📰 IL CONTADINO ASSIDUO

THE-CONSTANT-FARMERI contadini sono lavoratori infaticabili. Loro e noi condividiamo somiglianze. Noi tracciamo un solco singolare attraverso la vita, incrollabili e determinati. Le loro vite sono piene, eppure non hanno mai avuto davvero il tempo o l’opportunità di connettersi pienamente con altre persone perché hanno così tante richieste. Lavorano sul campo e spargono il seme, curando le varie colture mentre osservano e aspettano, e intanto permettono all’orzo o al mais, alle patate o alla barbabietola di crescere nella posizione ottimale prima di muoversi rapidamente a raccoglierli mentre il sole splende e loro possono raccogliere il meglio dai loro sforzi. Dopo che un particolare prodotto era stato raccolto in modo sicuro, una volta bruciavano le stoppie e ciò che era fatto crescere ora veniva tagliato e raso al suolo in modo che tornasse alla terra. Gli animali devono essere nutriti, ripuliti, curati per le malattie e accuditi quando danno alla luce una nuova figliolanza. Gli edifici devono essere mantenuti, i recinti riparati, il tempo osservato e i prodotti venduti. Le mucche devono essere munte, le pecore tosate e i maiali venduti per portare a casa la pancetta. Il tempo in cui gli animali figliano è una continua battaglia per assicurare che gli agnelli vengano consegnati in modo sicuro mentre il contadino si alza nella notte per assistere una particolare pecora che potrebbe essere alle prese con la sua nascita. Dopo aver aiutato a far nascere l’agnello dalla pecora, che viene massacrata per partorire, l’agnello viene poi mandato al macello. Ancora una volta, ciò che lui ha sviluppato deve essere distrutto. È un ciclo ripetuto e senza fine, molto simile a quello che adottiamo noi.

È il decimo giorno di un trattamento del silenzio. Ho rimosso ogni contatto con te e ti ho lasciato preoccupato, ansioso e disorientato. È il quarto trattamento del silenzio in altrettanti mesi e ognuno diventa più lungo di quello precedente. Devi ancora riuscire a capire cosa significa e fortunatamente per me sei impegnato a cercare di capire cosa c’è che non va e stai provando a contattarmi. I tuoi ripetuti messaggi e le tue telefonate mi forniscono il carburante negativo mentre immagino che tu stai seduto lì, preoccupato e turbato mentre digiti un altro messaggio implorandomi di mettermi in contatto con te. Immagino che tu stia sveglio la notte, guardando ripetutamente il telefono nella speranza che lampeggi con una risposta da parte mia. Ti chiedi cosa sto facendo durante questa assenza e a causa di ciò che sei, i tuoi pensieri sono basati sulla preoccupazione. Mi sono ammalato o qualcosa di peggio? Ho avuto qualche brutta notizia e sono caduto in depressione? Sono diventato un eremita? Le tue indagini con i miei amici si sono dimostrate infruttuose, ma poi lo erano, dal momento che la mia congrega e i Luogotenenti sono stati tutti informati che sei stato orribile con me e quindi non dovrebbero rispondere in alcun modo utile. Colpisci un muro di mattoni di resistenza il che ti sconcerta ancora di più. Alzi gli occhi al cielo quando un luogotenente scuote la testa e si allontana da te mentre interrompi l’approccio con la confusione che ti attanaglia. Ti chiedi se sono rinchiuso da qualche parte, sprofondato nel lutto. In effetti, sono impegnato a recuperare il tuo predecessore che avevo appena sottoposto a un lungo periodo di silenzio. Il mio tempo lontano da te non è trascorso a giocare ai videogiochi, a guardare la televisione via cavo o a dormire. Niente affatto. Proprio come il contadino, io sono occupato a curare i miei raccolti. Sto contattando tutte le mie varie fonti secondarie di carburante, dando loro un’esplosione di sole dorato in modo che la loro attrazione per me non diminuisca. Un paio di drink con un gruppo di amici del circolo ristretto, qualche messaggio accattivante con alcuni lontani estranei e bevute con un amico del circolo esterno che è un serio candidato per la promozione a partner intimo se dovessi stancarmi completamente di te e del tuo predecessore. Sto seminando i semi, riparando i recinti, mungendo le mucche e tosando le pecore. Così tanto da fare. Sto anche impiegando i miei sforzi nel recupero del tuo predecessore e questo sta occupando il mio tempo mentre mi scuso con lei per il mio periodo di silenzio. Spiego che avevo bisogno di stare da solo, per valutare dove la vita mi stava portando e mi dispiace di essere scomparso senza dire nulla, ma quest cosa è semplicemente scesa su di me. Mi sono reso conto che dovevo cambiare, ma volevo assicurarmi che questo fosse un desiderio reale, profondamente radicato, non qualcosa di effimero come un capriccio passeggero e questo è stato il motivo per cui ero sparito per così tanto tempo. Ho tirato fuori il discorso prima e ogni volta ha successo e non vedo ragioni per cui non dovrebbe averne ora. Ne conseguirà che il tuo trattamento del silenzio proseguirà oltre il decimo giorno mentre riporto il tuo predecessore all’ovile. Spero di trascorrere la notte con lei stasera dato che ha già accettato di venire a cena, anche se la porterò da qualche parte e non ci troverai. Non voglio che tu sappia di lei, non ancora comunque. Devo raccogliere in tutta sicurezza questo prodotto prima di poter vantare il numero di ceste che ho raccolto. Quando sarà recuperata, annuncerò la nostra riconciliazione. Probabilmente lo scoprirai quando guarderai di nuovo il mio profilo Facebook per cercare segni di attività. So che stai facendo questa attività tutti i giorni, ecco perché non ti ho bloccato, ma non c’è nulla che viene pubblicato, quindi il silenzio continua. Non durerà ancora a lungo e apprenderai che io e lei stiamo di nuovo insieme, il che ovviamente mi indurrà una gran quantità di carburante negativo proveniente da te una volta che avrai saputo di questo.

Naturalmente a un certo punto sarà necessario gettare di nuovo i semi della seduzione con te. Tu sei in procinto di avere il fuoco appiccato a ciò che rimane della tua relazione mentre io ti cancello, proprio come il fuoco ha fatto a quelle stoppie tagliate in passato. Anch’io sarò impegnato a mostrare il mio animale trofeo, a pulirlo e nutrirlo, così diventa forte e paffuto, con l’invidia di tutti quelli che osservano. Come fa a farlo? Qual è il suo segreto? Come riesce sempre a trovare un tale esemplare e renderlo suo? I premi e gli elogi si susseguiranno, a testimonianza dell’ottima collezione che ho acquisito fino a quando non sarà il momento di condurla al massacro e la getterò da parte, proprio come ancora una volta stavo coltivando la crescita del tuo raccolto, innaffiandoti e lasciando che il sole caldo e dorato giocasse con te ancora una volta.

Così stanno le cose. Puoi pensare che questo silenzio sia uno stato in cui sto semplicemente lontano da te, malato, isolato o in contemplazione. Non lo sono. Sono occupato con il tuo predecessore, proprio come il contadino che ha sempre qualcosa di cui occuparsi. I giorni passano, le stagioni vanno e vengono, ma sia il contadino che io lavoriamo per coltivare e raccogliere. Siamo così simili. Entrambi abbiamo raccolti e greggi. Entrambi cresciamo, alleviamo e sviluppiamo. Entrambi macelliamo. Entrambi raccogliamo. Noi siamo i contadini assidui.

H.G. TUDOR

The Constant Farmer

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi