Pubblicato il Lascia un commento

πŸ‘€ NELLA FOTO

Amo la prima foto che ho visto di te. Non te l’ho fatta io anche se ce ne saranno centinaia al momento opportuno. Una molteplicitΓ  di scatti che ho preso per mostrare al mondo quanto siamo meravigliosi io e te insieme. Ognuno attentamente studiato da parte mia per mandare un messaggio. Vedi, la sto portando al tuo ristorante preferito? Abbiamo fatto un viaggio a Roma che tu vuoi visitare da sempre, vedi? E riguardo a questo? Sono andato a teatro quando ti avevo detto che odiavo vedere spettacoli teatrali. Vedi come stiamo bene con la mia famiglia? Vai avanti, guarda quanto mi sta rendendo felice, molto piΓΉ di quanto tu abbia mai fatto. No, queste fotografie, per quanto di valore siano per me e le mie macchinazioni non si avvicinano minimamente a quanto mi meraviglio di fronte alla tua prima foto.

Era una foto che mi hai mandato tu? Una delle centinaia che ti ho chiesto, implorato, preteso? All’inizio le voglio per mostrarti che tu sei sempre nella mia mente (cosa che mi assicura di diventare una struttura fissata nella tua mente). Inoltre volevo delle foto audaci che ti ho persuaso a fare. Inizialmente le usavo per stuzzicarmi ma la reale motivazione Γ¨ metterle da parte e usarle come metodo di forte coercizione molto piΓΉ in lΓ . Mi conosci, sai che sto sempre pensando alla mossa successiva.
PiΓΉ avanti ti ho chiesto di mandarmi foto con la scusa che amo la tua bellezza quando la realtΓ  Γ¨ che volevo assicurarmi che tu fossi dove dicevi di essere (non hai mai molto fatto caso che ti chiedevo di fotografarti sotto l’insegna dei locali dove eri o il nome del negozio dove facevi shopping o vicino agli amici che mi avevi detto che andavi a trovare).

No, la prima foto di te, quella che amo di piΓΉ Γ¨ la prima che ho trovato mentre ti cercavo online. Potrebbe essere stata la tua foto profilo di un sito per incontri, la tua foto di Twitter o una postata in Facebook. Potrebbe essere nella stampa locale o presa da un tuo video su youtube.
Ad ogni modo, non Γ¨ una fatta da me e non Γ¨ una di quelle che ti ho chiesto di fare per me. Amo questa foto quando guardo il tuo sorriso coinvolgente, che emana radiositΓ  come i bagliori dal sole, luminoso e che espande calore intorno a te. La tua pelle Γ¨ perfetta e sana, un fiore effervescente. Queste lunghe trecce di capelli ondeggiano su un lato, o la vivacitΓ  del tuo caschetto, o la netta essenzialitΓ  di questa frangetta, tutto trasmette questo messaggio di libertΓ  ed Γ¨ stato scelto da te. I tuoi occhi scintillanti, la felicitΓ  sta esplodendo da essi, il colore vibrante e l’euforia che sta bruciando dal tuo sguardo. Guardo questa foto che germoglia di potenziale, Γ¨ carica di possibilitΓ  e trasuda di speranza. Tu sei un faro di purezza, onestΓ , amore. La tua natura accudente discende come una cascata da questa foto. Tu sei questa vergine empatica, incontaminata dalla mia tossicitΓ  e non ancora toccata dalla mia influenza inquinante.

Ogni volta che guardo questa prima foto di te dentro inizia un’ondata che cresce veloce ed impetuosa. Ti devo avere. Ricordo ancora perchΓ© dovevo averti.

Vedo una preda fresca.

H.G. TUDOR

In The Picture