📰 IDENTITÀ DA PERFORMANCE

191028A Performance Identity.jpg

Mi sono spesso riferito a come i progressi della tecnologia si sono dimostrati un grande vantaggio per la mia specie. Non solo la tecnologia ci consente una maggiore portata, per più persone, più spesso e più facilmente ci fornisce il camuffamento. La genesi del “selfie” è la testimonianza di questo. Una volta se volevi essere in una foto tua, chiedevi a un’altra persona di usare la tua fotocamera per scattare una foto di te e dei tuoi amici o magari di te in uno scenario fantastico. Ora l’avvento del telefono con fotocamera ha permesso a tutti di farsi una foto di se stessi con gli amici, con una persona famosa, di fronte a un monumento, mentre fa uno stupido broncio, tiene in mano la birra e così via. Questo bisogno di stare “nell’inquadratura” è un richiamo ai tratti narcisistici del diritto, della violazione dei confini e della grandiosità. Certamente, non tutti sono della nostra specie e neanche il fatto che hai la tendenza a farti selfie ti rende uno dei nostri. Tuttavia, ciò che provoca è aumentare lo sfondo di tendenze narcisistiche così le nostre possono adattarsi ancora più facilmente a ciò che la società sta facendo. Quindici anni fa, se qualcuno continuava a tormentare altre persone per farsi una foto di se stessi in posizioni e posti diversi, si inarcavano le sopracciglia. Ora, se vedi qualcuno che tiene in alto il telefono e fa il broncio, non batti ciglio. È previsto. Questa tendenza narcisistica è diventata dominante e noi l’accogliamo con favore, poiché consente ai nostri di fondersi con quella corrente principale, permettendoci di muoverci più facilmente tra tutti voi.

Quando ti fai quel selfie, sei impegnato nell’identità da performance. Stai rafforzando la tua identità nei confronti della performance di stare in piedi e scattare una foto di te stesso che poi posti su diversi social media, invii per messaggio ai tuoi amici e probabilmente imposti come immagine di copertina. Il reato di performance è il caso in cui un criminale si impegna in attività delittuose che lui o lei registra. Quanti video hai visto su Facebook dove è in corso uno scontro e nessuno lo ferma, ma invece stanno tutti in piedi intorno con le telecamere tenute in alto a filmare la scena? Quante volte hai visto persone che pubblicano foto di se stesse mentre commettono un atto criminale, che può essere l’uso di droghe, aggredire qualcuno, danni criminali o furti? Include anche quegli atti che potrebbero non essere criminali ma che sarebbero considerati moralmente riprovevoli. Fare fotografie a una persona ubriaca che dorme in mezzo alla strada, piuttosto che aiutarla, scattare foto a qualcuno che si è sporcato o ha vomitato. Fotografare l’incidente o la sventura di qualcuno e aggiungere un commento apparentemente spiritoso in lettere bianche nella parte inferiore dell’immagine. Questi comportamenti sono tutti orientati alla performance, al mettersi in mostra e al dare spettacolo.

Noi siamo maestri nell’identità da prestazione. Siamo definiti da ciò che facciamo nei confronti di un pubblico attento e che ci ammira. Ogni nostra mossa è coreografata, il nostro ingresso attentamente programmato. Camminiamo nel paesaggio urbano con un’immaginaria colonna sonora che ci risuona in testa mentre ci pavoneggiamo, considerando noi stessi in una sorta di film o documentario. Un indovinello una volta diceva

“Una foglia cade in una foresta ma non c’è nessuno che la sente, ha fatto un suono?”

L’equivalente moderno per la nostra specie è,

“Se abbiamo fatto qualcosa ma nessuno l’ha visto, è accaduto davvero?”

Noi siamo definiti da ciò che gli altri ci vedono fare e dalla loro reazione a ciò. Che si tratti di ammirazione, odio, rabbia, turbamento, terrore, dolore, ilarità, divertimento, lode, amore o adorazione, deve sempre esserci un’emozione infusa. Questa reazione definisce chi siamo perché ci fornisce carburante. Ci dice che siamo brillanti, temuti, furiosi, dominanti, divertenti, spiritosi, sensazionali, belli, notevoli e così via. La reazione è tutto per il carburante che fornisce, ma anche perché la nostra performance ci permette di definire ciò che crediamo di essere, l’aspetto esteriore che il mondo deve vedere in contrapposizione a quello che si trova chiuso in profondità e non permettiamo mai che venga visto.

Voi tutti vi impegnate nell’identificare la performance. Spesso ha poche conseguenze ma forma sempre parte di ciò che siete. La crescente tendenza delle persone a impegnarsi in un’identità da performance implica che il nostro bisogno, il nostro assoluto bisogno di farlo, non spiccherà tanto quanto potrebbe. Sì, attira una reazione, ma questo bisogno di attenzione è possibile che non venga sempre visto per quello che è. Le persone ci considerano semplicemente espansivi, bizzarri, divertenti, l’anima della festa, al centro di tutto. Ci sono decine di modi educati per dire cercatore di attenzione senza che tu ti renda conto che è quello che stai facendo. Noi dobbiamo farlo comunque, dobbiamo esibirci dal momento in cui ci alziamo dal letto fino a quando non ci torniamo di nuovo al fine di attingere carburante e creare ciò che vogliamo che il mondo veda. Il mondo può davvero essere un palcoscenico, ma è un palcoscenico per me e la mia specie.

H.G. TUDOR

Performance Identity