PERCHÉ IL NARCISISTA È TORNATO INDIETRO?

Ripensi a quel tempo glorioso in cui eri corteggiato dal narcisista che ti ha intrappolato. Tra il piacere e l’eccitazione di quella potente e vertiginosa seduzione c’è una buona probabilità che sia stata fatta menzione della sua o del suo ex. Quella persona era l’incarnazione del diavolo, non è vero? Abusante, alcolista, tossicodipendente, cacciatore d’oro, giocatore d’azzardo, scansafatiche, parassita, non aiutava mai in casa, non dava mai una mano con i bambini, aveva un caratteraccio, asociale, goffo, giocava tutto il giorno ai videogiochi e così via. Non c’è dubbio che l’ex del tuo narcisista fosse una o più di queste cose. È stato diffamato fin da subito.

“È proprio cattivo”.

“Lei è completamente fuori di testa”.

“Credimi, non la vorrai incontrare; è una pazzoide”.

È violento e disgustoso. Affascinante fuori ma orribile dentro”.

Un centinaio di modi differenti per assicurarsi che tu pensassi male del predecessore e molto meglio di noi. Ci lodavi perché ce ne eravamo liberati, ci dimostravi solidarietà per ciò che avevamo passato e ci incoraggiavi a stare con te. Il carburante fluiva mentre raccontavamo storie su storie di trattamenti orribili. Tutto questo veniva detto dopo che ci eravamo sganciati da questa persona, mentre ti inserivamo nel nostro mondo.

Potrebbe anche essere successo che tu avessi iniziato una tresca con noi. Noi avevamo ammesso di essere sposati, di vivere con qualcuno o di avere una relazione, ma una combinazione del nostro magnetismo carismatico e di racconti penosi su come il nostro partner fosse orribile e maltrattante hanno fatto sì che tu vedessi una persona meravigliosa che aveva bisogno del tuo amore e non ti sei sentito realmente preoccupato di interferire nella nostra relazione. Dopo tutto, quante volte ti abbiamo detto che non facevamo più sesso con quella persona, che non condividevamo nemmeno il letto, che stavamo insieme solamente per il bene dei figli e centinaia di altre motivazioni che ti venivano date per sedurti e rassicurarti che era te che volevamo. Abbiamo persino lasciato il nostro partner per stare con te. Hai avuto la meglio. Il bene ha trionfato sul male mentre tu ti assicuravi che avessimo il supporto, il coraggio e la determinazione per fuggire dall’orribile trattamento di quella persona. Ci hai avuto per te e il periodo d’oro ha potuto avere davvero inizio.

Qualche tempo dopo, potrebbero essere settimane, mesi o persino anni, è successo qualcosa di strano.

Siamo tornati indietro.

Sei stato buttato senza tante cerimonie e siamo tornati nuovamente tra le braccia del nostro ex. Come è potuto succedere? Come abbiamo potuto tornare da una persona così orribile, così abusante, così cattiva? Come abbiamo potuto ritornare da quella persona dopo che ti avevamo raccontato così tante storie riguardo a suoi maltrattamenti e alla sua brutta personalità? Come abbiamo potuto tornarci dopo che tu ci hai salvato da lei? Come abbiamo potuto farlo dopo tutto quello che tu hai fatto per noi? L’ex era orribile, tu eri piacevole, all’ex non importava di te, tu non hai mai smesso di essere amorevole e mentre l’ex era crudele, tu eri meraviglioso. Ci hai aiutato durante la separazione e ci hai difeso quando il malvagio ex è venuto a cercarci, incolpandoti per aver distrutto un felice (ah ah!) matrimonio. Hai ascoltato le sue proteste sul fatto che avevi fatto il lavaggio del cervello al partner, spifferato bugie su di lui/lei al punto di mettergli/le contro il partner. Ricordi quanto all’epoca fossi attonito per il fatto che qualcuno avesse avuto la sfrontatezza di comportarsi in maniera così abusiva per poi accusare te di aver fatto le cose che aveva fatto lui/lei. Questo ex partner era proprio come te lo avevamo descritto, vero? Manipolatorio, feroce e incolpava tutti tranne se stesso. Proprio come ti avevamo avvertito, questa persona si comportava esattamente in base a quello schema. Ti ha perfino accusato di certe cose ma tu non le hai creduto perché noi ti avevamo già avvertito che avrebbe fatto qualcosa del genere. Provare a farti pensare che eravamo noi gli abusanti al fine di spostare l’attenzione da ciò che era lei veramente. Come diamine possiamo essere tornati da questa persona così bugiarda, traditrice, maltrattante, cattiva e orribile? Non aveva proprio senso.

In certi casi, non hai avuto risposta. Abbiamo cambiato numero. Siamo tornati a vivere con questa persona in un posto che non conosci. Ti abbiamo bloccato sui social, le amicizie che pensavi di aver stretto nella nostra cerchia ti hanno allontanato o ti hanno semplicemente detto di accettare che sono cose che succedono e di voltare pagina. Ma tu non puoi. Non riesci a capire per qualcuno ha potuto fare questo. Primo, perché tornare da un abusante? Secondo, perché buttare qualcuno meraviglioso come te che gli aveva professato un vero e perfetto amore? Nulla ha più senso.

Forse sei riuscito a confrontarti con noi per provare a scoprire perché mai ci siamo comportati in questo modo. Forse ti è stata data un’unica opportunità di dire la tua e scoprire perché l’abbiamo fatto e ti abbiamo lasciato devastato. Ti saranno state dette cose come: –

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a rendermene conto e per questo hai tutta la mia gratitudine”.

“Lei mi ha promesso di cambiare e ho pensato si meritasse questa possibilità”.

“L’ho fatto per il bene dei bambini piuttosto che per la mia felicità”.

“Siamo stati insieme vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei”.

Avrai obiettato contro queste affermazioni. Avrai provato a persuaderci per riaverci indietro. Non c’è dubbio che tu abbia risposto così ad ognuna delle frasi sopra:-

“Tu non la ami. Come puoi amare qualcuno che ti ha maltrattato per così tanto? Hai già fatto la parte difficile, allontanandoti da lei, non puoi tornare indietro”.

“Non cambierà. Perché dovrebbe? Hai detto tu stesso che aveva già fatto questa promessa in precedenza e non era accaduto nulla”.

“Se avessi fatto la cosa giusta per i tuoi bambini non li avresti esposti ad un’atmosfera tossica come quella che c’è tra voi, per come me l’hai descritta”.

“Lei ti tiene completamente sotto controllo. Non conosci altro che i suoi modi offensivi e li hai accettati. Non devi farlo. Io posso aiutarti”.

I tuoi appelli e le tue disperate e ben intenzionate esortazioni sono falliti. La ragione è che quando abbiamo pronunciato ognuna delle frasi sopra, questo è ciò che realmente intendevamo.

“Sapevo che l’amavo davvero. Tu mi hai aiutato a rendermene conto e per questo hai tutta la mia gratitudine”.

“Tu non mi hai fornito il carburante che pensavo mi avresti dato e ho capito che il carburante che avrei ottenuto tornando a recuperare la mia ex e cercando di avere un’altra possibilità avrebbe superato quello che mi stavi dando tu e ha funzionato. Ma non preoccuparti. Non ho intenzione di liberarmi di te per il momento. Ho organizzato una meravigliosa triangolazione per me, te, e lei che porterò avanti durante la riconciliazione. Sarà come avere una tresca (avere di nuovo una tresca). Com’è eccitante. Quanto buon carburante!”

“Lei mi ha promesso di cambiare e ho pensato si meritasse questa possibilità”.

“Io ho promesso di cambiare. Questo l’ha riportata indietro. Succede sempre e lei ci casca in pieno, e quel carburante è migliore del tuo”.

“L’ho fatto per il bene dei bambini piuttosto che per la mia felicità”.

“Ho visto qualche crepa nella facciata e ho capito che la gente in realtà potrebbe rivoltarsi contro di me. Io ho bisogno di questa facciata quindi ho dovuto sacrificare te. Non lo saprai mai ma ho detto a lei, alla nostra famiglia e agli amici che sei una stalker e che cerchi di ricattarmi. Hanno capito. La facciata è intatta. Tu sei sacrificabile”.

“Siamo stati insieme per vent’anni. Ho capito che non posso stare senza di lei”.

“La conosco come le mie tasche e so che non importa quante volte io lo faccia, lei mi riprenderà sempre e mi darà del potente carburante di recupero. Lo so, ti ho detto che eri l’unica per cui l’avevo lasciata. Non era la verità. Tu non sei nulla di speciale. L’ho già fatto molte volte in passato e lo farò ancora. Potrei farlo di nuovo anche con te se sarai abbastanza stupida da darmi un’altra possibilità. È tutto buon carburante”.

Se sei sotto shock per l’improvvisa rivelazione che siamo ritornati dall’ex che era stata etichettata come orribile e abusante, se non sei in grado di capire perché l’abbiamo fatto, io lo capisco. Capisco che non ha davvero senso se visto dalla tua prospettiva. Ma la realtà è che lei non mi ha mai maltrattato. Io sono quello che maltratta. Io ho usato te come avevo usato la mia partner per ottenere carburante. Ho proiettato i miei comportamenti su di lei; tu te la sei bevuta alla grande e io ho avuto carburante positivo da te e carburante negativo da lei mentre ti triangolavo con lei. Potevo non tornare indietro, ma la qualità del carburante di recupero e la facilità con cui lo posso ottenere lo rende irresistibile. Tornerò ancora da te e tu me lo permetterai perché hai assaporato il periodo d’oro. Credi ancora che lei sia una stronza e combattete per me incolpandovi l’una con l’altra invece di rendervi conto che sono io quello da incolpare. Io l’ho pianificato. Io l’ho orchestrato. Io sono il burattinaio.

Traduzione di PAOLA DE CARLI dal testo originale di H.G. TUDOR