📑 LE FACCE DELLA SVALUTAZIONE

191110E The Faces of Devaluation.png

Svalutazione.

Questo periodo della dinamica narcisistica è considerato da sempre parte della dinamica e comprensibilmente la parte peggiore di essa. Quelli che la considerano una parte sempre presente della dinamica, tuttavia, stanno sopravvalutando la sua presenza perché la svalutazione appare in misura minima e se lo fa, come si manifesterà, dipende molto dalla natura della dinamica con i nostri apparecchi.

Partendo con la Fonte Terziaria, la maggior parte delle volte i nostri impegni con le fonti terziarie non includono alcuna svalutazione. Ci sono due ragioni principali per questo: –

1. L’impegno è breve. Ci impegniamo con la Fonte Terziaria una volta, per un breve periodo e mai più oppure ci impegniamo con essa ripetutamente ma sempre solo con modalità limitata; e
2. Le necessità di mantenere la facciata implicano che impegnarsi con la Fonte Terziaria in modo benevolo è il metodo più efficace per andare avanti.

Succede tuttavia che le Fonti Terziarie siano svalutate. Saranno insultate, ignorate, triangolate con altre fonti di livello superiore. Questa svalutazione potrebbe essere dovuta al fatto che la Fonte Terziaria ha innescato la nostra rabbia (per esempio un barista che non serve noi prima di qualcun altro), ma la svalutazione potrebbe verificarsi semplicemente perché la consideriamo una risposta opportuna. Ad esempio, se vediamo che riversare disprezzo su un senzatetto per strada o insultare la cameriera in un bar attirerebbe il divertimento o l’ammirazione dei nostri amici (Fonti Secondarie Non Intime). Nessuna di queste persone ci avrà necessariamente criticato ma le consideriamo sacrificabili e svalutandole ne ricaviamo carburante negativo e carburante positivo da altre fonti.

Qualsiasi svalutazione di una Fonte Terziaria è di breve durata. È un fiotto di carburante negativo ma non è di enorme potenza (anzi l’ammirazione che fa scaturire dalla fonte secondaria o primaria è più potente) rispetto ad altre fonti e la quantità di carburante fornita è bassa. Questo perché la Fonte Terziaria non sarà legata a noi e quindi, dopo un periodo di tempo di risposte che forniscono carburante negativo, la Fonte Terziaria molto spesso si dis-impegnerà.

Il periodo di svalutazione per una Fonte Terziaria può essere inferiore a un minuto se fornisce carburante negativo e poi si ritira. Ovviamente se continua ad attaccarci e fornire Carburante di Sfida, continueremo a provocarla e anche a rivendicare il nostro senso di superiorità su di lei al fine di metterla al suo posto. Ovviamente non possiamo nemmeno avere una nuova fonte terziaria che ci fa sembrare cattivi di fronte ad altre fonti superiori. È improbabile che continuiamo a “inseguire” la Fonte Terziaria. Infatti, se rimproveriamo un cameriere e lui si ritira in cucina, è improbabile che lo seguiamo e continuiamo la svalutazione. Invece, prendiamo il combustibile negativo dalla sua reazione arrabbiata e lasciamo che si ritiri. Consideriamo molto al di sotto di noi continuare a insistere su un individuo del genere. Ovviamente, se il cameriere tornerà da noi, lo svaluteremo di nuovo e continueremo a farlo finché continuerà a comparire davanti a noi.

È improbabile che la Fonte Terziaria venga diffamata in conseguenza di questa svalutazione perché in definitiva all’interno della nostra matrice di carburante la Fonte Terziaria non ha un’importanza significativa, perciò non vale la pena spendere energia e tempo per diffamarla.

Potremmo incontrare questa Fonte Terziaria in un’altra occasione e provocarla di nuovo o possiamo interagire con lei in modo benevolo. A noi non importa come l’abbiamo trattata nell’interazione precedente in quanto operiamo una compartimentazione.

Per quanto riguarda le fonti secondarie, la svalutazione avviene, ma se e quando succede, è per una ragione direttamente collegata al comportamento della fonte secondaria.

Se si tratta di una fonte secondaria non intima, quindi un membro della famiglia, un amico o un collega, di solito godono di un periodo d’oro prolungato. La svalutazione della fonte secondaria avverrà solo laddove quell’individuo ha cercato di esporci, ci ha provocato ampiamente o ha completamente cessato la fornitura di carburante. La svalutazione sarà più lunga di quella della Fonte Terziaria perché la fonte secondaria sarà legata più strettamente a noi. Questo legame sarà una conseguenza della natura della relazione – la persona è nella nostra cerchia sociale insieme ad altre persone, lavora con noi o è nella nostra cerchia familiare – ma anche perché avremo fatto più sforzi per legarla a noi. Di conseguenza, è meno probabile che la fonte secondaria si ritiri come farebbe una Fonte Terziaria. Invece, è più probabile che la fonte secondaria voglia provare a capire perché viene trattata in questo modo, a cercare di riconciliarsi e ottenere il nostro favore ancora una volta. Talvolta questa svalutazione si verifica come conseguenza del bisogno di inviare un segnale ad altre fonti secondarie che non devono scavalcarci così che si rendano conto che è preferibile rimanerci fedeli piuttosto che scavalcarci in qualche modo.

La fonte secondaria che viene svalutata rischia di essere diffamata da noi. Vogliamo che altre fonti secondarie della stessa cerchia o dello stesso tipo si rivoltino contro la fonte secondaria svalutata e completino il suo isolamento e la ostracizzino. Siamo consapevoli che dobbiamo mantenere la facciata e quindi cercheremo di fornire una ragione per cui questa fonte secondaria ci è caduta di grazia, non viene più invitata, non è gradita in certe riunioni e così via.

Il periodo di svalutazione per una fonte secondaria varia in base all’impegno effettivo e al periodo in cui la persona è considerata “nera”. Se la fonte secondaria vuole parlare con noi per scoprire perché viene trattata in questo modo, continueremo a svalutarla di modo che potrebbe essere questione di minuti o di un paio d’ore. Se resta vicina a noi e continua a fornire carburante negativo, continueremo a svalutarla e provocarla. Se si ritira e cerca di coinvolgerci in un’altra occasione, resterà “nera” finché non fa qualcosa (o sopravviene un atto esterno) che la induce a considerarla “bianca” e la accogliamo di nuovo all’ovile. Ad esempio, se la fonte secondaria cerca il perdono e ha un beneficio residuo che desideriamo, estenderemo la nostra benevolenza ad ammetterla nuovamente nel ruolo pertinente. Se non vediamo uno scopo diverso dal carburante negativo, allora rimane dipinta di “nero” e ci disimpegnremo da lei e la rimpiazzeremo abbastanza presto.

In alcuni casi la fonte secondaria può disimpegnarsi e non avere più nulla a che fare con noi, quindi un amico non socializza mai con noi, il familiare si ritira o il collega cambia posto di lavoro o dipartimento. A volte può non avere questa possibilità e in quel caso rimane per noi un capro espiatorio, rimanendo “nera” per anni e viene ulteriormente svalutata ogni volta che c’è qualche interazione con noi. Quindi, ogni volta che c’è un incontro di famiglia, sarà soggetta a commenti sprezzanti, a triangolazioni o trattamenti del silenzio. Naturalmente, questa svalutazione prolungata potrebbe essere intermittente, poiché potremmo vedere questa fonte secondaria solo in determinate occasioni o luoghi. Come per la fonte terziaria raramente continueremo a cercare la fonte secondaria per svalutarla.

Se la fonte secondaria è di tipo intimo, o una IPSS o una DSIPSS, allora la dinamica cambia. Vi sono due potenziali forme di svalutazione.

La prima è utilizzata come misura correttiva per riportare in riga la IPSS o la DSIPSS. La svalutazione e il disimpegno non sono una certezza, ma se la IPSS o la DSIPSS rispondono favorevolmente a questo “avvertimento”, allora la svalutazione cessa e il periodo d’oro continua. Questo perché il carburante IPSS o DSIPSS è considerato ancora valido e non stantio e la svalutazione viene utilizzata perché non si comportano come dovrebbero. Questa svalutazione correttiva li riporta in riga e quindi la svalutazione correttiva si interrompe.

La seconda è quando la IPSS o la DSIPSS non rispondono all’avvertimento e quindi significa che ora il loro errore e tradimento deve essere punito mentre ci dirigiamo verso il disimpegno. La svalutazione in questo caso sarà più intensa della svalutazione correttiva, ma non durerà a lungo perché la IPSS o la DSIPSS restano fuori dai piedi o se non lo fanno, vogliamo passare a una IPSS o DSIPSS diverso (o trovarne una nuova) e quindi il disimpegno arriva velocemente.

Infine c’è la IPPS. La fonte primaria del partner intimo è la persona che subisce la svalutazione più lunga, la svalutazione più dura ed è quella riconosciuta dalla maggior parte delle persone. Questo succede perché

1. Hai promesso di essere L’Unico. La tua incapacità di vivere secondo i nostri ideali significa che devi essere punito, non ti lasceremo scappare facilmente;
2. Il tuo carburante negativo è potente, abbondante e frequente e quindi vogliamo continuare a estrarlo da te;
3. Questo carburante negativo fornisce anche il contrasto e la motivazione per la seduzione della tua potenziale sostituta da parte nostra;
4. Sei legato a noi e quindi hai meno probabilità di ritirarti. Questo legame è sia emotivo che non emotivo. Emotivamente nasce perché vuoi tornare al periodo d’oro, vuoi mettere tutto a posto, sei un devoto d’amore e vuoi che l’amore trionfi, potresti essere co-dipendente, non vuoi ammettere la sconfitta e sei dipendente da noi. I non emotivi riguardano questioni come le finanze, i bambini, la casa, le pressioni familiari e così via. La combinazione di questi fattori significa che ti aggrappi a noi, e poiché con ogni probabilità vivi con noi la tua svalutazione avviene ogni giorno;
5. Ti concediamo Periodi di Tregua. Ciò avviene all’interno del Periodo di svalutazione e significa che ti viene data una speranza rinnovata (in questo modo resti fedele) e significa anche che il vostro potenziale per diventare insensibile e indifferente è ridotto da questi periodi che ti consentono di raccogliere nuovamente forza;
La IPPS può essere l’unica persona nella nostra matrice di carburante che viene svalutata e questa di solito avviene a porte chiuse per preservare la facciata, quindi c’è meno probabilità che interferenze esterne interrompano la svalutazione.

La svalutazione della IPPS è la più brutale tra tutte le svalutazioni degli apparecchi, è quella che continua più a lungo, può durare anni, persino decenni in alcuni casi e con questa svalutazione arriva tutta una serie di manipolazioni e abusi che riguardano il lato emotivo, finanziario, sessuale e fisico.

H.G. TUDOR

The Faces of Devaluation

📰 I DIECI TIPI DI VITTIME CHE IL NARCISISTA RECUPERA

191108E The Ten Types of Victim The Narcissist Hoovers.png

Faccio ripetutamente menzione di come noi torniamo sempre. Questa naturalmente è la genialità del recupero. Alcune persone faticano a comprendere che continueremo a tornare per avere più carburante, se si presenterà l’occasione. Perché non dovremmo? Amiamo il carburante. Amiamo il tuo carburante (dopotutto è stato il motivo per cui sei stato scelto come fonte primaria) e meglio ancora amiamo il carburante di recupero che fornisci. Il recupero ricopre molte funzioni. Innanzitutto, ci fornisce carburante. È anche un mezzo per esercitare il controllo, sondare il territorio per potenziali future macchinazioni, un mezzo per impedirti di andare avanti, un mezzo per ostacolare la tua comprensione, un metodo per rafforzare la nostra superiorità, il nostro dominio e la nostra onnipotenza. Serve per queste funzioni e per molte altre. I recuperi si svolgono durante la danza con la nostra tipologia, ma li associamo il più possibile con il seguito, con il periodo successivo alla fuga o più probabilmente allo scarto. Quando guardiamo il recupero in uno scenario del genere, quando torniamo di nuovo, lo facciamo per uno dei seguenti tre motivi:

1. Per riportarti di nuovo nella relazione in modo che l’intero ciclo narcisistico possa ricominciare;
2. Per ferirti. Non vogliamo di nuovo la relazione formale, ma vogliamo ricordarti quanto sei privo di valore e quindi miriamo a farti del male attraverso questa forma di recupero;
3. Per attingere un po’ di carburante positivo (potrebbe essere una goccia o potrebbe essere una discreta quantità) ma non vogliamo che il rapporto formale ricominci di nuovo o addirittura mai, ma sappiamo che fornisci un delizioso carburante di recupero, quindi continueremo sempre a tornare. Non facciamo abbastanza per ricominciare la relazione formale, ma certamente ne ricaviamo un po’ di carburante. Potrebbe essere un messaggio, potrebbe essere una telefonata o una visita, ma accadrà. Potrebbe volerci solo un momento o un pomeriggio, ma sarà un periodo temporaneo e dopo aver estratto il carburante ci ritireremo di nuovo (solo per apparire in una fase successiva). La relazione formale non ricomincia.

È questa terza manovra (che è un recupero successivo benigno) che spesso confonde le persone. Puoi capire il recupero allo scopo di ricominciare la relazione. Puoi capire di prendertela con noi e di essere cattivo perché, ehi, dopotutto siamo Grandi Bastardi, non è vero? Tuttavia, perché fare lo sforzo di guadagnare del carburante e poi ritirarsi di nuovo? Può essere perché abbiamo una fonte primaria affidabile in atto, ma non possiamo resistere a un sorso di carburante di recupero. Può accadere perché le circostanze lo rendono troppo bello per resistere. Ci sono diversi fattori, ma uno dei fattori principali è il ruolo che ti viene assegnato dopo la fuga/scarto. L’applicazione del recupero successivo benigno che non cerca il ripristino della relazione formale si basa su di te che ti rendi conforme a un ruolo particolare e al carburante che ne deriva. Ci sono molti ruoli diversi che possono esserti assegnati a questo punto, ma qui ne elenco dieci.

1. Augurarti il meglio

Ogni volta che torniamo, chiedi con la tua ben nota onestà come ce la stiamo passando, chiedi dei nostri progressi, della nostra salute e di tutte le altre questioni. Lo fai con quella bontà di cuore e secondo la natura per la quale tu, come persona empatica, sei famosa, e anche se non c’è un torrente di emozioni scatenate, la tua gentilezza e compassione ci alimentano ancora. Potresti esserti allontanato in gran parte da noi, ma non sei in grado di tagliare tutti i legami. Sai che non tornerai indietro ma non puoi fare a meno di voler sempre sentire che stiamo facendo del bene e che di conseguenza puoi augurarci il meglio.

2. L’ottimista

Questo contatto ti dà la speranza che ci possa essere un ritorno al periodo d’oro. Non forzi la cosa, poiché sai come questo può indurci a reagire, ma sei ricettivo al nostro progresso, lieto, non felice di sentirci e ti impegni con entusiasmo, cercando di mantenere il tuo cuore pulsante sotto controllo. Ogni volta che “facciamo un salto” vedi come la possibilità che questa volta ti travolgiamo tra le nostre braccia e ti riportiamo di nuovo da noi. Ogni volta sei deluso ma questo non affievolisce la tua speranza e il tuo ottimismo, forse la prossima volta sarà il momento?

3. Il colpevole

Stai male perché la relazione non ha funzionato e ti incolpi tanto (se non di più) di noi per la sua fine. La tua natura di devoto all’amore significa che credi ancora che l’amore conquisterà tutto e passerai il tuo tempo a scusarti per ciò che hai fatto che è sbagliato e ciò che non hai fatto bene. Naturalmente non facciamo nulla per farti pensare in modo diverso, godendo della tua auto-flagellazione che emerge sempre in superficie ogni volta che ci mettiamo in contatto con te.

4. L’entrare nei particolari

Sei ossessionato dal capire chi sei e consideri la tua interazione come parte integrante di questo. Vuoi i nostri punti di vista e le nostre opinioni sulla tua introspezione e usi qualsiasi contatto da parte nostra come un’opportunità per invitarci a dare un’opinione su di te, non importa quanto brutale possa essere. Credi di non essere in grado di stabilire chi sei veramente senza capire la natura del tuo rapporto con noi e ogni occasione in cui ci mettiamo in contatto con te ti offre l’opportunità di impegnarti per trovare queste risposte. La tua dipendenza da noi ci edifica e ci fornisce carburante.

5. Il curatore

Non abbandonerai il concetto che possiamo esserci corretti e qualsiasi interazione tra di noi ti porta a impadronirti di nuovo di quel ruolo di curatore, mettendo i nostri interessi davanti ai tuoi con l’inevitabile carburante che deriva dal tuo comportamento compassionevole e di buon cuore.

6. La ninfa

Ci odi per quello che abbiamo fatto, ma, oh, il sesso è stato così bello e non puoi resistere al richiamo di un messaggio notturno per qualche rapporto sessuale nella speranza che possa portare di nuovo a un combattimento tra le lenzuola. Sosteni che tutto ciò che vuoi è la gratificazione sessuale e adottare questa posizione è una forma di rivincita nei nostri confronti, ma il tuo coinvolgimento con noi attraverso i messaggi erotici e il flirt ci fornisce il carburante di recupero che vogliamo.

7. Il laccio emostatico

Non sei un laccio emostatico, ma hai bisogno di averne uno. Non riesci a capire cosa è successo e ogni dialogo è una sessione di domande piena di carburante sul perché abbiamo fatto quello che abbiamo fatto, perché ti abbiamo ferito, perché abbiamo detto quelle cose, perché abbiamo fatto casini e cose del genere. Il dolore rimane crudo e il carburante che ne deriva è troppo buono per resistere.

8. Il vecchio affidabile

Sai che dovresti ignorarci ma non puoi. Quei messaggi che inviamo sono come un fastidioso prurito e devi grattare disperatamente. Ovviamente lo sappiamo e ti consideriamo una fonte affidabile di carburante di recupero. Tutto quello che dobbiamo fare è inviare un messaggio e tu risponderai in qualche modo, non puoi farci nulla.

9. Il contendente

Vuoi tornare con noi e ci dimostrerai quanto sei dannatamente bravo e quanto siamo “buchi” per lasciarti andare, in primo luogo. Ci dirai quanto sarai giusto per noi, cosa farai e come non riusciremo mai a diventare meglio di te, mentre tu fai tutto il possibile per convincerci che dovresti tornare tra le nostre braccia. Anche se ti rifiutiamo, non ti arrenderai perché il tuo desiderio di essere il nostro partner intimo è enorme e con questo fornisci carburante.

10. Il combustibile ben infuocato

Il tuo flusso di carburante non può essere interrotto. Red Adair non sarebbe mai in grado di spegnere le fiamme e tappare bene il combustibile. Sei arrabbiato, ribollente, furioso per il modo in cui sei stato trattato e ci odi. Ci odi assolutamente. Ogni volta che ti contattiamo, cogli l’opportunità di sfogare la tua rabbia contro di noi, insultandoci, etichettandoci e continuando come un’arpia impazzita. Pensi che questo ci sconvolgerà, ma non comprendi la natura del carburante e anche se possiamo controbattere è tutto progettato per mantenere questo combustibile ardente che scorre.

Ti riconosci in tutto questo?

H.G. TUDOR

The Ten Types of Victim the Narcissist Hoovers

📰 PERCHÉ IL NARCISISTA TI SCEGLIE

2019-10-25 (3).png

Quando miriamo ad acquisire i nostri dispositivi per alimentarci, è logico pensare che dedichiamo la maggior quantità di tempo alla persona che sta per diventare la nostra fonte primaria di carburante. Certamente la quantità di tempo dedicata a questo dipende dal narcisista in questione ma tutti della nostra tipologia cercano certi tratti che sono prevalenti nei soggetti empatici. Ci sono certi tratti essenziali che esistono negli individui empatici. Le persone normali avranno alcuni di queste caratteristiche, probabilmente non tutte e non avranno i tratti nell’estensione e nel grado di una persona empatica. Quindi, ecco perché le persone normali vengono raramente prese come nostra fonte primaria. Ci sono anche doti che che sono conosciute come tratti di classe. Queste sono le caratteristiche che attraggono la relativa classe di narcisisti, che questa persona sia un Narcisista Vittima, Somatico, Cerebrale o un Narcisista d’élite. I tratti base sono estremamente importanti per noi. La loro esistenza ci fornisce i tre elementi chiave che prendiamo dalle nostre vittime. Primo, queste caratteristiche implicano che la fornitura di carburante sarà elevata per via della loro connessione alla produzione emotiva della vittima. Secondo, ci sono certi benefici residuali che provengono da queste doti che vogliamo. Terzo, attaccandoci a qualcuno che ha questi tratti fingiamo di averli anche noi. Noi non abbiamo queste caratteristiche. Di conseguenza, vogliamo prenderle da te per applicarle alla nostra costruzione e farle passare come se ci appartenessero. Dal momento che siamo specialisti ed emuliamo, non abbiamo di nostro queste doti e non le sentiamo, ma siamo capaci di replicare come appaiono studiando il modo in cui ti comporti, poiché tu hai questi tratti. Poi li applicheremo al nostro comportamento al fine di mantenere la facciata. Questo inganna le altre persone nel pensare che siamo onesti, rispettabili e amorevoli. Ci concede anche di rispecchiare i tuoi tratti e rifletterteli indietro in modo da farti pensare che anche noi li abbiamo. Questo ci rende più che mai attraenti per te e ci assicura che tu sia strettamente legato a noi. In accordo a questo, identificare questi tratti sostanziali nelle nostre vittime è estremamente importante. Di queste caratteristiche più ne possiedi, e meglio è. Più ne hai di questi tratti, maggiore è la possibilità di essere intrappolato dalla nostra tipologia. Una combinazione dei tratti base e dei tratti di classe che appare nel modo in cui ti comporti e agisci attira la nostra tipologia verso di te. Noi sentiamo e vediamo queste caratteristiche e focalizziamo la mira su di te come potenziale fonte primaria.

Questi sono dieci di queste caratteristiche base. L’ideale è trovare una vittima che le abbia tutte e dieci e le mostri ad un livello notevole. Allora vorremo anche che mostri i tratti corrispondenti alla classe che siano compatibili con il tipo di narcisista che siamo

Il Narcisista Inferiore è inconsapevole di queste caratteristiche ma come un lupo affamato che annusa il proprio cibo può percepire l’esistenza di queste doti e sa che la persona che li mostra è qualcuno che vuole con lui.

Il Narcisista Medio riconosce questi tratti come lodevoli. Li vede come un punto in più allo stesso modo in cui qualcuno potrebbe considerare qualcun altro che è interessato di arte, viaggi e musica classica, come un buon partito per iniziare ad uscire. Il Medio sa che per lui questi tratti hanno valore ma non conosce la ragione fondamentale per cui è attirato da questi.

Il Narcisista Superiore sa cosa sono questi tratti e perché sono importanti. Conosce la funzione che giocano, sa meglio di chiunque altro come individuarli e il posto dove (il “terreno di caccia”) si può trovare gente che avrà questi tratti essenziali e anche i tratti di classe. Il Superiore può annusare l’esistenza di queste doti e far corrispondere il bersaglio a questi prima di avvicinarsi per intrappolare la persona.

Quindi quali sono queste doti? Bene, qui ce ne sono cinque dei dieci solo per un esempio. È altamente probabile che tu abbia tutti e cinque questi tratti e che li abbia in quantità significativa perché è il motivo iniziale per cui sei stato intrappolato da un narcisista.

Devoto d’Amore – Esigiamo che i nostri bersagli siamo fedeli all’idea dell’amore. Vuoi trovare l’amore, sperimentare l’amore, amare ed essere amato. L’idea dell’amore è centrale nella tua esistenza e credi veramente che il nostro fine su questa terra sia amare gli altri. Non solo questo significa amare le persone intorno ma sopra ogni altra cosa credi nella realizzazione che nasce dall’avere accanto quell’unica persona speciale con cui sei impegnato, per cui faresti qualsiasi cosa e per cui ti sacrificheresti. L’esistenza dell’amore è il motivo, per te di esistere e quindi devi trovarlo e una volta individuato, ottenerlo e mantenerlo. Vogliamo devoti d’amore perché la tua devozione all’amore spesso ti acceca su così tante cose e di conseguenza fingendo di darti amore possiamo agganciare questo vostro tratto e questo ci concede di intrappolarti quanto mai facilmente.

Compassionevole – I nostri bersagli devono mostrare compassione. Questa compassione deve essere principalmente per noi per quanto siamo soddisfatti che venga esibita per altre persone e oggetti come gli animali al fine di individuarla. Se identifichiamo che qualcuno si cura più di animali e cose invece che persone però non consideriamo che questo soddisfi il nostro requisito. In stadio iniziale, se vediamo la prova di compassione verso gli animali generalmente (ma non sempre) ne segue che questa persona sarà compassionevole anche verso gli esseri umani.

Rispettabile – Cerchiamo gente rispettabile. Gente che abbia buone maniere, che sia educata e comprensiva. Persone che abbiano considerazione per gli altri, che aspettino il loro turno per parlare, permettendo agli altri di prendere una fetta di torta per primi, facendo beneficenza e comportandosi in maniera dignitosa. La rispettabilità è un tratto attraente perché ci dice che aderirai a certi standard e che ti aspetti anche che noi facciamo lo stesso. Questo è importante perché sappiamo che spesso è indicativo del fatto che quindi è improbabile che rinunci con noi quando le cose si fanno difficili.

Bussola Morale – Preferiamo una persona con una forte bussola morale, qualcuno che porterebbe il portafoglio dalla polizia con il contenuto intatto se lo trovasse per strada o che avvertirebbe il commesso se gli fosse stato dato troppo resto. Questa persona è monogama e fedele e crede che gli altri dovrebbero comportarsi nello stesso modo. Ancora, questo ci dice che è molto più probabile che tu resista una volta che inizierà la svalutazione e il nostro comportamento offenderà la tua bussola morale così si accompagnerà ad una reazione emotiva e quindi a carburante abbondante.

Premuroso – un individuo che si occupa sempre di qualcun altro. Che sia tramite il lavoro per provvedere a noi, mandare avanti la casa in maniera eccellente, prendersi cura di noi quando siamo malati e essere preoccupato per il nostro benessere, il tratto dell’amorevolezza è molto importante e deve essere evidente specialmente nella nostra fonte primaria. Non solo ci dirà che ti prenderai cura di noi ma ci segnala anche che quando inizieremo la svalutazione, vorrai aggiustarci e curarci e quindi continuerai a lottare, provando a fare la cosa giusta. Ci dice anche che possiamo aspettarci notevoli benefici residui da parte tua nei termini di te che ti prendi cura di noi, che ti conformi al nostro punto di vista e a come dovresti essere, sottomesso e obbediente.

H.G. TUDOR

Why The Narcissist Targets You

👤 IL PENSIERO EMOTIVO ACCECA – INSETTI SUL PARABREZZA

191021F Emotional Thinking Blinds – Flies On The Windscreen.png

Sai quanto mi piace guidare la mia macchina. È un veicolo impressionante. È veloce, attraente e dimostra al mondo oltre quanto sono superiore agli altri utenti della strada mentre li sorpasso con la minima pressione sull’acceleratore. Ricoperto in questo involucro metallico, corro da un posto all’altro per svolgere i miei impegni. Raccogliere carburante in questo luogo, assicurarmi che una svalutazione venga distribuita in quel luogo e lasciarmi scivolare dall’altra parte per aprire la portiera del passeggero e tentare di farti salire sul sedile con un sorriso accattivante e una rassicurazione che l’ultima volta è stata uno sbaglio. Ti ricordi l’ultima volta, vero? Quando ti ho portato lungo l’autostrada e poi ti ho scaricato lasciandoti indietro di parecchia strada. Come hai potuto dimenticare? Hai ancora le vesciche e le gambe doloranti, vero? Bene, sali e permettimi di alleviare la tua sofferenza. Prometto che non ti lascerò di nuovo in mezzo all’autostrada, sconvolto e ad affrontare a una lunga passeggiata verso casa. No, mi dispiace per quello. Perché l’ho fatto? Non pensiamo a tutto questo ora, c’è molto da vedere e preferirei mostrarti quanto posso essere buono piuttosto che ripercorrere quella vecchia questione. È successo in passato ed entrambi abbiamo bisogno di andare avanti se faremo questo lavoro. Accarezzo il sedile di pelle in modo invitante mentre tu indugi sulla porta del passeggero. Vi guardi con un misto di desiderio e sicurezza.

“Devi sbrigarti se entrerai, ci sono molti altri che vogliono sedersi lì”, osservo mentre guardo oltre la tua spalla. Ti giri e vedi diverse persone, principalmente donne ma anche alcuni uomini, che avanzano verso di te lungo l’autostrada. Stanno correndo e man mano che si avvicinano, puoi sentirli gridare mentre mi implorano di aspettare. Rimani in piedi per un istante e osservi la folla che si avvicina, agitando le membra mentre si lancia verso di noi.

“Saranno presto addosso te ti getteranno a terra e ti calpesteranno per entrare qui”, avverto.

Questo ti spinge all’azione e sali in macchina, sbattendo la porta e premendo la sicura.

“Vai, vai!” Solleciti mentre la folla piena di ammirazione si avvicina sempre di più. Sorrido tra me mentre premo l’acceleratore e andiamo via lasciando la folla delusa in una nuvola di polvere e gas di scarico mentre ti guardano e io corro via lungo l’autostrada vuota davanti a noi. Mi volto e ti guardo e posso già vedere che ti senti a tuo agio mentre sprofondi nel lusso del sedile del passeggero. Hai fatto scivolare via le scarpe logore e consumate, permettendo ai tuoi piedi doloranti e alle vesciche di affondare nel tappeto spesso che costeggia il tuo lato dell’auto. Ti sento tirare un piccolo sospiro di soddisfazione mentre getti la testa indietro.

“È sempre bello tornare in questa macchina, vero?” Chiedo.

Tu annuisci e allunghi una mano verso di me toccandomi il braccio.

“È un bel giorno,” osservo mentre con la testa faccio un cenno verso il parabrezza. Emetti un piccolo rantolo mentre l’orizzonte annebbiato che esisteva solo pochi istanti fa è in qualche modo svanito e tu stai fissando il cielo azzurro e un sole dorato e fiammeggiante.

“Da dove viene?” Ti chiedi ad alta voce e mi guardi. Non dico nulla ma ti faccio raggiungere la tua conclusione su come tutto sia sempre migliore quando sei con me.

“Hai sete? Sembri disidratata, “commento e faccio cenno a un drink posto in uno dei portabicchieri accanto a te. Lo prendi e succhi il liquido fresco e delizioso dalla cannuccia mentre io continuo a sfrecciare lungo l’autostrada. Tieni gli occhi fuori dalla finestra mentre gli argini che normalmente delimitano l’autostrada e nascondono alla tua visione ciò che c’è oltre sono ora scomparsi. Invece, ti si offre un panorama mozzafiato della campagna ondulata che si estende verso le colline innevate in lontananza. La terra è baciata dalla luce dorata, punteggiata di alberi carichi qua e là, l’intera scena idilliaca e proprio come tu immagini sempre che debba apparire la campagna. È come se potessi leggere i tuoi pensieri e mostrarti ciò che vuoi vedere. L’hai sempre pensato. Sembro avere un sesto senso che mi consente di creare la scena o l’ambiente che ti delizia di più e si accorda con quello che vuoi vedere. Ti è mancato questo quando stavi arrancando lungo quella fredda e grigia autostrada sotto il firmamento plumbeo.

Continui a guardare attraverso il parabrezza, meravigliandoti del paesaggio esterno, della bellezza e della serenità di prendere respiro, nonché dell’assenza di chiunque altro. I tuoi occhi guardano fissi la vasta scena che si sviluppa oltre il parabrezza mentre ti godi il comfort della mia corsa. Così folgorata da ciò che vedi fuori dalla mia auto, non riesci a notare i punti e le macchiette che si formano sul parabrezza. Sei ignara delle mosche che si schiantano contro il vetro, delle loro insignificanti vite cancellate in un istante dal mio avanzare a tale velocità e con tale intento. Gli insetti non mi hanno mai visto arrivare, mentre volano attorno, beatamente inconsapevoli di ciò che stava precipitando verso di loro e li avrebbe annientati in un istante. Sempre più macchie sanguinose ricoprono il parabrezza e ancora non le vedi mentre iniziano ad accumularsi. Continuo a guardarti ma tu sei così folgorata dalla bellezza fuori che il crescente numero di morti sotto il tuo naso passa inosservato. Non attivo il lavaggio del parabrezza né i tergicristalli e preferisco mantenere questa carneficina in piena vista, tuttavia questo ovvio massacro non viene preso in considerazione da te. Mi concedo un piccolo sorriso mentre il mio test conferma ciò che sapevo sarebbe stato. Proprio come una mosca sul parabrezza, hai poca idea di quanto sei vicina a tale pericolo, di quanto la tua esistenza sia in bilico e di quanto ciò sia tutto per me.

H.G. TUDOR

Emotional Thinking Blinds – Flies On The Windscreen

📰 IL NARCISISTA TIENE TUTTO IN FAMIGLIA

2019-10-10

La dinamica narcisistica e gli effetti della nostra specie sono onnipervasivi. Nessuna delle loro vite rimane intoccata da parte nostra. Che si tratti dello sconosciuto a cui sorridiamo in ascensore e da cui riceviamo un sorriso in cambio, guadagnando quindi un pizzico di carburante, dell’amico tenacemente leale che è in soggezione verso di noi e fa tutto ciò che vogliamo oppure dell’innamorata cotta e confusa fonte primaria che abbiamo scartato, noi siamo ovunque. Ci puoi trovare che passeggiamo per casa, nel tuo posto di lavoro, al bar, all’ospedale, nel tuo letto e anche nella tua famiglia.

Molto di ciò che viene scritto riguardo la nostra specie appartiene all’asservimento romantico di una vittima inconsapevole che si innamora pazzamente e profondamente di noi, soffre la crudeltà della svalutazione e poi viene gettata via senza alcuna spiegazione prima di essere recuperata e che il processo ancora una volta ricominci. È così perché questo tipo di dinamica narcisistica è la più devastante per via della forza dei sentimenti, la stretta vicinanza tra narcisista e vittima e il tempo di esposizione.
La scelta dell’obiettivo per essere fonte primaria intima viene considerato come il più ovvio coinvolgimento con la nostra specie e si inserisce nel modello standard di seduzione, svalutazione, scarto e recupero.

Naturalmente, come ho mostrato, c’è molto di più rispetto a questo modello standard, con il periodo della scelta dell’obiettivo, la seduzione iniziale e poi la seduzione del periodo d’oro, la zona sconosciuta, il periodo di tregua e così via. Inoltre, ci sono delle variazioni per quelli che sono  fonti secondarie intime o quelli che si ritrovano Fonti Secondarie Intime Sporco Segreto. Esiste anche la questione del circolo di amicizie interno ed esterno che sono fonti secondarie non intime che godono di un periodo d’oro prolungato e quelli che sono fonti terziarie che potrebbero sperimentare una breve esplosione seduttiva senza periodo d’oro o la cattiveria di un recupero maligno fin dall’inizio. Anche se la metodologia della nostra tipologia ha molte analogie, ci sono anche molte variazioni che dipendono dall’indole della fonte con cui siamo invischiati e questo è altrettanto applicabile alla famiglia.

I membri della famiglia per il narcisista sono quasi sempre fonti secondarie. La maggioranza sono non-intime ma in certi casi ci sono familiari che sono fonti secondarie intime.

Occasionalmente possono esserci situazioni dove un familiare è fonte primaria. Sono rare ma certamente non impossibili. Ripeto, sono quasi sempre non intime ma ci sono anche esempi in cui sono intime. Se il familiare è fonte primaria, c’è una maggior probabilità di rapporti intimi rispetto a quando è una fonte secondaria.

Gli esempi familiari sono vari. Potresti avere un genitore o un nonno narcisista, potrebbe esserlo un fratello, un cugino o tuo figlio i tuoi figli potrebbero essere narcisisti. Le famiglie allargate potrebbero anche essere portatrici di un parente acquisito che è un narcisista. La questione di un membro della famiglia narcisista è molto ampia, con molteplici combinazioni e in questo articolo affronterò alcuni degli aspetti chiave del narcisista in ambito familiare, fornendo una panoramica introduttiva, con articoli successivi che si focalizzeranno su aree specifiche di questa dinamica complessiva.

Nel caso di una relazione non-intima tra narcisista e un parente di sangue non c’è seduzione. Questo perché la relazione familiare ha già creato un legame e un senso del dovere che altrimenti sarebbe creato dalla seduzione. Il narcisista non ha bisogno di stabilire una connessione. In tutte le altre dinamiche con un narcisista, la vittima inizia come completo estraneo o estraneo. Potrebbero rimanere in quel ruolo ed essere sedotte unicamente per la fornitura di una scarica di carburante in un caso isolato o ripetuto. Pensa all’estraneo in ascensore o a qualcuno con cui flirtiamo su internet. Queste persone potrebbero diventare fonti secondarie trasformandosi in un amico o un collega e poi essere promossi a fonte primaria in seguito.
La promozione potrebbe essere rapida ma al fine di attirare la persona inizialmente deve esserci una fase seduttiva. Questo non accade con i membri della famiglia.

• Conosci il narcisista come tuo genitore o nonno e hai stabilito una connessione con loro dalla nascita.
• Conosci il narcisista come tuo figlio e hai stabilito una connessione fin dalla sua nascita.
• Conosci il narcisista come fratello o cugino e hai stabilito una connessione dalla tua nascita o dalla loro, a seconda di chi sia il maggiore.

Questa connessione crea un senso del dovere.

• Come genitore sei obbligato a prenderti cura di tuo figlio;
• Come figlio sei obbligato a stare sotto il controllo del tuo genitore;
• Come fratello o cugino, sei obbligato a stare in contatto con loro per via del legame di sangue.

Quindi il narcisista non ha necessità di sedurre i membri della famiglia per creare il legame. Il legame è già stato creato in quanto appartenenti alla stessa famiglia. Questo risparmia al narcisista molto lavoro.

L’eccezione è quando il narcisista desidera “elevare” la fonte a  fonte secondaria intima o a fonte primaria intima, ossia commettere un incesto e inevitabilmente di natura abusante. Perché accada questo, il narcisista deve intraprendere una seduzione per giungere al rapporto sessuale. Questo coinvolgerà manipolazioni per arrivare a questa costrizione, isolamento da altri membri della famiglia e influenze esterne e il chiaro utilizzo di incentivi e abbondanza di minacce in modo che l’attività incestuosa venga tenuta nascosta.

La dinamica tra un o una familiare narcisista e la sua vittima cadrà in una di queste categorie:

• Un periodo d’oro prolungato dove la vittima viene sempre trattata bene, in modo simile a come viene fatto per una fonte secondaria del circolo interno di amicizie. Questo è quando la vittima familiare viene trattata come fonte secondaria. A queste persone verrà accordato uno status d’oro o favorito. Quindi un fratello sarà il favorito, un figlio sarà il bambino prodigio, un genitore verrà favorito rispetto all’altro, un cugino verrà visto come preferito. La posizione di essere d’oro o preferito non è esclusiva. Per il narcisista è assolutamente ammissibile avere due cugini preferiti, due fratelli preferiti o essere un genitore che ha due bambini d’oro. Ciò che deve sempre avvenire quando c’è uno o più parenti preferiti o dorati, è che ci deve sempre essere un parente che fa da capro espiatorio che sia di “livello” equivalente. Quindi con il bambino o i bambini d’oro, ci sarà un figlio che fa da capro espiatorio, un figlio narcisista potrebbe favorire i propri genitori biologici prendendo come capro espiatorio la matrigna o il patrigno e così via. Questo è necessario perché il narcisista ha bisogno di qualcuno da confrontare per creare il favoritismo. Ricorda, noi vogliamo sempre utilizzare le contrapposizioni (pensare di stare sul piedistallo e poi essere gettato a terra, l’offerta di sesso meraviglioso che poi viene tolto ecc..) perché il contrasto è il catalizzatore per un dramma migliore, per reazioni emotive maggiori e di conseguenza più carburante potente.

• Laddove la vittima di famiglia viene istallata come fonte primaria, sperimenterà una sequenza simile a quella di una fonte primaria non familiare, ossia per iniziare c’è un periodo d’oro ma poi a tempo debito seguirà la svalutazione.

• Una svalutazione prolungata che è interrotta da Periodi di Tregua. È simile allo schema di comportamento conosciuto tra narcisista e fonte primaria. Qui il familiare vittima è sottoposto da parte del narcisista a delle manipolazioni che denigrano e di tanto in tanto sperimenterà sollievo dal suo stato ricevendo un Periodo di Tregua in cui alla vittima viene inferto un periodo d’oro. Però la distinzione qui sta nel fatto che la vittima familiare all’inizio non sperimenta il periodo d’oro. Non ce n’è bisogno dato che non c’è bisogno di sedurla, è già avvenuto tramite il legame familiare che esiste. Questo è quando la persona viene trattata come fonte secondaria familiare. La vittima verrà scelta come capro espiatorio e poi favorita. In questo scenario ci sarà un’indecisione tra due fonti. La fonte A è il bambino d’oro. La fonte B è il capro espiatorio. La fonte A poi diventa il capro espiatorio. La fonte B diventa il bambino d’oro prima che il tutto cambi nuovamente.

• Un periodo prolungato di svalutazione che non ha nessun periodo di tregua, ma la vittima ottiene qualche sollievo dalla svalutazione perché è una fonte secondaria e quindi il narcisista non fa riferimento a questa per il carburante con la stessa frequenza. Durante questi periodi quando il narcisista non sta attingendo il carburante, la vittima viene lasciata in pace. Però non c’è alcun comportamento positivo verso la vittima (come invece avviene quando c’è il Periodo di Tregua). Questo accade tipicamente tra narcisista adulto e vittima familiare adulta perché non vivono insieme e perché la vittima è una fonte secondaria, quindi il narcisista non fa richiesta quotidiana di carburante negativo contro la vittima. Comunque, qualunque sia l’interazione tra narcisista e vittima è sempre di natura negativa, la vittima è scelta come eterna pecora nera della famiglia, è sempre il capro espiatorio.

Una fonte primaria familiare subisce raramente lo scarto ma potrebbe essere retrocessa a fonte secondaria, nel momento in cui il narcisista si assicura una fonte primaria al di fuori della famiglia.

Una fonte secondaria familiare viene raramente scartata. Se assume dei comportamenti che sono visti come traditori e sleali da parte del narcisista, invece di scaricare la persona (cosa improbabile dato il legame familiare) la manterranno come eterno capro espiatorio.

Se una fonte familiare primaria o secondaria prova a scappare dal narcisista allora vi saranno dei recuperi che utilizzano le dinamiche familiari (altri membri della famiglia accondiscenderanno prontamente a diventare Luogotenenti- complici fedeli del narcisista) al fine di riportare l’individuo sotto il controllo del narcisista. La fuga solitamente è molto difficile per la vittima per via del fatto che il legame familiare esistente è particolarmente pesante per la vittima nei termini di colpa, desiderio di aiutare e senso del dovere verso i propri parenti.

I narcisisti utilizzano regolarmente Luogotenenti che fanno parte della famiglia ed è rarissimo trovare un narcisista che non ne abbia almeno uno. Questo potrebbe essere l’altro genitore laddove il figlio sia narcisista oppure se uno dei genitori è narcisista, potrebbe essere tra i fratelli (specialmente se gli è stato accordato lo status di bambino d’oro) che viene usato nella triangolazione con la vittima capro espiatorio.

I membri della famiglia sono quasi sempre membri significativi della facciata. Questo perché sono in negazione riguardo al comportamento del familiare, incapaci di accettare che un legame di sangue possa agire in tale maniera, preferendo non affrontare il comportamento, per diluirne gli effetti e minimizzarlo.

Questi sono solo alcuni degli elementi chiave della dinamica familiare narcisista e vari elementi e settori di questo verranno spiegati in dettaglio e analizzati a tempo debito.

H.G. TUDOR

The Narcissist Keeps It In The Family

🎗LA MARCIA DELLE TRUFFE AMOROSE

THE-MARCH-OF-THE

Sei morto nel momento in cui mi hai incontrato.

La mia specie è impegnata in un massacro su vasta scala. Un massacro quotidiano. E nessuno ci sta fermando.

Questi massacri non sono morti in senso letterale. No, per il modo in cui ti lascio credo che tu possa effettivamente preferire di essere morto per porre fine al dolore. Il dolore spietato e la sofferenza che ti infliggerò. Ciò che uccido è la tua fiducia, la tua autostima e il tuo senso del valore. Dilapido le tue finanze, cancello le tue amicizie, distruggo la tua sanità mentale e spingo un pugnale gelido e freddo attraverso il tuo stesso essere. Vedi, le persone come te sono orgogliose di essere oneste, buone e comprensive. Questo è ciò che ti rende così attraente per me. Questo è ciò che rende il massacro ancora più totale.

Puoi pensare che io sia un essere umano schifoso e che mi renda conto delle conseguenze del mio comportamento. Per alcuni della mia specie è così e per altri no. Alcuni della mia specie non hanno consapevolezza di ciò che sono e credono che ciò che fanno è semplicemnte ciò che dev’esser fatto. Altri della mia specie sanno esattamente cosa fanno. Io non sono preoccupato di come ti senti. Non ho alcun interesse per la tua reazione a ciò che faccio. Tutto ciò su cui sono concentrato è ciò che la tua reazione emotiva fa per me.

La gente è stupida. Ha bisogno di tutto per essere etichettata, per essere categorizzata e classificata. Ha bisogno di grandi insegne al neon lampeggianti che le dicano come sono le persone, perché è troppo idiota o pigra per cercare di scoprirlo da sola. Vedi l’uomo con un impermeabile sporco con i capelli spettinati che gironzola intorno al parco giochi dei bambini? È un molestatore di bambini. Guarda laggiù l’uomo con una maglietta a righe e una borsa con sopra la scritta ‘Refurtiva’. Lui è un ladro. E che mi dici della signora con indumenti sporchi e macchiati di pipì, che borbotta tra sé e sé cercando di dar da mangiare ai piccioni sulle statue? Oh lei è una pazza. Questo è ciò che le persone si aspettano di vedere. Chiedete a chiunque di disegnare un’immagine di un assassino e novantanove volte su cento, disegneranno un uomo dall’aspetto folle, vestito di nero, con un coltello o una pistola. Non ritrarrranno il loro coniuge o un loro parente. Chiedete a una persona dov’è più probabile trovare uno stupratore e risponderà che sarà in agguato dietro un cespuglio vicino alla metropolitana pronto a balzare su un estraneo. Quello che non farà è indicare il suo ragazzo seduto accanto a lei a guardare la televisione.

Ed è qui che sta il problema. Ti aspetti di essere in grado di riconoscere quelli che ti causeranno danni in modo così palese. Non è così. C’è una ragione per cui quelle persone pericolose sono in grado di far del male nel modo in cui lo fanno. È perché sono tutti attorno a te. Sono seduti accanto a te nella tua auto. Stanno con te al distributore di bevande o nell’ascensore. Ti parlano ai cancelli della scuola o ti servono il caffè ogni giorno. Essi permeano la società. Questo è ciò che li rende così efficaci. La capacità di mimetizzarsi e celarsi alla luce del sole. Quante volte hai sentito il vicino intervistato per l’orribile omicidio di una famiglia da parte del padre dire,
“Sembrava sempre così amichevole e felice.”

O.

“È sempre stato molto riservato.”

O.

“Era un uomo tranquillo. Non ho mai pensato che avesse questo dentro.”

O la mia preferita.

“Non ti aspetti che queste cose accadano anche qui, vero? Pensi sempre che non poteva succedere qui.”

Queste persone appaiono innocue in quanto sono così normali e in sintonia con l’ambiente circostante. Hanno mascherato ciò che si cela sotto. Queste persone, i trafficanti di droga, gli assassini e i molestatori erano normali. Erano loro stessi e non facevano alcuno sforzo per nascondersi o per essere diversi.

Questo è ciò che mi rende così pericoloso. Faccio un tentativo consapevole di confondermi con quelli che mi circondano. Sono un muta-forma. Assumo le caratteristiche delle mie vittime, rispecchiando ciò che amano e apprezzano. Divento ciò che vuoi che io sia. Hai sempre desiderato incontrare l’imprenditore di successo. Io sono lui. Che ne dici del bravo compagno di libri che ama il teatro e alcuni circoli amatoriali? Posso essere anche lui. Ami semplicemente le persone che hanno viaggiato molto? Lascia che ti dica tutto del mio tour mondiale durato un anno. Rock duro? Fatto. Cantante? Do Re Mi Fa Sol La Si Do. Uomo di famiglia? Nessun problema. Mi trasformerò e plasmerò in una persona con questi ideali e così facendo avvolgerò i miei viticci intorno a te con insidiosa facilità e ti attirerò nel pieno orrore del mio mondo.

Non sei in grado di vedermi arrivare. Mi nascondo dietro mille maschere. Le persone cattive che ho descritto in precedenza non fanno alcun vero sforzo per inserirsi nel tuo mondo. Sono già lì. Fanno parte della tua vita quotidiana e sei sfortunato che ti è capitato di trovarti vicino a loro quando hanno colpito. Io sono completamente diverso. Sono venuto dopo di te. Ti ho designato come mia preda e ti ho girato attorno, preparandomi a colpire. Mi dedico a sotterfugi per migliorare i miei obiettivi e consentire a me stesso di scivolare dentro e fuori dalla vita delle persone con viscida facilità. Compaio all’improvviso. Oh, ci può essere una sorta di rapporto esistente, certo, ma fa tutto parte della preparazione. Quando entro davvero nella tua vita lo faccio in un tripudio di gloria squisitamente disorientante che ti ha fatto metter radici sul posto mentre ti soffocava sempre di più, tale è la natura coinvolgente del mio comportamento.

Tutto il mio lavoro viene fatto prima di coinvolgerti. Questo è il motivo per cui la tua esecuzione avviene nel momento in cui ci incontriamo. Tutto ciò che segue sono semplicemente i tuoi spasmi mortali prolungati e credimi che mi piace farli uscire per ottenere il massimo effetto. Faccio persino finta di provare a rianimarti di tanto in tanto. Questo è solo uno stratagemma per permettermi di succhiare più vita da te. Potresti considerarlo perverso. Non mi interessa Finché sono in grado di nutrirmi, questo è tutto ciò che mi interessa. Devo nutrirmi. Ogni singolo momento provare a placare questa fame insaziabile che infuria dentro di me. Penso che la fame possa essere soddisfatta, ma in qualche modo non sembra mai essere così.

Quindi il mio massacro va avanti ancora e ancora. Accumulando vittima dopo vittima e il bello di tutto questo è che semplicemente mi infilo un’altra maschera e mi dileguo per trovare un altro sfortunato. Mi allontano lasciando il caos e la distruzione sulla mia strada ma non mi guardo mai le spalle.

Dovresti temermi? Decisamente. Purtroppo, per te, non sai cosa cercare perché non vengo nella tua vita dandoti un avvertimento. Una volta che ti ho ucciso emotivamente, solo allora potrai riconoscere il pericolo una seconda volta, ma ovviamente, a quel punto il danno è fatto. Sorprendentemente, alcuni di voi ci ricascano. Incredibile vero? A volte è con me o qualche volta con un altro della mia specie. L’effetto è lo stesso comunque. Un’altra morte straziante.

Il bello di tutto questo è che nessuno può toccarmi. Coloro che possono tentare di presentare contro di me una denuncia per reati penali di solito falliscono. O non lo faranno perché mi amano ancora, o perché in qualche modo pensano di potermi salvare e piuttosto faranno questo. Ci sono altri che sono così distrutti che incolpano loro stessi e non me. Altri ancora sono così completamente devastati da non avere la forza di agire. I pochi che non cadono a queste difficoltà capiscono presto che il mio fascino innato, la mia miriade di menzogne e i poteri irresistibili di persuasione implicano che in realtà far valere la legge criminale su me è quasi impossibile. È più che giusto. Le leggi non sono fatte per me.

Tutto questo significa che quasi nessuno riconosce la mia specie quando ti scegliamo per la prima volta. Perchè dovresti? Non portiamo alcun marchio o etichetta. Non appariamo come qualche stereotipo. Non sembriamo abusanti, ma che aspetto hanno gli abusanti? Sembrano come me. Come lui. Come lei. Quell’uomo seduto di fronte a te sul treno nel suo abito che legge un giornale di alto livello. La direttrice che fa l’uncinetto tutto il giorno ed è una devota cristiana. L’abusatore sembra essere il muratore che butta giù il suo litro di birra prima di tornare a casa. Sembra il vicino tranquillo. L’adolescente timido. Il serio insegnante di musica. Lo zio socievole. Lui. Lei. Loro. Non ci vedrai arrivare. Non hai avuto scampo. La società sbaglia ripetutamente a identificare ciò che siamo e come operiamo. Sottolinea ciò che facciamo con una serie di eufemismi e descrizioni confuse perché la gente non può accettare che qualcuno che si comporta così bene con loro possa anche essere così orribile. Eppure, questo è esattamente il modo in cui operiamo. Ti fideresti di qualcuno che ti ha preso a pugni in faccia quando ti ha incontrato per la prima volta? Ovviamente no. Ma ti fideresti di lui dopo tre anni di matrimonio prima che arrivasse il primo pugno, vero? Non ti fideresti del truffatore se rubasse diecimila sterline al suo primo giorno di lavoro, ma dopo cinque anni di servizio solido e leale non penseresti mai che stava falsificando firme e deviando fondi sul suo conto in banca personale. La società e le persone sono troppo pronte a mettere etichette che riducono l’impatto di ciò che facciamo e di ciò che siamo. Puoi attestare l’orrendo danno che facciamo, conosci meglio di chiunque altro l’impatto che abbiamo e tuttavia devi ascoltare le persone che parlano di come è “incompreso”, “sotto pressione”, “normalmente non così”,”Deve essere stato provocato”. Queste persone animate dalle migliori intenzioni causano danni considerevoli come gli apologeti ignoranti per la carneficina che scateniamo.

Ora sai cosa siamo, puoi identificarci con facilità. Ora puoi ripensare a tutte le persone con cui hai interagito e ora ci vedi come se fossimo stati dipinti di rosso fuoco. Il tuo collega al lavoro. Il cliente “difficile”. Tua madre. Tuo fratello. Quell’amico che è stato arrabbiato con te per una settimana e poi la volta dopo ti ha adulato. Gli amanti. Le celebrità. I politici. Sempre più persone della nostra tipologia vengono identificati da te e tuttavia siamo ancora in grado di fare ciò che vogliamo e passare alla prossima vittima ignara. La società non ci identifica. La società non capisce cosa siamo. La società è assolutamente inefficace nell’affrontarci. I nostri numeri stanno crescendo e il nostro impatto devastante sulla vita di tutti coloro che intrappoliamo (e non è mai solo una persona giusto) cresce ma cosa si sta facendo? I politici ci conoscono (salvo quando si guardano allo specchio)? I poliziotti capiscono cosa siamo? Le infermiere? Gli assistenti sociali? I giudici? L’autorità giudiziaria ha nominato uno psichiatra? La giuria? I vicini? Gli insegnanti? I funzionari del governo locale? Tutti quelli che potrebbero essere in grado di fare qualcosa per affrontare ciò che siamo raramente sanno cosa siamo, e ciò porta a una maggiore frustrazione per te e al continuo avanzamento dei nostri programmi.

Nessuno ci sta fermando.

Che cosa hai intenzione di fare al riguardo?

H.G. TUDOR

The March of the LoveFrauds

📑 COME IL NARCISISTA SVALUTA VITTIME DIFFERENTI

HOW-THE-NARCISSIST-DEVALUES-DIFFERENT-VICTIMS

Svalutazione.

Questo periodo della dinamica narcisistica è considerato da sempre parte della dinamica e comprensibilmente la parte peggiore di essa. Quelli che la considerano una parte sempre presente della dinamica, tuttavia, stanno sopravvalutando la sua presenza perché la svalutazione appare in misura minima e se lo fa, come si manifesterà, dipende molto dalla natura della dinamica con i nostri apparecchi.

Partendo con la Fonte Terziaria, la maggior parte delle volte i nostri impegni con le fonti terziarie non includono alcuna svalutazione. Ci sono due ragioni principali per questo: –

1. L’impegno è breve. Ci impegniamo con la Fonte Terziaria una volta, per un breve periodo e mai più oppure ci impegniamo con essa ripetutamente ma sempre solo con modalità limitata; e
2. Le necessità di mantenere la facciata implicano che impegnarsi con la Fonte Terziaria in modo benevolo è il metodo più efficace per andare avanti.

Succede tuttavia che le Fonti Terziarie siano svalutate. Saranno insultate, ignorate, triangolate con altre fonti di livello superiore. Questa svalutazione potrebbe essere dovuta al fatto che la Fonte Terziaria ha innescato la nostra rabbia (per esempio un barista che non serve noi prima di qualcun altro), ma la svalutazione potrebbe verificarsi semplicemente perché la consideriamo una risposta opportuna. Ad esempio, se vediamo che riversare disprezzo su un senzatetto per strada o insultare la cameriera in un bar attirerebbe il divertimento o l’ammirazione dei nostri amici (Fonti Secondarie Non Intime). Nessuna di queste persone ci avrà necessariamente criticato ma le consideriamo sacrificabili e svalutandole ne ricaviamo carburante negativo e carburante positivo da altre fonti.

Qualsiasi svalutazione di una Fonte Terziaria è di breve durata. È un fiotto di carburante negativo ma non è di enorme potenza (anzi l’ammirazione che fa scaturire dalla fonte secondaria o primaria è più potente) rispetto ad altre fonti e la quantità di carburante fornita è bassa. Questo perché la Fonte Terziaria non sarà legata a noi e quindi, dopo un periodo di tempo di risposte che forniscono carburante negativo, la Fonte Terziaria molto spesso si dis-impegnerà.

Il periodo di svalutazione per una Fonte Terziaria può essere inferiore a un minuto se fornisce carburante negativo e poi si ritira. Ovviamente se continua ad attaccarci e fornire Carburante di Sfida, continueremo a provocarla e anche a rivendicare il nostro senso di superiorità su di lei al fine di metterla al suo posto. Ovviamente non possiamo nemmeno avere una nuova fonte terziaria che ci fa sembrare cattivi di fronte ad altre fonti superiori. È improbabile che continuiamo a “inseguire” la Fonte Terziaria. Infatti, se rimproveriamo un cameriere e lui si ritira in cucina, è improbabile che lo seguiamo e continuiamo la svalutazione. Invece, prendiamo il combustibile negativo dalla sua reazione arrabbiata e lasciamo che si ritiri. Consideriamo molto al di sotto di noi continuare a insistere su un individuo del genere. Ovviamente, se il cameriere tornerà da noi, lo svaluteremo di nuovo e continueremo a farlo finché continuerà a comparire davanti a noi.

È improbabile che la Fonte Terziaria venga diffamata in conseguenza di questa svalutazione perché in definitiva all’interno della nostra matrice di carburante la Fonte Terziaria non ha un’importanza significativa, perciò non vale la pena spendere energia e tempo per diffamarla.

Potremmo incontrare questa Fonte Terziaria in un’altra occasione e provocarla di nuovo o possiamo interagire con lei in modo benevolo. A noi non importa come l’abbiamo trattata nell’interazione precedente in quanto operiamo una compartimentazione.

Per quanto riguarda le fonti secondarie, la svalutazione avviene, ma se e quando succede, è per una ragione direttamente collegata al comportamento della fonte secondaria.

Se si tratta di una fonte secondaria non intima, quindi un membro della famiglia, un amico o un collega, di solito godono di un periodo d’oro prolungato. La svalutazione della fonte secondaria avverrà solo laddove quell’individuo ha cercato di esporci, ci ha provocato ampiamente o ha completamente cessato la fornitura di carburante. La svalutazione sarà più lunga di quella della Fonte Terziaria perché la fonte secondaria sarà legata più strettamente a noi. Questo legame sarà una conseguenza della natura della relazione – la persona è nella nostra cerchia sociale insieme ad altre persone, lavora con noi o è nella nostra cerchia familiare – ma anche perché avremo fatto più sforzi per legarla a noi. Di conseguenza, è meno probabile che la fonte secondaria si ritiri come farebbe una Fonte Terziaria. Invece, è più probabile che la fonte secondaria voglia provare a capire perché viene trattata in questo modo, a cercare di riconciliarsi e ottenere il nostro favore ancora una volta. Talvolta questa svalutazione si verifica come conseguenza del bisogno di inviare un segnale ad altre fonti secondarie che non devono scavalcarci così che si rendano conto che è preferibile rimanerci fedeli piuttosto che scavalcarci in qualche modo.

La fonte secondaria che viene svalutata rischia di essere diffamata da noi. Vogliamo che altre fonti secondarie della stessa cerchia o dello stesso tipo si rivoltino contro la fonte secondaria svalutata e completino il suo isolamento e la ostracizzino. Siamo consapevoli che dobbiamo mantenere la facciata e quindi cercheremo di fornire una ragione per cui questa fonte secondaria ci è caduta di grazia, non viene più invitata, non è gradita in certe riunioni e così via.

Il periodo di svalutazione per una fonte secondaria varia in base all’impegno effettivo e al periodo in cui la persona è considerata “nera”. Se la fonte secondaria vuole parlare con noi per scoprire perché viene trattata in questo modo, continueremo a svalutarla di modo che potrebbe essere questione di minuti o di un paio d’ore. Se resta vicina a noi e continua a fornire carburante negativo, continueremo a svalutarla e provocarla. Se si ritira e cerca di coinvolgerci in un’altra occasione, resterà “nera” finché non fa qualcosa (o sopravviene un atto esterno) che la induce a considerarla “bianca” e la accogliamo di nuovo all’ovile. Ad esempio, se la fonte secondaria cerca il perdono e ha un beneficio residuo che desideriamo, estenderemo la nostra benevolenza ad ammetterla nuovamente nel ruolo pertinente. Se non vediamo uno scopo diverso dal carburante negativo, allora rimane dipinta di “nero” e ci disimpegnremo da lei e la rimpiazzeremo abbastanza presto.

In alcuni casi la fonte secondaria può disimpegnarsi e non avere più nulla a che fare con noi, quindi un amico non socializza mai con noi, il familiare si ritira o il collega cambia posto di lavoro o dipartimento. A volte può non avere questa possibilità e in quel caso rimane per noi un capro espiatorio, rimanendo “nera” per anni e viene ulteriormente svalutata ogni volta che c’è qualche interazione con noi. Quindi, ogni volta che c’è un incontro di famiglia, sarà soggetta a commenti sprezzanti, a triangolazioni o trattamenti del silenzio. Naturalmente, questa svalutazione prolungata potrebbe essere intermittente, poiché potremmo vedere questa fonte secondaria solo in determinate occasioni o luoghi. Come per la fonte terziaria raramente continueremo a cercare la fonte secondaria per svalutarla.

Se la fonte secondaria è di tipo intimo, o una IPSS o una DSIPSS, allora la dinamica cambia. Vi sono due potenziali forme di svalutazione.

La prima è utilizzata come misura correttiva per riportare in riga la IPSS o la DSIPSS. La svalutazione e il disimpegno non sono una certezza, ma se la IPSS o la DSIPSS rispondono favorevolmente a questo “avvertimento”, allora la svalutazione cessa e il periodo d’oro continua. Questo perché il carburante IPSS o DSIPSS è considerato ancora valido e non stantio e la svalutazione viene utilizzata perché non si comportano come dovrebbero. Questa svalutazione correttiva li riporta in riga e quindi la svalutazione correttiva si interrompe.

La seconda è quando la IPSS o la DSIPSS non rispondono all’avvertimento e quindi significa che ora il loro errore e tradimento deve essere punito mentre ci dirigiamo verso il disimpegno. La svalutazione in questo caso sarà più intensa della svalutazione correttiva, ma non durerà a lungo perché la IPSS o la DSIPSS restano fuori dai piedi o se non lo fanno, vogliamo passare a una IPSS o DSIPSS diverso (o trovarne una nuova) e quindi il disimpegno arriva velocemente.

Infine c’è la IPPS. La fonte primaria del partner intimo è la persona che subisce la svalutazione più lunga, la svalutazione più dura ed è quella riconosciuta dalla maggior parte delle persone. Questo succede perché

1. Hai promesso di essere L’Unico. La tua incapacità di vivere secondo i nostri ideali significa che devi essere punito, non ti lasceremo scappare facilmente;
2. Il tuo carburante negativo è potente, abbondante e frequente e quindi vogliamo continuare a estrarlo da te;
3. Questo carburante negativo fornisce anche il contrasto e la motivazione per la seduzione della tua potenziale sostituta da parte nostra;
4. Sei legato a noi e quindi hai meno probabilità di ritirarti. Questo legame è sia emotivo che non emotivo. Emotivamente nasce perché vuoi tornare al periodo d’oro, vuoi mettere tutto a posto, sei un devoto d’amore e vuoi che l’amore trionfi, potresti essere co-dipendente, non vuoi ammettere la sconfitta e sei dipendente da noi. I non emotivi riguardano questioni come le finanze, i bambini, la casa, le pressioni familiari e così via. La combinazione di questi fattori significa che ti aggrappi a noi, e poiché con ogni probabilità vivi con noi la tua svalutazione avviene ogni giorno;
5. Ti concediamo Periodi di Tregua. Ciò avviene all’interno del Periodo di svalutazione e significa che ti viene data una speranza rinnovata (in questo modo resti fedele) e significa anche che il vostro potenziale per diventare insensibile e indifferente è ridotto da questi periodi che ti consentono di raccogliere nuovamente forza;
La IPPS può essere l’unica persona nella nostra matrice di carburante che viene svalutata e questa di solito avviene a porte chiuse per preservare la facciata, quindi c’è meno probabilità che interferenze esterne interrompano la svalutazione.

La svalutazione della IPPS è la più brutale tra tutte le svalutazioni degli apparecchi, è quella che continua più a lungo, può durare anni, persino decenni in alcuni casi e con questa svalutazione arriva tutta una serie di manipolazioni e abusi che riguardano il lato emotivo, finanziario, sessuale e fisico.

H.G. TUDOR

How The Narcissist Devalues Different Victims