Pubblicato il Lascia un commento

✉ UNA LETTERA ALL’EMPATICO N. 7

Cara Stella
Una volta pensavo che fossi responsabile, perspicace e capace di distinguere le verità dalle bugie, il bene dal male, gli angeli dai demoni.
Questa volta hai sbagliato troppo.
Hai permesso a un demone travestito da angelo di arrivare alla tua anima e di succhiarti via tutte le tue emozioni.
Avevi così tanto da dare, e ora non è rimasto più niente per nessuno. Non più. La luce che brillava nei tuoi occhi se n’è andata per sempre. Ora non sei in grado di provare emozioni, e non ti fidi di nessuno. Non più.
La tua vita una volta dipinta di diversi colori, ora è semplicemente in bianco e nero, e scorre su uno sfondo grigio pallido.
La tua giovinezza, la tua bellezza, la tua femminilità stanno svanendo e il tuo tempo per ripristinare te stessa e ricominciare da capo è scaduto.
Eppure c’è qualcosa che il demone non è riuscito a raggiungere: la tua mente.
Le tue abilità nello scrivere e praticare le lingue straniere sono rimaste intatte.
Puoi fare così tanto con queste cose. Non avrai più un cuore né un’anima, quelli sono stati sostituiti da un nuovo santuario in cui nessuno potrà entrare. Non hai bisogno di essere amata da qualcun altro, non hai bisogno di un’anima gemella, non hai bisogno di nessun falso abbraccio.
“Te stessa” è l’unica cosa di cui hai bisogno e l’unica cosa che conta.
Abbi cura di te, rimani nel tuo santuario e tieni la porta chiusa a chiave. Per sempre.
Tua
La Stella Precedente

HG TUDOR

A Letter to the Empath – No. 7

 
 
  

Rispondi