seriamente il destinatario e quindi la terapia è necessaria per gestire i sintomi del nostro comportamento verso di te. Le ripercussioni su di te sono serie e hanno effetti a lungo termine.
Noi non abbiamo bisogno di terapie, tu sì. Nell’andare in terapia spesso realizzi per la prima volta cosa hai incontrato e a cosa sei stata sottoposta.

H.G. TUDOR

The Treatment

🆕 UNA NARCISISTA MOLTO REALE – PARTE 6

A Very Royal Narcissist – Part 6.jpg

Lo scorso ottobre ho proseguito la serie “Una narcisista molto reale” in relazione a Meghan Markle dopo l’intervista rivelatrice che lei e il principe Harry hanno rilasciato alla televisione britannica durante la loro visita in Africa. Durante questa intervista, è stato fatto riferimento alla possibilità per la coppia reale di vivere lontano dal Regno Unito. Ho scritto quanto segue: –

L’intervista ha sollevato inevitabili domande sul futuro della vita dei Sussex in Gran Bretagna, con precedenti report che suggerivano che una volta avevano preso in considerazione un lungo soggiorno in Africa o più tempo nella casa della Duchessa in America. (Perdita Minacciata, Separazione e Isolamento. Quest’ultima manipolazione è una risposta comune del narcisista. Il narcisista percepisce una minaccia al suo controllo da parte di altri individui che esercitano il controllo sulla loro risorsa premio, ovvero la IPPS. Il narcisista cerca di mantenere il controllo sulla IPPS diffamando quelle persone, monopolizzando il tempo della IPPS e tenendola lontana dall’influenza e dall’interazione di altre persone. Non importa se le altre persone sono familiari o amici, è fatto sempre sotto l’egida di essere la cosa giusta da fare per la vittima IPPS e/o perché le altre persone sono cattive, ingiuste ecc., in modo che la IPPS sia separata e isolata proprio dalle persone che potrebbero essere in grado di assistere la vittima IPPS e quindi a sua volta minacciare il controllo del narcisista su quella IPPS. Il narcisista utilizzerà istintivamente questa manipolazione per mantenere il controllo e togliere la vittima IPPS dalle minacce percepite.)

Al principe Harry sono state fatte domande riguardo al fatto di vivere in Africa come conseguenza delle speculazioni sul vivere lontano dal Regno Unito. Lui ha dichiarato “Al momento non so dove potremmo vivere in Africa”, ha detto in un’intervista durante il tour.

“Siamo appena arrivati da Città del Capo. Sarebbe un posto fantastico per poterci stabilire, ovviamente, ma con tutti i problemi che ci sono lì, non vedo in realtà che possa fare molta differenza come vogliamo senza le questioni e il giudizio su come staremmo in quei contesti.

“Penso che sia un posto molto difficile per viverci quando sai cosa sta succedendo e inoltre vi sei leggermente distaccato. (Questa è la risposta logica alla prospettiva di vivere altrove e il principe Harry preferirebbe chiaramente rimanere nel Regno Unito, ma la sua affermazione è una conseguenza del fare osservazioni che concorderebbero con ciò che vuole la Duchessa, anche se gli consente di mantenere il proprio punto di vista: la coppia reale può non allontanarsi e molto probabilmente non lo farà, tutto ciò che conta è che l’assenza intermittente e la minaccia di un trasferimento permanente saranno utilizzate allo scopo di rafforzare il controllo nel qui e ora, quel desiderio di controllo immediato ORA (non nel passato e non nel futuro) che è un obiettivo centrale del narcisista.

Oggi, i media hanno riferito che il Duca e la Duchessa del Sussex hanno annunciato che faranno un passo indietro in quanto reali “senior” e divideranno il loro tempo tra il Regno Unito e il Nord America.

In una dichiarazione rilasciata da Buckingham Palace, la coppia ha dichiarato di volersi “ritagliare un nuovo ruolo progressista all’interno di questa istituzione”.

Hanno detto che intendevano “lavorare per diventare finanziariamente indipendenti”.

La BBC ha fatto un resoconto sull’argomento e all’interno ha commentato l’ex funzionario della stampa di Buckingham Palace Dickie Arbiter, il quale ha suggerito che questa decisione ha dimostrato che il “cuore del principe Harry governa la sua testa”.

Ha detto alla BBC che il “massiccio assalto della stampa” alla nascita del figlio Archie potrebbe aver contribuito alla decisione.

E ha paragonato il trasferimento all’abdicazione di Edoardo VIII nel 1936 per sposare l’americana Wallace Simpson reduce da due divorzi.

“Questo è l’unico altro precedente, ma non c’è stato nulla di simile nei tempi moderni”, ha detto.

Questo passaggio che avevo prefigurato nell’ottobre 2019 e spiegato attraverso l’analisi come parte della manipolazione in corso da parte del narcisista per separare il principe Harry da qualsiasi influenza che minacciasse il controllo di Miss Markle sulla sua Fonte Primaria Intima serve solo a rafforzare la manipolazione in corso e la svalutazione del principe Harry. Naturalmente è travestito, attraverso la gestione della facciata, dal fatto di “ritagliarsi un nuovo ruolo progressista all’interno di questa istituzione”, ma questo ci dice che non ci sono precedenti recenti, in tempi moderni di questo comportamento e che i commentatori, ancora una volta, non riescono a vederla per quella che è – manipolazione.

Un crescente numero di commenti nel Regno Unito è contro Meghan Markle e si è manifestato in particolare nella stampa. Questo commento in gran parte critico e negativo equivale a Carburante di Sfida per Markle, ci sono i commenti e il reportage e la alimentano, ma poiché il contenuto è critico e sfavorevole, mette in discussione il suo inconscio senso di superiorità, senso di diritto e mancanza di responsabilità. Il suo narcisismo l’ha costretta a cercare di affermare il controllo su coloro che la sfidavano e questo ha provocato

• Inizialmente una campagna d’immagine che cerca di conquistare la gente. È fallita.
• Utilizzo di Giochi di Pietà, questo è stato fatto attraverso l’intervista come ho spiegato all’epoca quanto segue

Alla domanda sulla “pressione” a cui è sottoposta e sul “sorriso impavido” che la coppia indossava, la Duchessa ha esitato davanti alla telecamera prima di ammettere che la situazione era “dura”. (Gioco di Pietà)

“Credo che nessuno possa capirlo”, ha detto. “In tutta onestà, io non ne avevo idea.

“Che probabilmente suona difficile da capire qui.

“Quando ho incontrato per la prima volta il mio attuale marito, i miei amici erano davvero felici perché io ero così felice.

“Ma i miei amici britannici mi avevano detto: sono sicuro che è fantastico, ma non dovresti farlo perché i tabloid britannici ti distruggeranno la vita.

“E io in modo molto ingenuo – sono Americana, noi non ce l’abbiamo quella roba là – pensavo di cosa stai parlando? Non ha senso, non l’avevo capito. Quindi sì, è stato complicato.”

Sembrando trattenere le lacrime, ha detto: “Non molte persone hanno chiesto se sto bene. Ma è una cosa molto reale passare dietro le quinte”. (Gioco di Pietà, Spostamento di Colpa, Accensione dell’Acquedotto) (È importante ricordare la distinzione tra Prince Harry che piange e Meghan Markle che fa la stessa cosa. Lui è un empatico e quindi la sua reazioneè vista attraverso la lente di essere un empatico, la sua è una conseguenza dell’empatia emotiva per gli altri e della sua vulnerabilità. Non è per affermare il controllo. La reazione di Meghan Markle è causata dal suo narcisismo e dalla necessità di controllo. Non c’è empatia emotiva (perché lei è una narcisista) invece la sua reazione nasce perché il suo narcisismo impone che accendere l’acquedotto sia la risposta appropriata per far sembrare che si interessi e raccogliere compassione (la compassione è una forma di Carburante) e quindi affermare il controllo.”

I Giochi di Pietà non sono riusciti a convincere la gente. Markle non è riuscita ad affermare il controllo.

• È passata quindi a un’altra forma di manipolazione. Questa è stata di nuovo una risposta inconscia, istintiva e poi è passata alla Perdita Minacciata (vedi sopra) dove è stato fatto cenno alla possibilità di trascorrere del tempo fuori dal Regno Unito. Ho osservato che la coppia potrebbe non allontanarsi, tuttavia, è evidente che le sue manipolazioni non hanno avuto l’effetto desiderato e, a causa del suo totale bisogno di controllo sul suo ambiente e su tutte le persone all’interno di esso, ha dovuto spingersi oltre la Perdita Minacciata (suggerendo una vita fuori dal Regno Unito e soggiorni prolungati fuori dal Regno Unito, come quello recente in Canada) e mettere in atto un ampio allontanamento dal Regno Unito annunciando questo accordo condiviso.

Il suo tentativo di manipolazione non è riuscito a influenzare l’opinione a suo favore, non ha rivendicato il controllo sull’opinione popolare e sulla stampa perciò questo ha continuato a minacciare il suo controllo. Ha quindi usato la tecnica del salame affettato attraverso ulteriori manipolazioni facendo sì che il principe Harry accettasse questo ruolo modificato. Il principe Harry, incapace di riconoscere ciò con cui ha a che fare e in preda alla svalutazione, starà, come individuo empatico, cercando di compiacere e adattarsi a Markle e ha quindi accettato questo passo che è praticamente senza precedenti. Tale è la presa che la narcisista ha su di lui.

Dal momento che Markle non è stata in grado di rivendicare il controllo sulle istituzioni, i media e l’opinione popolare nel Regno Unito, sta battendo in parziale ritirata. In realtà, ciò che stiamo vedendo è il suo narcisismo che si rende conto che non può affermare il controllo nel Regno Unito e quindi piuttosto che continuare a combattere una battaglia che non può essere vinta, le farà ottenere il controllo non cercandolo più – si sposta altrove. Percepisce un ambiente più ricettivo e una volta così più facile da controllare, in Nord America. Il suo narcisismo le ha fatto pensare di poter controllare e conquistare all’interno del Regno Unito, ma nonostante la campagna d’immagine, il gioco di pietà e la perdita minacciata, ha fallito e quindi ha spostato la sua attenzione su un ambiente alternativo.

Il principe Harry, controllato da lei, potrebbe aver avuto delle riserve sul trasloco ma nella morsa del narcisista e offuscato dal Pensiero Emotivo, ha accettato questa situazione condivisa. Quello che probabilmente si sta preparando è che ciò che viene pubblicizzato come un accordo condiviso diventerà un accordo in cui la coppia del Sussex trascorre sempre più tempo in Nord America (se quell’ambiente si rivela favorevole a un contesto benigno per il controllo di Miss Markle) e lentamente e costantemente la tecnica del salame affettato continuerà così i Sussex trascorreranno la maggior parte del loro tempo in Nord America, trasformeranno il Nord America nella loro sede e il Regno Unito diventerà un luogo di visita anziché la loro dimora o addirittura una sede condivisa.

Se il Nord America si dimostrerà favorevole al controllo di Markle, lei continuerà a esercitare il suo controllo sul principe Harry e lui affronterà il rischio di essere sottoposto a disimpegno perché alla fine avrà portato a termine la sua missione per Markle e se dovesse verificarsi uno dei fattori scatenanti del disimpegno, il Principe Harry verrà accantonato e senza dubbio sostituito. Non c’è dubbio che il principe Harry sia in svalutazione, non avrà voluto trasferirsi in Nord America, ma viene indotto con l’inganno a farlo, senza dubbio persuaso e sottoposto a pressioni attraverso una serie di manipolazioni inconsce usate contro di lui da Markle per suggerire che il Nord America è una dimora migliore per loro (tradotto un ambiente migliore da controllare). Nel disperato tentativo di tenere insieme la sua unità familiare, nel disperato tentativo di mantenere la pace, il principe Harry, avendo già sperimentato uno screzio con suo fratello a cui una volta era molto unito, ha permesso a se stesso di venire costantemente isolato dalle sue reti di supporto (così Markle riesce a controllarlo meglio attraverso questa manipolazione dell’Isolamento) e il risultato è il nuovo programma.

Vedremo abbastanza presto come si evolve la divisione tra Nord America e Regno Unito, che punta a favore del Nord America. Lo leggerete pertanto, di nuovo, prima qui.

H.G. TUDOR

A Very Royal Narcissist – Part 6

 

📰 IL NARCISISTA E LA FONTE PRIMARIA INTIMA (IPPS): LE QUATTRO CLASSI

78815902_118409802962769_4507326980378591232_n.jpg

Ho scritto in precedenza riguardo a come sono le quattro sezioni del narcisista РVittima, Somatico, Mentale ed Elite. Mi sono anche riferito in varie occasioni alle tre differenti scuole РInferiore, Medio e Superiore. Sapere a quale scuola e sezione appartiene il tuo narcisista ̬ molto utile per permetterti di capire perch̩ lui o lei si comportano in quella maniera e ti permette anche di sapere cosa devi fare e cosa aspettarti.

È anche importante che tu sappia che ci sono anche quattro categorie che sono applicabili all’interazione tra noi e la nostra fonte primaria. Ci sono effettivamente, quattro metodologie fondamentali che la nostra tipologia applica alla nostra fonte primaria di carburante. Le persone che sono fonti primarie sono quasi sempre partner intime e noi agiamo in un certo modo per quel che riguarda il trattare queste persone. Non mi sto riferendo al ciclo narcisistico di seduzione, svalutazione, scarto e recupero ma piuttosto all’interazione che avviene nel corso degli anni tra noi e le nostre fonti primarie.

Identificare il tipo con cui sei coinvolto o con cui lo sei stato ti fornirà la consapevolezza del comportamento di lei o di lui e ti permetterà di capire cosa aspettarti nell’ambito di ulteriori interazioni.

Il primo è il Nomade. Questo narcisista costruirà una relazione condotta secondo il ciclo narcisistico e poi come parte di questo ciclo, identificherà un nuovo dispositivo. Una volta che sta con il nuovo dispositivo, potranno esserci recuperi occasionali del vecchio e ci saranno seduzioni intermittenti di interessi passati mentre sta con il nuovo e successivamente mentre cerca un altro nuovo dispositivo. Il Narcisista Nomade triangolerà il nuovo dispositivo che ha e questa triangolazione verrà fatta sia con il vecchio che gli altri, ma sia per quanto riguarda il vecchio che gli altri dispositivi si tratta solamente di “schermaglie” intanto che sta con il nuovo. Naturalmente utilizza i vecchi dispositivi e gli ulteriori per il carburante, li usa per triangolare con il partner attuale ma non tornerà al vecchio dispositivo per formare un legame continuativo. Potrebbe trascorrere qualche giorno con questa persona, una notte insieme, forse perfino una vacanza ma non vuole ricominciare una relazione ufficiale con il vecchio dispositivo. Terrà sempre in considerazione un ritorno, dopotutto il carburante recuperato è eccellente e lo prenderà ma non ha né il desiderio, né l’energia per avviare un lungo periodo d’oro tramite questo recupero. Si metterà in contatto, affascinerà per una notte, pochi giorni forse una settimana o due e poi tornerà al dispositivo corrente. Potrebbe tornare all’antico dispositivo molto tempo dopo in futuro, quando c’è un nuovo differente dispositivo, ma lo schema rimarrà lo stesso. Non ci sarà relazione in senso formale con questo vecchio dispositivo. È accaduto una volta e non succederà ancora, ma non rinuncerà all’opportunità di un breve esplosione di carburante. Anche gli altri dispositivi verranno utilizzati allo stesso modo. A differenza del vecchio dispositivo, con cui una volta c’è stata una relazione, gli altri dispositivi sono solo capricci passeggeri, per distrarlo dall’attuale, nuovo dispositivo a scopo di triangolazione.

Una volta che è annoiato dal nuovo dispositivo, trova qualcuno di diverso e non ritorna dal vecchio dispositivo e dagli altri ma cerca nuovi territori. Cercherà un dispositivo completamente nuovo. Triangolerà questo nuovo e differente dispositivo con quello appena scaricato, potrebbe perfino farlo con quello ancora precedente, il vecchio dispositivo ma non intraprenderà una relazione con essi. È sempre in movimento, in cerca di nuove vittime, occasionalmente recupera le antiche, ma non a un livello tale da far risorgere una relazione a lungo termine con loro.

Il Secondo è il Giocatore di Ping Pong. Questo tipo di narcisista si garantirà il suo nuovo dispositivo e poi lo triangolerà con il vecchio. Poi recupererà il vecchio ritornando nell’ambito di una relazione ufficiale. Lo triangolerà con il dispositivo recentemente sostituito che era il nuovo dispositivo. Poi vacillerà avanti e indietro tra questi due, lasciando uno per l’altro, una prolungata e interminabile contesa mentre il narcisista rimbalza da una parte all’altra come una pallina di ping pong tra le stesse due persone. Potrebbero esserci interazioni con altri dispositivi a livello intimo ma saranno solo avventure di una notte e brevi intese. A lungo termine è interessato solamente a muoversi tra questi due particolari dispositivi. Lui ha le sue due fonti primarie tra cui andrà avanti e indietro per tutto il tempo che può. Se una di loro dovesse decidere di non continuare con questo sistema allora questo narcisista troverà un rimpiazzo e lo attirerà dentro questa trappola a ping pong. Il nuovo dispositivo che è scappato. inizialmente verrà sottoposto ad un tentativo di recupero al fine di mantenere il sistema a ping pong, ma se questo fallisce allora una nuova persona verrà attirata nel meccanismo. Potranno esserci recuperi ad intermittenza verso il dispositivo che è scappato ma non sarà più parte del sistema dato che ora il narcisista ha due fonti primarie tra cui fare la spola avanti e indietro.

Il terzo è l’Ancora. Questa fonte primaria è infinitamente tollerante. Il narcisista avrà un partner intimo a lungo termine, di solito coniuge e ci saranno dei figli coinvolti. Il narcisista cercherà nuovi dispositivi e gestirà tresche, eventualmente lasciando il dispositivo a lungo termine, cancellandolo e passando a una nuova vita con il rimpiazzo. Dopo un periodo di tempo, il narcisista tornerà con il dispositivo a lungo termine, spesso dicendo che gli mancano i figli, o che lo fa per i figli, o che semplicemente hanno capito quanto il loro coniuge li ama veramente e quanto loro lo amano. Il dispositivo acquisito recentemente verrà messo da parte per qualche tempo. Il narcisista ad un certo punto in futuro potrebbe recuperare questo dispositivo scartato ma solo con il proposito dell’avventura di una notte e di incontri meno frequenti. Non ha interesse nel far risorgere nuovamente la relazione. Piuttosto, cercherà un nuovo dispositivo e lascerà ancora una volta il partner a lungo termine mentre segue il sogno di un carburante potente ed eterno con la nuova persona conquistata. Ancora una volta la relazione finirà e il narcisista la metterà da parte e ritornerà al dispositivo infinitamente paziente. Più e più volte lo lascerà, avrà relazioni e andrà via di casa, prima di ritornare ad un certo punto in futuro. Spesso c’è una sola persona che è vista come Ancora, l’unica che rimane sul posto e non cambia mai, che è dipendente ad un livello notevole ed è incapace di volere altri che il narcisista non importa quante volta l’abbia lasciata e sia ritornato non importa quante tresche abbia avuto.

La categoria finale è l’Ibrido. Questo narcisista potrebbe agire all’interno dello scenario dell’Ancora o quello del Ping Pong. Si trasformerà passando tra questi due approcci, spesso come conseguenza della distruzione della prima fonte di carburante, ossia ad esempio quando l’Ancora infinitamente paziente finalmente passa oltre o viene aiutata ad allontanarsi dal narcisista, o forse entrambe le fonti primarie del sistema a Ping Pong rifiutano il narcisista costringendolo ad adottare un approccio Nomade.

Ci sono numerose ragioni per cui vengono adottati questi scenari, dipendenti dal tipo di vittima, dal tipo di narcisista e da altri fattori che potrei dovrò elaborare in un articolo separato. Senza dubbio puoi riconoscere quale metodologia era applicabile al tuo intreccio.

H.G. TUDOR

Narcissist and Intimate Partner Primary Source (“IPPS”) : The Four Classes

👥 IL CONDUTTORE DI GIOCHI

191126D The Player Of Games.jpgIo adoro giocare. Come ho già scritto, i giochi vengono sempre condotti. Io gioco sempre solo per vincere altrimenti non ha senso. Non posso perdere, sedermi di nuovo, sorridere e accettare che è stata comunque un’esperienza piacevole perché se dovessi perdere, allora non sarebbe stata piacevole. Starei accettando che tu o qualcun altro siete meglio di me. Tu non lo sei. Lui non lo è. Essi non lo sono. Io devo sempre vincere. Per riuscirci, opero per mezzo di un particolare insieme di regole. Tu pensi di sapere quali sono queste regole perché quando ci incontriamo per la prima volta mi diverto a giocare secondo le tue regole, accetto di operare secondo i sistemi e le convenzioni della tua realtà. È facile da fare per me perché tutto sta andando a gonfie vele. Ti sto seducendo e quindi mi stai lasciando vincere perché è bello. Sono contento di andare avanti fingendo di essere d’accordo sul fatto che queste sono le regole di ingaggio, tu pensi di vincere perché stai avendo questa persona meravigliosa, generosa e amorevole. In realtà, sto vincendo io perché sto ricevendo molto carburante positivo da te.

È in seguito che le regole cambiano perché io decido (ed è sempre mia la decisione) che ora osserveremo le regole della mia realtà. Non ti viene dato un regolamento e tu devi indovinare quali sono queste regole. Non appena pensi di averle afferrate e di averle in mano, cambieranno improvvisamente. È simile a una partita di calcio e io sto vincendo tre a zero. Tu segni altri due goal e sei in ascesa e probabilmente pareggerai. Di solito mancano quindici minuti, ma improvvisamente io cambio le regole, quindi rimane solo un minuto. Non riesci a segnare e vinco io. Tu protesti affermando che il tempo non è corretto ma non importa perché io qui sono l’arbitro, gli assistenti e il quarto ufficiale e quello che dico va. Se non ti piace, bello. Prenderò semplicemente la palla e andrò a casa con quella. È come un gioco di freccette dove tu devi partire da 501 e finire con un doppio. Al contrario io parto da 51 e non ho bisogno di un doppio. Tu sostieni che non è giusto, ma perché dovrei preoccuparmene? Io devo vincere. Quindi, tu puoi renderti conto che mi godo una domenica mattina a letto così non mi disturbi. Metterò intenzionalmente la sveglia presto e mi alzerò svegliandoti presto. O se proprio devo restare a letto, m’inventerò un appuntamento misterioso che mi son perso perché tu mi hai lasciato dormire. Quando mi svegli presto la domenica seguente ti sbotterò contro perché sei così egoista e non mi lasci dormire.

Quando pensi di aver accertato quali sono le regole, cambieranno. Tu farai del tuo meglio per cercare di tenere il passo, ma è estenuante e frustrante. Tuttavia, questa manipolazione delle regole per permettere alla nostra specie di vincere non finisce qui. Santo Cielo. Il nostro desiderio determinato di essere sempre il vincitore implica che non solo verrai risucchiato perché noi fingeremo giocare secondo le tue regole e poi le cambieremo, poi noi cambieremo il gioco. Un momento pensi di giocare a Monopoli e poi ti dico che c’era il Professor Plum nello Studio con il Candelabro.

“Ma questo è Cluedo,” dichiarerai piuttosto perplesso.

“Lo so”, sorriderò io in risposta.

“Ma stiamo giocando al Monopoli.

“No non è vero.”

“Sì, è vero, guarda questo tabellone ha sopra le strade di New York.”

“No, no, quelle sono stanze nel palazzo monumentale.”

“Di cosa stai parlando? Vedi qui e qui, i nomi delle strade.”

“Sei cieco? Quelli sono serpenti e scale.”

“Che cosa? Hai cambiato di nuovo.”

“No, non l’ho fatto. Stai solo facendo storie perché stai perdendo.”

“Di cosa stai parlando? Non sto perdendo, stavo vincendo.”

“Niente affatto. Controlla amico.”

“Che cosa?”

Le nostre capacità fenomenali di mentire, spostare la colpa, negare e deflettere implicano che il gioco cambierà. Vieni tratto in inganno, insicuro di te, confuso e continuiamo a farlo. Noi dobbiamo vincere, sempre e tu devi perdere, a tue spese. Applicheremo tutti i nostri metodi di manipolazione per assicurarci che saremo vittoriosi e tu giacerai disteso nella polvere, distrutto e sconfitto. Il nostro successo deve essere in ogni cosa e intendo ogni cosa, dalla più banale alla più importante, la sconfitta non è mai un’opzione per la nostra specie e noi piegheremo, distorceremo e romperemo le regole e cambieremo il gioco per raggiungere questo obiettivo. Ora, facciamo un gioco. È il mio preferito. Potresti saperlo. Si chiama Indovina chi? Non hai possibilità.

H.G. TUDOR

The Player of Games

👤 IL NARCISISTA TI GIUDICA SEMPRE

191126E The Narcissist Always Judges You.jpg

“Presenta il prossimo imputato”, dichiara la mia possente voce baritonale dalla mia posizione elevata. Ti ritrovi a essere trascinata e spinta da due dei miei luogotenenti mentre ti trascinano su per le scale. Il rumore di una folla chiassosa cresce mentre emergi sbattendo le palpebre e ansioso sul banco degli imputati. I tuoi occhi guizzano sull’aula affollata mentre cerchi volti riconoscibili, ma nessuno è visibile. Vedi caratteristiche di familiarità, sono i nostri amici e familiari, ma sembrano in qualche modo diversi? Non riesci a capirlo. Vedi solo facce irascibili simili a cera, bocche spalancate, una valanga di rumore biliare che si riversa su di te, le dita che colpiscono l’aria, le braccia che si agitano freneticamente. Una massa ribollente di impazienza e disapprovazione. Il colpo di un martelletto che viene impugnato interrompe la cacofonia e tutti gli occhi si girano, compresi i tuoi su di me, mentre io mi siedo dall’altra parte e al di sopra di te. Vestito in abito giudiziario in accordo col mio stato, ti fisso, gli occhi socchiusi e tu ti restringi di nuovo sotto questo sguardo incrollabile.

“Bene,” annuncio, “Che cosa hai da dire in tua discolpa?”

Tu aggrotti la fronte, confusa da questa domanda. Non sai nemmeno perché sei qui. Non riesci a pensare lucidamente perché hai un forte tremore in mezzo alla fronte e un senso di nausea che sale e scende nello stomaco. Le tue mani tremanti afferrano il parapetto del banco ma tu resti in silenzio.

“Ho detto,” dichiaro a voce più alta, “cosa hai da dire in tua discolpa?”

La folla riunita inizia a dire in coro.

“Che cosa? Che cosa? Che cosa? Che cosa?”

Il rumore aumenta mentre quelli che si sono ammassati nell’aula si sporgono in avanti formando pareti di facce beffarde e sardoniche tutt’intorno a te. Le gallerie sono piene di avidi curiosi e il rumore fa sentire il proprio effetto su di te. Il martelletto ancora una volta interrompe la folla e cala il silenzio. C’è un’aria di attesa mentre io e la folla aspettiamo che tu parli. Senti un colpo al fianco mentre uno dei luogotenenti ti dà una gomitata, un selvaggio sollecito per farti parlare.

“Non capisco perché sono qui”, dici. La tua voce sembra debole e silenziosa, ma è evidente che tutti ti hanno sentito dato che c’è un’inspirazione collettiva e poi senti i commenti lanciati verso di te a intermittenza.

“Idiota!”

“Vergognosa!”

“Così irrispettosa!”

“Stupida!”

I tuoi occhi tornano verso me e mi vedi che mi preparo irto di umiliazione.

“Non capisci?” Esplodo. La folla inizia a farfugliare.

“Non capisce!” “Non capisce!”

“Che impertinenza, dovresti sapere perché sei qui,” dichiaro indicandoti il martelletto contro. Il rumore della folla si attenua mentre la gente si protende in avanti per sentire cosa hai da dire.

“No, non capisco.”

“Beh, dovresti capire e dovresti rivolgerti a me correttamente,” continuo.

“Scusa?”

“Ah, ti scusi, vero? Per cosa ti scusi?” Chiedo cogliendo la tua risposta.

“Ehm volevo dire che non capivo cosa intendessi.”

“Ah, l’ennesima mancanza di comprensione,” annuncio ai versi di disapprovazione della folla. Puoi vedere le teste che si scuotono tutto intorno a te.

“Sei un’idiota? Una pazza? Una sempliciotta? “Chiedo.

“Certamente no.”

“Certamente no, mio signore”, rispondo con un sorriso che non trasmette alcun calore.

Tu aggrotti le sopracciglia ancora insicura su cosa diavolo stai facendo in questo posto e chi sono tutte queste persone, e soprattutto perché io sono seduto come un giudice che ti presiede. Ti do un’occhiata incoraggiante. Tu guardi a sinistra e a destra sentendoti incerta prima di parlare di nuovo.

“Certamente no, mio signore.”

“Finalmente qualche progresso”, dico. La folla annuisce in segno di approvazione.

“Allora, ti chiederò di nuovo, cosa hai da dire in tua discolpa?”

“Non capisco perché sono qui”, alzo le sopracciglia in attesa, “mio signore.”

“Bene, dovresti!” Esplodo io in una rabbia improvvisa.

“Sì, dovresti, sì dovresti”, ripete la folla.

“Perché sono qui?” Dici ma la tua domanda è soffocata dal rumore.

“Una settimana di trattamento del silenzio” annuncio e sbatto il martelletto con un sonoro crack.

“Per cosa?” Gridi sconcertata e allarmata. Alla tua domanda vi è un sussulto tra la folla.

“Due settimane per una tale impertinenza”, aggiungo.

“Non è giusto.”

“Tre settimane perché sfidi la nostra autorità”, annuncio.

“Tu non puoi giudicarmi, questo è ridicolo, non so nemmeno perché sono qui, non so di cosa sono accusata”.

“Tre settimane di trattamento del silenzio e una dose di triangolazione con un rimpiazzo di nostra scelta,” grido io con uno sguardo allegro negli occhi.

“Non puoi farlo”, rivendichi.

“Cosa?” Ruggisco, “Posso fare quello che mi pare.”

“Questo deve essere contro la legge; non è giusto.”

“Io sono la legge!” Ruggisco.

“Di sicuro dovresti dirmi cosa ho fatto?”

“Non devo fare nulla di ciò che dici tu, sono io il giudice.”

“E che dire della giuria, di sicuro loro dovrebbero decidere se sono colpevole o meno, qualunque sia la cosa di cui sono accusata.”

Per un attimo appaio riflessivo.

“Sì, hai ragione, molto bene, lo permetterò,” decreto in tono magnanimo, “non sia mai detto che questa corte è ingiusta. Chiedi alla giuria.”

Indico i giurati seduti sul lato destro e tu li noti per la prima volta. Stanno tutti fissando te. In realtà vedi dodici volte la mia faccia che ti fissa.

“Colpevole!” Annuncia il primo giurato.

“Aspetta, non ti ho ancora chiesto di che cosa sono colpevole!” Protesti tu.

“Colpevole!” Grida il secondo giurato.

“Colpevole!” Grida il terzo.

Tu scuoti la testa completamente sconcertata dall’annuncio di questi verdetti.

“È assurdo, non mi è stata letta alcuna accusa, non ho fatto alcuna ammissione e ci dovrebbe essere un processo. È uno scherzo!” Gridi.

“Sei mesi di gaslighting da eseguire consecutivamente alla sentenza precedente!” Urlo sopra il raglio della folla.

“Non è giusto.”

Le dichiarazioni di colpevolezza continuano a risuonare mentre la folla canta “colpevole, colpevole, colpevole!”.

Un uomo si sporge dentro il banco degli imputati da dietro di te, ti infila un microfono sotto il naso.

“Ciao, Ian Sim del Quotidiano Diffamazione, come ti senti?”

“Cosa?” Rispondi indietreggiando mentre compare un altro microfono.

“Ciao, Mark Mywords dal Bugiardo Globale, come ci si sente ad essere una persona così orribile?”

“Non so di cosa stai parlando.”

“Ciao, Ivor Stain di Channel Bias, pensi di poter affrontare questa sentenza?”

“May Day da Cattive Notizie, è la tua famiglia che ti ha fatto fare questo?”

Altre facce si appoggiano al banco, accalcandosi l’una sull’altra mentre le domande vengono scagliate contro di te. La rumorosità della folla continua mentre i suoi componenti si spingono a vicenda in un delirio. Tu vedi la mia faccia dodici volte mentre i giurati saltano su e giù, fischiando e ridendo mentre indicano nella tua direzione continuando a gridare “colpevole”. Attraverso tutto questo puoi sentire la mia voce da baritono mentre sempre più punizioni si aggiungono alla già fiorente lista e la tua testa gira con la raffica di suoni. I volti si confondono, la nausea ti sale e il cuore ti martella nel petto. Hai caldo, ti senti svenire e le braccia ti afferrano da tutte le parti e ti trascinano lungo il banco.

“Cosa sta succedendo, non capisco, cosa si suppone che abbia fatto?” Mormori.

“Non preoccuparti,” dice una voce calma e tu volti il capo e vedi un’elegante signora accanto a te, i luogotenenti che una volta erano lì sono scomparsi. Chi è questa donna? Da dove viene? Non l’hai mai vista prima.

“Non preoccuparti”, ripete, “Mi prenderò cura di lui al posto tuo”, sorride e ti lascia subito andare. Si allontana dal banco degli imputati e viene verso di me mentre tu cammini con passo malfermo verso la cima delle scale, l’oscurità delle celle da qualche parte sotto di te e poi cadi in avanti e precipiti nell’abisso sottostante.

H.G. TUDOR

The Narcissist Always Judges You

📰 ESPOSIZIONE DURANTE LA SVALUTAZIONE

191127A Exposure During Devaluation.jpg

Quel momento glorioso è arrivato. Sai con chi hai a che fare. Alla fine. Hai saputo che ciò che sta accadendo o che ti è successo è sbagliato. Non sapevi perché stava succedendo e certamente non avevi idea di essere stata irretita da un narcisista, ma ora lo sai. Sai cosa è lui o lei.

In linea con i tuoi tratti empatici di onestà, decenza, bontà e il desiderio di cercare la verità, tra le altre caratteristiche, trovi così difficile resistere all’impulso di voler usare la tua nuova scoperta. Non stai affrontando il desiderio di dirci quello che siamo, pur essendo questo pressante, ma è quel bisogno di dire al mondo, a tutti gli altri, ciò che siamo.

Non intendo i tuoi vicini e fidati confidenti. Potrebbero già avere delle riserve su di noi (anche se non sanno cosa siamo) e avranno bisogno di poca persuasione. Esporci a loro ha comunque un impatto minimo, poiché molto probabilmente li abbiamo considerati come creatori di problemi e abbiamo già cercato di screditarli e isolarli da voi.

Questa esposizione riguarda il dire alla nostra famiglia, ai nostri amici, ai nostri colleghi di lavoro, ai nostri compagni di squadra, ai vicini e a chiunque altro tu puoi pensare. Tu vuoi esporci. Vuoi che tutti conoscano l’etichetta che ci descrive e vuoi che tutti sappiano esattamente cosa significa. Vuoi esporre dettagliatamente la scaltra seduzione, l’improvviso passaggio alla svalutazione, i giochi mentali, l’abuso, il tira e molla, la tortura, il finto futuro, l’angoscia, la natura insidiosa di questo, le bugie, le bugie e le bugie.

Vuoi creare un volantino, un cartellone pubblicitario, un film che strappa via la maschera e mostra tutto ciò che si trova al di sotto. Dopotutto, non è sufficiente dire alla gente che siamo narcisisti, dopotutto la maggior parte delle persone non capirà cosa significa veramente. No, quello che vuoi fare è mettere il mondo al corrente che siamo narcisisti e questo significa x, y e z. L’orrore pieno. Il dettaglio cruento. Vuoi quel riflettore che bramiamo così spesso per trasformarlo nella fiamma ardente e bruciante di una reale esposizione che ci fa allontanare dal suo raggio illuminante costringendoci a scappare via, un reietto, un emarginato e un rifiuto. Esiliati dalla tua esposizione di ciò che siamo davvero. Che dolce vendetta, che soddisfazione far sapere a tutti ciò che siamo in modo che nessun altro in zona cada nell’inganno, mai più la frode e l’inganno.

Lo fai?

Naturalmente tra voi ci sono quelli, più probabilmente coloro che hanno fatto proprie le conoscenze che sono state fornite loro e il cui personaggio si comporta così in ogni circostanza, che preferirebbero concentrarsi sull’utilizzo delle nuove conoscenze per restarne fuori e non sono interessati ad ottenere un’esposizione.

Ma che dire di quelli di voi che sentono questo pressante bisogno di esporci al mondo intero? Cosa dovresti considerare?

Per capire cosa è probabile che accada se compi questo passo, di modo che diventi consapevole nel tuo prendere una decisione, ci sono due domande chiave.

Quando lo fai?

Con quale tipo della nostra specie hai a che fare?

Sicuramente c’è da dire che durante la seduzione non si verifica alcuna esposizione. Prima di tutto, quasi nessuno sa di essere stato sedotto da un narcisista. Se hai una consapevolezza a seguito di precedenti relazioni, inevitabilmente eviti gli approcci quando si manifestano per la prima volta e ti allontani dall’individuo in questione. In questo caso non c’è un vero impulso di esporre. Nella maggior parte dei casi, l’individuo che viene sedotto non ha idea di essere invischiato con un narcisista e, naturalmente, il piacere della seduzione metterebbe a tacere qualsiasi pensiero di esposizione.

L’esposizione può essere qualcosa che balza in mente durante la svalutazione. È sempre abbastanza raro che qualcuno si renda conto di essere nella morsa di un narcisista durante la svalutazione (l’illuminazione di solito appare dopo uno scarto o in successivi coinvolgimenti dopo un recupero di successo). Tuttavia, prendiamo l’esempio per cui sai che il trattamento che stai ricevendo è sbagliato e in qualche modo sei stato in grado di imparare che ciò in cui sei coinvolto è la dinamica narcisistica e questa persona che ami, ma il cui amore per te si è trasformato in cattiveria, è davvero un narcisista.

È interessante notare a questo proposito che le possibilità di esposizione restano sempre ridotte perché anche se ora puoi sapere con chi hai a che fare, la dipendenza emotiva che ha presa su di te, combinata con i tuoi tratti empatici in realtà combatte contro l’esposizione di quella persona. È più probabile che tu voglia far sapere loro cos’è questa persona per cercare di aiutarla e modificare le cose. Forse non hai ancora capito che un tale passo è inutile o anche se ti è stato detto questo, i tuoi impulsi emotivi sono troppo grandi e superano la logica, così resti e desideri guarire e correggere.

Di conseguenza, l’esposizione durante la svalutazione è rara a causa prima di tutto della mancanza di conoscenza e poi anche se vi è la conoscenza, un non attuarla a causa della dipendenza emotiva che prevale.

Supponiamo tuttavia che tu abbia acquisito questa conoscenza e che tu sia risoluto nel tuo desiderio di esporci al mondo intero. Dovresti procedere quando rimani nella svalutazione?

L’Inferiore. Se esponi il Narcisista Inferiore a terze persone, gliene giungerà voce. Lui non sa cosa è. Il tuo comportamento è considerato un tradimento estremo. È una critica nei suoi confronti rivolta ad altre persone, a chi lo conosce e lo considera una persona onesta, affidabile e simpatica. Affronterai resistenza da quelli a cui lo dici a causa della facciata. Questa resistenza non è importante, tuttavia, perché ci sono stati casi in cui la maschera è scivolata via davanti ad altri, anche se non avranno realizzato che questa persona è narcisista. Invece, sarà attribuito a fatica, stress, al bere o simili. C’è anche la probabilità che tu sia stato diffamato da noi il che danneggia la tua credibilità. Pertanto, in base all’evidenza che hai, alla sua qualità e autonomia, potresti non aver successo nell’esposizione.

Ciò che comunque dovrai affrontare è l’inevitabile innesco della rabbia dell’Inferiore che si manifesterà come furia accesa. Puoi aspettarti che sia selvaggio e brutale mentre stai cercando di distruggere il suo mondo creato con cura e lasciarlo esposto nel deserto. È probabile che come reazione tu sia in pericolo di aggressione fisica, danni alla proprietà, aggressioni verbali e rabbia furiosa. Dato che l’hai fatto durante la svalutazione e quindi sarai facilmente accessibile, ti troverai in grave pericolo.

Di conseguenza, se ci esponi durante la svalutazione con un Inferiore rischierai gravi lesioni e danni. Puoi riuscire a distruggere la facciata, perché le persone potrebbero ben collegare ciò che dici con ciò a cui hanno assistito in precedenza quando la maschera scivola, ma non è garantito.

Il Medio Rango. La voce di ciò che stai facendo giungerà anche al Medio Rango. Affronterai una considerevole resistenza dalla facciata perché la migliore funzione cognitiva del Medio Rango, rispetto a quella dell’Inferiore, il suo grado di fascino, la sua calma e parlantina fanno sì che coloro che assistono al tuo tentativo di esposizione lotteranno per conciliare ciò che stai dicendo con quello che hanno visto, perciò avrai un impatto minimo. Ovviamente, la qualità delle tue prove avrà qualche influenza su questo, ma non sarà semplice. Hai anche l’ulteriore ostacolo di essere stato probabilmente diffamato, a seconda di quanto sia vicino lo scarto.

In termini di risposta del Medio Rango, la sua furia si accenderà in conseguenza delle critiche che vede dal tuo tentativo di esposizione. Non sarà in grado di controllare questa furia. Verrai sfidato dal Medio Rango che inizialmente ti supplicherà di smettere e farà uso di giochi di compassione, cercando di convincerti che hai torto. Ricorda, neanche lui sa cosa è, e quindi vedrà te che esponi il suo comportamento come semplicemente scorretto e anche sleale. Se il gioco di pietà non funziona, puoi aspettarti di vedere una furia accesa da parte del Medio Rango. Questa è una delle poche occasioni in cui si assiste alla furia accesa in un Medio Rango poiché essi tendono ad usare più spesso la furia fredda. Questo è perché non solo stanno affrontando la perdita della loro fonte primaria, ma stanno anche affrontando un danno alla facciata e questo movimento di tenaglia lo spingerà a una furia accesa. Puoi aspettarti assalti verbali, danni alla proprietà e una campagna di intimidazione calcolata. La violenza fisica resta la meno probabile e non è neanche lontanamente così brutale come quella dell’inferiore.

Se insisti, è probabile che il Medio Rango si ritiri e imponga una furia fredda verso di te con un trattamento del silenzio. In base alla tua risposta, ciò potrebbe in effetti fare in modo che lui si ritiri per un po’ di tempo mentre vieni scartato in conseguenza di ciò che hai fatto. Anche il rischio di un recupero sarà ridotto a causa delle conoscenze che tu hai acquisito e dell’innalzamento della barra rispetto al raggiumgimento dei criteri di esecuzione di recupero.

Perciò con il Medio Rango se lo esponi durante la svalutazione dovrai affrontare una reazione spiacevole e farai fatica ad intaccare la facciata in modo significativo. Sarai comunque portato verso lo scarto e un ritiro che potrebbero aiutarti a non avere contatti, ma puoi aspettarti che la reazione di terze parti sarà difficile da gestire. Molti ti vedranno come il cattivo del pezzo, per aver ferito il Medio Rango, per “raccontare storie” e per rovinare quella che all’esterno pareva essere una buona relazione.

Il Superiore. Che ne è del Superiore? Come reagirà e cosa accadrà se deciderai di esporre lui o lei durante la svalutazione? La più ampia funzione cognitiva del Superiore unita alle sue reti più ampie significa che lui o lei sarà consapevole del tuo tradimento molto rapidamente.

Prima di tutto hai poche possibilità di intaccare la facciata. I poteri del Superiore saranno tali che la maggior parte delle persone sarà completamente sottoposta al lavaggio del cervello per le virtù del Superiore e non accetterà ciò che viene detto su di noi. Inoltre, soggetto alla prossimità dello scarto, sarai stato diffamato e quindi le tue parole saranno considerate con scetticismo (vieni descritto come un bugiardo abituale), condiscendente compassione (sei stato dipinto come Il Fantasista), disprezzo (hai stato dipinto come L’Abusatore) o disgusto (sei stato etichettato come Quello Ingrato). Inoltre, dal momento che la tua esposizione infida verrà individuata più rapidamente che nei casi precedenti, la macchina propagandistica del Superiore sarà stata espulsa per estinguere i tuoi pettegolezzi e le divagazioni infondate.

La combinazione di lavaggio del cervello, pronta risposta alla propaganda e diffamazione rende estremamente difficile per te avere un impatto sulla facciata di un superiore. Le tue prove dovranno essere estremamente convincenti ed essere state fornite senza errori.

In secondo luogo, il Superiore lancerà uno charme aggressivo con te. Sperimenterai un Recupero di Tregua e una reintegrazione del periodo d’oro. La sua capacità di incantare, spiegare, ammorbidire e placare le vostre preoccupazioni farà davvero vacillare la vostra risoluzione. Essi appariranno così convincenti che ti convincerai di averli etichettati erroneamente come narcisisti. Il Superiore sa ciò che è, ma non lo ammetterà, anzi giocherà con il tuo senso di voler cercare la verità, di capire, di guarire, sedendosi con te e ascoltando le tue preoccupazioni. Lui sa che invece di dire al mondo intero quello che è, è molto meglio tenerlo tra te e lui. In questo modo fa spostare la tua attenzione cosicché la facciata venga lasciata stare. Può anche ammettere di avere alcune questioni o problemi e chiede il tuo aiuto per risolverli. Ovviamente queste sono belle parole. Il Superiore sa che è soddisfatto meglio evitando di rinforzare l’immagine di essere un narcisista attraverso l’abuso, ma la cosa migliore è affascinarti ancora e gettare le tue conclusioni in un considerevole dubbio. Questa tecnica, combinata con il ritorno del periodo d’oro avvincente e i tratti empatici intrinseci, significa che è più che probabile che la tua esposizione si fermi.

Il Superiore è ora messo sull’avviso riguardo la tua conoscenza. Manterrà un periodo di tregua, ma progetterà di diffamarti nel dimenticatoio e poi di scartarti, in modo che quando tenti di riconsiderare l’esposizione dopo lo scarto, sarai destinato a fallire nel compromettere la facciata.

Quindi, questi sono gli scenari probabili quando cerchi di esporci al mondo intero durante la svalutazione. La parte seguente di questo articolo spiega cosa succede se l’esposizione avviene dopo la fuga o dopo lo scarto.

H.G. TUDOR

Exposure During Devaluation

📰 ESPOSIZIONE DURANTE LA FUGA

191127B Exposure During Escape.jpg

Dovresti esporre il tuo narcisista quando sei scappato? Dovresti esporre lui o lei se sei stato scartato? È molto più probabile che tu abbia stabilito con chi hai avuto a che fare per così tanti mesi tortuosi o addirittura anni, quando la relazione formale si è conclusa. Se sei riuscito a scappare, o, più spesso, sei stato scartato, la rivelazione di ciò con cui sei stato invischiato è più probabile che vi sia in un secondo tempo piuttosto che, al contrario, durante la seduzione o la svalutazione.

Armato di questa nuova scoperta, quando i pezzi del puzzle iniziano a combaciare, mentre l’emozione rimane fresca, il desiderio di esporci al mondo in generale è estremamente allettante. Quale modo migliore per vendicarsi del fare in modo che quelli che ci adulano capiscano cosa siamo veramente? Ora tu sai e, in accordo con la tua natura empatica, ti senti obbligato a condividere questa verità ora che l’hai cercata e trovata. Ora deve essere sicuramente il momento di annunciare al mondo che siamo narcisisti?

Ancora una volta, come descritto nel capitolo sulla svalutazione, i tempi e la scuola del narcisista sono molto importanti per capire cosa potrebbe accadere in conseguenza di questo smascheramento a terzi. Affrontiamo qui i risvolti possibili quando sei sfuggito al tuo narcisista.

Post Fuga

Il prossimo scenario è considerare cosa accadrà se tu dovessi esporci a terzi una volta che sei sfuggito alla nostra presa.

L’Inferiore.

Avrai rubato un’opportunità al Narcisista Inferiore. Basandoti sul presupposto che hai effettuato il no contact e sei sfuggito alla sua presa senza dargli l’opportunità di cercare di impedire la tua fuga, la tua esposizione avrà colto di sorpresa l’Inferiore.

I suoi sforzi saranno concentrati sul tentativo di riconquistarti attuando un Grande Recupero Iniziale, ma se non avevi interrotto il no contact e questo recupero è fallito, l’Inferiore sarà stato costretto a cercare una nuova fonte primaria per sostituirti. I suoi livelli di carburante saranno scesi e lui non avrà energie sufficienti per impegnarsi in una diffamazione contro di te mentre cerca di sedurre un sostituto.

Appena gli giunge voce della tua esposizione, verrà ferito da questa importante critica. La sua rabbia si innescherà e vorrà scagliarsi contro di te. Sapere dell’esposizione ti avrà permesso di entrare in una sfera di influenza, quindi vi è un attivatore di recupero. La sua reazione sarà quella di voler effettuare un recupero malvagio contro di voi. Tuttavia, se il tuo no contact è solido e con l’impatto della ferita dell’esposizione allora avrai alzato ulteriormente la barra rispetto ai Criteri di esecuzione di recupero. Egli non effettuerà il recupero perché la prospettiva del carburante è problematica, potrebbe non essere in grado di contattarti e c’è il rischio di ulteriori ferite.

Avrà in ogni caso la rabbia innescata dalla ferita dell’esposizione. Incapace di veicolare questa rabbia accesa contro di te attraverso un recupero malvagio e con un disperato bisogno di carburante, l’Inferiore si scaglierà probabilmente contro le sue fonti secondarie. Questo crea un ulteriore problema per lui. Mentre da una parte quelle fonti secondarie – la famiglia e gli amici, reagiranno fornendogli carburante – non possono farne a meno mentre lui si scaglia contro di loro causando rabbia, turbamento e sorpresa – egli avvalora anche ciò per cui lo hai esposto.

Di conseguenza, in tale scenario, hai sparso la voce di ciò che lui è. Questo viene riportato al narcisista e indipendentemente dal fatto che le persone credano o meno a ciò che hai detto (lo verifichiamo in un attimo) il semplice fatto che tu commetta un simile atto di tradimento si traduce in enormi critiche e quindi in ferite enormi. Incapace di eseguire quello che sarà in effetti un Recupero Successivo Maligno contro di te, l’Inferiore avrà perso il controllo e si scaglierà a destra e a sinistra. Inveirà contro la gente, con insulti, oggetti fracassati e così via in questo modo l’Inferiore danneggia la facciata attraverso la sua incapacità di controllare la sua rabbia.

Alla fine il carburante raccolto guarirà la ferita, ma dopo l’Inferiore affronta le conseguenze delle sue azioni. Numerose risorse gli volteranno le spalle e verrà lasciato a fare affidamento su una gamma ridotta di fonti. Mancandogli l’energia per attingere da numerose risorse secondarie sostitutive, l’Inferiore è costretto a concentrarsi sull’ottenere (o incorporare) la nuova fonte primaria. Tuttavia di solito si ritirerà mentre recupera carburante e sostituisce lentamente le risorse che ha perso. Ciò potrebbe persino costringere l’Inferiore a spostarsi dal territorio e cercare un nuovo terreno di caccia.

La tua esposizione a terzi incontrerà un certo successo, certamente più che se fosse avvenuto durante la svalutazione. Questo perché è probabile che tu sia più composto nel tuo approccio, perché sei riuscito a scappare e sei stato in grado di manifestare la tua esposizione prima che l’Inferiore fosse stato in grado di diffamarti. Non tutti accetteranno ciò che dirai loro, ma altri lo faranno. Vedrai anche che anziché rispondere diffamandoti e affrontare la tua esposizione, l’Inferiore ferito e fuori controllo si comporterà in un modo che ti consente di prendere le distanze e dire

“Ti ho detto così.”

Fintanto che ti impegni in questa esposizione in modo che il selvaggio e infuriato Inferiore non possa attivare il suo Recupero Maligno contro di te, è probabile che esporlo dopo la fuga abbia successo.

Il Medio Rango

Che dire del Medio Rango? Come reagisce una volta che l’hai esposto dopo la fuga? Di nuovo, questo dipende dal fatto che tu riesca a scappare senza avvertirlo, altrimenti affronterai lo scenario descritto in “Come fa sentire il no contact parte 2”

Una volta che al Medio Rango giunge voce della tua esposizione, verrà anche colto di sorpresa. Sebbene possieda una migliore funzione cognitiva e un maggior controllo rispetto all’Inferiore, anche il Narcisista di Medio Rango subirà una ferita enorme come combinazione di doppie critiche: della tua fuga e dell’esposizione. La sua reazione immediata sarà di orrore per il tuo comportamento sleale, stupore per quanto tu sia infido, e disgusto per il fatto che tu tra tutte le persone abbia potuto fare una cosa del genere.

La furia del Medio Rango sarà accesa e dovrà cercare carburante. Proprio come l’Inferiore, tornerà a volerti contattare attraverso un recupero successivo, dal momento che la tua fase di esposizione ti ha fatto entrare nella sua sfera di influenza e il recupero verrà attivato. Il Medio Rango non agirà in modo malvagio, ma ti vorrà recuperare in modo benevolo e allo scopo di esibire i nostri ripetuti giochi di pietà allo scopo di farti fornire carburante e anche di terminare e rovesciare l’esposizione.

Vorrà sapere perché hai potuto fargli questo dopo tutte le cose che ha fatto per te, come hai potuto trattare così male qualcuno che ti ama così tanto, come hai potuto essere così crudele, così malvagio e senza cuore quando tutto ciò che ha fatto è stato amarti. Sarà immemore della sua svalutazione nei tuoi confronti poiché è intento e concentrato sul suo stesso disagio. La ferita lo renderà irrequieto, patologico e in modalità vittima. Se il Medio Rango è in grado di interagire con te, puoi aspettarti un lungo monologo mentre cerca di muoverti a compassione e anche la conferma che l’esposizione è un errore, basato su un malinteso, e tu lo correggerai dicendo a tutti che hai sbagliato e che anzi lui è una persona onesta e affidabile.

Se il Medio Rango non è in grado di contattarti per fare questa supplica sentita, allora sarà costretto a cercare la simpatia altrove e attiverà le sue energie nel localizzare (o legarsi alla nuova fonte primaria) mentre ti diffama per il tuo tradimento doloroso e anche nel fornire la sua risposta alla campagna anche a quelli a cui l’hai esposto. Vuole comprensione e sostegno da parte dei suoi sostenitori, supplicherà la sua cerchia e i suoi luogotenenti di non credervi e di convincere gli altri dei suoi meriti.

Puoi incontrare un certo successo nel persuadere terze persone ad accettare la vera natura del Medio Rango se sei in grado di batterlo sul tempo con la tua fuga. Se riesci a fare la tua esposizione prima che possa diffamarti, avrai un certo successo. Affronterai la difficoltà che il Medio Rango non risponderà in maniera aggressiva, ma piuttosto utilizzerà la compassione e cercherà comprensione per fare in modo che le persone si sentano dispiaciute per lui. Questo sarà un passo efficace da parte sua e non intraprenderà il comportamento controproducente dell’Inferiore.

La tua esposizione combinata con il no contact lo farà sgattaiolare via lasciandoti solo. Sarà costretto ad concentrare i suoi sforzi per la sostituzione e tenterà di risanare la sua reputazione con terze persone e di diffamare anche voi. Anche se ha più energia dell’Inferiore, potrebbe in definitiva optare per mantenere un basso profilo e fare affidamento su ciò che rimane delle sue leali risorse che ha individuato e legarsi alla nuova fonte primaria. Hai alzato la barra dei criteri di esecuzione del recupero, perciò le prospettive di ulteriori recuperi saranno limitate per qualche tempo.

Il Superiore

Infine passiamo al Superiore. Qual è la sua reazione su di te che gli sfuggi e lo esponi? Ancora una volta, se lo hai informato sulle tue intenzioni, la sua risposta iniziale sarà come ivi descritta https://conoscereilnarcisista.com/2018/11/19/come-fa-sentire-il-no-contact-parte-3

Se non avverti il Superiore, cosa succede quando viene a sapere che stai esponendo il suo comportamento e che cosa è a terze parti.

La tua fuga e questo tentativo di smascherare, equivalgono, come ti aspetteresti, a una critica. Questo ferisce il Superiore, ma egli gestirà la sua rabbia e la terrà sotto controllo. Per adesso. La sua risposta iniziale sarà duplice:

1. Cercherà di mettere in atto un recupero benigno successivo per conquistarti. Sarà intenso e sostenuto e sarà simile a un grande recupero iniziale, ma non lo è. Sarà delizioso, piacevole, apparentemente pentito e dispiegherà il fascino e il magnetismo; e
2. Impiegherà tutte le risorse per contrastare gli effetti della tua esposizione con le terze persone. Inizialmente, si tratta di affermare le sue credenziali, quindi di minacciarti e diffamarti.

Se il Superiore non è in grado di contattarti allo scopo di conquistarti, accelererà i suoi sforzi per garantirsi una nuova fonte primaria (anche se la sostituzione non è idonea al 100%) in quanto il Superiore richiederà immediatamente una sostituzione per due motivi.

1. Naturalmente per il carburante; e
2. Per fare sfoggio a terze parti della facciata come parte della difesa delle sue credenziali e della sua diffamazione di te.

La tua fuga sarà descritta come lui che ti lascia. Sarai etichettato come Il Pazzo e lui guadagnerà carburante dal tuo sostituto e dalle sue altre fonti. È abile nel farlo e di conseguenza questo gli fornirà l’energia aggiuntiva per diffamarti e sabotare la tua esposizione.

È molto difficile esporre un Superiore perché ha affascinato così tante persone che troveranno molto difficile credere a ciò che stai dicendo loro. Non solo, il Superiore reagirà rassicurando queste persone, non c’è nulla di cui preoccuparsi mentre punta al tuo problema con il bere, la tua abitudine di mentire, la gelosia possessiva e così via. Questa combinazione di rassicurazione, fascino e diffamazione significa che è improbabile che tu abbia molto effetto sui pensieri e le opinioni delle terze parti, se non che ti citeranno per oltraggio.

Il nuovo sostituto sarà fatto sfilare per cercare di attingere carburante da te, ci saranno frequenti Bollettini di Relazione e tu puoi essere scappato ma la tua esposizione ti farà sentire di fatto come fossi di nuovo sotto assedio a causa degli effetti della sostenuta e coordinata risposta del Superiore.

Anche l’evidenza di grande levatura di ciò che è il Superiore può benissimo scomparire nella luce del suo fascino e delle sue abilità concentrate e alla fine correrai il rischio di essere nuovamente sedotto dal suo fascino o se non puoi mantenere il no contact, scoprirai che la tua esposizione non ha intaccato la sua posizione, ma ha avuto un effetto negativo sulla sostenuta diffamazione che ti toccherà. Anche se la tua esposizione ‘arriva’ per prima, il Superiore può mobilitare rapidamente la sua macchina di propaganda con i conseguenti problemi che ciò causerà per te.

Potresti considerare attentamente se c’è qualcosa da guadagnare dall’esporre il Superiore e concentrarti invece sui guadagni che hai ottenuto dalla fuga.

La prossima considerazione sarà data alla situazione di esposizione dopo lo scarto.

H.G. TUDOR

Exposure During Escape

📰 PERCHÉ IL NARCISISTA È TORNATO INDIETRO?

78949005_118409806296102_7834391347179028480_n.jpgRipensi a quel tempo glorioso in cui eri corteggiato dal narcisista che ti ha intrappolato. Tra il piacere e l’eccitazione di quella potente e vertiginosa seduzione c’è una buona probabilità che sia stata fatta menzione dell’ex di lui o di lei. Quelle persone erano il diavolo incarnato, non è vero? Abusanti, alcolisti, tossicodipendenti, cacciatori d’oro, giocatori d’azzardo, scansafatiche, parassiti, non aiutavano mai in casa, non aiutavano mai con i bambini, avevano un caratteraccio, asociali, imbarazzanti, giocavano tutto il giorno ai videogiochi e così via.
Non c’è dubbio che l’ex del tuo narcisista fosse una o più di queste cose. Sono stati diffamati da subito.

“Lui è semplicemente cattivo.”

“Lei è completamente fuori di testa”

“Credimi non la vuoi incontrare; è una pazzoide”

“Lui è violento e disgustoso. Affascinante fuori ma orribile dentro.”

Un centinaio di modi differenti per assicurarsi che tu pensi male del predecessore e meglio di noi. Lodi per esserci liberati, solidarietà per ciò che abbiamo passato, incoraggiamento per stare con te. Il carburante fluiva mentre raccontavamo storie su storie di trattamenti orribili. Tutto questo veniva detto dopo che ci eravamo sganciati da questa persona mentre ti inserivamo nel nostro mondo.

Potrebbe anche essersi trattato del caso in cui tu abbia iniziato una tresca con noi. Abbiamo ammesso di essere sposati, di vivere con qualcuno o di essere in una relazione ma una combinazione del nostro magnetismo carismatico e i racconti di sventure riguardo a come il nostro partner fosse orribile e maltrattante hanno fatto sì che tu vedessi qualcuno di meraviglioso che aveva bisogno del tuo amore e non ti sei sentito realmente preoccupato di interferire nella nostra relazione. Dopo tutto, quante volte ti abbiamo detto che non facevamo più sesso con loro, che non condividevamo nemmeno il letto, di come stavamo insieme solamente per il bene dei figli e centinaia di altre motivazioni che ti venivano date per sedurti e rassicurarti che era te che volevamo. Forse abbiamo anche lasciato il nostro partner per stare con te. Hai trionfato. Il bene ha superato il male poiché ti sei assicurato che avessimo il supporto, il coraggio e la determinazione per fuggire dal loro orribile trattamento. Ci hai avuto per te e il periodo d’oro ha potuto davvero iniziare.

Qualche tempo dopo, potrebbero essere settimane, potrebbero essere mesi e forse perfino anni, è successo qualcosa di strano.

Siamo tornati indietro.

Sei stato buttato senza tante cerimonie e siamo tornati nuovamente nelle braccia del nostro ex. Come è potuto essere? Come abbiamo potuto tornare da una persona così orribile, così abusante, così cattiva? Come abbiamo potuto ritornare da questa persona di cui ti avevamo raccontato così tante storie riguardo ai maltrattamenti e alla sua brutta personalità? Come abbiamo potuto tornare dopo che ci hai salvato da lei? Come abbiamo potuto farlo dopo tutto quello che hai fatto per noi? Laddove l’ex era orribile, tu eri piacevole, all’ex non importava, tu non hai mai smesso di essere amorevole e dove l’ex era crudele, tu sei stato meraviglioso. Ci hai aiutato durante la separazione e ci hai difeso quando il malvagio ex ci è venuto a cercare, incolpandoti per aver rotto un felice (ah ah!) matrimonio. Hai ascoltato le proteste sul fatto che avevi fatto girare la testa al partner, sussurrato bugie su di lui-lei e così a sua volta messo il partner contro di loro. Ricordi quanto attonito fossi nel momento in cui qualcuno ha avuto la sfrontatezza di comportarsi in maniera così violenta per poi accusarti di aver fatto le cose che aveva fatto. Questo ex era tale e quale a come te lo abbiamo descritto, vero? Manipolatorio, feroce e incolpa tutti tranne che se stesso. Proprio come ti avevamo avvertito, questa persona si comportava esattamente in base al carattere. Ti ha perfino accusato di certe cose ma non le hai creduto perché ti avevamo già avvertito che queste sono le cose che farebbe. Provare a farti pensare che eravamo noi gli abusanti al fine di spostare l’attenzione da come era veramente. Come diamine possiamo essere tornati da queste bugiarde, traditrici, maltrattanti, cattive e orribili persone? Non sembrava avere senso.

In certi casi, non hai ricevuto risposta. Il nostro numero è cambiato. Siamo tornati a vivere con questa persona in un posto che non conosci. Ti abbiamo bloccato sui social, le amicizie che pensavi di aver fatto nella nostra cerchia ti hanno bandito o ti hanno detto di accettare che sono cose che succedono e voltare pagina. Ma non puoi. Non riesci a capire per qualcuno potrebbe fare questo. Primo, perché tornare da un abusante? Secondo, perché buttare qualcuno meraviglioso come te che gli ha professato un vero e perfetto amore? Nulla ha più senso.

Forse sei riuscito a confrontarti con noi per provare a scoprire perché mai ci siamo comportati in un simile modo. Forse ti è stata data un’unica opportunità per comunicare il tuo caso e verificare perché l’abbiamo fatto lasciandoti devastato. Ti saranno state dette cose come: –

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a realizzarlo e per questo ti sono grato.”

” Lei mi ha promesso di cambiare e ho pensato si meritasse questa possibilità.”

” L’ho fatto per il bene dei bambini invece della mia felicità.”

” Siamo stati insieme vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei.”

Avrai discusso contro queste affermazioni. Avrai provato a persuaderci per riaverci indietro. Non c’è dubbio che tu abbia risposto così ad ognuna delle frasi sopra:-

“Non la ami. Come puoi amare qualcuno che ti ha maltrattato per così tanto? Hai già fatto la parte difficile, allontanandoti da lei, non puoi tornare indietro”

“Non cambierà. Perché dovrebbe? Hai detto tu stesso che lo aveva già promesso in precedenza e nulla era accaduto.”

“Se avessi fatto la cosa giusta per i tuoi bambini non li avresti esposti ad un’atmosfera tossica come quella che mi hai descritto tra te e lei.”

“Sei sotto il suo completo controllo. Non conosci altro che i suoi modi offensivi e li hai accettati. Non devi farlo. Posso aiutarti.”

I tuoi appelli ed esortazioni disperate e ben intenzionate sono falliti. La ragione è perché quando abbiamo detto ognuno dei commenti sopra, questo è ciò che realmente intendevamo.

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a realizzarlo e per questo ti sono grato.”

“Non mi hai fornito il carburante che pensavo mi avresti dato e ho capito che il carburante che avrei ottenuto tornando indietro e recuperando la mia ex e cercando un’altra possibilità avrebbe superato ciò che mi stavi dando ed ha funzionato. Ma non preoccuparti. Non ho intenzione di liberarmi di te per il momento. Ho organizzato una meravigliosa triangolazione per me, per te, per lei che porterò avanti tramite la riconciliazione. Sarà come quando avevamo una tresca (avere una tresca di nuovo). Com’è eccitante. Com’è pieno di carburante.”

“Lei ha promesso di cambiare e ho pensato che si meritasse questa possibilità”

“Io ho promesso di cambiare. Questo l’ha riportata indietro. Lo fa sempre e ci casca in pieno e questo carburante è migliore del tuo.”

“L’ho fatto per il bene dei bambini invece della mia felicità”

“Ho visto qualche crepa nella facciata e ho capito che la gente in realtà potrebbe rivoltarsi contro di me. Ho bisogno di questa facciata quindi al suo posto ho dovuto sacrificare te. Non lo saprai mai ma ho detto a lei, alla nostra famiglia e agli amici che sei una stalker e che cerchi di ricattarmi. Hanno capito. La facciata è intatta. Tu sei sacrificabile.”

“Siamo stati insieme per vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei.”

“La conosco dentro e fuori e so che non importa quante volte io lo faccia, lei mi riprenderà sempre indietro e mi darà del potente carburante di recupero. Lo so, ti ho detto che eri l’unica per cui avevo lasciato lei. Non era la verità. Non sei nulla di speciale. L’ho già fatto molte volte prima e lo farò ancora. Potrebbe anche essere nuovamente con te se sarai abbastanza stupida da darmi un’altra possibilità. È tutto buon carburante.”

Se sei sotto shock per l’improvvisa rivelazione che siamo ritornati dall’ex che era stato etichettato come orribile e maltrattante. Se non sei in grado di capire perché l’avremmo fatto, io lo capisco. Capisco che davvero non ha senso se visto dal tuo punto di vista. La realtà d’altra parte è che loro non mi hanno mai maltrattato. Io sono quello che maltratta. Io ti ho usata come avevo usato la mia partner per ottenere carburante. Ho proiettato i miei comportamenti su di loro e tu te la sei bevuta alla grande, dandomi tu carburante positivo e lei carburante negativo mentre ti triangolavo con lei. Potrei non essere tornato indietro, ma la qualità del carburante di recupero e la facilità con cui lo posso ottenere lo rende irresistibile. Ritornerò ancora da te e tu me lo lascerai fare perché hai assaporato il periodo d’oro. Credi ancora che lei sia una stronza e combattete per me incolpandovi l’una con l’altra invece di realizzare che sono io da incolpare. Io l’ho pianificato. Io l’ho orchestrato. Io sono il burattinaio.

H.G. TUDOR

Why Has The Narcissist Gone Back?