📁 IL NARCISISTA DELLA CLASSE

191108B The Classroom Narcissist.png

Sono Chloe. Ho 18 anni e ho avuto una relazione con il mio insegnante, il signor Stevens o Phil come poi lo chiamavo.

Non sono una ragazza sciocca, anche se hanno ripetutamente cercato di dirmi che lo sono. Credetemi, ho sentito il peso dei miei avversari mentre cercavano di convincermi, ovviamente orchestrati da Phil, che avevo sognato tutto. Ancora, c’era da aspettarselo che loro, gli insegnanti, serrassero i ranghi e si proteggessero a vicenda. Questo è quello che fanno non è vero? Ho perso degli amici per questo, ma ho capito che sono solo gelosi e che volevano Phil proprio come me, solo io dovevo averlo. Non li biasimo per aver avuto delle fantasie su di lui, è bello e divertente e ha quell’aria semplice che lo rende così simpatico, ma non capiscono che è tutta una recita. Phil il Flirt, Phil l’amicone, ma quando gli conviene rimane Phil l’Insegnante, separato e in disparte.

Ha iniziato lui, questo è ovvio. Non negherò che mi è piaciuto fin dall’inizio. A tutti piace. È un insegnante popolare e il fatto di essere anche di bell’aspetto non sarà mai un problema per i suoi paletti di popolarità, ma vedi, lui tutto questo lo sa, lui gioca con tutto questo, il ragazzo lo usa proprio. Lo usa per avvinghiarti e poi, ed ecco la parte intelligente, lo usa in sua difesa. “Non posso farci niente se approfittano della mia popolarità”, protesta mentre mantiene la sua innocenza. Lui non è innocente. Lui ha preso la mia innocenza.

Lui ha iniziato. Ho riconosciuto il modo in cui mi guardava. Mi ha sempre cercato in classe prima di chiunque altro, come per assicurarsi che fossi sempre lì nel mio solito posto e poi dandomi “quel sorriso”. Oh, sorride a tutti, mi hanno detto. A loro non sorride come fa, o meglio faceva, a me. Io non sono stupida. Posso essere giovane, ma ho visto come mi guardava, come sentivo il suo sguardo su di me, come sapevo con la coda dell’occhio che lui era in piedi accanto a me e stava guardando dentro la mia camicetta. E chi non lo farebbe? Sono attraente, ho la mia buona dose di ragazzi che mi corrono dietro e Mr Stevens è un uomo, è carne e sangue, quindi deve guardare, giusto? Non doveva toccarmi, ma l’ha fatto. Oh, mi ha toccato, in tanti modi, e sapeva cosa stava facendo.

Avevo sentito di altre che si erano già innamorate di lui prima. Voci di una certa ragazza qualche anno fa che era stata convinta a trasferirsi in un’altra scuola perché si era innamorata di lui e non l’avrebbe lasciato in pace. Ho provato anche a cercarla in realtà ma non ho ottenuto nulla. Alcuni dicono che l’ha messa incinta e che ha dovuto abortire, i suoi genitori hanno messo a tacere tutto perché non volevano lo scandalo. Alcuni dicono che è tutto inventato. Hanno detto lo stesso per me.

Io so quello che ho visto. Le strizzatine d’occhio sfacciate solo per me, il sorriso leggermente più largo del solito puntato su di me. Il modo in cui solitamente chiedeva a me per prima, quando alzavo la mano per rispondere a una domanda. Si è innamorato lui di me per primo. Ho provato a dirlo, ma hanno respinto quello che ho detto. Mi hanno detto che mi stavo facendo troppi film mentali solo perchè era amichevole, che stavo cercando di vedere cose che non c’erano, perché avevo un bisogno disperato della sua approvazione.

Era sempre incoraggiante, mi lodava per il mio lavoro. Ho sempre apprezzato la storia, ma è diventato ancora meglio quando è stato assegnato come mio insegnante. Ho lavorato sodo perché volevo ottenere buoni risultati e volevo che fosse soddisfatto del mio lavoro. Ho ottenuto voti altissimi sin dall’inizio e ora mi rendo conto che questo è stato il suo modo di catturarmi, facendomi sentire speciale, riservandomi un trattamento speciale. Ha interceduto per me, sarei una candidata per Oxbridge (prestigiose università britanniche) e questo significava lezioni extra; con lui ovviamente. Ora, sono abbastanza brava da entrare a Oxford o Cambridge (ho scelto Oxford), ma chiaramente lui questo l’ha visto come un’opportunità per isolarmi dagli altri studenti e abilmente, dai testimoni. Dopo tutto, un sacco di persone in diverse materie seguono questi tutorial per Oxford dopo le ore del college, ma lui ha usato questo tempo per insegnarmi qualcosa di più della dinastia Tudor e della Guerra Civile Inglese.

Una volta che mi ha avuta in quelle lezioni speciali, faccia a faccia, era inevitabile dove saremmo andati a parare. Non mi stavo lamentando. Volevo la sua attenzione, assolutamente, sebbene, naturalmente, lui avrebbe dovuto saperlo. Lui era quello in una posizione di fiducia, un uomo in una posizione di autorità e io ero solo l’allieva. Sì, lo volevo, ma non avevo capito che era stato lui ad architettare tutto perché mi sentissi in quel modo. Questo è ciò che fanno questi predatori. Fanno sembrare che sia tu a farlo, ma lui mi ha ipnotizzato e mi ha fatto cadere sotto il suo incantesimo.

Se ne assicurava sempre, facendo quel tanto che bastava a mantenere il dubbio che avesse giudicato male la situazione, quel tanto che bastava per poter protestare che si trattava di un gesto innocente. La mano sulla spalla, l’abbraccio per le congratulazioni, il tocco delle dita un po’ troppo lungo quando ci passavamo un libro o un saggio. Oh, era bravo, sapeva quello che stava facendo, avvolgendomi progressivamente e rendendomi il centro dell’universo. Mi ha scelto fin dall’inizio e a poco a poco mi ha avvolto. Ha usato la sua influenza per portarmi all’obbedienza e mettermi in ginocchio (come ha goduto vedendomi in ginocchio) e ho alzato la sua attenzione e altro.

Presto iniziarono gli incontri segreti. Accordi fatti nel suo ufficio con quell’albero genealogico della famiglia Stuart che copriva la porta finestra in modo che nessuno potesse vedere cosa succedeva nel suo ufficio. Così a favore di un governo trasparente, sottoscriveva ancora l’idea di una monarchia assoluta. Non ha mai usato il suo telefono, il vecchio furbo Phil. L’ha fatto sembrare romantico, le istruzioni sussurrate su dove incontrarsi e quando, sempre all’aperto, mai nei luoghi in cui saremmo potuti essere visti. Nessuna traccia, nessun testimone, nessuna prova. Era un maestro in questo gioco ed io ero chiaramente ingenua, ma non sono una ragazzina sciocca.

E poi mi ha abbandonato. Nessuna spiegazione. È diventato freddo. Civile ma freddo. Ho cercato di far vedere ai miei amici che mi trattava in modo diverso, ma mi hanno detto che me lo stavo immaginando. I miei voti rimasero eccellenti ma il Phil che mi tratteneva e mi leggeva dai testi storici e mi deliziava con la sua conoscenza era sparito. La commissione di tutela di Oxbridge giunse a una conclusione mentre incombevano gli esami di ammissione; non c’era motivo che lui stesse solo con me e anche se cercavo di avere un’udienza con lui, questo monarca assoluto non mi concedeva l’ammissione.

Quindi ho parlato. Perché non avrei dovuto? Diceva di amarmi e lo amavo anche io. Eppure, una volta che ha avuto la mia innocenza (o meglio una volta che l’ha fatto una quarantina di volte), mi ha considerato conquistata e non più di grande interesse per lui. Nessuno mi tratta così. Io lo farò crollare. Non la passerà liscia. Oh, so che pensano che io abbia inventato tutto, una specie di vendetta per non aver ottenuto quello che volevo, ma mi hanno sottovalutata. Non ho intenzione di negare e farò in modo che tutti vedano, anche i miei genitori che per qualche inspiegabile ragione si sono schierati con lui. Non dovrei essere sorpresa in effetti, mi hanno sempre odiata per qualche ragione, sono dei ciarlatani a pensare di potersi definire madre e padre. No, so che così è come si comporta la sua specie. Rivoltano tutti contro di te, ti tagliano fuori e ti dipingono come il creatore dei problemi. Quello non sono io. Io sono la vittima.

Io sono il signor Stevens. Ho 30 anni e sono un insegnante di storia. Lo sono ancora, anche se attualmente sono sospeso a causa delle ridicole accuse di una visionaria. È oltraggioso che l’invenzione fantastica di qualcuno abbia il potenziale per rovinare la carriera di un uomo.

Non sono pazzo. Ho insegnato per quasi un decennio e conosco i trucchi che gli alunni hanno imparato. Li ho visti tutti. Sono sempre stato un insegnante che adotta l’approccio ‘carota’. Ottieni sempre più con il miele piuttosto che con l’aceto. Oh, so che ci sono uno o due spine nel fianco nella stanza del personale che considerano la mia popolarità con sdegnoso disprezzo, ma questa è solo gelosia da parte loro. I miei risultati parlano da soli. Un sacco di studenti scelgono di studiare storia e tra la sig.na Kelshaw e me, formiamo una squadra formidabile. Per fortuna che la sig.na Kelshaw mi ha sostenuto in questa spiacevole questione, sebbene avessi sempre saputo che l’avrebbe fatto. Donna sensibile

.

Cammini davvero su una corda tesa, quando sei amichevole, ma fermo, con gli studenti. Non sono loro amico, ma non devo nemmeno essere loro nemico. Amo la storia e il mio naturale entusiasmo per l’argomento è qualcosa che cerco di installare anche nei miei incarichi. Se ami qualcosa, fai sempre meglio, vero? Non sembra un obbligo o un compito. Mentre mi assicuro che quelli che scelgono di studiare la storia con me la amano davvero e vogliono viverla e respirarla, mi libero di quelli per i quali da subito non è piacevole e passano ad un argomento diverso nelle prime due settimane. Inoltre, fare questo mi assicura che io avro’ solo studenti che otterranno i migliori voti, quindi è una manovra vincente. Voglio lasciare il segno su questo college. Sarò il preside un giorno, anche se al momento sembra che siano i principi morali che stanno cercando di attirare maggiormente la mia attenzione.

Chloe Fowler è una brava studentessa. Lei farà bene. Educata se in qualcosa cerca attenzione. Sempre la prima ad alzare la mano per esprimere un’opinione su tutto e niente. Non c’è niente di veramente sbagliato in questo, suppongo, in fondo lei ha imparato il mantra: dimostrare qualcosa e quindi assicurarsi di avere sostegno quando ha avanzato le sue argomentazioni. Le insegnavo proprio come insegnavo a tutti gli altri; al meglio delle mie capacità.

Sfortunatamente per me, ha interpretato male la mia preoccupazione per la sua educazione come se volesse significare qualcos’altro. Cosa ci potevo fare? Non devo certo sedermi dietro uno schermo e isolarmi dai miei studenti, giusto? Non è il modo in cui opero. Non sono un tipo da “non sorridere prima di Natale”. Affatto. La storia deve essere viva, accessibile e soprattutto piacevole. È come qualsiasi cosa in questa vita – se ti piace, falla tuo e avrai successo. Voglio che tutti i miei studenti abbiano successo.

Sì, ho scelto Chloe Fowler per Oxbridge. Questa è stata la scelta giusta e continuo a dire che lo è, nonostante le sue ridicole accuse. Ha la sua mente acuta, troppo acuta, guarda caso. Ho letto di cosa mi ha accusato, o meglio l’ufficiale di polizia me lo ha letto ed è tutta una sciocchezza, una fiaba inventata. Vedo che è stata intelligente, però, si è assicurata di accusarmi nelle occasioni in cui non c’era nessun altro disponibile a testimoniare sulle nostre interazioni. Capita sempre che quelli scelti per le lezioni di Oxbridge vedano i loro tutor nei loro uffici. È sempre stato così e sono lieto che i miei colleghi insegnanti e il preside abbiano confermato che è così. Sapevo che mi avrebbero sostenuto su questo. È un nostro rischio professionale, studenti infatuati che iniziano a pensare di essere la luce dei tuoi occhi. Di solito non è niente di più che una innocente lunga cotta e poi passa, ma non a questa ragazza. C’è qualcosa di veramente sbagliato in lei. Deve uscire con le bugie che lei stessa ha blaterato. Suggerendo che abbiamo fatto sesso sotto “l’albero che Carlo II ha nascosto”. So che questa è una bugia; quell’albero fu distrutto centinaia di anni fa. Tutto ciò che ha blaterato è solo il frutto della mente di un‘immaginaria e lei è pericolosa. Nessuno le crederà. So che la polizia deve passare attraverso queste mozioni ma tutto questo si fermerà presto. Lo ha fatto perché l’ho respinta. Non l’ho rifiutata apertamente, dopotutto non c’era nulla da respingere, non avevamo una relazione romantica, non c’era un flirt, niente. È chiaro, comunque, lei ha pensato diversamente e in quella sua mente deformata, si è sentita respinta in qualche modo e questo è il risultato. Un’indagine costosa e inutile, oltre all’interferenza degli altri studenti, non c’è da meravigliarsi che così tanti si siano rivoltati contro di lei.

So che a lei piacevo. Sono una persona simpatica, ma ho mantenuto una corretta relazione insegnante-studente e lei ha ritenuto opportuno sognare qualcos’altro. Cosa ci puoi fare? Mettere le telecamere ovunque, suppongo, ma poi chi le vuole, sicuramente deve esserci una base di fiducia tra noi? Sono infastidito? Certo che lo sono. Non ho fatto nulla di sbagliato e arriva questa ragazza, blatera ogni genere di idiozia e viene trattata seriamente. Voglio dire, chiunque può vedere che questo è un mucchio di bugie. Questo è meglio che non influisca sulle mie prospettive di promozione o prenderò anche azioni legali. Per fortuna il giornale locale non ha riferito nulla fino ad ora, quella conversazione che ho avuto con il vicedirettore sembra aver funzionato, fin qui tutto bene su quel fronte. È un buon amico e non vuole vedere la reputazione di un insegnante laborioso e di successo insudiciato. Quello che mi infastidisce di più è quanto sia facile per qualcuno come lei fare queste cose e il passo successivo è la sospensione e l’investigazione. Mi dicono che è un atto neutrale, ma so che ci saranno quelli che tireranno in ballo quella vecchia spazzatura del “non c’è fumo senza fuoco”.

Mi rendo conto che quando sei un tizio dall’aspetto decente come me e siccome sei amichevole e ti trovi a scherzare con gli studenti, alcuni potrebbero confondere i limiti ma è una cosa è confonderli e un’altra è superarli. Devo essere punito solo per essere popolare, perché è questo che lei sta cercando di fare?

Non ho intenzione di cambiare il mio stile però. Sono un insegnante pratico e questo ottiene sempre risultati e una visionaria assopita non farà cambiare a Phil Stevens il modo di insegnare. Non c’è possibilità.

È ridicolo. Come se fossi interessato ad una ragazza di 16 anni (che è quanto lei diceva di avere quando è iniziato) quando ho una moglie meravigliosa a casa. Questo già di per sé dovrebbe far capire che si tratta di una caccia alle streghe da parte di un adolescente disturbato che dovrebbe studiare per i suoi esami e essere aiutata per qualunque problema lei abbia, piuttosto che cercare di rovinare la vita di un uomo onesto e rispettabile. Io sono la vittima in tutto questo.

Chi è il narcisista della classe?

H.G. TUDOR

The Classroom Narcissist

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi