📰 IL NARCISISTA E LE INVERSIONI A “U”

191114D The Narcissist and U-Turn.png

Contraddizioni. A proposito di inversioni. Fare una cosa e dimostrarne un’altra. Quelli sono ingredienti base quando si rimane invischiati con la nostra tipologia. Ovviamente l’Inferiore e il Medio-Rango del nostro genere non vedono le contraddizioni. Per loro, il loro comportamento ha un senso assoluto anche se quando è visto dal tuo punto di vista c’è una chiara contraddizione tra ciò che è stato detto o fatto. Questo naturalmente ti frustra, ti turba e ti fa infuriare mentre cerchi di farci capire che tu sei corretto e che noi non lo siamo. O di farci notare che ci siamo comportati in modo contraddittorio o ipocrita. Non ci riuscirai. L’inferiore o il medio rango non lo fanno deliberatamente, è solo il loro modo di essere. L’inferiore reagisce. Il Medio-Rango si rende conto che negare e deviare ciò che stai cercando di fargli vedere provoca più turbamento e frustrazione e questo lo fa sentire bene. Non sa perché è così, non conosce il concetto di carburante, ma sa che più reagisci meglio si sente. Sa anche che non gli piace essere tenuto a rispondere o essere visto come persona da biasimare, per qualsiasi cosa, quindi non accetterà che gli venga suggerito che il suo comportamento è contraddittorio perché ciò implica l’accusa che vi è una colpa connessa. Il Superiore sa che distorcere, girare, spostare e alterare permette alle risposte emotive di uscire e di venire amplificate. Sa che ciò che fa è considerato contraddittorio, ma non lo accetterà. Deve mostrare controllo e superiorità in ogni momento, altrimenti si troverà dannato. Si diverte a passare da una posizione all’altra, nel giro di pochi istanti, e poi a vedere se osi fargli notare questo cambiamento di posizione. Se lo fai, lui negherà e devierà per frustrarti, per turbarti e per metterti in allarme.

L’uso di voltafaccia fa anche parte del processo di gaslighting. Un metodo insidioso ed efficace per controllarti, minando il tuo punto di vista e costringendoti sempre ad arretrare fino a che alla fine non conoscerai nient’altro che la nostra verità deformata, dal momento che la tua è stata dissipata da qualche tempo. Rendendoti estraneo alla tua stessa ragione è la prova sia del nostro potere che del nostro comportamento abusante. Quindi l’uso del comportamento contraddittorio, il voltafaccia, è prevalente quando iniziamo la svalutazione. Eccone cinque che potresti conoscere bene.

1. La gioia se n’è andata

Una volta mostravamo un tale entusiasmo per la cucina indiana e spesso cercavamo di trovare il ristorante di apertura più recente e più interessante per noi per andarci insieme noi due. Potrebbe essere stata la gioia zelante che abbiamo manifestato alla prospettiva di andare a fare una passeggiata in collina con te, o di discutere dell’ultima rappresentazione al teatro locale. Amavi il modo in cui ci rapportavamo a questi interessi condivisi. Ovviamente era tutto speculare. Amiamo ciò che tu ami. Ora non c’è più bisogno di far così. Ci interessa poco la cucina indiana, ma dal momento che tu l’amavi così tanto, abbiamo deciso di farlo anche noi. Passeggiare per la collina è noioso. L’unica cosa che ci piaceva era essere in cima al mondo. Per quanto riguarda il teatro, se dovessimo star seduti con un’altra oscura rappresentazione, esploderemo. Comunque valeva la pena farti pensare che amavamo tutte quelle cose perché ci rendeva più facile legarti a noi. Continuate a elencare tutte le cose che pensate di avere in comune e io ridurrò quella lista a zero.

2. I Complimenti Finiscono

Ti ho legato a me come rifornimento di carburante positivo e hai funzionato bene, così di conseguenza ti sei guadagnato quei complimenti. Ora non c’è bisogno di farteli. Oh, sono consapevole che tu sembri ancora migliore di quello che hai fatto quando ci siamo incontrati per la prima volta, che stai cercando disperatamente di stuzzicarmi coi complimenti per cercare di scongiurare quella fastidiosa paura di perdermi, ma non serve. So che stai cercando di fare del tuo meglio per compiacermi, accontentarmi in ciò che voglio ma ora tutto quello che vedo è qualcuno che mi irrita. Vedi, se ti avessi amato come un individuo sano, ora non mi sentirei così, ma poiché non l’ho mai fatto, non c’è nulla che impedisca il sentimento di disprezzo e di fastidio che mi sommerge ogni volta che ti vedo. Ma dove sono i complimenti? Ora se li gode qualcun altro.

3. Una realizzazione improvvisa

Sai una cosa, io amo la mia ex. È così. Mi hai fatto capire questo. Pensavo di non sapere cosa fosse l’amore fino a quando ti ho incontrato (ricordo vagamente di aver detto qualcosa di simile a te qualche tempo fa) ma a pensarci bene, ho sempre saputo ed è la mia ex che amo. Non tu. Grazie per la distrazione mentre lavoravo. Che cosa? Avevo detto che era offensiva e psicopatica? No, non l’ho fatto. Ecco, mi hai appena dimostrato la ragione per cui non posso amare una come te. Addio.

4. Ma tu pensavi che lo odiassi

Perché sono andato a quel concerto di musica classica quando ti avevo detto che non sopportavo la musica classica. Non ricordo di averlo detto. Smetti di provare a dirmi cosa mi piace e cosa non mi piace. Sei così dispotica. Mi è sempre piaciuto leggere libri, da dove diavolo ti è venuta l’idea che non era così. Sì, mi piacciono molto le fragole, sono deliziose e adoro mangiarle, non ti ho mai detto che ne ero allergico. Smetti di inventare cose. Hai bisogno di aiuto. Continui a distorcere le cose e questo non mi piace. Ecco. Questa è una cosa che odio. Quello che fai tu.

5. Le lamentele improvvise

Dobbiamo davvero andare dai tuoi genitori questo fine settimana? Quindi che importanza ha se non mi sono mai lamentato prima? Non importa. Lo sto facendo ora perché voglio isolarti da loro. Sospetto che a loro non piaccio e non ho intenzione di lasciare che ti mettano delle idee in testa, per questo sono entrati nella lista nera e ora mi lamenterò del fatto di vederli per seminare zizzania tra te e loro. Più sei isolato e meglio è. Inizierò a lamentarmi regolarmente per impedirti di fare le cose e per farti arrabbiare. Questo è il modo in cui agisco ora. Non ti azzardare a lamentartene.

H.G. TUDOR

The Narcissist and U-Turns

📰 LOGICA TOSSICA

2019-11-08 (2).png

La confusione è il cuore della dinamica narcisistica. Il disorientamento fa sì che accadano molte cose. Fornisci carburante molto più prontamente, ti sottometti al nostro controllo, sei più facile da manipolare, colpevolizzi te stesso, ti aggrappi più strettamente e non volti pagina. Lo stato confusionale regna durante la svalutazione, la confusione abbonda dopo la fuga e soprattutto dopo lo scarto. La confusione continua ad apparire durante i recuperi che inevitabilmente si presentano. La creazione del caos è un dovere per noi se intendiamo mantenere la nostra presa su di te e ottenere i nostri fini. Quante volte hai detto una delle seguenti frasi?

Perché fa così?

Non capisco perché un momento è gentile e quello dopo è una Banshee ululante

Perché si arrabbia per nulla?

Perché non mi lascia in pace?

Non riesco a capire cosa non va.

Qual è il problema? Cosa ho fatto di sbagliato?

Perché non mi dici qual è il problema?

E questo per cos’era?

Perché hai detto così?

Perché lo stai facendo?

Queste sono comuni risposte delle vittime che non capiscono cosa sta accadendo loro. Questo perché ognuna di loro sta guardando la situazione attraverso il proprio punto di vista e di conseguenza sta applicando la propria logica alla situazione.
Lo stanno anche facendo in maniera distorta perché quella logica è pesantemente contaminata dalle emozioni che pregiudicano la lucidità di pensiero. Non che la nostra tipologia si lamenti di questo.

Una delle assi centrali per comprendere la dinamica narcisistica è capire la nostra Logica Tossica. Viene chiamata così perché l’effetto dell’applicazione della nostra logica è che ha un effetto intossicante su di te. Una volta che capisci questa logica tossica, farai notevoli progressi nel comprendere perché ci comportiamo nel modo in cui ci comportiamo, perché diciamo le cose che diciamo, perché reagiamo nel modo in cui reagiamo e perché ti influenza in una tale maniera. Non ti piacerà questa logica tossica. La troverai ripugnante ma non è necessario che ti piaccia. Ciò che devi fare è applicarla.

Quando osservi una situazione adottando la tua visione del mondo è simile a fissare nell’oscurità della notte guardando dentro una foresta. Potresti essere in grado di vedere gli alberi per via della luce lunare; vedi molte ombre ma non riesci a distinguere l’uomo che sta lì in agguato puntando una pistola verso di te. Indossa occhiali a visione notturna in questa situazione e all’improvviso potrai vedere molto di più dato che afferrano le sezioni infrarosse dello spettro luminoso e puoi vedere nitidamente l’assassino. Applicare la logica tossica è l’equivalente del passaggio alla visione notturna. Noterai cose che sono state lì fin dall’inizio. Capirai perché abbiamo reagito in un certo modo cosa che precedentemente era un completo mistero per te.

Prendiamo l’esempio del tavolo durante una cena. Hai organizzato una cena. Servi prima i quattro ospiti, metti un piatto per te e poi servi per ultimo il tuo narcisista. Lui butta il piatto sul pavimento spargendo il cibo e rompendo il piatto. I tuoi ospiti sussultano. Lui ti guarda fisso, in cagnesco e tu lo osservi scioccata e confusa mentre se va infuriato dalla sala da pranzo. Per quale ragione al mondo ha appena fatto così? Quindici minuti dopo ritorna, si siede e conversa con te e gli ospiti come se nulla fosse accaduto. Come può farlo dopo una tale manifestazione?

Esaminandolo secondo la tua visione del mondo, hai servito prima i quattro ospiti perché è educazione. Poi hai servito te stessa perché il tuo posto a sedere era più vicino al cibo quindi era funzionale. Hai servito il narcisista per ultimo perché era più lontano e inoltre hai dato di più a lui rispetto agli altri dato che non dovevi risparmiare cibo per nessuno, dato che tutti erano stati serviti. La serata sarebbe proseguita in uno stile amichevole e piacevole mentre tutti si divertivano. Dal tuo punto di vista, non c’è alcuna ragione per questo improvvisa manifestazione di collera.

Lui ritorna senza chiedere scusa o essere imbarazzato per il suo atteggiamento e prosegue come se fosse appena stato in bagno o avesse risposto al campanello. È gentile e affascinante sia con te che con gli ospiti. Ancora dal tuo punto di vista, rimani disorientata da questo comportamento. Per quale ragione al mondo si comporta così?

Ora applica la logica tossica e la ragione è perfettamente chiara. Servendo il narcisista per ultimo gli hai trasmesso tramite questa azione, che non era accompagnata da carburante, che lui non era importante. Questa era una critica. Questo lo ha ferito. La sua risposta di auto-difesa a questa ferita era l’innesco della sua furia. Non poteva tenerla sotto controllo per via del tipo di narcisista che è. La furia quindi si è manifestata come rabbia bollente. Ha rovesciato il piatto sul pavimento versando il cibo e rompendo il piatto. Questo ha causato un dramma e aveva tutti gli occhi su di lui. Gli ospiti sono stati presi alla sprovvista e sono sussultati per la sorpresa e lo shock fornendogli attenzione emotiva, quindi carburante. Anche la tua reazione sbalordita gli ha fornito carburante. Poi è andato via, attirando ulteriori reazioni emozionali da tutti gli astanti e in un’altra stanza è stato in grado di attingere Carburante di Pensiero immaginando le reazioni in atto per la sua esplosione. Tutto questo carburante va a riparare la ferita narcisistica che ha sofferto. La sua furia sarà acquietata e ad un certo punto ritornerà come se nulla fosse successo.

Effettivamente, torna, la collera acquietata ed è capace di tornare normale senza mostrare alcun segno di preoccupazione essendo affascinante e gentile, quindi attingendo carburante positivo da tutti quelli con cui interagisce. Per educazione, nessuno menziona l’incidente, senza dubbio temendo che lo spettacolo si ripeta.

Questo è solo un esempio tra milioni del fatto che le persone normali sane e le persone empatiche sane semplicemente non possono capire. Interiormente, quelli che hanno assistito all’incidente possono essere ansiosi, confusi, contenti che sia finita, chiedersi cosa lo ha causato, attenti al fatto che accada nuovamente e una moltitudine di altri pensieri. Nessuno di loro capisce davvero perché è accaduto. È solo l’applicazione della logica tossica che ti permette di comprenderlo.

Quindi, cos’è questa logica tossica? Dovrò fare un esempio dei principi fondamentali dietro ad essa. Mentre leggi questi principi so che penserai cose come

Ma è da pazzi

Questo è ridicolo

Perché vivere in questo modo?

Lui o lei non vedono quanto è assurdo?

Ricorda, ti appare in questo modo perché tu stai applicando a questi principi la tua visione del mondo. Al fine di comprendere e applicare la logica tossica devi lasciare andare la tua logica – per il momento- e accettare semplicemente che questi sono i principi in base a cui operiamo. Come ho menzionato prima, è irrilevante che ti piaccia o che tu sia d’accordo con essi. Non dovresti sentire alcun bisogno di sfidarli. Dovresti solamente accettare che questa è la via che è così e una volta che hai fatto questo, afferrerai perché siamo come siamo. Questi sono i principi della nostra logica tossica:

1. Il carburante rappresenta tutto per noi. Governa tutto ciò che facciamo, che sia per istinto o per calcolo.
2. Niente è mai colpa nostra. Assolutamente nulla.
3. Ci sentiamo in diritto di fare ciò che vogliamo, quando vogliamo, dove vogliamo, come vogliamo e con chi scegliamo.
4. Tu sei la concorrenza.
5. Tutti sono dispositivi che producono carburante.
6. Se fai ciò che vogliamo, sei buono.
7. Se non fai ciò che vogliamo, sei cattivo.
8. Non c’è nessuna via di mezzo, nessuna zona grigia, nessun tra questo e quello.
9. Il fine giustifica sempre i mezzi.
10. Non abbiamo alcun concetto di rimorso, colpa o coscienza.
11. Il mondo è contro di noi.
12. Tutto ciò che ostacola, si oppone, sfida o mette in discussione la nostra superiorità è una critica. Se viene fatto senza fornire carburante
13. Odiamo le critiche
14. Le critiche ci feriscono e accendono la nostra furia.
15. Dobbiamo controllare il nostro ambiente. Il controllo è essenziale per noi.
16. Non riconosciamo i confini.
17. Non abbiamo empatia
18. Simuliamo e imitiamo per fingere di avere certe emozioni e sentimenti.
19. Mentiamo continuamente.
20. Il carburante ̬ tutto per noi Рvale la pena ripeterlo.

Questa logica è tossica perché ha come risultato che tu vieni manipolato. Noi abusiamo delle persone, usiamo la gente, la calpestiamo e lo facciamo senza alcuna preoccupazione per il benessere di queste persone. Tu considererai un tale comportamento e prospettiva come odiosi e deprecabili e detto da una persona empatica è totalmente comprensibile.

Applichiamo la logica tossica ad un altro scenario.

Tu mandi un messaggio al tuo narcisista chiedendo quando tornerà a casa. Non ricevi risposta. Mandi un altro messaggio. Nessuna risposta. Chiami. Ora risponderà. Il tuo narcisista alla fine compare alle 2 di mattina mentre tu sei stesa a letto ancora sveglia. Non si scusa, nessuna spiegazione e non ti dice nulla ma sale sul letto e cade addormentato. Vieni lasciata preoccupata, confusa e arrabbiata.

Dal tuo punto di vista non riesci a capire perché non ha risposto ad un messaggio perfettamente ragionevole. Non riesci a comprendere perché non ti ha detto che avrebbe fatto tardi. Non sai di alcuna ragione per cui sarebbe rimasto fuori così a lungo senza avvisarti. Lo trovi offensivo e irritante e sei confusa perché si suppone che ti ami e se qualcuno ama qualcun altro allora non si comporta in questo modo. Ho sentito molte volte questi commenti.

Ora applica la logica tossica.

Il narcisista si sente in diritto di fare come gli piace. Quindi se vuole stare fuori lui può.

Il narcisista non ha mai colpa. Quindi, non sente il bisogno di avvisarti che farà tardi, di scusarsi per essere tornato tardi o offrire qualsiasi spiegazione.

Tu hai mandato il messaggio per desiderando di esercitare controllo su di lui. Tu sei l’avversario. Questo è un comportamento proibito.

Il messaggio non era accompagnato dal carburante. L’insinuazione che lui fosse in obbligo verso di te, equivale a una percezione di critica da parte del narcisista. Si è sentito ferito. Alcuni narcisisti possono controllare l’ira che si innesca e avrebbero potuto rispondere. Questo narcisista non potrebbe. La sua risposta è stata di rabbia gelida tramite un trattamento del silenzio. Da qui la mancata replica e risposta al telefono.

Lui ha ottenuto Carburante di Pensiero sapendo che saresti stata coinvolta e preoccupata per la sua mancanza di risposta e il fatto che stesse fuori fino a tardi. Questo avrebbe guarito la ferita e acquietato l’ira innescata.

Era giustificato nel trattarti in questo modo perché tutto gli è dovuto e il fine giustifica sempre i mezzi. Inoltre, il carburante è tutto.

Quindi, se vista dalla prospettiva narcisistica, applicando la logica tossica tutto acquista perfettamente senso per lui, ma guardando dalla tua prospettiva non lo farà. La logica tossica ti spiegherà ripetutamente perché scoppiamo bruscamente, diventiamo silenziosi, improvvisamente applichiamo di nuovo il periodo d’oro, perché poi andiamo avanti normalmente, perché non ci scusiamo mai o se lo facciamo sono scuse false e così via. Tutto riguardo a ciò che diciamo e facciamo, come ci comportiamo e reagiamo appare privo di senso, confuso e misterioso se visto dalla tua prospettiva. Questo implica che ci dai carburante, metti più impegno nel compiacerci, ti sottometti alle nostre manipolazioni e rimani nella nostra morsa. Implica anche che i tuoi tratti empatici del bisogno di capire, volere la verità, essere buoni e onesti e di cercare di aiutare vengano soddisfatti. In questo modo, inconsciamente, stai ottenendo qualcosa di cui hai bisogno, anche se ti sconvolge, ti fa arrabbiare o ti da frustrazione. Il nostro comportamento, mancando di ogni logica nel tuo mondo, ti mantiene dove ti vogliamo e soddisfa anche le tue necessità empatiche facendo sì che tu rimanga in essere.

Ogni volta che accade qualcosa che ti rende perplesso, subirai le conseguenze della nostra logica tossica. Sei ferito, sconvolto, confuso, ansioso e così via. Se, d’altra parte, tu applichi la nostra logica tossica a ciò che è accaduto troverai la soluzione del perché è successo. Non è sempre facile da fare. Risolvere la questione richiede tempo. Serve disciplina e una continua applicazione in una modalità che ti è estranea. Non ti piacerà. Non l’approverai, ma comprenderai. Una volta che inizi a capire, ottieni il controllo. Una volta che inizi a comprendere, gli effetti intossicanti dell’essere confuso, disorientato e perso sono ridotti. Una volta che capisci, puoi iniziare a stabilire un modo per gestire l’applicazione di questa logica tossica così che gli effetti diventino minori e meno efficaci. Stai quindi intraprendendo il tuo primo passo verso la libertà.

H.G. TUDOR

Toxic Logic

📰 ASCOLTIAMO MAI?

191104A Do We Ever Listen.png

Potresti non pensarlo ma noi ti ascoltiamo davvero. Ammetto che può sembrare strano perché tu pensi che il nostro modo di comportarci implichi che non sia possibile che ti ascoltiamo. Non prendiamo atto di ciò che dici perché continuiamo a fare le stesse cose che facevamo prima. Continuiamo a ripetere un commento come se non avessimo mai sentito la tua risposta la prima volta. Ci ricordi l’ora in cui ci incontreremo e arriviamo tardi o non lo facciamo affatto. Potresti venire perdonato per aver pensato che siamo pessimi ascoltatori. La realtà è che siamo ottimi ascoltatori. La verità è che scegliamo di ascoltare in modo diverso.

Quando ci urli in faccia, avanzando la tua argomentazione in modo energico risponderemo a quello che stai dicendo, di solito con diniego e deflessione. Non siamo interessati a ciò che stai dicendo, siamo preoccupati di ascoltare i tuoi sentimenti. Vogliamo sentire la rabbia strozzata e ribollente che si manifesta nelle tue parole, perché in questo modo sappiamo (oltre a vedere il tuo viso contorto e arrossato) che hai reagito alla nostra provocazione e di conseguenza ci stai fornendo carburante. Se ti stai lanciando su di noi insulti, chiamandoci di tutti i nomi e rimproverando il nostro gusto di vestirci, il peso e l’intelligenza, non veniamo feriti da queste critiche perché il fatto che stai sputando veleno, urlando di rabbia o urlando di gioia mentre ci insulti significa che stai fornendo emozione che equivale al carburante. I nomi aspri si dissipano semplicemente perché non li sentiamo. Stiamo sentendo l’emozione di ciò che viene detto, questo è ciò che conta. Puoi studiare l’insulto più originale che il mondo abbia mai conosciuto, ma se ce lo lanci contro con emozione, tutto ciò che sentiamo è la tua reazione emotiva. Ti sei mai chiesto perché stiamo sorridendo quando litighi con noi? È perché ci stai dando quello che vogliamo: carburante. Oh, e anche perché sappiamo che sorriderti ti farà infuriare ancora di più.

Ti ascoltiamo con notevole attenzione durante le fasi iniziali della seduzione. Facciamo in modo che ogni pezzetto di informazioni, ogni frammento di conoscenza che ci aiuterà a sedurti e legarti strettamente a noi venga udito e assorbito, archiviato pronto per l’uso al momento opportuno. Ogni volta che ci riveli un nuovo ristorante che hai trovato o un nuovo spettacolo che è appena cominciato e che ti piace, ne prendiamo nota. Quando ci parli dei tuoi amici, ascoltiamo in attesa di portarli anche sotto il nostro incantesimo. Quando ascoltiamo in questa circostanza pensi che siamo attenti e interessati a te. In effetti, lo siamo e la tua reazione a questo è di lodarci, fornendoci in questo modo carburante, e di sentirti attratto da noi, legandovi in tal modo a noi. Il nostro interesse tuttavia non è quello che normalmente percepireste, perché è avvalorato dall’uso che possiamo fare di ciò che ci dici, al fine di proseguire col nostro programma.

Ti ascoltiamo anche per capire come i nostri comportamenti ti influenzano. Ascoltiamo la lode e la gioia che zampillano da te e notiamo ciò che abbiamo fatto che ha causato questo. Quando ti sottoponiamo alla svalutazione, assorbiamo il carburante che rovesci verso di noi, ma ascoltiamo anche come ti sta influenzando. Ci parli di come fa male, di come non riesci a dormire, di come ti senti ansioso, di come ti senti male, di quanto sei spaventato, di come non capisci. Non ci importa come ti senti ma più di tutto siamo interessati a te che ce lo dici. Questo costituisce il feedback basato sulle nostre varie manipolazioni. Mentre raccogliamo il carburante dalla tua supplica piena di lacrime, ci rendiamo anche conto di come ciò che abbiamo detto ha avuto un effetto su di te. Ti ascoltiamo mentre ci spieghi come ti senti perché non lo sentiamo da soli. Abbiamo bisogno di imparare da te in questo senso. Abbiamo bisogno di imparare così possiamo imitare è quando insorge la necessità. Dobbiamo imparare che se qualcuno avverte un senso di perdita, allora piangerà. Di conseguenza, se prevediamo di perderti, una reazione appropriata sarebbe piangere. Abbiamo imparato da ciò che ci hai mostrato e da ciò che ci hai detto. Vedi, ti ho detto che prestiamo attenzione a te. Ti ascoltiamo anche così sappiamo esattamente quanto è stata efficace la nostra manipolazione. È quello che ci stai dicendo che indica un grado di dolore e tristezza trascurabile o è più consistente? Non lo sappiamo da soli perché noi non proviamo tristezza. Quell’emozione ridondante ci è stata strappata o non ha mai permesso di svilupparsi fin dall’inizio. Di conseguenza, per capire cosa rende triste qualcuno, un po’ triste o tremendamente triste, dobbiamo osservare le tue reazioni e ascoltare quello che stai dicendo. Non stiamo ad ascoltare perché siamo preoccupati e perché vogliamo trovare una soluzione al tuo stato di tristezza. Non ci serve assolutamente a niente. Quello che stiamo facendo è ascoltare i particolari della tua infelicità in modo da poterla replicare. Possiamo riprodurre sia il fatto di fingere di sentirci infelici quando capita l’occasione adatta e anche replicarlo per rendere qualcuno infelice ai fini del controllo e della raccolta di carburante.

È attraverso l’ascolto che noi perfezioniamo le nostre capacità manipolative. È attraverso l’ascolto che impariamo tutto su di te, cosa ti piace e cosa non ti piace, quali sono le tue speranze e quali sono le tue vulnerabilità che possiamo sfruttare. Attraverso l’ascolto capiamo come ti senti così possiamo imitarlo. È attraverso l’ascolto che siamo in grado di comprendere come sei influenzato da ciò che facciamo. Sì, passiamo molto tempo a parlare, a dire al mondo di quanto siamo splendidi, e questo naturalmente è vero, ma saresti sorpreso semplicemente per quanto ascoltiamo. Solo perché potremmo non stare ascoltando basandoci su ciò che tu ritieni essere importante non significa che non stiamo ascoltando affatto. Lungi da ciò.

Di conseguenza, la prossima volta che ci implorerai di ascoltarti per una volta o che ci supplicherai di “ascoltare ciò che sto dicendo”, scoprirai che lo stiamo facendo e arriverai a rimpiangerlo.

H.G. TUDOR

Do We Ever Listen?

📰 I NARCISISTI SANNO COSA STANNO FACENDO? – IL MEDIO RANGO

190827G Do Narcissists Know What They Are Doing The Mid Ranger.png

Precedentemente mi sono occupato di precisare se il Narcisista Inferiore sapeva cosa stava facendo e perché, ma ora esaminiamo il Narcisista di Medio Rango. Si può ben accettare che l’Inferiore, da caprone non raffinato e aggressivo, che lui o lei è, semplicemente passa attraverso la vita incosciente del danno che causa, ma sicuramente il più intellettualmente benedetto narcisista di Medio Rango è ben consapevole di ciò che sta facendo? Complotta e pianifica, vero? Sa esattamente come manipolare e riflettere, e architetta in anticipo per ottenere il risultato giusto per lui?

No.

Il Narcisista di Medio Rango (Medio Minore, Medio Centrale e Medio Maggiore) ha un livello maggiore di funzione cognitiva rispetto all’Inferiore. Il Medio Rango esibisce anche una (finta) empatia cognitiva, sapendo abbastanza di come ci si aspetta che lui o lei si comporti per adattarsi, ingannare e quindi intrappolare. Tuttavia, nonostante questa aumentata funzione cognitiva – e il Narcisista di Medio Rango Maggiore può essere molto intelligente – è l’istinto che governa ancora una volta i comportamenti e la risposta del narcisista.

Il Medio Rango non si siede in un vulcano vuoto come un cattivo di Bond che si frega le mani insieme e complotta. Lui o lei non pensa a tutti i modi in cui poter rovinare la vita dell’empatico nelle prossime settimane. Il suo narcisismo opera in modo, come sempre, simile a un meccanismo di autodifesa per consentire al Medio Rango di funzionare ed essere efficace – perché non ha sviluppato altri meccanismi di reazione che hanno i non narcisisti quando percorrono il sentiero della vita. La funzione di questo è istintiva.

Il Medio Rango pensa che si siederà e metterà il broncio in modo da poter affermare il controllo sulla sua paziente consorte e guadagnare carburante mentre lei lo supplica di parlarle? No. Egli sta istintivamente in silenzio perché questa è la risposta ottimale in conseguenza del fatto che è stato ferito. Il suo narcisismo agisce in modo da fargli emettere un trattamento del silenzio. Questo ovviamente attira carburante e afferma la sua superiorità percepita rispetto al relativo apparecchio, ma lui non decide di somministrare un trattamento del silenzio, lo fa e basta. Sa che non le sta parlando.

La Narcisista Medio Rango decide che farà un gioco di pietà coi suoi colleghi sul modo in cui ha ottenuto la promozione, diffamando il capo e guadagnando simpatia per chi ascolta? No, è la sua risposta manipolativa per essere stata ferita e non aver guadagnato la promozione.

Il Medio Rango riconosce che la sua freddezza ti ha turbato? Sì. Vede le tue lacrime, sente il dolore nella tua voce e la tua espressione afflitta. Ciò gli fornisce carburante (anche se non lo riconosce come tale) e sente il potere che deriva dalla fornitura di tale carburante. Questa reazione al flusso di potere potrebbe essere quella di sorridere o farti un ghigno. Potresti quindi pensare: “Lui sa quello che sta facendo”. No, sa che la sua azione ti fa male, ma non si sente in colpa, non ha rimorsi, non si turba a comportarsi in questo modo perché, dal punto di vista narcisistico, è completamente giustificato.

Per capire meglio, immagina che vi sia un Narcisista di Medio Rango e una vittima. Marito e moglie. Entrambi sono stati al lavoro durante il giorno. Il narcisista ha chiamato sua moglie due volte durante il pomeriggio, ma lei non ha risposto: questo lo ha ferito. Inoltre lei ha mancato di richiamarlo. Viene ferito di nuovo. Sua moglie, essendo la Risorsa Primaria Intima, è dipinta di nero come conseguenza del suo pensiero suddiviso. Così, dal suo punto di vista narcisistico, tutto ciò che lei dice e fa sarà visto attraverso una “lente nera” finché non sarà di nuovo dipinta di bianco. Una persona normale e sana dovrebbe capire che la sua mancanza nel rispondere e richiamare significa che è impegnata, forse in una riunione. Il narcisista, governato dalla paranoia e dalla schiacciante necessità di controllo è ferito. Questa persona non sta facendo ciò che vuole, il suo senso del diritto (che lei dovrebbe essere disponibile) è intaccato. Si sente come se stesse perdendo il controllo. Inizia a sentirsi impotente e gli viene in mente il tempo in cui veniva fatto regolarmente sentire in quel modo. Questa situazione deve essere affrontata – deve affermare la sua superiorità e la sua visione annerita della consorte gli consentirà di farlo.

Sua moglie arriva a casa per prima. Il marito entra dalla porta e lei lo saluta con

“Ciao tesoro, cosa hai fatto?”

Una domanda innocua e piacevole, che si informava premurosa sulla giornata del marito.

Il marito non la considera in questo modo. Il suo narcisismo pretende che lui affermi il controllo e che lei venga punita per la sua trasgressione. Lui non pensa

“Non ha risposto alla mia chiamata, devo punirla. Non mi ha richiamato, devo affermare il controllo.”

Questi bisogni di controllo e punizione sono automatici e istintivi. La sua domanda è vista come indiscreta, dispotica e non necessaria.

“Cosa bisogna fare con te?” Le scatta contro. La sua visione dipinta di nero di lei implica che la sua risposta è provocatoria e spiacevole. Sua moglie viene colta alla sprovvista, la sua espressione diventa di dolore e il narcisista riceve carburante da questo.

“Scusa? Cosa c’è che non va? Perché sei così?” Chiede in tono ferito.

Queste domande sono carburante di sfida. L’emozione di lei gli dà energia, ma poiché lei gli sta facendo domande, lo sta sfidando e quindi (dal punto di vista del narcisista) continua a rifiutare il controllo e a ribellarsi a lui.

Il Medio Rango non pensa

“Ah bene, è arrabbiata e confusa. So che lascerò andare.” Invece, la sua risposta istintiva, che è automatica e rapida al fine di preservarlo come dovrebbe fare il suo meccanismo di autodifesa, gli fa rispondere

“Non c’è niente di sbagliato in me. Sei tu, sempre ficcanaso, a farmi domande, a cercare di controllarmi.”

La moglie è di nuovo colta alla sprovvista. Sa che non sta controllando (anche se poi ovviamente può iniziare a dubitare di ciò) ma è confusa. La sua confusione è benvenuta, la rende più facile da controllare. Le sue risposte continuano ad alimentare il narcisista. Il Medio Rango però non sta considerando quello che dirà dopo per continuare a confonderla, non sta valutando come guadagnare più carburante da lei, non sta valutando come affermare il suo controllo su di lei, tutto accade come una questione di istinto. Sa che lei è sconvolta, ma è colpa sua perché il narcisismo fa sì che sia colpa di chiunque, tranne che del narcisista. Sa che i suoi commenti la turbano, ma sono necessari perché lei è l’aggressore.

Una terza persona che assiste a questa scena direbbe che il narcisista ha risposto in modo sgradevole all’inizio e quindi è lui il problema.

Il narcisista non vede questo e non lo può vedere. Pensa di essere lui la vittima. Pensa che la sua consorte sia il problema perché non ha risposto alla sua chiamata e non lo ha richiamato. Il suo narcisismo gli fa pensare che lei sia dispotica e quindi REAGISCE al suo comportamento violento; di conseguenza non è lui l’istigatore. Questo è il motivo per cui, insieme a una mancanza di rimorso e senso di colpa, il Narcisista di Medio Rango non vede nulla di sbagliato in ciò che sta facendo, perché tutto ciò che fa è rispondere al comportamento irragionevole di un altra persona e quindi lui è nel giusto.

Questa maggiore consapevolezza cognitiva del Medio Rango dà origine anche alla facciata. Un Inferiore avrebbe una relazione e non si curerebbe di chi lo sa – il coniuge cornuto è in colpa qualunque sia la ragione e chiunque osi dire qualcosa di negativo sulla sua infedeltà è un idiota. Il Narcisista di Medio Rango sa che la società considera l’infedeltà come una cosa negativa. Lui non lo fa e inoltre il suo narcisismo gli darà molte ragioni per cui dovrebbe commetterlo. Tuttavia, poiché ha abbastanza consapevolezza cognitiva per riconoscere che questo viene disapprovato, nasconderà iol tradimento (a meno che non vi sia una prioritaria ragione vantaggiosa per non farlo) il che dà l’impressione che si senta in colpa per il suo comportamento. Non è così, lui non vuole che la sua facciata venga danneggiata, non vuole che la seccatura della stabile vita domestica (con il suo carburante e i suoi residui benefici) venga danneggiata. Ma, di nuovo, lui non pensa in questi termini, sa solo che la gente si accanirà contro di lui per aver tradito sua moglie, quindi lo tiene nascosto.

Può sembrare che il Narcisista di Medio Rango si senta davvero in colpa per il suo comportamento. Che è sinceramente dispiaciuto e che farà ammenda. Niente affatto. Ancora una volta, apprende abbastanza dall’osservazione istintiva che non parlare con qualcuno per una settimana fa male e viene considerato come una “brutta cosa”, e si spingerà fino al punto di ammettere che MA ci sarà sempre una ragione o una scusa. Dirà

“So che ti fa male quando non ti parlo per una settimana, MA se non mi avessi tormentato, non avrei bisogno di una pausa.”

Istintivamente sposta la colpa durante questi momenti di apparente contrizione.

Alcuni Medio Rango Centrali e Medio Rango Superiori possono pianificare di ovviare ai torti percepiti che hanno subito, ma questa rimane una risposta istintiva. Non pensa: “So che è sbagliato quello che sto progettando, ma che diavolo, lo farò comunque.” Sa che la gente potrebbe considerarlo sbagliato, ma sa di essere giustificato perché è stato offeso, ferito, in qualche modo gli è stato fatto un torto – cioè ferito o sfidato – e quindi la sua azione è giustificata e necessaria.

Quando il Medio Rango mente, non sa che sta mentendo. La bugia è la sua verità perché il suo narcisismo fa sì che la sia – il suo narcisismo devierà la colpa, attribuirà la colpa a te, revisionerà la storia, negherà e così via – fa tutto parte delle risposte istintive che sono assolutamente necessarie affinché il narcisista riacquisti e mantenga il controllo ed è il risultato de Le Doppie Linee di Difesa del Narcisista.

Quando il Medio Rango mette in atto il gaslighting, non sa che lo sta facendo. Può essere in contraddizione con ciò che ha detto cinque minuti prima ma il suo narcisismo lo rende cieco riguardo a questo, deve farlo, così il meccanismo di difesa rimane intatto ed efficace, e quindi crede sinceramente che quello che sta dicendo è giusto e oltretutto tu sei in torto, perciò sei tu il problema.

Questo è il motivo per cui i Narcisisti di Medio Rango credono di essere brave persone, addirittura persone empatiche e che l’altra persona (la vera vittima) sia il problema. Questo è il motivo per cui la vera vittima viene etichettata come abusatore, tormentatore e persino narcisista e il Narcisista di Medio Rango crede davvero che sia così. Non pensa “So che sono il problema e non è lei, ma ho intenzione di incasinarle la testa” – crede davvero che la vittima sia la fonte del problema perché in questo modo le sue reazioni e azioni hanno assoluta convinzione, hanno la migliore possibilità di un esito positivo (vale a dire carburante e controllo) e quindi la manipolazione va avanti all’infinito senza alcuna prospettiva di cambiamento.

H.G. TUDOR

Do Narcissists Know What They Are Doing? The Mid Ranger

📑 FARE I CONTI CON LA PROVA

DEALING-WITH-THE-PROOF.png

Prove. L’individuo empatico ha certi tratti che implicano che raccogliere prove e esibire quelle prove al narcisista e ad altre persone è molto importante. Una persona empatica è onesta, rispettosa, crede nella verità e deve averla in tasca. Questo non deriva da un senso di appagamento o dal mostrare quanto sia intelligente e virtuosa la persona empatica. L’empatico opera in questo modo perché:

1. Vuole che la verità sia conosciuta da terze persone;
2. Vuole dimostrare di essere corretto;
3. Vuole preservare la propria autostima mostrando la verità della situazione;
4. Vuole mostrare ad altre persone che il narcisista è in torto;
5. Vuol dimostrare al narcisista che ciò che il narcisista ha fatto o detto è sbagliato. Questo è spesso fatto per cercare di aiutare il narcisista, per guarire e per risolvere, piuttosto che per attivarsi al fine di attribuirsi un punteggio;
6. Viene fatto per preservare la sua salute mentale di fronte alla falsa realtà e alle relative manipolazioni che sono messe in atto dalla nostra specie.

Spesso una persona empatica impiega una notevole quantità di tempo per rendersi conto che spiegare semplicemente ciò che è accaduto alla nostra specie non la porta assolutamente da nessuna parte. Potresti sapere esattamente cosa è successo ma se il tuo ricordo degli eventi, non importa quanto accurato, non corrisponde a ciò che richiediamo, ci sfida, ci impedisce di raggiungere i nostri obiettivi o, peggio di tutto, costituisce una critica, faremo di tutto per distorcere la tua verità.

Uso la frase ‘la tua verità’ perché è sempre importante tenere presente che in ogni situazione c’è la Prospettiva Empatica e c’è la Prospettiva Narcisistica. Ad esempio, tu servi cibo per tutti e inizi con la persona più vicina a te e va a finire che il nostro tipo viene servito per ultimo. Dal punto di vista empatico, consideri questa azione la più pratica e la più educata. Dalla Prospettiva Narcisistica, la consideriamo come una critica; avremmo dovuto essere serviti per primi. Questa critica ci porta a essere feriti, ciò provoca l’accensione della nostra furia e potremmo uscire dalla sala da pranzo in preda a furia fredda o lanciare il piatto contro il muro come manifestazione di furia accesa, azioni che si verificano entrambe allo scopo di attingere carburante per guarire la ferita che è stata creata dalla tua critica nei nostri confronti.

Quindi, hai lo stesso evento ma due prospettive diverse. Se provassi a spiegarci che avevi servito le persone davanti a noi per praticità, tutto ciò che faresti sarebbe ripeterci la critica e accendere ancora una volta la furia. Avremo riguardo solo per la nostra prospettiva e nella conversazione che seguiremo ci impegneremmo in deflessione, proiezione, biasimo, insalate di parole e altre manipolazioni per respingere ciò che stai affermando. Dal tuo punto di vista sembra una cosa innocua, una reazione eccessiva da parte nostra, ma dal nostro punto di vista la nostra reazione è completamente giustificata.

Che dire di una situazione in cui sospetti che ti stiamo tradendo con qualcun altra? Supponiamo che tu ci abbia seguito e ci abbia visto far salire in macchina un’altra donna che abbiamo abbracciato e poi ci siamo diretti verso qualche luogo appartato, un hotel o un altro luogo a scopo di tresca. Non ti confronti con noi ma osservi e poi aspetti il nostro ritorno la sera. Decidi di rimanere calma e quando entriamo dalla porta dichiari,

“Mi stai tradendo con una donna dai capelli biondi. Ti ho visto mentre la facevi salire questo pomeriggio, la baciavi e poi ti ho seguito fino al Motel The Happy Ending e vi ho visti entrare in una stanza insieme.”

Se lo dicessi con rabbia, attingeremmo carburante dalla tua reazione. Riconosciamo che questa è un’opportunità per ottenere più carburante da te e quindi cercheremmo modi per provocarti ulteriormente. Tu ci stai anche sfidando. Anche se non si manifesta come una critica, continuiamo a non apprezzare il fatto che tu cerchi di sfidare la nostra superiorità e il nostro diritto a fare ciò che ci pare.

Se hai fatto questo commento in modo calmo e neutrale, non ci fornisci alcun carburante. Ci stai anche criticando.

Tu hai visto cosa è successo. Non è un sentito dire, ma hai assistito al nostro comportamento e ce l’hai detto, fornendo sufficienti dettagli per confermare la sua legittimità. Cosa potresti sentire in risposta? Ci sono molte risposte diverse.

Negazione “No, non l’ho fatto. Sono stato al lavoro tutto il pomeriggio.” Sì, saremo così sfrontati. Le bugie ci vengono facili.

Deflessione. “Sì, stavo facendo scendere una collega. Sta lì per alcuni giorni e abbiamo bisogno di parlare di un progetto. Conosci i nuovi piani per lo sviluppo nel Vecchio Quartiere, beh, adesso siamo coinvolti in questo e abbiamo bisogno di mettere insieme una proposta in un tempo molto breve.” Andiamo a parlare di qualcos’altro.

Proiezione. “Non stavo facendo niente di sbagliato, non come te e quel tipo, come si chiama, Mike, ti ho visto avvicinarti a lui la scorsa settimana quando ci sei andata a prendere un caffè.” Questo può o non può essere vero, non ha importanza. Serve a estrarre una reazione da te e ci consente di spostare la conversazione da ciò che abbiamo fatto.

Spostamento di Colpa. “Chi pensi di essere per seguirmi? Chi ti dà il diritto di farlo? C’è qualcosa che non va in te. Sono stufo di te che cerchi di controllarmi.”

Spostamento di Colpa. “E anche se vedessi qualcun altro, se tu uscissi più di una volta ogni morte di papa, non dovrei andare altrove, vero? Sono stufo di lavorare sodo e di entrare in questo genere di cagate.”

Scomparsa – Ci voltiamo, torniamo indietro e spariamo in qualche tana per alcuni giorni.

Negazione e Proiezione “Penso che ti sbagli, stai di nuovo immaginando cose? Continui a farlo.”

Deflessione e Gaslighting “Oh, niente di cui preoccuparsi, è nuova per la compagnia e io le stavo mostrando dove deve rimanere fino a quando il suo nuovo appartamento non sarà pronto. La conosco dall’Ufficio del Sud, quindi l’ho salutata con un bacio, ecco tutto. Ad ogni modo, ti ho detto che l’avrei fatto la scorsa settimana, non ricordi? Sì, ti ho detto tutto dopo cena, devi aver dimenticato di nuovo. Sembra che ti succeda spesso ultimamente.”

Assalto verbale “Chi cazzo pensi di essere? Sei una miserabile vecchia mucca. Vai in giro a guardare quello che faccio. Gesù, sei così fottutamente triste, sono stufo di te. Guarda in che stato sei.” Segue una sequela di insulti che possono degenerare nel rompere oggetti e persino attaccarti.

Non importa come cerchi di precisare che ci hai visto, tu sai cosa hai visto, tu sai cosa sembra l’altra donna, non ascolteremo quello che stai dicendo.

Se continui e lo fai in modo emotivo, tutto ciò su cui ci concentriamo è il carburante che ci stai dando e continuiamo a provocarti per ottenere più carburante.

Se lo fai senza fornire carburante, tutto ciò che sentiamo è la critica. Questo ci ferisce e ci costringe a cercare carburante da te (o se continui a non fornirlo saremo costretti a ritirarci e cercare carburante altrove).

Non accetteremo quello che stai dicendo, non importa quanto tu sia convincente e non importa quanti dettagli fornisci. Sarai accusato di inventarlo, di leggere qualcosa nel nulla, di prenderlo nel modo sbagliato, di essere confuso, di esserti sbagliato con tutte le altre manipolazioni sopra menzionate e anche altre.

E se ci fornirci alcune prove concrete? Cosa succede se possiedi l’evidenza di prove dal nostro telefono, in un documento, un’e-mail, una registrazione audio o un video? Decidi di mostrarci un video di quello che abbiamo fatto quel pomeriggio con la speranza e l’aspettativa che dobbiamo sicuramente ammettere ciò che abbiamo fatto. È lì, registrato e sullo schermo. Come risponderemo?

Ancora una volta, in base al modo in cui ce l’hai trasmesso, avrai fornito carburante (dicendoci che c’è di più) e ci hai sfidato o ci hai criticato. La nostra prospettiva ci dice che abbiamo bisogno di carburante, vogliamo carburante, dobbiamo affermare la nostra superiorità, dobbiamo mantenere il controllo, dobbiamo tenerti sottomesso e manipolato. Per quanto possa sembrare sorprendente, ci si può aspettare reazioni simili a quelle sopra e anche queste:

1. Ti diremo che il filmato è stato modificato per farci sembrare cattivi;
2. Diremo che il filmato non mostra l’intero quadro ed è preso fuori dal contesto;
3. Diremo che è qualcuno che ci assomiglia ma non siamo noi;
4. Cercheremo di eliminare il filmato;
5. Danneggeremo il dispositivo su cui è registrato il filmato;
6. Produrremo alcune prove diverse che rimandano a qualche trasgressione immaginata da parte tua e ci concentreremo su quella;

Se possiedi prove concrete di qualsiasi tipo, la sua produzione genera la stessa risposta sopra descritta perché la consideriamo da una prospettiva completamente diversa. Puoi aspettarti che le prove concrete vengano attaccate, manomesse o distrutte insieme alle innumerevoli manipolazioni che sono state descritte sopra.

Potresti pensare che mostrare alla nostra specie la nostra prova definitiva della nostra colpa ci farebbe alzare le mani e ammettere che siamo stati beccati. Non funziona così con la nostra specie. Siamo stati progettati per vedere le cose in un modo diverso in modo che reagiremo in modo da proteggerci dalle tue critiche (o per attingere più carburante e affrontare la tua sfida) e questo è ciò che vediamo e sentiamo – critiche e/o carburante. Questi meccanismi e manipolazioni si verificano perché:

1. Non siamo mai in colpa;
2. Siamo superiori a te;
3. Dobbiamo avere il controllo;
4. Siamo onnipotenti;
5. Tu sei inferiore;
6. Abbiamo il diritto di fare ciò che vogliamo;
7. Abbiamo bisogno di carburante; e
8. Odiamo le critiche.

Conserva le tue prove concrete per le terze persone. Risparmia il fiato e la tua sanità mentale.

L’unica cosa che potrai dimostrare è quanto siamo prevedibili, essendo narcisisti, quando ci troviamo di fronte a prove.

H.G. TUDOR

Dealing With The Proof

📰 CINQUE DERAGLIAMENTI CONVERSAZIONALI

5-CONVERSATIONAL-DERAILMENTS.png

Noi non facciamo conversazioni. Questo suggerisce che sia un processo equo dove ti ascoltiamo e la tua opinione viene rispettata e ritenuta valida. Durante la seduzione le nostre conversazioni sono sia esercizi di raccolta di informazioni che monologhi che ci sono per mettere in mostra la nostra genialità. Una volta che ti svalutiamo, le nostre conversazioni con te sono prediche, discorsi imperiosi e altezzosi, viziose diatribe contro di te in cui noi parliamo e tu dovresti dannatamente ascoltare. Tutte le conversazioni devono essere controllate da noi. Il nostro bisogno di controllo è considerevole perché se ti permettessimo di mantenere il centro del palcoscenico, allora perderemmo terreno. Rischiamo di perdere carburante, stiamo permettendo alla nostra innata superiorità di venire indebolita e stiamo cedendo il controllo a te. Questo è il motivo per cui non dobbiamo mai permetterti di pensare o persino raggiungere un qualche tipo di dominio, anche se leggero, durante una conversazione su di noi. La conversazione è un meccanismo per il nostro uso, non per il tuo. Spetta a noi risplendere, evitare la colpa, scagliarci contro di te, recuperarti e permetterci di ottenere ciò che vogliamo. È il nostro canale e a te capita semplicemente di essere coinvolto, ma come destinatario. Raggiungere tale dominio e controllo dell’arena della conversazione è assolutamente necessario e per mantenere tale posizione ci impegniamo in numerose manipolazioni. Ce ne sono molte che vengono messe in atto e qui ci sono cinque dei modi più popolari in cui noi facciamo deragliare una conversazione allo scopo di mantenere o impossessarci del controllo.

1. Lo Spostamento di Colpa

Se stai provando ad accusarci di qualcosa o addossare la colpa a noi nel corso di una conversazione, ciò è contrario alle nostre regole. Non permetteremo che questo accada. Noi siamo irresponsabili e soprattutto nei confronti di qualcuno come te. Se tu potessi tenerci a rispondere nel corso di una conversazione, ciò ridurrebbe la nostra superiorità e ti consentirebbe di controllare. Per impedirti di ottenere questo, ci impegneremo in uno spostamento di colpa. Qualsiasi cosa di cui tu ci stia accusando sarà colpa tua. Non importa se non esiste un collegamento logico (nel tuo mondo) tra ciò di cui ci hai accusato e la nostra risposta. Queste conversazioni non sono governate dalla tua logica ma dalla nostra. La nostra logica è che dobbiamo mantenere il controllo e quindi spostare la colpa su di te, ad ogni costo, è un metodo logico per raggiungere questo obiettivo. Per te esiste la logica. Comprendi questo e inizerai a capire perché agiamo in questo modo. Di conseguenza, potresti accusarci di quanto segue e ricevere la risposta in grassetto.

“Ti vedi con un’altra donna, sento il suo profumo su di te.”

“Non ho una tresca, ma se fosse chi darebbe la colpa a me? Non mi mostri mai alcuna attenzione o affetto. Non puoi sentire l’odore del profumo; lo stai solo inventando.”

“Perché non ti sei ricordato di accendere il forno?”

“Perché devo ricordarmi di farlo? È il tuo lavoro. Se passassi più tempo a fare quello che dovresti fare, piuttosto che cercare di dare la colpa a me, questo non succederebbe.”

“Perché cerchi sempre di dirmi cosa fare?”

“Io non lo faccio. Stai reagendo in modo eccessivo. Ti suggerisco le cose perché diciamocelo, non sei davvero capace di prendere le decisioni importanti da solo, vero? Non sono io che sono orribile, è un dato di fatto, tu sei povero nel prendere decisioni. Dovresti ringraziarmi perché ti aiuto.”

2. Proiezione

Questo metodo preferito di deragliare la conversazione è così efficace perché ti lascia senza fiato. Accusandoti a fare la stessa cosa di cui siamo accusati (e invariabilmente lo stiamo facendo) sei così sbalordito dalla nostra sfrontatezza, dalla nostra audacia e dalla nostra faccia tosta, che perdi di vista ciò di cui stai parlando e finisci per concentrarti sulla contro-accusa che ti abbiamo appena lanciato. Odi che pensiamo di te in modo scorretto e poiché proiettiamo con tale convinzione, vieni immediatamente portato a interagire con noi su questo punto. Non riuscirai a insistere con la tua accusa contro di noi e anzi verrai deviato a discutere del tuo comportamento in uno sforzo infruttuoso per cercare di persuaderci che non hai fatto nessuna delle cose di cui ti abbiamo accusato. Lasci che la tua risposta emotiva a tali accuse si impadronisca di te e questo è del tutto intenzionale. Aspettati di ascoltare commenti come questi: –

“Se non avessi bevuto così tanto, potresti cominciare a capire quanto puoi essere orribile, ma non potrai mai ricordarlo a causa del tuo bere”.

“Prendi sempre l’ultimo barattolo di soda senza rimettercelo. È così egoista.”

“Me flirtare? Hai visto il modo in cui tu vai attorno a Harry? Solo la settimana scorsa eri tutta attorno a lui come un’eruzione. Non sono stato solo io a vederlo e a commentarlo”.

“Non arrivi mai in orario. Lo trovo irrispettoso.”

“Passi troppo tempo a pensare al tuo lavoro e non ti concentri abbastanza sui nostri figli”.

3. Interruzione

Non sarai in grado di terminare ciò che stai dicendo a causa della nostra ripetuta tendenza e bisogno di interromperti. Noi consideriamo che nulla di ciò che hai da dire ha valore. Tu sei inferiore a noi quindi anche qualsiasi cosa che esce dalla tua bocca deve essere inferiore. Non riconosciamo o rispettiamo i confini e quindi consideriamo perfettamente ammissibile parlare di te e interrompere ciò che stai dicendo. Il nostro senso di diritto implica che dobbiamo essere sempre ascoltati e se questo significa tagliare te, così sia. Questo può raggiungere anche estremi infantili laddove noi diremo una parola così tu ti interrompi e poi ci fermiamo. Cerchi di parlare ancora e ripetiamo il trucco. Continuiamo a farlo, impedendoti di parlare finché tu continui a parlare e noi parliamo sopra di te o te ne vai arrabbiato per la frustrazione. Puoi aspettarti di sentire frasi come queste: –

“Se solo mi lasciassi parlare.”

“Se riesco a cavarti una parola.”

“Perché non ascolti per un cambiamento?”

“Questo è importante.”

“Voglio dire la mia per una volta.”

“Se avessi davvero ascoltato avresti potuto capire.”

“No è sbagliato.”

“No, lo stai inventando.”

“Devo fermarti lì.”

4. Cambio argomento

Amiamo deviare e distrarre. Dimostriamo anche una notevole capacità di spostare la conversazione lontano da ciò di cui tu vuoi parlare, e quindi avere il controllo su qualcosa di cui noi vogliamo parlare. Potremmo per contro mettere in mostra il nostro vantaggio di tormentarti, ma dirotteremo la conversazione e la porteremo al nostro argomento preferito. Non devi protestare e se lo fai, sarai accusato di cercare di monopolizzare la discussione e di non ascoltarci. Siamo geniali nel parlare di noi stessi o nel trovare un argomento che possiamo far girare girare e girare mentre tu ti senti cadere in uno stato di stordimento. Facciamo affidamento sulla tua innata natura empatica di gentilezza, di buone maniere e di essere un buon ascoltatore così possiamo abusare di questo e impedirti di parlare di qualcosa che ti interessa. Nessuno è interessato a ciò che hai da dire. Aspettati commenti di spostamento come questi: –

“È tutto molto interessante ma lascia che ti parli di ….”

“Non è importante adesso, ma questo è ….”

“Questo è irrilevante, ora lascia che te lo dica ..”

“Oh, devo dirtelo, è esilarante …”

“Devo dirtelo prima che mi dimentichi …”

5. Trattamento del silenzio

Il vecchio preferito. Se non ci piace il modo in cui la conversazione sta andando, cammineremo o ci sederemo in silenzio. Questo viene fatto spesso quando c’è una conversazione in corso in un contesto di gruppo assieme dove non riusciamo a dominare la discussione. Vogliamo riportarla a noi e quindi, stando seduti in silenzio e con il broncio, speriamo di suscitare una reazione comprensiva che induca qualcuno a commentare il nostro silenzio o ci inviti a parlare. Se fatto in una situazione a due, è progettato per ignorare ciò che hai da dire, considerarlo non importante e farti sentire a disagio. Sarai costretto a chiederci cosa c’è che non va e poi ci inseguirai mentre noi restiamo scontrosi e silenziosi. I tuoi commenti vengono dimenticati mentre i riflettori tornano su di noi e la conversazione è stata deragliata con successo.

H.G. TUDOR

5 Conversational Derailments

📰 SCUSE UGUALE PERICOLO

190923D How Your Emotional Thinking Creates Excuses.pngIl fatto che per così tanto tempo non avevi idea di con cosa avessi a che fare ha avuto come conseguenza che tenessi un comportamento prevedibile. Questo comportamento è uno di quelle su cui facciamo regolarmente affidamento per tenerti all’oscuro. Ho fatto menzione delle varie caratteristiche che cerchiamo tra quelli che ci rendono le vittime più utili. Uno di questi tratti riguarda la tua capacità di cercare il buono in tutto e in tutti. Questo è un tipico tratto empatico e insieme a tutti gli altri che tu possiedi fanno sì che tu divampi sul nostro radar quando stiamo cercando un’eccellente fonte primaria. Il tuo desiderio di vedere il bene oscura la tua capacità di vedere il male o forse più esattamente, di accettare il male. Questo è qualcosa che noi desideriamo perché ti impedisce di riconoscere davvero ciò che ti sta accadendo una volta che la svalutazione è iniziata. Ovviamente amiamo operare da una posizione di plausibile facoltà di negare, contiamo sull’ambiguità poiché ci piace e dobbiamo girarci e rigirarci per ottenere ciò che vogliamo. Se avessi visto tutto chiaro e nitido come ora ti descrivo le nostre macchinazioni, saresti stato più propenso a sfuggirci e provocare quella indesiderata cessazione della nostra principale fonte di carburante. Inoltre, avrebbe reso più difficile applicare quei recuperi quando desideriamo riportarvi all’ovile e che vi impegnate ancora una volta nei nostri sforzi ciclici. Ci presentiamo a voi ripetutamente con la verità su ciò che siamo, ma anche se ve la mettiamo davanti, non vi permettiamo mai di vederla chiaramente. Mettiamo un velo su certi particolari, vi gettiamo una cortina di fumo, oscuriamo alcune parti e distorciamo le altre. La realtà è lì davanti a voi. È evidente e semplice da capire, ma a causa del modo in cui vi manipoliamo intenzionalmente, non siete in grado di vederla. È come se noi avvistassimo una nave all’orizzonte. Per noi è chiaro vederla, ma quando ti diamo in mano un telescopio per vedere meglio questa nave, l’obiettivo è stato sporcato con qualcosa che distorce la vista, oppure mettiamo il dito su una parte dell’obiettivo bloccando il tuo punto di vista.

La conseguenza di questa distorsione è che ti impediamo di vedere veramente ciò che siamo. A sua volta significa che non sei in grado di avere una visione chiara e coerente della persona che si è impadronita di te. Questo diventa esasperante per tutti quelli che non siamo stati in grado di trascinare nella nostra facciata, ma che riconoscono pienamente quello che siamo. Questi osservatori ti dicono con chi hai a che fare. All’inizio potrebbero essere prudenti, sperando di non offendere la tua sensibilità ma col tempo la loro crescente esasperazione li porta a uscire allo scoperto e dirlo chiaramente. Tuttavia, una tale schiettezza raramente trova favore presso di te perché non gradisci che ti venga detto qualcosa di qualcuno meraviglioso come noi (o almeno qualcuno che è stato meraviglioso). Non ti piace pensare che il periodo d’oro se n’è andato. Non ti piace essere privato dell’idea che ciò che hai avuto non tornerà mai più o che non è mai esistito fin dall’inizio. La maggior parte dei motivi per cui la pensi così è una conseguenza della nostra manipolazione comportamentale, che inoltre va a sottolineare che non è colpa tua. Neanche il tuo desiderio di vedere il bene nelle persone è colpa tua. Ecco chi sei tu. Sappiamo questa cosa e la sfruttiamo. È colpa nostra, ma ovviamente nel bel mezzo della battaglia in cui siamo impegnati con te, non ammetteremo mai che qualcosa è colpa nostra. Non succederà mai.

Quindi, la tua visione di noi è oscurata e per questo motivo ti fornirai sempre delle scuse per spiegare il nostro comportamento, le nostre parole e le nostre azioni. Tu fornisci queste scuse più e più volte, agli altri e a te stesso. Tu credi a queste scuse perché questo è il modo in cui pensi e sei stato guidato verso questa linea di pensiero dell’istruzione che hai ricevuto dalle nostre manovre manipolative e dalla nostra bocca. Inoltre tu usi queste scuse per continuare a convincerti che le parti sgradevoli del nostro comportamento sono solo un’aberrazione, una falla occasionale nei confronti di una persona altrimenti magnifica. La vostra carità è sorprendente e naturalmente graditissima; grazie a questo approccio col paraocchi ci sottrai la responsabilità per le cose che facciamo, cosa che si allinea con uno dei nostri molti obiettivi dichiarati. Ti impedisci di vedere ulteriormente la realtà di ciò che ora ti ha invischiato e l’applicazione ripetuta di queste scuse ti mantiene al posto. Vogliamo che tu usi queste scuse. Vogliamo sentirle. Vogliamo che vengano dette a noi e agli altri. Le tue scuse frustrano e alienano quelli che sono contro di noi, le tue scuse supportano la nostra facciata costruita e soprattutto ti assicurano di negare a te stesso ciò che è proprio davanti a te. Ecco venticinque scuse di questo genere. Le avrai dette e probabilmente più di una volta. Capisci che ogni volta che ne pronunci una hai usato un’ulteriore campana a morte per le tue possibilità di sfuggirci.

1. È solo stanco; questo lo fa scattare.
2. Non voleva dire questo, non sul serio.
3. Non devi fingere con me, voglio solo che tu sia te stesso.
4. Ha un sacco di cose in testa in questo momento.
5. Il lavoro è particolarmente stressante per lui .
6. Qualche volta beve un pochino troppo, ma hey, chi non ci si è trovato? 7. Penso che forse sono troppo severo con lui qualche volta, è davvero colpa mia.
8. È in una brutta situazione ma ne verrà fuori.
9. È una persona complessa; non lo capisci come lo capisco io.
10. È solo fatto così; Mi ci sono abituato.
11. So che sembra cattivo, ma fa così tante cose che è carino; questa è solo una piccola parte di quello che è lui.
12. Nessuno lo conosce bene, ecco perché pensi male di lui.
13. Lui è un tipo famoso, quindi avrà sempre delle donne che lo punteranno. 14. Ha un temperamento, lo so, fa parte di lui e non spetta a noi cambiarlo.
15. Devo essere più comprensiva e poi sarà migliore.
16. Non sta bene in questo momento, ma lo aiuterò a superarlo, vedrai.
17. Hai sentito solo una parte della storia; non è affatto così.
18. Sì, beh, si dà il caso che la sua famiglia dice questo di lui per nascondere ciò che gli hanno fatto.
19. Tutto ciò di cui ha bisogno è essere amato e io sono quello che lo farà.
20. Non so cosa stai dicendo, va bene, lo capisco.
21. Era una tantum, non succederà più. 22. So che ha sbagliato ma questa volta ha promesso che non lo farà più. 23. Non capisci come io e lui siamo insieme.
24. Sei solo geloso di ciò che abbiamo. Perché non puoi essere contento per noi, per il mio bene?
25. Mi dispiace, è stata colpa mia.

Suona familiare?

H.G. TUDOR

Excuses Equals Endangered

 

📰 AL CONTRARIO

CONTRARIWISE.png

“Al contrario”, continuò PancoPinco “se così fosse, potrebbe essere; e se dovesse essere, sarebbe; ma dato che non é, non sarebbe. Questa è logica.”

Ha perfettamente senso per me ma immagino che non ce l’abbia per te. Benvenuta nella logica del mio mondo. Quell’inclinazione che mostriamo io e la mia tipologia nel dirti che il nero è bianco e nel caso in cui tu eventualmente fossi d’accordo (e tu lo farai non importa quanto ridicolo possa apparire) nel dirti che è stato nero da sempre. O arancione. O azzurro.

La nostra abilità nel contrariare può essere annoverata tra le tecniche manipolative più confondenti, irritanti ed esaurenti che possediamo. Beh, giudicando dalle tue reazioni quando la tiriamo fuori. In tutta onestà, viene usata così spesso che potrebbe essere una reazione di default. Non importa cosa dici, noi adotteremo automaticamente una posizione contraria perfino se questa posizione opposta ti risultasse indifendibile e fosse uno schiaffo in faccia alla logica. Troviamo sempre un modo per indebolire, negare, sviare ciò che ci stai dicendo, in modo particolare se stai provando a metterci in cattiva luce, dimostrare che siamo in errore o ci stai sfidando in qualche modo. Non possiamo sopportare che accadano queste cose. Abbiamo una serie di frasi standard che utilizziamo in linea con questa abilità.

“Perché devi sempre essere così esagerata?”

“No, non l’ho mai fatto.”

“Stai reagendo in modo eccessivo. Ancora.”

“Ti accorgerai di essere stata permalosa, non l’ho detto nel senso in cui tu l’hai interpretato.”

“La prendi sempre nel modo sbagliato.”

“Non ho detto questo.”

“La memoria ti gioca dei brutti scherzi”

“Sono invenzioni tue/sue/del mondo”

“Se dici così devi aver capito male”

“Non l’ho mai fatto”

“Devi sempre fare qualche scenata, non è vero?”

Alcune di esse ti suonano familiari? La nostra capacità di presentare le prove di qualcosa e poi l’attimo dopo negare l’esistenza di quella prova è sconcertante. Rifiuteremo ciò che stai dicendo, negheremo di aver mai detto qualcosa (perfino se in realtà l’abbiamo detta dieci minuti fa) e rigireremo la nostra posizione così tante volte che sembrerà che ci siamo trasformati in un cavatappi.

Perché facciamo questo? È utile a tre scopi. Il primo è perché non abbiamo mai torto quindi non deve essere mai mostrato che sbagliamo. Sembri essere particolarmente affascinata dal provare a dimostrarci che sbagliamo in ciò che diciamo o facciamo. Questo non ha senso. Noi non possiamo sbagliare e devi accettarlo. Contraddire ci permette di accertarci di avere sempre ragione e che tu abbia sempre torto. È totalmente logico per noi. Se per te non lo è allora è un problema tuo. Tu hai voluto venire nel nostro mondo quindi ora devi accettarne le regole. Non provare ad argomentare che non sei d’accordo. Quando tu abbracci la nostra illusione acconsenti a questo stato di cose. Non provare a negare che sia così in caso contrario semplicemente ti offriremo qualche altra obiezione.

La seconda ragione per cui facciamo così è che ti dobbiamo tenere in uno stato di confusione. Questo significa che essendo tu una creatura di logica e ordine proverai a dare un senso alla nostra obiezione il che serve unicamente a confonderti la testa. D’altra parte, non puoi fare a meno di mostrarci che sbagliamo. Non sopporti che noi non siamo in grado di vedere la puntualizzazione che stai facendo. È proprio questo il punto. Tu ora sei soggetta alle nostre regole e la logica, la ragione e il senso hanno lasciato questa città da molte lune ormai. Questa confusione ti lascia suscettibile ad altre manipolazioni, esaurisce la tua resistenza e ti rende più difficile scappare dal nostro controllo.

La terza ragione è nelle profondità della nostra linfa vitale, sì il carburante. La tua evidente frustrazione, le imprecazioni e la disperazione mentre provi a farci vedere che sbagliamo ci procura deliziose cucchiaiate di energia. Ti strappi i capelli, continui a ripetere, alzi la voce e crolli singhiozzando in preda alla frustrazione. Per noi è tutto buon carburante. Non importa se tu argomenti il punto con la precisione forense del miglior avvocato penalista, rigireremo le parole in modo che raggiungano ciò che vogliamo e non quello che vuoi tu. Seguendo ciò che dice lo scrittore fantastico Lewis Carroll ti lascio con con le parole di Humpty Dumpty, che era chiaramente un pioniere della nostra tipologia.

“Quando uso una parola significa solo ciò che decido che significhi”.

H.G. TUDOR

Contrariwise

📁 IL NARCISISTA MANIPOLA: RIVANGARE IL PASSATO

190902 The Narcissist Manipulates Digging up the Past.png

È un metodo essenziale per mantenere il controllo su di te riesumare il passato. Siamo sempre in grado di ricordare alcuni vecchi errori che hai commesso o qualche particolare trasgressione che useremo per adattarli ai nostri scopi attuali. Essere in grado di rivangare il passato ci consente di sviare i tuoi attacchi contro di noi, negare la validità di ciò che stai dicendo e anzi ci consente di metterti sotto esame. Abbiamo una capacità formidabile di ricordare ciò che è successo in precedenza. È come se ogni evento nella nostra vita insieme fosse stato registrato nel mio occhio interiore e in un attimo riuscissi a individuare il ricordo esatto, le circostanze e gli eventi per sostenere la mia posizione e demolire la tua. L’accuratezza puntuale con cui riesco a rispolverare qualcosa che è successo mesi o addirittura anni fa è alquanto sbalorditiva. È ancora più sorprendente perché sembra che ci dimentichiamo sempre degli eventi su cui tu provi ad affidarti. Intendiamoci, è perché hai proprio la tendenza a inventare cose, vero? È una pessima abitudine che hai, mentire per cercare di farmi sembrare cattivo o farmi sentire peggio. Non è qualcosa che sorprenderesti a fare. Assolutamente no.

Tu ti attieni al concetto che una volta che qualcosa è stato messo a tacere la questione è chiusa. È fatto. È concluso. È finito. Noi non condividiamo questo punto di vista. In realtà, tutto ciò che è successo tra noi, che dobbiamo far risorgere per far avanzare la nostra causa contro di te, non è mai concluso. Potrebbe essere sepolto, ma non viene mai sepolto morto. Tutte le discussioni, gli avvenimenti e gli eventi, anche se possono essere stati discussi, sezionati e rimuginati in modo straordinario molte lune fa, sono pronti per essere riportati in vita con un semplice clic. Quella discussione sull’unica volta negli ultimi sei mesi in cui sei uscito con i tuoi amici (anche se ovviamente non è successo senza aver fatto prima una battaglia epica) è iniziata quando sei tornato cinque minuti più tardi di quando avevi detto che saresti tornato. La discussione si è protratta fino a tarda notte fino a quando, alla fine, stanchi e stufi, hai ammesso la sconfitta, ti sei scusato e sei andato a letto. Con tutta la gioia della tua piacevole serata svanita in conseguenza del nostro sbraitare e infuriare. Sapevi che era stato fatto fino allo sfinimento. Non c’era davvero nulla su cui discutere, non che questo ci abbia impedito di intraprendere un circolo vizioso per frustrarti. Questa discussione era conclusa e non c’era bisogno che fosse tirata fuori di nuovo. Anche se c’era. Ti sei organizzato per andare a vedere uno spettacolo con i tuoi amici. Era nell’agenda da almeno otto settimane e tu ci sei andato e non vedevi l’ora di godertelo. Era uno dei tuoi preferiti, uno che amavi da quando eri una bambina. Sapevi che noi non eravamo contenti, potevi vederlo nel gelido sorriso che abbiamo fatto quando siamo usciti per salutare i tuoi amici. Ovviamente non ci interessava essere educati con i tuoi amici mentre aspettavano in macchina. No, volevamo vedere con chi andavi. Stavamo controllando per vedere se la tua storia era vera. Ti abbiamo dato un bacio e ti abbiamo augurato una deliziosa serata anche se dentro di te sapevi che saremmo stati infuriati perché dovevamo prepararci da soli da mangiare e siamo stati lasciati soli per la serata.

Lo spettacolo era magnifico e la tua compagnia eccellente, ma il traffico venendo via dal posto era intenso e sei tornato a casa mezz’ora più tardi di quanto avessi previsto. Si noti che era un tempo stimato, non garantito entro il quale saresti tornato, non che questo fatto avrebbe fatto alcuna differenza per noi. Ci hai inviato un messaggio scritto (non volevi l’imbarazzo di un’orribile telefonata mentre eri seduto nella macchina del tuo amico), avvisandoci del ritardo e del perché. Non hai ricevuto risposta. Questo ti ha detto tutto ciò che avevi bisogno di sapere. Sei entrato in casa e ci hai trovati in attesa, con le braccia incrociate e le sopracciglia alzate.

“Che ora è questa?” L’accusa è stata lanciata. Non c’è un ciao, non chiedo come è andato lo spettacolo o se ti è piaciuta la serata.

“Scusami. C’era un traffico terribile. Hai ricevuto il mio messaggio?”

“Sì, ma non è questo il punto. Sei di nuovo in ritardo. Lo fai apposta, vero?

“Cosa intendi con di nuovo?” Rispondi, una reazione istintiva all’accusa ingiusta, ma non appena l’ultima parola ti è uscita dalla bocca, sai cosa sta per succedere. Puoi quasi sentire la porta del caveau che viene aperta, la relativa cassetta di deposito viene selezionata, la minuscola chiave inserita e girata.

“Hai fatti tardi l’ultima volta che sei uscito.”

“Quello era sei mesi fa.”

“Veramente erano cinque. Era marzo. Non importa se fosse ieri o negli anni passati, sei in ritardo e hai detto che non lo saresti stato. Hai mentito.”

“Ho mentito. Oh, andiamo, tu arrivi in ritardo ogni settimana. O dal bar o da qualche riunione di lavoro e io non mi lamento mai.”

“Si. Ti sei lamentato venerdì scorso e io ti ho detto che dovevo incontrare quei clienti nel bar. Era un incontro di lavoro.”

“Non mi hai detto niente del genere. Ti ho chiamato sei volte per scoprire dove eri.”

“In realtà erano otto volte e non ho risposto perché ero occupato con i clienti. Come ti ho detto. Ricordo di avertelo spiegato chiaramente.”

“Non l’hai fatto. Davvero non l’hai fatto. Guarda, questa è la prima volta che esco da una vita, ora sono a casa, lascia che ti racconti dello spettacolo.”

“No. Non mi distrarrai con i racconti sulle canzoni e i balletti. Sono stufo che tu mi manchi di rispetto in questo modo. Torni sempre tardi quando sei con quelle arpie.”

“Perché dici così?” Chiedi ferita dal commento sui tuoi amici.

“Perché hanno una cattiva influenza su di te. Ti hanno fatto ubriacare quella volta. Ti ricordi? Hai vomitato nel lavandino quando sei entrato e poi sul pavimento.”

“No, non l’ho fatto io, l’hai fatto tu!”

“Non cercare di rigirare la frittata. Ricordo distintamente di averti visto barcollare attraverso la porta perché ero seduto su quella sedia a guardare le notizie.”

“Stavi dormendo al piano di sopra e non ero ubriaco. Io non mi ubriaco.”

“Oh davvero, posso ricordare almeno cinque occasioni in cui sei tornato a casa ubriaco fradicio, che sbattevi contro le pareti e strisciavi su per le scale. Era quella volta che sei andato con Sandra in quel nuovo bar, Apartment è stato chiamato.”

“Di cosa stai parlando? No, non l’ho fatto. “

“Sì, l’hai fatto. Mi stai dando del bugiardo? Ricorda, ho una memoria molto migliore della tua, la tua è chiaramente confusa da tutto il tuo bere.”

E così prosegue. Misfatti passati sia reali che immaginari vengono rivangati e rivolti contro di te. Riesumare il passato va bene per tutte le occasioni. Se ci accusi di flirtare con qualcuno, ti ricorderemo il tuo comportamento sfacciato con nostro fratello. Se ti lamenti perché non abbiamo portato fuori la spazzatura, ti ricorderemo come ti sei dimenticato di prendere il bucato all’asciugatrice in tre diverse occasioni. Accusaci di spendere troppo e noi riesamineremo i tuoi ultimi tre scontrini della spesa ed elencheremo ogni articolo che hai acquistato. La disinvoltura con cui descriviamo questi eventi passati ti ha sconcertato e a volte non sei in grado di ricordare se siamo effettivamente corretti o se lo stiamo inventando. Pensi spesso che stiamo inventando qualcosa, ma la convinzione che dimostriamo ti fa dubitare del tuo ricordo. Questa tecnica è usata frequentemente da noi. Sposta l’argomento della discussione su di te, ti frustra, ti fa arrabbiare e ti turba in modo che tu ci fornisci carburante e spesso ti scusi così noi sappiamo di aver sferrato un colpo e di aver messo un punto di rilievo. Ricordarti il passato, reale o immaginato, è una cosa che facciamo frequentemente. Cosa c’è dietro l’uso di questa tecnica manipolativa per acquisire carburante e controllo? Semplice. Rivanghiamo il passato perché siamo intimoriti da ciò che accade nel presente.

H.G. TUDOR

The Narcissist Manipulates : Digging Up The Past

📑 FARE I CONTI CON L’EVIDENZA

DEALING-WITH-THE-EVIDENCE.png

Prove. L’individuo empatico ha certi tratti che implicano che raccogliere prove e esibire quelle prove al narcisista e ad altre persone è molto importante. Una persona empatica è onesta, rispettosa, crede nella verità e deve averla in tasca. Questo non deriva da un senso di appagamento o dal mostrare quanto sia intelligente e virtuosa la persona empatica. L’empatico opera in questo modo perché:

1. Vuole che la verità sia conosciuta da terze persone;
2. Vuole dimostrare di essere corretto;
3. Vuole preservare la propria autostima mostrando la verità della situazione;
4. Vuole mostrare ad altre persone che il narcisista è in torto;
5. Vuol dimostrare al narcisista che ciò che il narcisista ha fatto o detto è sbagliato. Questo è spesso fatto per cercare di aiutare il narcisista, per guarire e per risolvere, piuttosto che per attivarsi al fine di attribuirsi un punteggio;
6. Viene fatto per preservare la sua salute mentale di fronte alla falsa realtà e alle relative manipolazioni che sono messe in atto dalla nostra specie.

Spesso una persona empatica impiega una notevole quantità di tempo per rendersi conto che spiegare semplicemente ciò che è accaduto alla nostra specie non la porta assolutamente da nessuna parte. Potresti sapere esattamente cosa è successo ma se il tuo ricordo degli eventi, non importa quanto accurato, non corrisponde a ciò che richiediamo, ci sfida, ci impedisce di raggiungere i nostri obiettivi o, peggio di tutto, costituisce una critica, faremo di tutto per distorcere la tua verità.

Uso la frase ‘la tua verità’ perché è sempre importante tenere presente che in ogni situazione c’è la Prospettiva Empatica e c’è la Prospettiva Narcisistica. Ad esempio, tu servi cibo per tutti e inizi con la persona più vicina a te e va a finire che il nostro tipo viene servito per ultimo. Dal punto di vista empatico, consideri questa azione la più pratica e la più educata. Dalla Prospettiva Narcisistica, la consideriamo come una critica; avremmo dovuto essere serviti per primi. Questa critica ci porta a essere feriti, ciò provoca l’accensione della nostra furia e potremmo uscire dalla sala da pranzo in preda a furia fredda o lanciare il piatto contro il muro come manifestazione di furia accesa, azioni che si verificano entrambe allo scopo di attingere carburante per guarire la ferita che è stata creata dalla tua critica nei nostri confronti.

Quindi, hai lo stesso evento ma due prospettive diverse. Se provassi a spiegarci che avevi servito le persone davanti a noi per praticità, tutto ciò che faresti sarebbe ripeterci la critica e accendere ancora una volta la furia. Avremo riguardo solo per la nostra prospettiva e nella conversazione che seguiremo ci impegneremmo in deflessione, proiezione, biasimo, insalate di parole e altre manipolazioni per respingere ciò che stai affermando. Dal tuo punto di vista sembra una cosa innocua, una reazione eccessiva da parte nostra, ma dal nostro punto di vista la nostra reazione è completamente giustificata.

Che dire di una situazione in cui sospetti che ti stiamo tradendo con qualcun altra? Supponiamo che tu ci abbia seguito e ci abbia visto far salire in macchina un’altra donna che abbiamo abbracciato e poi ci siamo diretti verso qualche luogo appartato, un hotel o un altro luogo a scopo di tresca. Non ti confronti con noi ma osservi e poi aspetti il nostro ritorno la sera. Decidi di rimanere calma e quando entriamo dalla porta dichiari,

“Mi stai tradendo con una donna dai capelli biondi. Ti ho visto mentre la facevi salire questo pomeriggio, la baciavi e poi ti ho seguito fino al Motel The Happy Ending e vi ho visti entrare in una stanza insieme.”

Se lo dicessi con rabbia, attingeremmo carburante dalla tua reazione. Riconosciamo che questa è un’opportunità per ottenere più carburante da te e quindi cercheremmo modi per provocarti ulteriormente. Tu ci stai anche sfidando. Anche se non si manifesta come una critica, continuiamo a non apprezzare il fatto che tu cerchi di sfidare la nostra superiorità e il nostro diritto a fare ciò che ci pare.

Se hai fatto questo commento in modo calmo e neutrale, non ci fornisci alcun carburante. Ci stai anche criticando.

Tu hai visto cosa è successo. Non è un sentito dire, ma hai assistito al nostro comportamento e ce l’hai detto, fornendo sufficienti dettagli per confermare la sua legittimità. Cosa potresti sentire in risposta? Ci sono molte risposte diverse.

Negazione “No, non l’ho fatto. Sono stato al lavoro tutto il pomeriggio.” Sì, saremo così sfrontati. Le bugie ci vengono facili.

Deflessione. “Sì, stavo facendo scendere una collega. Sta lì per alcuni giorni e abbiamo bisogno di parlare di un progetto. Conosci i nuovi piani per lo sviluppo nel Vecchio Quartiere, beh, adesso siamo coinvolti in questo e abbiamo bisogno di mettere insieme una proposta in un tempo molto breve.” Andiamo a parlare di qualcos’altro.

Proiezione. “Non stavo facendo niente di sbagliato, non come te e quel tipo, come si chiama, Mike, ti ho visto avvicinarti a lui la scorsa settimana quando ci sei andata a prendere un caffè.” Questo può o non può essere vero, non ha importanza. Serve a estrarre una reazione da te e ci consente di spostare la conversazione da ciò che abbiamo fatto.

Spostamento di Colpa. “Chi pensi di essere per seguirmi? Chi ti dà il diritto di farlo? C’è qualcosa che non va in te. Sono stufo di te che cerchi di controllarmi.”

Spostamento di Colpa. “E anche se vedessi qualcun altro, se tu uscissi più di una volta ogni morte di papa, non dovrei andare altrove, vero? Sono stufo di lavorare sodo e di entrare in questo genere di cagate.”

Scomparsa – Ci voltiamo, torniamo indietro e spariamo in qualche tana per alcuni giorni.

Negazione e Proiezione “Penso che ti sbagli, stai di nuovo immaginando cose? Continui a farlo.”

Deflessione e Gaslighting “Oh, niente di cui preoccuparsi, è nuova per la compagnia e io le stavo mostrando dove deve rimanere fino a quando il suo nuovo appartamento non sarà pronto. La conosco dall’Ufficio del Sud, quindi l’ho salutata con un bacio, ecco tutto. Ad ogni modo, ti ho detto che l’avrei fatto la scorsa settimana, non ricordi? Sì, ti ho detto tutto dopo cena, devi aver dimenticato di nuovo. Sembra che ti succeda spesso ultimamente.”

Assalto verbale “Chi cazzo pensi di essere? Sei una miserabile vecchia mucca. Vai in giro a guardare quello che faccio. Gesù, sei così fottutamente triste, sono stufo di te. Guarda in che stato sei.” Segue una sequela di insulti che possono degenerare nel rompere oggetti e persino attaccarti.

Non importa come cerchi di precisare che ci hai visto, tu sai cosa hai visto, tu sai cosa sembra l’altra donna, non ascolteremo quello che stai dicendo.

Se continui e lo fai in modo emotivo, tutto ciò su cui ci concentriamo è il carburante che ci stai dando e continuiamo a provocarti per ottenere più carburante.

Se lo fai senza fornire carburante, tutto ciò che sentiamo è la critica. Questo ci ferisce e ci costringe a cercare carburante da te (o se continui a non fornirlo saremo costretti a ritirarci e cercare carburante altrove).

Non accetteremo quello che stai dicendo, non importa quanto tu sia convincente e non importa quanti dettagli fornisci. Sarai accusato di inventarlo, di leggere qualcosa nel nulla, di prenderlo nel modo sbagliato, di essere confuso, di esserti sbagliato con tutte le altre manipolazioni sopra menzionate e anche altre.

E se ci fornirci alcune prove concrete? Cosa succede se possiedi l’evidenza di prove dal nostro telefono, in un documento, un’e-mail, una registrazione audio o un video? Decidi di mostrarci un video di quello che abbiamo fatto quel pomeriggio con la speranza e l’aspettativa che dobbiamo sicuramente ammettere ciò che abbiamo fatto. È lì, registrato e sullo schermo. Come risponderemo?

Ancora una volta, in base al modo in cui ce l’hai trasmesso, avrai fornito carburante (dicendoci che c’è di più) e ci hai sfidato o ci hai criticato. La nostra prospettiva ci dice che abbiamo bisogno di carburante, vogliamo carburante, dobbiamo affermare la nostra superiorità, dobbiamo mantenere il controllo, dobbiamo tenerti sottomesso e manipolato. Per quanto possa sembrare sorprendente, ci si può aspettare reazioni simili a quelle sopra e anche queste:

1. Ti diremo che il filmato è stato modificato per farci sembrare cattivi;
2. Diremo che il filmato non mostra l’intero quadro ed è preso fuori dal contesto;
3. Diremo che è qualcuno che ci assomiglia ma non siamo noi;
4. Cercheremo di eliminare il filmato;
5. Danneggeremo il dispositivo su cui è registrato il filmato;
6. Produrremo alcune prove diverse che rimandano a qualche trasgressione immaginata da parte tua e ci concentreremo su quella;

Se possiedi prove concrete di qualsiasi tipo, la sua produzione genera la stessa risposta sopra descritta perché la consideriamo da una prospettiva completamente diversa. Puoi aspettarti che le prove concrete vengano attaccate, manomesse o distrutte insieme alle innumerevoli manipolazioni che sono state descritte sopra.

Potresti pensare che mostrare alla nostra specie la nostra prova definitiva della nostra colpa ci farebbe alzare le mani e ammettere che siamo stati beccati. Non funziona così con la nostra specie. Siamo stati progettati per vedere le cose in un modo diverso in modo che reagiremo in modo da proteggerci dalle tue critiche (o per attingere più carburante e affrontare la tua sfida) e questo è ciò che vediamo e sentiamo – critiche e/o carburante. Questi meccanismi e manipolazioni si verificano perché:

1. Non siamo mai in colpa;
2. Siamo superiori a te;
3. Dobbiamo avere il controllo;
4. Siamo onnipotenti;
5. Tu sei inferiore;
6. Abbiamo il diritto di fare ciò che vogliamo;
7. Abbiamo bisogno di carburante; e
8. Odiamo le critiche.

Conserva le tue prove concrete per le terze persone. Risparmia il fiato e la tua sanità mentale.

L’unica cosa che potrai dimostrare è quanto siamo prevedibili, essendo narcisisti, quando ci troviamo di fronte a prove.

H.G. TUDOR

Dealing With The Evidence