Pubblicato il Lascia un commento

πŸ“° SEGRETI

Ti ricordi quando eri a scuola e tutti i tuoi amici sembravano sapere qualcosa che tu non sapevi? Si scambiavano sguardi d’intesa, facevano dei riferimenti con la coda dell’occhio a “questa cosa” e sorridevano e ridacchiavano. Inquietante non Γ¨ vero? Chiedevi loro di dirtelo, li supplicavi e forse persino ti preoccupazione o ti arrabbiavi, minacciando i tuoi amici di qualche ripercussione se non ti avessero detto che cosa sapevano. Di solito non era niente. Solo un espediente ideato per giocare con te, per provocare una reazione, per farti reagire e funzionava. Allora eri dentro al segreto e potevi unirti e giocare contro il prossimo ignaro individuo. Tuttavia, non ti piaceva quella sensazione di non sapere, vero? A poche persone piace. Quante volte, quando qualcuno Γ¨ scomparso, la gente ha dichiarato angosciata,

“È il non sapere che davvero ti colpisce.”

L’apprensione che provi quando aspetti di ricevere i risultati degli esami. Sai che hai studiato duramente durante l’anno, hai eseguito il compito nel modo giusto e hai sentito che l’esame Γ¨ andato bene, ma non puoi mai essere sicuro vero, Γ¨ la mancanza di conoscenza che ti rode fino a quando non ricevi il risultato .

Aspettare i risultati di alcuni esami che riguardano la tua salute ti provoca ansia e preoccupazione. Anche se sono cattive notizie, una volta che hai ottenuto questi risultati, puoi agire, pianificare e decidere una strategia da seguire, ma se non lo sai, sei bloccato, paralizzato e congelato. È una sensazione spiacevole nel migliore dei casi e nel peggiore dei casi è debilitante.

Non ti piacciono i segreti. Noi prosperiamo su questi.

Quindi gran parte di ciΓ² che siamo Γ¨ un segreto. Siamo come una serie di casse, scompartimenti e caveau in cui sono stati collocati vari segreti. Alcuni sono stati posti lΓ¬ con l’intenzione di non essere mai rivelati, nΓ© a voi nΓ© a noi stessi. Altri sono quei segreti su ciΓ² che siamo davvero o ciΓ² che facciamo realmente e chiudiamo il coperchio, chiudiamo la porta e giriamo la chiave nella speranza che non li scopriate e non ci espongano per ciΓ² che siamo davvero. Non vogliamo che scopriate che la facciata rivestita di miele in realtΓ  Γ¨ che aprite una scatola buia e trovate in agguato all’interno l’orrore pieno del nostro vero comportamento. I comportamenti passati e le azioni storiche sono relegati in profonditΓ  nell’archivio per impedire che tu sappia cosa abbiamo veramente fatto al nostro ex-partner, cosa Γ¨ stato detto a nostro fratello che significa che non abbiamo parlato per dieci anni o la serie di infedeltΓ  in cui ci siamo impegnati. Semmai ti fosse permesso di entrare in quei corridoi bui, avresti varcato le casseforti, i forzieri e i cofanetti in cui sono stati collocati i segreti della nostra specie. Uomo che Γ¨ solito picchiare la moglie, alcolista, scoppiato, fraudolento, omosessuale non dichiarato, strimpellatore sostenuto, imbroglione seriale, aggressore di anziani, ricattatore, truffatore, sprezzante di corte, genitore distaccato, bugiardo, condannato, frodatore del fisco, travestito, depravato sessuale e tanto altro. Molti segreti, alcuni che alla fine puoi scoprire, cosi tanti che puoi non sapere mai. CosΓ¬ tanti segreti nascosti, spinti dentro i recessi, celati e nascosti in modo che gli occhi indiscreti non apprendano la veritΓ  di ciΓ² che diciamo e facciamo.
Tuttavia, la nostra segretezza va oltre. Siamo lieti di farti sapere che abbiamo una sorta di segreto per esercitare il controllo su di te. Ci dilettiamo a concederti un’occhiata di un qualcosa ma subito dopo tirarlo via dalla tua vista. Facciamo mezze osservazioni, bassi sussurri e commenti velati per stuzzicare il tuo interesse, ma poi proviamo gusto a omettere il racconto completo. Traiamo gusto da questi piccoli misteri che fanno in modo che tu ti faccia domande e indaghi. Dopotutto, sappiamo come ti comportavi quando eri molto piΓΉ giovane e come la sensazione di non essere in grado di sapere ti preoccupa. Ti disturba e la tua specie piΓΉ degli altri.
Come il ragazzo piΓΉ grande a scuola, ti abbiamo strappato i soldi per il pranzo e ora li teniamo sopra la tua testa, quasi a portata di mano mentre tu salti e salti, la frustrazione aumenta man mano che provi a recuperarla. Vuoi venire a conoscenza di cosa sappiamo, cosΓ¬ puoi soddisfare il tuo bisogno di sapere. Lo riconosciamo e quindi ci impegnamo a giocare ai giochi in cui suggeriamo, ammicchiamo, facciamo rivelazioni parziali e alludiamo cosΓ¬ da acquisire il tuo interesse. Stuzzichiamo mentre facciamo riferimenti indiretti a qualcosa aspettandoci che tu abbocchi. Ci siederemo a guardare nel vuoto, coltivando un’apparenza di profonditΓ  e di intrigo mentre tu ci osservi e ci chiedi a cosa stiamo pensando. Ovviamente farai delle domande e noi ti daremo qualche risposta criptica in modo che in seguito rifletterai e contemporaneamente approfondirai ulteriormente. Qualunque cosa ti abbiamo detto non ha nulla a che fare con ciΓ² a cui stavamo veramente pensando. Forse stavamo ammirando la vista dalla finestra, forse ci stavamo chiedendo come sarebbe andata a finire la partita o piΓΉ probabilmente stavamo decidendo a quale (futura preda) nella crescente scuderia di possibili risorse mandare il messaggio successivo. Invece butteremo lΓ  qualche commento o frase che dΓ  l’impressione che siamo preoccupati da qualcosa di importante, qualcosa forse al di lΓ  della tua comprensione, qualcosa che ci fa apparire misteriosi e che portiamo un grosso fardello. L’intrigo si somma al fascino ma concorre anche al tuo desiderio di servire. Il trattenere le informazioni, il tenere in sospeso la conoscenza, tutta questa segretezza, fa tutto parte dell’atto. I veri segreti non ti saranno mai rivelati. Il segreto a cui alludiamo Γ¨ inesistente. È solo un mezzo per controllarti. È un modo per tenerti legato a noi, a chiedere, a essere curioso e a indagare. Le mezze risposte e i tentennamenti vengono usati per confondere, sconcertare e causare la tua ansia. I mormorii misteriosi, lo sguardo meditabondo e i commenti tra noi e noi che si sentono solo parzialmente sono pure astuzie. Devono darci l’apparenza di grandezza quando manca. La creazione di cosΓ¬ tanti apparenti segreti Γ¨ quella di tenerti lontano dai veri segreti guidandoti in una direzione diversa e facendoci apparire (persone) di spessore e di sostanza. Cerchiamo di strapparti la capacitΓ  di osservazione e il controllo per farle essere parte di noi.

Il gioco della segretezza continua dopo la cessazione della nostra relazione formale. Sempre quando sei stato scartato e spesso anche quando scappi, quante volte i tuoi compagni di letto la notte sono non qualche altra persona ma le domande fantasma su come, cosa, perchΓ©, quando e dove? Non ti viene data alcuna risposta su ciΓ² che Γ¨ successo e questo Γ¨ il momento in cui la segretezza assume il piΓΉ grande significato dal momento che ti abbiamo fatto entrare in un labirinto attaverso cui cerchi di trovare una via per capire come abbiamo potuto fare ciΓ² che abbiamo fatto cosa diavolo ti Γ¨ successo, perchΓ© abbiamo fatto quelle cose, quando torneremo e dov’Γ¨ che Γ¨ andato tutto storto? Ti condizioniamo durante la tua danza con noi ad essere affascinato da noi, a farti domande, a ipotizzare, a pianificare e cosΓ¬ via in modo che tutto questo aumenta sempre di piΓΉ fino a quando ti gettiamo da una parte; non puoi fare altro che continuare a voler conoscere i nostri segreti, per aprire quelle porte, per far scorrere indietro i bulloni e aprire i portali, per sollevare i coperchi e strappare le coperture. Questo ti fa tornare da noi, ti tiene sospeso nella speranza che un giorno ci sarΓ  una rivelazione epocale e tutto avrΓ  un senso. Attendo nell’aspettativa che tutti i segreti di questa persona che ami ancora ti saranno rivelati. Ma non succede mai. Non per mezzo di lui o di lei. Lo smascheramento viene da un’altra parte.

Non Γ¨ un segreto che tu abbia la chiave dell’universo narcisistico nelle tue mani ora.

H.G. TUDOR

Secrets

Rispondi