Pubblicato il Lascia un commento

βœ‰ UNA LETTERA AL NARCISISTA – N. 110

Amore mio,

Ti amo ancora. Non importa quanto tu sia terribile, io non mi arrendo mai. Sei convinto di essere tu ad aver subito un torto da me. Mi vedi come un peso attorno al collo. Non vedi le cose che mi hai fatto come sbagliate. Le giustifichi con ragioni reali e immaginate. Cose che non si puΓ² fare a meno di percepire come sbagliate, neghi di farle tutte assieme o cambi l’evento in modo che non debba suscitarti alcun senso di colpa.
Quando ti ho incontrato, ero indipendente e stavo andando avanti nella mia carriera. Ero una forza con cui fare i conti. Ero sola, ma felice. Tu hai visto un punto debole. Hai visto che non sapevo come essere single e sola. Hai visto la mia paura dell’abbandono e l’hai sfruttata. Di recente hai ammesso di farlo di propsito nei casi in cui io ho bisogno di te e non posso vivere senza di te, e sta’ sicuro che tu puoi vivere senza di me. Se ciΓ² non Γ¨ diretto e accurato nulla lo sarΓ .
Quando Γ¨ morto mio fratello, tu hai riso e mi hai detto che non avevo piΓΉ un protettore. Hai gongolato che nessuno ti avrebbe fatto subire conseguenze per il mio trattamento, con lui ormai scomparso. Poi hai osservato come il mio legame con la mia famiglia si Γ¨ disintegrato da anni di abuso da capro espiatorio e hai gongolato che eri l’unico per me lΓ¬. Nessuno ci sarΓ  mai per me come te? La morte di mia madre ha segnato il mio completo isolamento. Sono sola con solo te a cui rivolgermi.
Mi hai reso completamente dipendente da te. Quando nostro figlio Γ¨ morto, mi sono allontanata dal mondo. Mi sono chiusa e non volevo occuparmi della realtΓ . All’epoca non mi ero resa conto di averti consegnato le chiavi per controllare ogni parte della mia vita. Ora saboti qualsiasi tentativo di essere indipendente o liberarmi. Per qualsiasi lavoro che accetto ti rifiuti di darmi un passaggio o crei problemi con il datore di lavoro. La tua ragione preferita per farmi lasciare un lavoro Γ¨ perchΓ© Γ¨ troppo lontano per guidare. Ti scomoda.
Ora sono l’ombra di chi ero prima. Non ho nessuno nella mia vita tranne te. Non ho nulla nella mia vita che non appartenga a te. Mi sento come se non fossi niente e se smettessi di respirare nessuno se ne preoccuperebbe o lo noterebbe. Quella sensazione Γ¨ stata confermata quando mi hai picchiato una settimana fa. Mi avevi colpito prima ma non mi avevi mai picchiato. Questa volta mi hai fatto nera. Ho contattato le autoritΓ . Gli ufficiali hanno detto che avrebbero pagato una stanza per la notte dato che non avevo famiglia. Quando mi hanno lasciato in albergo, ero coperta dal tuo bere e dal mio sangue.
Le persone all’accoglienza mi fissavano e sussurravano mentre io tremavo fisicamente. Quando finalmente Γ¨ stato il mio turno alla reception, non c’era una stanza riservata a quanto avevano detto gli ufficiali. Ho fornito la tessera degli ufficiali alla scrivania e mi hanno chiamato. La spedizione ha risposto e non era a conoscenza di questo accordo. Ottengo un passaggio per tornare a casa. Penso che le persone lΓ¬ abbiano creduto che fossi una senzatetto. Ridacchiavano e facevano commenti sprezzanti. L’umiliazione Γ¨ stata troppa.
Le persone della tua vita che sapevano cosa avevi fatto mi hanno chiesto solo se avessi detto alla polizia che mi picchiavi. Nessuno mi ha chiesto se stavo bene. A nessuno importava quando il mio viso si Γ¨ gonfiato fino ad avere tre volte le dimensioni che dovrebbe avere a causa di un dente rotto e ascesso dovuto al pestaggio. Non un’anima.
Quanto devi essere soddisfatto di te stesso. Puoi farmi quello che vuoi e io non posso fare nulla. Non sono nessuno e non importa a nessuno.
Beh, un giorno scapperΓ². ScapperΓ² con le mie gambe o in una cassa. Spero che sia con le mie gambe. Ho intenzione di reagire. Non andrΓ² giΓΉ senza combattere. Quindi, preparati.
Amore,
Nessuno.

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No.110

Rispondi