👤 L’ATTACCAMENTO È LA SEDE DELLA SOFFERENZA

191104E Attachment Is The Seat Of Misery.png

Questo è un mondo capriccioso, arbitrario e ostile. Deve essere ridotto all’obbedienza, domato e sottoposto allo sforzo del controllo. Il mio controllo.

Questo è il motivo per cui devo fare in modo che ogni apparecchio a cui mi capita di affezionarmi si attacchi a me. Dal mio vicino di casa che saluto e con cui scambio convenevoli banali a vantaggio della mia facciata (anche se prontamente gli infilerò un gancio da macellaio arrugginito in quel suo cranio malformato se mi parlerà di nuovo dei dettagli della ristrutturazione della sua ultima acquisizione immobiliare) ai miei amici che si uniscono a me per un drink in un venerdì sera all’ultima ragazza che sfoggio, tutti loro devono essere attaccati a me.

La creazione del mio costrutto è il dispositivo che fa sì che queste persone si attacchino a me. Quel magnifico edificio che viene creato dagli specchi che mostro a coloro di cui incrocio le strade. Fare in modo che il controllore sorrida sul treno dandogli man forte mentre si occupa di un ostile passeggero adolescente, incoraggiare un amico nei suoi progetti per dimagrire, mostrare a quella potenziale IPPS le sue speranze e i suoi desideri, così inizia a innamorarsi. Tutto questo è il lavoro del costrutto che è progettato per disegnare ogni singola risorsa – dalla terziaria fino alla sempre-così-fondamentale-per-me – Risorsa Primaria Intima – e far sì che si leghino a me.

Se il barista pensa che io sia un cliente simpatico e fedele, un collega junior mi considera un capo ispiratore, la signora che sorpasso un giorno sì e uno no durante la corsa all’aperto mi dà un sorriso di riconoscimento e ammirazione; se un amico mi considera una persona a cui rivolgersi per un consiglio, se lei si innamora perdutamente di me; ci sono migliaia di modi diversi per questi apparecchi di collegarsi a me.

Potrebbe essere un collaboratore geloso che si ribella alla mia arroganza, il fornitore nervoso che teme la mia chiamata per chiedere cosa c’è dietro l’ultimo casino della sua compagnia, lo scartato piangente che una volta era la pupilla dei miei occhi ma ora è un vermiciattolo infestato caduto per il vento, tutti rimangono attaccati a me.

È facendo in modo che questi apparecchi stiano attaccati a me che posso esercitare il controllo mentre li integro nel mio mondo. Sono miei per essere controllati, per essere utilizzati, per estrarre da loro e attraverso questo posso quindi controllare il mio ambiente. Controllando il mio ambiente, ho lo scopo di ridurre al minimo l’agguato traditore o l’insidioso ammutinamento. Mantenendo tutto al suo posto, soggetto al mio controllo e funzionante come richiedo, significa che proseguo dritto e l’ordine è mantenuto.

L’attaccamento è la chiave per raggiungere questo obiettivo. Devo attirarti, agganciarti, afferrarti, devo vincolarti a me, legarti in modo che tu non mi sfugga, ancorarti in posizione, fermarti e assicurare l’attaccamento. Ti darò l’illusione del periodo d’oro, ti mentirò, ti concederò magnanimità, ti mostrerò generosità, mostrerò anche qualche forma di intimità costruita, gentilezza e sostegno, la promessa di carburante e gli anni di verifiche applicate mi consentono di darti quello che vuoi, quindi mi assicuro il tuo attaccamento.

Eppure per tutti questi gasdotti che sono collegati a me, per tutti i ponti che sono stati costruiti, i collegamenti, che sono stati costruiti con cura, sono tutti a senso unico. Sei tu che sei attaccato a me. Io non sento alcun attaccamento per te.

Ecco perché sono così in grado di rivoltarmi contro la persona che presumibilmente amo e guardarla mentre le lacrime gocciolano sul volto incredulo mentre la striglio per aver indossato l’ombreggiatura sbagliata del rosso o essere arrivata con due minuti di ritardo. Ecco perché posso stendermi tra le cosce di seta di un’altra donna e prometterle il mondo mentre tu sei sveglia, chiedendoti dove sono e pregando che non sia stato coinvolto in un incidente stradale. Ecco perché posso assicurarti che verrai promosso entro la fine dell’anno e invece nel prossimo incontro offrire la stessa cosa a qualcun altro. Ecco perché posso decidere di non presentarmi alla cena che hai trascorso un mese a pianificare e andare a vedere un film da un’altra parte. Ecco perché posso distruggere l’orologio di tua nonna con un martello mentre tu osservi, in un attacco di isteria.

La mia assenza di attaccamento mi consente di deludere, rinnegare, imbrogliare, mentire, provocare, ferire, torturare e abusare. Mi dà fluidità, mobilità ed efficienza. Non sono ostacolato dalla colpa, né dal rimorso o dal senso del dovere. Non costituisco alcun legame con te. Non lo sento.

Puoi chiedermi cosa potrei pensare di coloro con cui interagisco e posso evocare i tributi e le frasi fatte in un istante: –

“John? Lavoratore eccellente, non delude mai l’azienda, un membro chiave della squadra.”

“È una donna meravigliosa, non so cosa farei senza di lei. È il mio mondo.”

“È incredibile. Il primo nome sulla lista dei giocatori ogni settimana.”

“NarcSide Inc? Fottutamente geniale. Usali. Io l’ho fatto una volta. Mai andato da nessun’altra parte.”

Ma per tutto questo non provo nulla a titolo di attaccamento. Ti attiro a me, ma io non mi attaccherò a te. Cosa porta l’attaccamento? Nient’altro che sofferenza. Guardati intorno e vedrai l’affanno e il dolore che l’essere attaccati porta alle persone.

Divieni affezionato a un cane che morirà nell’arco di 10 anni e piangi per la perdita del tuo amico peloso. Perché? Perché attaccarsi a qualcosa che semplicemente ti lascerà?

Sei attaccato al tuo datore di lavoro e mostri fedeltà? Per che cosa? Così possono metterti a 90 gradi e fregarti facendoti licenziare e ti mostrano la porta senza nemmeno un flacone di lubrificante per alleviare il dolore dell’esperienza?

Sei attaccato alla tua casa, ma devi venderla, o brucia, o è allagata, o qualcuno irrompe e ancora più dolore viene scaricato su di te.

Sei attaccato al tuo amico e condividi tutto con quella persona e poi un giorno viene falciato da un autotreno e non rimane altro che una macchia sulla strada. Sei sconvolto, senza contare te stesso con il lutto a causa del tuo attaccamento.

Ti leghi ad un amante, una fidanzata, un marito, un compagno solo per permettere loro di tradirti, di lasciarti per qualcun altro, di venire risucchiati in questa spirale mortale riempita di morfina o di afferrarsi il petto quando un attacco di cuore li porta via da te. Il tuo mondo si schianta, sei distrutto, oltre al lutto e tutto questo a causa del tuo attaccamento.

Ti leghi ai figli solo perché ti deludano, scrocchino da te, intraprendano uno stile di vita sgradevole che ti mette in imbarazzo e ti sconcerta perché sei attaccato a loro. O ti preoccupi sempre di come stanno andando a scuola, si assicureranno quel lavoro, supereranno l’esame di guida, troveranno un buon uomo o una donna? I tuoi sentimenti vengono passati attraverso il mulino a causa di questo attaccamento.

Oh, so che mi dirai che guadagni così tanto da questi attaccamenti, amore, felicità, sostegno, comprensione, compagnia, gioia, lealtà, senso di realizzazione e altro ancora. L’ho già sentito prima, ma vedo sempre più la sofferenza che nasce da questi attaccamenti. Non ne vale la pena.

È molto meglio in primo luogo non divenire mai attaccati. Non posso fidarmi. Come posso quando mi è stata data una sana e inoppugnabile lezione che se provi ad attaccarti tutto ciò che ricevi in cambio è rifiuto e sofferenza. Meglio non disturbarsi. Costruisci il muro, scava il fossato, poni le barriere, non permettere a nessuno di entrare e così facendo impedisci a questi attaccamenti che indeboliscono di verificarsi, così ti risparmi l’inevitabile, ed è sempre inevitabile, la sofferenza che aspetta dietro l’angolo.

Eppure, per quanto riguarda me, non ho nemmeno bisogno di considerare di creare quella torre o di assicurarmi che il fossato sia scavato in profondità. Non devo tirare fuori il filo spinato metaforico e le recinzioni elettriche per tenere lontane le persone. Questo è tutto fatto per me perché io non so come connettermi con qualcuno. Non ho idea di come sia fatto.

Posso farli attaccare a me. Questo è facile. Lo faccio da quando riesco a ricordare. Una combinazione di genialità, fascino, magnetismo, manipolazione e identificazione di quelli dal forte al debole e viceversa che sono i migliori che soccombono all’essere attaccati a me. Posso ottenerlo attraverso tutte le varie tecniche di seduzione che ho descritto prima.

Eppure per quanto riguarda tutto quel potere di attrazione, a cui pochi possono resistere, dalla terziaria alla secondaria alla fonte primaria, non so come creare un attaccamento emotivo con qualcuno. Posso allineare interessi e risultati e intuire una reciprocità di intenti, ma non provo nulla per questi apparecchi. Non c’è legame. Non c’è nulla che mi leghi a loro. Il vuoto dentro di me, il vuoto che cerco di riempire di carburante proveniente da tutti quelli nella mia matrice di carburante pervade la mia relazione con quelli che stanno in quella matrice. Io sono vuoto e questo riecheggia nei miei rapporti con tutti quelli che mi circondano.

Qualunque cosa ti spinga a sentirti connessa con qualcun altro, in qualsiasi modo tu lo descriva, e ho sentito persone farlo in molte occasioni, rimango incapace di percepire e sperimentarlo su me stesso.

Non c’è proprio niente lì.

Mi affligge questo? No. Vedo la sofferenza che viene dall’attaccamento e vedo la mia incapacità di collegarmi a qualcuno come un vantaggio, quindi mi viene risparmiato quello che succede a tanti altri.

Il Demone ha avuto tutto questo e può tenerlo.

Io ho abbandonato la sede della sofferenza e ho trovato un nuovo trono.

H.G. TUDOR

Attachment Is The Seat Of Misery

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi