Pubblicato il Lascia un commento

📑 COME? PERCHÉ? CHI?

Ho sentito dire questo tante volte, ho letto questo da persone sconcertate e perplesse e conosco per esperienza la confusione che accompagna questa domanda.

“Ma come ha potuto farmi questo dopo tutto quello che è successo? Ma perché si sarebbe comportato in questo modo? Ma chi farebbe una cosa del genere? Aveva detto che mi amava. So che mi amava. Come fa qualcuno ad amare qualcun altro in modo così perfetto e poi a comportarsi come se non lo conoscesse nemmeno?”

Ho scritto su come l’empatico ami sapere tutto. Questo non è perché sei presuntuoso o desideri vantarti. Ti piace sapere tutto per permettere a te stesso di essere d’aiuto. Devi capire una situazione. Deve avere un senso per te. Devi essere in grado di comprendere cosa è successo e trovare qualche motivo logico per il fenomeno. Questo è il motivo per cui passi così tanto tempo a cercare di capirci. Questo è il motivo per cui quando mettiamo in atto il trattamento del silenzio hai bisogno di accertarti del perché lo stiamo facendo (penso che ora capisci che lo facciamo perché per noi è necessario, non perché vi sia una ragione valida (secondo la tua realtà) per questo comportamento). È una reazione empatica naturale. Se capisci perché una cosa è successa, allora puoi considerare i modi in cui può essere affrontata, risolta e sistemata. Vuoi che tutto vada bene.

Di conseguenza, quando noi scateniamo la svalutazione contro di te, viene fuori dal nulla. Ieri ci siamo tenuti per mano mentre camminavamo insieme attraverso il parco e ci siamo baciati sotto la quercia. Oggi sei stato sottoposto a un brutto periodo di insulti e accuse. Sei sbalordito. Da dove diavolo viene questo? Nella tua realtà non ha assolutamente senso. Un minuto va bene, non cambia nulla, ma poi all’improvviso siamo cattivissimi con te. Semplicemente non torna. Non ha senso. La situazione peggiora. Non solo non segue un senso logico dal momento che la nostra reazione (osservata nella tua realtà ricorda) sembra casuale, come può una persona che dice di amarti poi prenderti a pugni, chiuderti fuori di casa, violentarti nel sonno, distruggerti l’auto, sputarti addosso e così via? Non solo non è una serie normale di eventi se ami qualcuno, ma semplicemente non lo fai, vero?

Questo è ciò che rende così difficile per te comprendere. Ti abbiamo convinto erroneamente a pensare che ti abbiamo amato. Ti abbiamo dato l’enorme seduzione e ti abbiamo abbagliato con il periodo d’oro. Sappiamo ciò che percepisci essere l’amore e te lo abbiamo dato a palate interamente prodotto da Narci Inc. La nostra linea di produzione ha continuato oltre il tempo previsto a creare questi atti falsi e dichiarazioni d’amore vuote, ma tu ti sei innamorato di ciò. Lo fai sempre. Di conseguenza, sei stato ingannato a pensare che ti abbiamo amato di modo che quando iniziamo a svalutarti, questo vola completamente di fronte a quella che comprendi essere la situazione.

Ti siedi per ore con i tuoi amici più cari ed elenchi esempio dopo esempio tutte le cose meravigliose che abbiamo detto e fatto e poi chiedi,

“Come può ferirmi quando mi ama così tanto?”

È assolutamente sconcertante. Naturalmente c’è un metodo in questa follia. Se avesse senso, se ci fosse una ragione logica per questo volta faccia, più probabilmente lo accetteresti e te ne andresti. Questa logica contorta e priva di senso è pensata per tenerti con noi perché:

• Devi sapere cosa è successo e dare un senso a questo
• Vuoi fare le cose per bene
• Vuoi di nuovo il meraviglioso periodo d’oro

Tutto ciò ti tiene al sicuro accanto a noi. Indovina un po’? Assumiamo un comportamento ancora più terribile, ancora non ha senso e ancora tu non te ne vai. Ti diamo un assaggio del periodo d’oro e la tua confusione aumenta. Lui mi ama ancora, lo sapevo. Poi la porta si chiude di scatto e tu sei ancora confuso, ma ancora peggio questa volta, il breve ritorno al periodo d’oro ti ha dato ulteriore speranza. Ancora non te ne vai.
Per una volta, piuttosto che guardarlo attraverso i tuoi occhi, considera la cosa dal nostro punto di vista. La svalutazione non arriva dal nulla. Succede per te ma non per noi. Succede perché non ci dai il nostro carburante nella potenza, nella quantità e nella frequenza che richiediamo. Questa è la logica dietro la nostra mutazione di comportamento.
Perché succede allora che siamo in grado di ferirti quando ti amiamo così tanto? Ancora una volta, guardalo attraverso i nostri occhi e la risposta è semplice. Non ti abbiamo mai amato. Di conseguenza, non siamo influenzati da ciò che appare (nel tuo mondo) come un cambiamento doloroso e contraddittorio del nostro comportamento. Lascia che ti aiuti ulteriormente. Per noi sei solo un apparecchio. Inizialmente perché questo apparecchio fa ciò che vogliamo, ci prendiamo cura di esso. Lo puliamo, lo salvaguardiamo e ne siamo fieri. Poi va male. Comporta troppo sforzo cercare di ripararlo. Siamo orribili con te per farti lavorare in un modo diverso anziché cercare di ripararti per farti funzionare normalmente. Ricordi come la gente dà una botta al lato del televisore per farlo funzionare o dà un calcio alla lavatrice nella speranza di farla girare correttamente? Tu sei proprio la stessa cosa. Sei un elettrodomestico e ti diamo una botta sia in senso figurato o letterale per farti fornire carburante di natura negativa. Alla fine ci stanchiamo che tu non funzioni come vogliamo, così ti buttiamo nel mucchio di rottami come tanti frigoriferi, computer e lavatrici dismessi. Abbiamo visto un nuovo modello brillante che ha attirato invece la nostra attenzione.
Quindi quando ti siedi e ti chiedi perché è comparsa questa svalutazione, perché il nostro comportamento non ha senso e come può essere che qualcuno che esprime un amore così perfetto possa farti così male, sai la risposta. Non ha senso nel tuo mondo ma ha completamente senso nel nostro mondo in cui sei solo un apparecchio. Forse dovresti iniziare a pensare di fare qualche auto-miglioramento per aumentare la tua longevità, vero?

H.G. TUDOR

How? Why? Who?

Pubblicato il Lascia un commento

📑 MA PERCHÉ IL NARCISISTA HA FATTO QUESTO?

Ho sentito dire questo tante volte, ho letto questo da persone sconcertate e perplesse e conosco per esperienza la confusione che accompagna questa domanda.

“Ma come ha potuto farmi questo dopo tutto quello che è successo? Ma perché si sarebbe comportato in questo modo? Ma chi farebbe una cosa del genere? Aveva detto che mi amava. So che mi amava. Come fa qualcuno ad amare qualcun altro in modo così perfetto e poi a comportarsi come se non lo conoscesse nemmeno?”

Ho scritto su come l’empatico ami sapere tutto. Questo non è perché sei presuntuoso o desideri vantarti. Ti piace sapere tutto per permettere a te stesso di essere d’aiuto. Devi capire una situazione. Deve avere un senso per te. Devi essere in grado di comprendere cosa è successo e trovare qualche motivo logico per il fenomeno. Questo è il motivo per cui passi così tanto tempo a cercare di capirci. Questo è il motivo per cui quando mettiamo in atto il trattamento del silenzio hai bisogno di accertarti del perché lo stiamo facendo (penso che ora capisci che lo facciamo perché per noi è necessario, non perché vi sia una ragione valida (secondo la tua realtà) per questo comportamento). È una reazione empatica naturale. Se capisci perché una cosa è successa, allora puoi considerare i modi in cui può essere affrontata, risolta e sistemata. Vuoi che tutto vada bene.

Di conseguenza, quando noi scateniamo la svalutazione contro di te, viene fuori dal nulla. Ieri ci siamo tenuti per mano mentre camminavamo insieme attraverso il parco e ci siamo baciati sotto la quercia. Oggi sei stato sottoposto a un brutto periodo di insulti e accuse. Sei sbalordito. Da dove diavolo viene questo? Nella tua realtà non ha assolutamente senso. Un minuto va bene, non cambia nulla, ma poi all’improvviso siamo cattivissimi con te. Semplicemente non torna. Non ha senso. La situazione peggiora. Non solo non segue un senso logico dal momento che la nostra reazione (osservata nella tua realtà ricorda) sembra casuale, come può una persona che dice di amarti poi prenderti a pugni, chiuderti fuori di casa, violentarti nel sonno, distruggerti l’auto, sputarti addosso e così via? Non solo non è una serie normale di eventi se ami qualcuno, ma semplicemente non lo fai, vero?

Questo è ciò che rende così difficile per te comprendere. Ti abbiamo convinto erroneamente a pensare che ti abbiamo amato. Ti abbiamo dato l’enorme seduzione e ti abbiamo abbagliato con il periodo d’oro. Sappiamo ciò che percepisci essere l’amore e te lo abbiamo dato a palate interamente prodotto da Narci Inc. La nostra linea di produzione ha continuato oltre il tempo previsto a creare questi atti falsi e dichiarazioni d’amore vuote, ma tu ti sei innamorato di ciò. Lo fai sempre. Di conseguenza, sei stato ingannato a pensare che ti abbiamo amato di modo che quando iniziamo a svalutarti, questo vola completamente di fronte a quella che comprendi essere la situazione.

Ti siedi per ore con i tuoi amici più cari ed elenchi esempio dopo esempio tutte le cose meravigliose che abbiamo detto e fatto e poi chiedi,

“Come può ferirmi quando mi ama così tanto?”

È assolutamente sconcertante. Naturalmente c’è un metodo in questa follia. Se avesse senso, se ci fosse una ragione logica per questo volta faccia, più probabilmente lo accetteresti e te ne andresti. Questa logica contorta e priva di senso è pensata per tenerti con noi perché:

• Devi sapere cosa è successo e dare un senso a questo
• Vuoi fare le cose per bene
• Vuoi di nuovo il meraviglioso periodo d’oro

Tutto ciò ti tiene al sicuro accanto a noi. Indovina un po’? Assumiamo un comportamento ancora più terribile, ancora non ha senso e ancora tu non te ne vai. Ti diamo un assaggio del periodo d’oro e la tua confusione aumenta. Lui mi ama ancora, lo sapevo. Poi la porta si chiude di scatto e tu sei ancora confuso, ma ancora peggio questa volta, il breve ritorno al periodo d’oro ti ha dato ulteriore speranza. Ancora non te ne vai.
Per una volta, piuttosto che guardarlo attraverso i tuoi occhi, considera la cosa dal nostro punto di vista. La svalutazione non arriva dal nulla. Succede per te ma non per noi. Succede perché non ci dai il nostro carburante nella potenza, nella quantità e nella frequenza che richiediamo. Questa è la logica dietro la nostra mutazione di comportamento.
Perché succede allora che siamo in grado di ferirti quando ti amiamo così tanto? Ancora una volta, guardalo attraverso i nostri occhi e la risposta è semplice. Non ti abbiamo mai amato. Di conseguenza, non siamo influenzati da ciò che appare (nel tuo mondo) come un cambiamento doloroso e contraddittorio del nostro comportamento. Lascia che ti aiuti ulteriormente. Per noi sei solo un apparecchio. Inizialmente perché questo apparecchio fa ciò che vogliamo, ci prendiamo cura di esso. Lo puliamo, lo salvaguardiamo e ne siamo fieri. Poi va male. Comporta troppo sforzo cercare di ripararlo. Siamo orribili con te per farti lavorare in un modo diverso anziché cercare di ripararti per farti funzionare normalmente. Ricordi come la gente dà una botta al lato del televisore per farlo funzionare o dà un calcio alla lavatrice nella speranza di farla girare correttamente? Tu sei proprio la stessa cosa. Sei un elettrodomestico e ti diamo una botta sia in senso figurato o letterale per farti fornire carburante di natura negativa. Alla fine ci stanchiamo che tu non funzioni come vogliamo, così ti buttiamo nel mucchio di rottami come tanti frigoriferi, computer e lavatrici dismessi. Abbiamo visto un nuovo modello brillante che ha attirato invece la nostra attenzione.
Quindi quando ti siedi e ti chiedi perché è comparsa questa svalutazione, perché il nostro comportamento non ha senso e come può essere che qualcuno che esprime un amore così perfetto possa farti così male, sai la risposta. Non ha senso nel tuo mondo ma ha completamente senso nel nostro mondo in cui sei solo un apparecchio. Forse dovresti iniziare a pensare di fare qualche automiglioramento per aumentare la tua longevità, vero?

H.G. TUDOR

But Why Did the Narcissist Do That?

Pubblicato il Lascia un commento

👤 CHE COSA HAI FATTO PER ME?

Ah, ricordi quei giorni durante il periodo d’oro quando niente era troppo disturbo per me? Potevo portarti la colazione a letto. Portare fuori il tuo cane per una passeggiata senza che me lo chiedessi. Lasciarti qualche piccolo messaggio d’amore nascosto negli angoli di casa da trovare di ritorno da un viaggio. Camminare per i prati di campagna per raccogliere fiori per te da consegnarti sorridendo con le fossette. Qualcosa ti fa arrabbiare? Potevo ascoltarti al telefono o camminare mentre ti ascolto piangere e svuotare il tuo cuore. Ero a portata di mano, all’istante e al tuo fianco.

Dopo qualche mese, di più se sei davvero fortunata, il mio aiuto e la mia assistenza vengono meno. Se mi chiedi di fare qualcosa troverai sospiri e occhi al cielo e “sì forse lo farò”. Tendo a svanire con più probabilità se c’è da fare qualche lavoro. Non rispondo al telefono quando hai un disperato bisogno di parlare con me per discutere di un brutto giorno al lavoro. Rifiuto di fare ciò che ho sempre fatto per te e negherò anche di averlo mai fatto. Per rafforzare questa rudimentale revoca dei miei servizi ti chiederò sempre “e tu cosa hai fatto per me?” srotolerò l’elenco delle cose che ho fatto per te (aggiungendo qualche invenzione per sicurezza- vai avanti, provaci e suggerisci che lo sto facendo e vedrai cosa succede dopo). Non è curioso come io abbia una memoria sfuocata riguardo l’aver accettato di sistemare la recinzione rotta mentre ricordo perfettamente la data, il modo e la durata di ogni cosa che ho fatto per te. L’ho fatto solo per poterlo agganciare e rinfacciartelo. Naturalmente come in tutto quello che faccio, tu cercherai freneticamente di capire cosa sta succedendo e di riportare tutto al mio utile periodo pieno di aiuto. Così la danza continua.

H.G. TUDOR

What Have You Done For Me?