👤 AMAMI ODIAMI NON IGNORARMI MAI

191106B Love Me, Hate Me, Never Ignore Me.jpgVoglio il tuo amore. Voglio il tuo odio. Voglio la tua gioia. Voglio le tue lacrime. Voglio ogni singola oncia emotiva che possiedi e voglio che sia diretta a me. È facile capire perché chiunque vuole essere amato, perché non è proprio quello che tutti vogliono? Amare ed essere amati. Ovviamente lo è. Ho sempre desiderato essere amato e non importa ciò che ho fatto, non importa quanto duramente ci ho provato, mi è stato negato. Spingiti più forte, vai avanti, lavora di più e lo avrai. Mi è stato promesso più volte questo guadagno e mi sono attenuto a questo. Mi sono sforzato e ho faticato e ho corrotto. Ho studiato, ho obbedito, mi sono allenato, ho corso e ho corso veloce, ho saltato e ho saltato più in alto di chiunque altro. Ho affrontato, ho sparato, ho spinto, ho nuotato, ho scritto, ho assecondato, ho risposto, ho letto e riletto. Ho fatto tutto ciò che mi è stato richiesto. Ti suona familiare? Naturalmente. Sai cosa vuol dire dare tutto di te e non essere ancora abbastanza. Sai come ci si sente a continuare a provare finché ti senti come se non avessi più niente da dare. Perché pensi che siamo così efficaci nell’estrarre questa sensazione da te? È perché la mia tipologia è stata istruita in questa tecnica per così tanto tempo che diventa una seconda natura.

Naturalmente sono stato elogiato. Sono stato incoraggiato. Sono stato supportato. Sono stato spinto. Mi è stato detto insegnato e ordinato. Sono arrivati gli applausi, ma c’era sempre un ammonimento.

“Questo è un risultato eccellente, la prossima volta prova a raggiungere il cento per cento.”

“Tempo brillante ma so che puoi farlo più velocemente. Hai solo bisogno di impegnarti di più.”

“È buono ma non buono come puoi fare tu. Tu sei migliore di quello.”

“Non male ma mi deluderai se non salirai in cima alla classe.”

Tuttavia, pur essendo un elogio con condizioni, era pur sempre un elogio e questo, unito ai miei sforzi, significava che non venivo mai ignorato. I risultati si accumulavano, venivano raccolti premi e ottenuti apprezzamenti. Verso l’alto, sempre verso l’alto. Di conseguenza, la tua lode e ammirazione significa molto per me. Era sempre il modello su cui venivo giudicato e ora è lo stesso. Desidero ardentemente l’adulazione e la passione, è per questo che lavoro così tanto da costringerti a darmele. Lo voglio, voglio essere visto, voglio essere riconosciuto e ciò significa che devo ricevere la tua attenzione intrisa di emozione. Non importa se mi stai urlando o se mi stai implorando di fermarmi, purché sia diretta verso di me. Questo è il motivo per cui tutto ciò che faccio è calcolato per ottenere una reazione.

Quando ti seduco, non devi mai ignorarmi. Ho investito troppo nella tua acquisizione per perderti per qualcun altro o per qualcos’altro. Il mio bombardamento su di te con messaggi e attenzione è fatto per attirarti a me, ma anche per assicurarmi che non ti avventuri da qualche altra parte e mi venga negata la tua attenzione. Questo è il motivo per cui ti scriverò e se non c’è una pronta risposta ti scriverò di nuovo, poi di nuovo, poi ti chiamerò e poi mi presenterò a casa tua. Ho bisogno di sapere che rispondi alla mia seduzione. Ho bisogno di controllarti. Ci sono troppe cose in gioco per permetterti di ignorarmi.

Quando inizia la svalutazione, ancora una volta ho bisogno dell’attenzione emotiva che viene da te che piangi, che urli e che sbraiti. Non mi disturba mai allo stesso modo in cui disturba te quando qualcuno ti urla contro. Io lo chiedo e l’unico effetto che fa è di farmi sentire potente perché so che sono in grado di sollecitare queste risposte da te in virtù delle mie manipolazioni. So senza dire nulla che tu mi implorerai e supplicherai di spiegare cosa c’è che non va, mi inseguirai, gli occhi spalancati per la confusione mentre mi implori di dirti cosa hai fatto di male.

Non sono schizzinoso per le emozioni che rivolgi verso di me. Bene o male le prenderò tutte. Il male, in effetti, mi fa sentire più potente, ma la dolce potenza delle risposte favorevoli e gli occhi ardenti di ammirazione sono ancor più accetti. Questo è uno dei motivi per cui faccio il tira e molla, rendendoti felice e gioiosa nei miei confronti e poi piena di dolore e rabbia. Il contrasto rafforza la mia onnipotenza perché io sono il burattinaio. Un momento riesco a farti ridere e poi con un colpo di interruttore ti ho in lacrime. Questo è potere. Questo è il controllo e questo è ciò che sottolinea la mia grandezza. Sì, so che consideri sbagliato questo comportamento. Ne sono perfettamente consapevole e non mi sono lasciato ingannare da alcuna pretesa del contrario. Sono pienamente consapevole che tale comportamento è considerato, cattivo, sbagliato e malvagio, secondo i tuoi valori, ma devi sapere che questa partita non viene giocata secondo le tue regole. Si gioca con le mie e io devo sempre vincere.

Dovresti essere sleale ed essere la persona cattiva che ho sempre sospettato tu fossi e ignorarmi, allora ti provocherò ancora di più per ottenere una reazione. Poche di voi si rendono conto che questo è lo scopo, almeno, non subito. Non sei in grado di comprendere questa improvvisa escalation, questa commutazione a causa della confusione in cui sei impantanata. Sono contento che sia così perché quando mi ignori, comincio a crollare. L’edificio che ho costruito inizia a incrinarsi, sgretolarsi e rompersi e io devo sfuggire al tuo tradimento e cercare le emozioni degli altri per compensare il tuo comportamento sovversivo. Se non riesco a portare il tuo amore o odio alla ribalta, non posso rimanere ignorato, perché questa sarebbe la mia condanna a morte e non ti permetterò di firmare quel mandato. Devo essere amato perché sono degno dell’amore più completo, devo essere odiato perché le mie opere sono quelle del diavolo e attirano la tua ira furiosa. Guarda sempre verso di me, dammi sempre le tue emozioni e non voltarmi mai le spalle. Fallo e tutto andrà bene. Almeno, per me, ma poi, comunque non ruota tutto attorno a me?

H.G. TUDOR

Love Me, Hate Me, But Never Ignore Me

📰 ASCOLTIAMO MAI?

191104A Do We Ever Listen.jpg

Potresti non pensarlo ma noi ti ascoltiamo davvero. Ammetto che può sembrare strano perché tu pensi che il nostro modo di comportarci implichi che non sia possibile che ti ascoltiamo. Non prendiamo atto di ciò che dici perché continuiamo a fare le stesse cose che facevamo prima. Continuiamo a ripetere un commento come se non avessimo mai sentito la tua risposta la prima volta. Ci ricordi l’ora in cui ci incontreremo e arriviamo tardi o non lo facciamo affatto. Potresti venire perdonato per aver pensato che siamo pessimi ascoltatori. La realtà è che siamo ottimi ascoltatori. La verità è che scegliamo di ascoltare in modo diverso.

Quando ci urli in faccia, avanzando la tua argomentazione in modo energico risponderemo a quello che stai dicendo, di solito con diniego e deflessione. Non siamo interessati a ciò che stai dicendo, siamo preoccupati di ascoltare i tuoi sentimenti. Vogliamo sentire la rabbia strozzata e ribollente che si manifesta nelle tue parole, perché in questo modo sappiamo (oltre a vedere il tuo viso contorto e arrossato) che hai reagito alla nostra provocazione e di conseguenza ci stai fornendo carburante. Se ti stai lanciando su di noi insulti, chiamandoci di tutti i nomi e rimproverando il nostro gusto di vestirci, il peso e l’intelligenza, non veniamo feriti da queste critiche perché il fatto che stai sputando veleno, urlando di rabbia o urlando di gioia mentre ci insulti significa che stai fornendo emozione che equivale al carburante. I nomi aspri si dissipano semplicemente perché non li sentiamo. Stiamo sentendo l’emozione di ciò che viene detto, questo è ciò che conta. Puoi studiare l’insulto più originale che il mondo abbia mai conosciuto, ma se ce lo lanci contro con emozione, tutto ciò che sentiamo è la tua reazione emotiva. Ti sei mai chiesto perché stiamo sorridendo quando litighi con noi? È perché ci stai dando quello che vogliamo: carburante. Oh, e anche perché sappiamo che sorriderti ti farà infuriare ancora di più.

Ti ascoltiamo con notevole attenzione durante le fasi iniziali della seduzione. Facciamo in modo che ogni pezzetto di informazioni, ogni frammento di conoscenza che ci aiuterà a sedurti e legarti strettamente a noi venga udito e assorbito, archiviato pronto per l’uso al momento opportuno. Ogni volta che ci riveli un nuovo ristorante che hai trovato o un nuovo spettacolo che è appena cominciato e che ti piace, ne prendiamo nota. Quando ci parli dei tuoi amici, ascoltiamo in attesa di portarli anche sotto il nostro incantesimo. Quando ascoltiamo in questa circostanza pensi che siamo attenti e interessati a te. In effetti, lo siamo e la tua reazione a questo è di lodarci, fornendoci in questo modo carburante, e di sentirti attratto da noi, legandovi in tal modo a noi. Il nostro interesse tuttavia non è quello che normalmente percepireste, perché è avvalorato dall’uso che possiamo fare di ciò che ci dici, al fine di proseguire col nostro programma.

Ti ascoltiamo anche per capire come i nostri comportamenti ti influenzano. Ascoltiamo la lode e la gioia che zampillano da te e notiamo ciò che abbiamo fatto che ha causato questo. Quando ti sottoponiamo alla svalutazione, assorbiamo il carburante che rovesci verso di noi, ma ascoltiamo anche come ti sta influenzando. Ci parli di come fa male, di come non riesci a dormire, di come ti senti ansioso, di come ti senti male, di quanto sei spaventato, di come non capisci. Non ci importa come ti senti ma più di tutto siamo interessati a te che ce lo dici. Questo costituisce il feedback basato sulle nostre varie manipolazioni. Mentre raccogliamo il carburante dalla tua supplica piena di lacrime, ci rendiamo anche conto di come ciò che abbiamo detto ha avuto un effetto su di te. Ti ascoltiamo mentre ci spieghi come ti senti perché non lo sentiamo da soli. Abbiamo bisogno di imparare da te in questo senso. Abbiamo bisogno di imparare così possiamo imitare è quando insorge la necessità. Dobbiamo imparare che se qualcuno avverte un senso di perdita, allora piangerà. Di conseguenza, se prevediamo di perderti, una reazione appropriata sarebbe piangere. Abbiamo imparato da ciò che ci hai mostrato e da ciò che ci hai detto. Vedi, ti ho detto che prestiamo attenzione a te. Ti ascoltiamo anche così sappiamo esattamente quanto è stata efficace la nostra manipolazione. È quello che ci stai dicendo che indica un grado di dolore e tristezza trascurabile o è più consistente? Non lo sappiamo da soli perché noi non proviamo tristezza. Quell’emozione ridondante ci è stata strappata o non ha mai permesso di svilupparsi fin dall’inizio. Di conseguenza, per capire cosa rende triste qualcuno, un po’ triste o tremendamente triste, dobbiamo osservare le tue reazioni e ascoltare quello che stai dicendo. Non stiamo ad ascoltare perché siamo preoccupati e perché vogliamo trovare una soluzione al tuo stato di tristezza. Non ci serve assolutamente a niente. Quello che stiamo facendo è ascoltare i particolari della tua infelicità in modo da poterla replicare. Possiamo riprodurre sia il fatto di fingere di sentirci infelici quando capita l’occasione adatta e anche replicarlo per rendere qualcuno infelice ai fini del controllo e della raccolta di carburante.

È attraverso l’ascolto che noi perfezioniamo le nostre capacità manipolative. È attraverso l’ascolto che impariamo tutto su di te, cosa ti piace e cosa non ti piace, quali sono le tue speranze e quali sono le tue vulnerabilità che possiamo sfruttare. Attraverso l’ascolto capiamo come ti senti così possiamo imitarlo. È attraverso l’ascolto che siamo in grado di comprendere come sei influenzato da ciò che facciamo. Sì, passiamo molto tempo a parlare, a dire al mondo di quanto siamo splendidi, e questo naturalmente è vero, ma saresti sorpreso semplicemente per quanto ascoltiamo. Solo perché potremmo non stare ascoltando basandoci su ciò che tu ritieni essere importante non significa che non stiamo ascoltando affatto. Lungi da ciò.

Di conseguenza, la prossima volta che ci implorerai di ascoltarti per una volta o che ci supplicherai di “ascoltare ciò che sto dicendo”, scoprirai che lo stiamo facendo e arriverai a rimpiangerlo.

H.G. TUDOR

Do We Ever Listen?

📰 20 COLPI DALLA PISTOLA DELL’AMPOLLOSITÀ

191015B 20 Bullets From The Pomposity Pistol.jpg

Dire che io e la mia specie abbiamo un’alta opinione di noi stessi è dire troppo poco. Noi siamo superiori, di alto livello, ed etereamente stupendi e meravigliosi. I nostri risultati sono magnifici, noi e la nostra serie di successi vi lasciamo semplici mortali a trascinarvi dietro di noi. Sappiamo che guardate, a bocca aperta e con gli occhi spalancati, un misto di stupore e invidia che si riversano su di voi. Quanto è bello essere come noi, vi chiedete. Beh, non solo siamo spettacolari e splendenti, siamo anche generosi, così generosi che io posso condividere con voi venti dei nostri commenti eccessivamente vanitosi ed egocentrici. Potreste averne sentiti alcuni rivolti a voi o semplicemente pronunciati in generale a portata delle vostre orecchie mentre noi contempliamo nobilmente l’orizzonte. Se li hai sentiti, sai di avere a che fare con uno della nostra specie e che noi crediamo sinceramente a questi commenti a prescindere da quanto pomposi, ipocriti, vanitosi o ridicoli possano sembrare. Tutto ciò che conta per noi è assicurarci di ottenere una reazione ad essi.

1. Io non mi lamento, io do consigli.
2. Io faccio, non mi faccio fare.
3. Non essere dispiaciuto. Sii preciso.
4. Mi guardano tutti. Io cambio le preferenze sessuali.
5. Io ti possiedo.
6. Ho tutto il diritto di farlo.
7. Io non mento mai.
8. Ho ottenuto tutto questo senza alcun aiuto.
9. Io ti ho reso quello che sei oggi.
10. Sono molto in sintonia con i miei sentimenti.
11. Odio i bugiardi.
12. Dipende tutto da me.
13. Io sono un dio.
14. Se non fosse stato per me, nulla sarebbe stato fatto qua.
15. Penso a tutti tranne che a me stesso. Sono troppo generoso a volte.
16. Può essere difficile essere così amato.
17. Non posso fare a meno di essere così popolare.
18. Sono la mia gente. Loro mi capiscono.
19. Tutti vogliono essere me o essere con me.
20. Io sono il burattinaio e il pifferaio. Prendine atto.

H.G. TUDOR

20 Bullets From The Pomposity Pistol

📰 RIFORNIRSI COMBATTERE O FUGGIRE?

191222D Fuel, Fight or Flight.jpg

Quando ti rapporti con la nostra specie, ti puoi aspettare una di tre tipi di risposte da parte nostra. Che tu sia una fonte primaria, secondaria o terziaria, il modo in cui interagisci con noi genererà una delle tre reazioni in noi. Questo perché sono risposte concepite, progettate e finalizzate per provvedere ai nostri bisogni o salvaguardare la nostra posizione. Come leggerai, vi sono delle sotto-divisioni all’interno di queste reazioni, ma ci sono tre risposte generali che sono applicabili ad ogni genere di legame che hai con la nostra specie. Ci sono vari fattori che influenzano quale risposta ci sarà, ma sarà una di queste tre.

Rifornirsi

L’interazione più comune tra noi, è legata al carburante. Se tu mi saluti in modo caloroso con un sorriso e il tuo tono è di benvenuto, mi stai fornendo carburante positivo. Una cameriera sorridente che mi da il mio drink, è carburante positivo. Se un collega si congratula con me per un successo con un particolare cliente allora è carburante positivo. Gli applausi in una riunione di colleghi forniscono ancora carburante positivo. Il modo in cui parli, ciò che dici, come ti esprimi e ciò che fai equivalgono tutti a carburante. Sia che tu sia uno sconosciuto lontano che interagisce con me tramite internet, uno sconosciuto vicino in un bar con cui ho iniziato a chiacchierare, un amico intimo di vecchia data, un membro della famiglia o la mia fidanzata. Tutti voi siete dispositivi e le vostre interazioni positive – approvazione, amore, ammirazione, gioia, felicità, congratulazioni, adorazione, cura- sono tutte forme di carburante positivo. Tu le fornisci volentieri e noi agiamo regolarmente in vari modi, alcuni discreti e altri meno, che fanno sì che tu ci dia questo carburante positivo.

C’è anche il carburante negativo. Quindi se insulto uno sconosciuto e lui mi dice arrabbiato di andare a farmi friggere, allora questo è carburante negativo. Potrei semplicemente leccare questa reazione mentre passeggio per strada, edificato da questa cucchiaiata di carburante. Potrei criticare un collega per la sua prestazione così che lui si difenda con aria permalosa. Ancora carburante. Potrei ignorare una chiamata di un amico così che lui manda messaggi ripetutamente chiedendo cosa non va, ulteriore carburante. Potrei insultarti così da farti piangere ed ecco altro carburante. Che sia odio, gelosia, rabbia, dolore, paura, invidia, irritazione, fastidio, tristezza e così via, queste sono tutte emozioni negative e quindi carburante negativo.

Come sai riguardo gli Scopi Primari, il carburante è l’obiettivo più importante che desideriamo assicurarci da parte tua.

Molte persone possono capire perché desideriamo carburante positivo dai nostri dispositivi. Dopo tutto chi non vuole essere amato e ammirato? Sicuramente alcune persone potrebbero desiderarlo più di altre, ma tutti amano essere ben visti, no?

La gente fatica a comprendere perché vogliamo carburante negativo. Ho spiegato in precedenza che il motivo riguarda la creazione di un contrasto ed anche perché il carburante negativo è molto più potente dato che le persone sono maggiormente inclini ad essere piacevoli e offrire carburante positivo (specialmente quelli che appartengono al gruppo degli Empatici) e quindi quando riusciamo ad attingere carburante negativo da qualcuno questo sottolinea il nostro potere. Ovviamente, tranne che nel caso delle fonti terziarie, non tentiamo di attingere carburante negativo da una fonte primaria o secondaria dato che se questo viene fatto prima che siano incastrati allora li perdiamo. Prima deve venire il positivo.

Spesso una delle principali rivelazioni per le nostre vittime è che vogliamo sia carburante negativo che positivo. Loro capiscono perché vorremmo essere ammirati, adorati, amati, ma non perché vogliamo essere insultati, avere qualcuno che sia arrabbiato con noi, qualcuno che ci attacchi in modo petulante. Lo facciamo perché è carburante negativo MA questo ci porta alla seconda categoria delle nostre reazioni.

Combattere

Qui c’è una sottodivisione nel momento in cui decidiamo che stiamo per combattere.

Combattere – Sfidando

Qui decidiamo di coinvolgerti ed in effetti “combatterti” perché ci hai sfidato. Ci sono due componenti cruciali dietro a questa decisione. Primo la fornitura di carburante e secondo esercitare il controllo.

Ad esempio mettiamo che tu reagisca in modo arrabbiato al fatto che siamo tornati a casa a mezzanotte puzzando di alcol quando ti avevamo promesso di portarti fuori. La tua risposta arrabbiata è carburante negativo ed è fornitura di carburante. Sebbene tu ci abbia insultato e quindi un normale osservatore potrebbe considerarla come una critica, non è una critica che ci ferisce perché gli insulti e le parole crudeli sono avvolte nel carburante.

Possiamo semplicemente accettare questo carburante negativo, passare oltre e andare a dormire. Generalmente però la prenderemo come una sfida.

Tu ci stai dando il carburante che vogliamo ma ne vogliamo di più. Possiamo valutare prontamente che c’è di più da ottenere e quindi noi sappiamo che se rispondiamo, sguinzagliando le nostre manipolazioni ecc.. possiamo provocarti a darci più carburante. Questa è una risposta istintiva da parte nostra. Quindi stiamo massimizzando l’offerta di carburante.

Secondariamente, anche se non siamo feriti perché i tuoi commenti critici sono avvolti nel carburante, tu ci stai comunque sfidando e questo non può essere permesso. Noi dobbiamo avere la meglio, dobbiamo avere il controllo e quindi la vediamo come un’opportunità non solo di ottenere più carburante da te ma anche di esercitare controllo su di te. Quindi, contrattacchiamo.

Quindi, se mi hai letto ti chiederai perché mai noi rispondiamo in un modo che assomiglia a quando la furia è accesa, ma sai che non può essere così perché la tua osservazione è carburante, il motivo per cui noi contrattacchiamo e litighiamo ecc.. è perché è un modo di ottenere più carburante e anche di esercitare il controllo.

Combattere – Rabbia

L’altra sottodivisione della categoria del combattere è quando tu hai innescato la nostra ira e noi decidiamo di sguinzagliare la furia contro di te.

Se ci hai ferito attraverso una critica questo di solito (a meno che non venga esercitato l’autocontrollo) causa l’innesco della nostra ira che ribolle. La tua critica potrebbe venire da parole dette ma generalmente viene da azioni che ci feriscono in qualche modo. Questa ferita deve essere affrontata è il modo consueto di farlo è attraverso l’innesco della furia.

L’ira. Quando è accesa può essere bollente (urla, violenza fisica, violenza sessuale, rompere cose, insultare, minacciare) o gelida (mettere il muso, trattamento del silenzio, dare le spalle freddamente a letto, occhiatacce).

In entrambi i casi la furia bollente o gelida sono risposte istintive di lotta a ciò che hai fatto, ossia l’averci ferito. Questa risposta è concepita per ottenere del carburante da te (che cura la ferita) e anche riaffermare il controllo su di te per fermare la tua critica verso di noi e al suo posto forzarti a offrirci il carburante.

Quindi è simile alla sottodivisione precedente ma è diversa perché è stata causata da una ferita, invece che da una consapevolezza istintiva di poter ottenere più carburante ed esercitare controllo tramite un combattimento di sfida.

Fuggire

La terza categoria consiste in una ritirata.

Non è il trattamento del silenzio (anche se può venire successivamente). Invece avviene in situazioni in cui siamo stati smascherati verso noi stessi, verso gli altri o criticati in modo da essere feriti. Possiamo anche avere la nostra rabbia che si è accesa ma non è riuscita ad ottenere carburante anzi tu continui a ferirci. In queste circostanze non abbiamo altra scelta che sganciarci, ritirarci e cercare carburante altrove per curare la ferita, evitando in questo modo il tuo rifiuto di darci energia e il fatto che ci ferisci ripetutamente.

Di conseguenza, quando tu interagisci con noi.

1. Ci dai Carburante

2a. Ci dai Carburante ma noi contrattacchiamo per ottenerne di più ed esercitare controllo, oppure

2b. La nostra furia è stata innescata e noi contrattacchiamo per ottenere carburante ed esercitare controllo

3. Noi combattiamo- scappiamo.

Per esempio, supponiamo che una fonte terziaria sbatta contro di noi per strada e si scusi immediatamente. Questo è carburante noi possiamo accettarlo e questa è la fine dell’interazione.

Possiamo decidere che queste persone meritino una lezione e che possiamo ottenere più carburante da loro quindi contrattaccheremo dicendo che sono dei coglioni perché non guardano dove vanno. Questo li irriterà perché si erano scusati. Risponderanno in modo arrabbiato e questo ci da ulteriore carburante. Continuiamo a litigare per provocare.

Se una persona ha sbattuto contro di noi e non si è scusata, lo vedremo come una critica. Questo ci ferirebbe e quindi c’è il rischio che la nostra rabbia si accenda. Se succede (a seconda del livello di autocontrollo di quel narcisista) allora attaccheremo dicendo che sono degli stronzi sonnambuli per far sì che ci diano carburante sia che rimangano male per la nostra scenata o che si scusino o che si mettano a litigare per via del nostro insulto. Noi otteniamo carburante e questo viene attinto fino a quando la ferita guarisce.

Facendo un esempio ulteriore, la Partner Fonte Primaria ci dice quanto siamo meravigliosi. Questo è carburante positivo che accettiamo.

Se ci accusano di avere un’amante e in modo sconvolto, noi otteniamo carburante. Probabilmente lo vedremo come una sfida- c’è più carburante da attingere qui E INOLTRE loro ci stanno dicendo cosa possiamo o non possiamo fare, quindi dobbiamo esercitare controllo. Le insulteremo dicendo che non importa se parliamo con altre donne perché lei è frigida. Questo causa ulteriore sofferenza, genera maggior carburante e ci permette anche di esercitare il nostro controllo.

Quindi, in tutte le tue interazioni con la nostra categoria sii consapevole che ciò che sta accadendo è che tu ci stai fornendo carburante, che c’è un combattimento di sfida o di rabbia o che noi ci ritiriamo.
Essere consapevole di queste risposte ti permette di capire e ti permette anche di schierare le tue risposte opportunamente.

H.G. TUDOR

Fuel, Fight or Flight

📰 ALIMENTAMI UNA VOLTA

79698507_496470294305631_1528298137288966144_n.jpg

Il carburante è l’unica cosa che devo avere. È attraverso di esso che funziono ed esisto. Considero tutta l’energia emozionale come nutrimento. Un’assenza di emozione mi causa problemi considerevoli e finirà per determinare il mio distacco e la mia ricerca della stessa cosa da una fonte alternativa più affidabile. Ci sono alcuni che sostengono che tragga energia da alcuni oggetti inanimati, ad esempio, gli status symbol. Guido una macchina costosa, indosso abiti su misura e vivo in una grande casa e tutto ciò apparentemente mi procura carburante. È vero che noi desideriamo queste cose dato che si accordano al nostro senso di diritto a godere. Ci permettono anche di dimostrare il nostro successo e i nostri risultati al mondo intero. Noi bramiamo tali rappresentazioni di successo. Tuttavia, la mia tipologia ed io non desideriamo un orologio Rolex, un i-pad o un cellulare incastonato di diamanti come oggetti in sé. Vogliamo queste cose per la reazione che creano nelle altre persone.

Quelli che ci vedono guidare una Bentley decappottabile rimangono immancabilmente a bocca aperta. Questa reazione al nostro prestigio ci procura il carburante di cui abbiamo bisogno. Le occhiate ammirate che attiriamo quando camminiamo lungo i corridoi dell’ufficio al lavoro indossando uno dei nostri magnifici completi, ci procurano carburante. I complimenti per lo stile delle scarpe, il cottage di proprietà per le vacanze e quel party eccessivo che ha ospitato, sono tutte fonti di carburante per noi.
Gli oggetti inanimati sono piattaforme per l’approvvigionamento di carburante.
Se alcune persone resteranno meravigliate per la nostra scelta dell’automobile, ce ne saranno altre che esprimeranno gelosia e invidia.
Queste reazioni sono accolte anche meglio. I commenti taglienti che accompagnano occhiate verdi d’invidia sono sprecate con noi. Le parole evaporano perché sono le emozioni nascoste all’interno di queste parole e gli sguardi funesti ciò che vogliamo.

Il nostro fascino e dipendenza verso gli oggetti inanimati e la parte che giocano nel procurarci il carburante comunque non termina con ciò che tu consideri come oggetto inanimato in senso tradizionale. Il più efficace oggetto inanimato che ci rifornisce di carburante sei tu. Come possiamo considerare una persona come un oggetto inanimato? Così come per le parole dissipate in feroci commenti ci appigliamo alle emozioni, esattamente allo stesso modo l’identità di chi ci procura energia viene accantonata appena assaporiamo il carburante che possiamo estrarre. Quelle di voi che seduciamo e portiamo nel nostro mondo dove possiamo attingere dalla vostra energia in profondità, vengono considerate niente più che un dispositivo. Non vediamo una persona. Non riconosciamo un’identità. Vediamo una macchina che ha uno e un solo scopo. Fornirci carburante.

H.G. TUDOR

Fuel Me Once