Pubblicato il Lascia un commento

👤 MAI ABBASTANZA

Ti avrò detto che ho solo occhi per te, che tu sei l’unica, che sono completamente dedicato a te e che ho voglia di stare sempre e solo con te. Tu mi fai dire queste cose. È la tua aspettativa di questa fedeltà a te e solo a te, indottrinata in te dal mondo, che mi fa dire queste cose. Io devo soddisfare le tue aspettative per catturarti e poi mantenerti. È una situazione ridicola. Da quando una persona può essere sostenuta solo da una cosa? È impossibile. Nella sua forma più semplice, ti viene dato solo acqua da bere e niente da mangiare. Morirai di fame. Poi, se ti viene dato da mangiare solo pane, il tuo corpo sarà malnutrito in quanto non riceve i nutrienti di cui ha bisogno da frutta, verdura, carne e così via. Una sola cosa da mangiare non è sufficiente. Prendi il tuo lavoro. Se dovessi fare sempre la stessa cosa, lo stesso compito in assoluto andresti fuori di testa dalla noia. Oppure perderesti il lavoro a causa della meccanizzazione. Una sola cosa non è abbastanza.

Hai mai avuto una sola relazione? Improbabile. In quale altro modo sapresti se è quella giusta se non hai nulla con cui confrontarla? Un uomo solo può vincere una partita di calcio? Ovviamente no. Ha bisogno dei suoi compagni di squadra. Da dove viene il tuo stimolo? Sei relegato a leggere un solo libro ripetutamente? No. Un film visto innumerevoli volte? No, ti piace e preferisci una varietà di spettacoli proiettati. Hai solo una persona con cui interagisci a livello sociale? Di nuovo, la risposta è no. Attingi il tuo nutrimento sociale da diversi amici, familiari, conoscenti e così via. Uno non è abbastanza.

Io non sono diverso. La cosa che mi sostiene è il carburante. Devo attingerlo da diverse fonti. Eppure, le mie azioni necessarie per acquisire questo carburante mi sottopongono all’indignazione morale e alla disapprovazione. Come può essere giusto? Io non ti dico che devi mangiare un solo tipo di cereali a colazione per il resto della tua vita, perché ci si dovrebbe aspettare da me che raccolga il mio carburante da un solo apparecchio? Ho bisogno di variare. Non solo è necessario garantire che il carburante sia sempre pronto, ma è necessario fornire l’elemento propulsore per la fornitura di carburante dal mio apparecchio principale. Se non ho nulla da cui possa provocare una tua reazione, il tuo carburante che fluisce si prosciugherà presto.

Il risultato è che io e te non siamo mai soli. Non vi è unicità nonostante tutte le mie parole affermino che è così. Quando ti irretisco per la prima volta, ci sarà un altra persona che subisce il mio vetriolo. Molto probabilmente vieni avvisato di questo ex psicotico.  Ciò di cui è meno probabile che ti parli è della mia campagna di denigrazione in corso al fine di raccogliere ulteriore carburante da questa puttana che mi ha deluso. Sarò fedele all’inizio. Sì, fedele quanto alla tua comprensione del concetto, vale a dire che non frequenterò fisicamente un’altra persona. Non sono fedele, tuttavia, nell’essere dedicato solo a te. Contatterò gli altri per portarli nella mia sfera di influenza, molto probabilmente sussurrando loro le stesse cose che ho detto a te. La mia bocca può non chiudersi su queste nuove opportunità, ma è una cosa più casuale che calcolata. Sicuramente l’ho chiusa con loro per attingere carburante da loro. Mentre mi faccio raccontare la giornata quelle linee invisibili di carburante raggiungono e si attaccano alla maggior parte delle persone con cui interagisco. Sono sicuro, giudicato dai tuoi standard, che non ti preoccuperesti eccessivamente dei metodi con cui attingo carburante da alcune persone. In altri casi saresti preoccupato al massimo. Tuttavia, devi capire che sto solo facendo quello che fanno tutti. Sto cercando varietà. Nel tuo caso lo fai perché preferisci che sia così. È interessante. Mantenere una variabilità mantiene le cose fresche e stimolanti. Nel mio caso devo farlo. Potrebbe non esserci traccia di rossetto sul mio colletto ma ci sono decine di linee di carburante collegate e in modi che troverai sempre sgradevoli. Questo ovviamente se mai lo scoprissi.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Never Enough

Pubblicato il Lascia un commento

📰 CAMALEONTE

È probabile che tu stia leggendo questo sul tuo telefono cellulare, su un tablet o su un laptop, godendoti la mobilità che ti viene offerta perché accedi a contenuti come questo da un dispositivo elettronico. Potresti essere a casa, raggomitolato sul divano o forse stai leggendo questo seduto su uno sgabello in cucina in attesa che una pentola bolla o che un forno a microonde faccia ping. In alternativa, potresti essere sull’autobus o sul treno, a sfogliare questo ultimo pezzo di scrittura con altre persone vicine e che ti passano accanto. Riesci a vedere l’autista dell’autobus? Ci riesci. Come sapevi che era lui? In virtù della sua posizione al volante del veicolo, ovviamente. Anche la sua uniforme e la livrea della sua società sulla maglietta, sul maglione o sulla giacca potrebbero dirti il suo ruolo. Potresti essere fermato in una stazione o in alcuni semafori e riesci a vedere un agente di polizia che gestisce un’inchiesta, che dirige il traffico, che distribuisce un biglietto o che semplicemente getta un occhio sul mondo che lo circonda. Come facevi a sapere che lui o lei è un agente di polizia? La divisa si distingue in modo più netto, come è stato inteso fare. Facile da individuare non è vero?

E l’uomo seduto di fronte a te? Chi è lui e cosa fa? È assorto nel contenuto del suo tablet ma puoi vedere che non sta leggendo ma sta guardando alcuni grafici. Forse un analista? Un venditore che controlla le sue prestazioni di vendita? Uno statistico che osserva gli ultimi dati relativi ai tassi di criminalità in città? Potrebbe essere uno di questi vero, ma potevi fare un’ipotesi plausibile in base al suo ruolo. Che mi dici della signora che sta salendo sul bus adesso, cosa puoi dire di lei? È alle prese con un passeggino e due grandi borse della spesa, mentre sta assicurando anche che un bambino si arrampichi a bordo. Molto probabilmente una casalinga e chiaramente una madre. Puoi vedere una fede nuziale su una delle sue dita quindi è sposata. Suo marito probabilmente è al lavoro mentre lei si occupa della gestione della casa. Hai raccolto tutte queste informazioni in un momento.

Forse stai camminando verso casa e mentre scorri questo articolo ti accorgi che qualcuno sta camminando dietro di te. Abbassi il cellulare e ti guardi dietro le spalle per vedere un signore ben vestito che cammina a passo spedito portando una valigetta. Non lo consideri una minaccia e riprendi a guardare il cellulare mentre lui ti raggiunge e poi ti sorpassa senza incidenti. La tua valutazione su di lui si è dimostrata corretta. Proprio come quella volta in cui ti sei avvicinato a una metropolitana a tarda notte e hai visto una mezza dozzina di tute con indosso giovani in bilico nelle vicinanze. Tu eri più alto di loro e più vecchio di loro, ma qualcosa nel modo in cui stavano in piedi ti faceva capire che stavano cercando problemi, quindi hai deciso di non prendere la metropolitana e trovare un percorso diverso anche se più lungo e tortuoso, ma la tua sicurezza era più importante dei tuoi piedi doloranti.

Tu valuti ed esamini tutti quelli che incontri. Nelle conversazioni con gli amici ti siedi, ascolti e cerchi segnali visivi che siano interessati a ciò che stai dicendo. I giocatori di poker controllano i loro avversari mentre cercano i “suggeritori” perché favoriscano il gioco. I pugili si guardano negli occhi prima che inizi l’incontro per vedere chi prima interromperà lo sguardo e concederà un vantaggio psicologico all’avversario. I giudici osservano attentamente i testimoni e, attraverso le loro espressioni facciali, ricevono suggerimenti sul fatto che il testimone sta fornendo le proprie prove in modo veritiero, e questa osservazione consente al giudice di valutare la veridicità del testimone. A letto con il tuo partner intimo osserverai il suo viso e ascolterai i suoni che emette per accertare che cosa funziona per lui e cosa dovresti fare di più. Puoi dire dal modo in cui una persona sta camminando nell’ufficio che con le spalle curve e la testa bassa non è dell’umore adatto per essere avvicinato e per porgli una domanda su una prossima riunione. Quella persona nell’angolo della stanza alla festa sta fissando il pavimento e si sente troppo timida per parlare alla gente. Ogni singolo giorno tu valuti centinaia di persone e prendi una subitanea decisione su chi sono, se ti piacciono, se vuoi aiutarle o se rappresentano una minaccia per te. Tu sai istintivamente che certi modi in cui gli occhi guardano equivalgono ad un avvertimento, la piega della bocca denota irritazione, l’inclinazione della testa conferma una certa arroganza. Il modo in cui qualcuno si alza, si siede, cammina e gesticola, tutto ti dice qualcosa che tu elabori in un istante. Raccogli così tanto da una vita intera a guardare le narici che eruttano, le labbra sottili, i menti sporgenti, le sopracciglia corrugate e gli occhi che si spalancano. Vengono fatte valutazioni su valutazioni, e invariabilmente quelle accurate che ti permettono di negoziare la tua via durante il giorno, attraverso la vita mentre interagisci con tante persone nel tuo privato, negli affari e nella socializzazione. Sei molto abile nel leggere i segnali, a capire le persone e anticipare ciò che accadrà dopo. È un’abilità altamente sviluppata e impressionante.

Sorprendente quanto di questo va a farsi friggere quando incontri uno di noi.

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

Chameleon