Pubblicato il Lascia un commento

🎄 BAH SCIOCCHEZZE!

161225 Bah Humbug!.jpg

“È il periodo più bello dell’anno”, così cantava qualcuno di cui non ricordo a proposito del Natale. No non lo è. È quasi certo che il Grinch appartenesse al nostro club. Noi odiamo il Natale e questo implica che sarà terribile anche per te. In effetti, qualsiasi tipo di celebrazione avrà come risultato che temerai quel giorno quando arriva e tu camminerai sui gusci d’uovo per l’intera giornata. Ciò che dovrebbe essere piacevole per tutti diventa un incubo e questa è una delle nostre deliberate creazioni.

La cosa più orrenda del Natale è il concetto di dare. Non fraintendermi, se vuoi impegnarti a far regali, accomodati pure, purché siano per me e per nessun altro. Non aspettarti che io ricambi. Il Natale richiede sforzi e noi non facciamo sforzi. Scrivere biglietti di auguri natalizi, fare shopping per regali (non hai letto l’articolo precedente sul farti regali?), Preparare cibo, far visita alle persone, intrattenere le persone e sopportare i parenti per giorni e giorni. No grazie. Se vuoi impiegare tutti gli sforzi per far questo, puoi proseguire. Anzi, preferirei che tu lo facessi così io posso entrare a dare il tocco di luce finale all’albero di Natale oppure salpare e sedermi a capotavola con tutto il cibo preparato e allestito in modo da potermi impegnare nel radunare tutti assieme con i miei aneddoti su quanto sono meraviglioso.

Tu potresti pensare che forse io vedo il Natale come un’opportunità per identificare ed estrarre nuove forme di rifornimento. Questo può avvenire in qualche occasione ma non è la promessa del carburante potente che potresti aspettarti. Innanzitutto, il Natale è per i bambini ed essi sono i buchi neri del carburante. Potrei partecipare alla festa di una persona nel giorno di Santo Stefano ed essere impegnato a stupirla con alcuni dei miei racconti standard, e intanto miro a sedurla, quando apparirà un topo da tappeto a tirare la gonna del mio obiettivo. La sua attenzione passerà al piccolo Johnny e i miei sforzi vengono dissipati mentre lei se ne va per trovargli una fetta di torta o portarlo in bagno. Alcuni dei giochi in cui io sono al centro della scena in un incontro di adulti divengono inefficaci mentre vengo infastidito da un marmocchio precoce con la loro interpretazione di Silent Night che provoca il tubare delle persone riunite. In alternativa, uno dei più piccoli che sono presenti decide di iniziare a piangere e quindi l’attenzione si rivolge a lui o lei per cercare di placare e confortare il bambino che urla. Quella attenzione dovrebbe essere focalizzata su di me, non su di lui o su di lei. Lo trovo irritante per non dire altro.

Ciò che mi turba in modo considerevole è la fissazione con un personaggio fittizio in un abito rosso. Scrivi una lettera a Babbo Natale. Babbo Natale sta guardando, quindi è meglio che tu stia buono. Vai a trovare uno degli aiutanti di Babbo Natale. Prepara alcuni tortini per lui e lasciali fuori. Smettila di parlare del maledetto Babbo Natale, non esiste nemmeno. Io esisto ma è un duro lavoro cercare di competere con Babbo Natale. Divento così infuriato per il trambusto che viene fatto su di lui e devo ancora elaborare una discreta campagna diffamatoria che possa distruggerlo, il gioviale ometto rotondo sembra insensibile a un buon assassinio di personalità. Ma ci sto ancora lavorando.

Avevo l’abitudine di dire ai miei fratelli più giovani che Babbo Natale non esisteva facendoli piangere. Ricordo ancora quella sensazione di calore che mi attraversava mentre guardavo le loro lacrime che scorrevano. Le facce rosse, sconvolte, quando facevo loro notare con una dura verità dopo l’altra che lui non poteva esistere. Sono stato sempre punito per questo, ma ne è valsa la pena. Le persone hanno bisogno di sapere la verità su certe cose.

Io penso di non amare il Natale così tanto perché tende ad usurpare molte delle mie capacità, non è qualcosa che mi piace ammettere, ma è così. Io sono tutto ciò che è nuovo e splendente, ti faccio penzolare le palline scintillanti di fronte per portarti per il naso nella mia terra di fantasia. Cosa fa il Natale? Insiste sul fatto di avere alberi abbelliti con palline lucenti e luci scintillanti. Le case sono addobbate di luci brillanti e scintillanti. Le decorazioni abbondano e serti, calze e ghirlande richiedono attenzione. La radio emette una parata incessante di canzoni festive; che la gente preferirebbe ascoltare piuttosto che le mie storie di eccellenza. Le richieste di preparazione fanno sì che le persone siano troppo preoccupate di organizzare tutte queste cose quando dovrebbero dirigere la loro attenzione su di me. Stanno chiamando gli amici, altri membri della famiglia e organizzando visite. Tu passi il tuo tempo a dire come non vedi le persone da così tanto tempo e poi dirotti la tua attenzione su di loro. Ho passato tutto l’anno a cercare di tenerti isolato e separato dalle tue reti e il Natale arriva a rovinare tutta la mia impresa.

Io reagisco nell’unico modo che conosco. Con disprezzo, critica e cattiveria. Mi rifiuto di partecipare alle attività, non darò una mano coi preparativi, e faccio del mio meglio per evitare di avere gente a far visita a meno di non poter essere sicuro che mi daranno il carburante che chiedo. Mi accontento di assistere alle feste, soprattutto se è improbabile che vi siano bambini, questo mi dà un po’ di speranza mentre mi aggiro nella stanza succhiando carburante da ogni fonte di ammirazione disponibile. Rompo i regali; li nascondo e li schifo per provocare una reazione. Pasticcio con i comandi della cucina nella speranza di rovinare il pranzo di Natale così si sviluppa una scena. Adoro il dramma di un tacchino poco cotto. Proverò ad abbracciare impropriamente tua sorella sotto il vischio e poi la incolperò di essere ubriaca. Devo ammettere che, nonostante tutti i miei sforzi, è un periodo difficile da superare. A volte tu resti spaventosamente allegro e ci sono troppe cose che distolgono dall’attenzione che voglio.

Io odio il Natale e di solito faccio tutto ciò che posso per rovinarlo anche a te. Devi impegnarti molto per tenerlo sulla strada giusta. A volte funziona e a volte no. Ci sono occasioni in cui il meglio che posso sperare è sedermi e tenere il broncio e fare mente locale di tutte le cose che tu fai in questo periodo che mi offendono e tirarle fuori una volta che i tuoi familiari se ne sono andati e non vi saranno più amici attorno. Solo e messo in un angolo posso riaffermare la mia superiorità e il controllo. Non mi godrò il Natale, quindi non sprecare il tuo tempo a cercare di assicurarmi che lo faccia e fa’ attenzione, perché cercherò di rovinartelo. Bah sciocchezze!

H.G. TUDOR

Bah Humbug!


 

Rispondi