👤 PARASSITA

190817D Parasite.jpg

Mi hai nutrito e io ne sono disgustato. Ti sei attaccata a me attratta dal mio magnetismo, ma non ti ho mai chiesto di farlo. Hai appena deciso che volevi stare con me, hai bisogno di me, la verità è stata detta e perché sono magnanimo, ti ho permesso di attaccarti a me ma un po’ in ritardo il tuo prendere e risucchiare ha cominciato a infastidirmi. Non puoi negare che questo è ciò che sei. Le prove parlano da sole. Hai visto il mio fascino, la mia attrattiva, il mio modo di fare semplice con le persone e come sono attratte da me e come un’opportunista hai deciso che volevi un po’ di queste cose. Ti sei resa conto che avresti potuto beneficiare in modo massiccio attaccandoti a me. Potresti essere utile a te stessa approfittando della mia reputazione impeccabile, della mia brillante presenza e dei miei contatti stimati. Non ti biasimo per il fatto che vuoi essere associata a me, chi non lo farebbe? Chi non vorrebbe una tale fetta dell’azione come me? L’opportunità di muoverti in ambienti che non avevi mai sperimentato prima. La possibilità di diventare qualcuno. Il tempo di uscire fuori dalla noiosa vita che hai condotto e dalla depressione in cui sei marcita. Suppongo che dovrei ammirare il tuo desiderio di valorizzare te stessa e migliorare te stessa vedendo quello che sono e quello che faccio e che vuoi far parte di quel mondo. Sicuramente sei diventata parte di quel mondo. Hai gradito la mia straordinaria generosità quando hai accettato i miei regali, i miei inviti e il mio freddo e duro denaro. Sei stata felice di essere al mio braccio mentre andavamo in tanti posti speciali. Ti è stato concesso l’accesso a tutte le aree. Hai consumato l’amore che ho versato nella tua direzione, bevendo profondamente la mia passione, il mio affetto e la mia dedizione. Ti ho aiutato, ti ho ascoltato, ti ho consigliato. Ti ho chiamato spesso come volevi che facessi. Mi sono assicurato che ti sentissi al sicuro e protetta con i miei frequenti messaggi e attenzione al tuo benessere. Ho permesso ai tuoi amici e alla tua famiglia di entrare a far parte del mio entourage, non si facevano certo scrupoli a prendere il treno di carne, vero? Hai dominato la mia attenzione, mi hai sommerso dal tuo bisogno di continuare a prendere da me. Anche quando le cose sono diventate difficili non ti sei fermata con il tuo bisogno. Volevi ancora rassicurazione, sentirti dire che ti amavo, essere portata in quei luoghi speciali ancora una volta. Hai cercato di impedirmi di fare ciò che volevo fare, ciò che avevo necessità di fare. Volevi impedirmi di passare il tempo con i miei amici e sì, prima che tu dicessi qualsiasi cosa, erano sempre solo miei amici. Onesta. Mi hai visto come un obiettivo facile. Lo vedo ora e tu continuavi a prendere, prendere e prendere. Non è un po’ curioso che la mia irritazione sia diventato fastidio? Che il mio fastidio sia diventato rabbia? Tu semplicemente non avresti smesso di prendere da me e alla fine ho dovuto metterci un freno. Dovevo trovare qualcuno che avrebbe dato piuttosto che prendere e questo significava che dovevo liberarmi di te. Questo è il motivo per cui ho scelto qualcun altro per sfuggire al tuo comportamento prosciugante e dissanguante. È per questo che ti lascio da parte. Tu sei un parassita.
Mi hai dato da mangiare e mi ci sono ammalato. Ti sei attaccata a me attirata dalla mia bontà, ma non ti ho mai chiesto di farlo. Hai appena deciso che volevi stare con me, che avevi bisogno di me, la verità è stata detta e poiché sono la persona gentile e premurosa che sono orgoglioso di essere, ti ho permesso di attaccarti a me, ma ultimamente il tuo prendere e risucchiare ha iniziato a distruggermi. Non puoi negare che questo è ciò che sei. Le prove parlano da sole. Hai visto la mia compassione, la mia attrattiva, i miei modi empatici con le persone e come rispondono a tale gentilezza e amore, e come un’opportunista hai deciso che volevi tutto questo per te. Ti sei resa conto che avresti potuto trarre massicci benefici attaccandoti a me. Avresti potuto approfittare della mia generosa compassione, della mia presenza riflessiva come mia natura emotiva. Non ti biasimo per voler stare con me, chi non lo farebbe quando sono creature come te? Chi non vorrebbe che mi consumi pezzo per pezzo? L’opportunità di muoverti di nuovo in ambienti che avevi già sperimentato prima. La possibilità di farti sentire qualcuno per una volta. Il tempo di uscire fuori dalla vita vuota che conduci e dalla voragine che minaccia di inghiottirti. Suppongo che dovrei ammirare il tuo desiderio di valorizzare te stessa e migliorare te stessa, vedendo quello che sono e quello che faccio e che vuoi rendermi parte di te inghiottendomi. Sicuramente mi hai fatto diventare parte di te mentre per la maggior parte dei giorni faccio fatica a ricordare chi sono e cosa ero prima di incontrarti. Hai gradito il mio straordinario amore mentre accettavi la mia attenzione, il mio invito nel mio cuore e la mia calda, amorevole natura. Sei stata felice di stare al mio braccio mentre andavamo in tanti posti speciali. Ti è stato concesso l’accesso a tutte le aree dove ero io e non hai visto alcun motivo per rispettare la mia identità. Hai consumato l’amore che ho versato nella tua direzione, bevendo profondamente la mia passione, il mio affetto e la mia dedizione. Ti ho aiutato, ti ho ascoltato, ti ho avvisato e anche quando hai iniziato ad abusare di me, non ho mai esitato. Ti ho chiamato spesso come volevi che facessi. Mi sono assicurato che ti sentissi al sicuro e protetta con i miei frequenti messaggi e attenzione al tuo benessere. Ho permesso ai miei amici e alla mia famiglia di entrare a far parte della tua facciata, sicuramente non si sono fatti scrupolo a dimenticarmi seguendo le tue campagne diffamatorie non è vero? Hai dominato la mia attenzione, mi hai sommerso dal tuo bisogno di continuare a prendere da me. Anche quando le cose sono diventate difficili non ti sei fermata con il tuo bisogno. Volevi ancora rassicurazione, sentirti dire che ti amavo, essere portata ancora una volta in quei posti speciali nella mia anima. Hai cercato di impedirmi di fare ciò che volevo fare, ciò che avevo bisogno di fare. Volevi impedirmi di passare il tempo con i miei amici e sì, prima che tu dicessi qualcosa, erano miei amici finché non li hai banditi. Onesta. Mi hai visto come un obiettivo facile. Lo vedo ora e tu continuavi a prendere, prendere e prendere. Non c’è da meravigliarsi se la mia confusione è diventata angoscia? Che la mia angoscia è diventata disperazione? Semplicemente non smetteresti di prendere da me e alla fine ho bisogno di trovare un modo per fermare questo, ma non riesco a farlo. Non ti fermerai. Devo trovare qualcuno che darà piuttosto che prendere e ciò significa che ho bisogno di liberarmi di te. So che questo deve accadere, ma sento che non posso sfuggirti, tu mi hai prosciugato e mi hai fatto sanguinare a tal punto che sono a malapena in grado di pensare e di funzionare. Ecco perché ho bisogno di metterti da parte, ma come posso farlo quando tu non mi lascerai andare e non smetterai di farti amare da me? Tu sei un parassita.

Chi è il parassita Tu, io o entrambi?

Il parassita è colui che beneficia a spese dell’altro.

Chi è il parassita?

H.G. TUDOR

Parasite

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi