Pubblicato il Lascia un commento

βœ‰ UNA LETTERA AL NARCISISTA N. 79

Caro narcisista,
Qualcosa era sempre spento ma non potevo rendermene conto per la mia vita. Per anni ho cercato di migliorare me stessa e di dimostrarti di cosa tratta il vero amore. Non importa quanto ho fatto e non importa quanto abbiamo avuto tu non avresti mai potuto essere felice. C’era sempre questo ampio vuoto interiore che non poteva mai essere riempito.
Sei stato meraviglioso e affascinante all’inizio. Tutto ciΓ² che una madre e una donna single vorrebbero. Utile e premuroso, una figura paterna che voleva una famiglia. Eri la scelta facile e piΓΉ ovvia per me. I miei amici pensavano che stavo vivendo una storia da Cenerentola.
Tutto era un’illusione, si Γ¨ sciolta rapidamente. Dato che questo era il mio secondo matrimonio, ero determinata a mantenere in funzione questo disastro di matrimonio. Questa Γ¨ stata la piΓΉ grande menzogna e il piΓΉ grande errore della mia vita. Tu non comprendi l’amore. Hai compiuto alcuni grandi gesti lungo il cammino che mi hanno tenuta aggrappata.
Alla fine tutti voi non avete fatto altro che distruggere una famiglia e tutto ciΓ² che ritenevo sacro. Mi ci sono voluti anni per capire questo disastro. Tutto ciΓ² che Γ¨ sacro non ha significato nulla. Tu non sei fedele a nessuno nemmeno te stesso.
Anche se ora non sento nulla, il tuo piΓΉ grande impatto su di me Γ¨ che non mi fido di me stessa e dei miei sentimenti. Indovino le cose piuttosto che pensarle. Sono terrorizzata dall’incontrare un altro mostro come te. I narcisisti sono i mostri viventi che respirano e camminano tra noi alla ricerca del loro prossimo empatico per nutrirsi.
J

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 79

Rispondi