Pubblicato il Lascia un commento

📑 COSA PENSA DAVVERO IL NARCISISTA QUANDO C'È BISOGNO DI AIUTO

È una nostra caratteristica ben riconosciuta che non proviamo empatia. Sappiamo come mostrare empatia. Tu e altri l’avete mostrata in molte occasioni, così sappiamo quale espressione del viso adottare, l’inclinazione della testa, il linguaggio del corpo appropriato come una mano sul braccio o un braccio intorno alle spalle. Abbiamo ascoltato con molta attenzione, quindi comprendiamo le frasi da tirar fuori,

“Mi dispiace sentire questo.”

“C’è qualcosa che posso fare per essere d’aiuto; deve essere terribile.”

“Capisco cosa hai passato, credimi e dimmi solo come posso aiutarti”.

“So come ti senti.”

“Mi sentirei sconvolto anch’io se fosse successo a me.”

Ho visto persone come te in azione che esibiscono la loro natura empatica e ho setacciato anche internet per raccogliere anche lì alcune frasi appropriate. Metti insieme tutto questo e la nostra tipologia sarà in grado di esibire uno sfoggio convincente di empatia che ingannerà pressoché tutti. Vedrai questa falsa empatia esibita durante la seduzione quando desideriamo mostrarti come siamo una persona gentile, premurosa e comprensiva, così ti sentirai attratto ancora di più da noi. Conosciamo altrettanto bene i giusti destinatari di questa falsa empatia: i malati, gli anziani, i gatti randagi, i senzatetto, le vittime del terremoto, il bambino con lo stomaco gonfio perché non ha mangiato per giorni, i paesani dall’aspetto serio affollati attorno al nuovo investito e così via. Sì, conosco tutti quelli che hanno bisogno di alcune reazioni empatiche e le mostrerò di fronte a te, così tu sei sempre più attratto da me. Cosicché mi adatto.

È, ovviamente, tutto per sfoggio. Non la sento. Niente affatto. Non una virgola, uno granello o una scintilla di empatia. Mostrami un resoconto di qualche tragedia e i miei occhi scivoleranno sul testo mentre registro ciò che è successo. Dentro non sento niente. Non c’è risposta. Non mi dispiace per le persone coinvolte nelle conseguenze dell’uragano. Non immagino come dovrebbe essere per loro e come devono sentirsi. Certamente sono abbastanza intelligente per sapere come devono sentirsi, ma non mi metto nei loro panni. Non immagino come debba essere per loro. Non vi è alcuna tensione alle corde del mio cuore, un sentimento di turbamento, sconforto o persino rabbia per l’ingiustizia che possono aver sofferto. Naturalmente, mentre cerchi la mia risposta dopo avermi avvertito di questo ultimo disastro, formerò una fronte corrugata, scuoterò la testa e scriverò alcune parole appropriate per farti pensare che mi dispiace. Questo succederà, naturalmente, se voglio la tua reazione positiva ossia che osservi con approvazione la mia presunta compassione. Se non cercherò più carburante positivo da te, allora lo userò come un’opportunità per provocarti.

“E?” È in genere un buon punto di partenza per ottenere una reazione da parte di un individuo empatico a qualcosa di terribile.

“Cosa intendi con “e”? Queste persone sono senza casa e ferite. Vivono su una piccola isola e non hanno energia elettrica e acqua pulita”.

“Che cosa ti aspetti che io faccia al riguardo? Non dovrebbero vivere lì allora.”

“Che cosa? Lo pensi davvero?

“Sì. È una loro scelta Devono arrangiarsi.”

Ciò invariabilmente provocherà un attonito silenzio o una protesta. Puoi seguirmi mentre mi allontano chiedendomi come posso non sentire nulla per queste persone. Puoi esprimere rabbia o indignazione e naturalmente questo è ciò che voglio che tu faccia. Il fatto è che non sento niente. Se vedo un appello di beneficenza in televisione, resto indifferente. Non ho nulla in comune con le persone che chiedono aiuto. Non riesco a identificarmi in alcun modo con il modo in cui devono sentirsi. È una totale disconnessione.

La situazione è diversa con coloro con cui interagisco e specialmente con quelli che sono un partner intimo quando ti sto svalutando. Se sei malato e vuoi un po’ di sostegno e quelle tre parole tremanti “tenera amorevole cura”, io non sento nulla. Sento un travolgente senso di disgusto e repulsione. Come sono arrivato ad accoppiarmi con una persona così patetico e debole? Perché ho accettato di vivere con qualcuno che sta starnutendo, tossendo e gracchiando? Stanno cercando di infettarmi, vero? Cercano di farmi scendere al loro livello. So qual è il loro piano e non mi farò ingannare. Non vedo alcuna ragione per cui dovrei sprecare tempo ed energie ad aver a che fare con una persona così. È un esaurimento delle mie risorse e c’è poco o punto carburante da ottenere. Inoltre, il senso di disgusto mi spinge ad allontanarmi da te. Non posso sopportare di vedere una tale debolezza, una tale malattia e una tale infermità. Devo scappare e così sparirò, a volte con una scusa e spesso senza per evitare questa scena orribile.

Quando sei turbato, forse per una brutta giornata di lavoro o per una discussione con un amico e stai piangendo a spiegare cosa ti turba, aspettati di ricevere una scrollata di spalle. Cosa ti aspetti che io faccia al riguardo? È un tuo problema, non mio. Risolvi la situazione da solo. Se ti ostini a supplicarmi di ascoltarti e di aiutarti, allora mi irrito perché requisisci il mio tempo in questo modo. Non ti rendi conto che ho molto da fare con me stesso? Non posso rinunciare alle mie stesse macchinazioni e alla raccolta di carburante per giocare alla posta del cuore con le tue lagne e i tuoi piagnistei. Le tue patetiche preoccupazioni mi infastidiscono e puoi aspettarti che ti rimproveri per far crescere la tua disperazione, in modo da attirare almeno un po’ di carburante negativo dal tuo turbamento. In questo modo la situazione non verrà completamente cancellata. Se il tuo turbamento è ancora maggiore a seguito della perdita del tuo lavoro o di un lutto, non mostreremo alcun riguardo per i tuoi sentimenti e, anzi, sfrutteremo la tua disgrazia durante la nostra svalutazione. Coglieremo questa opportunità quando sarai vulnerabile ad estrarre ulteriore carburante. Questo è ciò che conta per noi. Sentiamo il bisogno di carburante. Non proviamo alcuna compassione o calore nei tuoi confronti e anzi il tuo egoismo nel concentrarti su te stesso quando dovresti essere presente con noi ci fa infuriare. Ti faremo notare che non ti sei mai preoccupato molto di quel membro della famiglia quando era in vita, quindi perché ti stai preoccupando ora che è passato a miglior vita? Piangi per il tuo licenziamento e ti diciamo che te lo meriti perché non stavi lavorando abbastanza assiduamente. Estrarremo quel combustibile negativo dalle tue lacrime, dalla tua ferita, dalla tua frustrazione e dalla tua rabbia e una volta che è stato ottenuto ti lasceremo con questo (tuo dolore). Abbiamo ottenuto quello che vogliamo e ci sono altre cose, in particolare altre persone con cui possiamo passare il tempo meglio, piuttosto che rimanere con te ed essere sottoposti alla tua pietà egocentrica. Sappiamo che consideri questo comportamento aberrante e senza cuore, ma non c’è speranza per nient’altro. Non proviamo compassione o empatia. Non abbiamo bisogno di fingere perché possiamo attingere carburante negativo, non abbiamo bisogno di renderti come noi o che tu ci ammiri e ci fornisci carburante positivo. Questo è come siamo stati creati. Questo è il freddo conforto che riceverai sempre da noi ogni volta che avrai un momento di bisogno, turbato o angosciato. Abituati a questo.

H.G. TUDOR

What The Narcissist Really Thinks When Help Is Needed

Pubblicato il Lascia un commento

📰 BRICIOLE DI COMFORT CONVERSAZIONALE

191113F Crumbs of Conversational Comfort.jpg

Noi siamo esperti nel fornire briciole di comfort. Questo perché è una forma necessaria di manipolazione che deve essere utilizzata come parte delle attività quando c’è diversa carne al fuoco. Come conseguenza delle diverse fonti di carburante che creiamo, abbiamo un legittimo interesse nel mantenere alcuni dei nostri apparecchi “in gioco”. Ricorda, ci piace conservare le nostre energie in modo da averne di più a disposizione per l’esecuzione delle nostre manipolazioni su diversi apparecchi e quindi in determinate fasi della dinamica, non vogliamo essere costretti ad impiegare molte o tutte le nostre energie verso un apparecchio lasciandoci manchevoli nei confronti degli altri. Vogliamo mantenere diverse persone nella nostra matrice di carburante a causa della necessità di carburante e anche tenere un occhio su ciò che è davanti a noi.

Quando per la prima volta seduciamo i nostri apparecchi invariabilmente li invitiamo a una cena, una festa, un pranzo sontuoso al Ristorante Narc. Questo non è un fast food veloce, niente acqua frizzante e prendere un sandwich da un venditore ambulante, ma un’indulgenza baccanale di diversi percorsi senza badare a spese, mentre noi ti induciamo ad abbuffarci della nostra generosità, del nostro fascino e della nostra illusione. Ovviamente questo festino varia a seconda del tipo di apparecchio che abbiamo invitato a cenare con noi e in ordine di sontuosa stravaganza, l’ordine gerarchico è il seguente: –

1. Candidato IPSS
2. IPSS incorporato
3. Scaffale IPSS
4. IPSS segreto sporco
5. NISS (collega o amico)

I NISS familiari sono già sedotti dal motivo della connessione familiare. Se sono stati spinti fuori al freddo e devono essere riportati all’ovile, verranno trattati come se fossero un collega o un amico NSS. Le fonti terziarie ricevono qualcosa di delizioso ma veloce da consumare e non importa se vogliono di più o no, la cosa principale è che ciò che viene dato loro nell’istante in è utile a noi.

Di queste categorie da 1 a 5, il tratto comune è che vengono tutte trattate con un festino delizioso, allettante e magnifico che li attira. È tutto stupefacente e diventa più stupefacente man mano che si sale nella classifica. Ciò significa che i destinatari si abituano alla portata di questo festino, a quanto incredibile sia il gusto, a quanto ci si sente deliziati a stare al nostro tavolo e venire riempiti di deliziosi dolcetti e prelibatezze. È così che coltiviamo la dipendenza da noi, alimentandoti con piatti così sensazionali che continui a volerne di più. Ti abitui alla sensazione di essere quasi sazia, i tuoi sensi prendono vita da ciò che ti diamo e vuoi continuare a cenare con noi per sempre e forse di più.

Naturalmente queste prelibatezze che ti inviamo danno l’impressione di essere appaganti ma alla fine non lo sono, ma tu non te ne accorgi e anzi vuoi continuare a gustarle e quindi una volta deciso che non abbiamo più bisogno di continuare a fornirti questi festini, scegliamo di darti le briciole di conforto.

Queste sono piccoli ricordi di ciò che una volta hai avuto, per far sparare nuovamente le papille gustative, per far scorrere la saliva, per stimolare la memoria di quelle sensazioni incredibili così le vuoi sempre di più e con ogni briciola tu sei portata a pensare erroneamente che conduca ancora una volta al sentiero verso il tavolo che geme di esaltanti sapori. Queste briciole di comfort sono progettate per mantenerti in gioco, mantenere vivo il tuo interesse, non farti perdere la speranza, assicurarci che tu resti legata e fedele a noi. Dal momento che sono briciole, ci richiedono poca manutenzione, richiedono appena qualche sforzo o energia e basta, ma dal momento che sei dipendente dal gusto di quando ti abbiamo sedotto, una volta che permetti ad una briciola di entrare nella tua bocca, il desiderio ritorna, sorgono i ricordi dei sapori e le sensazioni deliziose e tu vuoi di più. Ti viene data un’altra briciola, poi un’altra, quel tanto che basta per impedirti di guardare altrove e quanto basta per assicurarti di rimanere interessato a noi.

La nascita della tecnologia ha davvero fatto sì che le briciole di confidenza conversazionale entrassero nel loro repertorio. Mentre possono venire offerte al telefono o di persona, questo tende a far sì che il narcisista venga sottoposto a una maggiore pressione e il loro controllo venga meno in qualche modo. Invece, la maggior parte delle briciole di comfort saranno fornite tramite messaggi di testo, tramite e-mail o messaggi di social media. Ciò consente al narcisista di mantenere il controllo, comporre un messaggio appropriato ed è più facile ottenere una briciola di comfort tramite il testo piuttosto che parlare con l’apparecchio pertinente in determinati casi.

In che modo allora queste briciole di comfort potrebbero funzionare con le cinque categorie di apparecchi sopra descritte?

NISS (collega / amico)

Le briciole di comfort per questa categoria non devono essere utilizzate molto perché il livello di aspettativa non è così alto. Il collega o l’amico interagiscono periodicamente con il narcisista e quindi se il narcisista percepisce che c’è un rischio che il NISS in questione si stia spostando, egli può gettare alcune briciole conversazionali e, poco dopo, fornire di nuovo il “pasto”. La fornitura di questo pasto – vale a dire il tempo con il narcisista – non comporta un gran dispendio di energia dal momento che può essere solo una sera ogni mese o giù di lì, il NISS non fa richieste estese e quindi tutto ciò che il narcisista deve fare è inviare un messaggio del tipo
“Non sto al passo da un po’ – pranziamo la prossima settimana.”
“Ehi, non ti sento da un po’, ti va una partita di squash a settimana il giovedì?”

“Che fai? Dobbiamo recuperare sul bere. Piuttosto impegnato fino al 25, come preferisci? 7 del pomeriggio ok? “

“Di recente non abbiamo parlato delle tue prospettive di promozione. Facciamo un incontro per la colazione all’inizio del prossimo mese. Per favore, organizza con la mia segretaria. “

“Dovremmo guardare a nuove opportunità di marketing. Che ne dici se lo facciamo a pranzo tra due settimane? “

Nota: c’è il fissaggio del “pasto” in futuro e questa briciola di conforto, che lascia che l’apparecchio sappia che il narcisista lo valuta ancora. Questa briciola attirerà una risposta carica di carburante, manterrà l’apparecchio interessato e il narcisista non dovrà spendere molta energia attraverso la mollica né nell’eventuale ‘pasto’.

IPSS Sporco Segreto

Lo Sporco Segreto può accontentarsi di mantenere questa posizione o può essere contenta per il momento con l’aspettativa di essere presentata nel mondo del narcisista, di incontrare amici, essere vista con il narcisista in pubblico, incontrare la famiglia e così via. La IPSS Sporco Segreto offre frequenti raffiche di carburante attraverso incontri clandestini con il narcisista e quindi il narcisista troverà la manutenzione di questo elemento della matrice di carburante ragionevolmente facile perché è una richiesta a breve scadenza di incontrarsi in un albergo, in un parcheggio, in un bar e il tempo richiesto non sarà esteso.

Tuttavia, se il narcisista è occupato con altri apparecchi nella sua matrice di carburante (di solito la IPPS ma possibilmente una IPSS e diverse NISS) e non riesce a incontrare lo Sporco Segreto, non vuole che cambi direzione e quindi si assicurerà che si mantenga interessata con briciole di conforto.

“L’ultima volta è stato fantastico, non so come fai, non vedo l’ora che arrivi la prossima volta.”

“Dobbiamo incontrarci presto, sto impazzendo senza di te.”

“La prossima volta che ci incontreremo di nuovo ti dedicherò un pomeriggio in quel nuovo hotel di cui stavamo parlando.”

“Le cose sono caotiche al momento, ma sto cercando di mettere le cose in ordine, così potremo avere finalmente un pernottamento insieme, proprio come avevo promesso.”

Nota come siamo entusiasti con lo Sporco Segreto, la lodiamo, dichiarando quanto essa merita di essere trattata bene o di avere più tempo, ma non vi è promessa di quando questo accadrà. Questo perché le richieste del DS sono maggiori del NISS e dato che l’infedeltà è in atto, la capacità di impegnarsi non è così chiara. Le briciole di conforto saranno gettate più liberamente per allettare il DS ma non vi sarà un impegno.

IPSS da Scaffale

È questa la categoria di apparecchi che soffre di più per quanto riguarda la fornitura di queste briciole di conversazione. Questo perché la IPSS da Scaffale viene presa e riposta, è considerata generalmente sotto una luce favorevole con un prolungato periodo d’oro, non viene svalutata spesso (e se così fosse sarebbe una svalutazione correttiva di breve durata) e il narcisista ha fatto un investimento significativo in questa persona e vuole un ritorno da quell’investimento.

Il narcisista non vuole perdere la IPSS e deve trovarne un’altra, ma quando il narcisista passa il tempo con una IPSS diversa o è impegnato a passare del tempo con la IPPS (che sia svalutazione o più probabilmente un periodo di tregua) la IPSS pertinente verrà posta sullo scaffale. Prevedibilmente, questa persona vorrà sapere quando potrà vedere il narcisista e quando si incontreranno di nuovo. Può conoscere la IPPS, ma teme che il narcisista passi del tempo con la IPPS.

Nota che queste briciole di conforto non vengono usate quando il narcisista sta seducendo questa persona per renderla una IPSS, ma vengono usate quando la IPSS è posta sullo scaffale e sta cercando di scoprire di più del narcisista. Il narcisista userà una vasta gamma di briciole di comfort conversazionale con la IPSS – alcuni useranno il fascino, altri cercano compassione o pietà, altri cercano comprensione e altri minacciano. Gli esempi includeranno

“Al momento sono davvero impegnato al lavoro, ma chiamerò non appena sarò libero.”

“Occupato con i bambini, ci risentiamo domani.”

“L’agenda è zeppa per i prossimi dieci giorni. Muoio dalla voglia di vederti, ma dovremo essere pazienti. “

“Glielo dirò ma ora non è il momento giusto, suo padre è malato e questo deve essere fatto come si deve, so che sarai d’accordo perché capisci e ti ringrazio per questo.”

“Ho solo bisogno di togliermi di torno queste poche settimane e poi possiamo stare insieme. Non ha senso affrettarsi e causare più problemi del necessario non credi? “

“Non posso farlo stasera. Devo andare a questa cena di famiglia. Però mi piacerebbe che tu venissi con me.”

“Guarda, non ha senso lavorare su questo ora, sono nel bel mezzo di un enorme affare. Non posso parlare. Te l’ho detto e perché stai rischiando di buttare tutto a monte? Ho detto che lo metterò in ordine e lo farò, ma devi darmi tempo. “

“Quando uscirò da questo periodo avremo un weekend libero. Lo prometto. Sai che sei tu che voglio, ma ho bisogno di sapere che posso contare su di te in questo momento difficile.”

“Sai che ho sempre ottemperato e l’unica volta in cui sono sotto pressione, inizi a mettertici pure tu. Non pensavo che fossi così. Guarda, controllerò la mia agenda e prenderò un po’ di tempo per noi. Lascia fare a me e potremo fare una bella chiacchierata quando ci vediamo faccia a faccia”.

“Ogni notte resto sdraiato a pensare a te e quando finalmente possiamo stare insieme.”

“Non vedo l’ora di tornare a casa e trovarti lì ad aspettarmi. So che insieme lo faremo succedere.”

“Se le dici di noi, non ti parlerò mai più e tu e solo tu distruggerai questo rapporto meraviglioso che tu ed io abbiamo insieme. Ti prego, non farlo, mi distruggerai e distruggerai la cosa migliore che mi sia mai capitata.”

Ancora una volta queste briciole di comfort arrivano senza stabilire tempi per la realizzazione, senza periodi di tempo fissi e precisi ma sono progettate per mantenere l’IPSS sospesa. Ci sono migliaia di modi diversi in cui sono formulate ed è l’IPSS che si trova nel ruolo di attesa permanente, che si mantiene interessata a queste briciole ma senza mai trovare il modo di tornare al tavolo, né del tutto né per un po’ di tempo.

A volte potrebbe esserci un gruppo di briciole dove il narcisista effettua una telefonata o una chiamata Skype invece di incontrarsi. Questo verrà usato per mantenere l’interesse, ottenere carburante ed esercitare il controllo.

La briciola di conforto è usata come un metodo di controllo benigno perché il narcisista non vuole usare metodi duri e malvagi per affermare il controllo per paura di perdere un prezioso apparecchio.

La IPPS Integrata

Le briciole di comfort funzionano in modo diverso con la IPPS integrata. Nessuna, naturalmente, è necessaria durante la sua seduzione o il suo stadio integrato del periodo d’oro. In questo caso vedranno molte cose del narcisista.

Le briciole di comfort verranno distribuite durante la svalutazione della IPPS allo scopo di mantenerla al suo posto in modo da poter estrarre più carburante negativo mentre il narcisista lavora su potenziali IPSS candidate (sia individuandole che seducendole).

È probabile (anche se non è sempre così) che la IPPS vivrà con il narcisista e quindi le briciole di conforto saranno collegate alla ricerca di un modo per sistemare le cose, raggiungere una risoluzione e simili.

“Penso che dobbiamo sederci e parlarne quando le cose saranno meno frenetiche.”

“Possiamo risolvere questo problema. Sono determinato a farlo, ma dobbiamo farlo al momento giusto. “

“Voglio solo che le cose tornino come erano.”

“Voglio che risolviamo questi problemi, ma ci sono troppe distrazioni al momento. Fammi sapere quando possiamo farlo. “

“Ti parlerò dei nostri problemi ma ora non è un buon momento. Sai quanto sono impegnato con il lavoro. “

“Dobbiamo vedere cosa si può fare, ma prima è necessario apportare alcune modifiche prima che possa considerare come procedere”.

Anche queste sono vaghe e indistinte e sono progettate per restare lì. Non esiste una vera intenzione di risolvere i problemi, al contario queste briciole di consolazione vengono fornite per consentire alla vittima di pensare che una soluzione (qualcosa su cui una persona empatica si basa e in cui spera) sia realizzabile e che il periodo d’oro possa tornare.

La candidata IPSS

La candidata IPSS non riceve briciole di conforto perché questo apparecchio è in ascesa per essere incoronato come IPPS e quindi sarà sottoposta al bombardamento che è noto come love-bombing.

Quali sono state le briciole di comfort che ti ha dato il narcisista con cui ti sei relazionato?

H.G. TUDOR

Crumbs of Conversational Comfort

Pubblicato il Lascia un commento

📑 IL FREDDO CONFORTO

È una nostra caratteristica ben riconosciuta che non proviamo empatia. Sappiamo come mostrare empatia. Tu e altri l’avete mostrata in molte occasioni, così sappiamo quale espressione del viso adottare, l’inclinazione della testa, il linguaggio del corpo appropriato come una mano sul braccio o un braccio intorno alle spalle. Abbiamo ascoltato con molta attenzione, quindi comprendiamo le frasi da tirar fuori,

“Mi dispiace sentire questo.”

“C’è qualcosa che posso fare per essere d’aiuto; deve essere terribile.”

“Capisco cosa hai passato, credimi e dimmi solo come posso aiutarti”.

“So come ti senti.”

“Mi sentirei sconvolto anch’io se fosse successo a me.”

Ho visto persone come te in azione che esibiscono la loro natura empatica e ho setacciato anche internet per raccogliere anche lì alcune frasi appropriate. Metti insieme tutto questo e la nostra tipologia sarà in grado di esibire uno sfoggio convincente di empatia che ingannerà pressoché tutti. Vedrai questa falsa empatia esibita durante la seduzione quando desideriamo mostrarti come siamo una persona gentile, premurosa e comprensiva, così ti sentirai attratto ancora di più da noi. Conosciamo altrettanto bene i giusti destinatari di questa falsa empatia: i malati, gli anziani, i gatti randagi, i senzatetto, le vittime del terremoto, il bambino con lo stomaco gonfio perché non ha mangiato per giorni, i paesani dall’aspetto serio affollati attorno al nuovo investito e così via. Sì, conosco tutti quelli che hanno bisogno di alcune reazioni empatiche e le mostrerò di fronte a te, così tu sei sempre più attratto da me. Cosicché mi adatto.

È, ovviamente, tutto per sfoggio. Non la sento. Niente affatto. Non una virgola, uno granello o una scintilla di empatia. Mostrami un resoconto di qualche tragedia e i miei occhi scivoleranno sul testo mentre registro ciò che è successo. Dentro non sento niente. Non c’è risposta. Non mi dispiace per le persone coinvolte nelle conseguenze dell’uragano. Non immagino come dovrebbe essere per loro e come devono sentirsi. Certamente sono abbastanza intelligente per sapere come devono sentirsi, ma non mi metto nei loro panni. Non immagino come debba essere per loro. Non vi è alcuna tensione alle corde del mio cuore, un sentimento di turbamento, sconforto o persino rabbia per l’ingiustizia che possono aver sofferto. Naturalmente, mentre cerchi la mia risposta dopo avermi avvertito di questo ultimo disastro, formerò una fronte corrugata, scuoterò la testa e scriverò alcune parole appropriate per farti pensare che mi dispiace. Questo succederà, naturalmente, se voglio la tua reazione positiva ossia che osservi con approvazione la mia presunta compassione. Se non cercherò più carburante positivo da te, allora lo userò come un’opportunità per provocarti.

“E?” È in genere un buon punto di partenza per ottenere una reazione da parte di un individuo empatico a qualcosa di terribile.

“Cosa intendi con “e”? Queste persone sono senza casa e ferite. Vivono su una piccola isola e non hanno energia elettrica e acqua pulita”.

“Che cosa ti aspetti che io faccia al riguardo? Non dovrebbero vivere lì allora.”

“Che cosa? Lo pensi davvero?

“Sì. È una loro scelta Devono arrangiarsi.”

Ciò invariabilmente provocherà un attonito silenzio o una protesta. Puoi seguirmi mentre mi allontano chiedendomi come posso non sentire nulla per queste persone. Puoi esprimere rabbia o indignazione e naturalmente questo è ciò che voglio che tu faccia. Il fatto è che non sento niente. Se vedo un appello di beneficienza in televisione, resto indifferente. Non ho nulla in comune con le persone che chiedono aiuto. Non riesco a identificarmi in alcun modo con il modo in cui devono sentirsi. È una totale disconnessione.

La situazione è diversa con coloro con cui interagisco e specialmente con quelli che sono un partner intimo quando ti sto svalutando. Se sei malato e vuoi un po’ di sostegno e quelle tre parole tremanti “tenera amorevole cura”, io non sento nulla. Sento un travolgente senso di disgusto e repulsione. Come sono arrivato ad accoppiarmi con una persona così patetico e debole? Perché ho accettato di vivere con qualcuno che sta starnutendo, tossendo e gracchiando? Stanno cercando di infettarmi, vero? Cercano di farmi scendere al loro livello. So qual è il loro piano e non mi farò ingannare. Non vedo alcuna ragione per cui dovrei sprecare tempo ed energie ad aver a che fare con una persona così. È un esaurimento delle mie risorse e c’è poco o punto carburante da ottenere. Inoltre, il senso di disgusto mi spinge ad allontanarmi da te. Non posso sopportare di vedere una tale debolezza, una tale malattia e una tale infermità. Devo scappare e così sparirò, a volte con una scusa e spesso senza per evitare questa scena orribile.

Quando sei turbato, forse per una brutta giornata di lavoro o per una discussione con un amico e stai piangendo a spiegare cosa ti turba, aspettati di ricevere una scrollata di spalle. Cosa ti aspetti che io faccia al riguardo? È un tuo problema, non mio. Risolvi la situazione da solo. Se ti ostini a supplicarmi di ascoltarti e di aiutarti, allora mi irrito perché requisisci il mio tempo in questo modo. Non ti rendi conto che ho molto da fare con me stesso? Non posso rinunciare alle mie stesse macchinazioni e alla raccolta di carburante per giocare alla posta del cuore con le tue lagne e i tuoi piagnistei. Le tue patetiche preoccupazioni mi infastidiscono e puoi aspettarti che ti rimproveri per far crescere la tua disperazione, in modo da attirare almeno un po’ di carburante negativo dal tuo turbamento. In questo modo la situazione non verrà completamente cancellata. Se il tuo turbamento è ancora maggiore a seguito della perdita del tuo lavoro o di un lutto, non mostreremo alcun riguardo per i tuoi sentimenti e, anzi, sfrutteremo la tua disgrazia durante la nostra svalutazione. Coglieremo questa opportunità quando sarai vulnerabile ad estrarre ulteriore carburante. Questo è ciò che conta per noi. Sentiamo il bisogno di carburante. Non proviamo alcuna compassione o calore nei tuoi confronti e anzi il tuo egoismo nel concentrarti su te stesso quando dovresti essere presente con noi ci fa infuriare. Ti faremo notare che non ti sei mai preoccupato molto di quel membro della famiglia quando era in vita, quindi perché ti stai preoccupando ora che è passato a miglior vita? Piangi per il tuo licenziamento e ti diciamo che te lo meriti perché non stavi lavorando abbastanza assiduamente. Estrarremo quel combustibile negativo dalle tue lacrime, dalla tua ferita, dalla tua frustrazione e dalla tua rabbia e una volta che è stato ottenuto ti lasceremo con questo (tuo dolore). Abbiamo ottenuto quello che vogliamo e ci sono altre cose, in particolare altre persone con cui possiamo passare il tempo meglio, piuttosto che rimanere con te ed essere sottoposti alla tua pietà egocentrica. Sappiamo che consideri questo comportamento aberrante e senza cuore, ma non c’è speranza per nient’altro. Non proviamo compassione o empatia. Non abbiamo bisogno di fingere perché possiamo attingere carburante negativo, non abbiamo bisogno di renderti come noi o che tu ci ammiri e ci fornisci carburante positivo. Questo è come siamo stati creati. Questo è il freddo conforto che riceverai sempre da noi ogni volta che avrai un momento di bisogno, turbato o angosciato. Abituati a questo.

H.G. TUDOR

The Cold Comfort