📰 PICCOLO SPORCO SEGRETO

78357041_118416206295462_8605429442434564096_n.jpg

Qualche volta non è tutto un Bollettino Relazionale, dichiarazioni al mondo riguardo te e me o annunci tramite la rete dei social riguardo il nostro amore perfetto. Qualche volta tu sei un piccolo sporco segreto.

Non è mai un titolo che viene previsto per la fonte primaria che abbiamo scelto. Sono quelli che fanno parte delle fonti secondarie che si ritrovano etichettati in questo modo.

Hai un amico che accampa pretese sul tuo tempo, ti chiama spesso e si assicura che tu gli dedichi un po’ del tuo tempo così che lui o lei possano dirti tutto di ciò che hanno fatto, ottenere i tuoi consigli e usarti come cassa di risonanza?
Questa persona ti dice tutto riguardo il meraviglioso weekend o ha appena trascorso qualche weekend fuori o è andata ad un concerto con un altro gruppo di amici ma per qualche ragione non ti arriva nessun invito? Forse chiedi educatamente e in modo discreto se puoi partecipare a qualche evento imminente di cui questo amico ti sta parlando in modo entusiasta, forse perfino ti compiaci di quanto sarà eccezionale, ma questo amico dimostra la sensibilità di un pezzo di legno e non prende in considerazione i tuoi indizi? Perfino se lo fanno o forse se tu sei più sostenuto nel chiedere se puoi partecipare o se sottolinei che non sei mai stato invitato, incontri commenti come:-

“Sì, so che ti sarebbe piaciuto venire ma non l’ho organizzato io, l’ha fatto John ed è colpa sua se non te l’ha chiesto.”

“Non pensavo fosse il tuo genere.”

“C’erano solo pochi posti disponibili ma ti assicuro che verrai al prossimo.” (ovviamente questo non succederà mai)

“Pensavo che odiassi il rock. Ero sicuro che me l’avessi detto.”

“Sono stato così occupato devo essermi dimenticato che me l’hai chiesto.”

“Te l’ho chiesto e tu mi hai detto di no. Non ti ricordi?”

(ovviamente è una bugia.)

Queste persone fanno parte del nostro cerchio interno. I pochi selezionati che sono i nostri guardiani della nostra reputazione, leali luogotenenti e condizionati e indottrinati ad adularci, svolgere le nostre richieste e fornirci carburante e tu non appartieni al cerchio interno.

Infatti, il cerchio interno non ha mai saputo di te. Quando trascorriamo del tempo insieme a te, ti teniamo sulla corda con false promesse future, ti concediamo di crogiolarti nella nostra grandezza e all’inizio sembra bello avere un amico così interessante, carismatico e apparentemente premuroso. Potresti attrarre l’etichetta di amico e siedi nel circolo esterno ma sei uno sporco segreto fonte secondaria. Non vogliamo che il nostro cerchio interno sappia di te perché anche se soddisfi uno scopo eccellente nel rifornirci di carburante, il tuo entusiasmo quando ti diciamo senza preavviso che ti stiamo venendo a trovare è solo la punta dell’iceberg del carburante. Noi sappiamo che sei leale, affidabile e fedele. Sappiamo che ci offrirai il carburante di cui abbiamo bisogno e tu sopra chiunque altro sarai il punto di riferimento per quando il carburante sta scendendo. Che sia una chiamata alle 3 di notte o una comparsata in un’umida e ventosa serata di Lunedì in inverno, tu ci darai sempre il benvenuto, risponderai sempre alla chiamata e ci farai sempre un favore. Noi ti facciamo sentire speciale, facendo trottare fuori dalla nostra bocca con facilità luoghi comuni su quanto ci piace stare con te, quanto apprezziamo la tua compagnia, quanto è bello sapere che possiamo fare affidamento su di te ma è solo per mantenerti dolce ed efficiente.
La realtà è che non vogliamo che le altre persone sappiano di te perché tu non rientri nella nostra idea di come la nostra vita appare. Potresti non essere bello tanto quanto preferiremmo, potresti non splendere in compagnia, o sei incline a dire cose inusuali che percepiamo ci renderebbero meno straordinari di fronte alla nostra facciata di importanza fondamentale.
No, tu vieni mantenuto sullo sfondo, usato ma raramente maltrattato perché tu sei il servitore del narcista sotto contratto a lungo termine. Il leale cane da caccia che sta nell’angolo della cucina, sempre pronto a scodinzolare per noi ma troppo vecchio e poco attraente per essere fatto sfilare nello spettacolo. Questo è il ruolo del piccolo sporco segreto fonte secondaria.

C’è anche una Risorsa Secondaria Intima Piccolo Sporco Segreto. Vieni sedotto e trasformato in fonte secondaria e in un battito di ciglia vieni portato a letto e l’abbondanza di amore e dedizione scende come pioggia al fine di assicurare la tua lealtà. Ci sono quelli che sono in odore di promozione a fonte primaria, sono destinati a cose migliori purché diano prova per quanto riguarda l’offerta di carburante, le doti caratteriali e i benefici residui. Quelli che sono nella corsia preferenziale per essere istallati come fonte primaria possono aspettarsi di incontrare i nostri figli, i nostri familiari e i nostri amici, di essere messi in mostra e partecipare a certi eventi con noi, tutto al costo umiliante per le fonti primarie svalutate che sono in fase di uscita, a buon conto della seduzione di questa Risorsa Secondaria Intima. Il futuro è roseo per questa persona.

La Risorsa Secondaria Intima Piccolo Sporco Segreto non viene mai considerata per una promozione. Possono essere sussurrate parole in questo senso ma sono solo false promesse, altre false promesse future e briciole di conforto che vengono disseminate per fermarti dal cercare cibo altrove. Quando ti assegniamo il ruolo di sporco segreto quasi nessuno sa di te.

Laddove le Risorse Secondarie Intime che sono in attesa del ruolo principale si ritrovano prese e riposte, con intervalli di silenzio tra i weekend in cui si sta insieme, mentre testiamo queste persone per misurare la loro idoneità di essere promosse, la storia è diversa per lo sporco segreto.

Lo sporco segreto in realtà si vede un bel po’ con noi. Nel sedile posteriore delle auto, in squallide stanze d’hotel, in toilette per disabili, nei vicoli dietro casa e così via. Non vedrai mai la nostra famiglia, i nostri amici o perfino i nostri colleghi. Rimani nascosto perché la tua presenza offenderà la nostra facciata. Noi siamo i devoti padri di famiglia e quindi non possiamo essere visti mentre ti prendiamo da dietro in qualche stradina lussureggiante all’imbrunire. Noi siamo campioni di moralità nella nostra comunità locale e non è una buona cosa per noi che si sappia che siamo coinvolti nelle dissolutezze che pretendiamo mentre siamo con te. La fonte primaria può anche essere stata svalutata ma non vogliamo che venga infangata dal sapere che frequentiamo una lurida prostituta due volte a settimana. Tu sei una piccola pausa per una deliziosa iniezione di carburante. Quei due drink strappati in un bar fuori città dove devi sederti e aspettare per due ore prima che ci facciamo vivi? Sei uno sporco segreto. Non ti viene mai permesso di chiamare o mandarci un messaggio prima che siamo noi a contattarti per primi? Sei uno sporco segreto. Non ti viene mai permesso di incontrare i nostri amici? Sei uno sporco segreto.
Noi desideriamo interpretare un’immagine e tu non rientri in quell’immagine ma sei un potente malloppo di carburante, dedito e disperato, sempre aggrappato a quell’ora rubata a letto insieme, quel pomeriggio occasionale in cui fingiamo di lavorare di avere una riunione nel prossimo stato o contea. Tu vivi per quei momenti perché in quegli istanti ti facciamo sentire meravigliosamente, ci focalizziamo su di te, ti diamo il miglior sesso, l’eccitamento e le promesse, oh le promesse di ciò che potrebbe essere tuo.

Le false promesse future con una Risorsa Secondaria Intima nascono dall’essere combattuti tra il non voler perdere una buona fonte di carburante e la potenzialità che ha questa fonte secondaria di diventare forse una fonte primaria ad un certo punto. Non vogliamo perdere questo, quindi manteniamo la Risorsa Secondaria Intima aggrappata come ho descritto nell’articolo “Chi sono io per il narcisista”. La configurazione nel caso di una Risorsa Secondaria Intima Sporco Segreto è diversa. Non sei stato selezionato per una potenziale promozione. Sei stato selezionato perché sei affidabile, un sicuro carburante extra istantaneo e quando lo richiediamo, tu lo offri sempre. Perché mai dovremmo lasciar perdere? Non avremmo motivo.

Come quell’amico sopra che è un piccolo sporco segreto, tu sei lo stesso ma con te si aggiungono i rapporti intimi. Tu sei il contenitore del fascino zuccheroso spesso vomitato e beneficiario del nostro desiderio di usarti per il sesso e la fornitura di carburante. Raramente ti portiamo da qualche parte, per paura di essere scoperti e i nostri rapporti sono sotto copertura, veloci e segreti tuttavia questo si aggiunge al nostro fascino, il nostro mistero e tu trovi che dia tanta dipendenza quanto lo fa per noi. È solo quando ce ne andiamo e tu ti chiedi cosa facciamo e con chi, che vieni lasciato a rimpiangere il vuoto e la solitudine. Vuoi offrirci ciò di cui pensi che abbiamo bisogno, concedere alla tua bontà di splendere per noi, ma non te lo lasceremo mai fare, non fuori da quelle mura d’hotel dove ci incontriamo ogni giovedì sera.

Sfortunatamente per te, non corrispondi all’immagine che desideriamo trasmettere al mondo. Non sei adatto a ciò che desideriamo mostrare. Se mai ti avessimo visto, per caso, quando siamo fuori con la nostra facciata, che sia la famiglia, gli amici o i colleghi, ti avremmo ignorato e avremmo fatto finta di non conoscerti. Naturalmente, più tardi quel giorno potremmo affidarci al fascino per scusare il nostro comportamento perché non vogliamo nemmeno lasciarti andare. Tu sei uno straordinario pacchetto di cerotti di carburante d’emergenza. Fornisci carburante e rimani aggrappato, aspettando il giorno in cui si spera emergerai sbattendo le palpebre dentro la luce del periodo d’oro della fonte primaria.

Questo non avverrà mai. Non che questo lo ammetteremo mai con te.

Resta nell’angolo oscuro e aspetta la nostra chiamata.

Tu sei un piccolo sporco segreto.

H.G. TUDOR

Dirty Little Secret

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

I contenuti di questo blog nascono nel Regno Unito dalla mente e dalla penna di HG Tudor, Narcisista Superiore Élite, che con l’aiuto dei suoi psichiatri ha deciso di svelare al pubblico cosa c’è nella sua mente. Due anni dopo la nascita ho scoperto per caso il blog di HG, dopo aver subito lo scarto da parte di Angelo Arcangeli, un Narcisista di Medio Rango Centrale, seguito da una feroce campagna diffamatoria, e ho iniziato a seguirlo trovando conferme e conforto nella lettura dei suoi articoli e, dato che possiedo una certificazione di inglese ESOL Proficiency e sono da sempre appassionata di lingue straniere, ho deciso di tradurre l’intero blog per mettere a disposizione delle altre vittime come me tutto questo prezioso materiale senza fini di lucro. Oggi a distanza di altri due anni il blog di HG Tudor è interamente tradotto, ed è nato un blog simile al suo con tutti gli articoli tradotti in italiano. È possibile inoltre usufruire dei servizi a pagamento messi a disposizione di HG Tudor come consulti e pacchetti di contenuti extra con un minimo contributo per la traduzione.

Rispondi