📑 TRASGRESSORE

81238584_480661295912243_1390656697583796224_n.jpg

Noi siamo in grado di fare ciò che facciamo per via di un tratto alquanto fondamentale che cerchiamo nella gente che selezioniamo; la fiducia. Cerchiamo quelli che fanno particolarmente ricorso alla fiducia e poi abusiamo di questa. La maggior parte delle persone agiscono sulla base della fiducia. Se non lo facessero, il mondo si fermerebbe. La fiducia facilita così tanti scambi tra le persone indipendentemente che questi scambi siano sociali, finanziari o emotivi. Quando qualcuno ti dice

“Mi piace la tua maglietta, ti dona”

hai fede che ti abbiano detto la verità. Se non ne avessi, ti fermeresti e li contro-interrogheresti sul perché gli piace, al fine di valutare se credere che le osservazioni siano vere oppure no. Ti fidi della compagnia da cui hai fatto un acquisto che ti venga recapitato quando dicono che lo faranno e che il prodotto sarà adatto all’impiego. Ti fidi che i tuoi colleghi facciano il proprio lavoro in modo efficace così che anche tu possa adempiere ai tuoi doveri. Ti fidi che la polizia mantenga l’ordine pubblico, se non lo facessi, ci sarebbe anarchia e il vigilantismo sarebbe diffuso.
È un assioma che ci debba essere fiducia altrimenti tutto rallenterebbe o si fermerebbe mentre la gente valuta, analizza, mette in discussione e verifica. La fede è evidente ovunque e non c’è maggior fiducia di quella che viene sperimentata in una relazione intima.

La gente si fida del fatto che il proprio partner abbia a cuore il loro bene, hanno fiducia nel fatto che non farà qualcosa per ferirli, hanno fede che sarà fedele e amorevole. Noi sappiamo che affinché tu ami nel modo in cui lo fai, quell’amore profondo e incondizionato, deve esserci fiducia. Ti approcci alle tue relazioni con quella fiducia posta davanti a te, un simbolo di buone intenzioni. Dai per scontato che chiunque altro con cui ti relazioni adotterà un simile atteggiamento fiducioso. Ti fidi del fatto che si fideranno.

Non sei cinico. Non agisci nel regno del sospetto e della diffidenza. Farlo sarebbe ammettere la sconfitta e macchierebbe l’ideale d’amore in cui ti sei impegnato. Tu prendi tutto per buono. Non è per etichettarti come ingenuo, sarebbe eccessivamente severo, perché come ho menzionato, molte persone agiscono sulla base della fiducia e così devono fare. Applichi questa fede nei rapporti con chi ti innamori, portato a credere da parte nostra che questa fiducia sarà reciproca, che non sarà violata, tradita o danneggiata. Sei un ricercatore della verità. Applichi l’onestà in tutti i tuoi rapporti e il tanfo delle bugie e la disonestà ti offendono notevolmente. Il fetore del nostro inganno, l’odore rancido della nostra falsità è forte ma la coltre profumata che facciamo scendere su simili oscuri e pericolosi inganni è tale che l’avvertimento maleodorante non si avvicina mai a te. Vieni ingannato nel credere che ti diciamo la verità all’inizio quando ti incontriamo. Ci comportiamo con una tale convinzione, l’aria di sicurezza che trasudiamo, apparentemente indiscutibile e impeccabile. Ti guardiamo negli occhi, quegli specchi invisibili ti riflettono indietro la tua sincera fiducia così da vedere ciò di cui necessiti. Osservi la presunta onestà, l’apertura apparente e questo mantiene il tuo senso di fiducia.

Fidandoti tu credi che otterrai la verità. Che il nostro amore sarà vero, che le nostre intenzioni siano oneste, che la nostra fedeltà sia reale e che regoliamo i nostri rapporti con te sotto il manto della fiducia. Credi che tutto questo avverrà perché ti facciamo pensare di poterti fidare di noi. Ci riferiremo a quelli che ci hanno deluso, quelli che ci hanno tradito e nel farlo sosteniamo il fatto che dipendiamo dalla fiducia al fine di beneficiare della tua. Vedi come ci siamo fidati degli altri e questi ci hanno deluso? Ci siamo sempre affidati in precedenza e così puoi essere certo che vogliamo guadagnarci la tua fiducia e che tu disponi della nostra. È tutto accuratamente orchestrato per canalizzare uno dei principi fondamentali ai quali ti attieni. Quando otteniamo questa fiducia e lo facciamo così facilmente, tu ci concedi di prendere questa merce preziosa e applicarci la nostra patina, rinforzarla e dimostrarti solamente quanto valore le diamo. In quanto compagni discepoli nella fede questo ci consente di comportarci in una maniera superiore ad ogni sospetto.
Quando ci incontriamo con un membro del sesso opposto e spieghiamo a lui o a lei che è solo un’amicizia ed è un drink amichevole tu non hai alcun motivo di pensare altrimenti. Credi in noi. Quando ti diciamo che lavoreremo fino a tardi. Ci credi. Quando ti chiediamo in prestito dei soldi. Hai fiducia in noi. Quando ti diciamo che stiamo usando la pillola contraccettiva. Tu ci credi. Quando ti diciamo che ti amiamo e non abbiamo mai amato nessuno come amiamo te prima – tu ci credi.

La fiducia equivale alla verità. Noi allora abusiamo della tua fiducia per portare avanti i nostri atti infidi. Corteggiamo altri partner e distruggiamo la tua fiducia. Mentre sei seduto a casa a guardare la televisione pensando che stiamo lavorando duramente per il nostro futuro noi stiamo flirtando e facendo scivolare i nostri tentacoli attorno ad una nuova prospettiva. Quando stai cucinando la cena per entrambi, impaziente per la serata insieme, io mi sto facendo la doccia in un albergo perché cerco di lavare via il profumo della persona con cui mi sono appena accoppiato. Quando controlli il tuo conto in banca e valuti ciò che farai con gli interessi dell’investimento di cui ti ho parlato e per cui mi hai prestato i soldi, i tuoi soldi guadagnati duramente sono stati usati per impressionare altri in modo che cadessero nelle mie grinfie. Prendiamo proprio quella cosa che è di così grande importanza per te e ne abusiamo. La disprezziamo e la barattiamo proprio come se fosse una merce.

Quando tu alla fine ti accorgi che la tua fiducia è stata distrutta e che questo è successo ripetutamente. Quando alla fine ti svegli e unisci i puntini. Quando vedi le violazioni in flagrante della tua fiducia, quando la prova è inconfutabile e dolorosa, forse siamo spariti. Non solo abbiamo abusato della tua fiducia ma ti abbiamo lasciato senza spiegazione o ragione, abbandonandoti a fare i conti da solo con le conseguenze mentre ci spostiamo verso nuovi bersagli e iniziamo a guadagnare la loro fiducia. Proprio come per ogni truffatore per noi è necessario guadagnare la fiducia prima di essere in grado di abusarne. Non solo lo facciamo, ti feriamo ripetutamente attraverso queste azioni ad un punto tale, con così tanta gente e con così tanta gente consapevole di questo, a parte te, fino all’ultimo momento. Questa profanazione della fiducia ad ampio raggio e in massa, questo macchiare e deturpare la fiducia, ti lascia distrutto e incapace di fronteggiare la totalità della verità. Non riesci a comprendere di essere stato ingannato in modo così esteso e frequente. Non riesci a tollerare la sensazione che si origina dall’essere stato fatto passare per uno stupido in questo modo. Hai mantenuto la tua fiducia come qualcosa di cui andare fieri e ora sei stato lasciato a rimpiangere la tua fede in essa mentre ascolti i continui commenti come “te l’avevo detto”, “Non te ne eri accorto?” e “Ti fidi troppo”. Tu poni sullo stesso piano la fiducia e la verità. Il fatto che abusiamo della tua fiducia fa sì che tu non voglia accettare la verità di ciò che abbiamo fatto.

H.G. TUDOR

Violator

📑 UNA QUESTIONE DI FIDUCIA

78373746_118416192962130_6967014107522269184_n.jpg

Noi siamo in grado di fare ciò che facciamo per via di un tratto alquanto fondamentale che cerchiamo nella gente che selezioniamo; la fiducia. Cerchiamo quelli che fanno particolarmente ricorso alla fiducia e poi abusiamo di questa. La maggior parte delle persone agiscono sulla base della fiducia. Se non lo facessero, il mondo si fermerebbe. La fiducia facilita così tanti scambi tra le persone indipendentemente che questi scambi siano sociali, finanziari o emotivi. Quando qualcuno ti dice

“Mi piace la tua maglietta, ti dona”

hai fede che ti abbiano detto la verità. Se non ne avessi, ti fermeresti e li contro-interrogheresti sul perché gli piace, al fine di valutare se credere che le osservazioni siano vere oppure no. Ti fidi della compagnia da cui hai fatto un acquisto che ti venga recapitato quando dicono che lo faranno e che il prodotto sarà adatto all’impiego. Ti fidi che i tuoi colleghi facciano il proprio lavoro in modo efficace così che anche tu possa adempiere ai tuoi doveri. Ti fidi che la polizia mantenga l’ordine pubblico, se non lo facessi, ci sarebbe anarchia e il vigilantismo sarebbe diffuso.
È un assioma che ci debba essere fiducia altrimenti tutto rallenterebbe o si fermerebbe mentre la gente valuta, analizza, mette in discussione e verifica. La fede è evidente ovunque e non c’è maggior fiducia di quella che viene sperimentata in una relazione intima.

La gente si fida del fatto che il proprio partner abbia a cuore il loro bene, hanno fiducia nel fatto che non farà qualcosa per ferirli, hanno fede che sarà fedele e amorevole. Noi sappiamo che affinché tu ami nel modo in cui lo fai, quell’amore profondo e incondizionato, deve esserci fiducia. Ti approcci alle tue relazioni con quella fiducia posta davanti a te, un simbolo di buone intenzioni. Dai per scontato che chiunque altro con cui ti relazioni adotterà un simile atteggiamento fiducioso. Ti fidi del fatto che si fideranno.

Non sei cinico. Non agisci nel regno del sospetto e della diffidenza. Farlo sarebbe ammettere la sconfitta e macchierebbe l’ideale d’amore in cui ti sei impegnato. Tu prendi tutto per buono. Non è per etichettarti come ingenuo, sarebbe eccessivamente severo, perché come ho menzionato, molte persone agiscono sulla base della fiducia e così devono fare. Applichi questa fede nei rapporti con chi ti innamori, portato a credere da parte nostra che questa fiducia sarà reciproca, che non sarà violata, tradita o danneggiata. Sei un ricercatore della verità. Applichi l’onestà in tutti i tuoi rapporti e il tanfo delle bugie e la disonestà ti offendono notevolmente. Il fetore del nostro inganno, l’odore rancido della nostra falsità è forte ma la coltre profumata che facciamo scendere su simili oscuri e pericolosi inganni è tale che l’avvertimento maleodorante non si avvicina mai a te. Vieni ingannato nel credere che ti diciamo la verità all’inizio quando ti incontriamo. Ci comportiamo con una tale convinzione, l’aria di sicurezza che trasudiamo, apparentemente indiscutibile e impeccabile. Ti guardiamo negli occhi, quegli specchi invisibili ti riflettono indietro la tua sincera fiducia così da vedere ciò di cui necessiti. Osservi la presunta onestà, l’apertura apparente e questo mantiene il tuo senso di fiducia.

Fidandoti tu credi che otterrai la verità. Che il nostro amore sarà vero, che le nostre intenzioni siano oneste, che la nostra fedeltà sia reale e che regoliamo i nostri rapporti con te sotto il manto della fiducia. Credi che tutto questo avverrà perché ti facciamo pensare di poterti fidare di noi. Ci riferiremo a quelli che ci hanno deluso, quelli che ci hanno tradito e nel farlo sosteniamo il fatto che dipendiamo dalla fiducia al fine di beneficiare della tua. Vedi come ci siamo fidati degli altri e questi ci hanno deluso? Ci siamo sempre affidati in precedenza e così puoi essere certo che vogliamo guadagnarci la tua fiducia e che tu disponi della nostra. È tutto accuratamente orchestrato per canalizzare uno dei principi fondamentali ai quali ti attieni. Quando otteniamo questa fiducia e lo facciamo così facilmente, tu ci concedi di prendere questa merce preziosa e applicarci la nostra patina, rinforzarla e dimostrarti solamente quanto valore le diamo. In quanto compagni discepoli nella fede questo ci consente di comportarci in una maniera superiore ad ogni sospetto.
Quando ci incontriamo con un membro del sesso opposto e spieghiamo a lui o a lei che è solo un’amicizia ed è un drink amichevole tu non hai alcun motivo di pensare altrimenti. Credi in noi. Quando ti diciamo che lavoreremo fino a tardi. Ci credi. Quando ti chiediamo in prestito dei soldi. Hai fiducia in noi. Quando ti diciamo che stiamo usando la pillola contraccettiva. Tu ci credi. Quando ti diciamo che ti amiamo e non abbiamo mai amato nessuno come amiamo te prima – tu ci credi.

La fiducia equivale alla verità. Noi allora abusiamo della tua fiducia per portare avanti i nostri atti infidi. Corteggiamo altri partner e distruggiamo la tua fiducia. Mentre sei seduto a casa a guardare la televisione pensando che stiamo lavorando duramente per il nostro futuro noi stiamo flirtando e facendo scivolare i nostri tentacoli attorno ad una nuova prospettiva. Quando stai cucinando la cena per entrambi, impaziente per la serata insieme, io mi sto facendo la doccia in un albergo perché cerco di lavare via il profumo della persona con cui mi sono appena accoppiato. Quando controlli il tuo conto in banca e valuti ciò che farai con gli interessi dell’investimento di cui ti ho parlato e per cui mi hai prestato i soldi, i tuoi soldi guadagnati duramente sono stati usati per impressionare altri in modo che cadessero nelle mie grinfie. Prendiamo proprio quella cosa che è di così grande importanza per te e ne abusiamo. La disprezziamo e la barattiamo proprio come se fosse una merce.

Quando tu alla fine ti accorgi che la tua fiducia è stata distrutta e che questo è successo ripetutamente. Quando alla fine ti svegli e unisci i puntini. Quando vedi le violazioni in flagrante della tua fiducia, quando la prova è inconfutabile e dolorosa, forse siamo spariti. Non solo abbiamo abusato della tua fiducia ma ti abbiamo lasciato senza spiegazione o ragione, abbandonandoti a fare i conti da solo con le conseguenze mentre ci spostiamo verso nuovi bersagli e iniziamo a guadagnare la loro fiducia. Proprio come per ogni truffatore per noi è necessario guadagnare la fiducia prima di essere in grado di abusarne. Non solo lo facciamo, ti feriamo ripetutamente attraverso queste azioni ad un punto tale, con così tanta gente e con così tanta gente consapevole di questo, a parte te, fino all’ultimo momento. Questa profanazione della fiducia ad ampio raggio e in massa, questo macchiare e deturpare la fiducia, ti lascia distrutto e incapace di fronteggiare la totalità della verità. Non riesci a comprendere di essere stato ingannato in modo così esteso e frequente. Non riesci a tollerare la sensazione che si origina dall’essere stato fatto passare per uno stupido in questo modo. Hai mantenuto la tua fiducia come qualcosa di cui andare fieri e ora sei stato lasciato a rimpiangere la tua fede in essa mentre ascolti i continui commenti come “te l’avevo detto”, “Non te ne eri accorto?” e “Ti fidi troppo”. Tu poni sullo stesso piano la fiducia e la verità. Il fatto che abusiamo della tua fiducia fa sì che tu non voglia accettare la verità di ciò che abbiamo fatto.

H.G. TUDOR

A Question of Trust

👤 UNA QUESTIONE D’AMORE

79097483_1010732129292774_6215869806860566528_n.jpg

L’eterna questione. Filosofi hanno meditato riguardo a questo, scrittori hanno pubblicato lunghe opere volte a rispondere a questa domanda, poeti hanno scritto liriche su questa nozione e i cantanti regolarmente ci implorano di considerare la questione. Mi piace puntualizzare sulle cose perciò vado dritto al Dizionario e definisce l’amore come

“Un forte sentimento di affezione”

Vengo spesso aspramente criticato riguardo al fatto che non amo veramente le persone o che non comprendo l’amore. Che sciocchezza. Io sento un grandissimo senso di affezione verso di te quando ci incontriamo per la prima volta. Infatti, scommetterei che l’intensità dei miei sentimenti per te sia al di sopra e oltre di quello che sente chiunque altro. Perché mai altrimenti vorrei passare ogni momento di ogni giorno con te? Perché mai ti porterei in posti meravigliosi, facendoti costosi regali e inondandoti con le mie parole ben selezionate di affetto e desiderio? Io sento un’intensa connessione con te, spesso fin dall’inizio ed è il catalizzatore per bruciare di passione per te.
Chi mi può criticare per questi sentimenti? Come si può dire che non provo amore quando ciò che sento si conforma e anzi supera la definizione di amore? Lo sapete a cosa attribuisco le vostre critiche? Gelosia e invidia. È sempre così per chi vede il nostro amore perfetto e dichiara che è falso e irreale. Cosa ne sanno? Niente. Sono solo prigionieri dei loro gusci vuoti e amari, invidiosi di non avere quello che noi abbiamo. Io so quello che provo per te. Sono in contatto con me stesso a un tale livello che sono capace di esprimertelo attraverso pensieri, parole e azioni. Infatti molte delle mie vecchie fidanzate notavano che l’eloquenza con cui esprimevo il mio amore per loro era notevole e senza paragoni. Quindi sì, amo davvero. La mia forma d’amore potrà non essere la stessa della tua, ma allora di che si tratta? La mia versione è più dolce, più grande e onnicomprensiva.

Solo perché non è definitivo non vuol dire che non sia amore. La sua effimera natura è colpa tua, non mia.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2016/06/11/a-question-of-love/

👤 QUESTIONI DI SOLDI

78824945_2562205707234477_2428924213432680448_n.jpg

Rimani coinvolta con uno della mia categoria e la questione dei soldi non sarà lontana. Per i miei fratelli ad alto funzionamento i soldi non sono un problema. Siamo individui di successo. Infatti è la nostra natura guidata dal narcisismo che ci ha permesso di diventare persone di successo. Non siamo ostacolati da timori di dover compiacere chiunque. Non abbiamo preoccupazioni riguardo il pestare i piedi a qualcuno e se qualcuno è ferito dalla nostra mancanza di pietà, beh non abbiamo la capacità di sentire che ci importi qualcosa riguardo a questo, quindi sarà un crescendo di successo per noi. Infatti, il mondo ha bisogno della mia tipologia per ottenere risultati dato che in nome della preoccupazione per status e successo ci prenderemo dei rischi, creeremo, costruiremo. La felice conseguenza di questo successo è che ho tanto denaro da utilizzare nel mio periodo Love Bombing per ricoprirti di regali ed inviti in posti esclusivi.
Tutti amano ricevere questo tipo di cose.

D’altra parte successivamente noterai un cambiamento nella nostra generosità nonostante il nostro stipendio non indifferente, ti ritroverai a pagare tu per ogni cosa. Scorderò il mio portafoglio o metterò in chiaro che è il tuo turno di pagare. Andremo di corsa in bagno quando arriverà il conto e tu pagherai dato che staremo sulla soglia della stanza a controllare che tu lo faccia e solo dopo ritorneremo. Fingeremo mancanza di denaro per usare il tuo e che la nostra carta di credito sia al limite per utilizzare la tua e che stiamo aspettando dei conti da pagare quindi dobbiamo risparmiare questo mese. Perché facciamo così? Non preferiremmo sicuramente proseguire con i nostri gesti grandiosi essendo in possesso di un’ American Express nera e continuare così a ostentare le nostre risorse finanziarie? No, ti abbiamo dato tutto nel momento della seduzione e ora ti stiamo recapitando il conto per tutto questo.
Ci sentiamo in diritto che tu paghi per noi. Anche se la nostra iniziale generosità non era enorme, ti abbiamo ricoperta di amore e attenzioni. Tu ci devi tutto questo e verremo pagati tramite denaro, carta di credito, trasferimenti bancari o scambio di ostaggi. Vogliamo farti pagare per rafforzare il tuo impegno verso di noi. Stiamo esercitando controllo su di te. Ti stiamo testando. Vogliamo pressarti per vedere quanto pagheresti per farci restare con te. Quanti debiti contrarrai pur assicurarti che rimarremo insieme. Con tutto ciò che facciamo, il nostro atteggiamento verso i soldi è limitato a esercitare diritto e al bisogno di controllarti in modo che rimani premurosa e provvedi a fornirci il nostro prezioso carburante. Ecco come noi individui ad alto funzionamento teniamo in considerazione l’importanza del denaro. Toccherò l’argomento di come lo considerano quelli a basso funzionamento in un altro post. Quindi tieni per dopo i racconti relativi a condizioni di miseria forzata.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/14/money-matters/