📰 I NARCISISTI SANNO COSA STANNO FACENDO? – IL MEDIO RANGO

191009D Do Narcissists Know What They Are Doing The Mid Ranger.jpg

Precedentemente mi sono occupato di precisare se il Narcisista Inferiore sapeva cosa stava facendo e perché, ma ora esaminiamo il Narcisista di Medio Rango. Si può ben accettare che l’Inferiore, da caprone non raffinato e aggressivo, che lui o lei è, semplicemente passa attraverso la vita incosciente del danno che causa, ma sicuramente il più intellettualmente benedetto narcisista di Medio Rango è ben consapevole di ciò che sta facendo? Complotta e pianifica, vero? Sa esattamente come manipolare e riflettere, e architetta in anticipo per ottenere il risultato giusto per lui?

No.

Il Narcisista di Medio Rango (Medio Minore, Medio Centrale e Medio Maggiore) ha un livello maggiore di funzione cognitiva rispetto all’Inferiore. Il Medio Rango esibisce anche una (finta) empatia cognitiva, sapendo abbastanza di come ci si aspetta che lui o lei si comporti per adattarsi, ingannare e quindi intrappolare. Tuttavia, nonostante questa aumentata funzione cognitiva – e il Narcisista di Medio Rango Maggiore può essere molto intelligente – è l’istinto che governa ancora una volta i comportamenti e la risposta del narcisista.

Il Medio Rango non si siede in un vulcano vuoto come un cattivo di Bond che si frega le mani insieme e complotta. Lui o lei non pensa a tutti i modi in cui poter rovinare la vita dell’empatico nelle prossime settimane. Il suo narcisismo opera in modo, come sempre, simile a un meccanismo di autodifesa per consentire al Medio Rango di funzionare ed essere efficace – perché non ha sviluppato altri meccanismi di reazione che hanno i non narcisisti quando percorrono il sentiero della vita. La funzione di questo è istintiva.

Il Medio Rango pensa che si siederà e metterà il broncio in modo da poter affermare il controllo sulla sua paziente consorte e guadagnare carburante mentre lei lo supplica di parlarle? No. Egli sta istintivamente in silenzio perché questa è la risposta ottimale in conseguenza del fatto che è stato ferito. Il suo narcisismo agisce in modo da fargli emettere un trattamento del silenzio. Questo ovviamente attira carburante e afferma la sua superiorità percepita rispetto al relativo apparecchio, ma lui non decide di somministrare un trattamento del silenzio, lo fa e basta. Sa che non le sta parlando.

La Narcisista Medio Rango decide che farà un gioco di pietà coi suoi colleghi sul modo in cui ha ottenuto la promozione, diffamando il capo e guadagnando simpatia per chi ascolta? No, è la sua risposta manipolativa per essere stata ferita e non aver guadagnato la promozione.

Il Medio Rango riconosce che la sua freddezza ti ha turbato? Sì. Vede le tue lacrime, sente il dolore nella tua voce e la tua espressione afflitta. Ciò gli fornisce carburante (anche se non lo riconosce come tale) e sente il potere che deriva dalla fornitura di tale carburante. Questa reazione al flusso di potere potrebbe essere quella di sorridere o farti un ghigno. Potresti quindi pensare: “Lui sa quello che sta facendo”. No, sa che la sua azione ti fa male, ma non si sente in colpa, non ha rimorsi, non si turba a comportarsi in questo modo perché, dal punto di vista narcisistico, è completamente giustificato.

Per capire meglio, immagina che vi sia un Narcisista di Medio Rango e una vittima. Marito e moglie. Entrambi sono stati al lavoro durante il giorno. Il narcisista ha chiamato sua moglie due volte durante il pomeriggio, ma lei non ha risposto: questo lo ha ferito. Inoltre lei ha mancato di richiamarlo. Viene ferito di nuovo. Sua moglie, essendo la Risorsa Primaria Intima, è dipinta di nero come conseguenza del suo pensiero suddiviso. Così, dal suo punto di vista narcisistico, tutto ciò che lei dice e fa sarà visto attraverso una “lente nera” finché non sarà di nuovo dipinta di bianco. Una persona normale e sana dovrebbe capire che la sua mancanza nel rispondere e richiamare significa che è impegnata, forse in una riunione. Il narcisista, governato dalla paranoia e dalla schiacciante necessità di controllo è ferito. Questa persona non sta facendo ciò che vuole, il suo senso del diritto (che lei dovrebbe essere disponibile) è intaccato. Si sente come se stesse perdendo il controllo. Inizia a sentirsi impotente e gli viene in mente il tempo in cui veniva fatto regolarmente sentire in quel modo. Questa situazione deve essere affrontata – deve affermare la sua superiorità e la sua visione annerita della consorte gli consentirà di farlo.

Sua moglie arriva a casa per prima. Il marito entra dalla porta e lei lo saluta con

“Ciao tesoro, cosa hai fatto?”

Una domanda innocua e piacevole, che si informava premurosa sulla giornata del marito.

Il marito non la considera in questo modo. Il suo narcisismo pretende che lui affermi il controllo e che lei venga punita per la sua trasgressione. Lui non pensa

“Non ha risposto alla mia chiamata, devo punirla. Non mi ha richiamato, devo affermare il controllo.”

Questi bisogni di controllo e punizione sono automatici e istintivi. La sua domanda è vista come indiscreta, dispotica e non necessaria.

“Cosa bisogna fare con te?” Le scatta contro. La sua visione dipinta di nero di lei implica che la sua risposta è provocatoria e spiacevole. Sua moglie viene colta alla sprovvista, la sua espressione diventa di dolore e il narcisista riceve carburante da questo.

“Scusa? Cosa c’è che non va? Perché sei così?” Chiede in tono ferito.

Queste domande sono carburante di sfida. L’emozione di lei gli dà energia, ma poiché lei gli sta facendo domande, lo sta sfidando e quindi (dal punto di vista del narcisista) continua a rifiutare il controllo e a ribellarsi a lui.

Il Medio Rango non pensa

“Ah bene, è arrabbiata e confusa. So che lascerò andare.” Invece, la sua risposta istintiva, che è automatica e rapida al fine di preservarlo come dovrebbe fare il suo meccanismo di autodifesa, gli fa rispondere

“Non c’è niente di sbagliato in me. Sei tu, sempre ficcanaso, a farmi domande, a cercare di controllarmi.”

La moglie è di nuovo colta alla sprovvista. Sa che non sta controllando (anche se poi ovviamente può iniziare a dubitare di ciò) ma è confusa. La sua confusione è benvenuta, la rende più facile da controllare. Le sue risposte continuano ad alimentare il narcisista. Il Medio Rango però non sta considerando quello che dirà dopo per continuare a confonderla, non sta valutando come guadagnare più carburante da lei, non sta valutando come affermare il suo controllo su di lei, tutto accade come una questione di istinto. Sa che lei è sconvolta, ma è colpa sua perché il narcisismo fa sì che sia colpa di chiunque, tranne che del narcisista. Sa che i suoi commenti la turbano, ma sono necessari perché lei è l’aggressore.

Una terza persona che assiste a questa scena direbbe che il narcisista ha risposto in modo sgradevole all’inizio e quindi è lui il problema.

Il narcisista non vede questo e non lo può vedere. Pensa di essere lui la vittima. Pensa che la sua consorte sia il problema perché non ha risposto alla sua chiamata e non lo ha richiamato. Il suo narcisismo gli fa pensare che lei sia dispotica e quindi REAGISCE al suo comportamento violento; di conseguenza non è lui l’istigatore. Questo è il motivo per cui, insieme a una mancanza di rimorso e senso di colpa, il Narcisista di Medio Rango non vede nulla di sbagliato in ciò che sta facendo, perché tutto ciò che fa è rispondere al comportamento irragionevole di un altra persona e quindi lui è nel giusto.

Questa maggiore consapevolezza cognitiva del Medio Rango dà origine anche alla facciata. Un Inferiore avrebbe una relazione e non si curerebbe di chi lo sa – il coniuge cornuto è in colpa qualunque sia la ragione e chiunque osi dire qualcosa di negativo sulla sua infedeltà è un idiota. Il Narcisista di Medio Rango sa che la società considera l’infedeltà come una cosa negativa. Lui non lo fa e inoltre il suo narcisismo gli darà molte ragioni per cui dovrebbe commetterlo. Tuttavia, poiché ha abbastanza consapevolezza cognitiva per riconoscere che questo viene disapprovato, nasconderà iol tradimento (a meno che non vi sia una prioritaria ragione vantaggiosa per non farlo) il che dà l’impressione che si senta in colpa per il suo comportamento. Non è così, lui non vuole che la sua facciata venga danneggiata, non vuole che la seccatura della stabile vita domestica (con il suo carburante e i suoi residui benefici) venga danneggiata. Ma, di nuovo, lui non pensa in questi termini, sa solo che la gente si accanirà contro di lui per aver tradito sua moglie, quindi lo tiene nascosto.

Può sembrare che il Narcisista di Medio Rango si senta davvero in colpa per il suo comportamento. Che è sinceramente dispiaciuto e che farà ammenda. Niente affatto. Ancora una volta, apprende abbastanza dall’osservazione istintiva che non parlare con qualcuno per una settimana fa male e viene considerato come una “brutta cosa”, e si spingerà fino al punto di ammettere che MA ci sarà sempre una ragione o una scusa. Dirà

“So che ti fa male quando non ti parlo per una settimana, MA se non mi avessi tormentato, non avrei bisogno di una pausa.”

Istintivamente sposta la colpa durante questi momenti di apparente contrizione.

Alcuni Medio Rango Centrali e Medio Rango Superiori possono pianificare di ovviare ai torti percepiti che hanno subito, ma questa rimane una risposta istintiva. Non pensa: “So che è sbagliato quello che sto progettando, ma che diavolo, lo farò comunque.” Sa che la gente potrebbe considerarlo sbagliato, ma sa di essere giustificato perché è stato offeso, ferito, in qualche modo gli è stato fatto un torto – cioè ferito o sfidato – e quindi la sua azione è giustificata e necessaria.

Quando il Medio Rango mente, non sa che sta mentendo. La bugia è la sua verità perché il suo narcisismo fa sì che la sia – il suo narcisismo devierà la colpa, attribuirà la colpa a te, revisionerà la storia, negherà e così via – fa tutto parte delle risposte istintive che sono assolutamente necessarie affinché il narcisista riacquisti e mantenga il controllo ed è il risultato de Le Doppie Linee di Difesa del Narcisista.

Quando il Medio Rango mette in atto il gaslighting, non sa che lo sta facendo. Può essere in contraddizione con ciò che ha detto cinque minuti prima ma il suo narcisismo lo rende cieco riguardo a questo, deve farlo, così il meccanismo di difesa rimane intatto ed efficace, e quindi crede sinceramente che quello che sta dicendo è giusto e oltretutto tu sei in torto, perciò sei tu il problema.

Questo è il motivo per cui i Narcisisti di Medio Rango credono di essere brave persone, addirittura persone empatiche e che l’altra persona (la vera vittima) sia il problema. Questo è il motivo per cui la vera vittima viene etichettata come abusatore, tormentatore e persino narcisista e il Narcisista di Medio Rango crede davvero che sia così. Non pensa “So che sono il problema e non è lei, ma ho intenzione di incasinarle la testa” – crede davvero che la vittima sia la fonte del problema perché in questo modo le sue reazioni e azioni hanno assoluta convinzione, hanno la migliore possibilità di un esito positivo (vale a dire carburante e controllo) e quindi la manipolazione va avanti all’infinito senza alcuna prospettiva di cambiamento.

H.G. TUDOR

Do Narcissists Know What They Are Doing? The Mid Ranger

📑 IL LINGUAGGIO SEDUTTIVO DEL NARCISISTA DI MEDIO-RANGO

190824F The Middle Mid Ranger’s Seduction Speech.jpg

Questo dimostra l’impostazione mentale di un Medio-Rango Centrale che potrebbe scrivere in questi termini o parlare alla vittima in questo modo. È un linguaggio che potrebbe essere adottato da qualsiasi suddivisione di Medio-Rango, ma è più probabile che provenga dal Medio-Rango Centrale a causa del suo debole per il gioco di pietà, il falso martirio e il pensiero magico.

Le sezioni in grassetto e in corsivo rappresentano la realtà inconscia di ciò che sta accadendo, paragonata alla convinzione cosciente del narcisista. Ricorda, la sua convinzione cosciente è la sua credenza reale e grazie all’effetto accecante del narcisismo questo Medio-Rango Centrale non si rende conto che queste parole sono vuote, che certi fatti non sono mai accaduti, che vengono usate varie forme di manipolazione (essendo quelle forme di manipolazione istintive).

Spiegherò anche alcuni dei tratti empatici su cui avranno gioco questi commenti istintivi, aiutati e incoraggiati, naturalmente, dal crescente pensiero emotivo della vittima che viene convinta con l’inganno a credere a queste parole e a ignorare le ripetute bandiere rosse che stanno sventolando qui.

Che posizione avrebbe il destinatario di un simile discorso nella matrice di carburante del narcisista? Il destinatario sarebbe la Fonte Secondaria Intima Candidata, il che significa che il narcisista percepisce istintivamente che questa persona potrebbe essere incoronata come Fonte Primaria Intima. Potrebbero esserci altri concorrenti ma sono IPSS da Scaffale e il destinatario di questo discorso è il capolista. È probabile che vi sia una IPPS che è in svalutazione e a breve verrà sottoposta a disimpegno, se questo discorso dovesse avere successo e la seduzione vincesse su questa Candidata.

Ti ho sempre adorato. È vero. Non l’hai capito. Come hai potuto? Ho mantenuto la mia adorazione confinata in qualcosa di distante e remoto, vivendo sempre nella speranza che un giorno sarei stato in grado di riversare su di te la mia adorazione.

(Infatuazione, martirio, nutre il tratto empatico della vittima di devoto d’amore per  quanto riguarda il concetto di amore non corrisposto, un amore che brucia inosservato).

Per quanto tempo è durata questa condizione? Direi oltre dieci anni.

(Non dura da più di dieci anni: questo è Pensiero Magico, Revisione della Storia e Grandiosità, ma il narcisismo fa sì che in quel momento il narcisista creda veramente che questa adorazione esista da dieci anni.)

Sì, così a lungo. È stato quando sei entrata per la prima volta in azienda. Abbiamo lavorato in dipartimenti separati ma un giorno ti ho vista arrivare e da quel momento ho sentito questa adorazione per te.

(Il narcisista non aveva mai notato la vittima prima perché era nel periodo d’oro un’altra persona, ma suona più impressionante suggerire che questa consapevolezza è stata così precoce perché questo si accorda con il Tratto di Devoto d’Amore di amore a prima vista.

Era forte e potente, e fluiva dal profondo di me. Ho saputo in un istante cosa era e sapevo  che dovevo dartela.

(Grandiosità e Martirio).

Non avevo idea di quando potesse presentarsi quell’occasione, quando avrei potuto essere in grado di fornirti questa adorazione potente e senza fine. Non l’hai saputo ma sono riuscito a copiare la tua fotografia dal sito web dell’azienda e me ne stavo sdraiato sul mio letto o seduto su una sedia e fissavo la tua foto chiedendomi quando sarei stato in grado di darti quello che meritavi.

(Questo non è mai accaduto: la Revisione della Storia combinata con Grandiosità.) Ancora una volta viene sfruttato il Tratto di Devoto d’Amore da un’azione così apparentemente ‘dolce’. Logicamente, la vittima dovrebbe (a) domandarsi se questo sia effettivamente accaduto e (b) se lo fosse, trovarlo piuttosto inquietante).

Ho pensato di ascoltarti mentre eri sdraiata accanto a me e sussurravi il mio nome, la  sensazione della tua mano nella mia, la gioia nel condividere le esperienze.

(Il Pensiero Magico e l’esibizione del Senso del Diritto dal momento che il narcisista si figura già la relazione che si è formata, che dimostra il senso latente di proprietà della vittima).

Questa adorazione è rimasta, rimescolata e cresciuta dentro di me. L’ho sostenuta e nutrita per tutto questo tempo.

(Grandiosità e Revisione della Storia. L’adorazione è nata di recente quando la necessità di sostituire la IPPS attualmente svalutata è divenuta più pressante).

Questo dimostra sicuramente quanto sia potente e quanto tu sia speciale per me. Sì, lo so che non ne avevi idea. Come potevi? L’ho tenuto per me perché volevo conservarla tutta per te.

(Martirio, nutrire il Tratto di Devoto d’Amore per quanto riguarda il potere dell’amore).

Certamente ci sono state altre durante quei dieci anni ma erano solo pratica per quando sarei stato in grado di fornire quell’adorazione a te.

(Estenderebbe la credibilità a suggerire che il narcisista è rimasto single per tutto questo tempo (un Medio-Rango Minore potrebbe suggerire una cosa del genere) invece, il bisogno per il narcisista di dimostrare che è un buon partito quindi ci sono stati altri partner resta TUTTAVIA che questo è giustificato. Questa è una Triangolazione Benigna.)

Ero affezionato a quelle altre presumibilmente significative, ma non illudiamoci né tu né io; non si sono neanche avvicinate a evocare l’adorazione che ho per te.

(In realtà allora vi si avvicinavano, ma sta sorgendo la Revisione della Storia delle ex che sono dipinte di nero.)

Non ero sorpreso. L’avevo capito dall’istante in cui ho posato gli occhi su di te che tu eri quella giusta.

(Revisione della Storia. Pensiero Magico.)

Non ho potuto fare la mia mossa finché non mi sono messo alla prova. Vedi, sono  stato deluso così tante volte in passato. Pensavo di sapere e capire qual’era la vera adorazione. Ero stato ingannato da degli impostori e scoperto che avevano promesso molto eppure mantenuto così poco. Non dubitavo di te, ma dovevo esserne sicuro.

(Martirio, Gioco di Pietà, Triangolazione Benigna, Ex Dipinte di Nero).

Ogni giorno che passava in cui negavo a me stesso la possibilità di darti la mia adorazione era un altro giorno in cui verificavo se quell’adorazione sarebbe rimasta intatta, ed era così.

(Martirio, Pensiero Magico, Revisione della Storia, Collocare la vittima sul piedistallo: tu sei totalmente degno di tutto questo sforzo e dolore e quindi dovresti sentirti molto speciale).

Ho superato il test. Ho fatto molte domande su me stesso e ho scoperto che non ne avevo intenzione. Questa volta era la realtà. Questa era vera e sincera adorazione, niente di più e niente di meno. Mi sono reso conto, mentre i mesi diventavano anni, che più aspettavo più diventavo sicuro e inoltre, come un grande whisky che invecchiava, che più aspettavo e più intensa sarebbe stata questa adorazione.

(Revisione della Storia. Pensiero Magico) Nutrire i tratti empatici dell’onestà e della decenza mostrando alla vittima che non si è precipitato (quando naturalmente il narcisista si è precipitato).

Compresi che permettere a questa adorazione di crescere e svilupparsi, metterla alla prova, determinare se avesse dei limiti e delle carenze, in definitiva avrebbe significato che sarei stato in grado di dispensare l’adorazione come nessun altro avrebbe mai potuto fare. Io potevo darti quello che meritavi e in cambio tu mi avresti fornito quello che volevo e di cui avevo bisogno.

(Pensiero magico, martirio, Idealizzazione della vittima).

Può sembrare strano ma è quasi giunto un momento in cui ho pensato che forse non ti avrei mai dato questa adorazione.

(Gioco di Pietà)

Mi chiedevo e riflettevo se sarebbe stato meglio per me mantenerla dentro me stesso.

(Martirio)

Mettendo sotto chiave la mia adorazione, mi sono sempre chiesto se sarebbe andata perduta dopo un altro giorno di attesa e di prova, ma poi ho capito che da quando ti adoro in questo modo, non potrei più tenere nascosta questa adorazione. Che persona sarei se non ti fornissi proprio la cosa che meriti?

(Gioco di Pietà)

Avremmo fallito entrambi, sia io che te. Quindi, è per questo che ho fatto la mia mossa. Non c’era nulla di definito che ha innescato questo bisogno di fare il mio approccio e di fornirti questa adorazione. Non c’era altro elemento propulsore se non la consapevolezza che era giunto il momento.

(Martirio, inoltre, l’elemento propulsore era ovviamente la necessità di sostituire l’attuale IPPS in svalutazione, sebbene il narcisista non si renda conto che è questo ciò che sta guidando il comportamento).

Non c’era più nulla da guadagnare nel mantenere questa adorazione limitata a me stesso. Ho dovuto liberarla e posarla su di te. Dovevo versarla su di te, spargerla e spalmarla. Avevo bisogno di offrire questa adorazione perfetta e di permetterti di crogiolarti in essa, di rallegrarti e sapere anche che questo è ciò che ti fornirò.

(Grandiosità: esibizione latente della proprietà e della vittima che è un’estensione del narcisista).

Come può ora essere così? Ho aspettato così tanto per darti questo che non può esserci altro risultato se non questo stato permanente di adorazione che ci permetterà di diventare una cosa sola e preservare per sempre questo stato di cose.

(Assimilazione della vittima al narcisista che dimostra il fatto che la vittima è un’estensione del narcisista. Ancora una volta i tratti empatici di Devoto d’Amore).

Dieci anni possono sembrare un tempo lungo, ma è solo un battito di ciglia se paragonato all’adorazione infinita che ti darò e che ci terrà uniti.

(Infatuazione, Grandiosità).

Non dobbiamo crollare, non dobbiamo cadere.

(Grandiosità: questa promessa è ovviamente un ammonimento, condizionale, flessibile e quando necessario sarà revocata e rimossa come se non fosse mai esistita perché tale promessa è stata fatta a un’altra vittima il mese scorso, a un’altra il mese prima e a un’altra ancora l’anno scorso.)

H.G. TUDOR

The Middle Mid Ranger’s Seduction Speech

📰 QUANDO I NARCISISTI SI SCONTRANO – PARTE DUE ⬅

190823A When Narcissists Collide – Part Two.jpg

Qual è la dinamica quando un Narcisista Inferiore e un Narcisista di Medio Rango si intrecciano l’uno con l’altro? In breve, l’Inferiore è classificato da un livello inferiore di funzione cognitiva, una bassa soglia di controllo sulla furia accesa, livelli ridotti di fascino, una gamma più limitata di manipolazioni, una vita spesso caotica in termini di relazioni, lavoro, dipendenze e finanze e una maggiore propensione alla violenza fisica. Il Narcisista di Medio Rango è passivo-aggressivo, con maggiore fascino e funzione cognitiva rispetto all’Inferiore, è meno probabile che usi violenza fisica, ma invece si basa su trattamenti del silenzio e bronci, usa giochi di pietà e cerca compassione, si rivolge ad altri per avere assistenza nel manipolare gli individui e ha una gamma più ampia di manipolazioni su cui contare. Ancora una volta, nessuno di questi individui sa cosa è e non riconoscono la loro specie. In che modo questi due tipi di narcisisti interagiscono tra loro?

Come filosofia generale, l’interazione tra Inferiore e Medio-Rango è quella del gatto e del topo. Entrambi sono in lotta per il carburante, ma hanno a disposizione diversi strumenti per raggiungere questo obiettivo. L’Inferiore sarà l’agente provocatore, con il Medio-Rango che fa il frustrato col tipo, anche se lui o lei scatenerà le sue passive manipolazioni aggressive mentre combatte per il carburante che proviene dall’altro.

All’interno della dinamica narcisistica familiare, non vi è alcuna seduzione tra i due come conseguenza del fatto che i due individui sono uniti a causa della loro parentela. Prendiamo l’esempio di due sorelle adulte. L’Inferiore cercherà di attingere carburante dalla narcisista di Medio-Rango entrando in competizione. È probabile che l’Inferiore sia gelosa della Medio Rango che potrebbe essere percepita come più realizzata e che ha successo, in termini di lavoro, qualità della casa, circolo sociale e cose simili. L’Inferiore considererà questo successo come una critica intrinseca della Medio-Rango il che accenderà la sua furia. Non può fare a meno di scagliarsi contro sua sorella e lo farà accusandola di avere la puzza sotto il naso, di essere la signora Sporcizia, suggerendo che i suoi risultati non sono i suoi ma quelli di altre persone e così via. Qualsiasi cosa pur di ottenere il sopravvento nella dinamica tra le due. L’aggressività mostrata dalla Sorella Inferiore nei confronti della sorella di Medio-Rango fornirà alla sorella di Medio-Rango il carburante, ma la natura della sfida implicherà che anche lei cercherà di attingere carburante da altre persone attraverso il gioco di pietà e la ricerca di compassione. Quindi ci si può aspettare nel contesto, diciamo di una riunione di famiglia, che l’Inferiore sentirà il bisogno di attaccare verbalmente la Medio Rango, spesso con insulti personali come “Hai messo su più peso dall’ultima volta che ti ho visto” o “Ho un vestito come quello, non sta bene neanche a me.”

Se l’Inferiore fa questi commenti in modo rabbioso o selvaggio, la Medio Rango ottiene carburante. Se l’Inferiore (il che è meno probabile) li afferma in una modalità senza carburante, allora questo ferirà la Medio Rango che si ritirerà dall’Inferiore con un trattamento del silenzio e/o cercherà carburante di compassione da terze persone non narcisiste. La reazione ferita della Medio Rango fornirà carburante all’Inferiore. Quindi, quando la Medio Rango piagnucola, “Perché mi prendi sempre in giro?” O “Lasciami in pace, perché devi essere così odiosa?” l’Inferiore guadagna carburante. Se la Medio Rango risponde con un trattamento del silenzio, questo non fornisce alla Sorella Inferiore il carburante, quindi perseguiterà la Medio Rango cercando di interrompere il trattamento del silenzio. È probabile che questa ricerca dia più carburante alla Medio Rango dato che la Sorella Inferiore diventa sempre più infastidita e frustrata dal silenzio. La Medio Rango manterrà il trattamento del silenzio finché non riceverà sufficiente carburante per curare la ferita e poi parlerà di nuovo oppure l’Inferiore, priva di carburante e furiosa a causa delle critiche che derivano dal silenzio, è costretta a cercare carburante altrove.

Se le due sorelle sono da sole, qualsiasi interazione finirà presto in una discussione e la Medio Rango metterà in atto un trattamento del silenzio per difendersi. L’Inferiore continuerà a pungolare la Medio Rango fino a quando non fornirà di nuovo carburante o si interromperà e si scatenerà per scagliarsi contro qualcun altro, imprecando contro il comportamento da bambina di sua sorella mentre lei ha i suoi personali scatti d’ira.

Se le due sorelle sono con altri membri della famiglia, la Medio Rango dapprima si rivolgerà a loro per compassione e aiuterà a fermare l’attacco dell’Inferiore. È probabile che vada a finire in accusa contro accusa e tutti i tipi di manipolazioni in quanto vi è triangolazione, spostamento di colpa, proiezione e simili su scala mondiale. La Medio Rango siederà in silenzio imbronciata o sgattaiolerà via, con l’Inferiore che continua a provocare. Se questo comportamento provocatorio non produce risultati, la sorella Inferiore si rivolgerà agli altri membri della famiglia per il carburante che dovrebbe essere fornito dalla sorella di Medio Rango.

Qualora i due narcisisti siano amici, si verificherà una dinamica interessante. L’Inferiore vedrà il Medio Rango di maggior successo non solo come fonte di carburante, ma anche come qualcuno in grado di fornire benefici residui e tratti caratteriali. Quindi, l’Inferiore sarà desideroso di sedurre il Medio Rango come amico di circolo ristretto.

Il Medio Rango vedrà l’aggressività dell’Inferiore come utile in termini di assicurarsi questa persona come Luogotenente e mirerà a sedurre l’Inferiore perché diventi un amico del circolo ristretto che viene poi utilizzato allo scopo di svolgere il lavoro sporco del Medio Rango.

L’Inferiore, una volta che ha sedotto il Medio Rango, cercherà di utilizzare il passivo Medio Rango per prestiti di denaro, essendo disponibile quando nessun altro potrebbe esserlo per uscire e in genere per estorcere i beni del Medio Rango. Il Medio Rango sarà inizialmente compiacente come parte della propria seduzione dell’Inferiore. È quando il Medio Rango si aspetta di “incassare” con la sua generosità che iniziano i problemi. Il Medio Rango cercherà di manipolare l’Inferiore perché faccia cose per lui o per lei. L’Inferiore può farle in un primo momento ma dopo un po’, il suo senso di diritto implica che si aspetta che gli vengano date cose dal Medio Rango e che non debba fare nulla in cambio. Respingerà questo tentativo di controllo e lo farà in un modo che darà carburante al Medio Rango. Il Medio Rango, spinto dal suo stesso senso di diritto, si aspetta che l’Inferiore esegua i suoi desideri, basandosi sui favori del passato e reagirà in un modo che ferisce simile all’Inferiore che si scaglia. Poiché entrambi si aspettano che l’altro faccia qualcosa in base ai diritti e/o agli investimenti passati e non ottengono la risposta richiesta, ci sarà uno scontro. L’Inferiore chiederà e il Medio Rango si ritirerà. Il probabile ritiro del Medio Rango farà sì che l’Inferiore irrompa in una furia e causi una cessazione temporanea del legame mentre cerca altri “amici” che gli diano ciò a cui ha diritto, non narcisisti. Il Medio Rango, ferito da questo tradimento dell’amicizia, si ritirerà e si lamenterà dell’egoismo dell’Inferiore con chiunque lo ascolti.

Tuttavia non si scartano a vicenda perché percepiscono un bisogno utile l’uno dell’altro. L’Inferiore vede il Medio Rango che ha maggior successo come un fornitore di generosità, generosità a cui ha diritto. Il Medio-Rango vede l’Inferiore come l’utile affilato strumento del Luogotenente, strumento a cui ha diritto. Sfortunatamente per loro, il loro senso di diritto li porterà a scontrarsi, a non preoccuparsi l’uno per l’altro dopo una sfuriata e poi a cercarsi di nuovo l’un l’altro di nuovo attratti dal richiamo dell’utilità reciproca. Naturalmente c’è carburante da raccogliere nell’affare, ma non è così grande come quando si ha a che fare con un individuo empatico e quindi in realtà sono i benefici residui e i tratti caratteriali l’attrazione principale tra l’Inferiore e il Medio-Rango in un contesto sociale.

Le terze persone verranno trascinate nei loro litigi. L’Inferiore offenderà il Medio-Rango e attaccherà verbalmente qualsiasi altra persona che difenda il Medio-Rango. Il Medio-Rango farà l’offeso per far festa a chiunque voglia ascoltare e li manipolerà per provare a ricostruire un ponte con l’infastidito Inferiore.

Che dire della situazione in cui un Narcisista Inferiore e un Medio-Rango sono legati per mezzo del lavoro? Di nuovo, questo è uno scenario non intimo in cui esiste una connessione preesistente tra i due narcisisti. Analogamente all’impostazione sociale sopra descritta, i due narcisisti guarderanno all’altro come carburante, ma anche per il sequestro dei benefici residui. L’Inferiore si aspetta che il Medio Rango gli faccia favori, come diminuire il suo carico di lavoro, sostenerlo per la promozione o un aumento di stipendio, che gli assegni lavori favorevoli e cose simili dal momento che il Medio Rango è in grado di mantenere una posizione leggermente superiore. Il Medio-Rango si aspetterà di dominare sull’Inferiore e lui o lei sarà a completa disposizione del Medio Rango. Quindi l’Inferiore considererà ogni mancanza del Medio Rango di mostrare a lui o lei il suo favoritismo come una critica. La furia dell’Inferiore si accenderà e non riuscendo a tenerla sotto controllo, si scaglierà contro il Medio Rango (e con altri) causando turbative ed eventualmente provvedimenti disciplinari, mentre il “ferito” Medio Rango va di corsa alle Risorse Umane.

Se l’Inferiore detiene il ruolo superiore sul posto di lavoro, allora si aspetterà che il Medio Rango sia il suo servetto. Delegherà considerevoli quantità di lavoro al Medio-Rango che si considererà individuato e preso di mira. Non oserà lamentarsi direttamente con l’Inferiore ma invece farà pettegolezzi con i pari, si lamenterà con un altro capo e potenzialmente solleverà la questione tramite un reclamo. L’Inferiore richiede sottomissione dal narcisista di Medio-Rango come parte di questo ideale di controllo e onnipotenza. Il Medio-Rango, ritenendosi al di sopra degli umili esercizi e responsabile, crede di avere il diritto di evidenziare il comportamento “cattivo e ingiusto” del Narcisista Inferiore. I due continueranno a sfornare carburante l’uno per l’altro con gli attacchi feroci dell’Inferiore contro il Medio-Rango per aver osato sfidarlo e con il Medio-Rango che risponde supplicando l’Inferiore di lasciarlo stare, o chiedendo perché insiste su rendere la sua vita un tormento. I due offriranno sicuramente una specie di spettacolo agli altri dipendenti, pur causando costernazione a coloro che devono lavorare al loro fianco o disciplinare i loro comportamenti. Combatteranno efficacemente l’uno contro l’altro, accusando e contro-accusando di non essere mai colpevoli e che è sempre colpa dell’altro.

In termini di reazione come fonte terziaria, un Medio Rango è probabile che sia gradito a una fonte terziaria Inferiore e fornisca carburante positivo che l’Inferiore accetterà. Un Inferiore, tuttavia, ha maggiori probabilità di essere aggressivo nei confronti di un Medio Rango o di oltraggiare il senso di importanza immediatamente offeso, sottolineando che la fonte terziaria Medio Rango ha fatto qualcosa di sbagliato che avrà come esito l’imposizione del ritiro di servizi, che a sua volta causerà un’esplosione improvvisa da parte dell’Inferiore. Qualsiasi interazione sarà di breve durata e fornirà carburante positivo (da Medio Rango a Inferiore) o una raffica di carburante negativo (da Inferiore a Medio Rango).

Infine, qual è la dinamica tra un Narcisista Inferiore e un Narcisista di Medio Rango nel contesto di una relazione romantica? L’Inferiore, avendo le minori abilità cognitive, può benissimo cercare di sedurre un Narcisista di Medio Rango. Il Medio Rango evidenzierà un certo fascino nei confronti dell’Inferiore, il che farà sicuramente appello sull’Inferiore, il quale solleciterà la seduzione per tentare di assicurarsi il Medio Rango. Il Medio Rango comunque è probabile che consideri che l’Inferiore non soddisfa i tratti empatici richiesti. Anche se il Medio Rango non è consapevole di ciò che vuole nello specifico, ha una consapevolezza istintiva delle caratteristiche di un partner in una prospettiva romantica che lo fanno sentire “migliore”. Queste saranno assenti nell’Inferiore perché non solo i tratti empatici sono assenti, all’Inferiore manca l’ingegno e l’astuzia (e l’energia e l’inclinazione) per simularli nella misura che soddisferebbe il Medio Rango.

Quindi, a meno che il Medio Rango non sia disperato per avere una fonte primaria, è improbabile che possa completare la seduzione di un Inferiore come IPPS. Guarderà altrove e respingerà gli approcci dell’Inferiore giudicando che non “spunta le caselle giuste”. L’Inferiore non proverà a sollecitare la seduzione poiché questo rifiuto da parte del Medio Rango farà innescare la sua furia come conseguenza di questa soglia di controllo bassa. Si scaglierà contro il Medio Rango e sarà costretto a trovare una fonte primaria diversa invece di selezionare un altro narcisista. Quindi, nella maggior parte dei casi, l’Inferiore si infiammerà mentre la sua seduzione viene sviata e il Medio Rango sposterà le sue mire altrove.

Anche se l’Inferiore è in disperato tentativo di assicurarsi una fonte primaria, non sarà in grado di intrappolare il Medio Rango che troverà i suoi bisogni insoddisfatti. Tuttavia, se il Medio Rango è un soggetto che è alla disperata ricerca di una fonte primaria, in tali circostanze potrebbe accontentarsi dell’Inferiore. Naturalmente, l’Inferiore sarà contento che ciò avvenga, visto che l’aumentato livello di fascino e il comportamento complimentoso del Medio Rango soddisfano, almeno all’inizio, il bisogno di carburante dell’Inferiore. Ci sono anche probabilmente tratti caratteriali e benefici residui che si adattano alle esigenze dell’Inferiore. Quindi, se l’Inferiore è il soggetto disperato, ma il Medio Rango non lo è, allora l’Inferiore sarà negato. Se il Medio Rango è la parte disperata e l’Inferiore lo è o non lo è, allora è più probabile che i due formino una coppia romantica assicurandosi l’altro come IPPS.

In questo scenario, l’assenza di sufficienti riserve di carburante positive verrà presto a galla. Il comportamento del Periodo di Bronzo dell’Inferiore non si adatta al Medio Rango per tutti i suoi bisogni di carburante. L’egoismo e l’egocentrismo del Medio Rango non si addicono all’Inferiore e quindi la svalutazione seguirà presto dopo la seduzione. Tuttavia, è qui che si produrrà una dinamica interessante perché in realtà è nella svalutazione che la coppia incontrerà le esigenze l’uno dell’altro per molto più tempo di quanto hanno fatto nella seduzione.

L’Inferiore, deluso e in effetti infuriato per le scarse riserve di carburante del Medio Rango inizierà la svalutazione. Essere in fase di attacco, le sue parole arrabbiate, la sua furia, la sua cattiveria sarà tutto ottimo carburante per il Medio Rango. Questo ovviamente non accetterà le sfide lanciate dal dito puntato dell’Inferiore, ma non può resistere al gustoso carburante che le accompagna. Si getterà sul carburante fornito da lei mentre risponde con le proprie manipolazioni per mantenere il flusso del carburante. Incolperà, negherà, devierà e rifiuterà di collaborare. Tirerà fuori i giochi di pietà, implorerà l’Inferiore di cessare il comportamento offensivo e così via; tutto ciò sarà un eccellente carburante per l’Inferiore, così lei continuerà con le macchinazioni. Andranno avanti e indietro, il gatto che gioca col topo, il topo che sfugge al gatto in uno scenario che li induce a fornire sufficiente carburante negativo l’uno all’altro. Il Medio Rango si rivolgerà a terze persone, come è suo desiderio, sottolineando l’orribile comportamento dell’Inferiore. Tali azioni verranno percepite come critiche da parte dell’Inferiore e lei risponderà con ulteriori comportamenti cattivi e cercherà anche una nuova fonte primaria poiché la svalutazione è a buon punto. Se l’Inferiore individua questa potenziale nuova fonte primaria, le notizie sul suo comportamento raggiungeranno il Medio Rango (o tramite terze persone o dalla stessa subdola Inferiore) e questo ferirà il Medio Rango. Balza via con un trattamento del silenzio e cerca di trovare la sua fonte primaria di ricambio. L’Inferiore non reagirà al trattamento del silenzio, ma si concentrerà invece sulla nuova fonte primaria. Il Medio Rango, visto che il trattamento del silenzio non ha avuto alcun effetto, stabilirà nuovamente il contatto con l’Inferiore. Questo fa presa sull’Inferiore poiché crede di avere nuovamente il sopravvento, anche se il Medio Rango crederà di averlo perché ha fatto in modo che l’Inferiore si impegnasse di nuovo. Quindi, sono di nuovo riuniti per un breve Periodo di Tregua. Naturalmente, nessuno dei due fornirà sufficiente carburante positivo durante questo Periodo di Tregua, perciò la svalutazione ricomincerà.

La campana a morto per la relazione intima tra il narcisista Inferiore e il Medio Rango è quando entrambi iniziano la loro ricerca di una nuova fonte primaria e trovano una prospettiva adatta. Fino a quel momento, il carburante negativo fornito attraverso la svalutazione sta mantenendo i livelli di carburante richiesti a causa del contrasto (qualcosa che come sai è sempre richiesto dalla nostra tipologia) tra i loro rispettivi stili. L’aggressivo Inferiore e il passivo aggressivo Medio Rango. Quindi la loro svalutazione può andare avanti per un po’ di tempo, ma quando uno o entrambi questi narcisisti rivolgono la loro attenzione a una nuova fonte primaria, la fine della relazione arriverà prontamente. O uno o entrambi cattureranno un non narcisista e il rifornimento di carburante da parte di questo individuo (in quanto individuo empatico) farà sì che il narcisista si concentri su quella persona e scarterà il narcisista Inferiore o di Medio Rango che hanno erroneamente installato come fonte primaria.

H.G. TUDOR

When Narcissists Collide – Part Two

📰 NARCISISTA CONTRO IPSS DA SCAFFALE (“IPSS”)

191203E Narcissist v Shelf Intimate Partner Secondary Source (“IPSS”).jpg

Quella che segue è l’analisi di un’interazione tra un Narcisista di Medio Rango e un Empatico standard Geyser. I due sono in una relazione formale di Narcisista e Risorsa Secondaria Intima da Scaffale (“SIPSS”), che coloro che non beneficiano di tale conoscenza vedrebbero come una persona sposata che ha una relazione con qualcuno che è L’Altra Donna / L’Altro Uomo.

1. Il narcisista e la SIPSS hanno passato il fine settimana insieme in una città costiera. Pertanto, la SIPSS è pronta per l’estensione della durata. È dipinta di bianco. Il narcisista ha ricevuto carburante positivo di una potenza molto buona (SIPSS), quantità massiccia (di persona, interazione sessuale) e costantemente (insieme per tutto il fine settimana).

2. Il weekend finisce e lasciano insieme la città costiera. La SIPSS fuori dallo scaffale e verniciata bianco.

3. I due si separano e tornano alle rispettive case. La SIPSS è ora SULLO scaffale. Questa non è svalutazione. La SIPSS rimane dipinta di bianco.

4. Il giorno seguente, SIPSS invia un messaggio al narcisista

“È stato bello passare il weekend con te. Non vedo l’ora di farlo di nuovo.”

Questo è puro carburante positivo. Ottima potenza, una frequenza fuori campo, quantità molto bassa, dal momento che è breve e in forma scritta.

Non c’è risposta per un’ora. Il narcisista risponde con

“È stato fantastico. Sì, lo faremo di nuovo presto. Ho davanti una settimana intensa, quindi ti scriverò più tardi. Mi manchi.”

La SIPSS rimane sullo scaffale. Rimane dipinta di bianco. Questa era una briciola di conforto data dal narcisista. È stato piacevole, mantiene l’impegno ma segnala alla SIPSS che non dovrebbe aspettarsi di sentire spesso il narcisista.

5. Il giorno seguente non vi è alcun contatto tra i due. Questo non è un trattamento del silenzio, la SIPSS rimane sullo scaffale e dipinta di bianco.

6. Il giorno dopo, al narcisista viene in mente del fine settimana. La SIPSS è entrata nella sua sesta sfera di influenza. Questo è un Attivatore di Recupero. La sua Risorsa Primaria Intima è uscita inaspettatamente di sera. Lei in svalutazione. La sua uscita ha ferito il narcisista, le manda un messaggio sgradevole per provocarla allo scopo di ottenere carburante. Ha bisogno di carburante per curare la ferita, può facilmente contattare la SIPSS tramite SMS, social media o telefono, lei non ha un partner, non lo ha ferito, fornisce carburante eccellente e quindi la Barra di Recupero è molto bassa e i Criteri di Esecuzione di Recupero vengono soddisfatti. Il narcisista telefona alla SIPSS. Lei è stata presa dallo scaffale. Parlano, il carburante viene fornito, si lamenta di sua moglie con la SIPSS (triangolazione) e parla per circa un’ora. La chiamata termina. La SIPSS ritorna sullo scaffale e rimane dipinta di bianco.

7. Non vi sono contatti tra loro per tre giorni.

8. La SIPSS invia un messaggio di testo al mattino presto al narcisista

“Come stai? Volevo solo farti sapere che mi manchi.”

Carburante positivo. Potenza molto buona, periodicità sporadica, quantità molto bassa.

Vi è una risposta immediata dal narcisista tramite messaggio

“Mi manchi anche tu.”

La SIPSS invia un altro messaggio.

“Non vedo l’ora che ci incontriamo di nuovo.”

Carburante positivo. Potenza molto buona, periodicità sporadica, quantità molto bassa.

Non vi è risposta dal narcisista. La SIPSS rimane sullo scaffale. È dipinta di bianco. Il narcisista non ha dato un trattamento del silenzio, ma la mancanza di risposta è puramente sintomatica di essere sullo scaffale.

9. Il giorno successivo la SIPSS invia di nuovo un messaggio al narcisista al mattino

“Ciao, stai bene?”

Carburante positivo, frequenza una tantum di potenza molto buona, quantità molto bassa.

Non vi è risposta. La SIPSS è ancora sullo scaffale, dipinta di bianco e questo non è un trattamento del silenzio.

10. Aspetta trenta minuti e invia di nuovo un messaggio.

“Per favore, mi rispondi, odio non sentire tue notizie.”

Carburante positivo, potenza molto buona, frequenza una tantum, quantità molto bassa.

Dieci minuti dopo, il narcisista risponde con un messaggio

“Ero nella doccia. Mi aspetta una giornata intensa. Ti scrivo più tardi.”

Questa è una briciola di conforto. La SIPSS è sullo scaffale e dipinta di bianco.

11. Non vi è stato più contatto tra i due e ora sono le 17:00. La SIPSS scrive di nuovo

“Trovo davvero difficile non sentirti.”

Questo è carburante positivo, potenza molto buona, periodicità sporadica, quantità molto bassa.

Non vi è risposta dal narcisista. La SIPSS è sullo scaffale e dipinta di bianco.

12. Aspetta dieci minuti e di nuovo scrive

“Pensavo avessi detto che mi avresti scritto più tardi? Questo fa male.”

Questo è ora Carburante di Provocazione. La sua ammissione di ferita è carburante negativo (anche se in quantità molto ridotta dal momento che è contenuta in un messaggio) – tuttavia sta cercando di prendere il narcisista su qualcosa che ha affermato. Il narcisista NON è ferito da questo, ma considera questa come una sfida alla sua superiorità perché la SIPSS sta cercando di farlo sentire responsabile e sembra che il suo controllo sia stato minato.

13. Il narcisista risponde con un messaggio due minuti dopo

“Ti ho detto che ho avuto una giornata intensa, sono in riunione”.

Sta fornendo una spiegazione e affermando la sua superiorità cercando di chiudere la questione. Non è stato provocatorio e non sta cercando carburante dalla SIPSS.

14. La SIPSS risponde immediatamente

“Scusa, non lo sapevo. Quando mi manderai un messaggio o mi chiamerai? “

Questo è di nuovo Carburante di Provocazione. La scusa rappresenta una piccola quantità di carburante positivo, la richiesta di una chiamata è leggermente impegnativa, ma si aggrega con il messaggio di testo precedente. Il narcisista non è stato in grado di affermare la superiorità nella misura richiesta.

Lui risponde immediatamente

“Non ho idea. Sono occupato. Ora non posso parlare.”

Non è alla ricerca di carburante (sarà ben rifornito qualsiasi cosa stia facendo, magari in un incontro o se non in un incontro in qualche altra interazione), ma dovrà affermare la superiorità e sta cercando di chiudere la sfida. La SIPSS rimane sullo scaffale e resta dipinta di bianco

15. La SIPPS non cede. Lei subito risponde:

“Sarà stasera? Voglio parlare con te, mi piacciono sempre le nostre chat. Detesto non sentirti.”

Di nuovo Carburante di Provocazione positivo.

Non vi è risposta dal narcisista. La sua mancanza di risposta è progettata per affermare la superiorità interrompendo la conversazione e quindi la sfida della SIPSS. La SIPSS rimane sullo scaffale e verniciata di bianco.

16. La SIPSS scrive di nuovo: –

“Sarà stasera? Voglio che parliamo, per favore.”

Nessuna risposta dal narcisista. Vale lo stesso punto sopra.

17. La SIPSS scrive di nuovo: –

“Solo sì o no, non altro, mi manchi.”

Carburante di provocazione positivo.

Nessuna risposta dal narcisista. Vale lo stesso punto sopra.

18. La SIPSS scrive di nuovo: –

“Mi rispondi? Ti ci vuole solo un secondo. Non ignorarmi.”

Carburante di provocazione negativo. L’irritazione è carburante e la richiesta di rispondere, la dichiarazione perentoria sul tempo impiegato e il comando di non ignorare sono le sfide.

Nessuna risposta dal narcisista. Vale lo stesso punto.

19. La SIPSS scrive di nuovo: –

“Rispondimi. Non è giusto. Smettila di ignorarmi. Farai meglio a rispondermi o ti chiamerò a casa sul telefono fisso.”

Carburante di provocazione negativo. Disturbo più critiche e minacce.

20. Il narcisista risponde

“Ho detto che sono OCCUPATO. Smettila di scrivermi. Ho detto che ti avrei scritto dopo, ma non puoi lasciar perdere, vero? Osi chiamare la mia casa. Se lo fai, ecco fatto, è finita. Mi hai fatto incazzare.”

Il narcisista è irritato perché la SIPSS non ha accettato la sua superiorità. Non ferisce perché viene fornito carburante.

La SIPSS ha ripetuto l’errore di smettere di inviare messaggi e di essere paziente ora significa che è dipinta di nero. Non ha accettato la superiorità del narcisista. Lei non è stata remissiva. Il narcisista ora ignorerà completamente i suoi messaggi. Viene sottoposta a una svalutazione correttiva che è un trattamento del silenzio assente.

21. La SIPSS sconvolta spara altri dieci messaggi. Non fa minacce ma insulta il narcisista e si lamenta che lui è ingiusto e indifferente. Sono rispettivamente carburante puro o carburante di provocazione. Il narcisista non risponde. La SIPSS si rende conto che non ci sarà risposta, quindi smette di inviare messaggi. Non chiama a casa al telefono fisso.

Il narcisista, in accordo con la svalutazione correttiva, non contatta la SIPSS per tutta la notte.

La SIPSS è sullo scaffale, dipinta di nero e soggetta a una svalutazione correttiva.

22. Il giorno successivo la SIPSS invia un messaggio a mezzogiorno

“Mi dispiace davvero di averti tormentato ieri, so che lavori duro, è solo perché volevo sentirti. Non lo farò più. Ti adoro e aspetterò solo di sentirti.”

Questo è puro carburante positivo. Il narcisista leggendo questo istintivamente riconosce che la sua superiorità è stata accettata di nuovo con la capitolazione. Il messaggio è un attivatore di recupero. Il narcisista vede che la SIPSS abbassa la cresta e la vede di nuovo bianca. I criteri di esecuzione di recupero sono soddisfatti e telefona alla SIPSS. La conversazione dura solo 5 minuti, ma assicura alla SIPSS che parleranno la sera.

La SIPSS è ancora sullo scaffale, dipinta di bianco e la svalutazione correttiva è terminata.

23. Il narcisista ricorda la sua promessa di chiamare. Questo è un attivatore di recupero. I criteri di esecuzione di recupero sono soddisfatti (ricorda il carburante eccellente della SIPSS: è facile da contattare, non ha ferito, non ci sono ostacoli) e quindi la chiama davvero e parlano per due ore quella sera mentre la IPPS è fuori al poligono di tiro. In seguito a questa telefonata la SIPSS viene tolta dallo scaffale, verniciata di bianco. Durante la conversazione viene fornito carburante positivo. È di ottima qualità in quanto proveniente da una SIPSS, la frequenza è costante per la durata della chiamata ed è di quantità moderata poiché è una telefonata.

Una volta che la chiamata termina, la SIPSS è di nuovo sullo scaffale e verniciata di bianco.

24. Intorno a mezzanotte con la IPPS profondamente addormentata al narcisista in un flash, viene in mente la telefonata (attivatore di recupero) e di nuovo i Criteri di esecuzione di recupero vengono soddisfatti (in modo simile ai punti precedenti al 23) quindi invia un messaggio alla SIPSS. Lei risponde immediatamente. Si messaggiano per un’ora. Durante questo scambio la SIPSS è fuori dallo scaffale e verniciata di bianco. Viene fornito carburante positivo. È di ottima qualità, quantità bassa e molto frequente perché è in forma scritta. Il narcisista sta intrattenendo un’altra SIPSS online attraverso i social media e quindi ha due linee di rifornimento aperte a questo punto.

Al termine del messaggio, la SIPSS viene riposta sullo scaffale ed è dipinta di bianco. Il narcisista si impegna ancora con l’altra SIPSS e lo fa attraverso Skype impegnandosi in una masturbazione reciproca. Una volta concluso, la chiamata termina e anche quella SIPSS va sullo scaffale.

Pertanto, questa breve serie di interazioni fornisce lo schema dei comportamenti, chiarisce come viene considerato l’apparecchio, come funziona una svalutazione correttiva, mostra il passaggio dal bianco al nero al bianco, il carburante raccolto, il tipo di interazione che si verifica e anche la relazione con altri apparecchi.

H.G. TUDOR

Narcissist v Shelf Intimate Partner Secondary Source (“IPSS”)

📑 MA IO POSSO CAMBIARE

191203D But I Can Change.jpg“Ma io posso cambiare.”

Una frase detta così spesso da alcuni della nostra tipologia. Avrai, più probabilmente che no, sentito questa frase ad un certo punto durante il tuo coinvolgimento con noi. Di solito viene pronunciata come parte di un recupero preventivo quando il narcisista vede che c’è un rischio considerevole che tu abbandoni la relazione formale e, in tal modo, venga minacciata la fornitura di carburante dalla fonte principale. Fa anche parte del Grande Recupero Iniziale per attirarti di nuovo, se fossi riuscito a fare quei primi passi verso la fuga. Lo ascolterai nel Recupero Successivo Benigno anche se seguendo lo scorrere del tempo hai più probabilità di sentire il cugino, vale a dire, “Ma io sono cambiato.” In qualche occasione compare durante la fase di svalutazione, in seguito a un episodio spiacevole come parte di un’ulteriore manipolazione per tenerti legato al narcisista e fornire carburante. Di conseguenza, il suo uso avverrà in diverse parti della dinamica narcisistica.

Per alcuni, la frase contiene le parole magiche che l’empatico si aspetta di sentire. Il desiderio intrinseco dell’empatico di rimediare, guarire e ripristinare i desideri per quell’ammissione da parte del narcisista che lui può modificare il suo comportamento, fare scelte nuove e sane, imparare dagli errori e intraprendere un percorso migliore. La dichiarazione di volontà di cambiamento viene accolta da alcuni empatici ed essi accettano altruisticamente questa affermazione, poiché credono che tutte le persone hanno qualcosa di buono dentro, che in questo caso lo stanno riconoscendo e stanno adottando un approccio diverso.

Per gli altri, le parole vengono accolte ma con cautela. Forse il comportamento svalutante è stato così profondo e selvaggio che il destinatario è diffidente, timoroso che le sue speranze vengano suscitate troppo presto. Il loro desiderio intrinseco di vedere il cambiamento, per il bene di entrambe le persone nella relazione vuole essere d’accordo, per afferrare questa offerta con entrambe le mani e vedere la sua messa in opera, ma osano sperare che questo avvenga? In effetti possono, perché, dato che in quel momento la fredda, dura logica di prudenza fa in modo che la sua presenza venga avvertita, diventa invasa dal crescente pensiero emotivo che grida – “Se n’è reso conto. Lui sa che ha fatto male. Vuol farsi perdonare. Vuole cambiare”. Il pensiero emotivo produce quelle sorelle gemelle di pressione – Speranza e colpa. L’empatico, incatenato al concetto di speranza, desidera sinceramente che la persona che ama cambi e diventi una persona migliore. Pesa anche il senso di colpa, che sussurra: “E se fosse sincero, se potesse cambiare e non tu gli dessi una possibilità, che persona cattiva saresti per farlo?” Il pensiero emotivo vincerà.

Raramente questa protesta di essere in grado di cambiare rimarrà inascoltata. Raramente non verrà data l’opportunità al narcisista che afferma che ce la può fare. Sono solo gli informati, quelli che possono applicare la loro fredda e dura logica e resistere alla crescente ondata del pensiero emotivo che possono respingere il fascino di quelle parole allettanti. Per quanto riguarda tutti gli altri, sono portati a concedere al narcisista un’ulteriore opportunità di mantenere loro, le vittime, al loro posto.

Tuttavia, chi dei nostri fratelli emette questa supplica? Cosa significa e può davvero succedere?

Raramente la sentirai dal Narcisista Inferiore. Lui non vede alcun motivo per cambiare. Lui o lei fa come vogliono. Se ha distrutto la casa o ti ha aggredito fisicamente, beh, è stata colpa tua se è successo e una volta che la furia accesa si è calmata, il meglio che otterrai è che il pulsante di reset venga premuto e non venga detto nulla sul comportamento precedente. La dichiarazione di cambiamento potrebbe essere fatta se l’Inferiore si trova di fronte a una crisi di carburante e in assoluta disperazione se l’è lasciato sfuggire per impedire l’abbandono della sua fonte primaria, ma arrivati al mattino dopo, l’intenzione sarà svanita e qualsiasi suggerimento di cambiamento verrà respinto. La crisi è stata scongiurata, la ferita guarita e la rabbia si è attenuata, e il cosiddetto Inferiore non ha intenzione di apportare quei cambiamenti, non quando, naturalmente, è stata colpa tua.

Se gli viene in mente la sua intenzione, la accantonerà, dicendoti che la considererà, che è occupato con qualcos’altro al momento ma ne potrai parlare più tardi, che deve andare al lavoro, che deve incontrare una persona e tu verrai lasciato in sospeso. Non riprenderà la discussione su come fare un cambiamento o cercare aiuto e temendo un ulteriore episodio esplosivo tu non lo insisterai ulteriormente e la questione verrà lasciata lì.

Raramente l’ascolterai dal Narcisista Superiore. Non vede neanche una ragione per cambiare. Oh, noi sappiamo quello che facciamo ma che è nato dal bisogno ed è ciò che deve essere fatto. I nostri bisogni, superiori ai tuoi, richiedono questo comportamento e se non puoi accettarlo, possiamo facilmente trovare qualcun altro che lo farà, perché, dopo tutto, siamo il premio, il campione e l’ultimo arrivato, quindi la perdita è tua. Il Superiore non emetterà questa supplica come Recupero Preventivo o simili per non farsi lasciare. È vero, non vorrà che la sua fonte primaria scappi. È una questione di fornitura di carburante, ma spesso più di orgoglio e superiorità. Dopo tutto, le vaste matrici di carburante della Scuola del Superiore https://conoscereilnarcisista.com/2018/11/19/la-matrice-di-carburante-parte-tre implicano che anche se la fonte primaria ha avuto l’audacia di fuggire, lui nel frattempo ha molte altre fonti a cui rivolgersi. Tuttavia non vorrà subire ferite da questa fonte primaria che fugge e vorrà fermarla, ma userà il fascino e la minaccia per raggiungere questo obiettivo, non la promessa che cambierà. Non è degna di lui.

L’unica volta in cui potresti sentire queste parole proferite dal Narcisista Superiore è unicamente perché vede l’opportunità di altri comportamenti machiavellici nel manipolare la sua vittima generando false speranze. Vedrà l’opportunità di potenziare il suo colpo da maestro accettando di impegnarsi in terapia. Non la vedrà come una possibilità di cambiare, ma piuttosto come un’opportunità per saperne di più su se stesso (e perché no, dal momento che è una creatura così affascinante), per capire di più sulle sue possibilità e affrontare la sfida di terapeuti e simili. Se accetta di cambiare il suo comportamento e di accettare consigli e assistenza esterni, stabilirà anche i termini e le condizioni affinché ciò avvenga al fine di promuovere i propri programmi. Tuttavia, non sentirete maiil Narcisista Superiore usare la frase “Ma io posso cambiare” come parte di una disperata supplica.

Di conseguenza, ci resta la scuola che usa questa manipolazione spesso, molto più spesso delle altre scuole e questo è, naturalmente, il Narcisista di Medio Rango. Il Medio Rango usa questa manipolazione per i seguenti motivi: –

1. Lui o lei si considera una brava persona. Nella sua prospettiva significa che lui si considera veramente una persona rispettabile e quindi, visto che è onesto, lui, beh, farà la cosa giusta e cercherà di fare un cambiamento;

2. Si considera generoso ed è pronto a fare quel sacrificio se ciò significa salvare la relazione;

3. Si considera una sorta di anima torturata, ha “il suo demone”, c’è qualcosa che lo divora e lui desidera affrontarlo;

4. Deve essere salvato e tu sei la persona che può salvarlo. Mancano la testarda arroganza dell’Inferiore o la superiorità beffarda del Superiore.

Cosa c’è dietro quei fattori guida?

1. La prospettiva narcisistica. Si considera colui che fa del bene e sono le altre persone che causano i problemi, ma poiché lui è COSI’ bravo, lo dimostrerà affrontando i problemi che sono stati creati. Questo non perché creda davvero che ci sia qualcosa di sbagliato in lui in termini di colpevolezza, ma piuttosto si tratta di una vera un’opportunità per lui di mostrare al mondo che è bravo e sono gli altri il problema.

2. Questa è la prospettiva della vittima che balza alla ribalta. Il mondo è un posto orribile e non importa quanto lui cerchi di aiutare gli altri, il mondo continua a cercare di annientarlo ma non importa, perché, indovina un po’? Lui trionferà su di esso e sarà quello che si sacrificherà per la collettività, che fa il sacrificio e lo fa per il bene superiore.

3. Questa è la prospettiva della vittima, ancora una volta. Non si accorge di essere disordinato. Non si rende conto di manipolare. È incapace di farlo perché non ha intuizione o consapevolezza. Tuttavia considera questa storia complessiva di essere un”anima in pena’ come uno straordinario strumento per attingere carburante. La solidarietà, la preoccupazione e la compassione arrivano tutte fluenti. Non è un riconoscere che c’è qualcosa di sbagliato nel Medio Rango, ma piuttosto incolpa “il demone” (qualsiasi cosa possa essere) perché lo spostamento della colpa è un meccanismo di difesa chiave e incolpare te, i vicini, il tempo o un concetto intangibile tutto lavorerà per lui

4. Questa è la prospettiva della vittima ancora una volta, ma fa anche tutto parte della solidarietà per attirare l’attenzione. Il Medio Rango desidera attrarre pietà e compassione ma anche essere riverito, poiché è l’eroe caduto che è stato salvato ed è quindi in grado di risorgere ancora una volta, nel pensiero magico che rivive nella sua mente

Il Medio Rango Centrale (MRC) e il Medio Rango Maggiore (MRM) hanno una sufficiente funzione cognitiva per rendersi conto che il loro comportamento causa un problema. È qui che molte vittime (comprensibilmente) sono ingannate nel pensare che il narcisista stia effettivamente mostrando introspezione (anzi spesso questo induce a pensare che il narcisista non è un narcisista, o che lo è ma può effettivamente cambiare). L’MRC o il MRM possono riconoscere che le sue azioni causano dolore e problemi, tuttavia, lui o lei non accetterà mai la responsabilità del dolore e dei problemi. Ad esempio, potrebbero dire,

“So che quando per qualche giorno sparisco sei preoccupato, MA ho bisogno di spazio perché mi tormenti sempre.”

“Capisco che ti fa male quando dico certe cose, MA al momento sono sotto pressione al lavoro e non mi aiuti quando mi chiedi perché torno a casa tardi.”

Possono vedere le conseguenze ma non sono responsabili delle conseguenze. Sono programmati per non farlo.

Come sempre, la vittima non informata accetta la spiegazione di terze persone come causa del comportamento deviato o si auto-punisce e la vittima incolpa lui o se stessa. Quindi la causa del problema viene considerata la pressione sul lavoro o il tormento della vittima.

Il Medio Rango dichiarerà che può cambiare e inoltre agirà anche sulla dichiarazione che semina di nuovo i semi della falsa speranza e assicura che la vittima resti al suo posto e fornisca carburante. Questa è solo un’altra parte della manipolazione.

Il Medio Rango può diventare più attento, non somministrare trattamenti del silenzio, fermare le manipolazioni e smettere di tenere il broncio per alcune settimane. Questo è un Periodo di Tregua e lui l’ha messo in atto perché quando hai detto che non te ne saresti andato, sei diventato di nuovo dipinto di bianco perché hai fatto quello che lui voleva. Hai ceduto al suo controllo e il tuo comportamento gentile ha fornito carburante. Il periodo d’oro ritorna e questo è ciò che mette in moto il cambio dei suoi comportamenti. Non perché ha in qualche modo riconosciuto che deve cambiare perché ti fa del male. Il cambiamento avviene perché tu hai fatto ciò che voleva, così il suo modo di pensare per parti separate ti rende “bianco” ancora una volta ed è questo che tiene a bada la svalutazione, ma solo per un po’.

Naturalmente, la vittima inconsapevole, avendo visto i cambiamenti avvenuti (ma non conoscendo la vera ragione che c’è dietro) è convinta erroneamente che questi cambiamenti possano ripetersi e quindi quando l’appello “Ma io posso cambiare” viene fatto in un periodo successivo, la vittima è inondata di speranza perché è successo prima (quindi può sicuramente succedere di nuovo) e quindi il ciclo continua.

Se ritorni alla Relazione Formale con un Grande Recupero Iniziale o un Recupero Successivo Benigno, vieni dipinto di bianco ancora una volta e il periodo d’oro ritorna, creando l’illusione di comportamenti cambiati. Fin quando al momento opportuno non si offusca.

L’insidioso metodo manipolativo del Medio Rango fa sì che questi cambiamenti si presentino in molte forme. Modificherà i suoi comportamenti a casa. Interromperà la tresca accantonando la IPSS mentre il Periodo d’Oro del Periodo di Tregua lo attira di nuovo verso di te. Darà una mano, mostrerà ancora una volta quel barlume di incantesimo. Ovviamente annuncerà la sua ritrovata redenzione a terzi, perché raccoglierà carburante e manterrà la facciata, e, naturalmente, gli accordi con la sua completa convinzione di essere una brava persona. Questo gli fornirà anche munizioni da lanciare contro di te al momento opportuno, nel senso che lui ha apportato i cambiamenti e se le cose hanno vacillato, allora deve essere colpa tua.

Il Medio Rango parteciperà prontamente a sessioni di terapia. Questo gli permette di fare diverse cose: –

1. Mostrarti che è volenteroso e una brava persona;

2. Può mantenere la facciata, “Dawn voleva che andassi in terapia e poiché la amavo tanto era il minimo che potessi fare.” (Ora dimmi che marito meraviglioso che sono).

3. Userà le sessioni di terapia per far avanzare i suoi programmi. Spesso la vittima non saprà cosa viene discusso a causa della riservatezza. Pertanto il Medio Rango, convinto della propria bontà e mancanza di colpevolezza, manipolerà il terapeuta (e lo farà in modo convincente il più delle volte). Successivamente, il Medio Rango dirà alla vittima che in realtà il terapeuta ha detto che la vittima è l’aggressore e che il narcisista è la vittima. Questo potrebbe essere vero, un’esagerazione delle osservazioni del terapeuta inconsapevole o una bugia. In ogni caso, questo lascerà la vittima destabilizzata, tale è la convinzione del narcisista. Aggiungi il fatto che la vittima ha visto alcuni cambiamenti, la propria autostima erosa e ridotto il pensiero critico e non sorprende che la vittima sia confusa o addirittura creda a ciò che sta dicendo il narcisista.

4. Il narcisista può tenere in pugno la vittima. “Ho fatto come hai chiesto e ottenuto un aiuto. Mi hanno detto che non c’è problema. (Ora sei in debito con me e mi assicurerò di estrarre quel debito da te ripetutamente).

Il desiderio di cambiare è motivato da ragioni completamente diverse da quelle che tu comprendi e questo desiderio non è autentico. Il cambiamento è di breve durata, mai permanente, e tutti i comportamenti di qualunque specie ad esso associati, indipendentemente da quanto sinceri appaiano, non importa quanto convinta la supplica, non importa quante lacrime vengono versate (e il Medio Rango accenderà l’acquedotto), fa tutto parte della manipolazione.

Non possono cambiare e non cambieranno.

Acquisisci questa consapevolezza in modo che quando senti “Ma io posso cambiare”, prevalga una fredda e dura logica e resisti al fascino della speranza. Le persone sono per natura ottimiste. Le persone empatiche ancora di più, ma il lato oscuro di questa speranza è la vulnerabilità e la nostra tipologia, e in particolare il Medio Rango conta su questo e lo sfrutta.

H.G. TUDOR

But I Can Change

📰 IL NARCISISTA SANTO

191129E 🌼 Holy Narcissist.png

Il narcisista santo è uno dei membri particolarmente validi della fratellanza narcisistica. L’attrazione della religione ma soprattutto di far parte dei sacerdoti porta con sé notevoli vantaggi per quelli della nostra specie che fanno in modo di installarsi all’interno di organizzazioni religiose.

Il narcisista santo è vicino alla non imputabilità. Quale miglior autorità può esserci per essere sempre nel giusto, avere sempre una posizione elevata ed essere sempre venerato come strumento di Dio? Il santo narcisista ha il potere supremo nel suo settore e un libro pieno di frasi e sentenze a cui può rivolgersi per supportare la sua saggezza. È qui per fare opere buone e in virtù del suo ruolo si suppone che sia sincero, gentile, compassionevole ed empatico. Il narcisista santo ha una delle facciate più efficienti che si possano sperare di vedere nella nostra tipologia. La sua non è una facciata che deve essere messa a punto tramite l’attenta applicazione di opere comunitarie, solerte industriosità al lavoro ed essere un tipo a posto sotto ogni punto di vista nel vicinato. No, il narcisista santo ha secoli di bontà instillata che lo avvolgono in un’impenetrabile mantello di benevolenza. Ha santi e apostoli che marciano dietro di lui, arcangeli che gli fluttuano sopra, opere caritatevoli su cui focalizzarsi, la salvezza dei malati, dei poveri e dei bisognosi, tutto intessuto in questa grande facciata.

Una volta che si unisce al clero può avvalersi all’istante di questa facciata. Non c’è un regolare e progressivo accumulo della patina di rispettabilità come per il resto della nostra tipologia ma piuttosto è simile a mettersi un mantello e immediatamente ottiene la facciata e non solo una facciata, ma forse la somma facciata su cui fare affidamento.

È l’incarnazione della bontà, la parola di Dio scorre attraverso di lui e pertanto può agire con autorità incontestabile. Ha fanatici pronti a supportarlo e a chiudere la bocca agli eretici. Per quanto le religioni organizzate forse non esercitino il potere che avevano una volta, sarebbe comunque da stupidi sottostimarne gli effetti. Anche quelli che non credono e facilmente si innescano ed insultano i credenti, è facile che ci pensino due volte prima di attaccare un uomo con la tonaca. Indossano l’armatura di Dio e l’indottrinamento della gente, perfino di quelli che hanno rifiutato il concetto di una simile esistenza, implica che esiterebbero prima di lanciare un qualche tipo di attacco contro un membro del clero. L’ho visto accadere. Quelli che sono infervorati su tutti gli altri aspetti mostrano comunque deferenza verso quel collarino.

Un ruolo religioso attrae enormemente la nostra tipologia. Sei benedetto da un’istantanea autorità. Hai scritture, testi e letture che vengono usati come una sorta di legge per castigare i mortali e quindi permette al narcisista santo di mantenere la superiorità. Ci sono grandi ed elaborate cerimonie di cui il narcisista è il centro. Si veste in modo diverso passando dalla semplicità del nero Cattolico allo splendore papale dell’uomo che è (praticamente) in cima. Decadenza, abbonda una splendente e scintillante decadenza ed è capace perfino di fare prediche al suo prossimo, uomini e donne. Come fa? Dalla posizione elevata del pulpito. A riprova del fatto, se ce ne fosse bisogno che è superiore rispetto a chi ha intorno e che si ritrova ad essere il tramite tra il cielo e la terra.

Dove la confessione svolge il suo ruolo, è capace di assorbire i peccati dei suoi fedeli. Il narcisista ha sempre necessità di sapere e naturalmente la conoscenza è potere. Essere al corrente di manie, peccati e debolezze di qualcuno dall’altro lato dello schermo (che ovviamente viene facilmente riconosciuto) riveste un notevole potere nel narcisista santo. Può rimproverare e riprendere e viene ringraziato per il fatto che lo fa. Distribuisce quotidianamente svalutazione ed incontra i ringraziamenti pieni di gratitudine di chi cerca l’assoluzione.

Se dovessi offenderlo non solo verrai scartato ma verrai esiliato, reso un emarginato e pochi possono riuscire ad infangarti in un modo così oscuro come chi apparentemente opera dal lato della luce. Esci dai margini con il narcisista santo e vedrai quanto velocemente la comunità verrà mobilitata contro di te. Verrai snobbato in chiesa (se osi presentarti) e questo incatramarti e riempirti di piume trapela nella comunità dato che il narcisista santo non ha solo una congrega ma una congregazione. Non ha solo Luogotenenti, ha diaconi e sacrestani, ha vescovi e arcivescovi che serreranno le fila e volteranno la schiena a chi parla male di uno di loro.

Prova a denunciare apertamente e smascherare il narcisista santo e ti descriverà come “disturbato” e pregherà per te, ulteriore promozione di quanto pieno di benevolenza sia e del fatto che ci deve essere qualcosa in te di perverso e che seriamente non va se hai fatto ricorso a delle accuse verso un uomo con la tonaca.

Il narcisista santo ha un ruolo di notevole privilegio. Un’istituzione antica e potente che lo supporta in maniera risoluta, l’autoritaria parola di Dio da dispensare, l’impressionante facciata e la costante possibilità di sfruttare nelle persone la paura della mortalità. Come ho affermato prima, non c’erano atei nelle trincee. Quando il gioco si fa duro invochi Dio o tua madre, di solito entrambi. Quando sai che nonostante le apparenze, le persone hanno comunque bisogno di invocare un potere superiore quando hanno paura, questo ti mette in una posizione potente.

Questo ruolo porta molti benefici ma il più affascinante di tutti è la congregazione. Una leale, devota, conclave di carburante. Quelli che partecipano alla messa, raccolgono fondi con le mattinate del caffé , girano con il cestino delle offerte, fanno mense per i poveri e così via sono i soldatini dell’empatia. Sono intrinsecamente brave persone, che sono oneste e rispettabili e desiderano mostrare la propria benevolenza tramite atti di bontà e opere. Come rispondono e si accendono quando il narcisista santo si muove tra loro ringraziandoli per il loro impegno. I volti si girano verso il narcisista santo, assorti di soddisfazione, il carburante che sgorga da loro mentre il narcisista santo passa attraverso i suoi fedeli, bevendo fino in fondo la loro ammirazione, il loro amore e la loro compassione. È questa gente che si è sporcata le mani, rimanendo al freddo ad agitare il barattolo delle offerte, dando da mangiare a morti di fame nell’area della città meno desiderabile e camminando chilometro dopo chilometro per ottenere donazioni per il negozio di beneficenza o i pacchi alimentari. Il narcisista santo attingerà da questa bontà collettiva e l’aggiungerà alla sua facciata. Prenderà il risultato delle opere missionarie sottoforma di sinceri ringraziamenti degli svantaggiati e ancora carburante.

Questa congregazione girerà intorno ai peccatori, questi offriranno carburante positivo delizioso come una moltitudine di fonti secondarie nel quale il narcisista si immergerà con soddisfazione. Con entusiasmo sobillatore, il santo predicatore fisserà il suo sguardo su quelli che apparentemente fanno il male e felicemente estrarrà la loro ira e il carburante negativo associato. È irremovibile. Il Grande Uomo ha il suo seguito e con questo avanzano sempre i Soldati Cristiani.
Non importa quale forma questo culto potrebbe prendere, tra gli esemplari ci saranno sempre narcisisti santi. C’è così tanto che affascina e si accorda con il narcisista che le religioni organizzate attraggono sempre la nostra tipologia. La disponibilità immediata di un’autorità morale indubitabile di cui è rivestito si salda alla mentalità narcisistica di superiorità, onnipotenza e grandiosità che in effetti rende il tutto un inebriante miscuglio. Molti lottano per fuggire dalle grinfie di un narcisista santo e se non si conformano, vengono schiacciati alla sottomissione da uno dei colpi maestri delle religioni organizzate, il concetto di colpa.

Le persone empatiche sono oppresse dalla colpa e con un libro pieno di citazioni che supportano questa idea, il narcisista santo ha un’occasione d’oro poiché sfrutta questo tratto intrinseco di quelli con cui ha a che fare. Non devi mai metterlo in discussione ma devi mettere in discussione te stesso perché sei incline al peccato, sei schiacciato dalla colpa e quindi è sempre colpa tua. È una manna dal cielo per il narcisista. Tutto riguardo le religioni organizzate lo eleva o gli fornisce una gamma di strumenti e metodi per tenere la sua congregazione e i suoi fedeli sottomessi, grati e leali. Può esortare alla quasi totale devozione e lealtà e se qualche membro esce dalle righe ha i mezzi e i muscoli clericali per riportarlo sotto al proprio controllo o esiliarlo in una landa desolata. Esercitare un simile controllo ed essere in grado di raccogliere i premi in carburante dimostra quanto diventa passiva la sua congregazione quando è nelle mani del santo narcisista.

Non sorprende che si riferisca ad essa come al suo gregge.

H.G. TUDOR

The Holy Narcissist

📰 L’INCREDIBILE SULK

191110D The Incredible Sulk.jpg

Chi è l’Incredibile Sulk?

Non sorprende che lui o lei sia un narcisista di Medio Rango. L’Inferiore può a volte mettere il broncio, ma è raro, è molto più probabile che esploda con furia accesa, oppure che si scagli contro di te chiamandoti di tutti i nomi o roteando pugni per aria. Anche il Superiore potrebbe mettere il broncio, ma è un caso molto raro in quanto il Superiore considera un comportamento passivo-aggressivo al di sotto di lui e piuttosto userà la minaccia e l’intimidazione come espressioni della sua furia accesa e le da quel momento
aumenterà.

Il Narcisista di Medio Rango utilizza comportamenti passivo aggressivi al fine di attingere carburante. Tra i comportamenti principali ci sono i giochi di pietà, il voltare le spalle, le occhiate minacciose e i trattamenti del silenzio. Esiste tuttavia una particolare manipolazione che alcuni Medio Rango useranno ed è quando diventano l’Incredibile Sulk. Quali sono le caratteristiche principali dell’Incredibile Sulk?

1. Si tratta di un Trattamento del Silenzio Presente. L’incredibile Sulk non è mai un Trattamento del Silenzio Assente. Questo perché il Trattamento del Silenzio Assente svolge due funzioni. La prima è quella di attingere carburante da te come vittima principale, facendoti preoccupare riguardo a dov’è finito il narcisista e anche continuare a provare a contattarci, che a sua volta ci fornisce carburante. La seconda funzione è che di solito (anche se non sempre) consente al narcisista di concentrarsi sulla seduzione di qualcun altro. Di conseguenza, quella sparizione di due settimane, o l’azione di sparire per due giorni, viene usata per turbarti e irritarti, ma allo stesso tempo sarà usata per attirare l’attenzione di qualcun altro. È ragionevole pensare quindi che se il fascino e altre cose vengono usati contro qualcun altro non può esserci un Incredibile Sulk in atto. Anche se (insolitamente) questa assenza non viene usata per sedurre qualcun altro, non c’è un broncio in atto. Il Trattamento del Silenzio Assente è un Voltare le Spalle per cui il Medio Rango si fa più aggressivo nel suo ignorare la vittima.
2. L’Incredibile Sulk si verifica quando il narcisista rimane alla presenza della vittima per il preciso scopo di abilitare la vittima (di solito la IPPS, ma includerà anche i membri della famiglia, le Risorse Secondarie Non Intime “NISS”, i familiari NISS e talvolta i colleghi NISS). Quando l’Incredibile Sulk è in corso, non è che solo la IPPS viene presa di mira per il trattamento del silenzio e il narcisista parla con tutti gli altri, niente affatto. L’Incredibile Sulk è con TUTTI.
3. L’Incredibile Sulk è una manifestazione di furia fredda. Il narcisista di Medio Rango sarà stato criticato (di solito non intenzionalmente) e questo ha poi acceso la sua furia, portando al trattamento del silenzio.
4. Mentre la critica è l’elemento propulsore per l’Incredibile Sulk, una delle caratteristiche distintive che rimane al centro del suo funzionamento è l’invidia. Proprio come l’Incredibile Hulk è andato in modalità Hulk diventando verde, pure l’Incredibile Sulk è verde, ma d’invidia. Enorme, viscerale invidia per gli altri e per come lo/la stanno superando, perché hanno più risorse e migliori prestazioni. Il narcisista di Medio Rango che è incline a impegnarsi nell’Incredibile Sulk è uno che ha un enorme problema di invidia. L’invidia è un tema comune per tutti i nostri tipi, ma soprattutto per alcuni e se si tratta di Medio Rango si manifesta come l’Incredibile Sulk. Il narcisista di Medio Rango sarà invidioso di qualcosa detto e/o fatto dalla vittima (di solito la IPPS) e mentre questo fa parte della critica, è quest’invidia che si propaga attraverso l’Incredibile Sulk. Il narcisista sarà invidioso delle prodezze delle vittime, ad esempio se la vittima ha superato un esame o si è assicurata un nuovo e prestigioso lavoro, le è stato dato un significativo aumento di stipendio, qualcuno le ha fatto i complimenti o ha raggiunto un traguardo. Il riflettore (anche se non richiesto dalla vittima) è sulla vittima e il narcisista odia questo. Evidenzia a lui quanto è meschino e crudele il mondo, quanto è ingiusta la sua vita ed è naturalmente tutta colpa della persona che il narcisista invidia.
5. Mentre è impegnato in un Incredibile Sulk, il narcisista è scontroso, non comunica, si autocommisera ed è triste. Non vi sono occhiate minacciose dirette contro nessuno. Non vi sono labbra arricciate pronte per un ringhio. Non vi sono sguardi cupi. Invece, l’Incredibile Sulk fisserà il pavimento come se questo volesse aprirsi e inghiottirlo. Guarderà con angoscia malinconica dalla finestra o raccoglierà un oggetto personale e fisserà gli occhi su questo mentre se lo rigira tra le mani, mostrando quanto è abbattuto e avvilito.
6. L’Incredibile Sulk viene mantenuto per un considerevole periodo di tempo. Non è un trattamento del silenzio presente di quindici minuti o due ore. Durerà almeno un giorno e con ogni probabilità anche di più. Qualsiasi tentativo di comunicare con l’Incredibile Sulk si concluderà con lui o lei che non risponde affatto, scrolla le spalle o fissa l’interlocutore con un’espressione da cane randagio come se tutte le disgrazie del mondo stessero premendo e venissero sperimentate dal narcisista.
7. L’Incredibile Sulk vuole che tutti lo guardino, si affollino attorno a lui, chiedendo cosa c’è che non va, e suggeriscano modi per rompere questo stato. Vuole che la sua IPPS provi a definire qual è il problema. Si aspetterà che i suoi bambini lo tirino per la manica chiedendo “Papà, che succede?” Se i bambini sono ragazzi, le lacrime di loro che non riescono a capire non faranno che aggiungersi al carburante. Non gli importa del loro turbamento. Nella mente del narcisista, egli sente solo sconforto, rifiuto e autocommiserazione. Sa che al mondo non importa di lui ma dovrebbe importargli, e questo stato è una rappresentazione di come sa che lo considera il mondo. Anche se la IPPS invita amici, familiari, colleghi attorno a cercare di rompere questo stato quasi catatonico in cui è entrato il narcisista, coloro che cercano di infondere un sorriso o almeno una qualche reazione positiva nel narcisista saranno accolti solo dallo sguardo doloroso del narcisista che sembra dire “Non c’è più speranza per me”. È una risposta istintiva dell’Incredibile Sulk ed è progettata per attirare ancora più carburante attraverso la costernazione, lo smarrimento e gli sforzi duplicati per essere d’aiuto.
8. Ci sono due ragioni per cui l’Incredibile Sulk opera coinvolgendo tutti intorno a sé, piuttosto che rivolgersi alla IPPS (che è il tipico epilogo di un Trattamento del Silenzio Presente). La prima è che più persone rispondono allo Incredibile Sulk, più carburante è disponibile. La seconda ragione è che se la IPPS si stufa di cercare di ottenere una risposta positiva, ci saranno sempre altri (bambini, amici, altri familiari) che continueranno a provarci e quindi il carburante continua a fluire.
9. L’Incredibile Sulk vuole carburante da questo comportamento. Vuole essere idolatrato, viziato, che gli venga detto quanto è amato, che ci si scusi con lui e che venga fatto sentire speciale. Anche quando la ferita provocata dalle critiche è stata sanata, l’Incredibile Sulk continuerà a tenere questo comportamento perché è così efficace nell’attrarre carburante. Si considera anche in diritto di farlo – il mondo glielo deve. Dovrebbe lodarlo, rispettarlo e idealizzarlo e il suo mancato adempimento nel far ciò implica che invece ha il diritto di ritirarsi (e comunque restare) e di bere tutto il carburante derivante dai dispositivi coinvolti con l’Incredibile Sulk.
10. L’Incredibile Sulk probabilmente non mangerà (sempre per l’effetto di far sembrare che ci sia qualcosa di veramente grave), eviterà di compiere certe attività in cui di solito si impegna (ad esempio non uscirà con gli amici) per attirare più dispositivi di carburante nella rete dell’Incredibile Sulk e darà l’impressione di essere entrato in una specie di stato depressivo. Non esiste questa depressione, ma l’Incredibile Sulk è contento di far sembrare che sia così in modo che questo generi più preoccupazione e carburante.
11. Lui o lei si siederà per ore su una sedia, fissando la televisione, in apparenza non prendendo realmente parte a quello che sta succedendo. Gli orari dei pasti verranno ignorati e anche il cibo portato all’Incredibile Sulk verrà ignorato o appena toccato. Lui o lei camminerà lentamente, si deprimerà, emetterà sospiri occasionali di avvilimento e si lascerà cadere svogliatamente nel letto o sul divano.
12. L’incredibile Sulk non ha difficoltà a mantenere questo stato perché lui o lei inizialmente è ferito e quindi l’enorme invidia di cui soffre questo particolare Narcisista di Medio Rango farà sì che il comportamento si protragga per diversi giorni. Il lavoro verrà marinato con un consorte preoccupato che farà appello a nome del narcisista, verranno consultati medici e l’Incredibile Sulk continuerà perché ovviamente questo è tutto carburante.
13. L’unico modo per distruggere l’Incredibile Sulk è ignorarlo completamente. Devono farlo tutti quelli che sono nei dintorni. Nessuno dovrebbe dare all’Incredibile Sulk alcuna attenzione. All’inizio questo farà sì che il Medio Rango reagisca cercando di attirare più attenzione attraverso forti sospiri, crisi, tenendosi la testa tra le mani, borbottando nel suo angolino. Queste sono solo ulteriori manipolazioni e dovrebbero essere ignorate. Una volta che l’Incredibile Sulk si rende conto che questo trattamento del silenzio non avrà più alcun effetto, ne uscirà lentamente. Lui o lei non si limiterà a uscirne, ma piuttosto emergerà come una specie di creatura ibernante. Una volta che questo accade, resisti all’impulso di chiedere “che ti era successo” dato che tu stavi solo alimentando il narcisista. Comportati come se questo non fosse mai successo. Sarà difficile da fare e offenderà il tuo senso di empatia di assistere qualcuno e stabilire cosa stava succedendo, ma una volta che ti rendi conto che hai per le mani un Incredibile Sulk saprai come affrontarlo.
14. L’Incredibile Sulk non si manifesta solo nell’ambiente domestico. Potrebbe apparire in un contesto sociale in cui l’Incredibile Sulk improvvisamente non parlerà con nessuno e si siederà a guardare il suo drink, guardando attraverso le persone e sembrando come se “non ci fosse” per attirare l’attenzione. Potrebbe essere durante una riunione con i colleghi in cui il narcisista si limiterà a guardare fuori dalla finestra come se fosse assorto prima di dare un’occhiata a qualcuno come se volesse dire “Sono così turbato e non ne hai idea”. Si tratta di raccogliere compassione e pietà. Non è un broncio aggressivo che dice alla gente di stare alla larga, per niente, è un broncio che è progettato per attirare le persone e quindi il loro carburante, mentre cercano di capire cosa non va e di rimediare.

Quindi questo è l’Incredibile Sulk. Bisogna solo ringraziare che nessuna camicia o pantaloni sono stati strappati nel processo.

H.G. TUDOR

The Incredible Sulk

📑 IL NARCISISTA VUOLE VERAMENTE CAMBIARE?

191029B 📑 Does the Narcissist Really Want To Change.jpg“Ma io posso cambiare.”

Una frase detta così spesso da alcuni della nostra tipologia. Avrai, più probabilmente che no, sentito questa frase ad un certo punto durante il tuo coinvolgimento con noi. Di solito viene pronunciata come parte di un recupero preventivo quando il narcisista vede che c’è un rischio considerevole che tu abbandoni la relazione formale e, in tal modo, venga minacciata la fornitura di carburante dalla fonte principale. Fa anche parte del Grande Recupero Iniziale per attirarti di nuovo, se fossi riuscito a fare quei primi passi verso la fuga. Lo ascolterai nel Recupero Successivo Benigno anche se seguendo lo scorrere del tempo hai più probabilità di sentire il cugino, vale a dire, “Ma io sono cambiato.” In qualche occasione compare durante la fase di svalutazione, in seguito a un episodio spiacevole come parte di un’ulteriore manipolazione per tenerti legato al narcisista e fornire carburante. Di conseguenza, il suo uso avverrà in diverse parti della dinamica narcisistica.

Per alcuni, la frase contiene le parole magiche che l’empatico si aspetta di sentire. Il desiderio intrinseco dell’empatico di rimediare, guarire e ripristinare i desideri per quell’ammissione da parte del narcisista che lui può modificare il suo comportamento, fare scelte nuove e sane, imparare dagli errori e intraprendere un percorso migliore. La dichiarazione di volontà di cambiamento viene accolta da alcuni empatici ed essi accettano altruisticamente questa affermazione, poiché credono che tutte le persone hanno qualcosa di buono dentro, che in questo caso lo stanno riconoscendo e stanno adottando un approccio diverso.

Per gli altri, le parole vengono accolte ma con cautela. Forse il comportamento svalutante è stato così profondo e selvaggio che il destinatario è diffidente, timoroso che le sue speranze vengano suscitate troppo presto. Il loro desiderio intrinseco di vedere il cambiamento, per il bene di entrambe le persone nella relazione vuole essere d’accordo, per afferrare questa offerta con entrambe le mani e vedere la sua messa in opera, ma osano sperare che questo avvenga? In effetti possono, perché, dato che in quel momento la fredda, dura logica di prudenza fa in modo che la sua presenza venga avvertita, diventa invasa dal crescente pensiero emotivo che grida – “Se n’è reso conto. Lui sa che ha fatto male. Vuol farsi perdonare. Vuole cambiare”. Il pensiero emotivo produce quelle sorelle gemelle di pressione – Speranza e colpa. L’empatico, incatenato al concetto di speranza, desidera sinceramente che la persona che ama cambi e diventi una persona migliore. Pesa anche il senso di colpa, che sussurra: “E se fosse sincero, se potesse cambiare e non tu gli dessi una possibilità, che persona cattiva saresti per farlo?” Il pensiero emotivo vincerà.

Raramente questa protesta di essere in grado di cambiare rimarrà inascoltata. Raramente non verrà data l’opportunità al narcisista che afferma che ce la può fare. Sono solo gli informati, quelli che possono applicare la loro fredda e dura logica e resistere alla crescente ondata del pensiero emotivo che possono respingere il fascino di quelle parole allettanti. Per quanto riguarda tutti gli altri, sono portati a concedere al narcisista un’ulteriore opportunità di mantenere loro, le vittime, al loro posto.

Tuttavia, chi dei nostri fratelli emette questa supplica? Cosa significa e può davvero succedere?

Raramente la sentirai dal Narcisista Inferiore. Lui non vede alcun motivo per cambiare. Lui o lei fa come vogliono. Se ha distrutto la casa o ti ha aggredito fisicamente, beh, è stata colpa tua se è successo e una volta che la furia accesa si è calmata, il meglio che otterrai è che il pulsante di reset venga premuto e non venga detto nulla sul comportamento precedente. La dichiarazione di cambiamento potrebbe essere fatta se l’Inferiore si trova di fronte a una crisi di carburante e in assoluta disperazione se l’è lasciato sfuggire per impedire l’abbandono della sua fonte primaria, ma arrivati al mattino dopo, l’intenzione sarà svanita e qualsiasi suggerimento di cambiamento verrà respinto. La crisi è stata scongiurata, la ferita guarita e la rabbia si è attenuata, e il cosiddetto Inferiore non ha intenzione di apportare quei cambiamenti, non quando, naturalmente, è stata colpa tua.

Se gli viene in mente la sua intenzione, la accantonerà, dicendoti che la considererà, che è occupato con qualcos’altro al momento ma ne potrai parlare più tardi, che deve andare al lavoro, che deve incontrare una persona e tu verrai lasciato in sospeso. Non riprenderà la discussione su come fare un cambiamento o cercare aiuto e temendo un ulteriore episodio esplosivo tu non lo insisterai ulteriormente e la questione verrà lasciata lì.

Raramente l’ascolterai dal Narcisista Superiore. Non vede neanche una ragione per cambiare. Oh, noi sappiamo quello che facciamo ma che è nato dal bisogno ed è ciò che deve essere fatto. I nostri bisogni, superiori ai tuoi, richiedono questo comportamento e se non puoi accettarlo, possiamo facilmente trovare qualcun altro che lo farà, perché, dopo tutto, siamo il premio, il campione e l’ultimo arrivato, quindi la perdita è tua. Il Superiore non emetterà questa supplica come Recupero Preventivo o simili per non farsi lasciare. È vero, non vorrà che la sua fonte primaria scappi. È una questione di fornitura di carburante, ma spesso più di orgoglio e superiorità. Dopo tutto, le vaste matrici di carburante della Scuola del Superiore https://conoscereilnarcisista.com/2018/11/19/la-matrice-di-carburante-parte-tre implicano che anche se la fonte primaria ha avuto l’audacia di fuggire, lui nel frattempo ha molte altre fonti a cui rivolgersi. Tuttavia non vorrà subire ferite da questa fonte primaria che fugge e vorrà fermarla, ma userà il fascino e la minaccia per raggiungere questo obiettivo, non la promessa che cambierà. Non è degna di lui.

L’unica volta in cui potresti sentire queste parole proferite dal Narcisista Superiore è unicamente perché vede l’opportunità di altri comportamenti machiavellici nel manipolare la sua vittima generando false speranze. Vedrà l’opportunità di potenziare il suo colpo da maestro accettando di impegnarsi in terapia. Non la vedrà come una possibilità di cambiare, ma piuttosto come un’opportunità per saperne di più su se stesso (e perché no, dal momento che è una creatura così affascinante), per capire di più sulle sue possibilità e affrontare la sfida di terapeuti e simili. Se accetta di cambiare il suo comportamento e di accettare consigli e assistenza esterni, stabilirà anche i termini e le condizioni affinché ciò avvenga al fine di promuovere i propri programmi. Tuttavia, non sentirete maiil Narcisista Superiore usare la frase “Ma io posso cambiare” come parte di una disperata supplica.

Di conseguenza, ci resta la scuola che usa questa manipolazione spesso, molto più spesso delle altre scuole e questo è, naturalmente, il Narcisista di Medio Rango. Il Medio Rango usa questa manipolazione per i seguenti motivi: –

1. Lui o lei si considera una brava persona. Nella sua prospettiva significa che lui si considera veramente una persona rispettabile e quindi, visto che è onesto, lui, beh, farà la cosa giusta e cercherà di fare un cambiamento;

2. Si considera generoso ed è pronto a fare quel sacrificio se ciò significa salvare la relazione;

3. Si considera una sorta di anima torturata, ha “il suo demone”, c’è qualcosa che lo divora e lui desidera affrontarlo;

4. Deve essere salvato e tu sei la persona che può salvarlo. Mancano la testarda arroganza dell’Inferiore o la superiorità beffarda del Superiore.

Cosa c’è dietro quei fattori guida?

1. La prospettiva narcisistica. Si considera colui che fa del bene e sono le altre persone che causano i problemi, ma poiché lui è COSI’ bravo, lo dimostrerà affrontando i problemi che sono stati creati. Questo non perché creda davvero che ci sia qualcosa di sbagliato in lui in termini di colpevolezza, ma piuttosto si tratta di una vera un’opportunità per lui di mostrare al mondo che è bravo e sono gli altri il problema.

2. Questa è la prospettiva della vittima che balza alla ribalta. Il mondo è un posto orribile e non importa quanto lui cerchi di aiutare gli altri, il mondo continua a cercare di annientarlo ma non importa, perché, indovina un po’? Lui trionferà su di esso e sarà quello che si sacrificherà per la collettività, che fa il sacrificio e lo fa per il bene superiore.

3. Questa è la prospettiva della vittima, ancora una volta. Non si accorge di essere disordinato. Non si rende conto di manipolare. È incapace di farlo perché non ha intuizione o consapevolezza. Tuttavia considera questa storia complessiva di essere un”anima in pena’ come uno straordinario strumento per attingere carburante. La solidarietà, la preoccupazione e la compassione arrivano tutte fluenti. Non è un riconoscere che c’è qualcosa di sbagliato nel Medio Rango, ma piuttosto incolpa “il demone” (qualsiasi cosa possa essere) perché lo spostamento della colpa è un meccanismo di difesa chiave e incolpare te, i vicini, il tempo o un concetto intangibile tutto lavorerà per lui

4. Questa è la prospettiva della vittima ancora una volta, ma fa anche tutto parte della solidarietà per attirare l’attenzione. Il Medio Rango desidera attrarre pietà e compassione ma anche essere riverito, poiché è l’eroe caduto che è stato salvato ed è quindi in grado di risorgere ancora una volta, nel pensiero magico che rivive nella sua mente

Il Medio Rango Centrale (MRC) e il Medio Rango Maggiore (MRM) hanno una sufficiente funzione cognitiva per rendersi conto che il loro comportamento causa un problema. È qui che molte vittime (comprensibilmente) sono ingannate nel pensare che il narcisista stia effettivamente mostrando introspezione (anzi spesso questo induce a pensare che il narcisista non è un narcisista, o che lo è ma può effettivamente cambiare). L’MRC o il MRM possono riconoscere che le sue azioni causano dolore e problemi, tuttavia, lui o lei non accetterà mai la responsabilità del dolore e dei problemi. Ad esempio, potrebbero dire,

“So che quando per qualche giorno sparisco sei preoccupato, MA ho bisogno di spazio perché mi tormenti sempre.”

“Capisco che ti fa male quando dico certe cose, MA al momento sono sotto pressione al lavoro e non mi aiuti quando mi chiedi perché torno a casa tardi.”

Possono vedere le conseguenze ma non sono responsabili delle conseguenze. Sono programmati per non farlo.

Come sempre, la vittima non informata accetta la spiegazione di terze persone come causa del comportamento deviato o si auto-punisce e la vittima incolpa lui o se stessa. Quindi la causa del problema viene considerata la pressione sul lavoro o il tormento della vittima.

Il Medio Rango dichiarerà che può cambiare e inoltre agirà anche sulla dichiarazione che semina di nuovo i semi della falsa speranza e assicura che la vittima resti al suo posto e fornisca carburante. Questa è solo un’altra parte della manipolazione.

Il Medio Rango può diventare più attento, non somministrare trattamenti del silenzio, fermare le manipolazioni e smettere di tenere il broncio per alcune settimane. Questo è un Periodo di Tregua e lui l’ha messo in atto perché quando hai detto che non te ne saresti andato, sei diventato di nuovo dipinto di bianco perché hai fatto quello che lui voleva. Hai ceduto al suo controllo e il tuo comportamento gentile ha fornito carburante. Il periodo d’oro ritorna e questo è ciò che mette in moto il cambio dei suoi comportamenti. Non perché ha in qualche modo riconosciuto che deve cambiare perché ti fa del male. Il cambiamento avviene perché tu hai fatto ciò che voleva, così il suo modo di pensare per parti separate ti rende “bianco” ancora una volta ed è questo che tiene a bada la svalutazione, ma solo per un po’.

Naturalmente, la vittima inconsapevole, avendo visto i cambiamenti avvenuti (ma non conoscendo la vera ragione che c’è dietro) è convinta erroneamente che questi cambiamenti possano ripetersi e quindi quando l’appello “Ma io posso cambiare” viene fatto in un periodo successivo, la vittima è inondata di speranza perché è successo prima (quindi può sicuramente succedere di nuovo) e quindi il ciclo continua.

Se ritorni alla Relazione Formale con un Grande Recupero Iniziale o un Recupero Successivo Benigno, vieni dipinto di bianco ancora una volta e il periodo d’oro ritorna, creando l’illusione di comportamenti cambiati. Fin quando al momento opportuno non si offusca.

L’insidioso metodo manipolativo del Medio Rango fa sì che questi cambiamenti si presentino in molte forme. Modificherà i suoi comportamenti a casa. Interromperà la tresca accantonando la IPSS mentre il Periodo d’Oro del Periodo di Tregua lo attira di nuovo verso di te. Darà una mano, mostrerà ancora una volta quel barlume di incantesimo. Ovviamente annuncerà la sua ritrovata redenzione a terzi, perché raccoglierà carburante e manterrà la facciata, e, naturalmente, gli accordi con la sua completa convinzione di essere una brava persona. Questo gli fornirà anche munizioni da lanciare contro di te al momento opportuno, nel senso che lui ha apportato i cambiamenti e se le cose hanno vacillato, allora deve essere colpa tua.

Il Medio Rango parteciperà prontamente a sessioni di terapia. Questo gli permette di fare diverse cose: –

1. Mostrarti che è volenteroso e una brava persona;

2. Può mantenere la facciata, “Dawn voleva che andassi in terapia e poiché la amavo tanto era il minimo che potessi fare.” (Ora dimmi che marito meraviglioso che sono).

3. Userà le sessioni di terapia per far avanzare i suoi programmi. Spesso la vittima non saprà cosa viene discusso a causa della riservatezza. Pertanto il Medio Rango, convinto della propria bontà e mancanza di colpevolezza, manipolerà il terapeuta (e lo farà in modo convincente il più delle volte). Successivamente, il Medio Rango dirà alla vittima che in realtà il terapeuta ha detto che la vittima è l’aggressore e che il narcisista è la vittima. Questo potrebbe essere vero, un’esagerazione delle osservazioni del terapeuta inconsapevole o una bugia. In ogni caso, questo lascerà la vittima destabilizzata, tale è la convinzione del narcisista. Aggiungi il fatto che la vittima ha visto alcuni cambiamenti, la propria autostima erosa e ridotto il pensiero critico e non sorprende che la vittima sia confusa o addirittura creda a ciò che sta dicendo il narcisista.

4. Il narcisista può tenere in pugno la vittima. “Ho fatto come hai chiesto e ottenuto un aiuto. Mi hanno detto che non c’è problema. (Ora sei in debito con me e mi assicurerò di estrarre quel debito da te ripetutamente).

Il desiderio di cambiare è motivato da ragioni completamente diverse da quelle che tu comprendi e questo desiderio non è autentico. Il cambiamento è di breve durata, mai permanente, e tutti i comportamenti di qualunque specie ad esso associati, indipendentemente da quanto sinceri appaiano, non importa quanto convinta la supplica, non importa quante lacrime vengono versate (e il Medio Rango accenderà l’acquedotto), fa tutto parte della manipolazione.

Non possono cambiare e non cambieranno.

Acquisisci questa consapevolezza in modo che quando senti “Ma io posso cambiare”, prevalga una fredda e dura logica e resisti al fascino della speranza. Le persone sono per natura ottimiste. Le persone empatiche ancora di più, ma il lato oscuro di questa speranza è la vulnerabilità e la nostra tipologia, e in particolare il Medio Rango conta su questo e lo sfrutta.

H.G. TUDOR

Does the Narcissist Really Want To Change?

📰 L’IMPOSTORE DEL FORUM DI SUPPORTO

191024F 🌼 The Support Forum Fraud.jpg

Ci sono molti forum di supporto online riguardo il problema del narcisismo e dell’abuso narcisistico.

In passato mi sono mosso contro le ombre di questi blog, pagine Facebook, Twitter e così via, osservando e assorbendo i comportamenti di cui sono stato testimone. Ce ne sono alcuni che forniscono informazioni. Altri sono sfoghi catartici di vittime che cercano di mettere in guardia raccontando gli orrori personali lungo il proprio cammino o recupero. Ce ne sono altri che servono ad assistere le persone nel guarire dal trauma che hanno sofferto. La loro qualità ed affidabilità varia. In mezzo alla proliferazione dei forum di supporto si annida la nostra categoria.

Non c’è alcun dubbio che la nostra tipologia risieda in questi luoghi. Effettivamente, di tanto in tanto Narcisisti Inferiori e Medi hanno fatto apparizioni e hanno frequentato il mio blog. Per me è facile individuarli, ma lo è meno per altri. Naturalmente, i narcisisti compaiono in altri siti e forum, commentando e interagendo. Questi narcisisti guadagneranno un po’ di carburante dall’interazione con le altre persone nel forum, ma più specificamente cercheranno di farsi amico un commentatore o due e continuare le interazioni fuori dal blog in messaggi privati, telefonate, Skype e infine incontrandosi personalmente. La fonte terziaria diventa secondaria e la fornitura di carburante cresce di potenza, quantità e frequenza. Un articolo a parte parlerà di questo tipo di interazione.

I narcisisti agiscono anche in questi forum di supporto in ruoli differenti: chi moderatore, chi amministratore o gestore.

Come si manifesta?

In primo luogo se un Narcisista Superiore gestisce un forum di questo tipo allora lui o lei saranno ben informati al riguardo, confermeranno ciò che sono e spiegheranno molto riguardo il modo in cui pensano e operano. Questi siti sono estremamente rari. I Superiori sono rari e quindi quelli che gestiscono siti simili sono ancora più rari. Però, quelli che esistono rendono chiaro in cosa consiste il sito e chi vi opera. Questa scarsità unita al luogo comune secondo cui tutti i narcisisti sanno cosa sono, porta alcune persone a considerare questi siti in modo errato.

In secondo luogo, un Narcisista Inferiore non gestirà un forum. Lui o lei non ha idea di ciò che è, ed essendo assolutamente privo di empatia (inclusa l’empatia cognitiva), non potrebbe mai verificarsi che un Inferiore metta a punto un sito del genere. Non ha interesse ad apparire come santo e non desidera ascoltare le preoccupazioni altrui. L’Inferiore frequenterà i forum ma non li gestirà, preferirà piuttosto utilizzare il lavoro degli altri per vantarsi riguardo i propri (supposti) incontri con un narcisista e poi mettersi al centro dell’attenzione mentre si vanta del proprio stile di vita, attacca altri commentatori e lo fa con una completa mancanza di consapevolezza sia dei suoi comportamenti, sia di ciò che è.

In terzo luogo, è il Narcisista Medio a porsi il problema della creazione e della conduzione di questi forum. Perché il Narcisista Medio? Ripeto, lui o lei non sanno ciò che sono ma questi siti li attraggono perché:-

1. Sono capaci di aiutarli nella gestione della facciata. Il Narcisista Medio crede veramente di essere una brava persona, una persona rispettabile, una persona empatica. Sono gli altri che sono orribili, abusanti narcisisti. Non lui.
2. Il sito fornisce loro un pretesto eccellente per indignarsi riguardo a ciò che hanno personalmente percepito come maltrattamento. Il Narcisista Medio adora un buon festa della commiserazione, una Conferenza della Compassione o un Simposio della Solidarietà e quelli che interagiscono con queste persone vi aderiscono.
3. Permette loro di continuare una campagna contro quelli che il Narcisista Medio percepisce come abusanti. Che siano l’ex fidanzata, i genitori, il capo o quello che una volta era il miglior amico, tutti si ritrovano sistematicamente infangati e il riconoscimento che i lettori del sito forniscono al Narcisista Medio non fa altro che consolidare nella loro mente che lui è una brava persona e che è veramente la vittima.

Il Medio Rango è il narcisista che troverete a gestire questi forum. Ovviamente non tutti i forum di supporto online sono gestiti dalla nostra tipologia, tutt’altro, ma c’è una notevole presenza di appartenenti alla nostra categoria. In effetti, ho avuto molti dei miei lettori che hanno espresso le loro preoccupazioni e sospetti riguardo certi siti e la loro provenienza, basati sulle loro esperienze lì e su ciò che avevano osservato.

Questo è difficile da riconoscere per le persone. Naturalmente avranno qualche familiarità con l’idea del narcisismo, sennò perché mai dovrebbero stare in un forum di supporto all’abuso narcisistico?! D’altra parte, è altamente probabile che le loro abilità non si siano ancora adattate a riconoscere la nostra tipologia e certamente non in questi particolari panni da lupo travestito da pecora.

Quali sono allora gli indicatori che mostrano che un narcisista sta gestendo il sito (o è coinvolto come moderatore o amministratore)? In base a ciò che ho osservato in certi siti, dovresti essere consapevole di ciò che segue:

1. Invalidazione. L’argomento del narcisismo è sia emotivo che complesso e quindi le persone hanno varie esperienze, opinioni e teorie. Alcune possono essere semplicemente sbagliate. Alcune possono basarsi su un fraintendimento. Alcune comunque restano valide in quanto esperienza individuale. L’Impostore del Forum di Supporto respingerà nettamente l’esperienza di un lettore o di un commentatore se non concorda con loro, se si oppone o contraddice qualcosa che viene affermato dal Forum. Invece di riconoscere le differenze di opinione, o spiegare educatamente perché il punto di vista del lettore è sbagliato, l’Impostore del Forum di Supporto sarà sprezzante.

2. Aggressività. Se il lettore tiene testa all’Impostore del Forum allora verrà trattato in modo aggressivo. Il lettore non sta insultando o provocando e sta semplicemente affermando il suo punto di vista. Gli vengono date risposte aggressive dall’Impostore del Forum di Supporto. Questa è la manifestazione della rabbia innescata del Narcisista Medio. Gli verrà detto che non sa niente, che si sta rendendo ridicolo, che il Forum ne sa molto di più e gli viene ricordato che lui (l’Impostore) gestisce il forum.

3. Etichettatura. L’Impostore del Forum di Supporto etichetterà il lettore come abusante o narcisista. L’ho visto accadere in molte occasioni ed è una rapida dose di proiezione destinata ad abbattere, invalidare e insultare il lettore.

4. L’Etichettatura ha anche un ulteriore effetto. Agisce come una chiamata alle armi per gli altri lettori al fine di lanciarli in un attacco contro lo sfortunato lettore. L’Impostore del Forum di Supporto si aspetta che i suoi lettori si coalizzino contro questo “narcisista” e gli dicano ciò che è cacciandolo fuori dal forum. Chi sono quelli che rispondono a questo fervido appello dell’Impostore del Forum di Supporto? Appartengono a due gruppi; altri narcisisti e vittime fuorviate. Il primo gruppo naturalmente non sa di esserlo. Gli Inferiori la vedranno come un’opportunità eccellente per qualche provocazione verbale insultante. I Medi la vedranno come una chance di ingraziarsi gli ospiti e dimostrare le proprie credenziali di “brava” persona. Le Vittime Fuorviate (spesso nuovi membri) sono ancora molto ferite dalla loro esperienza, e la loro inesperienza e il punto di vista generale li porta a scagliarsi contro qualcuno che hanno erroneamente considerato narcisista. È facile sbagliare per loro, dopo tutto, stanno ancora imparando e il supposto guru ha dichiarato che questa persona è un narcisista, quindi deve essere vero. Ci saranno quelli che hanno maggiore esperienza ed empatia che difenderanno il lettore, e riconoscono che non è un narcisista, e che una persona ha il diritto di esprimere la propria opinione. Anch’essi sosterranno la propria posizione e quindi questo spesso fa sì che altri evitino di iniziare una rissa.
5. Il gestore si impegnerà in ripetute reminiscenze dei loro terribili trattamenti subiti dal narcisista. Ci sarà un sermone quotidiano mentre inveiscono contro questa persona con entusiasmo zelante che dura troppo a lungo rispetto a quello di una vittima sincera.

6. Il gestore dopo aver identificato un presunto narcisista non lascerà correre. Se il lettore rimane (o gli viene permesso di rimanere) nel sito, verrà ripetutamente additato e soggetto a critiche passivo aggressive. Perfino una volta usciti o bannati, verranno menzionati dall’Impostore del Forum di Supporto.

7. L’Impostore del Forum di Supporto farà ripetuti riferimenti ai propri “aggressori online” o “trolls” al fine di ottenere solidarietà dai lettori. Questi presunti aggressori rimangono vaghi e privi di forma a livello di identità perché spesso non esistono, ma sono una percezione dell’Impostore del Forum di Supporto.

8. L’Impostore del Forum di Supporto si profonderà in drammi patetici al fine di guadagnare solidarietà e supporto dai lettori. Mentre farà più volte menzione di come è stato trattato male dal narcisista da cui era stato intrappolato, farà anche commenti come “certe volte non so perché mi sforzo a fare questo” e “sono stanco di non essere apprezzato” e “alcuni di voi non hanno idea di quante energie mi prenda”

9. Piagnistei. Se l’Impostore del Forum di Supporto usa video nel sito o è presente su YouTube allora le lacrime di coccodrillo autocommiserative scorreranno. Quelli le cui lacrime sono sincere o non posteranno materiale che le contiene (non vogliono che la gente li veda o li consideri non professionali) o se lo fanno è chiaro che sono sincere. I piagnistei dell’Impostore del Forum di Supporto saranno forzati dato che si fanno venire le lacrime. Come per un interruttore le accenderanno e spegneranno. Una volta che sai cosa cercare, lo vedrai.

10. C’è una mancanza di originalità nel materiale. L’Impostore del Forum di Supporto può contare solo sui suoi presunti fan empatici dell’abusato non attraverso effettive esperienze o empatia emozionale ma tramite l’imitazione. Di conseguenza, il materiale che viene messo nel sito sarà attinto altrove. Spesso l’Impostore del Forum di Supporto più pigro (unito al suo senso di essere in diritto e alla mancanza di responsabilità) ruberà il lavoro altrui e, o non lo accrediterà all’autore originale, o lo farà passare per proprio.

11. Ci saranno commenti passivo aggressivi verso commentatori e lettori. Ripeto, questo non è sempre ovvio ai nuovi arrivati, ma chi ha esperienza se ne renderà conto presto e unito ai punti precedenti il quadro diverrà chiaro.

12. Improvvisi blocchi. Un lettore si ritroverà bloccato dal sito senza alcuna spiegazione o senza capire ciò che ha fatto. Questa risposta passivo aggressiva nascerà perché l’Impostore del Forum di Supporto ha percepito alcuni comportamenti del lettore come inaccettabili e quindi ferito, ha scatenato la sua ira gelida fornendo un Trattamento del Silenzio.

Col tempo, l’insieme di questi comportamenti dimostreranno la vera natura delle persone che gestiscono il sito e voi poi realizzerete chi c’è davvero dietro la maschera di presunto amorevole empatico.

Potreste già esservi ritrovati nei panni di destinatari di tali comportamenti. Naturalmente, non li sperimenterete in futuro. Perché? Beh, non avete ragione di andare da altre parti se non qui, non è vero!?”

H.G. TUDOR

The Support Forum Fraud

📰 L’ATTITUDINE SEDUTTIVA DEL NARCISISTA DI MEDIO-RANGO (E COSA STA REALMENTE ACCADENDO)

190720C The Mid Range Narcissist’s Seduction Mindset (And What Is Really Happening).jpg

Mi piace tanto essere gentile. Voglio ricoprirti di atti di generosità, interesse e gentilezza quando ti incontro per la prima volta. Sei così speciale e solo io posso davvero vedere che è così. Altre persone hanno cercato di distruggere il calore e l’amore dentro di te, calpestandoti come un fiore raro e delicato. Non io. Io voglio prenderti e metterti in una teca di vetro, al riparo dalla tossicità del mondo. Posso nutrirti, darti da bere e lasciare che tu ti goda il calore della luce che emana da me. Sento che sei stato deluso e ferito prima. Tu non ti meriti questo. Una persona meravigliosa come te, una persona delicata e generosa come te si merita molto di meglio. Ma ora puoi darti pace. La ricerca è finita. Hai trovato me. Ora mi prenderò io cura di te. Nulla ti tormenterà più. Farò tante cose per te e perché no? Sono fortunato ad averti trovato, ma sai una cosa? Ci meritiamo a vicenda. Ho cercato una persona come te per tutta la vita, qualcuno a cui poter dedicare me stesso. Una persona che posso proteggere, amare e rendere felice. Questo è tutto ciò che ho sempre voluto. So di essere circondato dal successo e dai suoi annessi e connessi, che sono richiesto da molte persone che vogliono coinvolgersi con me e condividere il mio splendore. È lusinghiero e umiliante allo stesso tempo. Comunque non mi interessa nulla di tutto ciò. Voglio solo condividere la mia vita con qualcuno che posso amare e adorare. Ora posso farlo.

(Il Narcisista di Medio Rango pensa di prendersi cura e ha una sufficiente empatia cognitiva per usare le parole e i gesti che trasmettano ciò che sembra essere un atteggiamento mentale protettivo e premuroso. Nota i ritorni ripetuti al sé (sprazzi di grandiosità) dal momento che il Medio Rango appare come una specie di cavaliere bianco, un salvatore, un angelo schermato, ma poi viene sventato dalla presunta umiltà, anche se è una falsa umiltà. Il Medio Rango riconosce istintivamente che la vittima molto probabilmente ha sofferto prima (quindi questo obiettivo è più facile da sedurre) e può selezionare le parole giuste per apparire compassionevole, premuroso e dignitoso. Non vi è alcun riferimento all’alleanza, all’uguaglianza – il Medio Rango crede davvero di essere il salvatore e un individuo onesto. Crede che di essere interessato (anche se non lo è) e vede un’opportunità per continuare le sue “buone opere” ma la vittima è solo un progetto nel grande schema del Medio Rango, un oggetto che viene messo sotto controllo attraverso le parole e la presunta compassione. Il Medio Rango è infatuato della vittima perché crede di aver trovato qualcuno in cui investire e che i suoi bisogni (anche se non sa quali siano di preciso) verranno ora soddisfatti. Ha grandi speranze per questa persona.

So che hai camminato su una strada difficile e tortuosa. Quegli stivali logori che indossi, con i buchi e la suola penzolante ne sono testimoni. Non ti sei mai lamentato neanche una volta, ovviamente. Non è il tuo modo di fare. Non hai bisogno di fare un altro passo perché ti porterò via. Ti solleverò e con un piede fermo piantato di fronte all’altro ti porterò via diretto verso la nostra destinazione comune. È un posto meraviglioso. Ti sussurrerò all’orecchio mentre ti trasporto e ti dirò tutto su come ho creato questo bellissimo paradiso. L’ho creato solo per te e me. È il nostro santuario dove nessuno può trovarci e nessuno può farci del male. Sembra idilliaco vero?

(Il Medio Rango continua la sua proroga del cavaliere galante, riconosce istintivamente la natura devota di questa vittima, una persona che mette altro prima di sé e istintivamente questo fa appello alla sua necessità di prendere, prendere, prendere – tuttavia non lo riconosce e crede di essere una persona buona e gentile offrendosi di togliere il fardello dalla vittima. Si tratta comunque di controllo. Alla vittima viene negata la scelta di lottare, di prendere le proprie decisioni. Anche se il gesto sembra nobile, in realtà sta mettendo la vittima in catene. Inoltre, i sussurri di una terra promessa, anzi un santuario, riafferma nella mente del Medio Rango che sta facendo una buona azione quando in realtà sta facendo girare l’illusione di intrappolare la vittima e mostra come la vittima stia per essere isolata dalle reti di supporto e in effetti dalla sua autosufficienza “Non hai bisogno di nessuno tranne me, ho un santuario solo per noi.” Sembra speciale ma in realtà è una prigione.)

Voglio dar sollievo alla tua fronte febbricitante, voglio tenerti la mano quando sei spaventata e voglio vederti sorridere per causa mia. Voglio essere la prima persona che vedi quando ti svegli e l’ultima persona che vedi prima di addormentarti. Voglio amarti, prendermi cura di te, tenerti e proteggerti. Mi occuperò di te, mi infilerò sul bicchiere rotto solo per porgerti una tazza d’acqua per placare la tua sete.

(Ulteriore galanteria poetica progettata per sopraffare la vittima che può finalmente abbandonare gli ultimi residui di controllo ingannata da questo presunto salvatore. Nota l’uso ripetuto di voglio – questo dimostra l’assoluta dedizione servile del Medio Rango a soddisfare i suoi bisogni, ma è oscurata dietro uno splendore di apparente attenzione e compassione, ancora una volta questo mostra il bisogno assoluto e il desiderio (inconsciamente) di controllo e isolamento della vittima.Il narcisista vuole fare tutto per la vittima (facile da dire ora, ma non verrà mantenuto con le azioni oltre il periodo d’oro) che in realtà significa rendere la vittima dipendente dal narcisista e isolata da qualsiasi potenziale interferenza esterna che possa sradicare il controllo di cui il narcisista ha bisogno).

Voglio che ti senta bombardata dalla mia innata gentilezza, inondata dal mio buon cuore e sopraffatta dalle mie giuste intenzioni. Voglio consegnarti ogni minuto di ogni giorno il mio calore e la mia gentilezza in modo che divenga tutto ciò che conosci.

(Altre apparenti intenzioni meravigliose, ma questo in realtà sta dimostrando come il narcisista desidera assorbire, conquistare e sopraffare la vittima.) La vittima diventa paralizzata dall’apparente gentilezza solo perché rinunci a qualsiasi nozione di libero arbitrio. Da questo punto in poi non ci sarebbe più nulla detto dal Medio Rango in questo discorso seducente che rappresenta la sua mentalità generale. Le parole che seguono sono ciò che il narcisista sta pensando inconsciamente e se pronunciate ad alta voce probabilmente susciterebbero preoccupazione dal momento che rappresentano bandiere rosse, naturalmente, il pensiero emotivo sarebbe probabilmente così alto che le bandiere rosse verrebbero ignorate).

Voglio che tu diventi dipendente dalla mia carità, dalla mia magnanimità e dalla mia generosità.

(La tua dipendenza ti rende più facile da controllare, io ti possiedo, tu sei un oggetto. Questo è ciò che il Medio Rango pensa inconsciamente)

Voglio che tu diventi irrimediabilmente dipendente dal mio amore, dal mio desiderio e dalla mia presenza.

(La tua dipendenza ti imprigiona.)

Voglio vedere me stesso nei tuoi occhi e nient’altro.

(Controllo e grandiosità attraverso l’onnipotenza)

Voglio sentire le mie parole pronunciate dalla tua lingua. Voglio che tu imiti tutto ciò che faccio in modo che quando io indico, tu indichi e quando io annuisco, tu annuisci.

(Ora sei il mio burattino.)

Voglio che la mia campagna di gentilezza cancelli ogni parvenza di ciò che eri una volta. Voglio distruggere ciò che esisteva una volta e sostituirlo con il mio progetto e i miei desideri.

(Tu sei mia ora. La vecchia te se n’è andata.)

Voglio uccidere chi eri e far risorgere al tuo posto la mia creazione. Voglio ucciderti con gentilezza.

H.G. TUDOR

The Mid Range Narcissist’s Seduction Mindset (And What Is Really Happening)