Pubblicato il Lascia un commento

👤 IMPAZZITO

Dobbiamo parlare. Beh, veramente, io devo parlare e tu devi ascoltare. Ecco, siediti, lì, ok, non è facile e so che non accetterai quello che dirò, ma devi capire che lo faccio per te, per noi. Sono preoccupato per il fatto che in realtà non sono solo io, però io sono quello che l’ha notato più di chiunque altro, ma suppongo che sia perché sono quello che si preoccupa di più, anche per il fatto che sto con te più di chiunque altro. Non sono l’unico, anzi è perché più persone hanno espresso la loro preoccupazione per me che mi sono sentito di muovermi per fare qualcosa. È un argomento difficile da affrontare con te perché so che non accetti ciò che devo dirti. Ho fatto qualche lettura in realtà per cercare di aiutarti perché dopotutto sono i tuoi migliori interessi che ho a cuore. Mi preoccupa davvero dover sollevare questa questione con te e l’ho fatto circa un paio di volte ma mi sono detto che dovevo darti del tempo e che potevi farcela da solo. Non hai idea di quanto sia difficile stare da una parte e guardare la persona che ami comportarsi in questo modo. Vedo che sei confuso e dovrei arrivare al punto, solo che è difficile doverlo fare. Ok, sono sempre più preoccupato per i tuoi comportamenti, come dico, soprattutto io, ma anche la tua famiglia, i tuoi amici e anche alcune persone al lavoro lo sono. Va bene, non preoccuparti e no, per favore, non interrompermi, devi ascoltarmi. Nessuno ti sta giudicando. Vogliamo tutti aiutarti. Vogliamo darti tutto il supporto di cui hai bisogno. Scusami, sto vaneggiando, vero? Suppongo che anche adesso spero che la luce brillerà e tu mi dirai che capisci e che sai di aver bisogno di aiuto. Ecco, l’ho detto. Penso che tu abbia bisogno di aiuto.”

“Vedo che non capisci cosa intendo e il tuo silenzio quando l’ho detto poi la dice lunga. Ok, dovrò precisarlo. È il tuo comportamento nei miei confronti e nelle altre persone. Non è accettabile. Mi conosci, ho detto che sarei sempre stato accanto a te e lo farò ma non posso stare li a guardare senza fare nulla mentre ti vedo distruggere te stesso e il tuo rapporto con me, i tuoi amici e la tua famiglia. Posso dire che stai lottando. Tutti possiamo. Non sono sicuro di cosa ci sia dietro, dopotutto non sono un dottore, ma ho letto e parlato con altre persone, e immagino che tu stia perdendo la testa o stia avendo una specie di crollo. Da quella scossa di testa capisco che questo non ti entra, quindi mi dispiace ma dovrò darti semplicemente la brutale verità. Avevo sperato che questo non sarebbe stato necessario e che avresti lavorato con me su questo, sai, una collaborazione per salvare ciò che abbiamo, ma i libri hanno detto che probabilmente non sarai in grado di riconoscere ciò che ti sta accadendo. Apparentemente questa è una delle prime cose che succede quando la tua salute mentale è compromessa, tu non puoi vedere il problema da solo ed è per questo che continui a fare come fai tu. “

“Non è colpa tua, beh, è perché tu sei parte in causa, e non perché io sono sicuro che non vuoi dire che queste cose accadano. So che sei una brava persona, l’ho visto e quello che è successo di recente deve essere una conseguenza di qualche tipo di stress di qualcosa. So che bere non aiuta però. Guarda, non è utile restringere gli occhi e scuotere la testa quando lo dico. Ho controllato il cestino e ho contato almeno 20 bottiglie di vino per quindici giorni e c’erano tre bottiglie di vodka. No, non puntare a me, bevo a malapena, forse lo strano bicchiere di vino a cena, ma tu lo hai fatto. Cos’è quello? Ho messo le bottiglie lì? Non essere sciocco, perché dovrei farlo? Perché sprecare un buon vino svuotando le bottiglie e inserendole nel riciclaggio? Non ha senso, vero? No, li hai bevuti. Posso vedere che stai lottando per ricordare e questo è parte del problema. Qualunque cosa sia sbagliata con te, questo ha un impatto sulla tua memoria. L’ho visto. Quante volte mi hai chiesto dove sono le chiavi della tua auto o dove si trova il telecomando per la televisione? Hmm. Molte volte e sono sempre nello stesso posto. Sempre. Teniamo in ordine questa casa, no, eppure mi stai chiedendo dove si trova qualcosa quando è sempre nello stesso posto. Posso immaginare che debba essere un po ‘spaventoso, ma non preoccuparti, mi prenderò cura di te. Lo faremo tutti. ”

“Vedi mi sono già confrontato con i tuoi due migliori amici e la nostra famiglia e abbiamo convenuto che dovresti passare un po ‘di tempo in ospedale. Il denaro non è un problema, perché vogliamo la migliore assistenza possibile per te e suppongo che i bravi dottori sapranno cosa fare con te e se devi restare lì per un po’, beh, non preoccuparti, me la caverò. Ho un sacco di gente che mi starà intorno e mi darà una mano quindi non voglio che ti preoccupi. È per il tuo bene. Vedi, hai perso la calma così facilmente e ti sei trasformato in qualcuno che non conosco. Questa rabbia. Non so da dove viene, ma all’improvviso esplodi e poi inizi a cercare di incolparmi per le cose che hai fatto. Non è molto bello e provo a non farci caso, ma alla fine c’è solo una persona che ci può fare i conti. Ti ricordi la settimana scorsa quando mi hai accusato di aver spento il forno mentre stavi facendo da mangiare, ma poi ti sei reso conto che non lo avevi mai acceso? Sì, te lo leggo negli occhi che ora ricordi. Mi hai accusato ripetutamente di averlo fatto e anche se ho spiegato che non potevo essere stato io perché ero impegnato in una chiamata nello studio, hai insistito a dire che l’avevo fatto. Hai continuato ad insistere, puntando il dito contro di me, e tutto perché stai perdendo la testa. Cerco di non fartene una colpa per le cose orribili che dici, penso che tu diventi qualcun altro e non ti rendi conto di cosa stai facendo perché dopo non chiedi mai scusa e questo fa male. I tuoi amici dicono che sei freddo con loro, si sentono come se non ti conoscessero più e sono più preoccupati per te, beh, anche feriti, ma una volta ho iniziato a elencare loro la tua lista di malefatte domestiche, beh, sono stati molto amichevoli e comprensivi. Hanno convenuto con me che è necessario fare qualcosa e mi hanno aiutato nel prendere informazioni su dove possiamo farti curare. È carino, onestamente, non preoccuparti che così tante persone sappiano quello che è successo, di questi tempi non vi sono pregiudizi con questi problemi. Mi hanno dato tutti il massimo supporto. Capiscono quanto sia stato difficile per me aver a che fare con te in questi ultimi mesi e hanno detto che se avessi bisogno di qualcosa, dovrei solo chiederlo. È così bello sapere di avere questa rete di supporto. La tua famiglia è preoccupata, per entrambi, ma sanno che sto facendo il meglio che posso per te e che a volte bisogna mostrare un amore tenace. Non so quanto durerà, ma prima di tutto ti esamineranno, e impiegheranno un paio di settimane e vedremo cosa verrà fuori da lì. No, no, non penso che tu sia pazzo, misericordia, niente affatto, è solo una cosa temporanea, ne sono sicuro, ma dopo è andata troppo oltre, beh, suppongo che meno avessi detto di quell’incidente dello scorso venerdì meglio sarebbe stato. Quale incidente? Veramente? Sai quando hai rotto tutti i vetri della serra. No, non sono stato io, sei stato tu. Ehi guarda, sto cercando di aiutarti, non c’è bisogno di diventare aggressivi, vedi, è esattamente quello di cui sto parlando, io sto cercando di aiutarti e tu inizi a reagire. Senti, chiamerò Lee, devo farlo? Ti ha visto e mi ha aiutato a capire che eri tu. Devo chiamarlo, sai che sosterrà quello che sto dicendo, vero, dopotutto è la verità. Calmati, Gesù, è per questo che non ho sollevato prima la questione con te, per come avresti reagito, ma ad essere sincero, ne ho avuto abbastanza ed è proprio questa aggressività e cattiveria, e il tuo completo fallimento nel non ammettere mai che tu sei in torto che mi ha portato alla disperazione. Calmati, ti prego. Non sono stato io. sei stato tu. Smettila di dare la colpa a me, non è giusto. Se continui, chiamerò le persone e vuoi davvero fare un’altra sceneggiata per loro? Cosa intendo un’altra? Non lo capisci, vero? Forse sei peggio di quanto mi rendessi conto. Buon Dio, davvero non ricordi cosa hai fatto alla festa? Era così imbarazzante. Preferisco non pensarci. Non sapevo dove nascondermi e nemmeno il tizio: eri dappertutto. Ho provato ad appianare la faccenda, a dare la colpa ai farmaci e cose simili, ma le occhiate che ho ricevuto mi hanno detto tutto ciò che dovevo sapere. Cosa vuoi dire era il contrario? Per favore, smetti di fare così. Devi accettare la responsabilità delle tue azioni che è andata avanti per troppo tempo. Troppo tempo. Ah, ecco il campanello, sarà il personale dell’ospedale. Ti ho preparato una borsa. Non essere così allarmato che sono qui per aiutarti e per prendermi una pausa da tutta questa pazzia. Andrà tutto bene, lo prometto; promettimi solo una cosa, che cercherai di migliorare per il nostro bene, lo farai? Non voglio diventare pazzo anch’io.

H.G. TUDOR

Crazed

Rispondi