📁 IL MARE DELLE EMOZIONI: LA BATTAGLIA POST DISIMPEGNO/FUGA – PARTE UNO

190903 The Emotional Sea – The Post DisengagementEscape Battle Part One.jpg

Tutto ciò che facciamo è visto come una battaglia. È un gioco a somma zero. Ciò che tu perdi noi guadagniamo. Durante la seduzione potrebbe apparire come una situazione reciprocamente vantaggiosa ma non è questo il caso. Credimi, noi stiamo prendendo ciò che vogliamo, carburante positivo in enorme quantità e il vincolarsi continuo da parte tua mentre ti attiriamo più vicino e ti avviciniamo a noi. Vieni fatta sentire come una regina ma a tempo debito verrai deposta e decapitata o defenestrata. Paghi sempre per il periodo d’oro di cui ti ricopriamo. Noi elaboriamo i nostri piani di battaglia mentre ci prepariamo a sedurti. Il Superiore di noi adotta l’approccio secondo cui ogni battaglia è vinta prima che sia combattuta. L’Inferiore della nostra tipologia rimane efficiente ma loro fanno affidamento sul fatto di essere un’arma smussata, non possedendo la finezza intellettuale di noi Superiori. L’Inferiore pianifica meno e per guidare la sua strategia di battaglia si basa su un viscerale (sconosciuto) bisogno di carburante. La sua è tutta una questione di reazione e risposta immediata, una regolazione automatica, che immancabilmente ha successo ha la fortuna di avere alcuni strumenti, per quanto smussati possano essere.

La nostra relazione con te non è amore. È guerra. Noi conquistiamo, invadiamo e facciamo una guerra lampo per sottometterti. Ti occupiamo così che in pochi istanti il tuo cuore e la tua mente spettino a noi. Questa arma dell’occupazione non si ferma qui dato che fa degli attacchi nella terra dove risiede. Le tue risorse diventano le nostre risorse e noi ci assicuriamo che le nostre linee di rifornimento vengano nutrite dalle tue attività. L’occupazione alla fine si trasformerà brutalmente attraverso la svalutazione mentre squarciamo e bruciamo, cercando di schiacciarti nel fango prima di lasciarti come un guscio spogliato ed esploso e partire per una nuova campagna contro qualche ignaro obiettivo. Il tema della battaglia e che il tuo intreccio con la nostra tipologia sia un campo di battaglia, si ripete nel corso del tuo coinvolgimento con noi.

Questo specialmente una volta che ha avuto luogo lo spietato scarto. È allora che ti ritrovi a confrontarti con tre battaglie che avvengono una dopo l’altra. Non solo ci hai come nemici ma in una particolarmente sgradevole serie di eventi scopri che in realtà alla fine stai combattendo contro te stesso.

La prima battaglia che segue lo scarto è quella emozionale. Sei stato lasciato senza spiegazioni. Se ne è stata offerta una è priva di senso. Non riesci a conciliare dove sei ora con ciò che è stato. La discesa dal piedistallo d’oro nella polvere è stata rapida e spietata. Ogni giorno hai gestito la sfida di decine di emozioni, cosa che ti ha prosciugato, eroso e ha richiesto un prezzo significativo alla tua salute. Le tue emozioni sono rosse e infiammate, amplificate e facili da attivare. Il tuo dolore è intenso, straziante ed efferato ed è durante questa battaglia emozionale che il tuo alleato del pensiero freddo e distaccato non è che ha abbandonato la battaglia, non si è mai presentato per cominciarla. Ti sfugge la tua abilità di valutare, razionalizzare e considerare la tua posizione con la necessaria analisi critica. Tutto ciò che ti è rimasto è un calderone di emozioni, che servono solo ad aumentare il tuo stress e la tua confusione. Nulla ha senso e tu non sei stato lasciato in una posizione tale da poter dare un significato a ciò che è accaduto. Questo è interamente intenzionale. So che molti di voi usano la frase “disastro totale”. È totalmente appropriato. Tu sei un disastro. La tua vita è un disastro. La temperatura viene dalle tue violente emozioni visto che tendi a crisi isteriche e rabbia.

Delle tre battaglie che combatti nel dopo scarto, la battaglia emozionale, la prima, è quella che invariabilmente finisce con la sconfitta. Questo perché sei assolutamente mal equipaggiato. Se fossi un esercito le tue truppe condividerebbero le armi, non sapresti da che parte è il fronte, le tue linee di rifornimento sarebbero state sovraccaricate e in qualche punto distrutte e il nemico sembra comparire a piacimento. La nebbia della guerra oscura la tua visione. Stiamo avanzando o è solo la sagoma di un albero? Non puoi dirlo. Una volta potevi farlo, ma ora non più. È un luogo tortuoso ed è stato creato tramite il nostro progetto al fine di assicurarci che quando torneremo (e lo faremo) tu non sarai nella posizione di resistere. Indebolito, governato dalle emozioni invece che dall’intelletto verrai facilmente sopraffatto.
Questo è quando operano i tentativi di recupero. Questa battaglia, dove tutto ciò che possiedi è l’emozione, implica che tu voglia che il dolore si fermi. Vuoi ancora il periodo d’oro. Non prendi in considerazione o pensi a quale potrebbe essere il prezzo di un tale desiderio, o se si tratterà davvero nuovamente del periodo d’oro. Sei dominato dalle emozioni e questo si rivela essere la tua rovina. Noi lo sappiamo ed ecco perché ci assicuriamo che tu sia un vorticoso, bollente, bruciante crogiolo di emozioni. Noi lo creiamo, noi lo vogliamo. Ecco perché il tuo primo tentativo di No Contact (senza il beneficio di un contributo esperto) quasi sempre fallisce. Non sei equipaggiato per prolungarlo perché in questa battaglia emozionale tutto ciò che serve per noi è di arrivare nuovamente galoppando sopra la collina, offrire le condizioni del periodo d’oro e tu ti arrenderai in un istante permettendoci di occupare il tuo territorio ancora una volta nella comprensibile ma in ultima analisi vana speranza di una pacifica coesistenza.

Come puoi vincere questa battaglia emozionale? Non puoi. Sei in una posizione tale che vinciamo sempre la battaglia. La chiave però non consiste nel non prendere parte a questa battaglia piuttosto nell’evitarla completamente. Se sai che c’è una battaglia che non puoi vincere, perché dovresti combatterla? Non lo faresti. Scapperesti dal tuo nemico, faresti i passi necessari per rafforzare le tue difese e cercheresti di evitare questa battaglia emozionale. Questo è ciò che devi fare. Una volta che hai guadagnato consapevolezza del nemico con cui sei coinvolto, possibilmente durante la seduzione o più probabilmente attraverso il periodo di svalutazione, poi devi fare i passi per preparare te stesso. O eviti la battaglia emozionale completamente scappando invece di essere scartato. Oppure in alternativa, ti prepari per l’inevitabile scarto in modo che le conseguenze emotive vengano enormemente ridotte e invece ti ritrovi trasportato alla seconda battaglia che ha luogo nel post scarto che approfondirò in un articolo ulteriore.

Sei sei stato scartato, allora affronti la battaglia emozionale e perderai. Devi evitare la battaglia emozionale nella sua interezza o partecipare nei termini della seconda battaglia che segue lo scarto.

H.G. TUDOR

The Emotional Sea – The Post Disengagement/Escape Battle Part One

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

I contenuti di questo blog nascono nel Regno Unito dalla mente e dalla penna di HG Tudor, Narcisista Superiore Élite, che con l’aiuto dei suoi psichiatri ha deciso di svelare al pubblico cosa c’è nella sua mente. Due anni dopo la nascita ho scoperto per caso il blog di HG, dopo aver subito lo scarto da parte di Angelo Arcangeli, un Narcisista di Medio Rango Centrale, seguito da una feroce campagna diffamatoria, e ho iniziato a seguirlo trovando conferme e conforto nella lettura dei suoi articoli e, dato che possiedo una certificazione di inglese ESOL Proficiency e sono da sempre appassionata di lingue straniere, ho deciso di tradurre l’intero blog per mettere a disposizione delle altre vittime come me tutto questo prezioso materiale senza fini di lucro. Oggi a distanza di altri due anni il blog di HG Tudor è interamente tradotto, ed è nato un blog simile al suo con tutti gli articoli tradotti in italiano. È possibile inoltre usufruire dei servizi a pagamento messi a disposizione di HG Tudor come consulti e pacchetti di contenuti extra con un minimo contributo per la traduzione.

Rispondi