Pubblicato il Lascia un commento

📰 I SETTE PECCATI DELL’EMPATICO: DUBBIO DI SE STESSO

All’inizio sei intraprendente, fiducioso e autonomo. Queste caratteristiche non necessitano di sfacciate manifestazioni, anzi, stanno lì, discrete e silenziose. Poi arriviamo noi. L’imposizione delle nostre manipolazioni è progettata per ridare vita a questi sette peccati,  allo scopo di renderti suscettibile alle nostre successive macchinazioni e al nostro controllo. Questi dubbi ci permetteranno di recuperarti, attingere carburante da te e mantenere quella connessione su cui facciamo affidamento per perseguire le nostre ambizioni.

1. È davvero colpa mia?

Faremo in modo che tu ti chieda e rifletta se ciò che è successo è colpa tua. Hai fatto qualcosa per attirare qualcuno come noi? Ti è sfuggito qualche segnale che dovresti aver visto e quindi è stato un tuo sbaglio a far sì che tu venissi esposto al nostro controllo e abuso? Ti porteremo ad analizzare i tuoi comportamenti mentre ti senti oppresso dalla colpa. Noi siamo gli esperti in fatto di spostare la colpa e attraverso l’uso ripetuto del rifiuto, della deflessione e della proiezione, eviteremo ogni senso di colpa per le nostre azioni, lasciando che abbiano un impatto su di te. Deve essere colpa tua se siamo così irremovibili sul fatto che non è colpa nostra. La convinzione con cui ti addossiamo la colpa ti porterà a farti delle domande. È naturale per te riflettere sempre sul tuo comportamento, che è fondamentale per la persona che sei, e noi lo sappiamo. Aggiungici il nostro incessante spostamento di colpa e questo costante accumulo di colpa goccia a goccia finirà per portare le conseguenze; tu inizierai ad accettare la colpa e ti sentirai colpevole.

2. L’ho amato abbastanza?

Quante volte ti è stato detto: “Lo faresti se mi amassi”, oppure “Se mi amassi davvero come dici non lo faresti”. Incontri il livello estremo del presunto amore con il nostro bombardamento d’amore e la quantità di messaggi di apparente passione, affetto e amore farebbe scomparire qualsiasi cosa al confronto. Ti verrà sempre rinfacciato mentre ti diciamo più volte quanto amore ti abbiamo dimostrato, come ti abbiamo amato sopra ogni altra cosa e che nessuno potrebbe amarti più di noi. C’è da meravigliarsi quando messo al confronto con simili dichiarazioni ripetute e con quel colosso d’amore che siamo noi, che tu ti chieda se ci hai dato abbastanza amore? Forse noi ci comportiamo in questo modo perché sentiamo di amarti più di quanto ci ami tu? Te lo diremo sicuramente e, poiché sei un devoto dell’amore, ti sentirai obbligato a cercare di ricambiare ciò che hai ricevuto. Non puoi riuscirci perché l’amore che dimostriamo è fatto di fumo e specchi, facile da materializzare, facile da dire e ciò che tu concepisci come amore richiede più sforzo, ma questo non ti impedirà di chiederti sempre se fai abbastanza e se un po’ di più amore potrebbe essere proprio la soluzione necessaria per rendere tutto nuovamente perfetto. Perciò ti terremo appeso a provarci sempre di più.

3. Ho sbagliato ad andarmene?

Noi dobbiamo creare questo dubbio fastidioso per mantenere viva la prospettiva di recuperarti. Sappiamo che possiedi uno spirito quasi instancabile che ti costringe a restare per provare a fare le cose giuste. Così spesso siamo noi a provocare la cessazione (sebbene temporanea) della nostra relazione e ti scartiamo. Le rare volte in cui sei tu a decidere che ne hai avuto abbastanza e tenti la fuga verso il confine per liberarti della nostra influenza tossica, sappiamo che avrai delle riserve nel farlo. Non ti piace arrenderti con le persone. Ti piace farcela. Il tuo desiderio di successo non è lo stesso della nostra ricerca egocentrica del risultato, ma piuttosto il tuo successo relativo agli altri e noi lo sappiamo. Sappiamo che vuoi giungere a una risoluzione, per questo ti portiamo per mari e monti con le nostre conversazioni circolari. Sappiamo che preferisci ottenere un risultato, ecco perché non rispondiamo mai del tutto alle domande, deviamo e neghiamo. Questo desiderio di una conclusione fa sì che, se mai dovessi allontanarti da noi, sappiamo che sarai tormentato da un certo senso di colpa che non avresti dovuto farlo. E se avesse potuto essere aiutato? E se potesse cambiare? E se avesse bisogno del tuo aiuto? Tali dubbi si manifesteranno e faranno sì che quando incombiamo per cercare di recuperarti, questo desiderio di non lasciare nulla di sospeso (assieme a una serie di altri metodi manipolativi progettati per farti tornare) ti lascerà vulnerabile a essere riportato nel nostro mondo contorto.

4. Dovrei avergli dato un’altra possibilità?

Magari se ci avessi dato un’altra possibilità (da aggiungere alla dozzina o giù di lì che ci hai già dato), il risultato potrebbe essere stato diverso? Hai investito così tanto in noi e ci hai dato così tante possibilità, forse hai lasciato perdere troppo presto? Forse un’altra possibilità era tutto ciò che era necessario e ora sei rimasto a chiederti se hai commesso un errore e hai perso l’opportunità di aiutarci a risolvere i nostri problemi. Forse avresti dovuto provarci di nuovo e darci quell’ulteriore possibilità? Sarebbe proprio un peccato non farlo, specialmente dopo tutto l’impegno che ci hai messo. Questo potrebbe essere stato il punto in cui abbiamo avuto lo scatto di molla e abbiamo finalmente apportato le modifiche e ottenuto la comprensione e la consapevolezza necessarie per tornare a un periodo d’oro permanente. Vuoi vedere che accadono cose belle, noi lo sappiamo, quindi sappiamo che hai quel fastidioso prurito per cui, se ci dessi solo un’altra possibilità, potrebbe essere quella che ci serve per superare il blocco. Non sarà così, ma a noi piace infondere questa speranza nella tua mente così tu soccombi a questo dubbio e torni da noi per riprovare. Ancora. E ancora.

5. E se qualcun altra lo rendesse felice?

Ho avuto troppa fretta a fuggire? Cosa succede se trova qualcun altra e lei lo rende felice? Dimostra che è possibile; io l’ho lasciato andare e ora qualcun altra sta per avere il beneficio di quel meraviglioso periodo d’oro, e potrebbe averlo per sempre. Perché lei dovrebbe ottenere questo quando tu hai sopportato sia il nero che l’oro? Di sicuro tu hai il diritto di ricevere di nuovo il periodo d’oro. Forse era qualcosa che tu avevi fatto e ora lei sa cosa non fare perché lui le dirà cosa hai fatto tu nella relazione e lei eviterà di commettere il tuo errore e si prenderà la ricompensa. Come può esser giusto? Perché lei dovrebbe trarre beneficio dal dolore che hai sopportato? È il tuo periodo d’oro e lo rivuoi perché è stato meraviglioso. Infatti, dopo aver controllato il suo profilo Facebook per la sesta volta oggi, sembra esserci uno scambio di molti like tra i post suoi e quelli di una nuova donna, chiunque lei sia. Cosa sta succedendo? Ha già trovato qualcun altra? Potrebbe essere quella? È meglio che tu agisca e faccia qualcosa alla svelta per evitare che qualcun altro ottenga il periodo d’oro per sempre. Perché non lo chiami e ti organizzi per incontrarvi? Perché non le tagli la strada? Sì, noi instilliamo questi dubbi nella tua mente per farti tornare ancora una volta da noi.

6. Forse non l’ho aiutato come avrei potuto

C’era qualcosa che chiaramente era sbagliato in lui, ma forse non poteva fare a meno di fare tutte quelle cose. Forse una volta gli è successo qualcosa di terribile e questo è il motivo per cui si comporta in modo così aberrante? Di sicuro tu dovresti mostrare un po’ di compassione e comprensione per aiutarlo ad essere libero da quella specie di demone che lo affligge, dopo tutto, non sei una persona gentile e premurosa? È questo ciò che fai non è vero? Aiutare le persone. Non dovresti abbandonarlo ora, lui ha bisogno di te e tu sei l’unica che può salvarlo. Ti basta essere comprensiva, aiutarlo, dargli ciò di cui ha bisogno e poi insieme potrete superare qualunque cosa si sia impossessata di lui. Lo hai visto sanguinare, è umano, proprio come te e ha bisogno di aiuto, non di condanna. Sì, quello che ti ha fatto è stato terribile, ma se non avesse potuto evitarlo, e stesse cercando di chiedere il tuo aiuto e non sapesse come chiederlo? Ora ti sei allontanata da lui, proprio nel momento del bisogno. Non è molto da empatico, vero? Non è quello che sei tu. Tu sei gentile e premuroso, un guaritore. Torna, scusati e aiutalo. Accetta le sue richieste e aiutalo a percorrere il suo inferno personale, di sicuro è il minimo che puoi fare, no?

7. Me lo sono meritato?

Hai parlato a sproposito troppe volte, quindi cosa ti aspettavi che facesse? È un uomo orgoglioso ed era inevitabile che reagisse. Se non fossi stata così debole, non lo avresti infastidito. Forse se tu avessi fatto più cose che lui desiderava, se avessi acconsentito alle sue richieste solo per amor di pace, le cose sarebbero state del tutto diverse? Se non fossi stato così testarda o avessi provato a cambiarlo? Se non avessi provato a fargli da madre? Se avessi provato a fargli da madre? Se fossi stata un’altra persona? Se fossi rimasta fedele a te stessa? Se fossi stata più simile a sua madre? Meno simile a sua madre? Più simile a lei? Meno simile a lei? Ci hai provato davvero, ma in qualche modo ti è sempre sembrato di infastidirlo e poi volavano insulti e assalti. Forse se avessi usato un linguaggio civile sarebbe andata a finire in modo diverso? Forse se avessi provato a guardare le cose dal suo punto di vista più spesso piuttosto che pensare a te stesso, allora il risultato sarebbe stato migliore? Desideravi essere più forte e dovevi essere più forte, sia per te che per lui, ma non lo eri e questa deve essere la ragione per cui ti ha trattato in quel modo. La tua debolezza lo ha irritato. Forse se non fossi stato così patetica avrebbe continuato ad amarti come un tempo. Forse se tu non avessi reagito quando era preso dallo sconforto non avrebbe sentito il bisogno di metterti al tuo posto. Forse semplicemente non hai fatto abbastanza di ciò di cui aveva bisogno perché eri troppo impegnata a concentrarti su come ti sentivi ed ecco perché è crollato tutto? Forse non sei riuscita a capirlo perché eri troppo presa da te stessa? Forse, solo forse, hai avuto ciò che ti meritavi?

H.G. TUDOR – Traduzione di PAOLA DE CARLI

The Seven Sins of the Empath´s Self Doubt

Rispondi