📰 LA TERAPIA

79180006_118412076295875_9062029614695579648_n.jpg

Noi non abbiamo bisogno di terapie. La risposta al perché è così è semplice. Non c’è nulla che non va in noi.
Occasionalmente possiamo essere costretti a sottoporci a un trattamento ma è un’altra storia. Non sentiamo l’impulso a sottoporci volontariamente all’analisi e terapia perché non c’è niente che non va in noi. Sì, sappiamo che il nostro modo di trattare le altre persone è spesso spiacevole e ha notevoli lati negativi per quelli che ne sono vittime ma questo ancora non rappresenta una buona ragione per cui dobbiamo avere bisogno di una qualche forma di assistenza. Il modo in cui ci comportiamo è il modo in cui ci comportiamo. Fattene una ragione. Non possiamo trattenerci dall’agire in questo modo perché è il modo in cui siamo stati progettati. Noi dobbiamo ottenere il nostro prezioso carburante e se questo significa prendercela con qualcuno e ferire gli altri, emozionalmente e fisicamente allora questo è il prezzo che deve essere pagato. Da te.

Devi inoltre ricordare che dato che non abbiamo il concetto di empatia, quando vediamo che il nostro comportamento danneggia gli altri non ci influenza. Non ci sentiamo colpevoli, non proviamo vergogna per ciò che abbiamo fatto e non sentiamo il bisogno di porre rimedio al danno ingiurioso che abbiamo fatto agli altri. Questo è il nostro modus operandi e non può essere cambiato. Aggiungi la nostra assenza di rimorso e avrai due grandi ragioni per cui non andremo nella direzione di farci curare per cambiare il nostro atteggiamento.

Naturalmente, ci saranno volte in cui parleremo della possibilità di andare in terapia

“Ho bisogno di aiuto. Adesso lo so. Tu sei l’unica che può farlo.”

“Se cercherò assistenza per questa terribile malattia, resterai e mi aiuterai?”

“Non so perché lo faccio, forse ho bisogno di aiuto. Mi aiuterai?”

“Cambierò, andrò a farmi visitare da qualcuno, solo non lasciarmi, ti prego”

Sono tutte promesse vuote. Ricorda, le parole ci vengono facili. Facciamo penzolare queste carote di penitenza e comprensione per farti fare ciò che vogliamo. Una volta che siamo al sicuro e tu provi a riscuotere l’assegno che abbiamo firmato scopri che non solo la banca è stata chiusa ma rasa al suolo. Non è solo la questione che non ci sia nessuno da cui incassare, non c’è un luogo dove si possa farlo.

La terapia è per i deboli e gli stupidi. Sottoporsi ad essa è un’ammissione di debolezza. Nei rari casi in cui accada, è solo per permetterci di ottenere qualcosa che vogliamo o vogliamo evitare che ci succeda qualcosa di drastico e quindi riteniamo che la contropartita valga la pena. Lo facciamo nella certezza che qualsiasi trattamento non avrà effetti perchè:

1. Usiamo le nostre arti subdole manipolative per ingannare la persona che ci tratta che arriva alla conclusione che non c’è niente che non vada in noi.
2. Trascorriamo il tempo provando a sedurre il terapista e questo può funzionare o se sopravvive alla nostra manipolazione è comunque forzato ad interrompere le sedute.
3. Non vogliamo cambiare e vediamo le azioni del terapista come una sfida diretta che dobbiamo contrastare. La nostra energia è canalizzata nel frustrare e sconfiggere lui o lei e non nell’applicarci al trattamento.
4. Consideriamo la terapia come una fonte di carburante.

Il risultato è che è inutile. La realtà è che solo quelli che sono impegnati con noi sono gli unici che finiscono per aver bisogno di una terapia. Spesso accade che la nostra condotta sconcertante e disorientante verso di te ti porti a non sapere più dove sbattere la testa. Hai bisogno di risposte e se sei fortunato, capiti da un professionista che abbia una conoscenza approfondita della nostra tipologia. Sono capaci di illuminarti su ciò che hai passato, favorire la tua comprensione e tenerti la mano mentre passi nel difficile e doloroso momento della liberazione dalla nostra morsa. Tu sei benedetta dalla comprensione intuitiva attraverso questo trattamento.
In certi casi, l’abuso che somministriamo è tale da danneggiare seriamente il destinatario e quindi la terapia è necessaria per gestire i sintomi del nostro comportamento verso di te. Le ripercussioni su di te sono serie e hanno effetti a lungo termine.
Noi non abbiamo bisogno di terapie, tu sì. Nell’andare in terapia spesso realizzi per la prima volta cosa hai incontrato e a cosa sei stata sottoposta.

H.G. TUDOR

The Treatment

👤 LE GIOIE DELLA TERAPIA E IL NARCISISTA

190921B The Joys of Therapy and the Narcissist.jpg

È un fatto riconosciuto che non ci vedi mai arrivare. Siamo creature insidiose e pervasive. È stupefacente che non veniamo visti perché difficilmente arriviamo in silenzio. Siamo presenti con grandi fanfare, fuochi d’artificio, luci lampeggianti e suoni sinfonici. Non puoi perderti noi ma ovviamente tutto questo oscura ciò che siamo veramente. Anche quando le nostre vere intenzioni cominciano a manifestarsi, non riconosci ancora ciò che siamo. Ci sono quelli di voi che ci incontrano una volta e poi cadono in preda una seconda o anche una terza volta, questo è il modo in cui ci addentriamo nelle vostre vite. Non sai mai chi siamo quando entriamo per la prima volta nella tua vita e spesso non te ne rendi conto fino a qualche anno dopo quello che ti è successo. Alcuni non raggiungono mai l’illuminazione. Tutto ciò che facciamo è progettato per ingannare. Siamo avvolti nell’inganno, traspare da noi e fa scomparire tutto ciò che ci circonda, ma raramente tu vedi tutto ciò. Siamo maestri dell’inganno, mascherati e ammantati, le nostre vere intenzioni nascoste dietro una patina di adulazione e un muro di manipolazione. Sappiamo che dai la colpa a te stesso quando finalmente realizzi con chi hai danzato. Siamo consapevoli che vedi tutto ciò troppo chiaramente dopo l’evento e incolpi ripetutamente te stesso. Davvero non dovresti essere così duro con te stesso, non hai mai avuto una possibilità. Non sei solo te che non riesci a penetrare il nostro velo di segretezza, spesso anche i cosiddetti professionisti falliscono. Se non possono vederci loro, tu puoi essere perdonato per questo, vero?

C’è un esercito di terapisti, medici, consulenti, allenatori della vita e così via. Chiamali come vuoi e, per tutta la loro brillantezza accademica, le loro parole rassicuranti e la presunta intuizione, vi sono molti (anche se non tutti, ammettiamolo) che non sono in grado neanche di rilevarli. Non hanno sperimentato quello che hai sperimentato tu e quindi possono parlare solo da una posizione di conoscenza appresa, piuttosto che vissuta. Molti della nostra specie non hanno mai avuto alcuna interazione con queste persone, dal momento che rifiutiamo di riconoscere che c’è qualcosa di sbagliato in noi e ancora meno vediamo il bisogno di essere sottoposti a questo scrutinio. Ciò riduce le prospettive per questi professionisti di ottenere una comprensione adeguata. Inoltre, nelle occasioni in cui potrebbe capitare loro di avere uno della nostra specie nel loro studio, facciamo tutto ciò che è nel nostro ampio potere carismatico per convincerli che non solo non c’è nulla di sbagliato in noi, ma siamo noi le vittime di un vile comportamento proprio da parte della persona che ci ha costretti ad andare da questo strizzacervelli. Di conseguenza, le loro opportunità di capirci e imparare da noi sono limitate e questo a sua volta ci consente di continuare senza ostacoli nelle nostre macchinazioni.

Prima dei bravi dottori che sembrano almeno sapere quello che stanno facendo, ho allegramente frequentato le sedute con i terapeuti e il loro genere in cinque occasioni. Come potrei rinunciare a una così succulenta opportunità di raccogliere più carburante da questo nuovo avvento e anche da te. In un primo momento resistevo a qualsiasi tentativo di entrare in questa arena della psicoanalisi, puramente per aumentare la tua sofferenza, il dolore e la frustrazione. Alla fine, e spesso quando percepivo il rischio che tu potessi volontariamente minacciare la mia fornitura di carburante, acconsentivo a partecipare. Mi sono preparato in anticipo mentre selezionavo tutti gli strumenti di fascino e adulazione dal mio Armamentario del Diavolo. Oh, quanto mi sono piaciute quelle sessioni. La mia altra metà avrebbe sempre pagato per queste, quindi c’è stato un sacco di carburante da subito e assaporai l’opportunità di dimostrare loro la mia natura amabile e affascinante. In queste sessioni con terapeuti e simili ho sempre adottato una doppia strategia. Fascino da un lato e plausibile negabilità dall’altro.

Mi presentavo nel posto giusto, in anticipo, rilassato e non vedevo l’ora di poter dire a qualcuno tutto di me per un’ora e pagato da te. Ero piacevole, coinvolgente e consideravo il tempo come una chiacchierata con il caminetto mentre parlavo bene della mia altra metà, dei miei amici, del mio lavoro e dei miei risultati. Parlavo anche di alcuni dei miei interessi, in particolare film, e chiedevo sempre all’altra persona dei suoi film preferiti. Non mi hanno mai rifiutato una risposta. La prima sessione è stata sempre un gioco da ragazzi dal momento che tergiversavo finché scadeva il tempo. Continuavo a farlo in ogni sessione e spesso mi permettevano di parlare e parlare. Potevano tentare di indirizzare la conversazione su qualcosa di rilevante per il mio comportamento e io lo riportavo su qualcos’altro. Il primo consigliere che ho visto ha ammesso dopo cinque sessioni che non c’era nulla di cui discutere molto, con gioia mia e sgomento della fidanzata di allora.

Diventava una sfida ogni volta che si presentava la questione dell’aiuto, della terapia o del trattamento. Volevo andare avanti e tirare fuori il carburante positivo dal terapeuta e poi attingere carburante negativo da chiunque avesse insistito per farmi partecipare.

“Sì sta andando bene, veramente abbiamo solo fatto una chiacchierata. È proprio molto amichevole.”

“È chiaro che mi apprezza dal momento che ride sempre alle mie battute”.

“Sapevi che tifa per la mia stessa squadra di calcio? Si siede anche alla stessa postazione.”

“Non ho il permesso di parlartene.”

L’ultima è una delle preferite in quanto la pseudo-riservatezza che applico alla situazione ti frustra e ti irrita perché, dopo tutto, tu devi sapere perché vuoi aiutare e dato che non ti diciamo nulla in base alle istruzioni impartite dal terapeuta il tuo disorientamento e la tua frustrazione aumentano.

Laddove il mio avversario ha insistito sul problema, mi ha chiesto e ha continuato a chiedermi dei presunti comportamenti che tu gli hai spiegato in precedenza, io sono sempre in grado di portare questo dubbio nella conversazione che indebolisce ogni tentativo di identificare ciò che sono veramente. È ridicolo. Quando ti ho intrappolato per la prima volta non ti mostro i miei veri colori, quindi pensi che mi comporterei diversamente con qualcuno che sta cercando di intrappolarmi e di inchiodarmi? Ovviamente no. Il catalogo del comportamento al di fuori degli impegni normativi mi viene riconsegnato e sono in grado di occuparmi di tutto. Sono una persona abbastanza astuta da rendermi conto che una spudorata smentita sembrerà evasiva e potrebbe allertare il mio esaminatore. Invece, giustifico il presupposto problema.

“Sì ammetto che a volte mi fa perdere la pazienza ma a chi non succede? Lavoro per molte ore e divento un po’ irritabile a volte, so che non dovrei, solo che sono umano, no?”

“È piuttosto sensibile, quindi tende ad esagerare. Ha passato un brutto periodo col suo ultimo ragazzo come vedi. Cerco di essere di supporto ma può essere difficile perché lei vede così tante cose allo stesso modo di quando stava con lui. Non la biasimo, solo che a volte è difficile trattare con me, sono sicuro che tu sai cosa intendo, per esempio c’è stata una volta …”

“Abbiamo una relazione appassionata quindi ci sono momenti negativi e positivi. C’è molta energia passionale tra di noi e a volte ci sfugge un po’ di mano, da entrambe le parti, ma è così che siamo noi. Riconosco la mia responsabilità in questo, che dopo tutto è il motivo per cui sono qui e lo apprezzerei davvero se tu potessi aiutarmi ad aiutarla. Che cosa suggerisci?”

I fatti sono ridimensionati, gli esempi diluiti e gli eventi sfocati. La negazione plausibile è srotolata e alleata con il fascino che emano mi allontano con un altro ammiratore della mia collezione e tu ti stupisci di come pare che l’abbia passata liscia di nuovo. Davvero non dovresti (anche se sono contento che tu lo sia) essere così sconvolto da questo dal momento che hanno davvero poche possibilità di scoprire ciò che siamo veramente. Cosa ne pensi del dott. E e della dottoressa O? Sì, ci sono voluti due di loro con una manovra a tenaglia e solo perché ho dovuto arrendermi a loro, ma quella guerra è ancora in corso e c’è ancora molto da ottenere.

H.G. TUDOR

The Joys Of Therapy and The Narcissist