👤 CONTRATTACCARE

79124978_654087348461114_815784825481854976_n.jpg

Ti ho dato un’idea dei miei modi e delle mie arti subdole spiegandoti nel dettaglio ciò che dico e le mosse che faccio.
Mi sono essenzialmente trattenuto dal darti consigli su come combattere le mie macchinazioni.
Una parte di questo deriva dal punto di vista arrogante (dico solo che non sono parole mie) secondo cui non c’è nulla che tu possa fare per provare a vanificare ciò che faccio. In parte è anche perché sto risparmiando la mia saggezza per far fronte al futuro. Nel frattempo lascia che ti dia un esempio di come contrattaccare non ti porta da nessuna parte.

Ti ho parlato di come la mia tattica del silenzio sia uno dei miei mezzi più efficaci. Mi richiede pochissimo sforzo, è devastante nel suo impatto e ti sottopone molto facilmente alla mia manipolazione. Ho utilizzato il trattamento del silenzio con Kate ma lei ha deciso di contrastarlo. Naturalmente non l’ha fatto immediatamente. Non è così intelligente. No, c’è voluto un certo periodo di tempo prima che realizzasse che usavo il silenzio per farla sentire colpevole ed esercitare controllo su di lei. Lei è caduta nella trappola di chiedere ripetutamente cosa non andasse e poi ha iniziato ad autoanalizzarsi e infine ad umiliarsi biasimandosi. Non sono sicuro di come sia successo ma successivamente ha cambiato tattica. Sospetto sia stata una nuova amica che ha un po’ della hippy e ama aiutare le persone a guarire e cose così. Sapevo sempre quando era venuta perché trovavo un nuovo cristallo sulla credenza (che buttavo via) e l’odore di qualche strana fragranza che aveva spruzzato. Ad ogni modo, questa persona certamente ha provocato un cambiamento nel comportamento di Kate. Non ho detto nulla e le ho dato uno sguardo gelido. Invece di chiedere quale fosse il problema, lei ha sorriso e ha detto,

“Non so cosa non vada in te ma so di essere nel giusto quindi ti sto per lasciare fino a quando non deciderai di finirla di tenere il broncio”

Mi ha preso alla sprovvista ma ho deciso che non sarebbe stata capace di mantenere la decisione. Il suo desiderio di aiutare e curare presto avrebbe preso il sopravvento sulla sua scelta. Le ho dato una settimana di silenzio ed ero sorpreso di notare la sua audacia nel riflettere ciò che stavo facendo. Nessuna telefonata, messaggio o visita. Poi dopo una settimana mi arriva un messaggio:

“Ti amo e ci tengo a te. Sono qui per quando vorrai parlarmi ancora. Nel frattempo mi occupo delle mie cose”

Ero intrigato. Poteva continuare? Le diedi un’altra settimana di silenzio e lo fece. Ora avevamo passato la durata di ogni silenzio precedente (11 giorni nel caso di Kate nel caso te lo domandassi).

Un’altra settimana era passata e anche se mi divertivo a mantenere questo silenzio, stavo iniziando ad irritarmi ed arrabbiarmi per la sua abilità nel duplicarlo. Non mi stava dando attenzione. Chiaramente non funzionava più. Ho deciso di cambiare approccio anzi quella sera sono uscito e ho rimorchiato una ragazza in un locale della zona. Si chiamava Stephanie. Ho applicato il “Bollettino Relazionale” postando tantissime foto di lei e me su Facebook e Twitter. Sapevo che Kate controllava i miei aggiornamenti e post anche se non era in contatto con me.

La mattina seguente Kate era alla mia porta che bussava e chiedeva di vedermi e mi dava l’attenzione di cui ho bisogno e che merito. Sapevo che sarei arrivato a lei alla fine.

Tu puoi anche trovare il modo di affrontare una delle mie tattiche ma ne ho un vasto arsenale a mia disposizione.

Io vinco sempre.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/23/fighting-back/

👤 QUESTIONI DI SOLDI

78824945_2562205707234477_2428924213432680448_n.jpg

Rimani coinvolta con uno della mia categoria e la questione dei soldi non sarà lontana. Per i miei fratelli ad alto funzionamento i soldi non sono un problema. Siamo individui di successo. Infatti è la nostra natura guidata dal narcisismo che ci ha permesso di diventare persone di successo. Non siamo ostacolati da timori di dover compiacere chiunque. Non abbiamo preoccupazioni riguardo il pestare i piedi a qualcuno e se qualcuno è ferito dalla nostra mancanza di pietà, beh non abbiamo la capacità di sentire che ci importi qualcosa riguardo a questo, quindi sarà un crescendo di successo per noi. Infatti, il mondo ha bisogno della mia tipologia per ottenere risultati dato che in nome della preoccupazione per status e successo ci prenderemo dei rischi, creeremo, costruiremo. La felice conseguenza di questo successo è che ho tanto denaro da utilizzare nel mio periodo Love Bombing per ricoprirti di regali ed inviti in posti esclusivi.
Tutti amano ricevere questo tipo di cose.

D’altra parte successivamente noterai un cambiamento nella nostra generosità nonostante il nostro stipendio non indifferente, ti ritroverai a pagare tu per ogni cosa. Scorderò il mio portafoglio o metterò in chiaro che è il tuo turno di pagare. Andremo di corsa in bagno quando arriverà il conto e tu pagherai dato che staremo sulla soglia della stanza a controllare che tu lo faccia e solo dopo ritorneremo. Fingeremo mancanza di denaro per usare il tuo e che la nostra carta di credito sia al limite per utilizzare la tua e che stiamo aspettando dei conti da pagare quindi dobbiamo risparmiare questo mese. Perché facciamo così? Non preferiremmo sicuramente proseguire con i nostri gesti grandiosi essendo in possesso di un’ American Express nera e continuare così a ostentare le nostre risorse finanziarie? No, ti abbiamo dato tutto nel momento della seduzione e ora ti stiamo recapitando il conto per tutto questo.
Ci sentiamo in diritto che tu paghi per noi. Anche se la nostra iniziale generosità non era enorme, ti abbiamo ricoperta di amore e attenzioni. Tu ci devi tutto questo e verremo pagati tramite denaro, carta di credito, trasferimenti bancari o scambio di ostaggi. Vogliamo farti pagare per rafforzare il tuo impegno verso di noi. Stiamo esercitando controllo su di te. Ti stiamo testando. Vogliamo pressarti per vedere quanto pagheresti per farci restare con te. Quanti debiti contrarrai pur assicurarti che rimarremo insieme. Con tutto ciò che facciamo, il nostro atteggiamento verso i soldi è limitato a esercitare diritto e al bisogno di controllarti in modo che rimani premurosa e provvedi a fornirci il nostro prezioso carburante. Ecco come noi individui ad alto funzionamento teniamo in considerazione l’importanza del denaro. Toccherò l’argomento di come lo considerano quelli a basso funzionamento in un altro post. Quindi tieni per dopo i racconti relativi a condizioni di miseria forzata.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/14/money-matters/

👤 007

79407256_2669561956459999_8281645576114667520_n.jpg

Io sono un grande fan di James Bond, sia a livello letterario che nella versione cinematografica. Perché? Perché è uno della mia tipologia. Attrae un’ammirazione universale ovunque vada. Le donne vogliono stare con lui e gli uomini vogliono essere lui. È ovvio che agisca alla velocità di un tornado. Il carburante che 007 riceve deve essere di altissima qualità, super raffinato, energia super potente. Posso sentirne un’ondata al solo pensiero di essere lui. Attira le donne in un istante, sfoggiando una serie di tecniche seduttive che ha ben perfezionato tramite la pratica e l’osservazione delle persone. Passa dall’incontro al letto in sessanta secondi. E’ un ragazzo. Non si attacca mai ad una donna, ce ne sarà presto un’altra che gli fornirà ulteriore amore e ammirazione.

Bond ama i suoi gadget e li apprezza con la nostra attenzione oggettificata. Chiaramente appartiene alla nostra tipologia quando prova più divertimento per una penna laser che a stare rintanato a guardare una vecchia soap opera con una partner a lungo termine. Nota come i suoi occhi si espandono per il piacere quando l’inventore Q gli svela un orologio che è anche un esplosivo. Apprezza la perfezione e la maestria. Dal suo completo di Turnbull e Asher alla sua pistola Walter PPK e infine le macchine di alta qualità con cui guida ad una velocità spericolata.

Non ha nessun concetto dei limiti. Partecipa ad un poker senza invito, entra nella tana del cattivo attraverso una serie di atti distruttivi e non ci pensa un attimo a sottrarre una signora ad un rivale. Irrompe sempre nella casa del direttore M e smanetta con il suo portatile. La sua tendenza alla dipendenza emerge all’apparire di numerosi Vodka Martini e la passione seriale per le donne. Vede tutti intorno come inferiori a lui e non ha nessuna difficoltà nel far fuori qualcuno che non gli serve più o lo ostacola. Il suo senso di essere in diritto è imponente. Andrà dove vuole, avrà qualsiasi donna desidera e sparerà a chiunque provi a sfidarlo, senza un secondo di esitazione.

La sua fiducia in sé è fuori misura. In “La morte può attendere” entra in un hotel di Hong Kong e assomiglia a Robinson Crusoe ma lo fa con quell’aria da uomo vestito con uno smoking costoso. Nel romanzo Moonraker, Bond va al Blades, un club insieme ad M e immagina che i clienti lo vedano come “un duro” e “non il solito tizio che si vede al Blades”. Non li usa forse come specchi?

Infine, chiunque con il motto “Il Mondo Non è Abbastanza” può essere solo uno della mia categoria.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/10/007/

👤 APPOGGIATO

80105550_801963526917719_3375753198399651840_n.jpg

Io sono il prodotto di quelli che ho appositamente attirato nel mio mondo inventato. È attraverso di quelli che ho preso nella mia rete che trovo una parvenza di identità. In questo preciso momento, io conosco molte persone che ho preso perché mi danno senso di chi sono. Se non lo facessi mi sentirei vuoto, insulso, perso.

In una sessione con il Dr E, lui mi ha chiesto di descrivere chi sono. Per un momento sono stato preso dal panico mentre cercavo confusamente di provare a rispondergli. È durato solo un momento ma è stato molto spiacevole. Mi sentivo come se stessi cadendo da un ponte, precipitando verso l’abisso del mio stomaco in stravolto. Grazie al cielo la mia mente capace di switchare mi è venuta in soccorso. Ho realizzato che ero scivolato nella trappola del Dr E nello sforzo di dare la risposta giusta. In qualche modo ha iniziato a causarmi di considerare sempre la verità ogni volta che gli rispondo ad una domanda. Non sono certo di come sia successo. Avrà messo qualche siero della verità nella mia acqua? È possibile o succede solo nei film di spionaggio? Devo ricordarmi di investigarci. Se fosse così, sarebbe etico? Bene, qualunque cosa stia facendo, non è più avanti di me. No di certo. Il mio panico iniziale nel cercare di dare la risposta giusta è svanito appena il mio metaforico paracadute si è aperto e ho sorriso dentro di me mentre planavo verso la salvezza. Non mi prenderai Dr E.

Anzi, ho spiegato chi sono. È stato facile. Io sono il bel amante premuroso (risultato della bellezza, secondo Kim che è la corrente beneficiaria delle mie attenzioni). Sono l’uomo d’affari di successo e il dinamico motivatore delle persone (a detta della mia boss Julia secondo un membro del mio team, Eric). Sono l’eclettico che coinvolge e accende l’atmosfera durante le cene (questa proviene dal quel mostro di intelligenza che è Paul) e sono il leale, comprensivo amico (cortesia di Tania). Sono stato rapido nell’assemblare tutte queste parti raccolte in modo da creare il mio sé personale e trasmetterlo al Dr. E.
Non ha detto nulla mentre ascoltava questi attributi, la sua penna si muoveva regolare lungo la pagina del suo notes nero e rosso.

Non l’ho ammesso con il Dr E ma mi baso su queste persone per creare la mia essenza. È la via più semplice per me per esistere e sopravvivere. Non siamo forse un po’ tutti il prodotto delle persone con cui rapportiamo? Penso che sia così. Ho bisogno di queste persone che ho reso una sorta di travestimenti di scena per garantirmi il senso di me stesso. Non li vedo come volumi separati ma come parti di me, ecco perché mi mettono al primo posto. Loro vedono in me i tratti che possiedono e vogliono mischiare le nostre due somiglianze in modo da creare qualcosa più potente ed efficace. Loro fanno da sostegno a me stesso.

Stavo seduto in una sedia confortevole nello studio del Dr E con un espressione contenta. Gli avevo dato la risposta e lui poteva andare ad inserirla nel portfolio in costante espansione di informazioni a mio riguardo. Mi chiedevo, quali conclusioni avrebbe tratto dalle mie risposte? Sono orgoglioso della mia abilità di attrarre e utilizzare allo stesso modo persone brillanti. Dopo tutto, quale attore o attrice non ha mai utilizzato un travestimento durante la sua performance?

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/10/propped-up/

👤 LA GUERRA ALL’ERRORE

78830952_571475393585877_887964619929288704_n.jpg

Non mi piacciono gli errori. Amo tutto quello che è corretto in caso contrario mi sento come minimo scombussolato e al peggio furioso. Le persone spesso mi chiedono scusa. Io rispondo “non essere dispiaciuto, sii accurato”. Questa richiesta di accuratezza deriva dal mio essere ben educato e naturalmente intelligente. Mi è stato sempre ripetuto all’infinito fin da bambino che avevo bisogno di essere il migliore della classe e mi sono sempre sforzato di dare il 100%. È stato un’ ottima base che mi ha portato in una buona posizione. Spesso rimprovero i commessi per le loro insegne quando aggiungono apostrofi non necessari pensando che siano necessari per il plurale o li omettono quando denotano possesso. Ho perso il conto delle mie scorribande su Facebook e sui Forum di internet per puntualizzare sull’uso scorretto di “their” “there” e “they’re”. Mi ringraziano raramente ma cosa vuoi aspettarti da persone ineducate. Alcune persone semplicemente si rifiutano di migliorare se stessi.

Tutto questo è irritante. Mi infurio quando le persone sbagliano con me. Mi rende particolarmente arrabbiato. Gli errori assumono la forma di attacco personale e sono basati al meglio su un equivoco e al peggio su una palese bugia. Ogni attacco alla mia persona mi fa davvero arrabbiare e perdo le staffe molto facilmente quando accade. Cosa si aspettano? Che me ne stia seduto quieto mentre assassinano la mia persona? No davvero. Spesso puntualizzo che si sbagliano e che ricordano male la conversazione che stanno utilizzando per attaccarmi. Questo accade spesso. Travisano sempre ciò che ho detto o accordato e poi tentano di farmi passare per cattivo. Non ci sto. Una delle mie ex fidanzate, Trish, una volta mi ha detto: “Tu mi sminuisci e mi correggi sempre. È umiliante”. Ero stufo di sentire questo e sono esploso per la rabbia. Gridando dato che era l’unico modo per essere sicuro che mi ascoltasse. Le ho spiegato che non sempre la sminuivo e la correggevo perché se l’avessi fatto costantemente, sarebbe successo ogni secondo, di ogni ora, di ogni giorno. Ho spiegato che si respira sempre o che la terra ruota in continuazione. L’ho informata del fatto che la parola che doveva usare era “ripetutamente”. Ha iniziato a piangere e ad urlare. La sua ipersensibilità e la sua reazione eccessiva al mio solo tentativo di aiutarla mi ha divertito. Ripetutamente.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/06/the-war-on-error/

 

👤 PREPARATI AL SALTO

79008327_544022269775979_2524358257900781568_n.jpg

Le persone spesso accusano me e la mia specie di non fare cose carine. Lo trovo offensivo e scorretto. Se ci sono due cose che mi irritano considerevolmente, sono l’essere ferito e che le persone sbaglino (vedi La Guerra all’Errore). La vedo come un’utile opportunità per rimuovere questo pregiudizio. Quando incontro una donna per la prima volta, due cose mi attraversano la mente. La prima è che voglio prendermi cura di lei, trattarla bene e farla sentire speciale. La seconda è domandarmi come sarà la sua espressione mentre piange. Nota quale delle due metto al primo posto. Io sono fin troppo generoso. Ti comprerò regali, ti porterò in posti meravigliosi e mi assicurerò che tu e solitamente anche un pubblico di persone siate totalmente consapevoli dell’estensione della mia generosità. Mi interesso a te e mi impegnerò a fare qualsiasi cosa che ti piaccia. Dimmi ora, come puoi pensare che io non faccia gesti carini?

Come nella maggior parte delle relazioni c’è una luna di miele e le acque si calmano. Non c’è alcun bisogno che continui a comprarti profumi o lingerie, o il cofanetto nuovo dei DVD. Una persona può stufarsi di cenare in un favoloso ristorante ogni Venerdì o trascorrere lunghi weekend sulla costa. Riduco l’estensione della mia generosità ma non la estinguo del tutto. No davvero. Mi piace sorprenderti. Mi piace fare un grande gesto dicendoti che ho i biglietti per il concerto del tuo cantante preferito o potrei nascondere un delizioso regalo sotto al tuo cuscino. Mi piace farlo e che ti faccia sentire desiderata e felice. Significa anche che sto per spingerti giù dal precipizio e darti un colpo micidiale. Non voglio che tu sappia che sta per succedere. Non vogliano gli Dei, voglio che tu ti senta sicura quando all’improvviso ti sottoporrò ad un trattamento del silenzio. In questo modo avrò una reazione sensazionale al mio comportamento e mi potrò nutrire a fondo con il tuo comportamento emozionale.

H.G. TUDOR

Get Ready to Drop

👤 LE REGOLE DELL’ATTRAZIONE

79216079_601326703961910_6076506300018065408_n.jpg

Le persone con cui interagisco, specialmente quelle con cui ho una relazione, spesso mi chiedono qual è la prima cosa che mi ha attratto di loro. Il Dr E. mi ha chiesto di riflettere bene su questa domanda. L’ha divisa in due parti. Per prima cosa voleva che gli dicessi cosa mi attrae subito di loro. Voleva che ritornassi a questa prima impressione, sia che fosse online, dal vivo o dal finestrino della mia auto. In secondo luogo mi ha chiesto di riguardare a tutto questo con il senno di adesso. Il motivo dell’attrazione era differente da ora? Questo ha dato luogo ad una lunga sessione con varie pause perché ci ho messo molta concentrazione. Devo ammettere che è stata una delle domande migliori del Dr E quindi sentivo che meritava una certa applicazione da parte mia.

Per quanto riguarda la prima parte, può essere assolutamente qualsiasi cosa. Il colore dei capelli, la forma del tuo naso, il profumo che indossi, il pezzo di lavoro che hai completato, la tua scelta della salsa per le patatine, la tua voce o la macchina che guidi. Questo è quello che noto. Uso questo come punto focale per il mio improvviso e travolgente interesse per te. Cerco qualcosa, qualunque cosa per cui valga la pena fare un complimento e quando l’ho trovata la utilizzo immediatamente e poi ne cerco un’altra, e un’altra ed un’altra ancora per caricare la mia mitragliatrice di complimenti e fare fuoco verso di te.

La seconda parte della questione riguarda cosa realmente trovo attraente. L’iniziale attrazione è solo una frenetica corsa nel tentativo di costruire un ponte e attraversarlo correndo per essere con te. Ciò che veramente mi attrae è la dimostrazione di quanto sei onesta e premurosa. Gentile e comprensiva. È questa l’unica cosa che mi importa. Questi attributi indicano che tu sei estremamente suscettibile ai miei complimenti e anche che sarai totalmente sconvolta quando li ritirerò. In ultima analisi annuso che tu mi darai l’ammirazione e l’attenzione di cui ho diritto.

Questo ha portato il Dr E a chiedermi come faccio a sapere che tu sei onesta, gentile e così via. Ho iniziato a rispondere ma ha detto che voleva che ci pensassi 15 minuti prima di farlo. Sapevo la risposta in meno di un minuto quindi ho compilato una lista riguardo ai metodi da utilizzare per sedurre la mia vicina. È stato un uso molto più produttivo del tempo. Una volta che il tempo prescritto è terminato, il Dr E mi ha chiesto ancora come faccio a saperlo. Ho detto che è semplice, Semplicemente lo so.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/10/02/the-rules-of-attraction/

👤 NON GUARDARE AL PASSATO CON RANCORE

79036689_441805423415406_7417728675644178432_n.jpg

Molte delle mie ex fidanzate amano riflettere sul passato. Sorridono e raccontano qualche aneddoto, una festa particolare o un viaggio divertente che hanno fatto una volta sulla costa.
Qualche volta non è un evento specifico ma piuttosto il modo in cui una persona si è comportata. Spesso e volentieri i loro ricordi sono focalizzati sul buono delle cose. Io non penso riguardo al passato. Non invade mai la mia coscienza. Non sono inseguito dalle memorie delle cattiverie che ho fatto alle persone. Me ne sto sdraiato nel mio letto e dormendo sonoramente. Mi sveglio riposato e pronto per la mia prossima conquista. Quando eventualmente scarico qualcuno dalla mia vita (lo faccio sempre) non do alla cosa un secondo pensiero a meno che mi serva qualcosa da quella persona. Non mi chiedo mai come stanno o cosa stanno facendo. Per me, lontano dagli occhi fuori dalla mente, letteralmente. Io ti cancello e in effetti nego la tua esistenza.
Molte persone conservano potenti ricordi del loro viaggio attraverso la vita: da bambini, il giorno del matrimonio, l’inizio della carriera o del college, il trasferimento nella prima casa e così via. Io non mi curo di nessuno di essi. Non ottengo nulla guardando indietro. Non ha scopo per me. Io devo guardare avanti. Devo guardare alla mia prossima dose, la mia prossima conquista, la mia prossima vittima.

L’assenza di questa forma di attaccamento verso eventi e persone passate mi da un’enorme mobilità. Tu resti impantanata per settimane, mesi e perfino anni con i fantasmi e le memorie del passato. Per me queste evaporano in un istante e mi lasciano libero di agire impunito. Non ho ricordi di cosa è accaduto. Nessun racconto ammonitore. Nessuna registrazione di cose passate. Ecco perché è futile cercare di portare il passato alla mia attenzione nella speranza che io possa cambiare o possa riconoscere la forza di quello che stai dicendo. Tu provi a parlare di qualcosa che avevamo una volta, facevamo, condividevamo. Non per me. Non è mai esistito. È una perdita di energia aggrapparsi al passato. Non mi guardo mai indietro. Faresti meglio a fare lo stesso.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/09/30/dont-look-back-in-ang

👤 COME UN LIBRO

78896283_545175169365176_7054514892128124928_n.jpg

Com’è che sono così dotato nel leggere la gente? È semplice. Passiamo tutto il tempo da svegli a farlo. Non sentiamo molte emozioni, quindi dobbiamo imparare tutto a riguardo. Abbiamo anche bisogno di sapere cosa ti piace e cosa no prima di tutto in modo che questo ci permetta di prenderti in trappola.
Il nostro bisogno di mimare quello che fai è fondamentale. Quindi guardiamo e osserviamo te e le altre persone per vedere come reagisci in certe situazioni. Poi lo registriamo attentamente nella nostra mente. Noi sappiamo quanto ami gli animali quindi qualsiasi commento contro un gatto o un cane ti scuoterà. Se lo indirizziamo al tuo animale la reazione diventerà più forte. Noi siamo consapevoli di quanto il rapporto con tua sorella sia difficile, quindi useremo questa conoscenza per estrarre da te particolari reazioni, facendo commenti favorevoli sulle cose che fa. Potremmo sembrare gentili nel complimentarci ma lo stiamo facendo perché sappiamo che ti causerà una reazione.

Anni di pratica hanno fatto di noi dei maestri in questo. Ci aiuta in due modi. Impariamo come dovremmo reagire e questo serve a completare la maschera che usiamo nella vita. Ci rende anche abili nel sapere esattamente quali bottoni premere con te per suscitare la reazione migliore per raggiungere i nostri scopi.
Guarda indietro, alla nostra relazione e considera quanto è incredibile il nostro talento. Ti chiederai se la mia tipologia ha un qualche tipo di sesto senso. Le persone spesso si domandano se si impara in una qualche Accademia dei Narci. La realtà è che fin da piccoli iniziamo a osservare, scrutare, registrare e mimare in modo da trovare il modo migliore per manipolarti.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/09/29/like-a-book/

👤 PARLARE DI ERRORI

 

80001439_445028786398560_1475737663255347200_n.jpgUno dei miei altri psichiatri, la chiamo Dottoressa O (lei è ossessionata da me- non penso sia una cosa molto professionale sebbene sia naturale) mi ha chiesto di fare una lista di cose che dico la prima volta che incontro qualcuno.
Ho sospirato e alzato gli occhi al cielo. Come mai potrei spiegarlo? Parlo con così tante persone ed essendo onesto, sembrano confondersi in una sola per me, quindi è molto difficile distinguere tra loro e ricordare cosa ho detto. D’altra parte lei è insistente e poi mi è stato tutto chiaro. Io non ho proprio bisogno di ricordare. Tu lo fai. Dopotutto, incontrarmi per la prima volta è un’occasione così memorabile che le mie meravigliose parole restano scolpite nel tuo cuore per sempre. Considerando tutto quello che ho fatto per te, forse mi farai un favore (mi farai un favore o vedrai) e dirmi cosa ti ho detto nella fase embrionale della nostra relazione. Così posso fare copia-incolla e passarli alla Dottoressa O e così forse sarà un pochino meno ossessionata. Non stare lì a pensarci, ho bisogno di saperlo così mi sentirò meglio.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2015/09/28/speaking-in-wrongs/