📰 NON NE POSSO PIÙ

191105C I Cannot Do This Anymore.png

Non ne posso più. Potresti aver sentito questa affermazione da uno dei nostri simili. Viene pronunciata con una rassegnazione stanca, un lungo sospiro e uno sguardo stanco nei nostri occhi. L’espressione gloriosa è svanita e sostituita da una che sembra abbattuta, corrugata ed esausta. Lo splendore e la lucentezza sono stati offuscati, l’impatto cumulativo di ciò che è accaduto ora sembra aver preso piede su di noi e con un colpo di bandiera bianca ci arrendiamo.

Ma quando diciamo “Non ne posso più” a cosa ci riferiamo? Che cosa c’è dietro? Fin dall’inizio, mentre pronunciamo questa frase, abbiamo messo a punto una trappola per te. Intendiamo dire che non possiamo più mantenere la relazione con te, un giro sulle montagne russe sottosopra? Abbiamo rinunciato al concetto di noi e questa è la campana a morto per il nostro rapporto insieme? Puoi già sentire l’ansia che ti striscia sopra mentre rifletti sull’importanza di questa frase. I giorni senza di noi cominciano già ad allungarsi davanti a te, la moltitudine di domande che iniziano a formarsi nella tua mente, i come e perché che vagano nella tua mente, prendono slancio e ti turbano. È questo ciò a cui ci riferiamo? Non possiamo più rimanere in una relazione con te?

O forse è qualcos’altro? È una rivelazione? Abbiamo visto che i nostri abusi ripetuti contro di te, attraverso molte forme e occasioni diverse, sono troppi e fanno a pugni con la brava persona che hai sempre creduto si annidasse da qualche parte dentro di noi? Hai visto quella persona (o credi di averla vista) per molto tempo all’inizio della relazione, ma di recente è scomparsa. Ha preso una vacanza da questi ruoli ma sicuramente è solo una vacanza, perché se è così significa che tornerà. È andato via ma non per sempre. Forse questo è lui che torna e con quel momento di rivelazione e presa di coscienza, abbiamo visto la verità di ciò che abbiamo fatto e in funzione di ciò ora sappiamo che non possiamo più continuare a comportarci in questo modo. È questo che intendiamo quando facciamo la dichiarazione “Non ne posso più”?

Cosa c’è? Hai paura che sia il primo e speri che sia l’ultimo. Questa potrebbe essere la svolta che hai cercato per tutti questi mesi mentre penzolavi lì dentro, schiacciato e assalito da tutti i nostri terribili tormenti, ma ora ti sei ripreso bene, hai raggiunto la tua grande ricompensa. Questo deve essere sicuramente ciò che intendiamo.

Aspetti che elaboriamo, ma non viene detto altro. Continuiamo a guardarti e tu ci fissi negli occhi. Cosa vedi? È disperazione o è speranza? Non puoi essere sicuro. Sei confuso ma non vuoi esserlo. Vuoi chiarezza e un momento provi un senso di preoccupazione che si alterna alla speranza che rinasce in quello successivo. Aspetti, la tua espressione ferma in attesa, che ci spinge a dare corpo a questa affermazione, a espanderci e ad elaborare, ma il nostro silenzio rimane sempre. Stiamo raccogliendo i nostri pensieri prima di fare la prossima grande dichiarazione? C’è di più? Sarà un colpo di martello che cancella le tue speranze o quello squillo trionfante che segnala che la guerra è finita ed è arrivata la pace? È questa la cosa che hai sempre sognato?

Ti chiedi se dovresti insistere con noi oppure questo influenzerebbe il risultato e porterebbe a un voltafaccia? Ne hai sperimentati abbastanza durante l’esperienza tumultuosa che è la tua unione con noi. Forse ti sarebbe più utile aspettare e permetterci di esprimerci spontaneamente, ma hai bisogno di sapere, vuoi sapere. Vuoi sapere se dovresti iniziare il tuo ragionamento per accertarti che la relazione è finita. Se questo dovesse essere il risultato, allora è necessario dare il via senza indugio al tentativo di proseguirla, se non altro per contenere la crescente ansia che minaccia di travolgerti. Se si tratta della fine dell’abuso, dei giochi e del maltrattamento, allora vuoi congratularti con noi per aver superato quella barriera finale e aver raggiunto l’intuizione che desideravi da così tanto tempo. Ci esorti con gli occhi ad integrare il commento, per aiutarci a completare il traguardo e in questo modo mettere fine alla tua incertezza, ma non c’è altro. Continuiamo a guardarti e basta.

È qui che ci piace piazzarti. Straziata dall’incertezza, le emozioni che aumentano in te mentre noi le estraiamo da te attraverso un solo commento. Possiamo vedere tutto nei tuoi occhi, la tua posizione congelata, le spalle curve, le mani serrate, la maschera di incertezza che attaccata alla tua faccia. In successione vediamo la speranza, la preoccupazione, l’ottimismo e la paura che guizzano attraverso i tuoi occhi e come al solito siamo sostenuti da questo nutrimento. Quelle parole hanno provocato questa reazione in te, la risposta emotiva che si è riversata su di noi, anche se è silenziosa e immobile.

Se alla fine interrompi questa situazione di stallo e premi per ulteriori dettagli, aspettati di essere condotto per mano nel labirinto dell’ambiguità, del doppio senso e dell’offuscamento. Alle tue domande risponderemo a metà. Le tue domande saranno affrontate sempre più col silenzio, con uno sguardo irremovibile mentre noi ti spingiamo a provare a interpretarlo. Potrebbero esserti dati dei boccincini di incoraggiamento, come briciole di pane lungo il percorso, mentre ti portiamo sempre più in profondità nel labirinto. Continui a fornirci carburante mentre pensi di essere condotto verso le risposte, ammesso nella nostra fiducia e che ti venga mostrato il luogo santissimo dei nostri pensieri, ma no, tutto ciò che stiamo facendo è portarti nelle viscere della nostra foresta aggrovigliata dove verrai intrappolato tra le spine delle domande senza risposta, fatto inciampare dai viticci della vaghezza e bloccato dai rami contorti di disorientamento.

Intendiamo questo quando diciamo questa frase? Vuol dire davvero che non ne posso più?

Certo che posso. Posso continuare a far questo per sempre perché, come ho già detto in molte occasioni, dura per sempre. Sì, ci saranno momenti in cui sparirò. Sì, ci saranno occasioni in cui sono di nuovo buono con te, poi cattivo e poi buono. Lo scopo di dirlo è puramente per farti arrabbiare. Non ho intenzione di lasciarti. Perché dovrei quando tu mi dai una quantità così straordinaria di carburante negativo durante il periodo di svalutazione? Perché dovrei farlo quando fornisci nuovamente il delizioso carburante positivo quando ti concederò di nuovo un periodo di tregua e il periodo d’oro? Non vado da nessuna parte ma non mi danneggia suggerirti che potrei. Ti tiene sulle spine e mi assicura che sono in grado di esercitare il controllo su di te. Ti tengo a supporre, ansioso e confuso e mi assicuro anche che il tuo carburante continui a scorrere.

Dico questo anche per far sembrare che ciò che abbiamo sia duro e terribile. Lo è per te perché ti tratto male, ma è divertente. Io posso fare quello che voglio, non sbaglio mai e tu devi sopportare il peso del mio comportamento scioccante nei tuoi confronti. È un parco giochi per me e non ho intenzione di lasciar perdere. Mai. Tuttavia, voglio che tu sia ad un passo dal pensare che ho intenzione di allontanarmi da te, che non stai facendo abbastanza per me, così proverai più duramente, eviterai in modo più efficace i gusci delle uova e continuerai a tentare di provare a compiacermi. Questo è un ottimo modo per controllarti minacciandoti con la mia perdita anche se non succederà mai. Con un simile gesto, ti tengo a un soffio dal pensare che sia stata raggiunta una svolta, che ho visto la chiarezza attraverso la nebbia della malevolenza e mi rendo conto che questo trattamento abusivo, questo gioco e queste ingegnose macchinazioni sono alla fine. Continui a sperare che quel giorno sia proprio dietro l’angolo, quindi rimani bloccato nel tuo legame con me e non osi arrenderti, non ora, non quando la redenzione potrebbe arrivare tra una settimana, un giorno o un’ora.

Di conseguenza, senti questo, non pensare che ti lascerò. Non lo farò. Non pensare che mi sia reso conto di quello che faccio e che è sbagliato e deve essere fermato. Posso rendermene conto, ma non mi fermerò.

Continuerò a controllarti e a cercare una tua reazione.

Ovviamente, ti è vietato da sempre dire queste parole.

H.G. TUDOR

I Cannot Do This Anymore

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi