Pubblicato il Lascia un commento

βœ‰ UNA LETTERA ALL’EMPATICO N. 10

Uno spettro abbelliva la fine del suo letto mentre l’alba si avvicinava provocando un brusco risveglio

Ecco come tua sorella sapeva che avevi raccolto i petali di una margherita il 21 giugno quando il sole era altissimo in cielo.

e lui non ti amava

Ti teneva la tua mano durante il lutto per qualche tempo solo in silenzio

Solo finchΓ© i tuoi occhi sporcati hanno iniziato a schiarirsi, lei ha rotto il silenzio per dire

“Sorella, ricordi quando camminavi sui vetri rotti a piedi nudi, e sei rimasta illesa?”

Gli abitanti del villaggio ti credevano una strega e ti hanno cacciato lontano nella foresta e tu hai partorito sul terreno umido.

Bambino

Che piangeva

Sfornato;

Sei rimasta stesa nel tuo stesso sangue per 3 ore, ma sei sopravvissuta

Lungo la strada hai dimenticato chi sei e lo hai sollevato sopra la tua testa per nascondere la tua gloria; dove una volta tutto si faceva da parte in vista della tua corona

Ma tua sorella Γ¨ qui per ricordarti

che ti credevano una strega perchΓ© non eri una schiava

Quindi, come si chiama un uomo che esce dalla tua porta sul retro alle 3 del mattino per promiscuitΓ ?

Dico,

Γ¨ un onere sollevato in tuo onore.

HG TUDOR

A Letter to the Empath – No. 10

Β 

Rispondi