Pubblicato il Lascia un commento

✉ UNA LETTERA ALL'EMPATICO N. 6



Cara Me,
Non ho ancora avuto la possibilità di incontrarti del tutto, ma sicuramente so che sei qui da qualche parte.
Ti sei persa per così tanto tempo e per quanto sia difficile crederci, pensavi di essere centrata, impegnata perfettamente nella tua vita e sebbene avessi qualche domanda su di te, non vi si sono mai avvicinate come ora. Bene, almeno continui ad essere forte come hai sempre scelto di essere ma, dopo questa esperienza senza precedenti, sei cambiata così tanto. Hai ragione, era quello che potresti chiamare l’amore della tua vita. La persona che ha preso il meglio di te. Ma qual è il meglio di te?
Questa domanda rimane nella parte posteriore della tua testa in quanto non è mai stato possibile rispondere. E in realtà non si può. Non adesso – Non fino a quando non affronterai la tua realtà. La verità della questione è che il tuo ego non fa mai sapere alla tua anima che potrebbero coesistere amichevolmente. Tu non lo sapevi, ma sei stata privata della felicità perché la tua felicità era mascherata dalla tua realtà irreale.
Sei stata privata del vero amore perché il tuo senso dell’amore era considerevolmente corrotto. Sei stata privata della salute poiché la salute prima era vista solo come una condizione del corpo e sembrava che tu stessi benissimo. Sei stata privata degli amici perché i loro confini erano sempre rispettati indipendentemente dai tuoi.
Ora sai che è una lunga strada e un viaggio che ti stai godendo ma, finché non ci arriverai, preparati per montagne russe di emozioni. I ricordi, il dolore, la rabbia, il disprezzo, l’orgoglio, l’ira, la tristezza, la felicità, la gioia, la sorpresa e molte altre cose che potrei nominare ma che non sono mai state vissute veramente appieno prima. So che stai procedendo giorno per giorno, passo dopo passo e ti seguo poiché sono molto orgogliosa di te!
Non è stato facile, lo sappiamo, ma del resto nessuno ha detto che lo sarebbe stato, nessuno ha neppure detto che tutto ciò che veniva chiamato amore e visto come male a un certo punto; è stato portato dagli angeli per darti finalmente e pienamente la vita che hai sempre meritato. Non vedo l’ora di incontrarti presto quando finalmente saremo in grado di guardarci e dire: “noi siamo abbastanza”.
Sinceramente,
GB

HG TUDOR


https://narcsite.com/2020/04/23/a-letter-to-the-empath-no-6/
 

 

 
 
 
 

 

Rispondi