📰 I DIECI TIPI DI VITTIME CHE IL NARCISISTA RECUPERA

191108E The Ten Types of Victim The Narcissist Hoovers.png

Faccio ripetutamente menzione di come noi torniamo sempre. Questa naturalmente è la genialità del recupero. Alcune persone faticano a comprendere che continueremo a tornare per avere più carburante, se si presenterà l’occasione. Perché non dovremmo? Amiamo il carburante. Amiamo il tuo carburante (dopotutto è stato il motivo per cui sei stato scelto come fonte primaria) e meglio ancora amiamo il carburante di recupero che fornisci. Il recupero ricopre molte funzioni. Innanzitutto, ci fornisce carburante. È anche un mezzo per esercitare il controllo, sondare il territorio per potenziali future macchinazioni, un mezzo per impedirti di andare avanti, un mezzo per ostacolare la tua comprensione, un metodo per rafforzare la nostra superiorità, il nostro dominio e la nostra onnipotenza. Serve per queste funzioni e per molte altre. I recuperi si svolgono durante la danza con la nostra tipologia, ma li associamo il più possibile con il seguito, con il periodo successivo alla fuga o più probabilmente allo scarto. Quando guardiamo il recupero in uno scenario del genere, quando torniamo di nuovo, lo facciamo per uno dei seguenti tre motivi:

1. Per riportarti di nuovo nella relazione in modo che l’intero ciclo narcisistico possa ricominciare;
2. Per ferirti. Non vogliamo di nuovo la relazione formale, ma vogliamo ricordarti quanto sei privo di valore e quindi miriamo a farti del male attraverso questa forma di recupero;
3. Per attingere un po’ di carburante positivo (potrebbe essere una goccia o potrebbe essere una discreta quantità) ma non vogliamo che il rapporto formale ricominci di nuovo o addirittura mai, ma sappiamo che fornisci un delizioso carburante di recupero, quindi continueremo sempre a tornare. Non facciamo abbastanza per ricominciare la relazione formale, ma certamente ne ricaviamo un po’ di carburante. Potrebbe essere un messaggio, potrebbe essere una telefonata o una visita, ma accadrà. Potrebbe volerci solo un momento o un pomeriggio, ma sarà un periodo temporaneo e dopo aver estratto il carburante ci ritireremo di nuovo (solo per apparire in una fase successiva). La relazione formale non ricomincia.

È questa terza manovra (che è un recupero successivo benigno) che spesso confonde le persone. Puoi capire il recupero allo scopo di ricominciare la relazione. Puoi capire di prendertela con noi e di essere cattivo perché, ehi, dopotutto siamo Grandi Bastardi, non è vero? Tuttavia, perché fare lo sforzo di guadagnare del carburante e poi ritirarsi di nuovo? Può essere perché abbiamo una fonte primaria affidabile in atto, ma non possiamo resistere a un sorso di carburante di recupero. Può accadere perché le circostanze lo rendono troppo bello per resistere. Ci sono diversi fattori, ma uno dei fattori principali è il ruolo che ti viene assegnato dopo la fuga/scarto. L’applicazione del recupero successivo benigno che non cerca il ripristino della relazione formale si basa su di te che ti rendi conforme a un ruolo particolare e al carburante che ne deriva. Ci sono molti ruoli diversi che possono esserti assegnati a questo punto, ma qui ne elenco dieci.

1. Augurarti il meglio

Ogni volta che torniamo, chiedi con la tua ben nota onestà come ce la stiamo passando, chiedi dei nostri progressi, della nostra salute e di tutte le altre questioni. Lo fai con quella bontà di cuore e secondo la natura per la quale tu, come persona empatica, sei famosa, e anche se non c’è un torrente di emozioni scatenate, la tua gentilezza e compassione ci alimentano ancora. Potresti esserti allontanato in gran parte da noi, ma non sei in grado di tagliare tutti i legami. Sai che non tornerai indietro ma non puoi fare a meno di voler sempre sentire che stiamo facendo del bene e che di conseguenza puoi augurarci il meglio.

2. L’ottimista

Questo contatto ti dà la speranza che ci possa essere un ritorno al periodo d’oro. Non forzi la cosa, poiché sai come questo può indurci a reagire, ma sei ricettivo al nostro progresso, lieto, non felice di sentirci e ti impegni con entusiasmo, cercando di mantenere il tuo cuore pulsante sotto controllo. Ogni volta che “facciamo un salto” vedi come la possibilità che questa volta ti travolgiamo tra le nostre braccia e ti riportiamo di nuovo da noi. Ogni volta sei deluso ma questo non affievolisce la tua speranza e il tuo ottimismo, forse la prossima volta sarà il momento?

3. Il colpevole

Stai male perché la relazione non ha funzionato e ti incolpi tanto (se non di più) di noi per la sua fine. La tua natura di devoto all’amore significa che credi ancora che l’amore conquisterà tutto e passerai il tuo tempo a scusarti per ciò che hai fatto che è sbagliato e ciò che non hai fatto bene. Naturalmente non facciamo nulla per farti pensare in modo diverso, godendo della tua auto-flagellazione che emerge sempre in superficie ogni volta che ci mettiamo in contatto con te.

4. L’entrare nei particolari

Sei ossessionato dal capire chi sei e consideri la tua interazione come parte integrante di questo. Vuoi i nostri punti di vista e le nostre opinioni sulla tua introspezione e usi qualsiasi contatto da parte nostra come un’opportunità per invitarci a dare un’opinione su di te, non importa quanto brutale possa essere. Credi di non essere in grado di stabilire chi sei veramente senza capire la natura del tuo rapporto con noi e ogni occasione in cui ci mettiamo in contatto con te ti offre l’opportunità di impegnarti per trovare queste risposte. La tua dipendenza da noi ci edifica e ci fornisce carburante.

5. Il curatore

Non abbandonerai il concetto che possiamo esserci corretti e qualsiasi interazione tra di noi ti porta a impadronirti di nuovo di quel ruolo di curatore, mettendo i nostri interessi davanti ai tuoi con l’inevitabile carburante che deriva dal tuo comportamento compassionevole e di buon cuore.

6. La ninfa

Ci odi per quello che abbiamo fatto, ma, oh, il sesso è stato così bello e non puoi resistere al richiamo di un messaggio notturno per qualche rapporto sessuale nella speranza che possa portare di nuovo a un combattimento tra le lenzuola. Sosteni che tutto ciò che vuoi è la gratificazione sessuale e adottare questa posizione è una forma di rivincita nei nostri confronti, ma il tuo coinvolgimento con noi attraverso i messaggi erotici e il flirt ci fornisce il carburante di recupero che vogliamo.

7. Il laccio emostatico

Non sei un laccio emostatico, ma hai bisogno di averne uno. Non riesci a capire cosa è successo e ogni dialogo è una sessione di domande piena di carburante sul perché abbiamo fatto quello che abbiamo fatto, perché ti abbiamo ferito, perché abbiamo detto quelle cose, perché abbiamo fatto casini e cose del genere. Il dolore rimane crudo e il carburante che ne deriva è troppo buono per resistere.

8. Il vecchio affidabile

Sai che dovresti ignorarci ma non puoi. Quei messaggi che inviamo sono come un fastidioso prurito e devi grattare disperatamente. Ovviamente lo sappiamo e ti consideriamo una fonte affidabile di carburante di recupero. Tutto quello che dobbiamo fare è inviare un messaggio e tu risponderai in qualche modo, non puoi farci nulla.

9. Il contendente

Vuoi tornare con noi e ci dimostrerai quanto sei dannatamente bravo e quanto siamo “buchi” per lasciarti andare, in primo luogo. Ci dirai quanto sarai giusto per noi, cosa farai e come non riusciremo mai a diventare meglio di te, mentre tu fai tutto il possibile per convincerci che dovresti tornare tra le nostre braccia. Anche se ti rifiutiamo, non ti arrenderai perché il tuo desiderio di essere il nostro partner intimo è enorme e con questo fornisci carburante.

10. Il combustibile ben infuocato

Il tuo flusso di carburante non può essere interrotto. Red Adair non sarebbe mai in grado di spegnere le fiamme e tappare bene il combustibile. Sei arrabbiato, ribollente, furioso per il modo in cui sei stato trattato e ci odi. Ci odi assolutamente. Ogni volta che ti contattiamo, cogli l’opportunità di sfogare la tua rabbia contro di noi, insultandoci, etichettandoci e continuando come un’arpia impazzita. Pensi che questo ci sconvolgerà, ma non comprendi la natura del carburante e anche se possiamo controbattere è tutto progettato per mantenere questo combustibile ardente che scorre.

Ti riconosci in tutto questo?

H.G. TUDOR

The Ten Types of Victim the Narcissist Hoovers

📢 SFATARE 10 MITI SUL RECUPERO

2019-11-08 (1).png

Ci sono molti equivoci e miti sui Recuperi. Eccone 10 che ho intenzione di sfatare per voi. Quali sono?

1. Ho esposto pesantemente il narcisista, non verrò recuperato.

Hai torto. Ecco perché c’è sempre il rischio di un recupero. Ci sono due parti che costituiscono il recupero, in primo luogo l’Attivatore di Recupero che significa che entri nelle sfere di influenza. Ce ne sono sei che ho descritto in un articolo separato; da cinque di loro puoi stare fuori come parte del tuo regime di no contact, ma non puoi mai stare nella sesta perché quella è quando al narcisista capita di pensare a te, si ricorda di te, quindi ne consegue che c’è sempre un rischio di un Attivatore di Recupero. Questo tuttavia non significa che sarai recuperato; i Criteri di Esecuzione di Recupero devono essere soddisfatti. Ora, questi sono i criteri che spiego nei dettagli, così potrai capire cosa sono, in modo da poter apportare gli aggiustamenti appropriati per rafforzare il tuo regime di no contact. Capisci che il narcisista non si ferma ad analizzare questi punti e pensa “Ah, perfetto, Barra di Recupero Bassa, ora recupero!” È una cosa istintiva. Quando esponi in maniera massiccia il narcisista, causerai considerevoli ferite. Questo fatto spinge la barra di recupero in alto, molto in alto, il che significa che è meno probabile che tu venga recuperato perché i criteri di esecuzione recupero hanno meno probabilità di essere soddisfatti, tuttavia pensare di non essere recuperato è pensiero emotivo, perché la logica è che c’è sempre il rischio di un recupero fino al giorno in cui tu muori o muore il narcisista. Perché? Poiché la massiccia esposizione non è che un criterio, quindi possono esserci anche altri criteri che abbassano la barra di recupero e in generale annullano l’effetto della pesante esposizione, così si verifica il recupero. Inoltre potrebbe darsi che tu riceva una risposta maligna e non benigna sotto forma di recupero. In più, le massicce ferite causate dalla pesante esposizione si attenuano nel tempo, quindi diciamo che in sei mesi il suo effetto non è più così grande sul narcisista, perciò quando vi è un attivatore di recupero, l’episodio della tua ferita massiccia diventa meno rilevante o anzi in futuro è irrilevante, e quindi questo implica che non terrà a bada il narcisista per sempre. È probabile che succeda immediatamente dopo, in base agli altri criteri, ma partendo dal presupposto che gli altri criteri non annullano le ferite massicce, col tempo l’effetto di quella massiccia ferita causata da una pesante esposizione, anzi l’esposizione, si ridurrà e di conseguenza ti esponi a un aumentato rischio di recupero. Quindi la risposta è di non cadere preda del tuo pensiero emotivo e considerare “Oh beh, guarda, espongo pesantemente il narcisista così sarò protetto”. Questa è arroganza, questo è il tuo pensiero emotivo che coglie il tuo tratto narcisistico dell’orgoglio e lo corrompe contro di te. C’è sempre il rischio di un recupero, questa è la logica, quindi applica un rigoroso e rigido regime di no contact

2.  I narcisisti recuperano solo per riprendere la relazione.

No, questo indubbiamente succede, ma si recupera anche per altri due motivi:

• Malignamente per ottenere carburante ed esercitare il controllo su di te, oppure

• Per ottenere carburante positivo attraverso un recupero benigno, possibilmente per acquisire tratti caratteriali e possibilmente per ottenere benefici residui, e forse tutte e tre le cose. Possiamo farlo se ti piace tuffartici di nuovo.

Quindi, facciamo un esempio. Il narcisista potrebbe telefonarti e chiedere che tu gli presti dei soldi. Il tuo pensiero emotivo è alto e sei convinto di farlo. Quello è il
beneficio residuo, e quell’atto di prestare i soldi, e anche le tue risposte positive nel corso della conversazione con il narcisista, rappresentano la fornitura di carburante. Il narcisista ottiene questo carburante, ottiene un beneficio residuo, quindi si disimpegna da te o più probabilmente ti mette sullo Scaffale, fino alla prossima volta che vi è un Attivatore di Recupero, e qualora i Criteri di Esecuzione di Recupero siano soddisfatti. Quindi non torniamo solo per risucchiarti dentro, diciamo una relazione romantica; potremmo semplicemente attingere a te in modo intermittente, e questo è quello che normalmente accade con fonti secondarie del tipo da scaffale, ovvero l’amante, l’altra donna, la persona con cui stiamo avendo una tresca, amici, colleghi. Può anche accadere con la ex fonte primaria intima; siamo tornati solo per avere un piccolo bocconcino di carburante positivo o negativo. Perché? Perché ne abbiamo bisogno e la barra di recupero è stata abbassata

3. Non ho intenzione di bloccare il narcisista sul telefono, altrimenti verrà a recuperarmi di persona.

Questo è pensiero emotivo. Sembra logico, non è vero, quasi come una valvola a pressione: se riesce a mandarmi un messaggio, va da sé che non verrà a presentarsi alla mia porta, ed è il minore tra i due mali. Pensiero comprensibile, ma sbagliato e illogico. Se non blocchi il narcisista sul tuo telefono, è più probabile che tu venga recuperato. Ad ogni modo, se blocchi il narcisista sui mezzi elettronici, questo non implica che il narcisista probabilmente si presenterà. Perché? Beh, prima di tutto è molto facile recuperarti elettronicamente, addirittura esiste il precedente suicidio del no contact di non bloccare, di non uscire dai social media, ecc., (leggi l’articolo Il Suicidio del No Contact per ulteriori informazioni al riguardo). Tuttavia, se ci blocchi sui mezzi elettronici, ciò non significa che ci presenteremo di persona. Perché? Potremmo non sapere dove trovarti, oppure dobbiamo impiegare uno sforzo considerevole per arrivarci, o anche se ci vuole un certo sforzo per arrivarci, il narcisista, in particolare l’Inferiore e il Medio-Rango, cercherà sempre la frutta appesa ai rami bassi, estraendo il carburante da un apparecchio che è il più facile da ottenere. Se ciò significa dover camminare per 15 minuti per trovarti, è meno probabile che lo faccia, e manderà messaggi a qualcuno che ha lasciato aperti i canali elettronici. Sì, potrebbero esserci occasioni in cui il narcisista, in particolare se sei fuggito e blocchi i canali elettronici, è portato a venire da te di persona SE ciò si confà coi Criteri di Esecuzione di Recupero, perciò intraprende questo recupero fisico diretto. Ma ricorda, tu hai un netto vantaggio. Nonostante tutto il nostro splendore, non possiamo attraversare muri o porte, quindi se il narcisista si presenta di persona, tu non apri la porta, non parli con lui dalla finestra o attraverso la buca delle lettere; ti metti le cuffie, aspetti cinque o dieci minuti, e se non se n’è andato, chiami la polizia e lo fai togliere da lì, non interagisci con lui, non dici al narcisista di andare via, non lo minacci, chiameremmo la polizia, lo lasci gridare e lanciarsi contro la porta, non si introdurrà dentro con un calcio. Se inizia a farlo, allora chiama la polizia e sarà allontanato. Se il narcisista viene da te di persona, se pensi che faccia in modo di tenderti un’imboscata fuori dal lavoro, beh, puoi starci attento, esci dal lavoro con qualcuno accanto a te, ignoralo, raggiungi la tua auto e vattene, prendi strade diverse per andare e tornare dal lavoro o dalla palestra; fai la spesa in posti diversi, ma non cadere preda del pensiero emotivo che dice che se blocchi il narcisista sarà costretto a presentarsi di persona. Questo non è corretto.

4. Voglio che il narcisista mi recuperi per provare che sono superiore a lui.

Di nuovo questa è una sorta di scienza logica, non è vero? Ora voglio dimostrare che mi sono laureato all’Università di HG, e quindi voglio ricevere un recupero per dimostrare che posso resistere. Ma questo è pensiero emotivo. Perché? Predica la prima regola d’oro della libertà “Una volta che sai vai e esci e stai fuori”. Non hai bisogno di alcuna forma di interazione; è come rimettere la testa nella bocca del leone raccogliendo un piccolo revolver ricaricato senza tirare il grilletto. Non devi farlo, non hai bisogno di dimostrare che sei resistente, anzi hai bisogno di preservare la tua resistenza per quando ti viene tesa un’imboscata se il narcisista si presenta inaspettatamente; non è necessario mantenere aperto un canale, non è necessario sbloccarlo per vedere se arriva il recupero. Ciò che farai è cadere preda del tuo pensiero emotivo. Non farlo. Questo è pensiero emotivo. Evitalo.

5. I narcisisti recuperano solo per il carburante.

No, è un motivo principale per il recupero, ma recuperiamo anche per i tratti caratteriali e i benefici residui. I benefici residui potrebbero essere l’accesso alle informazioni, l’uso della tua rete sociale; l’uso della tua rete in termini di affari, prestito di denaro, avere un posto dove stare, ottenere assistenza nella risoluzione di un problema; è tutta una gamma di benefici residui

6. Sto con un’altra persona, quindi non verrò recuperato.

Sbagliato! Con il Narcisista Inferiore e di Medio-Rango il fatto che tu sia con un’altra persona agisce come un fattore di tutela per i Criteri di Esecuzione di Recupero, ma è solo un criterio e, come spiegato in precedenza in questo articolo, potrebbe essere il caso che vi siano criteri aggiuntivi che neutralizzano quest’unico criterio, e quindi rendono trascurabile il fatto che tu sia stato con qualcun altro. Di per sé, è un fattore che innalza la Barra di Recupero, ma ci saranno sempre altri criteri che potrebbero abbassare la Barra di Recupero. Ai Superiori non importa che tu stia con un’altra persona, per noi diventa incoraggiante, e ricorda che qualora vengano soddisfatti questi Criteri di Esecuzione di Recupero, potrebbe esserci un Recupero Maligno verso te e la nuova persona. Naturalmente verrai triangolato e cosa ne potremmo ottenere? Due flussi di carburante cercando di creare problemi tra te e il tuo nuovo interesse romantico

7. Il narcisista non può recuperarmi, controbatterò e vincerò. Ora so cosa è.

Di nuovo questo è pensiero emotivo che sta corrompendo il tuo senso narcisistico di orgoglio e il tuo tratto empatico di Giustizia. Pensi che “Ora posso andare di pari passo con il narcisista, ho le competenze, sono stato armato”. Essere armati significa applicare la logica e stare lontani da noi. Se combatterai con noi, verrai sul nostro campo di battaglia. Sono le nostre regole, non le tue regole. Cosa accadrà? Ci darai carburante, potresti ottenere un risultato spiacevole, aumenterai il tuo pensiero emotivo. Quindi non vincerai ogni volta che interagisci con noi. Anche se fai irritare il narcisista, lo fai incazzare, otterremo sempre ciò che vogliamo perché ci darai carburante. È quasi impossibile per te non fornire carburante durante un’interazione con noi. L’ho spiegato nell’articolo “Perché il sasso grigio non funziona”, quindi ci darai carburante; è quello che vogliamo, e che sia positivo o negativo, se ci dai carburante, vinceremo. Puoi anche andare di pari passo con noi in circostanze in cui ti faremo di nuovo qualcosa di spiacevole. Perché rischiare questo, e poi in terzo luogo perché è un’interazione, che sia mandarci un messaggio, parlare con noi al telefono, pensare a noi, parlare di noi con i tuoi amici e ancora di più di persona. Tutto ciò aumenterà il tuo pensiero emotivo, il che implica che non darai ascolto alla logica, e se pensi di aver colpito il narcisista irritandolo, il tuo pensiero emotivo ti farà desiderare di farlo sempre di più. Questo è pericoloso perché ti porterà in questo circolo di azioni che ti impediscono di andare avanti. Sei preoccupato di pensare che stai vincendo contro il narcisista quando non è così. Vinci se non ci dai ciò che vogliamo. Ciò significa no contact, significa niente carburante, nessun tratto caratteriale e nessun beneficio residuo

8. Non ho sue notizie sei mesi, non verrò recuperato.

Sbagliato! Sei mesi non sono niente. Vedo ripetutamente “non ho sue notizie da tre o quattro mesi”, è un battito di ciglia. Io ho recuperato qualcuno dopo 12 anni, e ho visto commenti dei miei lettori che sono stati recuperati dopo 15 anni, e penso che qualcuno sia stato recuperato anche dopo 35 anni. Come ho più volte spiegato, e comprendi questa logica, prendila e lascia che si sistemi nel tuo cervello, tu sarai recuperato perché c’è sempre il rischio di un recupero fino al giorno in cui tu morirai o noi moriremo. Il fatto che non hai nostre notizie da sei mesi significa che con ogni probabilità il narcisista si trova in un nuovo periodo d’oro con un’altra persona, e sei mesi è un tempo di durata standard; tutti i suoi bisogni vengono soddisfatti da quell’altra persona, non c’è bisogno di prendere una misura di recupero nei tuoi confronti, e non c’è bisogno di tornare da te con un Recupero Benigno perché tutti gli Scopi Primari del narcisista sono soddisfatti dalla nuova fonte primaria intima, ed è per questo che vieni lasciato stare. Ma se pensi “Oh, sono passati sei mesi sono al sicuro”, sei maggiormente sciocco. Se abbassi le tue difese, quando il narcisista svaluta quella nuova fonte primaria, e lo farà, probabilmente tornerà da te col fiato sul collo visto che sei la ex più recente, perché ci sarà stato un Attivatore di Recupero; potrebbe essere stato detto qualcosa su di te, o il narcisista si ricorda di te, o gli capita di incontrarti e vederti, e se hai abbassato le tue difese rimettendoti sui social media, sbloccare il narcisista ecc., stai giocando con il fuoco, stai rimettendo la testa nella bocca del leone e i recuperi verranno a fiotti

9. Continuo a contattare il narcisista, ma lui non recupera, quindi non succederà mai.

Beh, se continui a contattare il narcisista stai provocando gli Attivatori di Recupero, quindi questo crea il rischio di Recupero. Perché non ne arriva uno? Semplicemente i criteri non vengono soddisfatti, e il motivo più frequente potrebbe essere che il narcisista si trova in un nuovo periodo d’oro con una fonte primaria intima e non vuole avere niente a che fare con te. Tu sei persona non gradita, lo sei se sei stato cancellato e il narcisista sceglie di ignorarti. Non ha bisogno di niente da te. Vieni visto come il nemico perché sei dipinto di nero, perché hai deluso il narcisista, e inoltre la paranoia intrinseca del narcisista lo porta a pensare che tu arrivi e gli rovini le cose. Tu avrai un impatto sulla nuova relazione, racconterai bugie anche se è la verità, ma racconti bugie sul narcisista, e lui non vuole che ciò accada, non vuole che questo nuovo apparecchio venga influenzato negativamente. Naturalmente non lo vede come un nuovo apparecchio, pensa semplicemente “Ho incontrato una persona meravigliosa che mi rende felice”, anche se il narcisista non è felice, e pensa che lo danneggerai in qualche modo e non vuole correre questo rischio. Altre ragioni potrebbero essere che non sei considerato un utile apparecchio per il carburante, e ci sono opzioni migliori altrove, o potrebbe essere che proprio di recente tu abbia causato qualche massiccia ferita e il narcisista resta istintivamente lontano da te perché la cosa è ancora fresca, e non si prende il rischio di tornare da te solo per essere ignorato

10) Ho letto tutto su HG e il suo lavoro. Ora so come resistere ad un Recupero.

Ben fatto per ascoltare tutto e leggere tutto; ci sono molte altre cose da fare per me, da offrirti, quindi devi continuare ad imparare, ma ricorda questo. Una cosa è saperlo, un’altra metterlo in pratica. Il tuo pensiero emotivo ogni singolo giorno vuole che tu smetta di ascoltare, che tu smetta di leggere e che tu non metta in pratica ciò che hai imparato. È come avere una biblioteca piena zeppa di tutto il mio geniale lavoro, e poi mentre vai e provi ad avvicinarti, il pensiero emotivo mette il braccio davanti alla porta e dice “Non entrare, non leggere il suo lavoro, nessuno ne ha parlato, non ascoltarlo”.

H.G. TUDOR

Dispelling 10 Hoover Myths

 

📰 DIECI RACCONTI DI TRIANGOLAZIONE

TEN-TELLS-OF-TRIANGULATION.png

La triangolazione è uno strumento base di manipolazione del nostro arsenale. La triangolazione è un modo conveniente per descrivere una tresca, avere una scappatella con qualcuno, flirtare, giocare in trasferta, investire in una nuova prospettiva, concedersi una distrazione, trastullarsi e così via. La realtà è che la triangolazione offende i principi del motivo per cui due persone sono in una relazione ed è un metodo di manipolazione che viene usato per ottenere carburante, causare confusione ed esercitare controllo. La ragione principale per cui lo facciamo è perché siamo capaci di ricavare due fonti di carburante da due diversi dispositivi. Qualche volta il carburante è doppiamente positivo e altre sia positivo che negativo. Questo è edificante e rinvigorente. Potresti essere triangolato con una persona o un oggetto. Potrebbero esserci triangoli all’interno di altri triangoli. La triangolazione fornisce carburante ma ci permette anche di generare caos ed impegnarci in tattiche di distrazione dove tu e l’altra persona vi attaccate a vicenda, non realizzando (o forse non volendo far vedere di aver capito per la paura di essere considerati dei perdenti) che siamo noi che abbiamo causato la triangolazione. Solitamente non sarai consapevole che sei stata triangolata con l’altra persona. È più facile che manteniamo te e l’altra persona separati e trascorriamo il nostro tempo con loro e poi il nostro tempo con voi. Otteniamo carburante da entrambe e nessuna di voi sa dell’altra. Non vediamo alcun problema nel comportarci in questo modo. Non siamo mai responsabili; abbiamo il diritto di fare come ci pare. Non facciamo distinzione tra di voi perché siete semplicemente dispositivi per noi e quindi interamente intercambiabili. Prima che decidiamo di alzare la posta in gioco e svelarti del tuo avversario, così da amplificare le tue reazioni e risposte, potresti essere in grado di accorgerti che sei stato triangolata perché ci sono certi episodi che lo dicono. Questi sono più evidenti sia nell’Inferiore che nel Medio della nostra tipologia dato che potrebbero mancare delle funzioni superiori nel ricordare le cose che hanno fatto o detto e occasionalmente fanno dei passi falsi, rivelando quindi il racconto. Se ci metti a confronto con questi episodi racconteremo delle frottole, persuadendoti che non vuol dire niente, questa persona è un’amica, c’è un’anomalia nel telefono, lo ha fatto qualcun altro, ti stai immaginando le cose, stai esagerando e nel nostro tradizionale modo negheremo e proietteremo e se ce n’è bisogno attaccheremo perfino nel tentativo di proteggere il nostro investimento sia in te che nell’altra persona. Se vedi questi episodi, non provocarci a riguardo. Ci stai solo dando un modo per attingere carburante da te, confonderti e uscirne. Se li vedi ora sai cosa significano. Sei stata triangolata. Qui ce ne sono dieci.

1. Il nostro cellulare duplicherà i messaggi. Mandiamo lo stesso messaggio a te e all’altra persona, spesso entro pochi secondi dal primo.
2. Ti compreremo un regalo doppio avendotelo già dato uguale una settimana o due prima.
3. Ti diremo qualcosa che ti abbiamo già detto prima, più o meno parola per parola.
4. Faremo riferimento a qualcosa che hai detto sebbene tu non l’abbia mai detto (è stata l’altra persona a farlo).
5. Faremo riferimento a qualcosa che apparentemente abbiamo fatto insieme che tu non ricorderai (questo perché l’abbiamo fatto con l’altra persona).
6. Ti chiameremo con il nome di qualcun altro.
7. Potresti sentirci dire cose sottovoce come “lei non lo farebbe” “lei lo farebbe”.
8. Sbaglieremo nel riconoscere che tu hai fatto qualcosa per noi pensando che sia stata l’altra persona a farlo, per esempio un regalo a sorpresa.
9. Rimarcheremo che non vogliamo rifare una cosa anche se non l’abbiamo mai fatta con te (L’abbiamo fatta con l’altra persona).
10. Faremo una domanda fuori contesto. Per esempio, chiederti come sta tuo padre ricoverato che invece non ha nulla (ovviamente è il padre dell’altra persona ad essere malato).

H.G. TUDOR

Ten Tells of Triangulation

📁 IL NARCISISTA MANIPOLA: FORNITURA DI CARBURANTE PIANIFICATA

THE-NARCISSIST-MANIPULATES-_-PLANNED-FUEL-ACQUISITION.png

Era una bella serata per una passeggiata. Una passeggiata lungo la banchina. Un sacco di altri pedoni che si godono l’aria ancora tiepida della sera, i bar che costeggiano lo storico lungofiume a ciottoli preso dal rumore e dall’attività. Non eravamo arrivati a quella fase della serata. Non eravamo ancora seduti accanto alle acque tranquille del fiume a ordinare da bere mentre parlavamo e osservavamo. Non avevamo raggiunto quel bar preferito. In effetti, era il bar in cui ci eravamo incontrati per la prima volta una quindicina di mesi fa e ora eccoci qui più di un anno dopo e l’agonia della spregevole svalutazione sta crescendo intorno a te, anche se devi ancora capire cosa significa. Questa sera comunque è destino che ci sia un po’ di tregua dalle macchinazioni e dalle manipolazioni, un ritorno al periodo d’oro, purché ti comporti bene e obbedisca.

Ti guardo inciampare sui ciottoli. La tua scelta dei tacchi (la mia scelta dei tacchi, dato che ti ho ordinato in anticipo quello che avresti dovuto indossare) è elegante e alla moda, ma poco adatta per avventurarti in questa zona della banchina. Naturalmente ho suggerito che dovevamo prendere un taxi per andare direttamente al bar (almeno questo è quello che dirò durante il post mortem che inevitabilmente sorgerà) e quindi camminare in un modo diverso, ma tu hai voluto passeggiare lungo questa particolare tratto e guarda cos’è successo.

Ti guardo inciampare, la caviglia si attorciglia mentre il tagliente tacco a spillo scivola, come la zampa di un giovane cerbiatto sulla pietra levigata, levigata come il ghiaccio dal passaggio di tanti piedi con le scarpe. La tua gamba sinistra scatta fuori mentre tu vai giù, senza riuscire a mantenere l’equilibrio. Non ho reagito abbastanza in fretta da afferrarti mentre inciampavi nonostante ti fossi vicino. Ero distratto da una persona che passava che mi sorrideva e mi forniva un po’ di carburante. Farò, come faccio spesso, una revisione della storia per spiegare che ero più lontano di quanto pensassi e quindi incapace di impedire la tua disgraziata caduta.

Ti guardo inciampare mentre il tuo ginocchio destro colpisce il ciottolo e tu lanci un improvviso grido di dolore. La torsione della tua caviglia e la lacerazione del tuo ginocchio ti causano dolore. Fisso la tua espressione, contorta dal dolore, la bocca aperta e gli occhi che iniziano riempirsi di lacrime, indubbiamente provocate da una combinazione di ferita e imbarazzo. Sento la prima ondata. Balza dentro di me mentre il disprezzo sale. Guardati, inutile e patetica, che scivoli sui ciottoli in quegli stupidi tacchi, a testimonianza della tua vanità. Perché sto con una persona così goffa? Ma non sono solo questi pensieri che guidano questo disprezzo. No, è il fatto che l’emozione che ora è impressa sul tuo viso, il dolore perverso, sono stati causati da qualcosa di diverso da me. Una tale emozione sprecata. Gli occhi lacrimanti, il pianto, i tratti del viso angosciati. Normalmente io sarei l’elemento propulsore per questo, ma non lo sono e questo mi irrita. Sei così inutile, non riesci nemmeno ad arrabbiarti nel modo giusto.

Sento qualcuno emettere un piccolo sussulto e mi rendo conto che altri hanno assistito alla tua caduta. La facciata! La facciata! Dovrei fare qualcosa di fronte a questo branco di estranei. Ti guardo mentre i tuoi occhi a mandorla si voltano a guardarmi. So che dovrei sentirmi preoccupato per te per il tuo incidente. So che dovrei preoccuparmi che sei scivolata e ti sei fatta male, ma a parte il disprezzo non provo niente. Non c’è niente lì per spingermi ad aiutarti, nessun desiderio innato di agire. Sarebbe istintivo per altri che non sono me, ma io sono io e quindi devo analizzare e valutare prima di decidere cosa dovrebbe succedere dopo. So che dovrei tendermi verso di te, sollevarti ed emettere suoni adeguatamente interessati mentre cerco un fazzoletto da mettere al tuo ginocchio insanguinato. Non sento alcun obbligo di farlo. Perché dovrei aiutarti? Mi darà un vantaggio? Forse sì, ma per prima cosa so che c’è una possibilità di carburante negativo fresco e delizioso. La situazione è stata valutata e la mia risposta è stata determinata.

Guardo i tuoi occhi accesi su di me e poi succede. Le fiamme guizzano quando vedo che al dolore fisico ora si è unita l’offesa emotiva mentre mi dai un’occhiata perplessa e poi ferita alla mia mancanza di azione. Eccolo. Questo è ciò che volevo. La tua attenzione emotiva sotto forma di ondata di disprezzo si mescola con il crescente senso del potere, mentre la tua reazione alla mia non-azione mi alimenta. Il tuo dolore irritato è stato causato da me e quindi il carburante fluisce. È buono. Ho lasciato che mi colpisse, correndo verso l’alto, con gli occhi ancora fissi sui tuoi mentre quegli occhi azzurri passavano dal dolore alla perplessità della mia continua esitazione. Resta buono. Quanto posso reggere per questo? Il carburante scorre ma sono consapevole della facciata. Una damigella è in difficoltà e ha bisogno di un cavaliere e qui non saranno ammessi intrusi. Nessun passante crociato dovrà intervenire e rubarmi la scena.

Con la coda dell’occhio vedo un gentiluomo venire avanti per aiutare. Non oggi signore, non oggi! Riprendo vita e mi lancio verso di te.

“Santo cielo, stai bene?” Chiedo mentre le mie mani ti prendono il braccio.

“Sta bene?” Chiede l’uomo che sta ancora insistendo con la sua richiesta.

“Starà bene, l’aiuterò io qui,” rispondo rivolgendomi a lui e facendogli un breve sorriso. I denti sono stati scoperti, il sorriso è lì, ma lo sguardo dice fatti da parte, non che tu possa vedere la mia ostilità verso questo eroe intervenuto. Lui fa un cenno incerto e si allontana. Messaggio ricevuto e capito.

Ti sostengo fino alla panchina vicina e ti offro il mio fazzoletto con un gesto plateale, tamponandoti il ginocchio insanguinato mentre tu sussulti leggermente. Continuo con suoni rassicuranti dato che un paio di persone continuano a guardare. Mi volto e vedo le due donne sorridere rassicurate per la mia azione cavalleresca e il carburante viene accolto con gratitudine.

“Che male”, dici dolcemente. Vedo le due donne allontanarsi.

“È stata colpa tua stupida”, sibilò tranquillamente. Colgo il tuo sguardo ferito e assorbo la tua reazione man mano che viene fornito più carburante.

Osservare. Analizzare. Valutare. Agire. Carburante.

Questo è il nostro mondo. Questa è la nostra prospettiva.

La ripetuta ricompensa del carburante è stata ottenuta.

E tutto questo è stato fatto in soli dieci battiti di cuore.

H.G. TUDOR

The Narcissist Manipulates : Planned Fuel Acquisition

📰 DIECI CONSEGUENZE NON INTENZIONALI DELLE TUE REAZIONI AL NARCISISTA

190919C 10 Unintended Consequences Of Your Responses To The Narcissist

La legge delle conseguenze non intenzionali si applica molto nel mondo ed è altrettanto applicabile al mondo in cui sei stato inserito dalla nostra specie. In termini di conseguenze non intenzionali derivanti da un atto commesso o un passo compiuto, vi sono tre categorie. Ci sono i benefici inaspettati. Ad esempio, l’aspirina viene utilizzata come antidolorifico, ma è risultata essere anche un eccellente anti-coagulante e viene utilizzata per aiutare chi ha problemi cardiaci e circolatori. Ci sono gli inconvenienti non previsti. Ad esempio, il proibizionismo negli Stati Uniti durante gli anni ’20 sopprimeva il commercio di alcolici. La conseguenza non intenzionale era quella di indirizzare la fornitura di alcool nelle mani del crimine organizzato, che ha portato queste organizzazioni a diventare più ricche e meglio finanziate per espandere le loro attività criminali. La categoria finale riguarda il risultato perverso. A questo proposito ho due esempi d’elezione. Il primo è diventato noto come Effetto Streisand grazie al quale l’attrice e cantante Barbara Streisand ha intrapreso un’azione legale riguardo alla pubblicazione online di una foto della sua casa. Prima dell’azione legale, solo sei persone avevano scaricato l’immagine. In seguito alla sua azione legale, 420.000 persone l’hanno scaricata in seguito alla diffusione del caso. C’è molto da dire per non attirare l’attenzione su qualcosa di cui lamentarsi fin dall’inizio. Il secondo esempio di un risultato perverso riguarda la gestione da parte del governo britannico dei cobra velenosi a Delhi, in India. Per incoraggiare la popolazione locale a dare la caccia e ridurre il numero di cobra fu deciso che sarebbe stata offerta una taglia per ogni cobra ucciso e consegnato. Gli individui intraprendenti decisero che era più facile allevare i cobra piuttosto che cacciarli, ucciderli e consegnarli. Una volta che il governo si è reso conto di ciò che stava succedendo, ha revocato la taglia. La popolazione ha poi liberato i cobra ormai inutili. Quindi il numero non solo non è stato ridotto ma in realtà aumentato.

Gli inconvenienti imprevisti e i risultati perversi sono applicabili anche a te in termini di rapporto con la nostra specie. Dato che molte persone non sanno con cosa hanno a che fare, come pensiamo, come consideriamo il mondo e perché facciamo quello che facciamo, queste persone affrontano qualsiasi problema che riguarda noi con ciò che pensano essere intenzioni sensate e ben pensate. Credono che trattare con noi in un certo modo porterà ad un risultato desiderato che si rivelerà vantaggioso per loro. Questa mancanza di comprensione, l’analisi incompleta e il tentativo di controllare qualcosa che in realtà non sanno come controllare, si traduce in conseguenze non intenzionali di varietà spiacevole. Ecco dieci esempi di questo al lavoro.

1. Darci una sgridata

Intenzione – per metterci al nostro posto in modo che sappiamo che sei contrariato, così non ripetiamo il comportamento.

Conseguenza non intenzionale: ci fornisci il carburante e lo facciamo ancora di più quando ci rendiamo conto di quanto bene (dal nostro punto di vista) reagisci

2. Rispecchiare il nostro comportamento

Intenzione: ci impedirà di fare ciò che stiamo facendo

Conseguenza non intenzionale: passeremo a una diversa manipolazione e la metteremo in atto con maggiore forza contro di te

3. Dire a tutti come ci comportiamo male con te

Intenzione: la gente ti crederà, ti sosterrà e si rivolterà contro di noi

Conseguenza non intenzionale: tu sei visto come Quello Pazzo, la tua posizione viene indebolita e la nostra diventa più forte

4. Cerchi di ragionare con noi

Intenzione: noi comprendiamo l’errore dei nostri modi e li correggeremo. Tu ti senti soddisfatto

Conseguenza non intenzionale: inneschi la nostra furia attraverso questa critica nei nostri confronti suggerendo che sbagliamo in qualche modo e divieni frustrato e turbato dal fatto che non riesci a fare alcun progresso

5. Ti rivolgi a uno dei nostri amici per chiedere aiuto

Intenzione: potremmo non ascoltare te, ma ascolteremo il nostro migliore amico, no? Il problema sarà risolto

Conseguenza non intenzionale: stai fornendo informazioni al nostro luogotenente. Sei visto come infido e questa utile intenzione verrà rivolta e usata contro di te.

6. Ci racconti tutto di te

Intenzione – aprendoti a noi speri che faremo lo stesso e quindi ci sarà fiducia e comprensione reciproca.

Conseguenza non intenzionale – ci stai consegnando pallottole che in seguito noi spareremo contro di te in base a ciò che ci hai rivelato sulle tue paure, debolezze e vulnerabilità

7. Ci contraddici, previeni e ti dedichi ad evitare di turbarci

Intenzione – saremo compiaciuti, non ci farai scattare in alcun modo, ci sarà pace e armonia in famiglia

Conseguenza non intenzionale: puoi raggiungere la pace e la stabilità ma a costo della tua salute mentale, della ragione, del sonno e dei nervi e il periodo di stabilità non dura mai.

8. Giochi duro per stare con noi

Intenzione: se ci affronti pensi che saremo scrupolosi, vero?

Conseguenza non intenzionale: ci stai criticando. Ci scaglieremo contro di te e andremo a trovare qualcun altro che fa ciò che vogliamo noi per triangolare con te.

9. Ci dici cosa siamo veramente

Intenzione: ottieni il sopravvento facendoci sapere che lo sai, speri anche di farci riflettere sul nostro comportamento

Conseguenza non intenzionale: neghiamo ciò che stai insinuando, non lo accetteremo e ci scaglieremo su di te perché ci hai criticato in questo modo

10. Ci implori e ci supplichi di cambiare

Intenzione – dal momento che apparentemente ti amiamo, questa manifestazione emotiva deve sicuramente essere notata e risponderemo in modo costruttivo

Conseguenza non intenzionale: beviamo questo delizioso carburante e continuiamo a pomparlo da te facendoti ancora più male

H.G. TUDOR

10 Unintended Consequences Of Your Responses To The Narcissist

📰 LE 10 LEGGI DEL POSSESSO NARCISISTICO

190904F The Ten Laws of Narcissistic Possession.png

1. Tu appartieni a me.

Io ti possiedo. Dal momento in cui per la prima volta mi sono impegnato con te, sei diventato mio. Questo è il contratto non scritto che si forma tra te e me. Ti travolgo, ti possiedo e inglobo la tua identità nella mia. Non ti riconosco come qualcuno che è separato e distinto da me, con le tue proprie speranze, paure e desideri. Sei stato collegato a me fin dall’inizio, il mio apparecchio che è lì per fornirmi carburante, obbedirmi e accettare i miei comandi. Questa impostazione mentale è ciò che governa l’intera nostra relazione ed è ciò che sta dietro a tante cose che ti faccio e ti dico. Nel comprendere che questo è il modo in cui ti vedo in relazione a me, ti renderai conto che una volta che ho iniziato a coinvolgerti, il concetto di te evapora e tu diventi parte di me.

2. Quel che è tuo è mio

Come parte di questo contratto non scritto io prendo immediatamente il potere, la custodia e il controllo di tutto ciò che possiedi. I tuoi soldi sono miei perché li spenda. I tuoi amici diventano miei amici e pronti per il reclutamento tra le fila dei miei luogotenenti. La tua casa è la mia casa dove mi installerò prima che tu lo sappia, usando i tuoi servizi liberamente i tuoi servizi, anche se mai pagherò per questi. Non è la tua macchina, ora è la mia macchina. Non riconosco limiti e quindi scoprirai che i tuoi beni verranno sempre sequestrati per uso mio. Non ti è permesso avere nulla per uso tuo. Dalla torta che hai conservato per dopo al tuo gel doccia, io lo prenderò e lo userò. Questo senso di diritto si estende oltre il materiale. Prenderò anche la tua dignità, la tua salute mentale e la tua autostima. Non devo usare quelle cose, non possono servirmi in alcun modo, ma le prenderò tutte lo stesso. Sono uno spogliarellista di beni e tu verrai spogliato.

3. La colpa appartiene a te

Io non ho mai colpa. Non sono mai responsabile e non sono mai imputabile. La colpevolezza e io non siamo compagni di letto. Sfuggo alla responsabilità per qualunque cosa faccio e invece la colpa giacerà sempre con te. Anche se non hai fatto nulla di sbagliato, ti darò la colpa perché questo serve ai miei scopi per attingere carburante da te, controllarti e denigrarti. Se dimentico di togliere qualcosa dal fornello, è colpa tua. Se mi dimentico di pagare un biglietto per il parcheggio in tempo, è colpa tua. Se dimentico un anniversario, è colpa tua. Ogni contrattempo, fallimento e problema che sorge sarà sempre attribuito a te perché io non posso essere ritenuto responsabile.

4. Prendo ciò che voglio da chiunque io scelga

Percorro questo mondo come un colosso ed è mio diritto fare ciò che mi piace. Prenderò tutto ciò su cui il mio occhio si posa perché ho il diritto di farlo. Ruberò perché posso farlo. Se voglio qualcosa, lo prenderò. Mi prenderò il merito dei risultati quando appartengono a qualcun altro. Mi cuccherò il partner di un amico perché lo voglio nel mio letto e non nel suo. Parcheggerò la mia auto dove mi piace e non subirò alcuna conseguenza. Prenderò prestiti dai vicini e non restituirò mai nulla. È mio dovere prendere e non devi mai sfidarmi o criticarmi mentre esercito questo diritto.

6. Ciò che è mio resta mio

Tutte le risorse che sono mie rimangono mie e sono per il mio uso esclusivo. Non presterò niente a nessuno, devono andare a comprarsele. Non condividerò. Farò scorta di denaro in segreto, nonostante che apparentemente abbiamo un conto congiunto. Ho il mio scaffale all’interno del frigo per il mio cibo che nessun altro deve toccare. A nessuno è permesso sedersi nella mia sedia preferita, nemmeno quando non ci sono. Nessuno può riprodurre i miei CD o leggere i miei libri. Non sono per te, sono per me. I miei amici sono miei amici, sì, faranno finta di apprezzarti, solo ai fini dell’apparenza, ma non saranno mai veramente tuoi amici. Tutto ciò che è mio rimane mio.

7. Vado dove mi pare

Possiedo il diritto di andare ovunque mi piaccia. Non devo essere fermato o interrogato su dove sto andando o dove sono stato. Mi muovo in mezzo e attraverso, una forza inarrestabile nella luce del mio vasto senso del diritto. Cammino attraverso accessi contrassegnati come privati, partecipo a riunioni alle quali non sono stato invitato, mi presenterò alle vostre occasioni sociali anche se non mi è stato chiesto di partecipare. Varcherò la soglia di casa, scavalcherò la corda rossa e penetrerò in tutte le aree perché devo sempre sapere cosa sta succedendo. Inoltre, la mia presenza è tale che sono sempre il benvenuto, chi non vorrebbe uno brillante come me con sé? Io ho accesso a tutte le aree.

8. Possiedo i riflettori

I riflettori devono essere indirizzati su di me in ogni momento in quanto è mio diritto. Per me è utile evidenziare quanto sono interessante, spiritoso e vincente. Illumina il mio podio, dove io sto in alto e in posizione superiore e guai a te se tu dovessi provare a puntarlo altrove. Non devi mai interferire con la mia proprietà del riflettore, perché se lo fai scatenerò la mia furia per la tua trasgressione. È un dispositivo che deve puntare su di me in modo che il mondo debba sempre vedermi, così che io possa ricevere l’adorazione a cui ho diritto.

9. Non ti devo nulla

Non ti devo nulla perché all’inizio ti ho dato tutto. Non importa che da allora tu mi abbia dato tutto, il tuo amore, il tuo affetto, il tuo tempo, i tuoi soldi, la tua dignità e la tua volontà di vivere. Puoi ricoprirmi di doni, corrermi dietro, curarmi, compiacermi, sostenermi e calmarmi, ma questo è quello che devi fare in quanto io ho il diritto di essere trattato in questo modo. Non ho la sensazione di dover ricambiare, uno di nobile nascita come me non deve degnarsi di adularti, non più, non una volta che ti ho catturato e legato stretto a me. Tu non sei nulla senza di me, inutile e patetico e quindi non ti devo nulla, nonostante tu mi abbia dato tutto.

10. Tu appartieni a me.

Pensavo di averti ricordato questo fatto. Non succederà che lo dimentichi ora, vero?

Numero 5? Ovviamente c’è una quinta regola: Stai immaginando cose. Ancora.

H.G. TUDOR

The Ten Laws of Narcissistic Possession

📰 DIECI MESSAGGI TOSSICI DI SVALUTAZIONE

2019-11-13 (5).png

Ci avvaliamo dell’uso della tecnologia attraverso tutte le varie fasi del ciclo narcisistico e il periodo di svalutazione non fa eccezione. Utilizzeremo l’invio di messaggi, che si tratti di sms, di messanger o di posta elettronica, per implementare la nostra svalutazione nei tuoi confronti. Questi messaggi velenosi vengono inviati perché è così facile per noi farlo. È un compito semplice digitare quel messaggio, che si tratti di essere a casa, in ufficio, seduti in attesa di un aereo o in una coda di traffico. Possiamo scatenare una freccia avvelenata da qualsiasi posto e farla finire a trafiggerti il cuore. Possiamo farlo in qualsiasi momento e raccogliere la ricompensa dalla fornitura di carburante. A volte il carburante si presenta come conseguenza della tua reazione, che ci invii messaggi o ci telefoni. Altre volte viene raccolto attraverso il Carburante di Pensiero dal momento che prevediamo la vostra reazione basandoci su ciò che sappiamo delle vostre reazioni emotive e talvolta otteniamo anche la combinazione di entrambi Carburante di Vicinanza e Carburante di Pensiero. C’è poco dispendio di energia per noi e le prospettive di carburante e di esercitare il controllo su di te sono invariabilmente molto buone. Ecco dieci modi in cui ti inviamo messaggi tossici durante la svalutazione.

1. I periodi sterili

Grazie alla vasta ed eccitante messaggistica che abbiamo intrapreso durante il periodo d’oro, abbiamo creato un’aspettativa da parte vostra di ricevere messaggi come prima cosa al mattino fino all’ultima cosa alla sera e ad intervalli regolari e ripetuti. Ti sei abituato a questo e poi all’improvviso questo si esaurisce. Ci mandi un messaggio nella speranza di avere una risposta, ma non c’è nulla. Ne mandi un altro, solo in caso in cui il primo non sia stato recapitato per qualche motivo. Non vi è nient’altro che il silenzio. Aspetti e provi a fare qualcos’altro ma non riesci a concentrarti perché continui a cercare il tuo cellulare sperando che quel messaggio compaia ma non succede. Potrebbero passare molte ore, forse un giorno, fino a che non ti capiterà di imbatterti in noi o ci degniamo finalmente di rispondere. Puoi aspettarti che le risposte siano sulla falsariga di:

“Non c’era nessun segnale dov’ero.”

“Ci deve essere un problema con il mio cellulare perché non ho mai ricevuto alcun messaggio.”

“Ho risposto, non l’hai ricevuto?”

“Tutti i tuoi messaggi sono arrivati solo ora, ecco perché ho risposto quando li ho ricevuti.”

“Ho finito il credito.”

“Ho esaurito la batteria.”

Non accettare queste spiegazioni. Queste sono tirate fuori per gettarti fumo negli occhi. La mancata risposta è stata deliberata e calcolata e il più delle volte è successo perché eravamo impegnati con qualcun altro.

2. Le Speranze Accresciute

Prenderemo un appuntamento con te, proponendo di andare a cena domani sera o di partecipare a quella nuova commedia che eri entusiasta di vedere. Non vedi l’ora di passare un po’ di tempo con noi, modifichi gli altri appuntamenti che hai, prepari tempo e soldi in vista dell’evento qualunque esso sia e poi all’ultimo minuto lo cancelliamo senza scuse o con una mezza scusa e poi restiamo in silenzio.

3. Il Destinatario Sbagliato

Ricevi un messaggio che è chiaramente destinato a qualcun altro. Potrebbe essere che usiamo un soprannome che non ti è familiare, che confermiamo un appuntamento quando sapevi che non doveva essere confermato nessun appuntamento, che ti ringraziamo per una meravigliosa serata quando quella sera non ci siamo visti o un sacco di combinazioni in cui il contenuto del messaggio è in contrasto con quello che sai. Raramente è un errore quando ciò accade. Viene fatto deliberatamente.

4. La Raffica di Vetriolo

Una raffica diretta di insulti inviati sotto forma di messaggi di testo. Il contenuto sarà selvaggio e offensivo e non avrai idea, o ne avrai un’idea minima, del motivo per cui vengono inviati questi messaggi o a che cosa effettivamente si riferiscono. Verrai accusata di essere una puttana, quando sei sempre stata fedele, o di sprecare denaro quando sei parsimonioso, oppure che non ti preoccupi di noi quando hai appena fatto qualcosa di particolarmente amorevole. Le parole saranno pungenti, il che sfrutta le tue debolezze e vulnerabilità, e viene spesso fatto quando sei uscito senza di noi o hai amici con te senza che noi siamo invitati. È un metodo spicciolo e acuto per sconvolgerti nel modo più rapido possibile.

5. Il Ripensamento

Ti diciamo cosa stiamo facendo e capita di ricordare che potrebbe piacere pure a te, anche se ora, dato il ritardo nel preavviso che ti è stato dato, è quasi impossibile per te partecipare. Nei messaggi tipici si leggerà

“Grande festa da Harry, adoreresti la musica qui.”

“Sono a Portofino con Hannah, il cibo è proprio il tuo preferito.” (Inoltre, chi è Hannah, a proposito?)

“Sto guardando gli U2, sono fantastici, ti piacciono, vero?” (Quando sappiamo perfettamente che gli U2 sono la tua band preferita).

Resti sconvolto perché ti perdi qualcosa che ti sarebbe piaciuto e anche ferito perché lo abbiamo fatto senza di te, sapendo che avresti voluto partecipare anche tu.

6. Lo Specchio

Questo non sembra effettivamente che sia un messaggio velenoso perché il suo contenuto è gradevole ed è QUANDO viene inviato che è rilevante. Se stai attraversando un periodo di svalutazione e poi ricevi messaggi che sembrano fornire un Periodo di Tregua dalla cattiveria, fa’ attenzione; tu e qualcun altro ricevete gli stessi messaggi. Quindi se siamo stati sgradevoli con te per un certo numero di settimane e poi hai ricevuto un messaggio che diceva

“Mi manchi.”

“Ti amo.”

“Vorrei che tu fossi con me.”

ti solleverà il cuore ma capisci che la sua qualità generica, la sua mancanza di personalizzazione e la caratteristica di uscito dal nulla denotano che tu e il tuo futuro rimpiazzo state ricevendo entrambi questo messaggio da parte nostra. Doppio carburante.

7. Il Manrovescio

Può sembrare un messaggio piacevole ma non lo è. Questo di solito viene inviato per enfatizzare la nostra importanza e abbassare l’apparente cortesia nel nostro messaggio a te, in modo che appaia in secondo ordine rispetto al resto di ciò che abbiamo scritto. Gli esempi includeranno

“Mi manchi ma al momento sono così impegnato a chiudere questo enorme affare.”

“Spero che tu stia bene, ma sono concentrato nel battere il mio tempo per la mezza maratona, quindi ho molti allenamenti al momento.”

“Stavo pensando a te mentre stavo lucidando la mia nuova macchina.”

8. La Falsa Speranza

Riceverai un messaggio vuoto da noi dopo un periodo di silenzio e questo ti farà rispondere, lieto di aver ricevuto anche questa apparente briciola di comfort, e quindi tu rispondi. Neghiamo di averti inviato messaggi o ipotizziamo che sia stato fatto per sbaglio. Il messaggio equivalente della chiamata partita da sola. È stato fatto apposta e abbiamo notato anche quanto velocemente hai risposto.

9. Il Trattamento del Silenzio Preannunciato

Ti è stato detto che non saremo disponibili per essere contattati. La ragione addotta non è perché viaggiamo o siamo impegnati in riunioni o simili, ma piuttosto saranno spiegazioni come

“Non mandarmi messaggi per 48 ore, ho bisogno di riflettere un po’.”

“Ho bisogno di un po’ di spazio, quindi non sarò contattabile per qualche giorno.”

“Mi sento sotto pressione, quindi ho solo bisogno di un po’ di spazio per respirare. Non contattarmi finché non ti contatto io.”

Oltre a guadagnare Carburante di Pensiero per la tua reazione delusa e preoccupata, questo viene fatto per esercitare il controllo su di te e soprattutto per assicurarci che tu non ti intrometta e interferisca mentre stiamo seducendo qualcun altro.

10. La Falsa Emergenza

Inviamo un messaggio per chiedere il tuo aiuto per qualcosa e tu ti senti compiaciuta di essere coinvolta perché le cose tra noi sono state decisamente gelide per alcuni giorni. Rispondi immediatamente ma ti viene detto che non importa dal momento che Joe o Helen o Angela sono già venuti in nostro aiuto / ci hanno prestato la cipolla / cambiato la gomma ecc. Non è stato riscontrato alcun incidente che richiedesse il vostro aiuto o l’aiuto di nessuno. Volevamo vedere con quanta rapidità avresti risposto al nostro controllo e quindi abbiamo raccolto carburante da entrambe le tue risposte quelle percepite e quelle osservate.

H.G. TUDOR

Ten Poisoned Messages of Devaluation

📰 I DIECI COMANDAMENTI NARCISISTICI

190411A The Ten Narcissistic Commandments.png

1. Io ho ragione. Tu hai torto.

Tutto ciò che dico e faccio è fondato nella logica del mio mondo e ne consegue che deve essere giusto. Ne consegue anche che qualsiasi cosa tu dici e fai è sbagliata. Non posso mai permettere che venga visto che tu hai ragione, perché questo significa che sto cedendo il controllo a qualcuno che considero inferiore. Minaccia il mio senso di superiorità. Mantenere questo stato di io che ho ragione e tu che hai torto richiede varie tecniche di manipolazione, incluso lo spostamento della colpa, la proiezione, la negazione e la deflessione. Naturalmente sto facendo affidamento sul tuo bisogno di essere compreso e sul tuo desiderio di cambiarmi, che ti avvicinerai sempre più direttamente a questo mio orientamento. La mia posizione ti sembrerà illogica e tu reagirai e continuerai a farlo.

2. Non ci siamo tu e io. Ci sono solo io.

Tu sei solo un’estensione di me stesso. Voglio includere in me tutto di te. Questo è parte del motivo per cui ti seduco csì totalmente. Non sono in grado di discernere dove inizi tu e dove finisco io. Ti considero un apparecchio che deve essere collegato a me ed è lì per eseguire i miei ordini, fornirmi carburante, vegliare su di me e rispondere a tutto ciò che io comando. Ti proibisco di agire indipendentemente da me, avere interessi al di fuori di me e interagire con altri. Io sono ciò che è importante. Devi concentrarti su di me e solo su di me. I tuoi bisogni diventano secondari ai miei bisogni.

3. Fai come dico, non come faccio.

Non interrogarmi. Chi sei tu per interrogare una persona geniale come me? Conosci il tuo posto. Sottomettiti a me e favorisci i miei piaceri. Aderisci ai miei comandi. Io ho il diritto di fare ciò che mi pare e quindi ogni contraddizione nel mio comportamento è una convinzione sbagliata da parte tua. Potresti considerare ciò che dico e faccio come ipocrisia, ma ti sbagli ancora una volta. Questo è spirito pragmatico da parte mia ed è per questo che io ho successo mentre tu fallisci.

4. Uno non è mai abbastanza

La mia potenza è tale che uno di voi non è abbastanza per sostenermi. Ho il diritto di guadagnare carburante da tutti quelli con cui interagisco. Ciò significa che sarò infedele, ma la mia infedeltà è puramente un mezzo per conseguire il fine. In ogni caso, reagisci alle mie tresche e alle mie scappatelle, perché per me è tutto ottimo carburante, ma non mi impedirai di prenderne dell’altro. Aspettati di essere triangolato con altre persone e oggetti, perché il mio appetito è così vasto che devo avere molte linee di rifornimento di carburante e questo implica che diventerai un ingranaggio all’interno di una vasta macchina, dove rotelle girano tra altre rotelle.

5. Il tuo dolore è il mio guadagno

Io non posso esistere senza attingere carburante negativo da te a un certo punto. È una retribuzione per i tuoi fallimenti. Non c’è speranza di alternativa. La tua svalutazione avverrà come è avvenuta con molti prima di te e con quelli che devono ancora venire. È un processo e la tua sofferenza, il dolore e l’angoscia fa solo parte dell’equazione necessaria per sostenermi. Viene estratto da te attraverso molte macchinazioni, alcune puoi vederle ed altre no.

6. Sei insignificante ma non ti lascerò mai solo

Tu sei inferiore a me e quell’inferiorità mi fa infuriare poiché mi fa ricordare che devo dipendere da un individuo debole e patetico. Questo a sua volta genera odio e disprezzo per questa situazione incatenata in cui mi trovo. Ti getterò da una parte quando avrai adempiuto il tuo scopo e il mio disgusto per te non potrà più essere tollerato. Questa non è la fine, tuttavia, perché tornerò sempre ad esibire il mio potere per riattirarti ancora una volta e succhiare ulteriore carburante da te.

7. Io sono ovunque. Io sono tutto

Io sono onnipotente e onnisciente. Ho le mie spie e galoppini tutt’attorno che mi nutrono di informazioni su di te che posso poi usare contro di te e per portare avanti i miei programmi. Ho i miei Luogotenenti che eseguono i miei ordini senza fare domande. Mi instillo in ogni aspetto della tua vita, facendo in modo che tu mi veda, mi ascolti e mi annusi, anche dopo che non sono più fisicamente vicino a te. Ti imbevo così tanto nella mia essenza che il mio ricordo tossico ti pervade per anni dopo essere stato gettato da parte, permettendomi di tornare trionfante, come se nulla fosse mai accaduto, per trascinarti ancora una volta nel mio falso mondo.

8. I giochi vengono sempre fatti.

La ricerca di carburante è senza fine. Per ottenere ciò, devo impegnarmi in manipolazioni e macchinazioni ripetute e prolungate. Tu e gli altri non siete che pedine sulla mia scacchiera gigante mentre vi sposto qua e là per raggiungere i miei obiettivi. Pianifico, programmo e progetto prima di organizzare, disporre e orchestrare. Ogni singolo giorno devo impegnarmi in questi giochi nefasti al fine di garantire la mia esistenza, e come apparecchio primario scelto, tu verrai catturato in questa malevola ragnatela, proprio al centro. Il mio modo di giocare fa sì che niente sia come sembra, che la verità sia estranea a me e le bugie fluiscano dalla mia bocca con la stessa facilità con cui butto fuori il fiato.

9. Non cambierò mai

Farò false promesse di cambiare, vane proteste che cercherò aiuto e perfide dichiarazioni che so di dover modificare il mio comportamento ma non lo farò mai. Io nego ciò che sono, anche se solitamente ne ho piena conoscenza. Non vedo motivi per cambiare. Perché dovrei quando è così che sono stato creato? Perché dovrei, quando questo è tutto ciò che conosco? Perché dovrei quando comunque è tutta colpa tua?

10. Il carburante è la regola.

Il carburante è al centro di tutto ciò che faccio. Le mie azioni e decisioni sono basate sull’acquisizione della preziosa risorsa. La mia interazione con estranei, servitori, conoscenti e amici è tutta incentrata sulla raccolta di carburante. Il modo in cui tratto colleghi e familiari è tutto basato sulla più alta possibilità di raccolta di carburante. I miei pensieri sono invasi dalla necessità di ottenere carburante, le mie azioni sono dettate dall’esigenza di raccogliere carburante. Il carburante è la ragione per cui sei stato scelto. Il carburante è la ragione per cui sei stato sedotto, svalutato e scartato. Il carburante è il motivo per cui sono tornato. Più e più volte.

Il carburante è tutto.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2019/04/11/the-ten-narcissistic-commandments-5/

📰 DIECI MODI PER PROVOCARE UN RECUPERO

170916 Ten Ways To Cause A Hoover.jpg

Nella maggior parte dei casi, una volta che hai realizzato ciò che siamo, devi allontanarti e stare lontano da noi. Se sei stato scartato, l’attenzione si pone sullo stare lontano da noi. Se devi avere un qualche tipo di interazione con noi (a causa dei bambini o del lavoro), allora l’obiettivo è quello dell’interazione minima e della massima riduzione della fornitura di carburante. Ti ho avvisato dei tipi di recupero che mettiamo in atto, quando avvengono e come avvengono, in modo che possa salvaguardare le tue difese e assicurarti che non possano essere violate. Ho identificato le forme dei vari recuperi in modo che tu li riconosca quando avvengono e anche come metterti fuori dalla loro portata o come respingerli al meglio. Tuttavia, ci sono occasioni in cui tu vuoi che avvenga un recupero. Ad essere schietti, la ragione di voler correre il rischio di essere di nuovo esposti alle nostre macchinazioni e possibilmente essere ricondotti nella nostra falsa realtà spesso non è sana. Eppure, allo stesso modo quando a qualcuno viene detto di non aprire una scatola o passare attraverso una porta, non può fare a meno di farlo, ci saranno quelli che vorranno anticipare un recupero da parte della nostra specie. Se questo è il caso, allora te ne assumerai la responsabilità, ma qui ci sono dieci modi per realizzare un recupero.

1. Esci fuori

Il modo più semplice per assicurarti che ti recuperiamo è presentarti su un piatto davanti a noi. È improbabile che rifiutiamo una simile opportunità di raccogliere carburante da te quando lo rendi così facile. Ovviamente, potresti scoprire che cerchiamo carburante negativo da te perché siamo infatuati del tuo rimpiazzo e vogliamo punirti per averci lasciato andare e quindi restiamo dediti al tuo sostituto. Supponendo che tu sia in grado di trovarci (il che non dovrebbe rivelarsi particolarmente difficile dal momento che anche quando ti scartiamo, di solito non prendiamo grosse misure per renderci impossibili da contattare) uscendo fuori e facendoti vedere da noi ti recupereremo. C’è un rischio se ti presenti in una delle nostre “fortezze” (casa o lavoro per esempio), potremmo non ammetterti, preferendo raccogliere Carburante di Pensiero dal tuo turbamento per il fatto che ti viene negato l’ingresso, quindi per i migliori risultati avvicinati a noi nei luoghi pubblici come un ristorante o un bar.

2. Fornisci i tuoi dettagli di contatto

Puoi farlo come parte di un apparente messaggio broadcast che è stato inviato a tutti i tuoi contatti.

“Ecco il mio nuovo numero. Grazie. Una vittima.”

La ricevuta di questo, che si tratti di indirizzo e-mail, contatto Skype o numero di telefono è una luce verde per noi. Stai aprendo il cancello e useremo queste informazioni per recuperarti.

3. Inviaci un Messaggio Chiedendo Aiuto

Una volta cavalcavamo nella tua vita come un cavaliere bianco per salvarti dall’infelicità, dalla solitudine e da una ventina di serpenti diversi che cercavano di ferirti. Non offriamo un vero sostegno, ma ci piace essere presenti quando è necessario un aiuto per permetterci di dissetarci nel carburante che proviene dal tuo turbamento e dal tuo bisogno, e di apparire come l’eroe onnipotente. Se invii un messaggio dove chiedi il nostro aiuto, stai giocando al nostro senso di onnipotenza e troveremo difficile resistere a rispondere con un recupero. Il messaggio deve essere specifico sul tipo di aiuto richiesto ed essere qualcosa in cui potevamo aiutarti, se lo avessimo scelto. Qualcosa di semplice che può essere fatto con un gesto plateale (dopotutto non ci piace sprecare energia e certamente non aiutiamo davvero qualcuno con qualcosa di arduo). Noi appariamo non perché vogliamo aiutarvi, ma perché vogliamo che il carburante che fluirà ci mostri quanto siamo onnipotenti, ad esempio prestandoti denaro, sintonizzandoti la televisione o spiegando una lettera ricevuta dalle autorità. La damigella in pericolo suona e noi compariamo.

4. Proclama la tua miseria

Come recita il detto, “l’infelicità ama la compagnia” di conseguenza se tu dichiari che sei infelice, turbato, solo e sventurato e ancora meglio se lo colleghi al fatto che ti manchiamo, non puoi stare senza di noi e dichiarazioni simili, compariremo per recuperarti. Questo è diverso dal punto 3. Quello richiede aiuto per qualcosa di specifico, qualcosa di pratico. Questo si riferisce al tuo stato emotivo. Ci sono due ragioni per cui questo funziona. Prima di tutto, stai fornendo carburante perché sei sconvolto per il fatto che ti manchiamo. Noi vogliamo questo. In secondo luogo, noi consideriamo il mondo un posto odioso e la nostra visione negativa di ciò implica che vogliamo vedere anche altre persone turbate. Così accorreremo da te in questo stato. Sappi tuttavia che c’è un rischio significativo che perpetueremo la tua sofferenza al fine di attirare questo ultere carburante da te.

5. Pubblica una foto

Pubblica una foto quando è probabile che la vedremo di te e un apparente nuovo interesse amoroso. Non ci piacerà. Ci sentiremo criticati e con l’accensione della furia vorremmo scatenarci contro di te. Non ti è permesso essere felice senza il nostro permesso e approvazione. Dobbiamo essere noi l’origine di ciò che senti, non qualcun altro. Quando noi vediamo questa immagine vediamo carburante che viene sprecato e lo vogliamo per noi, perciò verremo a recuperare. Ci compiaciamo anche nel sentirci onnipotenti a gestire la relazione di qualcun altro.

6. Coinvolgi un Amico

Manda un amico a farci sapere quanto ti manchiamo, come le tue giornate sono vuote senza di noi, come non smetti mai di parlare di noi. Questo ci avvisa del fatto che c’è una cisterna di carburante in attesa di essere prosciugata e questo sicuramente stimolerà il nostro interesse a venire a recuperarti al solo citare questa luce verde.

7. Diffondi una Voce

Usa i tuoi sostenitori per diffondere una voce su di noi. Rendila negativa senza deviare nel regno della diffamazione, altrimenti non sarai sottoposto a un sistema di recupero ma riceverai invece una lettera da un avvocato. Suggerisci che ti sei sbarazzato di noi per primo anche se ti abbiamo scartato e l’hai fatto perché la nostra prestazione a letto era sotto la media, o che non ci cambiavamo mai la biancheria intima, o che dicevamo spesso il nome di nostra madre nel sonno. È una cosa abbastanza meschina da irritarci, e verremo a cercarti per metterti in riga e ottenere un po’ di carburante per compensare le tue critiche.

8. Improvviso Anniversario

Immaginiamo che tu ricordi che è passato tanto tempo da quando ci siamo incontrati per la prima volta, dalla prima volta in cui ti abbiamo baciato, dalla prima volta in cui ti abbiamo portato fuori per il weekend e così via. Spesso lo fai perché è il modo in cui ti contagiamo per farti ricordare molto. Se ci rammenti un imminente anniversario e ciò implica che per te rimane speciale, ci sono buone probabilità che useremo quell’anniversario per recuperarti perché ti considereremo più suscettibile in quella data particolare ed è probabile che tu fornisca più carburante attraverso il tuo stato emotivo amplificato.

9. La Chiamata Sporca/Il Messaggio Sporco

Se ti metti in contatto con una chiamata o un messaggio provocante, attirerai un recupero da parte nostra. Nulla dice “il gioco abbia inizio” come il contenuto sessuale in un messaggio. Il somatico della nostra specie vede anche la possibilità di esibire le sue tecniche di seduzione. Anche il Cerebrale apprezzerà la possibilità di esibire le sue tecniche di seduzione anche se non vi è un effettivo compimento. L’Elite vedrà entrambe le cose come del tutto stuzzicanti. Persino il Vittima risponderà poiché è facile farlo e se inquadrato in modo da fare appello al suo punto di vista sessuale sottomesso. Esibisci questo messaggio davanti a noi e seguirà il recupero.

10. Scatena un’Invettiva

Ormai sai che il carburante, positivo o negativo, è ciò di cui abbiamo bisogno. Se vuoi provocare un recupero, mostra un po’ di quell’emozione attraverso un’invettiva in un messaggio in segreteria, una e-mail al vetriolo, una serie di messaggi pieni di odio o solo un monologo isterico sul tuo profilo Facebook. Saremo attratti da questa manifestazione di emozioni e ne desidereremo di più, così verremo a recuperarti per estrarre ancora più delle stesse.

H.G. TUDOR

https://narcsite.com/2017/09/16/ten-ways-to-cause-a-hoover-2/

📰 DIECI STORIE STRAORDINARIE NARCISISTICHE

170823 Ten Tall Narcissistic Tales

Il raccontare storie è naturale per noi. È un dispositivo necessario per preservare l’immagine che vogliamo che il mondo veda. È una conseguenza del credere nella nostra genialità, attrattiva e onnipotenza. Il condizionamento sociale implica che le persone raramente sfidano le deviazioni dalla verità, queste bugie bianche oliano la nostra interazione reciproca e spesso si rivelano divertenti. Per noi, tuttavia, il raccontare storie è un dispositivo necessario. Ognuno di essi è costituito da tre parti; la menzogna, la verità che neghiamo e il motivo per cui lo facciamo.

1. Avrei potuto essere un modello lo sai.

Non sono brutto, tutt’altro, ho un bell’aspetto ma io sostengo che sono strabiliante, la mia bellezza è tale da far varare un migliaio di navi alla Elena di Troia. Ho fatto un po’ il modello quando ero più giovane, beh, se definisci fare il modello sfilare su e giù davanti allo specchio nella mia camera da letto. Sono attraente ma mi vedo come se trascendessi tutto ciò e fossi incredibilmente bello, strabiliante e di notevole conturbante fascino. Sostenendo che avrei potuto essere un modello, rinforzo la mia attrattiva e invio una sorta di fattore wow verso di te per sedurti. Nel frattempo mi dico questo per evitare di guardare la faccia che invecchia, che ogni giorno soccombe lentamente all’età davanti allo specchio del bagno e di sentire i suoi fischi beffardi.

2. Sono un capo dipartimento e praticamente nel consiglio.

Sono un tagliabiscotti che non supererà mai la sufficienza e questo fatto mi fa molto male ma qui dovrei essere il capo del dipartimento, però sono quegli idioti in carica che non riconoscono i miei talenti e la mia genialità. Ce l’hanno con me, vedi, hanno paura che mi sbarazzi di loro perché io sono migliore di loro, quindi reagiscono come possono, negandomi le mie legittime promozioni. Posso non essere il capo dipartimento, ma dovrei esserlo e quindi, secondo me, è del tutto ammissibile dirti che lo sono, dopo tutto, tu non sarai impressionato dalle mie capacità di tagliare i biscotti, vero?

3. Ho diversi articoli pubblicati.

Sono un genio intellettuale, un colosso della comunità scientifica, erudito e un luminare e so che poiché tu sei di tendenza accademica, rimarrai colpito dalla mia associazione con prestigiosi ricercatori e scienziati. Ho letto cose su di loro ma non li conosco, però questo non mi fermerà nel mio vanaglorioso tentativo di stupirti e deliziarti. Una volta,  qualche tempo fa, avevo davvero pubblicato un articolo su una rivista di nicchia, ma io vi faccio riferimento come se avessi portato questo stesso articolo in un’importante pubblicazione scientifica. Se solo più persone mi ascoltassero, allora inizierebbero a capire quanto sono veramente talentuoso.

4. Sono un amico intimo di …

Atleta, scrittore, drammaturgo o star del cinema. Fai la tua scelta. Conoscerò almeno una di queste figure e ti delizierò con storie inventate di appuntamenti a pranzo, legami d’infanzia e telefonate per congratularmi con lui o lei per l’ultimo successo da Oscar. So che i tuoi occhi si illuminano quando faccio il suo nome. So che pensi che devo essere qualcosa di speciale per conoscere una persona speciale e so che nel frattempo mi frequenterai per ancora più tempo nel caso in cui riesca a combinarti un incontro con qualcuno di cui mi è capitato di assistere a una prima visione del film. In televisione.

5. Adoro le riunioni familiari, sono un padrone di casa eccezionale.

Tutto ciò che mi ritorna è uno dei miei ritornelli preferiti. Voglio sempre che la famiglia venga a cena, per un barbecue, per festeggiare i bei momenti. Voglio che tu pensi che io sono il buon padrone di casa, il bon viveur e in possesso di una certa gioia di vivere. L’unica volta che sarò contento di una simile presenza è quando saprò che tutti mi guarderanno. Ogni altra occasione la saboto in modo che ruoti tutto attorno a me, al punto che la mia famiglia infida, bugiarda e sediziosa raramente mi invita a qualche riunione in questi giorni. Non voglio che tu lo sappia, naturalmente, voglio che tu creda che io sia la vita e l’anima della festa e che sia un vero uomo di famiglia. È molto più attraente della persona contorta ostracizzata dalla sua famiglia che sono diventato.

6. Mi piace fare una bevuta, solo per essere socievole.

A chi non piace fare una bevuta? Se una persona non beve, mi insospettisce. A tutti piace bere, olia le ruote dell’interazione sociale, trasforma un’ora bella in un’ora grande e allenta le inibizioni. Conosco molte cose del vino e ti impressionerò felicemente per l’entità della mia conoscenza mentre percorro la linea dell’attrattiva che mi dipinge come un tipo che si diverte a passare un’ora in modo piacevole senza esagerare. Ovviamente tutto con moderazione. A nessuno piace un vecchio beone, uno che beve tanto, un ubriacone, un tiranno ripugnante e offensivo che usa il diabolico bere come appiglio per tenere a bada i demoni quando voi traditori crudeli e selvaggi mi negate il mio legittimo carburante. Se dico che mi godo un drink e non ho problemi, allora non ho un problema, vero? Ora prendimi un’altra birra e levati di torno.

7. Ho a cuore solo i tuoi migliori interessi.

Tengo a te così tanto che farei qualsiasi cosa per te ed è tutto basato sulla mia preoccupazione per il tuo benessere. Tu te la bevi e lo fanno anche tutti gli altri che si innamorano della mia facciata di partner premuroso e compassionevole. Quanto sei fortunato ad avere una persona così premurosa. È la panacea per razionalizzare ogni cosa che faccio, non importa quanto crudele, quanto bassa o dura. Dicendo a te, al mondo e soprattutto a me stesso che ciò che faccio è ben intenzionato e solo nei tuoi migliori interessi, lo rende del tutto accettabile, persino nobile. Non è vero?

8. Ti mostrerò cos’è davvero il sesso eccezionale.

Di solito viene affermato in un modo più grafico e profano per permetterti di fingere di essere scioccato dalla mia brama viscerale e animalesca per te, quando in realtà sei elettrizzato all’idea di essere preso in questo modo, perché si accorda con il condizionamento dei nostri ruoli vero? La promessa del nirvana sessuale è davvero una forte attrazione e pochi resistono. Eppure, se mi capita di offrirti un emozionante incontro sessuale che ti lascia senza fiato e chiederne a gran voce ancora, non l’ho fatto per mostrartelo, l’ho fatto per dimostrare a me stesso quanto sono fantastico tra le lenzuola. Poi di nuovo, ci sono quelli del nostra specie che non hanno alcun interesse a fare l’atto, ma il mantenimento del mito, attraverso parole facili da pronunciare, è un requisito per assicurarci che tu resti attratto da noi. Ti parleranno nel letto e poi stranamente cadranno in silenzio, finché ti arriveranno i pretesti che incolpano te per la non-performance.

9. Ne ho uno così, solo …

Il complimento ambiguo che è un mero dispositivo per creare un’apertura per gloriarci e vantarci di quanto sia brillante la nostra auto, di quanto è potente il suono del nostro impianto stereo, quanto è grande la nostra casa, quanto sono costosi i nostri vestiti e così via. Tu hai una fronte, vero? Bene, io ho cinque teste. Vedi, qualunque cosa tu abbia, io ce l’ho più grande, migliore e ne ho di più. La verità è che non è così, ma vorrei che lo fosse e, in effetti, se non fosse stato per questo mondo crudele e tortuoso in cui sono stato spinto, io avrei tutte queste cose. È tutta colpa loro. È tutta colpa tua. Naturalmente so che tutte quelle cose sono più grandi e migliori, anche se non le ho e quella consapevolezza rappresenta una messinscena sufficiente per impressionarti e attirarti, sminuire qualcun altro e riappropriarci della scena mentre il mio furioso senso di invidia viene placato.

10. Non credo di poterti amare più di così.

Viene dalla scuderia delle stravaganti dichiarazioni d’amore ed è progettato per farti cadere ai miei piedi secondo l’aspettativa dovuta al condizionamento della società. Tutto quello che sto facendo è essere all’altezza di quell’aspettativa e tirar fuori certe dichiarazioni apparentemente meravigliose e significative che sono completamente vuote. Solo che questa non è una storia straordinaria. Questa è una rara pepita di verità che è caduta dalla mia bocca perfida. Ovviamente tu la consideri come una meravigliosa e deliziosa affermazione del mio amore senza precedenti per te. Quello che ti sto veramente dicendo è la verità, non posso amarti più di così, perché non ti amo.

H.G. TUDOR

Ten Tall Narcissistic Tales

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il raccontare storie è naturale per noi. È un dispositivo necessario per preservare l’immagine che vogliamo che il mondo veda. È una conseguenza del credere nella nostra genialità, attrattiva e onnipotenza. Il condizionamento sociale implica che le persone raramente sfidano le deviazioni dalla verità, queste bugie bianche oliano la nostra interazione reciproca e spesso si rivelano divertenti. Per noi, tuttavia, il raccontare storie è un dispositivo necessario. Ognuno di questi è costituito da tre parti; la menzogna, la verità che neghiamo e il motivo per cui lo facciamo.

1. Avrei potuto essere un modello lo sai.

Non sono brutto, tutt’altro, ho un bell’aspetto ma io sostengo che sono strabiliante, la mia bellezza è tale da far varare un migliaio di navi, alla Elena di Troia. Ho fatto un po’ il modello quando ero più giovane, beh, se definisci fare il modello sfilare su e giù davanti allo specchio in camera da letto. Sono attraente ma io vedo me stesso come se trascendessi tutto ciò e fossi incredibilmente bello, strabiliante e di notevole conturbante fascino. Sostenendo che avrei potuto essere un modello, rinforzo la mia attrattiva e invio una specie di fattore wow verso di te per sedurti. Nel frattempo mi dico questo per evitare di guardare il volto che invecchia, che ogni giorno soccombe lentamente all’età davanti allo specchio del bagno e di sentire i suoi fischi beffardi.

2. Sono un capo dipartimento e quasi nel consiglio.

Sono un taglia che non supererà mai soddisfacenti e questo fatto mi fa molto male ma dovrei essere il capo del dipartimento qui, ma sono quegli idioti in carica che non riconoscono i miei talenti e la mia brillantezza. Ce l’hanno per me, vedi, hanno paura che mi sbarazzerò di loro perché sono migliore di loro, quindi rispondono come possono, negandomi le mie legittime promozioni. Potrei non essere capo dipartimento, ma dovrei esserlo e quindi, secondo me, è del tutto accettabile dirti che, dopo tutto, non sarai impressionato dalle mie capacità di tagliare i biscotti, vero?

3. Ho diversi articoli pubblicati.

Sono un genio intellettuale, un colosso della comunità scientifica, un polimero e una luce di spicco e so che poiché sei di tendenza accademica, rimarrai colpito dalla mia associazione con prestigiosi ricercatori e scienziati. Ho letto di loro ma non li conosco, ma questo non mi fermerà nel mio vanaglorioso tentativo di stupirvi e deliziarvi. Qualche tempo fa avevo pubblicato un articolo su una rivista di nicchia, ma mi riferisco ad esso come qualcosa che ha disegnato il suo editoriale in un’importante pubblicazione scientifica. Se solo più persone mi ascoltassero, allora inizierebbero a capire quanto sono veramente talentuoso.

4. Sono un amico intimo di …

Atleta, scrittore, drammaturgo o star del cinema. Fai la tua scelta. Ne saprò almeno uno e ti regalerò storie inventate di appuntamenti per il pranzo, connessioni d’infanzia e telefonate per congratularmi con lui o lei per l’ultimo successo dell’Oscar. So che i tuoi occhi si illuminano alla menzione del suo nome. So che pensi che devo essere qualcosa di speciale per conoscere qualcuno di speciale e so che rimarrai in giro ancora più a lungo nel caso in cui riesca a mediare un incontro per te con qualcuno che mi è capitato di assistere a una prima del film. In televisione.

5. Adoro le occasioni familiari, sono un ospite eccezionale.

Tutto ciò che è tornato al mio è uno dei miei ritornelli preferiti. Voglio sempre che la famiglia venga a cena, per un barbecue, per festeggiare i bei momenti. Voglio che tu pensi che io sono il mio ospite, il bon viveur e posseduto da una certa gioia di vivere. L’unica volta che terrò conto di tale presenza è quando so che tutti mi guarderanno. Ogni altra occasione che dirotto per fare tutto su di me, al punto che la mia famiglia infida, bugiarda e sediziosa raramente mi invita a nulla in questi giorni. Non voglio che tu sappia che, naturalmente, voglio che tu creda che io sia la vita e l’anima della festa e che io sia un vero genitore di famiglia. È molto più attraente della persona contorta che è diventata ostracizzata dalla sua famiglia che sono diventato.

6. Mi piace un drink, solo per essere socievole.

A chi non piace bere? Se qualcuno non beve, ne sono sospettoso. A tutti piace bere, olea le ruote dell’interazione sociale, si diverte alla grande e riduce le inibizioni. Conosco molto del vino e ti impressionerò felicemente per la portata delle mie conoscenze mentre cammino lungo la linea attraente che mi mostra come un tipo che si diverte a passare un po ‘di tempo senza esagerare. Ovviamente è tutto con moderazione. A nessuno piace un vecchio ammollo, un ubriacone, un tiranno lussureggiante, disgustoso e offensivo che usa la bevanda dei demoni come stampella per tenere a bada i demoni quando traditori crudeli e selvaggi mi negano il mio legittimo carburante. Se dico che mi godo un drink e non ho problemi, allora non ho un problema, vero? Ora prendimi un’altra birra e togliti dalla schiena.

7. Ho a cuore solo i tuoi migliori interessi.

Tengo a te così tanto che farei qualsiasi cosa per te ed è tutto basato sulla mia preoccupazione per il tuo benessere. Lo giri e lo fa anche tutti gli altri che si innamorano della mia facciata di partner premuroso e compassionevole. Quanto sei fortunato ad avere qualcuno così premuroso. È la panacea a razionalizzare tutto ciò che faccio, non importa quanto crudele, quanto basso o duro. Dicendoti, il mondo e soprattutto me stesso che ciò che faccio è ben intenzionato e solo nei tuoi migliori interessi, questo lo rende del tutto accettabile, persino nobile. Non è vero?

8. Ti mostrerò cos’è davvero il sesso eccezionale.

Di solito è affermato in un modo più grafico e profano per permetterti di fingere di essere scioccato dalla mia brama viscerale e animalesca per te, quando sei davvero elettrizzato all’idea di essere preso in questo modo, perché si accorda con il condizionamento dei nostri ruoli vero? La promessa del nirvana sessuale è davvero una forte attrazione e alcuni resistono. Eppure, se mi capita di offrirti un emozionante incontro sessuale che ti lascia ansimare e chiedere a gran voce di più, non l’ho fatto per mostrarti, l’ho fatto per mostrarmi quanto sono fantastico tra le lenzuola. Poi di nuovo, ci sono quelli del nostro genere che non hanno alcun interesse a consegnare, ma il mantenimento del mito, attraverso parole facili da pronunciare, è un requisito per assicurarti di rimanere attratto da noi. Ti parleranno a letto e poi stranamente tacciono, fino a quando le scuse incolpanti per la non-performance ti verranno incontro.

9. Ne ho uno così, solo …

Il complimento a rovescio che è puramente un dispositivo per creare un’apertura per vantarci e vantarci di quanto sia brillante la nostra auto, quanto è rumoroso il nostro sistema stereo, quanto è grande la nostra casa, quanto sono costosi i nostri vestiti e così via. Hai una fronte, vero? Bene, ho una testa a cinque. Vedi, qualunque cosa tu abbia, ho più grande, migliore e più. La verità è che non lo so, ma vorrei che lo facessi e, in effetti, se non fosse stato per questo mondo crudele e tortuoso in cui sono stato spinto, avrei tutte queste cose. È tutta colpa loro. È tutta colpa tua. Naturalmente so tutto di quelle cose che sono più grandi e migliori, anche se non le ho e che la conoscenza è una pretesa sufficiente per impressionarti e attirarti, sminuire qualcun altro e rubare il tuono mentre mitiga il mio furioso senso di invidia .

10. Non credo di poterti amare più di me.

Dalla scuderia delle stravaganti dichiarazioni d’amore ed è progettato per spazzarti via dai piedi come la società ti ha condizionato ad aspettarti. Tutto quello che sto facendo è vivere all’altezza di quell’aspettativa e trotterellare tali dichiarazioni apparentemente meravigliose e significative che sono completamente vuote. Solo che questo non è un racconto alto. Questa è una rara pepita di verità che è caduta dalla mia bocca perfida. Ovviamente la consideri come una meravigliosa e deliziosa affermazione del mio amore senza precedenti per te. Quello che ti sto veramente dicendo è la verità, non posso più amarti di quello che faccio, perché non ti amo.

H.G. TUDOR

Ten Tall Narcissistic Tales