Pubblicato il Lascia un commento

📰 LA DOZZINA DI SGOMENTI

Voi siete gente di emozioni. Non solo provate una vasta gamma di emozioni, sia positive che negative, sperimentate frequentemente le emozioni. La vostra produzione emotiva è amplificata, intensa e superiore a quella delle persone “normali”. Permettete alle emozioni di governarvi, siete molto in contatto con esse e lotterete per tenerle sotto controllo, mascherate e nascoste. Queste qualità che si applicano all’empatico, al super empatico e al co-dipendente in quantità crescenti, vi rendono obiettivi ideali per noi. Questo è per due motivi. Il primo, naturalmente, è perché la vostra copiosa produzione emotiva è per noi un carburante delizioso e potente. La nostra linfa vitale. Voi siete necessari per sostenere la nostra esistenza, perché è attraverso di voi che siamo in grado di acquisire un senso di esistenza, il vostro carburante che alimenta ciò che siamo, ciò che desideriamo ritrarre e ciò che desideriamo bandire. Il carburante è il fattore più importante, ma non è l’unico fattore. La seconda ragione per cui esigiamo di connetterci con tali individui emotivi (e specialmente nel ruolo di fonte primaria intima) è che le vostre condizioni emotive ci permettono di esercitare un controllo su di voi. L’esercizio del controllo ci consente di mantenere il nostro senso di superiorità. Questa superiorità ci permette di paralizzarvi e mantenervi in questo stato emotivo. Quindi il ciclo continua fino al momento in cui la produzione emotiva scende al di sotto di quel livello che è accettabile per noi. Assicurandoci che voi rimaniate emotivi, vi impediamo di vedere la realtà di ciò che ti sta accadendo. Ci assicuriamo che il vostro processo decisionale non si basi su una fredda, dura logica. Vi viene impedito di andare avanti. Vi viene impedito di sfuggirci. Questo è il motivo per cui gran parte del nostro comportamento manipolativo è focalizzato a provocare risposte emotive da voi. Per il carburante e per il controllo. Dobbiamo controllare il nostro ambiente se vogliamo esistere e questo significa controllare i nostri apparecchi, incluso voi come fonti primarie.

Come con gran parte dell’intreccio narcisistico, la conservazione di uno stato emotivo si ottiene attraverso le misure che prendiamo ma anche come conseguenza di tratti che sono particolarmente evidenti nella vostra specie, rispetto alle persone normali. Queste azioni e caratteristiche si combinano attraverso le nostre interazioni quotidiane. Permeano tutto ciò che diciamo e facciamo. La nostra manipolazione si basa sull’esistenza di questi oggetti al fine di massimizzare il loro effetto e mantenervi in uno stato emotivo. Queste azioni e questi tratti sono presenti nell’intreccio tra la mia specie e la vostra specie, in modo che la danza continua, la presa viene mantenuta e l’emozione si riversa fuori. Cerchiamo di applicare queste azioni in tutte le nostre manipolazioni. Cerchiamo di capitalizzare questi tratti in voi. Contemporaneamente c’è una combinazione efficace che in ultima analisi vi crea sgomento e quindi lo stato emotivo che desideriamo ardentemente in voi. Qui ci sono dodici di queste azioni e tratti; sei da parte nostra e sei da parte vostra.

1. Generalizzazione. La usiamo per mantenere la nostra superiorità e sminuirvi. Generalizzando facciamo sembrare come se noi fossimo quelli che non possono sbagliare e voi siete quello che hanno sempre torto. Quindi faremo commenti come: –

“Non mi dici mai che mi ami.”

“Sono sempre io quello che deve risolvere le cose.”

“Tutti pensano che tu sia cattivo con me.”

“Non mi lasci mai fare quello che voglio.”

Un tale sommario e ampia gamma di accuse vengono emessi con totale convinzione al fine di avere un effetto considerevole su di voi.

2. Previsione futura. Voi siete portati a basarvi su ciò che pensi; il futuro dovrebbe essere basato su ciò che è già successo. Ciò significa invariabilmente che, poiché avete sperimentato la gioia e la meraviglia del periodo d’oro, vi aspettate che la relazione in futuro debba continuare su una linea simile, e quindi avete un’alta (e in ultima analisi non realistica) aspettativa nel riporre le vostre speranze e le vostre decisioni sul passato piuttosto che sul presente.

3. Trasgressioni passate. Ci divertiamo nel rivangare il vostro passato allo scopo di suggerirvi che avete fatto qualcosa di sbagliato. Se avete commesso qualche errore in passato (che sia di natura trascurabile o rilevante) siamo sempre capaci di ricordarlo e continueremo a scavare. Non seppelliamo mai nulla. Inventeremo anche trasgressioni del passato che percepiamo che avete commesso, dopo tutto, non state facendo ciò che vogliamo, non venite più idealizzati e quindi dovete aver fatto qualcosa di sbagliato, vero? Queste invenzioni saranno di natura vaga e amorfa.

4. Pensiero in Bianco e Nero. Una risposta vertiginosa e disorientante alle critiche percepite che ci lanci ripetutamente così che un momento prima sarai un eroe, e quello dopo uno zero. Non operiamo nel grigio quando si tratta della nostra visione di te e degli altri. Sei bianco o nero. Poi di nuovo bianco. Prima di diventare di nuovo nero. Spesso nello spazio di minuti.

5. Mente chiusa. Operiamo con una mente chiusa. Noi sappiamo meglio di tutti. Conosciamo le cose giuste da fare. Non ascoltiamo nessuno, meno di tutti voi, perché siete traditori, deficienti e pazzi. Questo ci impedisce di affrontare le vostre sfide e dirige ogni suggerimento ragionevole e credibile che potreste fare su una situazione che potrebbe minare il nostro senso di superiorità.

6. Pensiero Catastrofico. Vi impegnate in questo come conseguenza di una natura intrinseca di essere così, ma noi la suscitiamo e la coltiviamo attraverso il vostro condizionamento da parte nostra. Poiché le nostre reazioni quando vi svalutiamo sono sproporzionate (dal vostro punto di vista) vi abituate al fatto che quando qualcosa va storto, si metterà di sicuro molto male. Questo vi fa supporre sempre il peggio il che aumenta la vostra ansia e le vostre reazioni emotive.

7. Paura irrazionale. Di nuovo come conseguenza dei giochi mentali che mettiamo in atto con te, vi ritrovate a fare supposizioni, interrogarvi e ossessionarvi su tutto ciò che viene detto e fatto, il che vi porta ad acquisire una paura irrazionale. Troverete qualcosa di cui preoccuparvi nella minima osservazione o espressione. Una volta non l’avreste mai fatto, ma il vostro coinvolgimento con noi fa sì che ciò accada e con esso l’emozione fluisce.

8. Proiezione. Noi proiettiamo ripetutamente accusandoti di fare le stesse cose di cui noi stessi siamo colpevoli. Questa è una reazione istintiva da parte nostra e non è solo una forma di difesa, ma vi costringe anche a mettervi sulla difensiva mentre cercate di giustificare il vostro comportamento e vi trovate sconcertati perché venite accusati dell’atto stesso. La vostra reazione è di sconcerto, stupore, turbamento e fastidio. Tutto buono per la razione emotiva.

9. Spostamento di Colpa. Un altro comportamento tipico della nostra specie nasce dal nostro bisogno di evitare la colpevolezza di qualsiasi cosa, il che si accorda con il nostro senso di diritto. Quindi è sempre colpa di qualcun altro. Di solito vostra. Questo ci permette di castigarvi e vi fa reagire in modo simile a quando proiettiamo.

10. Non Guardare Mai Indietro. Noi siamo troppo impegnati a guidare dritto per contemplare il nostro ombelico e rimuginare sugli eventi. Non operiamo in questo modo, ma voi lo fate. La vostra propensione a riflettere, considerare e valutare implica che vi soffermate sulle questioni troppo a lungo e così facendo vi paralizzate.

11. Mea Culpa. Non solo vi biasimiamo per tutto, ma anche voi vi impegnate a incolpare voi stessi. Avete bisogno di trovare le risposte sul perché le cose accadono e se stiamo spostando la colpa e rifiutiamo qualsiasi suggerimento che ci viene dato, allora hai la propensione ad accettare il fatto che voi dovete essere in qualche modo in colpa. C’è di peggio comunque. Non vi limitate solo a scrollare le spalle e accettare che la colpa sia vostra, ma vi sbattete a cercare di capire di cosa si tratta, spendendo tempo ed energie a capire perché siete in colpa.

12. Il Guaritore. Il vostro desiderio di aggiustare tutto, di guarire e di fare del bene, implica che non potete andarvene prontamente da una situazione in cui fareste bene a farlo. Invece rimanete sul sentiero di fuoco, nella fornace, nel mezzo della battaglia mentre le manipolazioni continuano e con essa l’accresciuta emozione che ne consegue.

Una dozzina di ragioni. Sei da parte nostra. Sei parte vostra. Dodici azioni e condizioni che hanno come conseguenza il vostro stato emotivo continuato.

H.G. TUDOR

The Dozen of Dismay

Pubblicato il Lascia un commento

📑 5 RAGIONI PER CUI NON PUÒ FUNZIONARE CON UN NARCISISTA

Cinque ragioni per cui non può funzionare

1. Nulla del periodo d’oro è reale

Sembra come se ogni giorno fosse estate non è vero? Caldo e meraviglioso. Nessuna nuvola da pioggia da nessuna parte, solo un cielo azzurro fiordaliso. Nessuna nuvola a cui pensare. Tutto è fantastico. Facciamo tutto insieme. Siamo una coppia ad ogni livello concepibile. Mi piace ciò che piace a te. Ridiamo per le stesse cose. Apprezziamo gli stessi libri e film. So cosa stai per dire. Ci piace cucinare insieme, provare nuovi vini ed esplorare posti interessanti. Che sia foresta o schiuma del mare, città o villaggi entrambi ci divertiamo ad andare negli stessi posti e farlo insieme. Siamo anime gemelle. Non voglio nient’altro che te. Alla fine hai incontrato la persona che hai desiderato per tutta la vita. Non riesci ancora a credere quando fortunato sei ad aver trovato qualcuno come me, qualcuno che si prende cura di te, ti sorregge, ti ama e ti ricopre di attenzioni, complimenti ed affetto. Cosa faresti senza di me? Fai perfino fatica a ricordare come fosse la vita prima che comparissi, splendente ed eccitante. Non vorresti che finisse mai e permetti a questo effetto dorato di permearti fin nel profondo, di toccare ogni parte di te. Ogni fibra del tuo essere è rivestita del mio tocco d’oro. Nulla di questo è reale. Hai passato tutto il tuo tempo guardando in uno specchio avvolto in un’illusione. Non sono mai stato nulla di quelle cose. Ti ho solo mostrato ciò che volevi vedere, detto ciò che volevi sentire e ho fatto ciò che volevi sperimentare. Sono un imbroglione, un ciarlatano e un truffatore che fa scambi di falso amore rubando il tuo amore autentico. Non sono ciò che pensi io sia, non lo sono mai stato e mai lo sarò.

2. Nulla è mai abbastanza buono

Quanto fa in fretta l’impero dorato e scintillante a marcire e arrugginirsi, quelle torri luccicanti di vetro e cromo si distruggono e vanno in briciole. Ciò che una volta sembrava sarebbe rimasto in piedi per migliaia di millenni è giunto al crollo. Corri a destra e a sinistra, presente e amorevole, affaticandoti nel caos frenetico mentre cerchi di tenere tutto insieme. Non puoi accettare che stia succedendo e dai il massimo per fermare la cascata delle pietre e il legno che si frammenta in schegge ma è un’impresa impossibile. Non puoi più impedire a questo edificio di precipitare a terra per quanto tu possa resistere. La manifestazione di questo impero in rovina e i tuoi sforzi frenetici per ricostruirlo si presentano in come tenti e ritenti di compiacermi. Ogni giorno dai più di te stesso nel tuo desiderio di salvare ciò che tu, sbagliando, immagini che noi siamo. Costantemente erodi la tua integrità nel tentativo di compiacermi, farmi felice e fare tutto ciò che serve per far andare bene le cose di nuovo. Ogni volta che pensi di aver risolto, l’asticella viene alzata in alto e poi ancora più in alto. Tu continui a dare e io continuo a prendere. Ciò che funzionava la scorsa settimana ora viene disprezzato. Quello che un mese fa mi faceva dire che ti amavo ora invece mi irrita. Non voglio più stare con te o essere toccato da te. Non importa quanto duramente lavori, cucini, pulisci, tieni in ordine e ti prendi cura. Non importa quanti sforzi tu faccia nel mantenere la linea, vestirti in modo attraente e interessarti della mia giornata, incontri sempre e solo sguardi gelidi, disprezzo e maltrattamenti. Non ti arrendi, non ancora, ma non ti accorgi che questo è un buco che non potrà mai essere riempito.

3. Nulla mi impedisce di giocare a questo gioco

Le lacrime nei tuoi occhi non fermeranno la crudeltà. Quelle dolci lacrime luccicanti che rotolano sulle tue guance appaiono solamente come sangue per uno squalo a caccia. Il semaforo verde per continuare con la denigrazione e le perverse cattiverie al fine di provocare più emozione da parte tua. Oggi è il giorno del silenzio. Le spalle fredde e crudeli mentre tenti di immaginare cosa non va e cosa hai fatto. Domani è ancora tutto sorrisi per quanto tu non sappia nulla di ciò che è successo per cambiare tutto ma quando il sole scenderà ti rigirerai in un letto gelido e vuoto mentre svanisco ancora una volta. Sto seduto sulla sedia mentre sembra che guardi nel vuoto ma sto scorrendo mentalmente il mio Armamentario del Diavolo mentre penso alla prossima mossa. Sistemo i pezzi, tu, i miei amici, la mia famiglia, i vicini e l’uomo al negozio di panini. Tutte pedine della mia gigantesca scacchiera mentre decido dove dovresti andare. Provi ad imparare le regole, a stare in riga ed evitare trasgressioni ma questi giochi vengono giocati con una regola sola. Non ci sono regole. Mi affido alla mia abilità di giocatore mentre ogni giorni utilizzo una nuova macchinazione contro di te. Questi giochi ti faranno a pezzi e non puoi mai sperare di vincerli.

4. Nulla supera il carburante

Tutto gira intorno all’ottenere il carburante, da te, da lui e da lei. È una missione incessante per la mia linfa vitale che assicura che io sia sempre a caccia. Senza riposo finché trovo sufficiente carburante e poi pianifico la mossa successiva, questa necessità viene prima di tutto il resto. Gli eventi vengono interrotti, gli appuntamenti rimandati, i compleanni rovinati e gli anniversari dimenticati tutto al fine di acquisire il mio carburante. I tuoi bisogni vengono messi ben al di sotto dei miei, per il carburante è fondamentale. Non ho responsabilità tranne l’acquisizione di carburante quindi i figli, il lavoro, i soldi, la salute e l’armonia vanno nel dimenticatoio, trascurati e abbandonati per permettermi di cercare l’unica cosa che ha davvero importanza per me, farò tutto, dirò tutto e sarò tutto per ottenere quel carburante. Il carburante fa sì che io ti ferisca, fa sì che io seduca il tuo migliore amico, mi fa licenziare il ragazzo carino in ufficio, il carburante mi fa prendere il centro della scena alla rimpatriata. Il carburante è tutto.

5. Nulla cambierà mai

Ci sono quelli della mia tipologia che non sanno ciò che sono ed ogni tentativo di metterli davanti alla responsabilità della consapevolezza troverà resistenza con la velocità e l’istinto con cui si toglie la mano dal fuoco. Non sanno ciò che sono ma sanno che sei il nemico, cerchi di imporre un cambiamento quando non ce n’è bisogno, un aspetto del tuo tentativo di controllarli e punirli quando non hanno fatto nulla di male. Il cambiamento non è necessario e non accadrà mai con loro. Quelli di noi che sanno cosa facciamo non vedono ragione di cambiare. Siamo conquistatori, pionieri, leader e superuomini. Siamo esseri supremi e siamo sempre nel giusto. Modifica te stesso e adattati al mio nuovo ordine mondiale. Io sono più potente di te. Tutto questo per me funziona quindi perché dovrei cambiare? Non mi è richiesto di cambiare, io sono quello che decide, non sono quello su cui si decide. Io domino. Non sono dominato. Questo è come stanno le cose e deve essere così sempre. Fattene una ragione. Non cambierò e non posso cambiare. So ciò che sono ma l’ho scelto, chi non lo farebbe se è così trionfante e brillante come lo sono io? Nulla cambierà mai.

Inoltre, sono terrorizzato dal cambiamento.

H.G. TUDOR

5 Reasons It Cannot Work With the Narcissist

Pubblicato il Lascia un commento

📑 LE 5 RAGIONI PER CUI IL NARCISISTA TI SVALUTA

Ti sarà familiare il fatto che un giorno sei il gallo del pollaio e il successivo sei un piumino per spolverare. Sei in cima al piedistallo e in un istante vieni buttato giù e giaci nella polvere mentre ti stiamo addosso rimproverandoti. L’improvviso passaggio da eroe a zero, da principessa a poveraccia, da “brava persona” a “cattiva persona” è forse la parte più confondente, disorientante e sconvolgente del nostro comportamento. Le persone non riescono a comprendere perché siano state festeggiate come amore della nostra vita il Lunedì e poi Martedì siano il diavolo incarnato.
È qualcosa che fa sì che le vittime del nostro comportamento nefasto si aggrappino a noi (e naturalmente noi vogliamo che succeda) per ottenere una risposta, ricevere una spiegazione e un qualche tipo di motivazione che permetta loro di dare un senso a ciò che è accaduto. È improbabile che lo accettino, la presa emotiva della seduzione e del periodo d’oro evita per un lungo periodo di tempo l’accettazione di questa improvvisa caduta in disgrazia, ma se sei in grado di capire perché è accaduto, hai la possibilità di voltare pagina con una velocità maggiore rispetto a quanto faresti in caso contrario. Le nostre ragioni possono apparirti illogiche secondo la tua visione del mondo ma almeno avrai qualche spiegazione e questo è più di quanto riceveresti solitamente dalla nostra tipologia visto che andiamo avanti dritti con la svalutazione senza offrire alcuna spiegazione coerente o realistica per questo brusco cambiamento. Non ti sto spiegando perché vi svalutiamo (controllo del carburante, rinforzo al nostro bisogno di superiorità e auto-valore). Ti sto spiegando cos’è che fa sì che prima vi amiamo e poi vi odiamo in un battito di ciglia. Cosa causa questo cambio improvviso, questo giro di 180 gradi, questo voltafaccia, questo spostamento? Non ti verrà fornita nessuna risposta o se ti viene data non avrà nulla a che fare con la vera motivazione per la quale subito ti idealizziamo e poi ti svalutiamo. Queste false motivazioni vengono tirate fuori per farti rimanere ancora di più, inseguendo un motivo sfuggente mentre continuiamo a prosciugarti di carburante negativo finché decidiamo che puoi essere dis-istallato. Quindi, qui ci sono cinque motivi che sono attivatori della svalutazione.

1. Stantio

La ragione fondamentale per sedurti è ottenere il tuo potente carburante positivo. All’inizio e per qualche tempo dopo siamo rinvigoriti da questo carburante prezioso con cui ci alimenti. Facciamo affidamento su di esso, lo vogliamo e ne abbiamo bisogno e ci stupiamo del carburante che tu ci fornisci. Potrebbe essere dopo mesi o forse perfino dopo anni a seconda delle nostre esigenze e della tua abilità nel soddisfarle. D’altra parte il fatto che abbassi la guardia fa sì che il carburante diventi stantio per noi. Forse pensi di non aver fatto nulla di male. Comprendiamo che secondo la tua visione di come dovrebbe progredire una relazione sana e matura, dopo un periodo da luna di miele da capogiro, il rapporto si sposti su una posizione più profonda dove l’iniziale fermento di eccitazione svanisce per essere rimpiazzato da qualcosa di lunga durata, essenziale e compiuto. Se tu dovessi comprendere la tua relazione con noi secondo questa mentalità, ti vedremmo come noncurante. Forse la consideri una naturale e comprensibile progressione, anzi potenzialmente necessaria. Noi no. Il fatto di non ammirarci come facevi una volta (o almeno la manifestazione di questa ammirazione), che la tua dimostrazione d’amore, adorazione e così via diminuiscano. Forse non pensi di amarci di meno ma ciò che conta è che ci sembri così. Questo cambiamento si manifesta come indifferenza per noi e fa sì che il tuo carburante diventi stantio, meno potente e a sua volta minaccia di indebolirci. Al fine di difenderci dobbiamo immediatamente passare alla svalutazione ed estrarre da te carburante negativo che ci potenzierà nella misura che vogliamo e richiediamo.

2. Disobbedienza

Il nostro senso che tutto ci sia dovuto, l’incapacità di riconoscere e rispettare i limiti e l’enorme bisogno di controllo fa sì che dobbiamo avere ciò che vogliamo. Questo controllo si origina tramite l’applicazione di incentivi, il sistema della carota, quando ti abbiamo sedotto e il periodo d’oro è in atto. Tramite l’applicazione di un comportamento meraviglioso e amorevole ti faremo fare ciò che vogliamo provvedendo al carburante e portando avanti i nostri desideri. Ti abbiamo deliziato e in cambio vuoi compiacerci. Ti offriamo l’amore che desideri e tu rispondi accordandoti alle nostre richieste. Quando smetti di sottometterti a questo controllo benevolo allora cambieremo e comincerà la svalutazione. Forse, se visto obiettivamente da altri, sarebbe corretto non fare ciò che vogliamo, prendere una via d’azione alternativa e fare qualcos’altro ma per noi questo è irrilevante. Stai sfidando il nostro controllo e questo non può essere tollerato. Per sradicare questa insurrezione prima che faccia presa e comprometta la nostra accurata gestione che è stata costruita per controllarti e ottenere carburante da parte tua, dobbiamo intensificare il nostro controllo, rimuovere il dissenso ed aumentare la nostra presa su di te. Questo è quando inizia la svalutazione. Ci spostiamo da dittatore benigno a tiranno maligno.

3. Vedere Oltre

Se abbiamo appreso che hai capito come funzioniamo. Se percepiamo che sei stato influenzato da un altro informatore e hai unito i puntini. Se valutiamo che stai iniziando a realizzare ciò che siamo e cosa stiamo facendo, allora dobbiamo colpire per primi per scioccarti e indurti a sottometterti nuovamente e spazzare via le tue invenzioni. Potresti avere ragione ma non accetteremo che tu abbia ragione. Passeremo alla svalutazione al fine di sguinzagliare tutte le manipolazioni che ti confonderanno, prosciugheranno e soprattutto ti faranno pensare che sia tutta colpa tua. Non abbiamo fatto nulla di male tranne che amarti di un amore perfetto e invece tu hai fatto tutto da solo tramite le tue bugie su ciò che siamo e la tua slealtà. Non possiamo permettere che tu ci smascheri e quindi ti assaltiamo con una frenetica svalutazione che non ti dia altra opzione che provare a difenderti in modo da perdere di vista il tuo obiettivo di vederci attraverso. Ti faremo sentire colpevole, crudele e senza cuore nella speranza di intercettare i tuoi tratti empatici così smetterai ciò che stai facendo e ti concentrerai sul rimettere a posto le cose tra noi, riparare la relazione e mostrare che ti interessa. L’inizio della svalutazione quando hai scoperto ciò che siamo è un esercizio di enorme distrazione concepito per proteggere noi e danneggiare te.

4. L’Opportunità Di Recupero

Questo non è un tentativo di riaggancio verso di te. Piuttosto è l’opportunità che emerge improvvisamente di recuperare chi ti ha preceduto. Queste persone potrebbero essere state dis-istallate ed essere uscite dalle nostre sfere di influenza oppure sono scappate facendo lo stesso, ma ora è accaduto qualcosa per cui sono ritornate nelle nostre sfere di influenza. La promessa di questo dolce e potente carburante di recupero supererà il carburante positivo che attualmente ci stai offrendo. La prospettiva di ottenere questo carburante di recupero fa sì che vogliamo focalizzare la nostra attenzione su chi ti ha preceduto e riagganciarlo. Non ti faremo fuori, non ancora, perché questo ci lascerà in una via di mezzo tra fonti primarie di carburante. Piuttosto, cominceremo il riaggancio per sedurre nuovamente chi ti ha preceduto e quindi siccome queste persone sono apparse all’orizzonte ti rendono l’opzione meno desiderabile. Questo ci porterà a chiederci perché stiamo con te, a considerarti un errore e di conseguenza passeremo a svalutarti dato che abbiamo ricominciato con la seduzione dell’altro. Se il riaggancio dovesse fallire, aspettati che venga ripristinato il periodo d’oro verso di te, con un altro cambio improvviso. Se dovesse avere successo e iniziamo a legare a noi il predecessore ancora una volta con il carburante di recupero che comincia a fluire, puoi aspettarti che la svalutazione peggiori mentre sfrecci verso il dis-impegno.

Un brusco passaggio verso la svalutazione in realtà potrebbe essere messaggero del fatto che un predecessore sia apparso sul nostro radar e stiamo recuperando questa persona a tue spese.

5. Controllo Totale

Sei consapevole che vogliamo controllarti. Questo è fondamentale nella dinamica tra noi. Però, come esempio ulteriore dei due pesi e due misure che pratichiamo noi vogliamo controllarti e se ci disubbidisci cominceremo a svalutarti ma in più se crediamo di aver ottenuto un controllo totale su di te allo stesso modo comincerà la tua svalutazione perché sappiamo che faresti qualsiasi cosa vogliamo e ti useremo solamente per validare noi stessi nell’eventualità che altre, più eccitanti prospettive non ci nutrano nel corso della giornata. Vieni relegato a sicuro e affidabile, perché in realtà tu stai facendo esattamente ciò che vogliamo, ma attraverso la nostra logica distorta, questo equivale a non essere più speciale. Quindi abbiamo bisogno di renderti nuovamente speciale e lo facciamo tramite la svalutazione. Non ti lasceremo da parte quando abbiamo ottenuto il controllo totale, per niente. Questo stato di cose comporta notevoli benefici ma verranno canalizzati tramite il filtro della svalutazione e non dell’idealizzazione. È sintomatico dell’assurda (se giudicata dalla tua prospettiva) logica che applichiamo quando alla fine fai proprio quella cosa che vogliamo, ci rivoltiamo contro di te e incominciamo con la tua svalutazione.

Come puoi convivere con tutto questo? La risposta breve è che non puoi. Ognuna di queste cinque motivazioni potrebbe essere applicata all’improvviso senza avvisi e la tua svalutazione inizia. Non puoi evitarlo e non dovresti evitarlo. Non hai fatto nulla di male, ma per la nostra visione del mondo hai sbagliato tutto. Non c’è nulla che tu possa fare per evitare che questo accada, perché una volta che capita l’attivatore, seguirà la svalutazione. La cosa da cui puoi trarre massimo sollievo però è che sapendo come siamo, sapendo che non c’è nulla che tu possa fare o che avresti potuto fare per cambiare il risultato, almeno ora hai questa consapevolezza e attraverso di essa puoi raggiungere la libertà dal dubbio, dall’incertezza e dallo sconcerto assoluto del domandarsi perché sia accaduto.

H.G. TUDOR

The 5 Reasons the Narcissist Devalues You

Pubblicato il 1 commento

📑 5 RAGIONI PER CUI NON PUÒ FUNZIONARE CON UN NARCISISTA: LE 5 LANDE DESOLATE

Cinque ragioni per cui non può funzionare

1. Nulla del periodo d’oro è reale

Sembra come se ogni giorno fosse estate non è vero? Caldo e meraviglioso. Nessuna nuvola da pioggia da nessuna parte, solo un cielo azzurro fiordaliso. Nessuna nuvola a cui pensare. Tutto è fantastico. Facciamo tutto insieme. Siamo una coppia ad ogni livello concepibile. Mi piace ciò che piace a te. Ridiamo per le stesse cose. Apprezziamo gli stessi libri e film. So cosa stai per dire. Ci piace cucinare insieme, provare nuovi vini ed esplorare posti interessanti. Che sia foresta o schiuma del mare, città o villaggi entrambi ci divertiamo ad andare negli stessi posti e farlo insieme. Siamo anime gemelle. Non voglio nient’altro che te. Alla fine hai incontrato la persona che hai desiderato per tutta la vita. Non riesci ancora a credere quando fortunato sei ad aver trovato qualcuno come me, qualcuno che si prende cura di te, ti sorregge, ti ama e ti ricopre di attenzioni, complimenti ed affetto. Cosa faresti senza di me? Fai perfino fatica a ricordare come fosse la vita prima che comparissi, splendente ed eccitante. Non vorresti che finisse mai e permetti a questo effetto dorato di permearti fin nel profondo, di toccare ogni parte di te. Ogni fibra del tuo essere è rivestita del mio tocco d’oro. Nulla di questo è reale. Hai passato tutto il tuo tempo guardando in uno specchio avvolto in un’illusione. Non sono mai stato nulla di quelle cose. Ti ho solo mostrato ciò che volevi vedere, detto ciò che volevi sentire e ho fatto ciò che volevi sperimentare. Sono un imbroglione, un ciarlatano e un truffatore che fa scambi di falso amore rubando il tuo amore autentico. Non sono ciò che pensi io sia, non lo sono mai stato e mai lo sarò.

2. Nulla è mai abbastanza buono

Quanto fa in fretta l’impero dorato e scintillante a marcire e arrugginirsi, quelle torri luccicanti di vetro e cromo si distruggono e vanno in briciole. Ciò che una volta sembrava sarebbe rimasto in piedi per migliaia di millenni è giunto al crollo. Corri a destra e a sinistra, presente e amorevole, affaticandoti nel caos frenetico mentre cerchi di tenere tutto insieme. Non puoi accettare che stia succedendo e dai il massimo per fermare la cascata delle pietre e il legno che si frammenta in schegge ma è un’impresa impossibile. Non puoi più impedire a questo edificio di precipitare a terra per quanto tu possa resistere. La manifestazione di questo impero in rovina e i tuoi sforzi frenetici per ricostruirlo si presentano in come tenti e ritenti di compiacermi. Ogni giorno dai più di te stesso nel tuo desiderio di salvare ciò che tu, sbagliando, immagini che noi siamo. Costantemente erodi la tua integrità nel tentativo di compiacermi, farmi felice e fare tutto ciò che serve per far andare bene le cose di nuovo. Ogni volta che pensi di aver risolto, l’asticella viene alzata in alto e poi ancora più in alto. Tu continui a dare e io continuo a prendere. Ciò che funzionava la scorsa settimana ora viene disprezzato. Quello che un mese fa mi faceva dire che ti amavo ora invece mi irrita. Non voglio più stare con te o essere toccato da te. Non importa quanto duramente lavori, cucini, pulisci, tieni in ordine e ti prendi cura. Non importa quanti sforzi tu faccia nel mantenere la linea, vestirti in modo attraente e interessarti della mia giornata, incontri sempre e solo sguardi gelidi, disprezzo e maltrattamenti. Non ti arrendi, non ancora, ma non ti accorgi che questo è un buco che non potrà mai essere riempito.

3. Nulla mi impedisce di giocare a questo gioco

Le lacrime nei tuoi occhi non fermeranno la crudeltà. Quelle dolci lacrime luccicanti che rotolano sulle tue guance appaiono solamente come sangue per uno squalo a caccia. Il semaforo verde per continuare con la denigrazione e le perverse cattiverie al fine di provocare più emozione da parte tua. Oggi è il giorno del silenzio. Le spalle fredde e crudeli mentre tenti di immaginare cosa non va e cosa hai fatto. Domani è ancora tutto sorrisi per quanto tu non sappia nulla di ciò che è successo per cambiare tutto ma quando il sole scenderà ti rigirerai in un letto gelido e vuoto mentre svanisco ancora una volta. Sto seduto sulla sedia mentre sembra che guardi nel vuoto ma sto scorrendo mentalmente il mio Armamentario del Diavolo mentre penso alla prossima mossa. Sistemo i pezzi, tu, i miei amici, la mia famiglia, i vicini e l’uomo al negozio di panini. Tutte pedine della mia gigantesca scacchiera mentre decido dove dovresti andare. Provi ad imparare le regole, a stare in riga ed evitare trasgressioni ma questi giochi vengono giocati con una regola sola. Non ci sono regole. Mi affido alla mia abilità di giocatore mentre ogni giorni utilizzo una nuova macchinazione contro di te. Questi giochi ti faranno a pezzi e non puoi mai sperare di vincerli.

4. Nulla supera il carburante

Tutto gira intorno all’ottenere il carburante, da te, da lui e da lei. È una missione incessante per la mia linfa vitale che assicura che io sia sempre a caccia. Senza riposo finché trovo sufficiente carburante e poi pianifico la mossa successiva, questa necessità viene prima di tutto il resto. Gli eventi vengono interrotti, gli appuntamenti rimandati, i compleanni rovinati e gli anniversari dimenticati tutto al fine di acquisire il mio carburante. I tuoi bisogni vengono messi ben al di sotto dei miei, per il carburante è fondamentale. Non ho responsabilità tranne l’acquisizione di carburante quindi i figli, il lavoro, i soldi, la salute e l’armonia vanno nel dimenticatoio, trascurati e abbandonati per permettermi di cercare l’unica cosa che ha davvero importanza per me, farò tutto, dirò tutto e sarò tutto per ottenere quel carburante. Il carburante fa sì che io ti ferisca, fa sì che io seduca il tuo migliore amico, mi fa licenziare il ragazzo carino in ufficio, il carburante mi fa prendere il centro della scena alla rimpatriata. Il carburante è tutto.

5. Nulla cambierà mai

Ci sono quelli della mia tipologia che non sanno ciò che sono ed ogni tentativo di metterli davanti alla responsabilità della consapevolezza troverà resistenza con la velocità e l’istinto con cui si toglie la mano dal fuoco. Non sanno ciò che sono ma sanno che sei il nemico, cerchi di imporre un cambiamento quando non ce n’è bisogno, un aspetto del tuo tentativo di controllarli e punirli quando non hanno fatto nulla di male. Il cambiamento non è necessario e non accadrà mai con loro. Quelli di noi che sanno cosa facciamo non vedono ragione di cambiare. Siamo conquistatori, pionieri, leader e superuomini. Siamo esseri supremi e siamo sempre nel giusto. Modifica te stesso e adattati al mio nuovo ordine mondiale. Io sono più potente di te. Tutto questo per me funziona quindi perché dovrei cambiare? Non mi è richiesto di cambiare, io sono quello che decide, non sono quello su cui si decide. Io domino. Non sono dominato. Questo è come stanno le cose e deve essere così sempre. Fattene una ragione. Non cambierò e non posso cambiare. So ciò che sono ma l’ho scelto, chi non lo farebbe se è così trionfante e brillante come lo sono io? Nulla cambierà mai.

Inoltre, sono terrorizzato dal cambiamento.

H.G. TUDOR

5 Reasons It Cannot Work With The Narcissist : The 5 Howling Wildernesses

Pubblicato il Lascia un commento

📑 I CINQUE ATTIVATORI DELLA SVALUTAZIONE (E C’È UNA PRESA DI SICUREZZA?)

Ti sarà familiare il fatto che un giorno sei il gallo del pollaio e il successivo sei un piumino per spolverare. Sei in cima al piedistallo e in un istante vieni buttato giù e giaci nella polvere mentre ti stiamo addosso rimproverandoti. L’improvviso passaggio da eroe a zero, da principessa a poveraccia, da “brava persona” a “cattiva persona” è forse la parte più confondente, disorientante e sconvolgente del nostro comportamento. Le persone non riescono a comprendere perché siano state festeggiate come amore della nostra vita il Lunedì e poi Martedì siano il diavolo incarnato.
È qualcosa che fa sì che le vittime del nostro comportamento nefasto si aggrappino a noi (e naturalmente noi vogliamo che succeda) per ottenere una risposta, ricevere una spiegazione e un qualche tipo di motivazione che permetta loro di dare un senso a ciò che è accaduto. È improbabile che lo accettino, la presa emotiva della seduzione e del periodo d’oro evita per un lungo periodo di tempo l’accettazione di questa improvvisa caduta in disgrazia, ma se sei in grado di capire perché è accaduto, hai la possibilità di voltare pagina con una velocità maggiore rispetto a quanto faresti in caso contrario. Le nostre ragioni possono apparirti illogiche secondo la tua visione del mondo ma almeno avrai qualche spiegazione e questo è più di quanto riceveresti solitamente dalla nostra tipologia visto che andiamo avanti dritti con la svalutazione senza offrire alcuna spiegazione coerente o realistica per questo brusco cambiamento. Non ti sto spiegando perché vi svalutiamo (controllo del carburante, rinforzo al nostro bisogno di superiorità e auto-valore). Ti sto spiegando cos’è che fa sì che prima vi amiamo e poi vi odiamo in un battito di ciglia. Cosa causa questo cambio improvviso, questo giro di 180 gradi, questo voltafaccia, questo spostamento? Non ti verrà fornita nessuna risposta o se ti viene data non avrà nulla a che fare con la vera motivazione per la quale subito ti idealizziamo e poi ti svalutiamo. Queste false motivazioni vengono tirate fuori per farti rimanere ancora di più, inseguendo un motivo sfuggente mentre continuiamo a prosciugarti di carburante negativo finché decidiamo che puoi essere dis-istallato. Quindi, qui ci sono cinque motivi che sono attivatori della svalutazione.

1. Stantio

La ragione fondamentale per sedurti è ottenere il tuo potente carburante positivo. All’inizio e per qualche tempo dopo siamo rinvigoriti da questo carburante prezioso con cui ci alimenti. Facciamo affidamento su di esso, lo vogliamo e ne abbiamo bisogno e ci stupiamo del carburante che tu ci fornisci. Potrebbe essere dopo mesi o forse perfino dopo anni a seconda delle nostre esigenze e della tua abilità nel soddisfarle. D’altra parte il fatto che abbassi la guardia fa sì che il carburante diventi stantio per noi. Forse pensi di non aver fatto nulla di male. Comprendiamo che secondo la tua visione di come dovrebbe progredire una relazione sana e matura, dopo un periodo da luna di miele da capogiro, il rapporto si sposti su una posizione più profonda dove l’iniziale fermento di eccitazione svanisce per essere rimpiazzato da qualcosa di lunga durata, essenziale e compiuto. Se tu dovessi comprendere la tua relazione con noi secondo questa mentalità, ti vedremmo come noncurante. Forse la consideri una naturale e comprensibile progressione, anzi potenzialmente necessaria. Noi no. Il fatto di non ammirarci come facevi una volta (o almeno la manifestazione di questa ammirazione), che la tua dimostrazione d’amore, adorazione e così via diminuiscano. Forse non pensi di amarci di meno ma ciò che conta è che ci sembri così. Questo cambiamento si manifesta come indifferenza per noi e fa sì che il tuo carburante diventi stantio, meno potente e a sua volta minaccia di indebolirci. Al fine di difenderci dobbiamo immediatamente passare alla svalutazione ed estrarre da te carburante negativo che ci potenzierà nella misura che vogliamo e richiediamo.

2. Disobbedienza

Il nostro senso che tutto ci sia dovuto, l’incapacità di riconoscere e rispettare i limiti e l’enorme bisogno di controllo fa sì che dobbiamo avere ciò che vogliamo. Questo controllo si origina tramite l’applicazione di incentivi, il sistema della carota, quando ti abbiamo sedotto e il periodo d’oro è in atto. Tramite l’applicazione di un comportamento meraviglioso e amorevole ti faremo fare ciò che vogliamo provvedendo al carburante e portando avanti i nostri desideri. Ti abbiamo deliziato e in cambio vuoi compiacerci. Ti offriamo l’amore che desideri e tu rispondi accordandoti alle nostre richieste. Quando smetti di sottometterti a questo controllo benevolo allora cambieremo e comincerà la svalutazione. Forse, se visto obiettivamente da altri, sarebbe corretto non fare ciò che vogliamo, prendere una via d’azione alternativa e fare qualcos’altro ma per noi questo è irrilevante. Stai sfidando il nostro controllo e questo non può essere tollerato. Per sradicare questa insurrezione prima che faccia presa e comprometta la nostra accurata gestione che è stata costruita per controllarti e ottenere carburante da parte tua, dobbiamo intensificare il nostro controllo, rimuovere il dissenso ed aumentare la nostra presa su di te. Questo è quando inizia la svalutazione. Ci spostiamo da dittatore benigno a tiranno maligno.

3. Vedere Oltre

Se abbiamo appreso che hai capito come funzioniamo. Se percepiamo che sei stato influenzato da un altro informatore e hai unito i puntini. Se valutiamo che stai iniziando a realizzare ciò che siamo e cosa stiamo facendo, allora dobbiamo colpire per primi per scioccarti e indurti a sottometterti nuovamente e spazzare via le tue invenzioni. Potresti avere ragione ma non accetteremo che tu abbia ragione. Passeremo alla svalutazione al fine di sguinzagliare tutte le manipolazioni che ti confonderanno, prosciugheranno e soprattutto ti faranno pensare che sia tutta colpa tua. Non abbiamo fatto nulla di male tranne che amarti di un amore perfetto e invece tu hai fatto tutto da solo tramite le tue bugie su ciò che siamo e la tua slealtà. Non possiamo permettere che tu ci smascheri e quindi ti assaltiamo con una frenetica svalutazione che non ti dia altra opzione che provare a difenderti in modo da perdere di vista il tuo obiettivo di vederci attraverso. Ti faremo sentire colpevole, crudele e senza cuore nella speranza di intercettare i tuoi tratti empatici così smetterai ciò che stai facendo e ti concentrerai sul rimettere a posto le cose tra noi, riparare la relazione e mostrare che ti interessa. L’inizio della svalutazione quando hai scoperto ciò che siamo è un esercizio di enorme distrazione concepito per proteggere noi e danneggiare te.

4. L’Opportunità Di Recupero

Questo non è un tentativo di riaggancio verso di te. Piuttosto è l’opportunità che emerge improvvisamente di recuperare chi ti ha preceduto. Queste persone potrebbero essere state dis-istallate ed essere uscite dalle nostre sfere di influenza oppure sono scappate facendo lo stesso, ma ora è accaduto qualcosa per cui sono ritornate nelle nostre sfere di influenza. La promessa di questo dolce e potente carburante di recupero supererà il carburante positivo che attualmente ci stai offrendo. La prospettiva di ottenere questo carburante di recupero fa sì che vogliamo focalizzare la nostra attenzione su chi ti ha preceduto e riagganciarlo. Non ti faremo fuori, non ancora, perché questo ci lascerà in una via di mezzo tra fonti primarie di carburante. Piuttosto, cominceremo il riaggancio per sedurre nuovamente chi ti ha preceduto e quindi siccome queste persone sono apparse all’orizzonte ti rendono l’opzione meno desiderabile. Questo ci porterà a chiederci perché stiamo con te, a considerarti un errore e di conseguenza passeremo a svalutarti dato che abbiamo ricominciato con la seduzione dell’altro. Se il riaggancio dovesse fallire, aspettati che venga ripristinato il periodo d’oro verso di te, con un altro cambio improvviso. Se dovesse avere successo e iniziamo a legare a noi il predecessore ancora una volta con il carburante di recupero che comincia a fluire, puoi aspettarti che la svalutazione peggiori mentre sfrecci verso il dis-impegno.

Un brusco passaggio verso la svalutazione in realtà potrebbe essere messaggero del fatto che un predecessore sia apparso sul nostro radar e stiamo recuperando questa persona a tue spese.

5. Controllo Totale

Sei consapevole che vogliamo controllarti. Questo è fondamentale nella dinamica tra noi. Però, come esempio ulteriore dei due pesi e due misure che pratichiamo noi vogliamo controllarti e se ci disubbidisci cominceremo a svalutarti ma in più se crediamo di aver ottenuto un controllo totale su di te allo stesso modo comincerà la tua svalutazione perché sappiamo che faresti qualsiasi cosa vogliamo e ti useremo solamente per validare noi stessi nell’eventualità che altre, più eccitanti prospettive non ci nutrano nel corso della giornata. Vieni relegato a sicuro e affidabile, perché in realtà tu stai facendo esattamente ciò che vogliamo, ma attraverso la nostra logica distorta, questo equivale a non essere più speciale. Quindi abbiamo bisogno di renderti nuovamente speciale e lo facciamo tramite la svalutazione. Non ti lasceremo da parte quando abbiamo ottenuto il controllo totale, per niente. Questo stato di cose comporta notevoli benefici ma verranno canalizzati tramite il filtro della svalutazione e non dell’idealizzazione. È sintomatico dell’assurda (se giudicata dalla tua prospettiva) logica che applichiamo quando alla fine fai proprio quella cosa che vogliamo, ci rivoltiamo contro di te e incominciamo con la tua svalutazione.

Come puoi convivere con tutto questo? La risposta breve è che non puoi. Ognuna di queste cinque motivazioni potrebbe essere applicata all’improvviso senza avvisi e la tua svalutazione inizia. Non puoi evitarlo e non dovresti evitarlo. Non hai fatto nulla di male, ma per la nostra visione del mondo hai sbagliato tutto. Non c’è nulla che tu possa fare per evitare che questo accada, perché una volta che capita l’attivatore, seguirà la svalutazione. La cosa da cui puoi trarre massimo sollievo però è che sapendo come siamo, sapendo che non c’è nulla che tu possa fare o che avresti potuto fare per cambiare il risultato, almeno ora hai questa consapevolezza e attraverso di essa puoi raggiungere la libertà dal dubbio, dall’incertezza e dallo sconcerto assoluto del domandarsi perché sia accaduto.

H.G. TUDOR

The Five Devaluation Triggers (And Is There A Safety Catch?)

Pubblicato il Lascia un commento

📰 I CINQUE ATTIVATORI DEL DISIMPEGNO

La seduzione ipnotizza e sotto quest’aspetto noi naturalmente ti diciamo perché abbiamo scelto te usando mille diverse frasi seducenti. Qualcuna può sembrare sopra le righe; altre ti fanno effetto ma d’altra parte ti sono state fornite le basi per capire il motivo per cui sono state designate per te. Non ti diciamo le reali ragioni per cui ti abbiamo scelta ma te ne forniamo un po’.
La svalutazione è tortuosa, orribile e spiacevole. Non sei in grado di capire perché improvvisamente ti abbiamo spinto giù dal piedistallo. Ciò è sconcertante e disorienta, e serve solo a sommarsi al tuo dolore. Possiamo buttarti là diverse ragioni ma per te non avranno alcun senso, e questo fa parte del piano per lasciarti confusa e dove noi ti vogliamo. Le ragioni te le diamo, solo che non hanno senso.
Allora si arriva al dis-impegno (termine accurato che molte persone usano per indicare lo scarto) e sempre più spesso, vieni lasciata tra la polvere, esausta, con la morte nel cuore, e gettata via senza che ti sia data alcuna spiegazione del perché sei stata messa da una parte mentre noi ce ne andiamo fuori camminando con noncuranza nel sole. Perché è finita così all’improvviso? Cos’è andato storto? Perché non ti abbiamo detto il motivo per cui è successo? Il dolore di essere stata rifiutata è accentuato dal non averti fornito alcuna spiegazione. Naturalmente, questo rifiuto di spiegare fa parte del nostro piano. Non sentiamo il bisogno di spiegare, perché noi possiamo fare come vogliamo. Non sentiamo il bisogno di fornirti ragioni perché ai nostri occhi non ti meriti spiegazioni perché tu hai sbagliato con noi. Non ti offriamo informazioni perché tu consideri i fatti e faccia un processo, perché certamente nel caso degli Inferiori della nostra tipologia, neanche loro stessi sanno perché è finita, anche se dovrebbero saperlo. Così dev’essere. Ci sono comunque dei motivi per cui ci dis-impegnamo da te. Queste sono le ragioni.

1. Hai aperto gli occhi

Hai capito, di solito avvalendoti di qualche aiuto esterno, che dobbiamo provocarti e farti reagire emotivamente. Puoi non capire perfettamente perché siamo ricorsi a questa dinamica, puoi non renderti conto perché è così importante per noi, ma sai che vogliamo farti reagire e hai smesso di farlo. Hai imparato a rispondere in modo neutrale e questo ci ha privato del nostro carburante. Applichiamo le nostre macchinazioni in modo più duro, aumentando la pressione per provocare la tua reazione mentre nel frattempo coltiviamo le nostre risorse secondarie ma la tua resistenza è notevole. Non te ne sei andata, magari non sei idonea per gli scopi finanziari, per i bambini o per l’inconveniente di cercare una nuova casa, ma hai bruciato le tappe e ci rendiamo conto che non torneremo presto sui nostri passi. Noi non vogliamo stare in questo stato di debolezza e non desideriamo impiegare l’energia di cui abbiamo bisogno per trovare o incastrare una nuova risorsa primaria da sfruttare per cercare di spremere carburante da te. Così tu vieni lasciata cadere.

2. La nuova risorsa ha preso il tuo posto

Abbiamo iniziato la tua svalutazione quando abbiamo individuato un rimpiazzo per te. Questo spiega le ripetute tresche e ora abbiamo scelto il tuo rimpiazzo come fonte primaria di carburante. Lui o lei è stato sedotto e incamerato nella nostra rete di catene. Siamo certi che saranno efficaci e che ci fornirannouna quantità generosa di delizioso carburante positivo, e in modo affidabile, di gran lunga meglio di quanto abbia mai fatto tu. Ci siamo riempiti del tuo carburante negativo ma non abbiamo più alcun bisogno di tenerti in gioco ora che abbiamo il nostro nuovo giocattolo brillante e scintillante. Tu sei finita nel mucchio dei rottami. Naturalmente torneremo più avanti per un recupero, ma per ora è addio.

3. Sei distrutta

Anche se durante la svalutazione può sembrare che stiamo provando a distruggerti, al momento non è questo il caso. Sì, ti stiamo conducendo verso il basso attraverso le nostre ripetute applicazioni di orribili manipolazioni ma non vogliamo finirti. È come se stessimo tenendo la testa di qualcuno sott’acqua, ti lasceremo emergere mentre sputacchi e cerchi aria con un periodo di tregua prima di tuffarti ancora una volta nell’acqua ghiacciata e lasciarti sotto. Dentro e fuori, su e giù, spingi e tira. Ti avremo fatto rimbalzare a lungo sul fondo ma non distrutto. Qualche volta ci spingiamo troppo avanti e la valanga di abusi presenta il conto su di te col risultato che vieni distrutta. Vieni lasciata insensibile, appena funzionante o persino ricoverata in ospedale in conseguenza di una distruzione. Non ci dai più alcuna reazione. A differenza del primo punto sopra, questo non avviene per scelta ma come conseguenza del nostro comportamento che ti ha distrutto. Sapendo che non ci fornirai più carburante, mostriamo la nostra natura insensibile non prestando interesse al tuo stato debilitato ma anzi distogliamo la concentrazione sull’ includerti nel nuovo prospetto che era stato coltivato e ti lasciamo andare.

4. Maggiore esposizione

Tu puoi esserti abituata a noi ma la forte emozione e il terrore che provi davanti a tutto questo, insieme al tuo desiderio di provare ad aiutarci e cambiarci, significa che continueremo a estrarre carburante da te. Hai la conoscenza ma non la stai usando effettivamente, così noi non vediamo alcuna ragione di andare da nessuna parte. Puoi provare a dire ad altre persone dei nostri terribili comportamenti ma per prima cosa noi abbiamo lanciato una campagna diffamatoria e mantenuto la facciata. Come al solito, fa parte del business. Occasionalmente, comunque potresti aggirarci e pensare di dire ad altre persone come siamo prima che possiamo farci qualcosa. Queste persone vedono alcune inconfutabili prove che tu hai ottenuto (ottenute di solito per ammissione quando tratti con l’Inferiore e il Medio della nostra tipologia) e staranno dalla tua parte. La facciata sta crollando. Il carburante è cessato e l’energia richiesta per far cambiare idea alle persone (che non è garanzia di successo) è troppo alta. Siamo stati troppo esposti. Piuttosto che affrontare la musica e lasciare che veniamo distrutti ti lasciamo cadere come un sasso, montiamo in sella e usciamo dalla città allo scopo di trovare un nuovo posto dove non abbiano udito chi siamo.

5. Ferimento intenzionale

In questi casi sei passata in serie A. Non solo sai cosa siamo noi, le rivelazioni che ti sono state fornite hanno fatto in modo che ora tu sappia quanto ci puoi far male. Sai come girare il rubinetto ma sai come ottenere l’ultima vendetta contro di noi e le tue critiche prive di emozioni sono rivolte a noi. Queste critiche ci feriscono ripetutamente, ci bruciano e ci fanno male e non c’è modo di ottenere carburante da te, stiamo per essere sconfitti. Sei stata ben istruita da qualcuno e stai mettendo in pratica talmente bene queste lezioni apprese che stai iniziando ad attaccare i veri e propri pilastri della nostra esistenza. Siamo sotto un serio attacco e contrattaccare non è una scelta. È necessario fuggire e alla svelta. Non ti vogliamo più, sappiamo che ora non possiamo vincere in tempo e perciò dobbiamo battere in ritirata e prontamente. Tu non vuoi sganciarti perché vuoi delle risposte e vuoi punirci per ciò che ti abbiamo fatto. Non terminerai il nostro legame. Non lasceremo comunque che ci resti attorno e ti scarteremo mentre battiamo in ritirata così potremo riprenderci, rifornirci e infine cercare di nuovo di colpirti successivamente quando probabilmente avrai abbassato la guardia.

H. G. TUDOR

The Five Disengagement Triggers