Pubblicato il Lascia un commento

👤 AMAMI ODIAMI NON IGNORARMI MAI

Voglio il tuo amore. Voglio il tuo odio. Voglio la tua gioia. Voglio le tue lacrime. Voglio ogni singola oncia emotiva che possiedi e voglio che sia diretta a me. È facile capire perché chiunque vuole essere amato, perché non è proprio quello che tutti vogliono? Amare ed essere amati. Ovviamente lo è. Ho sempre desiderato essere amato e non importa ciò che ho fatto, non importa quanto duramente ci ho provato, mi è stato negato. Spingiti più forte, vai avanti, lavora di più e lo avrai. Mi è stato promesso più volte questo guadagno e mi sono attenuto a questo. Mi sono sforzato e ho faticato e ho corrotto. Ho studiato, ho obbedito, mi sono allenato, ho corso e ho corso veloce, ho saltato e ho saltato più in alto di chiunque altro. Ho affrontato, ho sparato, ho spinto, ho nuotato, ho scritto, ho assecondato, ho risposto, ho letto e riletto. Ho fatto tutto ciò che mi è stato richiesto. Ti suona familiare? Naturalmente. Sai cosa vuol dire dare tutto di te e non essere ancora abbastanza. Sai come ci si sente a continuare a provare finché ti senti come se non avessi più niente da dare. Perché pensi che siamo così efficaci nell’estrarre questa sensazione da te? È perché la mia tipologia è stata istruita in questa tecnica per così tanto tempo che diventa una seconda natura.

Naturalmente sono stato elogiato. Sono stato incoraggiato. Sono stato supportato. Sono stato spinto. Mi è stato detto insegnato e ordinato. Sono arrivati gli applausi, ma c’era sempre un ammonimento.

“Questo è un risultato eccellente, la prossima volta prova a raggiungere il cento per cento.”

“Tempo brillante ma so che puoi farlo più velocemente. Hai solo bisogno di impegnarti di più.”

“È buono ma non buono come puoi fare tu. Tu sei migliore di quello.”

“Non male ma mi deluderai se non salirai in cima alla classe.”

Tuttavia, pur essendo un elogio con condizioni, era pur sempre un elogio e questo, unito ai miei sforzi, significava che non venivo mai ignorato. I risultati si accumulavano, venivano raccolti premi e ottenuti apprezzamenti. Verso l’alto, sempre verso l’alto. Di conseguenza, la tua lode e ammirazione significa molto per me. Era sempre il modello su cui venivo giudicato e ora è lo stesso. Desidero ardentemente l’adulazione e la passione, è per questo che lavoro così tanto da costringerti a darmele. Lo voglio, voglio essere visto, voglio essere riconosciuto e ciò significa che devo ricevere la tua attenzione intrisa di emozione. Non importa se mi stai urlando o se mi stai implorando di fermarmi, purché sia diretta verso di me. Questo è il motivo per cui tutto ciò che faccio è calcolato per ottenere una reazione.

Quando ti seduco, non devi mai ignorarmi. Ho investito troppo nella tua acquisizione per perderti per qualcun altro o per qualcos’altro. Il mio bombardamento su di te con messaggi e attenzione è fatto per attirarti a me, ma anche per assicurarmi che non ti avventuri da qualche altra parte e mi venga negata la tua attenzione. Questo è il motivo per cui ti scriverò e se non c’è una pronta risposta ti scriverò di nuovo, poi di nuovo, poi ti chiamerò e poi mi presenterò a casa tua. Ho bisogno di sapere che rispondi alla mia seduzione. Ho bisogno di controllarti. Ci sono troppe cose in gioco per permetterti di ignorarmi.

Quando inizia la svalutazione, ancora una volta ho bisogno dell’attenzione emotiva che viene da te che piangi, che urli e che sbraiti. Non mi disturba mai allo stesso modo in cui disturba te quando qualcuno ti urla contro. Io lo chiedo e l’unico effetto che fa è di farmi sentire potente perché so che sono in grado di sollecitare queste risposte da te in virtù delle mie manipolazioni. So senza dire nulla che tu mi implorerai e supplicherai di spiegare cosa c’è che non va, mi inseguirai, gli occhi spalancati per la confusione mentre mi implori di dirti cosa hai fatto di male.

Non sono schizzinoso per le emozioni che rivolgi verso di me. Bene o male le prenderò tutte. Il male, in effetti, mi fa sentire più potente, ma la dolce potenza delle risposte favorevoli e gli occhi ardenti di ammirazione sono ancor più accetti. Questo è uno dei motivi per cui faccio il tira e molla, rendendoti felice e gioiosa nei miei confronti e poi piena di dolore e rabbia. Il contrasto rafforza la mia onnipotenza perché io sono il burattinaio. Un momento riesco a farti ridere e poi con un colpo di interruttore ti ho in lacrime. Questo è potere. Questo è il controllo e questo è ciò che sottolinea la mia grandezza. Sì, so che consideri sbagliato questo comportamento. Ne sono perfettamente consapevole e non mi sono lasciato ingannare da alcuna pretesa del contrario. Sono pienamente consapevole che tale comportamento è considerato, cattivo, sbagliato e malvagio, secondo i tuoi valori, ma devi sapere che questa partita non viene giocata secondo le tue regole. Si gioca con le mie e io devo sempre vincere.

Dovresti essere sleale ed essere la persona cattiva che ho sempre sospettato tu fossi e ignorarmi, allora ti provocherò ancora di più per ottenere una reazione. Poche di voi si rendono conto che questo è lo scopo, almeno, non subito. Non sei in grado di comprendere questa improvvisa escalation, questa commutazione a causa della confusione in cui sei impantanata. Sono contento che sia così perché quando mi ignori, comincio a crollare. L’edificio che ho costruito inizia a incrinarsi, sgretolarsi e rompersi e io devo sfuggire al tuo tradimento e cercare le emozioni degli altri per compensare il tuo comportamento sovversivo. Se non riesco a portare il tuo amore o odio alla ribalta, non posso rimanere ignorato, perché questa sarebbe la mia condanna a morte e non ti permetterò di firmare quel mandato. Devo essere amato perché sono degno dell’amore più completo, devo essere odiato perché le mie opere sono quelle del diavolo e attirano la tua ira furiosa. Guarda sempre verso di me, dammi sempre le tue emozioni e non voltarmi mai le spalle. Fallo e tutto andrà bene. Almeno, per me, ma poi, comunque non ruota tutto attorno a me?

H.G. TUDOR

Love Me, Hate Me, But Never Ignore Me

Pubblicato il Lascia un commento

📰 ASCOLTIAMO MAI?

Potresti non pensarlo ma noi ti ascoltiamo davvero. Ammetto che può sembrare strano perché tu pensi che il nostro modo di comportarci implichi che non sia possibile che ti ascoltiamo. Non prendiamo atto di ciò che dici perché continuiamo a fare le stesse cose che facevamo prima. Continuiamo a ripetere un commento come se non avessimo mai sentito la tua risposta la prima volta. Ci ricordi l’ora in cui ci incontreremo e arriviamo tardi o non lo facciamo affatto. Potresti venire perdonato per aver pensato che siamo pessimi ascoltatori. La realtà è che siamo ottimi ascoltatori. La verità è che scegliamo di ascoltare in modo diverso.

Quando ci urli in faccia, avanzando la tua argomentazione in modo energico risponderemo a quello che stai dicendo, di solito con diniego e deflessione. Non siamo interessati a ciò che stai dicendo, siamo preoccupati di ascoltare i tuoi sentimenti. Vogliamo sentire la rabbia strozzata e ribollente che si manifesta nelle tue parole, perché in questo modo sappiamo (oltre a vedere il tuo viso contorto e arrossato) che hai reagito alla nostra provocazione e di conseguenza ci stai fornendo carburante. Se ti stai lanciando su di noi insulti, chiamandoci di tutti i nomi e rimproverando il nostro gusto di vestirci, il peso e l’intelligenza, non veniamo feriti da queste critiche perché il fatto che stai sputando veleno, urlando di rabbia o urlando di gioia mentre ci insulti significa che stai fornendo emozione che equivale al carburante. I nomi aspri si dissipano semplicemente perché non li sentiamo. Stiamo sentendo l’emozione di ciò che viene detto, questo è ciò che conta. Puoi studiare l’insulto più originale che il mondo abbia mai conosciuto, ma se ce lo lanci contro con emozione, tutto ciò che sentiamo è la tua reazione emotiva. Ti sei mai chiesto perché stiamo sorridendo quando litighi con noi? È perché ci stai dando quello che vogliamo: carburante. Oh, e anche perché sappiamo che sorriderti ti farà infuriare ancora di più.

Ti ascoltiamo con notevole attenzione durante le fasi iniziali della seduzione. Facciamo in modo che ogni pezzetto di informazioni, ogni frammento di conoscenza che ci aiuterà a sedurti e legarti strettamente a noi venga udito e assorbito, archiviato pronto per l’uso al momento opportuno. Ogni volta che ci riveli un nuovo ristorante che hai trovato o un nuovo spettacolo che è appena cominciato e che ti piace, ne prendiamo nota. Quando ci parli dei tuoi amici, ascoltiamo in attesa di portarli anche sotto il nostro incantesimo. Quando ascoltiamo in questa circostanza pensi che siamo attenti e interessati a te. In effetti, lo siamo e la tua reazione a questo è di lodarci, fornendoci in questo modo carburante, e di sentirti attratto da noi, legandovi in tal modo a noi. Il nostro interesse tuttavia non è quello che normalmente percepireste, perché è avvalorato dall’uso che possiamo fare di ciò che ci dici, al fine di proseguire col nostro programma.

Ti ascoltiamo anche per capire come i nostri comportamenti ti influenzano. Ascoltiamo la lode e la gioia che zampillano da te e notiamo ciò che abbiamo fatto che ha causato questo. Quando ti sottoponiamo alla svalutazione, assorbiamo il carburante che rovesci verso di noi, ma ascoltiamo anche come ti sta influenzando. Ci parli di come fa male, di come non riesci a dormire, di come ti senti ansioso, di come ti senti male, di quanto sei spaventato, di come non capisci. Non ci importa come ti senti ma più di tutto siamo interessati a te che ce lo dici. Questo costituisce il feedback basato sulle nostre varie manipolazioni. Mentre raccogliamo il carburante dalla tua supplica piena di lacrime, ci rendiamo anche conto di come ciò che abbiamo detto ha avuto un effetto su di te. Ti ascoltiamo mentre ci spieghi come ti senti perché non lo sentiamo da soli. Abbiamo bisogno di imparare da te in questo senso. Abbiamo bisogno di imparare così possiamo imitare è quando insorge la necessità. Dobbiamo imparare che se qualcuno avverte un senso di perdita, allora piangerà. Di conseguenza, se prevediamo di perderti, una reazione appropriata sarebbe piangere. Abbiamo imparato da ciò che ci hai mostrato e da ciò che ci hai detto. Vedi, ti ho detto che prestiamo attenzione a te. Ti ascoltiamo anche così sappiamo esattamente quanto è stata efficace la nostra manipolazione. È quello che ci stai dicendo che indica un grado di dolore e tristezza trascurabile o è più consistente? Non lo sappiamo da soli perché noi non proviamo tristezza. Quell’emozione ridondante ci è stata strappata o non ha mai permesso di svilupparsi fin dall’inizio. Di conseguenza, per capire cosa rende triste qualcuno, un po’ triste o tremendamente triste, dobbiamo osservare le tue reazioni e ascoltare quello che stai dicendo. Non stiamo ad ascoltare perché siamo preoccupati e perché vogliamo trovare una soluzione al tuo stato di tristezza. Non ci serve assolutamente a niente. Quello che stiamo facendo è ascoltare i particolari della tua infelicità in modo da poterla replicare. Possiamo riprodurre sia il fatto di fingere di sentirci infelici quando capita l’occasione adatta e anche replicarlo per rendere qualcuno infelice ai fini del controllo e della raccolta di carburante.

È attraverso l’ascolto che noi perfezioniamo le nostre capacità manipolative. È attraverso l’ascolto che impariamo tutto su di te, cosa ti piace e cosa non ti piace, quali sono le tue speranze e quali sono le tue vulnerabilità che possiamo sfruttare. Attraverso l’ascolto capiamo come ti senti così possiamo imitarlo. È attraverso l’ascolto che siamo in grado di comprendere come sei influenzato da ciò che facciamo. Sì, passiamo molto tempo a parlare, a dire al mondo di quanto siamo splendidi, e questo naturalmente è vero, ma saresti sorpreso semplicemente per quanto ascoltiamo. Solo perché potremmo non stare ascoltando basandoci su ciò che tu ritieni essere importante non significa che non stiamo ascoltando affatto. Lungi da ciò.

Di conseguenza, la prossima volta che ci implorerai di ascoltarti per una volta o che ci supplicherai di “ascoltare ciò che sto dicendo”, scoprirai che lo stiamo facendo e arriverai a rimpiangerlo.

H.G. TUDOR

Do We Ever Listen?

Pubblicato il Lascia un commento

📰 20 COLPI DALLA PISTOLA DELL’AMPOLLOSITÀ

Dire che io e la mia specie abbiamo un’alta opinione di noi stessi è dire troppo poco. Noi siamo superiori, di alto livello, ed etereamente stupendi e meravigliosi. I nostri risultati sono magnifici, noi e la nostra serie di successi vi lasciamo semplici mortali a trascinarvi dietro di noi. Sappiamo che guardate, a bocca aperta e con gli occhi spalancati, un misto di stupore e invidia che si riversano su di voi. Quanto è bello essere come noi, vi chiedete. Beh, non solo siamo spettacolari e splendenti, siamo anche generosi, così generosi che io posso condividere con voi venti dei nostri commenti eccessivamente vanitosi ed egocentrici. Potreste averne sentiti alcuni rivolti a voi o semplicemente pronunciati in generale a portata delle vostre orecchie mentre noi contempliamo nobilmente l’orizzonte. Se li hai sentiti, sai di avere a che fare con uno della nostra specie e che noi crediamo sinceramente a questi commenti a prescindere da quanto pomposi, ipocriti, vanitosi o ridicoli possano sembrare. Tutto ciò che conta per noi è assicurarci di ottenere una reazione ad essi.

1. Io non mi lamento, io do consigli.
2. Io faccio, non mi faccio fare.
3. Non essere dispiaciuto. Sii preciso.
4. Mi guardano tutti. Io cambio le preferenze sessuali.
5. Io ti possiedo.
6. Ho tutto il diritto di farlo.
7. Io non mento mai.
8. Ho ottenuto tutto questo senza alcun aiuto.
9. Io ti ho reso quello che sei oggi.
10. Sono molto in sintonia con i miei sentimenti.
11. Odio i bugiardi.
12. Dipende tutto da me.
13. Io sono un dio.
14. Se non fosse stato per me, nulla sarebbe stato fatto qua.
15. Penso a tutti tranne che a me stesso. Sono troppo generoso a volte.
16. Può essere difficile essere così amato.
17. Non posso fare a meno di essere così popolare.
18. Sono la mia gente. Loro mi capiscono.
19. Tutti vogliono essere me o essere con me.
20. Io sono il burattinaio e il pifferaio. Prendine atto.

H.G. TUDOR

20 Bullets From The Pomposity Pistol

Pubblicato il Lascia un commento

📰 VENTI AMMISSIONI CHE ALIMENTANO

Ci sono molte cose che la mia specie gradisce sentirti dire. Vogliamo sentire la tua lode, il tuo affetto, il tuo amore e la tua adorazione. Vogliamo sentire la tua rabbia, la tua frustrazione, il tuo turbamento e il tuo vetriolo. Tu senti le parole. Noi sentiamo le emozioni che ci alimentano e fanno bruciare le fiamme potenti sempre più alte e intense. Quando vieni irretito da uno della nostra specie, ti rendiamo vittima della nostra gamma di macchinazioni. Come parte di questo intrappolamento, miriamo a farti fornire carburante a noi e questo viene fatto portandoti a dirci certe cose. Siamo ossessionati dal concetto del nostro status, della nostra superiorità e del nostro potere. Dobbiamo sempre assicurarci che tu sei inferiore a noi, che abbiamo il controllo e che tu sia ubbidiente. Se per caso sentiamo che questo squilibrio scivola, allora combatteremo per mantenerlo. Noi siamo il conquistatore, tu sei il conquistato. In linea con questa esigenza di controllo e dominio, vogliamo che tu non solo sia la vittima, ma assicurarci che tu agisca come tale e ritragga il tuo status di vittima in ogni momento nei tuoi rapporti con noi, salvo quando decidiamo il contrario. Quest’ultimo caso di solito è per le apparizioni pubbliche e il mantenimento della facciata. Vogliamo e abbiamo bisogno di sentire che reintegri il tuo ruolo designato. Naturalmente questo non implica che dichiarerai di essere una vittima, usando quelle stesse parole, perché quando ti abbiamo in pugno non ti rendi conto che sei davvero una vittima. Invece abbiamo bisogno di ascoltarlo per mezzo della tua affermazione di alcune frasi che equivalgono all’ammissione che tu sei una vittima. Comprendi che quando fai queste osservazioni ci stai alimentando e stai anche rinforzando lo squilibrio che esiste tra te e noi.

1. Mi dispiace.
2. Davvero non pensavo.
3. Non so cosa dovrei fare.
4. Non riesco a capire quello che vuoi.
5. Non ce la faccio più.
6. Farò qualsiasi cosa per te.
7. Voglio solo che funzioni.
8. Non mi arrenderò.
9. Merito di meglio di questo.
10. Perché lo stai facendo?
11. Per favore fermati.
12. Per favore parla con me.
13. Non sono abbastanza per te?
14. Perché solo io ad essere trattato in questo modo?
15. Voglio solo essere felice.
16. Dimmi cosa vuoi da me.
17. Non ho capito.
18. Ti metto sempre al primo posto.
19. Voglio renderti felice.
20. Cosa ci è successo?

H.G. TUDOR

20 Fuelling Admissions

Pubblicato il Lascia un commento

📰 CHE SENSAZIONE DÀ IL CARBURANTE AL NARCISISTA

191129B What Fuel Feels Like To The Narcissist.jpg

Quando ti guardo e vedo la gioia attraversare la tua faccia mentre mi noti dall’altra parte della stanza, sento che la fiamma dell’attenzione si accende dentro di me mentre la prima sensazione di potere esplode alla vita. Ho imparato che il tuo sorriso, lo spalancarsi dei tuoi occhi e il tuo venire in fretta verso di me sono indicativi di gioia e felicità da parte tua. Mi nutro di questo e permetto ai miei occhi di bere il carburante che emana dalle tue espressioni. Quando ti guardo sotto di me, che ti contorci contro di me, la bocca aperta e il flusso di desiderio sensuale che si diffonde sul tuo petto, le fiamme divampano più feroci mentre osservo con tale attenzione l’esplosione del tuo orgasmo. Studio la tua reazione al nostro accoppiamento, e noto il dettaglio del modo in cui pieghi la testa, il leggero dilatarsi delle tue narici, gli arti che si agitano. Osservo e assorbo, affidando la tua reazione alla mia memoria mentre mi avvalgo del carburante che tu mi stai fornendo. Quando mi alzo e ti fisso, quello sguardo funesto che ti trafigge dai miei occhi neri come l’inchiostro, mi sto gustando la tua postura tremante, la paura che stai cercando di nascondere non può essere nascosta mentre ti aggrappi al bracciolo della poltrona per stabilizzarti, i tuoi occhi si riempiono di lacrime. Mi alzo e ti guardo fisso, e il mio sguardo ti genera paura e allo stesso tempo assorbe il carburante che fluisce dal tuo stato di paura.

Quando ti sento chiamare il mio nome, quella cadenza verso l’alto nella tua voce, la leggera inflessione che denota che sei contento di vedermi, sento il carburante che entra nel fuoco dentro di me, permettendo alle fiamme di bruciare un po’ più luminose, e alimentando il motore che mi fornisce la sensazione di potere. Io non provo piacere, non provo gioia, replicherò il tuo modo di guardare per farti pensare che provo queste sensazioni, ma quando sento le tue parole piene di carburante che irrompono nelle mie orecchie, tutto ciò che sento è potere. Potere con cui io ti faccio sentire così euforico quando mi chiami da un’altra stanza o mi parli al telefono in ripetute occasioni per tutto il giorno. Quando sento i tuoi insulti gridati, le onde del carburante si infrangono contro le mie orecchie, etichette piene di emozioni che non mi turbano, a meno che non scelga di fingerlo, per provocarti ulteriormente. Sento il suono del canto degli uccelli, sento i rumori di una folla esultante e sento le prime note di un brano musicale che mi affascina, eppure nessuna di queste cose si avvicina a farmi sentire allo stesso modo in cui mi sento quando urli piangi, ridi, urli, gemi e sospiri a causa mia. Le tue parole di lode mi fanno passare attraverso l’onore del potere molto più degli strumenti di un’orchestra famosa. Le tue parole di disprezzo generano per me una reazione molto più grande del ruggito di una folla mentre la mia squadra segna l’obiettivo vincente.

Quando assaggio, assaggio assai più del cibo nella mia bocca o della bevanda di cui ho appena preso un sorso. Tu mi hai comprato quella bevanda, e impregnato in quella tazza di caffè o bicchiere di birra posso assaporare il tuo interesse, il tuo apprezzamento e il tuo affetto. La tua impronta empatica è su tutto ciò che dici e fai, le tue azioni e parole sono incorporate nella torta che hai preparato per me. Ti dico che la fetta che hai tagliato per me è deliziosa, e naturalmente lo è, tu sei un eccellente pasticcere, ma ciò che mi gusto davvero è la cura e l’attenzione che mi hai dedicato mentre facevi quella torta per me. In ogni pasto che metti davanti a me si possono gustare diversi ingredienti, ma quello che ha sempre un sapore migliore per me è l’emozione con cui li hai imbevuti. Che si tratti di una cena a tre portate preparata con amore o di un piatto di spaghetti alla bolognese, l’emozione che si assapora in quei piatti ha sempre un sapore migliore dei pasti stessi.

Quando annuso quella deliziosa fragranza, sento ancora una volta il potere che sale dentro di me mentre mi aggrappo al carburante che mi dai. La tua azione nel metterti addosso quel profumo che ti avevo detto che era il mio preferito va ben oltre il piacevole odore di gelsomino o sandalo. La fragranza mi dice come vuoi che io sia compiaciuto perché lo indossi, come desideri avere un profumo accattivante per me e così sono potenziato dalla tua azione mentre il mio naso percepisce la fragranza. L’odore di vestiti o biancheria da letto freschi di bucato, quel profumo di pulito è intriso della tua cura per me, che ti occupi del mio bucato e delle faccende domestiche e ancora una volta l’odore di questo atto di gentilezza, di affetto e di cura mi fornisce il carburante che bramo. Anche quando ti dico che non mi piace più un certo profumo che indossi, per provocare una reazione da parte tua, al momento che lo indossi come atto di sfida, mi fornisci ancora più carburante da questo atto che è racchiuso nel profumo. Quando stai in piedi a fumare, la sigaretta in mano, l’odore del fumo contiene la tua rabbia, la tua irritazione e per me essa ha un odore dolce come quello che una rosa in fiore potrebbe avere per te.

Quando ti tengo la mano e sento che tu apprezzi il fatto che io tenga la tua mano nella mia, il carburante fluisce ancora una volta. Quando sento la tua pelle sotto le mie dita, so che le emozioni che esplodono mentre lo faccio mi alimenteranno ulteriormente. Dalle mie labbra contro le tue labbra fino al muovermi dentro di te, mi sento come si sentirebbe chiunque, ma io sento molto di più perché sento la tua emozione attraverso il mio e il tuo tocco su di me. Il vuoto che mi consuma agisce con il potere di un enorme buco nero che risucchia tutte le emozioni che trasudano in me. Quando sento il tuo tocco su di me, il carburante fluisce ancora una volta e tu permetti alle fiamme latenti di salire più in alto per la leggera applicazione delle tue dita sulla nuca. La pressione delle tue braccia attorno a me mentre mi abbracci stretto significa l’amore e l’affetto profondo che hai per me. Mi potenzia rinvigorendomi e risvegliandomi, fornendomi il potere di cui ho bisogno per continuare a fare ciò che devo fare.

Il dolore della tua mano che schiaffeggia la mia faccia, la punizione per un’altra delle mie trasgressioni mentre cercavo il tocco di un’altra persona al di fuori della nostra relazione, farà male alla mia faccia, dopo tutto sono umano almeno in senso fisico. Il dolore che hai lasciato tuttavia è prontamente compensato dall’ondata di potere che sento dentro di me alla tua violenza carica di emozioni nei miei confronti. Toccami, accarezzami, stringimi, colpiscimi, spingimi e strattonami, tutto ciò equivale ad una connessione tra te e me che spinge il carburante a scorrere da te a me. Quando non tollero più i tocchi affettuosi e intimi, al loro posto desidero ardentemente la presa terrorizzata del mio braccio o la spinta difensiva per tenermi lontano da te. Posso non voler più che tu mi tenga la mano, mi baci o ponga una mano delicata sulla mia fronte, al contrario accoglierò con favore la manifestazione fisica della tua rabbia, della tua frustrazione e della tua paura.

Tutto ciò che dici e fai sarà assorbito dai miei sensi, ciò che vedo in te, ciò che ti sento dire, ciò che gusto, ciò che odoro e ciò che sento dal tuo tocco, tutte queste cose mi forniscono i mezzi per procurarmi carburante. Io sono una grande macchina che ti sta succhiando l’emozione attraverso tutti i miei cinque sensi per cercare di riempire questo immenso vuoto dentro di me. Tu rendi vivi i miei sensi, anche se per uno scopo e questo avviene in un modo che fa sì che le sensazioni che tu percepisci con l’uso dei tuoi sensi impallidiscano al confronto. Tu riempi davvero i miei sensi.

H.G. TUDOR

What Fuel Feels Like To A Narcissist

Pubblicato il Lascia un commento

📰 CARBURANTE DI PENSIERO

Noi amiamo il carburante. È la nostra linfa vitale. È ciò che cerchiamo ogni giorno. Esso ci alimenta. Esso ci permette di esistere. Arriva da una vasta gamma di fornitori. Viene fornito con diversa frequenza, potenza ed effetto. Alcune persone sono fontane di carburante, rubinetti di carburante delizioso ed edificante, super cisterne, pozzi, serbatoi. Queste sono le persone che scegliamo, cacciamo e irretiamo come nostre fonti primarie, ma il carburante può essere ottenuto da chiunque. Naturalmente, alcuni forniscono molto più carburante di altri e sono proprio queste persone che costituiscono per noi i fornitori importanti. Il carburante si manifesta in molte forme diverse, derivanti da parole, dai gesti, dalle azioni e dalle mancate azioni, finché c’è collegata un’emozione, allora il carburante viene generato e noi lo dreniamo da quelli a cui abbiamo attaccato le nostre linee di carburante e lo succhiamo per la nostra più grande gloria e potere. È anche utile per te capire che il carburante arriva anche nelle forme di Prossimità e di Pensiero.

Il Carburante di Prossimità è il carburante che viene menzionato più spesso. È anche il più potente tra i due. Il Carburante di Prossimità nasce quando assistiamo alla tua reazione emotiva a qualcosa che abbiamo fatto. Di conseguenza, se ti vediamo piangere come conseguenza del fatto che ti offendiamo in modo orribile, allora riceviamo Carburante di Prossimità. Se entriamo in un’arena e riceviamo l’applauso adorante di migliaia di persone, è Carburante di Prossimità. Se, mentre camminiamo lungo la strada, attiriamo lo sguardo ammirato di qualcuno, è Carburante di Prossimità. È il carburante più importante quando si presenta in questa forma ed è necessario per il buon ordine della nostra esistenza.

Il Carburante di Pensiero è meno potente ma ciò non significa che dovrebbe essere scartato. C’è ancora una notevole potenza in questa forma di carburante e ci basiamo di frequente su di esso, specialmente in particolari fasi del ciclo narcisistico. Il Carburante di Pensiero nasce quando prevediamo la tua reazione emotiva a qualcosa che abbiamo fatto o non fatto. Per quanto riguarda le nostre fonti primarie, il Carburante di Pensiero è il più forte. Questo in primo luogo a causa dell’alta posizione di quella persona in termini di Prossimità di Fornitura, ma anche perché conosciamo molto bene la nostra fonte primaria. La nostra fonte primaria è stata cercata, presa di mira e sedotta. Durante la seduzione inoltre ti abbiamo analizzato, comprendendo come ti comporti in base alla nostra esperienza di altre persone di natura simile a te, ma con l’aggiunta dell’accesso diretto e quotidiano a tutte le sfumature sottili, i comportamenti e le peculiarità che ti rendono ciò che sei. Questa conoscenza ci consente di determinare come reagisci. Continuiamo con la nostra osservazione e lo scrutinio attraverso la svalutazione. La nostra banca di conoscenza su come reagirai è in piena espansione. Sappiamo come reagirai a certe situazioni e possiamo prevedere che espressione avrai e cosa dirai. Generare quell’immagine è importante perché quando mettiamo in atto qualche forma di manipolazione contro di te, ma non siamo accanto a te o ti osserviamo per guardare la tua reazione, noi invece assorbiamo il Carburante di Pensiero dal sapere come reagiresti e con la conseguente emozione.

Di conseguenza, quando imponiamo un trattamento del silenzio durante la svalutazione e lo facciamo attraverso l’assenza di noi stessi, ovviamente non siamo in grado di vedere la tua reazione alla nostra scomparsa, ma sappiamo come sarà. Sappiamo che sarai ansioso e angosciato. Sappiamo che le lacrime ti scivoleranno sul viso o che sarai affannato dalla preoccupazione o che starai andando avanti e indietro per la nostra improvvisa partenza. Noi ti conosciamo e così facendo beviamo questo Carburante di Pensiero e ci sentiamo potenti sapendo che la nostra manipolazione ha causato questa reazione anche se non possiamo vederla. Il trattamento del silenzio continua e noi continuiamo ad attingere Carburante di Pensiero dalla conoscenza di come questo ti influenzerà. Questo Carburante di Pensiero e collegato anche col Carburante di Prossimità perché, ad esempio, se ci mandi un sentito messaggio durante questo trattamento del silenzio, noi vediamo l’emozione nelle tue parole e questo ci fornisce il Carburante di Prossimità accanto al costante Carburante di Pensiero.

Il Carburante di Pensiero è particolarmente utile quando ci impegniamo nelle nostre manipolazioni attraverso il trattamento del silenzio, o ti denigriamo e poi usciamo da qualche parte. Siamo in grado di evocare l’immagine di te sconvolto a casa e che temi il nostro ritorno, e questo Carburante di Pensiero ci rinvigorisce. È evidente quando ti abbiamo scartato in particolare quando pensiamo a come reagirai una volta che ti rendi conto che sei stato scartato e che non vogliamo più avere niente a che fare con te. Quando ti recuperiamo attraverso la tecnologia, anche se potremmo non ricevere una risposta alla nostra prima raffica di messaggi, continuiamo a trarre Carburante di Pensiero perché sappiamo come reagirai alla nostra comunicazione. Può essere eccitazione, può essere apprensione o può essere odio, ma qualunque cosa sia, ci alimenterà comunque, e questo è tutto ciò che conta per noi.

Lo svantaggio del Carburante di Pensiero è che la reazione prevista non può essere mantenuta a lungo senza la necessità di Carburante di Prossimità proveniente dalla stessa fonte. Se dopo quattro o cinque giorni che recuperiamo qualcuno tramite messaggio e non vi è risposta, gli effetti rinvigorenti di immaginare quale sarà la tua reazione svaniranno. Se si è deciso di non rispondere come parte di un inizio di No Contact, la mancanza di rispondere con Carburante di Prossimità implica che il Carburante di Pensiero può solo durare poco. Una volta trascorsi quei pochi giorni, abbiamo bisogno di una reazione di Carburante di Prossimità da te. Naturalmente, durante questo periodo, potremmo ricevere carburante da fonti diverse (sia di Prossimità che di Pensiero) dato che è il nostro approccio standard. Al fine di rivitalizzare il Carburante di Pensiero con un apparecchio particolare, tuttavia abbiamo bisogno che questo apparecchio fornisca Carburante di Prossimità. Quindi, dopo cinque giorni di silenzio senza risposta, il Carburante di Pensiero svanirà. Se poi ci telefoni e piangi al telefono perché non ti stiamo parlando, riceviamo una deliziosa dose di Carburante di Prossimità. Se dopo cadi in silenzio anche se stiamo inviando dei messaggi, la tua scorta di Carburante di Prossimità ha rinvigorito il Carburante di Pensiero perché ci hai fatto sapere che questo ti sta ancora influenzando. Questo contatto diretto da parte tua non solo ci ha dato Carburante di Prossimità, ma ha dato nuova vita al Carburante di Pensiero che continuerà a alimentarci dalla tua reazione ipotizzata fino a quando, ancora una volta, si ridurrà dopo alcuni giorni.

Anche questa situazione è un’arma a doppio taglio. Se dopo alcuni giorni in cui ci godiamo il Carburante di Pensiero, abbiamo poi un contatto diretto con te, ma non fornisci carburante perché ci rispondi in modo neutrale, se poi continua il silenzio da quel momento in poi non ricaveremo altro Carburante di Pensiero da quella particolare manipolazione perché hai dimostrato che non si sta rivelando efficace. Possiamo continuare il trattamento del silenzio e concentrarci su una diversa fonte di carburante, ma non ne riceveremo più da te, fino a quando non assisteremo nuovamente al Carburante di Prossimità.

Il Carburante di Pensiero sottolinea il nostro potere perché ci dimostra che possiamo essere super caricati dal sapere come reagirai anche se non vediamo la tua reazione. Per noi, questo è un esempio del considerevole potere che esercitiamo. Inoltre significa che, anche se in qualche modo non stai reagendo nel modo in cui prevederemmo (anche se questo di solito è improbabile), almeno per un certo numero di giorni continueremo a guadagnare Carburante di Pensiero perché è basato sul modo in cui ti abbiamo visto comportarti e reagire in precedenti occasioni.

Il Carburante di Pensiero viene ottenuto molto spesso dalla Fonte Primaria, ma può essere estratto da altre fonti. Sapere come un amico reagirà alla nostra mancata presentazione alla sua festa di compleanno o sapere come qualcuno che serve in un bar reagirà alla nostra risciacquata mentre ci allontaniamo con un sorriso sulla faccia ci permette di attingere il Carburante di Pensiero anche da questi Metodi di Consegna.

Questo è il motivo per cui il carburante è così importante per noi. Questo è il motivo per cui il carburante è così pervasivo ed è l’oggetto di tutti i nostri programmi e manipolazioni.

H.G. TUDOR

Thought Fuel

Pubblicato il Lascia un commento

📰 COME RIDURRE LA FORNITURA DI CARBURANTE AL NARCISISTA

Il carburante è la linfa vitale della nostra specie. Alcuni fanno riferimento a esso come nutrimento narcisistico (definizione decisamente troppo lunga e non rende l’idea di che cosa significa per noi) o l’orribile termine “alimentazione” (certamente più corto ma impreciso). Il carburante è qualsiasi risposta emotiva a qualcosa che abbiamo detto, fatto o causato. (…)

Se non possiamo ottenere carburante da un dispositivo allora questo ci obbligherà a cercare carburante altrove. A volte provoca una fuga immediata e a volte si può prendere tempo perché si verifichi questa fuga, ma accadrà.

Se la fornitura di carburante è molto bassa, poco frequente e/o acquisirlo risulta particolarmente difficile, comporta anche che il narcisista alla fine selezionerà dispositivi alternativi per la fornitura delle sue esigenze di carburante.

Di conseguenza, interrompere la fornitura di carburante è una componente chiave per raggiungere la tua libertà da noi. Il più ovvio percorso per fare questo è attuare un efficace regime di no contact. Se non siamo in grado di interagire con te in alcun modo, non possiamo ottenere alcun carburante da te e questa mancanza di carburante agisce nel favorire il mantenimento di un Alta Barra di Recupero e quindi il rischio di futuri recuperi basso. Adoperarti per un no contact totale deve essere sempre il tuo scopo.

Tuttavia, che dire di quelle situazioni in cui il no contact totale non è stato raggiunto o mantenuto? Che dire di quelle situazioni in cui vi è una interazione tra te e il narcisista, come gestisci queste situazioni in modo da fornire la minima quantità di carburante? Prima di tutto si dovrebbe capire che ciò che segue nel presente articolo non deve essere considerato come una alternativa al no contact. Non puoi optare per questo approccio. Non pensare di poter scegliere tra no contact totale e un’alternativa che è meno di un no contact – se lo fai, aspettati di fallire. Lo scopo di questo articolo è quello di coprire due situazioni in cui il no contact totale non si è verificato :-

1. L’imboscata. Puoi aver cambiato casa, bloccato i (suoi) numeri, cambiato i (tuoi) numeri, cambiato lavoro, abbandonato alcuni gruppi sociali a rischio e messo in atto diverse misure, il che ha portato ad un efficace no contact. Anche in questo caso, ti può semplicemente accadere di imbatterti nel narcisista mentre cammini per la strada, a un evento o anche da qualche parte dove non te l’aspetti. A meno che tu non viva da eremita in una grotta nella montagna non puoi stabilire che questo sia colpa del tuo regime di no contact e sei stato sfortunato perché ti è stata tesa questa imboscata. Il narcisista può aver programmato di farlo o può essere solo una coincidenza, ma in entrambi i casi, ti sei incontrato faccia a faccia con il narcisista; e/o

2. Legittima Eccezione al No Contact Totale. Permettetemi di chiarire questo punto, questi casi sono molto pochi ed effettivamente sporadici. Non si tratta di mantenere il numero del narcisista nel tuo “telefono e non bloccare tale numero nel caso in cui non vi sia una situazione di emergenza – che non è un’eccezione legittima. Non è andare nella stessa palestra alla stessa ora e nello stesso giorno che c’è il narcisista – puoi apportare delle modifiche per rafforzare il tuo regime di no contact a questo proposito. Le Legittime Eccezioni dovrebbero includere mantenere un impiego in cui lavora anche il narcisista in attesa della partenza per un nuovo impiego o un trasferimento in un altro posto.
Si potrebbe obiettare che tu potresti semplicemente lasciare subito il lavoro per ottenere il no contact e sì, che è un’opzione, e un’opzione che dovrebbe essere considerata dal momento che sei determinata a raggiungere un solido no contact, ma se non vi è alcun lavoro immediatamente disponibile, non si hanno risparmi e vi è un periodo di preavviso da rispettare, allora dovrai rimanere in una situazione in cui vi è un rischio di contatto. La Legittima Eccezione può riguardare anche la co-genitorialità con un narcisista dove non vi è un ordine di tribunale che stabilisce l’affidamento congiunto. La Legittima Eccezione riguarda andare in tribunale dove ci sarà pure il narcisista. Ricorda, anche la Legittima Eccezione non ti dà la scusa per interagire liberamente con il narcisista, infatti ci sono ancora molte cose che puoi fare, il che significa che è ancora possibile mantenere la totale assenza di contatto o un alto livello di no contact, ma questi sono argomenti per una discussione a parte. Questo articolo affronta quelle situazioni molto rare in cui capita di avere un contatto con il narcisista in modo da non dargli carburante o da dargliene molto poco.

Vorrei sottolineare che NON PUOI utilizzare questo articolo per interagire ripetutamente con noi e pensare di poterlo fare in modo tale che non abbia un effetto collaterale su di te. Se continui a interagire con il narcisista, il tuo pensiero emotivo si risveglierà e aumenterà e FINIRAI per perdere la razionalità e la resistenza. È necessario che tu riconosca e capisca questo, e vedi Mai Immune Sempre Resistente.

È importante che tu comprenda che l’interazione più pericolosa con noi, è qualsiasi diretta interazione fisica con noi. Perché questo?

1. La più grande quantità di carburante che ci fornisci proviene dalla diretta interazione fisica. Questo perché le parole che usi, il tono di quelle parole, il linguaggio del tuo corpo, la tua espressione del viso e il guardarti negli occhi si combinano tutte per fornirci enormi quantità di carburante. Pertanto, ove possibile noi vogliamo avere un’interazione di persona con te.
2. Tu sei di gran lunga più facile da manipolare di persona perché il tuo pensiero emotivo nasce grazie alla nostra vicinanza che poi ti indebolisce e fa cadere molto più rapidamente la tua resistenza nei nostri confronti. È più facile ignorare una nostra e-mail ma molto più difficile quando ti guardiamo, ti doniamo quel sorriso vincente che ti fa sciogliere appena il nostro familiare profumo si riversa sopra di te. Puoi pensare di poter resistere a questo (e alcuni potrebbero farlo per un po’), ma ho visto molte ricadute quando vi è interazione fisica con noi.
3. La tua gentilezza e onestà fanno sì che tu puoi anche lottare per ignorarci quando vi è una diretta interazione fisica. Il tuo pensiero emotivo ti farà dire ciao e almeno essere educato e quindi inizia l’affettamento del salame dato che ti abbiamo attirato ancora una volta.
4. Non importa quanto pensi di essere controllato in nostra presenza, puoi essere in grado di mantenere il tuo tono di voce calmo ma le tue immediate risposte emotive (le espressioni del viso, lo sguardo degli occhi, il linguaggio del corpo ecc.) forniscono carburante e queste per te sono praticamente impossibili da interrompere. Lotterai anche per mantenere il tuo tono di voce calmo quando parli con noi per molto più di un paio di minuti. Di conseguenza, ci darai sempre un po’ di carburante quando ti vediamo di persona. Ciò sottolinea la necessità di evitare il contatto fisico diretto con noi come una priorità.

Quindi come puoi ridurre la portata di carburante che dai al narcisista?

1. Metti in atto il no contact e fallo in modo totale. Mantienilo a un livello efficace.
2. Se è necessario che ci sia contatto fisico diretto col narcisista allora cerca di ridurre il numero di queste occasioni al minimo indispensabile. Devi andare al ricevimento scolastico serale dei genitori alla stessa ora o puoi scegliere un orario diverso?
Potete stare al lato opposto del campo per guardare il vostro bambino che fa sport? Hai davvero bisogno di partecipare a quella riunione dove ci sarà il narcisista – puoi evitarlo, mandare qualcun altro, partecipare per iscritto o ascoltare e interagire per mezzo di una chiamata in conferenza telefonica? Puoi stare seduto ad un tavolo diverso da quello del narcisista all’evento? Puoi cambiare il turno alla mensa per il personale in modo da non andare quando sai che c’è il narcisista? Sì, potresti non sopportare di dover effettuare questi adattamenti ma vale la pena farlo al fine di ridurre al minimo il rischio di fornitura di carburante e mantenere l’interesse del narcisista per voi ad un livello elevato. Ricorda, vogliamo un contatto fisico diretto per le ragioni sopra esposte.
3. Se un contatto fisico diretto avviene mediante imboscata, applicare il GOSO e esci e rimani fuori. Allontanati da noi e non dire niente. Non guardare sconvolto, spaventato o preoccupato. Molte persone pensano che se ti allontani da noi allora pensiamo di aver “vinto”. Sì, potremo dire ai cittadini che (‘ho visto Anne ieri ma lei è subito sgattaiolata via da me come un ratto spaventato”) ma questo è solo per la facciata. Se ci ignori e lo fai senza reazione (a parte andartene), questo ci ferisce enormemente e noi lo odiamo. Di conseguenza, potresti imbatterti in noi da qualche parte a quel punto la tua priorità è allontanarti da noi. Allontanati, inventa una scusa che devi andare da qualche parte se proprio hai bisogno di dire qualcosa, fingi di aver bisogno di andare al bagno, fingi di ricevere una chiamata – qualunque cosa necessaria a farti allontanare.
4. Se davvero, davvero non puoi scappare immediatamente, allora dovresti farlo al più presto. Nel frattempo parla con altre persone e non con noi (anche questo ci ferirà) ove è possibile. Se devi parlare con noi, mantieni un tono impatziale, evita il contatto con gli occhi, parla di argomenti neutri o argomenti che non dicano molto su di te (ricordati che noi staremo cercando carburante ma anche informazioni su di te da poter utilizzare). Di conseguenza, parlare del viaggio, della gita o di qualsiasi posto in cui ti trovi, la pop star di cui c’è il concerto, qualcosa che hai fatto di recente che non ti preoccupi di rivelare al narcisista non sarà usato contro di te. Non chiedere al narcisista come lui o lei sta. Se vuol parlare, lascialo fare e guardalo impassibile. Più lui parla più tu puoi concentrarti sull’estraniarti e sul non fornirgli reazioni, mentre pianifichi il tuo allontanamento dalle sue vicinanze.
5. Evita gesti espansivi e ampi, puntare, gesticolare, agitare i pugni, alzare le mani, ecc – tutto questo fornisce carburante. Anche tenere le mani unite dietro le spalle, o metterle in tasca; tieni la borsa o mettile sul tavolo e tieni le mani in quella posizione. Prendi qualcosa da tenere o toccare e dì a te stesso che hai bisogno di mantenere quella posizione o quell’oggetto fino a che non sei lontano dal narcisista.
6. Resisti a tutti i tentativi di attaccarci in qualche modo. Anche se puoi morire dalla voglia di dirci che bastardi siamo stati o per mettere i puntini sulle i su una o venti cose, finirai solo per perdere il controllo e ci fornirai il carburante.
7. Se il narcisista ti ha telefonato e hai risposto, metti subito giù il telefono. Non dirci di andar via, non fare domande, termina la chiamata immediatamente.
8. Se ci deve essere una qualche forma di comunicazione con il narcisista, o falla arrivare attraverso una terza persona – poiché questo rimuove quasi del tutto il carburante (in quanto sono parole di terze persone e non tue (a meno che la terza persona non faccia riferimento a te – cosa che dovrebbe evitare)) o fallo per iscritto. La scrittura dovrebbe essere il solo metodo di comunicazione in cui deve essere recapitato un messaggio del genere – ad esempio per quanto riguarda l’organizzazione genitoriale.
Mettendo la comunicazione per iscritto raggiungi i seguenti obiettivi:

• Ti concedi del tempo per “estirpare’ il linguaggio emotivo e quindi il carburante – parlare non ti offre questa funzione di modifica, e neppure essere davanti a noi;
• Hai un documento scritto nero su bianco che può rivelarsi utile in futuro
• Sarai più conciso
• Se fornisci il carburante ne fornirai solo una piccola quantità dato che la parola scritta ci fornisce la minor quantità di carburante che può essere fornita, rispetto ad altri metodi di comunicazione.

Questo è lo scopo di non avere nessuna interazione con noi. Se vi è un’interazione a causa di un’imboscata, allontanati il più velocemente possibile e se non puoi, gestisci le tue risposte come descritto sopra fino a quando non sei in grado di allontanarti. Per altre interazioni, riduci quelle fisiche al livello più basso possibile e piuttosto usa comunicazioni scritte. In questo modo ridurrai la fuoriuscita di carburante, alzerai la Barra di Recupero e ci farai morire di fame di ciò che vogliamo da te.

H.G. TUDOR

How To Reduce Giving Fuel to the Narcissist

Pubblicato il Lascia un commento

📰 FIUTARE IL SANGUE


Nel nostro impegno con i nostri apparecchi e in particolare con le nostre fonti primarie, cerchiamo ripetutamente di estrarre carburante. Siamo stati progettati per attirare quei fornitori di carburante nella nostra presa, dai colleghi con cui lavoriamo, ai membri della famiglia agli amici interessati in modo che, piuttosto che circondarci di dispositivi con funzioni limitate, ci assicuriamo che tutti quelli che ci sono affezionati è più probabile che ci forniscano carburante. Come ho spiegato prima, ci piace preservare la nostra energia e operare in modo efficace ed efficiente. Come parte di tale approccio ci piace appurare se riusciamo a percepire il carburante nelle nostre interazioni con voi, allo stesso modo in cui uno squalo sente il sangue nell’oceano e sa che l’attende un bottino più grande. Ci sono alcune reazioni che tu hai che ci dicono immediatamente che c’è più carburante pronto per essere estratto. Proprio come un piccolo taglietto sulla gamba può far cadere gocce di sangue ed essere fiutato dallo squalo predatore, ci sono alcune cose che ci dirai che ci dicono che dovremmo tuffarci e cogliere il vantaggio. Ci sono commenti che farai, che ci indicano che hai in mano un serbatoio di carburante appena sotto la superficie e tutto ciò che dobbiamo fare è aprirti e abbuffarci di quel carburante che ci attende. La tua reazione ci dice che la tua emozione è lì, a pochi minuti dall’essere estratta, sequestrata e raccolta, in modo che, invece di occuparci di qualcos’altro, ci fa più comodo concentrare i nostri sforzi su di te.

È come fissare una grande massa d’acqua dietro una parete di vetro. Vogliamo che quella massa d’acqua arrivi a uscir fuori, a travolgerci e cadere a cascata su di noi. Non vogliamo dedicare il tempo a martellare questo vetro temprato nella speranza di farlo crollare. Non vogliamo spendere le nostre energie a picchiare con lo scalpello e trapanare ma invece vogliamo trovare il punto debole. Vogliamo identificare quella pecca, quella debolezza, quell’apertura, il che implica che con un’accurata applicazione di pressione, il costrutto si frantumerà e l’acqua si riverserà su di noi in un istante. Tu non sei diverso. Sei pieno di carburante. Questo è il motivo per cui ti abbiamo scelto. Potresti essere una super cisterna di carburante co-dipendente che richiede che venga praticata una breccia nella carena, potresti anche essere un pozzo di carburante super empatico che ha solo bisogno di un piccolo foro di trapano o una pompa di carburante empatica in cui una punta di spillo nel tubo consentirà al carburante di sprigionarsi. Sei un deposito di carburante che cammina e a volte possiamo solo fare una cosa, dire una cosa e il carburante uscirà a fontana, verrà sparato fuori, sgorgherà da te, pronto perché noi lo succhiamo tutto, mentre ci rimpinziamo del tuo delizioso e potente carburante e beviamo in profondità delle tue vaste risorse.

Sei tu che ci dai l’indicazione che sei pronto a far fluire il carburante, che la diga può essere facilmente violata e una volta fornita questa indicazione, ci vuole solo una piccola quantità di pressione, un minimo di applicazione e la più semplice delle manipolazioni per farti esplodere e otteniamo così tanto carburante. Sei lì lì per fornire il carburante, sta quasi per traboccare, ce n’è così tanto e tu ci dici che è lì, spesso con una sola frase, quindi noi applichiamo la pressione e il geyser erutta.

Queste indicazioni si possono applicare sia al carburante positivo che a quello negativo. I commenti di per sé forniranno una piccola quantità di carburante ma sono indicatori, i portali che ci dicono che in quel momento c’è tutto un mucchio di carburante aggiuntivo pronto per essere sfruttato ed è facile da fare. Questo è il motivo per cui quando ci fornisci gli indicatori positivi ci tuffiamo e ti invitiamo ad ampliare l’osservazione che hai fatto, i commenti che hai scambiato perché sappiamo che dietro ciò che hai detto c’è di più e lo vogliamo. Questo diventa ancora più evidente con gli indicatori negativi. Questi per noi rappresentano una vera e propria luce verde per saziare il nostro desiderio di carburante nel modo in cui un pugile soddisferebbe la sua sete di sangue. Hai sbandierato la chiave di fronte a noi con il tuo commento e noi ci concentreremo su quel commento e su ciò che questo significa per ottenere il carburante accumulato dietro di esso.

Se dovessi dirci queste cose, dovresti essere consapevole del fatto che ci hai appena mandato un telegramma per avvisarci che c’è carburante da guadagnare e qualsiasi cosa che stavamo facendo verrà dimenticata mentre giriamo e fissiamo i nostri occhi su di te. Come lo squalo in cerca, è stato rilevato l’odore del sangue e una preda facile e appagante è a portata di mano. Le nostre fauci fredde si serreranno intorno a te mentre ti perforiamo e iniziamo a bere rumorosamente la sovrabbondanza di carburante. Quali sono quindi questi indicatori, quali sono le cose che ci dici di cui dovresti essere consapevole che ci comunicano che c’è carburante pronto e in attesa di essere estratto, sfruttato e consumato?

Gli Indicatori Positivi

1. Ti amo
2. Come sei riuscito a farlo?
3. Non c’è nessuno come te.
4. Dove hai preso quella maglietta?
5. È stato fantastico.
6. Questo è un risultato eccezionale.
7. Potrei ascoltarti parlare per ore.
8. Potrei baciarti per sempre.
9. Morirei per te.
10. Non posso immaginare di essere da nessuna altra parte in questo momento, se non con te.
11. Ho finalmente trovato ciò che stavo cercando.
12. Se morissi ora, non avrebbe importanza.
13. Non so cosa farei senza di te.
14. Farei qualunque cosa per te.
15. Appartengo a te.

Gli Indicatori Negativi

1. Dove sei stato?
2. Adesso ti odio.
3. Non lasciarmi
4. Perché devi farmi del male in questo modo?
5. Chi è lei?
6. Ho solo bisogno di sentirmi amato.
7. Mi manchi sempre.
8. È così?
9. Cosa vuoi fare con me?
10. Sei ingiusto.
11. Per favore ascoltami.
12. Non urlare contro di me.
13. Non capisco.
14. Per favore parla con me.
15. Per favore fermati.
16. Ho bisogno di dormire.
17. Ti prego sii ragionevole.
18. È il mio compleanno.
19. Per favore, per il mio bene, fallo e basta.
20. Ora mi stai spaventando.

Lascia che cominci la smania di nutrimento.

H.G. TUDOR

Scenting Blood

Pubblicato il Lascia un commento

📰 RIFORNIRSI COMBATTERE O FUGGIRE?

Quando ti rapporti con la nostra specie, ti puoi aspettare una di tre tipi di risposte da parte nostra. Che tu sia una fonte primaria, secondaria o terziaria, il modo in cui interagisci con noi genererà una delle tre reazioni in noi. Questo perché sono risposte concepite, progettate e finalizzate per provvedere ai nostri bisogni o salvaguardare la nostra posizione. Come leggerai, vi sono delle sotto-divisioni all’interno di queste reazioni, ma ci sono tre risposte generali che sono applicabili ad ogni genere di legame che hai con la nostra specie. Ci sono vari fattori che influenzano quale risposta ci sarà, ma sarà una di queste tre.

Rifornirsi

L’interazione più comune tra noi, è legata al carburante. Se tu mi saluti in modo caloroso con un sorriso e il tuo tono è di benvenuto, mi stai fornendo carburante positivo. Una cameriera sorridente che mi da il mio drink, è carburante positivo. Se un collega si congratula con me per un successo con un particolare cliente allora è carburante positivo. Gli applausi in una riunione di colleghi forniscono ancora carburante positivo. Il modo in cui parli, ciò che dici, come ti esprimi e ciò che fai equivalgono tutti a carburante. Sia che tu sia uno sconosciuto lontano che interagisce con me tramite internet, uno sconosciuto vicino in un bar con cui ho iniziato a chiacchierare, un amico intimo di vecchia data, un membro della famiglia o la mia fidanzata. Tutti voi siete dispositivi e le vostre interazioni positive – approvazione, amore, ammirazione, gioia, felicità, congratulazioni, adorazione, cura- sono tutte forme di carburante positivo. Tu le fornisci volentieri e noi agiamo regolarmente in vari modi, alcuni discreti e altri meno, che fanno sì che tu ci dia questo carburante positivo.

C’è anche il carburante negativo. Quindi se insulto uno sconosciuto e lui mi dice arrabbiato di andare a farmi friggere, allora questo è carburante negativo. Potrei semplicemente leccare questa reazione mentre passeggio per strada, edificato da questa cucchiaiata di carburante. Potrei criticare un collega per la sua prestazione così che lui si difenda con aria permalosa. Ancora carburante. Potrei ignorare una chiamata di un amico così che lui manda messaggi ripetutamente chiedendo cosa non va, ulteriore carburante. Potrei insultarti così da farti piangere ed ecco altro carburante. Che sia odio, gelosia, rabbia, dolore, paura, invidia, irritazione, fastidio, tristezza e così via, queste sono tutte emozioni negative e quindi carburante negativo.

Come sai riguardo gli Scopi Primari, il carburante è l’obiettivo più importante che desideriamo assicurarci da parte tua.

Molte persone possono capire perché desideriamo carburante positivo dai nostri dispositivi. Dopo tutto chi non vuole essere amato e ammirato? Sicuramente alcune persone potrebbero desiderarlo più di altre, ma tutti amano essere ben visti, no?

La gente fatica a comprendere perché vogliamo carburante negativo. Ho spiegato in precedenza che il motivo riguarda la creazione di un contrasto ed anche perché il carburante negativo è molto più potente dato che le persone sono maggiormente inclini ad essere piacevoli e offrire carburante positivo (specialmente quelli che appartengono al gruppo degli Empatici) e quindi quando riusciamo ad attingere carburante negativo da qualcuno questo sottolinea il nostro potere. Ovviamente, tranne che nel caso delle fonti terziarie, non tentiamo di attingere carburante negativo da una fonte primaria o secondaria dato che se questo viene fatto prima che siano incastrati allora li perdiamo. Prima deve venire il positivo.

Spesso una delle principali rivelazioni per le nostre vittime è che vogliamo sia carburante negativo che positivo. Loro capiscono perché vorremmo essere ammirati, adorati, amati, ma non perché vogliamo essere insultati, avere qualcuno che sia arrabbiato con noi, qualcuno che ci attacchi in modo petulante. Lo facciamo perché è carburante negativo MA questo ci porta alla seconda categoria delle nostre reazioni.

Combattere

Qui c’è una sottodivisione nel momento in cui decidiamo che stiamo per combattere.

Combattere – Sfidando

Qui decidiamo di coinvolgerti ed in effetti “combatterti” perché ci hai sfidato. Ci sono due componenti cruciali dietro a questa decisione. Primo la fornitura di carburante e secondo esercitare il controllo.

Ad esempio mettiamo che tu reagisca in modo arrabbiato al fatto che siamo tornati a casa a mezzanotte puzzando di alcol quando ti avevamo promesso di portarti fuori. La tua risposta arrabbiata è carburante negativo ed è fornitura di carburante. Sebbene tu ci abbia insultato e quindi un normale osservatore potrebbe considerarla come una critica, non è una critica che ci ferisce perché gli insulti e le parole crudeli sono avvolte nel carburante.

Possiamo semplicemente accettare questo carburante negativo, passare oltre e andare a dormire. Generalmente però la prenderemo come una sfida.

Tu ci stai dando il carburante che vogliamo ma ne vogliamo di più. Possiamo valutare prontamente che c’è di più da ottenere e quindi noi sappiamo che se rispondiamo, sguinzagliando le nostre manipolazioni ecc.. possiamo provocarti a darci più carburante. Questa è una risposta istintiva da parte nostra. Quindi stiamo massimizzando l’offerta di carburante.

Secondariamente, anche se non siamo feriti perché i tuoi commenti critici sono avvolti nel carburante, tu ci stai comunque sfidando e questo non può essere permesso. Noi dobbiamo avere la meglio, dobbiamo avere il controllo e quindi la vediamo come un’opportunità non solo di ottenere più carburante da te ma anche di esercitare controllo su di te. Quindi, contrattacchiamo.

Quindi, se mi hai letto ti chiederai perché mai noi rispondiamo in un modo che assomiglia a quando la furia è accesa, ma sai che non può essere così perché la tua osservazione è carburante, il motivo per cui noi contrattacchiamo e litighiamo ecc.. è perché è un modo di ottenere più carburante e anche di esercitare il controllo.

Combattere – Rabbia

L’altra sottodivisione della categoria del combattere è quando tu hai innescato la nostra ira e noi decidiamo di sguinzagliare la furia contro di te.

Se ci hai ferito attraverso una critica questo di solito (a meno che non venga esercitato l’autocontrollo) causa l’innesco della nostra ira che ribolle. La tua critica potrebbe venire da parole dette ma generalmente viene da azioni che ci feriscono in qualche modo. Questa ferita deve essere affrontata è il modo consueto di farlo è attraverso l’innesco della furia.

L’ira. Quando è accesa può essere bollente (urla, violenza fisica, violenza sessuale, rompere cose, insultare, minacciare) o gelida (mettere il muso, trattamento del silenzio, dare le spalle freddamente a letto, occhiatacce).

In entrambi i casi la furia bollente o gelida sono risposte istintive di lotta a ciò che hai fatto, ossia l’averci ferito. Questa risposta è concepita per ottenere del carburante da te (che cura la ferita) e anche riaffermare il controllo su di te per fermare la tua critica verso di noi e al suo posto forzarti a offrirci il carburante.

Quindi è simile alla sottodivisione precedente ma è diversa perché è stata causata da una ferita, invece che da una consapevolezza istintiva di poter ottenere più carburante ed esercitare controllo tramite un combattimento di sfida.

Fuggire

La terza categoria consiste in una ritirata.

Non è il trattamento del silenzio (anche se può venire successivamente). Invece avviene in situazioni in cui siamo stati smascherati verso noi stessi, verso gli altri o criticati in modo da essere feriti. Possiamo anche avere la nostra rabbia che si è accesa ma non è riuscita ad ottenere carburante anzi tu continui a ferirci. In queste circostanze non abbiamo altra scelta che sganciarci, ritirarci e cercare carburante altrove per curare la ferita, evitando in questo modo il tuo rifiuto di darci energia e il fatto che ci ferisci ripetutamente.

Di conseguenza, quando tu interagisci con noi.

1. Ci dai Carburante

2a. Ci dai Carburante ma noi contrattacchiamo per ottenerne di più ed esercitare controllo, oppure

2b. La nostra furia è stata innescata e noi contrattacchiamo per ottenere carburante ed esercitare controllo

3. Noi combattiamo- scappiamo.

Per esempio, supponiamo che una fonte terziaria sbatta contro di noi per strada e si scusi immediatamente. Questo è carburante noi possiamo accettarlo e questa è la fine dell’interazione.

Possiamo decidere che queste persone meritino una lezione e che possiamo ottenere più carburante da loro quindi contrattaccheremo dicendo che sono dei coglioni perché non guardano dove vanno. Questo li irriterà perché si erano scusati. Risponderanno in modo arrabbiato e questo ci da ulteriore carburante. Continuiamo a litigare per provocare.

Se una persona ha sbattuto contro di noi e non si è scusata, lo vedremo come una critica. Questo ci ferirebbe e quindi c’è il rischio che la nostra rabbia si accenda. Se succede (a seconda del livello di autocontrollo di quel narcisista) allora attaccheremo dicendo che sono degli stronzi sonnambuli per far sì che ci diano carburante sia che rimangano male per la nostra scenata o che si scusino o che si mettano a litigare per via del nostro insulto. Noi otteniamo carburante e questo viene attinto fino a quando la ferita guarisce.

Facendo un esempio ulteriore, la Partner Fonte Primaria ci dice quanto siamo meravigliosi. Questo è carburante positivo che accettiamo.

Se ci accusano di avere un’amante e in modo sconvolto, noi otteniamo carburante. Probabilmente lo vedremo come una sfida- c’è più carburante da attingere qui E INOLTRE loro ci stanno dicendo cosa possiamo o non possiamo fare, quindi dobbiamo esercitare controllo. Le insulteremo dicendo che non importa se parliamo con altre donne perché lei è frigida. Questo causa ulteriore sofferenza, genera maggior carburante e ci permette anche di esercitare il nostro controllo.

Quindi, in tutte le tue interazioni con la nostra categoria sii consapevole che ciò che sta accadendo è che tu ci stai fornendo carburante, che c’è un combattimento di sfida o di rabbia o che noi ci ritiriamo.
Essere consapevole di queste risposte ti permette di capire e ti permette anche di schierare le tue risposte opportunamente.

H.G. TUDOR

Fuel, Fight or Flight

Pubblicato il Lascia un commento

📰 ALIMENTAMI UNA VOLTA

79698507_496470294305631_1528298137288966144_n.jpg

Il carburante è l’unica cosa che devo avere. È attraverso di esso che funziono ed esisto. Considero tutta l’energia emozionale come nutrimento. Un’assenza di emozione mi causa problemi considerevoli e finirà per determinare il mio distacco e la mia ricerca della stessa cosa da una fonte alternativa più affidabile. Ci sono alcuni che sostengono che tragga energia da alcuni oggetti inanimati, ad esempio, gli status symbol. Guido una macchina costosa, indosso abiti su misura e vivo in una grande casa e tutto ciò apparentemente mi procura carburante. È vero che noi desideriamo queste cose dato che si accordano al nostro senso di diritto a godere. Ci permettono anche di dimostrare il nostro successo e i nostri risultati al mondo intero. Noi bramiamo tali rappresentazioni di successo. Tuttavia, la mia tipologia ed io non desideriamo un orologio Rolex, un i-pad o un cellulare incastonato di diamanti come oggetti in sé. Vogliamo queste cose per la reazione che creano nelle altre persone.

Quelli che ci vedono guidare una Bentley decappottabile rimangono immancabilmente a bocca aperta. Questa reazione al nostro prestigio ci procura il carburante di cui abbiamo bisogno. Le occhiate ammirate che attiriamo quando camminiamo lungo i corridoi dell’ufficio al lavoro indossando uno dei nostri magnifici completi, ci procurano carburante. I complimenti per lo stile delle scarpe, il cottage di proprietà per le vacanze e quel party eccessivo che ha ospitato, sono tutte fonti di carburante per noi.
Gli oggetti inanimati sono piattaforme per l’approvvigionamento di carburante.
Se alcune persone resteranno meravigliate per la nostra scelta dell’automobile, ce ne saranno altre che esprimeranno gelosia e invidia.
Queste reazioni sono accolte anche meglio. I commenti taglienti che accompagnano occhiate verdi d’invidia sono sprecate con noi. Le parole evaporano perché sono le emozioni nascoste all’interno di queste parole e gli sguardi funesti ciò che vogliamo.

Il nostro fascino e dipendenza verso gli oggetti inanimati e la parte che giocano nel procurarci il carburante comunque non termina con ciò che tu consideri come oggetto inanimato in senso tradizionale. Il più efficace oggetto inanimato che ci rifornisce di carburante sei tu. Come possiamo considerare una persona come un oggetto inanimato? Così come per le parole dissipate in feroci commenti ci appigliamo alle emozioni, esattamente allo stesso modo l’identità di chi ci procura energia viene accantonata appena assaporiamo il carburante che possiamo estrarre. Quelle di voi che seduciamo e portiamo nel nostro mondo dove possiamo attingere dalla vostra energia in profondità, vengono considerate niente più che un dispositivo. Non vediamo una persona. Non riconosciamo un’identità. Vediamo una macchina che ha uno e un solo scopo. Fornirci carburante.

H.G. TUDOR

Fuel Me Once