📁 UN NARCISISTA MOLTO POLITICO?

190722 A Very Political Narcissist

Oggi ci sono le elezioni generali nel Regno Unito.

Boris tiene il comando nei consensi, ma questo si trasformerà in voti effettivi.
Il suo elettorato è sotto minaccia di voto strategico.

È Primo Ministro da pochi mesi e ha conquistato il comando per guidare il partito Conservatore.

Se Boris vince le elezioni generali, mette le mani su più potere, ma le redini potrebbero essere consegnate a un narcisista? Poniamolo sotto il TudorScopio e scopriamolo …

Primi Inizi

Johnson nacque da genitori inglesi, Stanley e Charlotte, il 19 giugno 1964 nella parte più alta ad est di Manhattan a New York City. La sua nascita fu registrata sia dalle autorità statunitensi che dal consolato britannico della città, garantendogli così sia la cittadinanza americana che inglese.

Il nonno materno di Johnson era l’avvocato Sir James Fawcett. Il bisnonno paterno di Johnson era un giornalista turco-circasso, che era un musulmano laico; gli altri antenati di suo padre comprendono inglesi e francesi, e includono la discendenza da re Giorgio II di Gran Bretagna. La madre di Johnson era Charlotte Fawcett; artista proveniente da una famiglia di intellettuali liberali, aveva sposato Stanley nel 1963, prima di trasferirsi negli Stati Uniti. È la nipote di Elias Avery Lowe, un paleografo, che era un ebreo russo emigrato negli Stati Uniti, e Helen Tracy Lowe- Porter, un traduttore di Thomas Mann. Il bisnonno materno di Johnson era un ebreo lituano e rabbino ebreo ortodosso.

I genitori di Johnson vivevano di fronte all’Hotel Chelsea, anche se nel settembre del 1964 tornarono in Gran Bretagna, in modo che Charlotte potesse studiare all’Università di Oxford. Visse con suo figlio a Summertown, Oxford, e diede alla luce una figlia, Rachel, nel 1965. Nel luglio del 1965, la famiglia si trasferì a Crouch End, nel nord di Londra; nel febbraio 1966, si spostarono a Washington D.C., dove Stanley aveva ottenuto un impiego presso la Banca Mondiale. Un terzo figlio, Leo, nacque nel settembre 1967. Stanley ottenne poi l’impiego con un gruppo strategico sul controllo della popolazione, e a giugno spostò la famiglia a Norwalk, nel Connecticut.

Nel 1969, la famiglia si stabilì nella fattoria di famiglia di Stanley a Nethercote, nell’Inghilterra occidentale. Lì, Johnson ebbe le sue prime esperienze con la caccia alla volpe. Stanley era regolarmente assente da Nethercote, lasciando che Johnson venisse cresciuto in prevalentemente dalla madre e dalle ragazze alla pari.

Lui e i suoi fratelli furono incoraggiati a intraprendere attività intellettuali fin dalla giovane età, con grandi risultati molto apprezzati; La prima ambizione documentata di Johnson era quella di essere “il re del mondo”. Avendo pochi o nessun amico a parte i suoi fratelli, i bambini si avvicinarono molto.

Alla fine del 1969 la famiglia si trasferì a Maida Vale, nella zona ovest di Londra, dove Stanley iniziò la ricerca post-dottorato presso la Scuola di Economia di Londra. Nel 1970, Charlotte e i bambini tornarono per un breve periodo a Nethercote, dove Johnson fu istruito alla Winsford Village School, prima di tornare a Londra per stabilirsi a Primrose Hill, e lì venne educato alla Primrose Hill Primary School. Alla fine del 1971 un altro figlio, Joseph, nacque in famiglia.

Dopo che Stanley si assicurò l’impiego presso la Commissione Europea, spostò la sua famiglia nell’aprile del 1973 a Uccle, Bruxelles, dove Johnson divenne fluente nella lingua francese. Charlotte ebbe un esaurimento nervoso e fu ricoverata in ospedale con depressione clinica, e Johnson e i suoi fratelli furono mandati al collegio preparatorio di Ashdown House nell’East Sussex nel 1975. Lì sviluppò l’amore per il rugby e si distinse in greco antico e latino; era scioccato dall’uso delle punizioni corporali da parte degli insegnanti. Nel frattempo, la relazione tra Stanley e Charlotte si interruppe nel dicembre del 1978 e divorziarono nel 1980.Charlotte si trasferì in un appartamento a Notting Hill, dove i suoi figli trascorsero molto del loro tempo con lei.

Johnson ricevette una borsa di studio del re per studiare all’Eton College, il college d’elite indipendente di Eton, nel Berkshire. Arrivato nel periodo autunnale del 1977, Johnson cominciò a usare il nome di battesimo Boris piuttosto che Alex, e sviluppò “l’eccentrico personaggio inglese” per il quale sarebbe diventato noto. Abbandonò il Cattolicesimo di sua madre e divenne un Anglicano, unendosi alla Chiesa d’Inghilterra. Anche se le sue pagelle scolastiche si lamentavano della sua pigrizia, della noncuranza e dei ritardi, era popolare e ben noto a Eton. I suoi amici provenivano in gran parte dalle classi ricche medio-alte e superiori.

Johnson vinse una borsa di studio per studiare Literae Humaniores, un corso di quattro anni basato sullo studio dei Classici, al Balliol College di Oxford. Arrivato all’università alla fine del 1983, era un ragazzo di una generazione di studenti universitari di Oxford che dominava la politica e i media britannici all’inizio del XXI secolo, tra cui i membri del partito conservatore David Cameron, William Hague, Michael Gove, Jeremy Hunt e Nick Boles.

Di conseguenza, gli anni formativi del signor Johnson erano impostati tra frequenti cambi di casa e di paese, un’educazione privilegiata nell’ambito della famiglia e della scuola, un padre assente, genitori divorziati, assistenza fornita da ragazze alla pari, una madre che non stava bene, l’impostazione di grandi risultati che ci si aspettava che venissero raggiunti e la prima ambizione dichiarata di essere il re del mondo. Quindi alcuni ingredienti degni di nota.

Verità elastica

Il signor Johnson ha avuto un rapporto interessante con la verità per tutta la sua carriera giornalistica e politica. Johnson stesso una volta affermò che i suoi errori erano troppo numerosi per essere elencati per intero, quindi per sinteticità ne sono stati identificati una manciata.

1. Il Licenziamento dal The Times

Boris Johnson fu licenziato dal suo lavoro come tirocinante, al quotidiano The Times in seguito alle accuse che lui aveva fatto in una citazione del suo padrino, lo storico Colin Lucas, per un articolo in prima pagina sulla scoperta del Palazzo delle Rose di Edoardo II.

“Il guaio è che da qualche parte nella mia copia sono riuscito ad attribuire a Colin l’idea che Edward II e Piers Gaveston avrebbero dovuto spassarsela insieme nel Rose Palace”, aveva dichiarato Johnson.

Ahimè, Gaveston era stato giustiziato 13 anni prima che il palazzo fosse costruito. “È stato molto sgradevole”, aveva aggiunto Johnson, prima di tentare di minimizzarlo come nient’altro che un errore da scolaretto. Johnson, intervistato dal quotidiano The Independent dichiarò

“Penso che la mia più grande cazzata, comunque, sia avvenuta la prima volta che sono entrato a far parte del Times e ho scoperto che la sede del Rose Palace di Edoardo II era stato trovata sulle rive del Tamigi. Era un’esclusiva mondiale, ma avevo bisogno di saperne di più su Edoardo II: tutto ciò che sapevo di lui era che aveva uno schiavetto sessuale, Piers Gaveston, e che fu assassinato in un castello.

Avevo un disperato bisogno di procurarmi uno storico che potesse aiutarmi, ma l’unico che conoscevo era il mio padrino Colin Lucas, un uomo molto distinto che ora è vice-cancelliere della Oxford University. In realtà era un esperto della Rivoluzione francese, non dell’Inghilterra medievale, ma io lo chiamai e lui mi diede gentilmente alcune citazioni su Edoardo II. Il guaio era che da qualche parte nella mia copia riuscii ad attribuire a Colin l’opinione che Edward II e Piers Gaveston avrebbero dovuto spassarsela insieme nel Palazzo delle Rose. Sfortunatamente, alcuni docenti legati a un’università provinciale si accorsero che, all’epoca della costruzione del Palazzo delle Rose, Piers Gaveston era stato assassinato da molto tempo. È stato molto brutto. Colin non lo aveva ancora detto, e ora la sua reputazione accademica era in pericolo.

Era estremamente difficile e non avevo assolutamente idea di cosa fare. Avevo 23 anni, sopraffatto dal senso di colpa e dalla vergogna che questo errore – questa mia gaffe attribuita a Colin – si era insinuato sulla prima pagina del Times, che era territorio sacro per me. Quindi ho peggiorato le cose. Ho scritto un’ulteriore storia dicendo che il mistero sulla data del castello era stato approfondito.”

Nota come dire una bugia è stato minimizzato in “cazzata” e una “gaffe”

Questa “gaffe” ha visto Johnson licenziato dal suo secondo lavoro (si era dimesso dal primo dopo solo una settimana)

Bugia, Deflessione

2. Il Daily Telegraph

Dopo aver lasciato il Times, Johnson si trasferì al The Daily Telegraph, a lavorare come corrispondente di Bruxelles della pubblicazione tra il 1989 e il 1994.

I suoi articoli, come quelli di molti altri giornali euroscettici, contenevano molte delle affermazioni ampiamente descritte come “Euro-Miti”, tra cui piani per introdurre “euro-bare” della stessa misura, stabilire una “polizia della banana” per regolare la forma del frutto giallo curvo e vietare le patatine nei cocktail di gamberetti.

Interrogato su queste cose in parlamento, negò le insinuazioni secondo cui queste cose erano frutto della sua immaginazione.

“Si stanno compiendo molti sforzi per disapprovare coloro che pensano che dovremmo lasciare l’UE e tutto ciò che diciamo è in un certo senso mitico”, ha risposto.

Bugia, Grandiosità, Spostamento di Colpa

3. Insultare il popolo di Liverpool

Il signor Johnson divenne redattore dello Spectator nel 1999 dopo aver raccontato al proprietario Conrad Black, che in seguito fu condannato per frode, che non avrebbe intrapreso una carriera politica. Questa promessa fu infranta nel 2001 quando vinse le elezioni come deputato conservatore per Henley nell’Oxfordshire.

Tre anni dopo fu costretto a chiedere scusa per un articolo sulla rivista che incolpava i fan ubriachi del Liverpool per il disastro di Hillsborough nel 1989 e insinuava che gli abitanti della città si stessero crogiolando nel loro stato di vittima.

“Chiunque, giornalista o politico, dovrebbe chiedere scusa al popolo di Liverpool – come faccio io – per aver travisato ciò che è successo a Hillsborough”, disse.

Bugia, Diffamazione, Falsa Contrizione, Mancanza di Empatia Emotiva

4. Mentire Sulle Relazioni Extra-Coniugali

Michael Howard procurò a Boris Johnson due nuovi posti di lavoro dopo essere diventato leader dei conservatori nel 2003 – vicepresidente del partito e ministro delle arti di ombra.

Fu licenziato da entrambe le posizioni nel novembre 2004 dopo aver assicurato al signor Howard che le notizie sul giornale scandalistico della sua relazione con la rubricista dello Spectator Petronella Wyatt erano false e una “piramide di sciocchezze rovesciata”. Quando si scoprì che la storia era vera, si rifiutò di dimettersi, quindi dovette essere licenziato.

Bugia, Infedeltà, Superbia, Senso del diritto

5. Le Menzogne del Sindaco

La passione di Mr Johnson per gli errori continuò come sindaco di Londra, essendo stato eletto in questa posizione nel 2008. Dopo aver promesso nel suo manifesto del 2008 di assicurare che vi fossero biglietterie custodite in ogni stazione ferroviaria, approvò la chiusura degli sportelli di pagamento per uno sportello 24 ore.

Promise di eliminare il sonno agitato entro il 2012, solo perché raddoppiasse durante la sua leadership. Fu anche accusato di aver detto “spudorate menzogne” dopo aver dichiarato che il numero di poliziotti a Londra sarebbe aumentato, nonostante i tagli del governo.

Bugia, Mancanza di Empatia Emotiva, Mancanza di Responsabilità

6. L’Autobus delle Cazzate

Lanciando il tour in autobus di “Vota Lascia”, il signor Johnson tornò alla scena delle sue precedenti menzogne ripetendo le sue vecchie accuse secondo cui l’UE stava fissando delle regole sulla forma delle banane.

Sostenne anche l’infame affermazione sulla parte dell’autobus che il Regno Unito stava inviando 350 milioni di sterline a settimana per l’UE, seguita da “finanziamo il nostro Sistema Sanitario Nazionale invece”.

L’Autorità Statistica del Regno Unito rilasciò una dichiarazione ufficiale nel maggio 2016, descrivendo la richiesta come “fuorviante”, ma Johnson la ripeté in un articolo sul Telegraph nel settembre 2017.

Bugia, Senso del Diritto, Superbia, Mancanza di Responsabilità

7. Non Troppa Ammirazione per i Turchi

Nel gennaio 2019, Boris Johnson dichiarò di non aver menzionato la Turchia durante il referendum per lasciare l’UE dopo che venne insinuato che lui avesse affermato falsamente che 80 milioni di turchi sarebbero venuti in Gran Bretagna, a meno che il Regno Unito non lasciasse l’UE.

Infatti, co-firmò una lettera affermando che “l’unico modo per evitare di avere confini comuni con la Turchia era votare Lascia e riprendere il controllo”.

Il signor Johnson, il cui bisnonno era il politico ottomano Ali Kemal, affermò anche “sono molto pro-turco, ma quello che non riesco a immaginare è una situazione in cui 77 milioni di miei compagni turchi e di origine turca possano venire qui senza alcun controllo. È pazzesco – non funzionerà.”

Il cugino turco del signor Johnson commentò: “Non mi sembra che sia molto onesto riguardo ai suoi punti di vista.” Non dirlo.

Bugia, Ipocrisia, Mancanza di Responsabilità

Questa selezione è molto la punta dell’iceberg e una passeggiata attraverso i corridoi di Internet fornirà una serie significativa di esempi simili che mostrano un flagrante disprezzo per la verità, la capacità di eseguire un volta faccia in cui l’espediente politico e l’ esibire un enorme senso del diritto a dire queste cose false e in seguito addirittura di riaffermarle, respingerle o minimizzarle, il che supporta una mancanza di responsabilità, superbia e grandiosità.

Il Maldestro Boris

Nonostante le falsità, le promesse non mantenute e le infedeltà (parlerò più di quelle successivamente), il signor Johnson è innegabilmente in grado di disporre di una notevole popolarità ed è un individuo carismatico. Simon Jenkins, del quotidiano The Guardian, ha scritto

“Johnson è il tesoro delle elezioni. Incanta i Tories col cervello in pappa come gli elettori Laburisti disillusi. Emerge dalla sua documentazione biografica come incompetente, pigro, dissoluto e bugiardo, ma la risposta del pubblico è che lui è “il nostro tipo di bugiardo”. È stato licenziato dal Times per l’invenzione di storie ed è stato un reporter estremamamente di parte mentre era a Bruxelles. La sua impostazione predefinita è sempre stata quella del cabarettista: divertente, imprevedibile, vagamente pericoloso.”

Jenkins puntualmente continua

“La personalità di Johnson non deve essere sottovalutata. Dato che la democrazia diviene meno una questione di interessi e risorse, ripiomba su reazioni secondarie, sul rendere le persone rilassate e a proprio agio nel mondo che le circonda. Gli elettori sembrano attratti da qualcuno che non prende la vita troppo sul serio, è disinvolto nella presentazione e possiede una stravagante imprevedibilità. Alla gente piace ridere della politica, e Johnson appare un concittadino. È preferibile lui agli osservatori di stereotipi rigidi, come Theresa May.

Il fascino è attualizzato dalla scienza politica a favore dell’integrità, della diligenza, della coerenza e del carisma. Questo perché il fascino è come l’amore, i suoi valori non sono analizzabili o sensibili alla scienza. Eppure è stato messo in atto con disinvoltura da Ronald Reagan e Bill Clinton.”

Che si fosse presentato subito dopo le rivolte di Londra del 2011 con una scopa (pensiero magico – posso far piazza pulita di tutto da solo), appeso a un cavo, bloccato e nell’atto di sventolare una bandiera (ricerca di carburante), la sua pagliacciata di tenere la bandiera solo per sé e il discorso sommesso alla cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Pechino, il signor Johnson sfodera il suo carisma e l’atteggiamento del Maldestro Boris di apparire come uno sfortunato e benintenzionato, anche se goffo scolaro troppo cresciuto. Questa è una manipolazione – devia dai suoi molti fallimenti, mostra la sua grandiosità e arroganza e la sua mancanza di responsabilità. “Accipicchia, cosa posso dire (ghigno)”.

Dai un’occhiata a questo elenco di progetti vanitosi di quando era sindaco di Londra.

La sua funicolare sul Tamigi, la sua caotica Stratford (“la Torre Eiffel di Londra”), i suoi autobus con le entrate posteriori, con le entrate posteriori bloccate, il suo cannone ad acqua che potrebbe non sparare, la sua inutile super-fogna e il decisamente sovraingegnerizzato Crossrail, tutto somme da capogiro sprecate.

Una somma sconcertante di 53 milioni di sterline è sparita sul ponte del giardino fantastico di Johnson, mentre il ponte di Hammersmith è marcito sul fiume. Il programma “Boris in bici” – in verità di Livingstone – non doveva costare nulla, ma è costato ai contribuenti quasi 200 milioni di sterline in otto anni. Eccolo con Arnie, che si gode l’applauso (e lo sconcerto) della folla. Ovviamente noi sappiamo cosa si sta veramente godendo.

bike.jpg

Non scambiate questo Maldestro Boris con una bizzarra ostentazione, questo è l’uso attento e strutturato di una facciata per mascherare una mente calcolata, astuta e machiavellica al lavoro. Apparendo come un clown sovraccaricato, egli devia da quello che sta facendo, mascherandolo da sfortuna e copre i malestri.

Prendiamo ad esempio quando accusò le donne musulmane di sembrare cassette delle lettere perché indossavano il burka (Superbia, Mancanza di Empatia Emotiva, Senso del Diritto, Insulto) nel 2018, evitò le domande riguardanti se avrebbe chiesto scusa per aver paragonato le donne musulmane che indossavano il burka alle cassette delle lettere e ai rapinatori di banche – offrendo ai giornalisti accampati fuori dalla sua casa una tazza di tè. Domenica è uscito dalla sua casa nell’Oxfordshire armato di un vassoio di boccali per giornalisti esausti che aspettavano di confrontarsi con lui per i suoi commenti controversi sul burka. Ha rifiutato di commentare mentre i giornalisti lo interrogavano sulle osservazioni controverse, offrendo invece loro una tazza di tè.

Il signor Johnson ha detto: “Non ho nulla da dire su questo argomento tranne offrirvi un po’ di tè”.

Gioca a fare il pagliaccio ma, soprattutto, se la cava. (Mancanza di Responsabilità, Deflessione).

Alla cerimonia di chiusura a Pechino è stato attaccato per il suo comportamento. Un commentatore ha dichiarato

“In un’occasione così formale, avrebbe dovuto abbottonarsi la giacca”, ha detto.

“Se ti vesti in modo informale o non correttamente, può essere interpretato come mancanza di rispetto per chi ti ospita.”

Un blogger si è lamentato del fatto che Boris Johnson non ha preso sul serio l’occasione e non avrebbe dovuto mettere la mano in tasca

“Quando stava andando sue giù per il palco, ha messo la mano nella tasca della giacca.”

“Questo dimostra che era estremamente superficiale, non sembrava prendere seriamente l’occasione.”

“Dopo aver preso la bandiera Olimpica, l’ha passata semplicemente al portabandiera cinese.”

“Era l’unica persona che prendeva la bandiera con una mano.”

“Questo è molto irrispettoso per la bandiera Olimpica.”

“Dopo aver preso la bandiera, ha stretto la mano al capo del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) Jacques Rogge e non ha prestato attenzione ai due leader di Pechino.”

Il blogger ha detto che è stato “maleducato e arrogante” che Johnson sembrava ignorare il sindaco di Pechino quando lui aveva fatto uno sforzo per cercare di parlare con Johnson.

(Superbia, Senso del Diritto, Mancanza di Empatia Emotiva)

Nota come ha offeso altre persone nel passato sia individualmente che collettivamente e il furore che lo circonda, ma nonostante tutto non fa tesoro di questo assicurandosi di tenere la bocca chiusa (vedi La Torta dell’Empatia) ma reitera il comportamento. Ripetere ciò che è in effetti un comportamento abusivo è un indicatore chiave perché dimostra Mancanza di Empatia Emotiva, Mancanza di Responsabilità e Senso del Diritto.

Johnson ha un grande carisma e lo usa per manipolare, una cortina fumogena da farlo apparire affabile, innocuo e divertente, quando al di sotto di questo aspetto colto si cela un predatore calcolato e guidato del potere in tutte le sue forme.

Ecco alcuni pensieri di noti commentatori riguardo a questa facciata che il signor Johnson ha creato

La biografa Sonia Purnell ha descritto il suo personaggio pubblico come “marchio Boris”, notando che lui lo aveva sviluppato mentre era all’Università di Oxford.

Max Hastings ha fatto riferimento a questa immagine pubblica come a una facciata simile a quella di Gussie Fink-Nottle di PG Wodehouse, unita all’intelligenza, al fascino, alla brillantezza e agli impressionanti lampi di instabilità”, mentre lo scienziato politico Andrew Crines ha affermato che Johnson mostrava “il carattere di un individuo simpatico e affidabile con un forte capitale intellettuale”.

L’editore Investigatore Privato Ian Hislop lo ha definito “Boris Topolino” a causa della sua natura comica, dicendo: “È il nostro Berlusconi … È l’unico politico di buon umore che abbiamo, tutti gli altri sono troppo impegnati a essere responsabili.”

Per il giornalista Dave Hill, Johnson era “una figura unica nella politica britannica, una miscela senza precedenti di comico, ciarlatano, finto uomo di spettacolo sovversivo e populista preparazione dei media”.

La gestione della facciata comunque non finisce qui:

Johnson coltiva intenzionalmente un “aspetto semi-caotico”, ad esempio facendo scomparire i capelli in un certo modo quando fa apparizioni pubbliche. Purnell lo ha descritto come “un maniaco auto-promotore” che ha riempito la sua vita di “divertimento e burle”. Descritto da Crines come “un burlone”, Johnson ha affermato che “l’umorismo è un accessorio che puoi usare per zuccherare la pillola e ottenere punti importanti.”

Purnell ha notato che i colleghi esprimevano regolarmente l’opinione che Johnson usasse le persone per promuovere i propri interessi, con Gimson che notava che Johnson era “uno dei grandi adulatori dei nostri tempi. Purnell ha notato che aveva deviato serie domande usando “un po’ di umorismo e una buona dose di spavalderia”. Secondo Gimson, Johnson era “un uomo umano” che “potrebbe anche sconcertantemente essere incurante degli altri” quando si tratta di perseguire i propri interessi. Gimson ha anche notato che Johnson ha “un desiderio eccessivo di essere apprezzato”.

(Gestione della Facciata, Manipolazione per mezzo del Fascino, Grandiosità, Scarso Riconoscimento dei Limiti, Richiesta di Carburante, Senso del Diritto, Mancanza di Empatia Emotiva)

Boris lo Scopatore

Il signor Johnson sposò la prima moglie Allegra Mostyn-Owen nel 1987 dopo che si incontrarono a Oxford, ma si separò quando intraprese una tresca con Marina Wheeler.

Lei lo sposò nel 1993, ma subito lo colse in flagrante in una relazione con la scrittrice della società Petronella Wyatt. Ha avuto una relazione di quattro anni con Miss Wyatt mentre era redattore di The Spectator e lei era una delle sue rubriciste. Petronella ha poi raccontato di aver abortito e di aver avuto un aborto spontaneo.

Il signor Johnson ha descritto le notizie della loro relazione come una “piramide di sciocchezze rovesciata”.

La furiosa signorina Wheller lo ha scaraventato fuori dalla loro casa a Highgate, a nord di Londra, ma in seguito l’ha ripreso. Le sue tresche non finiscono qui. La relazione con Miss Wyatt si è sovrapposta alla storia d’amore con Anna Fazackerley, una giornalista del Times Educational Supplement.

Si diceva che la coppia avesse fatto sesso mentre lui era un giovane ministro dell’istruzione parallela nel 2005. Vi fu un’occasione in cui il signor Johnson scese da un volo di ritorno dalla Cina per raggiungere la signora Fazackerley a Parigi.

La vita amorosa di Johnson ha affrontato un ulteriore caos quando nel 2009 è diventato padre di un figlio illegittimo dalla consulente d’arte Helen Macintyre.

Sua moglie che soffriva lo ha cacciato di nuovo fuori – solo per riprenderlo ancora una volta. Tutti i dettagli della tresca sono emersi in tribunale dopo che la signora Macintyre ha perso una battaglia legale durata tre anni per fermare la stampa che indica Boris come il padre di sua figlia Stephanie.

La Corte d’Appello di Londra inoltre nel 2013 ha sentito dire che si supponeva che la figlia della signora Macintyre fosse la seconda figlia concepita come conseguenza delle tresche extra coniugali di Boris.

Un ex descriveva il suo stile romantico come “persistente”. Persistente: suona una campana con i lettori? Vuoi altre campane, che ne dici di questa citazione della stessa ex,

Lei ha detto: “Si è reso così accattivante e divertente. Non conoscevo la sua reputazione e a guardarlo non immagineresti mai che sia un donnaiolo.

“Ma ricordo che è diventato molto persistente nelle sue attenzioni e, sai, alla fine una cosa ha portato a un’altra.

“Si affida interamente alla sua personalità, in particolare al suo ingegno e a quel carattere maldestro che ha sviluppato e, beh, sembra che funzioni sempre, no?

“Ogni ragazza sensibile dovrebbe stare alla larga da lui. Otterrai la gioiosa persistenza, poi la conquista, ma quando sarà annoiato non gli interesserà minimamente di te.

Ora posso sentire i tuoi mormorii di familiarità.

Nel settembre 2018, la signorina Wheeler ne aveva chiaramente avuto abbastanza dato che avvenne la separazione, poiché era stato confermato che si erano separati mesi fa e che avevano avviato un procedimento di divorzio. Il signor Johnson comunque non ha avuto troppi problemi perché aveva la fidanzata Carrie Symonds che si è ritrovata presto sulle montagne russe di Johnson. Il mese scorso,

La polizia è stata chiamata a casa del signor Johnson e della sua compagna Carrie Symonds dopo aver ricevuto segnalazioni di un incidente domestico dove c’erano urla e colpi. Un vicino ha composto il 999 dopo aver sentito un rumoroso e prolungato litigio poco dopo mezzanotte.

A un certo punto si è potuto sentire la signora Symonds, ex capo della stampa del partito conservatore, che diceva al signor Johnson “lasciami” e “esci dal mio appartamento”, secondo il quotidiano Guardian. La signora Symonds ha sentito per caso che il signor Johnson aveva rovinato un divano con del vino rosso e ha urlato “Non te ne importa niente solo perché sei viziato. Non hai alcuna cura per il denaro o altro.” Esatto, ma lei non sa che non si avvicina neanche alla metà del quadro.

Una serie di relazioni, infedeltà, rapidi spostamenti verso il prossimo interesse amoroso e il comportamento violento.

(Infedeltà, Scarso Riconoscimento dei Limiti, Manipolazione, Accensione di furia, Raccolta di Carburante, Senso del Diritto, Mancanza di Empatia Emotiva).

E c’è molto, molto altro ancora su Mr Johnson.

Questo è un individuo che mostra ripetutamente e tutti gli indicatori del narcisismo – la sua arroganza, il pensiero magico e la grandiosità, lo scarso riconoscimento dei limiti, il comportamento molto manipolativo, il fascino eccessivo, l’irriverenza, la scioltezza, il senso del diritto, la mancanza di empatia emotiva, comportamenti calcolati, ampia matrice di carburante ed enormi necessità di carburante.

Ha successo, è divertente, ha fame di potere (la sua attività politica merita un enorme articolo a parte) ed è pericoloso.

Boris Johnson è un Narcisista Molto Politico.

Sarà un Narcisista Molto Primo Ministro? Lo scopriremo presto.

H.G. TUDOR

Boris Johnson :A Very Political Narcissist? Will He Remain A Prime Ministerial One?