🆕️ UN NARCISISTA MOLTO PRESIDENZIALE – LA MINACCIA DELL’IMPEACHMENT

191003 A Very POTUS Narcissist – The Threat of Impeachment.png

Donald Trump è oggetto di un’indagine di impeachment in base alle accuse di aver impropriamente cercato aiuto dall’Ucraina per aumentare le sue possibilità di rielezione. Questo articolo esamina la risposta di POTUS nell’ambito dell’attività che circonda l’indagine sull’impeachment allo scopo di evidenziare il comportamento di un narcisista. Per i duri di comprendonio, questo non è un articolo che espone i meriti del presidente Trump o meno, questo è un blog sul narcisismo e POTUS ne fornisce un primo esempio in azione, molto potente. È per questo quindi, ai fini di una più ampia comprensione ed educazione, che questo recente episodio viene utilizzato allo scopo di spiegare ciò che sta effettivamente succedendo.

Il reportage è tratto da BBC News. I commenti evidenziati sono solo miei (cioè di Tudor n.d.t.).

Qual è il problema al centro dell’indagine sull’impeachment?

Il sig. Trump è accusato di infrangere la legge facendo pressioni sul leader ucraino affinché raccolga informazioni dannose su un rivale politico.

A luglio, ha esortato il suo collega ucraino a indagare su uno dei leader per assumerlo alle elezioni presidenziali del prossimo anno. Ciò ha rilevanza perché è illegale chiedere aiuto a soggetti stranieri per vincere le elezioni negli Stati Uniti.

È in corso un’indagine di impeachment che potrebbe alla fine vedere il presidente tolto dall’incarico.

Ma c’è un acceso dibattito sul fatto che Mr. Trump abbia infranto la legge o abbia commesso un reato di impeachment: egli stesso afferma di non aver fatto nulla di male.

Si supponeva che fosse il genere di chiamate che un presidente fa più volte all’anno.

Mr. Trump afferma di aver chiamato il suo collega ucraino Volodymyr Zelensky il 25 luglio per congratularsi con lui per la sua recente vittoria elettorale. Zelensky, ex star televisiva senza esperienza politica, è stato eletto presidente in una vittoria con valanga di voti ad aprile.

Ma un informatore anonimo, che è stato riferito essere un funzionario della CIA, sentiva che c’era qualcosa di più serio nel loro dialogo. È stata presentata una denuncia formale il 12 agosto dove spiegava perché fosse così preoccupato.

Nella sua lettera, l’informatore ha ammesso di non aver assistito direttamente alla chiamata ma che i resoconti condivisi da altri funzionari avevano dipinto un quadro coerente.

Per il contesto, si dice che circa una dozzina di persone abbiano ascoltato la conversazione, incluso il segretario di stato Mike Pompeo.

È importante notare che la chiamata è avvenuta pochi giorni dopo che Trump ha bloccato circa 391 milioni di dollari (356 milioni di euro) in aiuti militari all’Ucraina. I democratici sostengono che questo aiuto veniva usato come merce di scambio per fare pressione sul nuovo governo di Kiev, ma Trump lo nega.

La denuncia dell’informatore accusa il presidente di aver usato “il potere del suo ufficio per sollecitare interferenze da un paese straniero” nelle elezioni presidenziali del prossimo anno (ne parleremo più avanti). Ha anche affermato che i funzionari della Casa Bianca erano stati “profondamente disturbati” dalla chiamata e hanno agito in modo da “archiviare” tutti i dettagli.

Tra le crescenti polemiche, Trump ha promesso di rilasciare una “trascrizione completa, completamente declassificata e non modificata”, ha detto che avrebbe dimostrato che la chiamata era “del tutto appropriata”.

Ma i dettagli divulgati dalla Casa Bianca erano note della conversazione. Non era un resoconto completo, testuale, e ha fatto ben poco per placare la spirale polemica. La denuncia dell’informatore è stata resa pubblica poco dopo.

La trascrizione della chiamata mostrava che Trump aveva esortato Zelensky a indagare sulle accuse di corruzione screditate contro l’ex vicepresidente Joe Biden, un leader democratico del 2020, così come sul figlio di Biden.

Trump e i suoi alleati stavano insinuando che Biden, in qualità di vicepresidente di Barack Obama, aveva incoraggiato il licenziamento del principale procuratore ucraino nel 2015 perché aveva indagato su una compagnia energetica che aveva assunto Hunter Biden.

All’epoca, lavorando a stretto contatto con enti di proprietà straniera mentre suo padre era alla Casa Bianca, Hunter Biden fu criticato per aver lasciato suo padre esposto alle insinuazioni di un possibile conflitto di interessi. Ma non è emersa alcuna prova del fatto che Mr.Biden abbia intrapreso alcuna azione per favorire intenzionalmente suo figlio.

Il procuratore Ucraino che ha sostituito quello che è stato licenziato ha detto alla BBC che non c’era motivo per l’Ucraina di indagare sui Biden e che qualsiasi corruzione con la società era avvenuta prima che Hunter Biden si unisse.

Trump ha sottolineato una vanteria di Biden fatta nel 2018 su come essendo vicepresidente avesse minacciato di trattenere un miliardo di dollari in aiuti dall’Ucraina a meno che il procuratore non venisse licenziato.

Ma la motivazione è fondamentale qui. Biden voleva che lui venisse tolto proprio perché non riusciva a reprimere la corruzione. E il vicepresidente non stava agendo da solo, ma come il punto focale di una più ampia campagna anticorruzione in Ucraina sostenuta dal governo degli Stati Uniti, dagli alleati europei e dal Fondo Monetario Internazionale.

Mr. Trump che fa pressioni su un leader straniero per indagare sulle accuse screditate contro Mr. Biden è significativo. Questo perché Biden è attualmente il favorito per vincere la nomination Democratica e, se scelto, sarebbe l’uomo che affronterà l’onorevole Trump per la presidenza nel novembre 2020.

Dato che Biden è il suo più grande rivale per la presidenza, apre su Mr. Trump dichiarazioni secondo cui stava lavorando con una potenza straniera per influenzare le elezioni. Questo – essenzialmente – è contro la legge.

Questa non è la prima volta che Trump viene esaminato attentamente riguardo alle sue connessioni estere. La campagna elettorale del 2016 è stata indagata per i suoi presunti legami con la Russia. L’inchiesta non ha stabilito che una cospirazione criminale influenzava le elezioni, ma non ha neanche scagionato il presidente.

I democratici hanno avviato un’indagine formale sull’impeachment e non hanno risparmiato tempo per mettersi al lavoro. I Democratici della Camera hanno chiesto che cinque funzionari del dipartimento – compreso l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina – si presentassero per fare delle deposizioni a ottobre.

L’avvocato personale del presidente, Rudy Giuliani, è stato convocato per i documenti relativi all’Ucraina. Mr. Giuliani ha svolto un ruolo centrale nel promuovere le accuse contro i Biden. Anche il segretario Pompeo ha ricevuto una citazione in giudizio.

Quindi, questo è lo sfondo dell’inchiesta sull’impeachment contro il presidente Trump. L’azione è credibile? Resta da vedere, è ovviamente del tutto possibile che un narcisista prenda tali provvedimenti coinvolgendo una terza parte (incluso il leader di un altro paese) per ottenere informazioni dannose contro un rivale politico per impedire a quel rivale di andargli contro. Il narcisista funziona con la richiesta di controllo assoluto in ogni momento. Questo è il nostro punto di vista e deve essere mantenuto. Ciò si ottiene attraverso l’applicazione di manipolazioni – alcune chiare e ovvie e alcune praticamente non rilevabili.

Il tipo di manipolazione che utilizziamo dipende dalla relativa scuola di narcisista (Inferiore, Medio-Rango o Superiore), dal livello di minaccia al nostro controllo causato dall’apparecchio (persona) e da come ci sentiamo (inconsciamente) già in controllo prima dell’insorgere di una minaccia. Abbiamo bisogno di controllo e carburante, carburante che indica che abbiamo il controllo e ci consente di sentirci potenti.

Tutto ruota attorno a questo.

Di conseguenza, riconoscendo che un rivale politico potrebbe sconfiggerlo, il presidente Trump ritiene che il suo controllo sia minacciato. Quindi deve affermare il controllo e un modo per farlo sarebbe quello di rimuovere la minaccia al suo controllo rappresentata dal suo avversario. Un modo per farlo sarebbe danneggiare la campagna e la credibilità dell’avversario, rivangando informazioni da usare contro quell’avversario. Ciò consente di affermare il controllo.

Se (e questo non è stato ancora stabilito) il presidente Trump ha fatto questo passo di cercare informazioni dannose dal leader ucraino, l’ha fatto al fine di affermare il controllo sull’onorevole Biden.

Le azioni in corso da parte dei Democratici minacceranno anche il senso di controllo del presidente Trump. Pertanto, come narcisista, è tenuto a respingere queste minacce al suo controllo. Un narcisista potrebbe far questo diffamando o dando a una persona un trattamento del silenzio o un’offesa. Esistono centinaia di modi diversi per ricercare il controllo. La maggior parte dei narcisisti non è consapevole che è questo ciò che stanno facendo, hanno la consapevole convinzione di agire in questo modo solo perché, di solito, la colpa è della persona che sta causando la minaccia inconscia al loro controllo.

Perciò, la moglie di un narcisista chiede “Dove sei stato? Sono le 2 del mattino e hai detto che saresti stato a casa alle 20:00.” Dal suo punto di vista, non è irragionevole che chieda dov’è stato.

Suo marito, un narcisista, non sente ciò che lei dice e pensa

“Ha ragione. Ho detto che sarei tornato a casa alle 20:00 e sono appena rientrato alle 2 del mattino odorando di alcool e profumo. Non c’è da meravigliarsi che sia arrabbiata. Mi spiegherò e mi scuserò.”

Il narcisismo del marito, a livello inconscio, se potesse parlare direbbe

“Questo apparecchio sta cercando di controllarci limitando il nostro senso del diritto a fare ciò che vogliamo. Sta anche cercando di incolparci e quindi renderci responsabili. Inoltre non abbiamo empatia emotiva per la sua rabbia, turbamento e preoccupazione. Di conseguenza, questo implica che sta cercando di controllarci e di farci sentire impotenti. Ciò deve essere impedito con tutti i mezzi possibili.”

Comprendi che questa è una risposta inconscia. Il narcisista non pensa questo, il suo narcisismo invece “lascia” che lui pensi

“Gesù, è una tale seccatura. Tutto quello che ho fatto è stato uscire al bar per un po’, perché mi sta prendendo in giro? Non c’è da stupirsi che ci vada per sfuggire a questa megera. Chi crede di essere a dirmi cosa fare, è fuori luogo, la metterò al suo posto.” Quindi discute con lei girandoci intorno, gridandole, etichettandola come dispotica e guastafeste. La sta manipolando (anche se non se ne accorge), nella sua mente si sta difendendo e sottolineando i fallimenti di lei. Sta usando provocazione, spostamento di colpa, insulto verbale, conversazioni circolari come manipolazioni finché lei stanca e frustrata si arrende e gli dice di “dimenticala, è solo un’orribile megera”. Il narcisista ora ha il controllo e interrompe la discussione perché nel suo mondo, ora ha vinto.

Con quel paragone in un contesto domestico che coinvolge un narcisista, come si sviluppa questo riguardo al Presidente degli Stati Uniti e al suo bisogno di controllo in ogni momento, quando questo controllo è minacciato dalle azioni dei Democratici? Vediamo.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è scagliato contro i democratici del Congresso dopo aver promesso di convocare la Casa Bianca per produrre documenti questa settimana. (Lo scagliarsi è la risposta alla minaccia di controllo. È istintiva (in questo caso) e deve essere viscerale e immediata)

I comitati chiedono documenti relativi ai rapporti dell’amministrazione con l’Ucraina, che è ora al centro di un’indagine di impeachment.

Il presidente ha accusato i leader democratici di disonestà e persino di tradimento. (Provocazione. Può essere che le accuse contro il presidente Trump siano prive di fondamento. Un narcisista più evoluto affermerebbe in questo modo, emettendo una nuda smentita, usando parole come “prive di fondamento”, “prive di basi” o “non provate”. Un simile linguaggio dispregiativo evidenzia la risposta infuocata derivante dall’accensione della furia, causata da questi atti che minacciano il controllo del presidente Trump. A questo punto, non importa se le accuse sono fondate o no, ciò che conta è che il solo fatto di DICHIARARLE minaccia il controllo e ha come risultato questa risposta.)

I democratici hanno difeso l’inchiesta, che si focalizza su una telefonata tra Mr. Trump e il presidente ucraino.

Durante una conferenza stampa congiunta con il presidente finlandese Sauli Niinistö, Trump ha definito Biden e suo figlio, Hunter, “corrotti a sangue freddo”. (Ancora una volta Provocazione tramite un commento dispregiativo. Anche se Biden e suo figlio tornano ad essere corrotti (finora non vi è alcuna azione legale nei loro confronti in materia di corruzione) l’uso di questo linguaggio così forte da parte di qualcuno che si suppone sia lo statista dimostra la rudimentale reazione per asserire il controllo: se il presidente Obama (anche lui un narcisista ma di una scuola diversa) avesse affrontato questa situazione, nella sua reazione avrebbe usato un linguaggio completamente diverso ammesso che le accuse fossero venute fuori).

Trump ha diretto gran parte della sua rabbia nei confronti del Presidente del Comitato di Intelligence della Camera Adam Schiff, definendolo “schifoso Schiff”, “una feccia” e dicendo che “dovrebbe dimettersi dall’incarico nella vergogna”. (Ulteriore risposta alla necessità di controllo – usando di nuovo Epiteti Offensivi come forma provocatoria. Questa risposta altezzosa è anche indicativa del suo narcisismo).

Ha aggiunto: “Francamente, dovrebbero guardare a lui come un traditore”. (Provocazione)

Trump ha anche dichiarato di credere che il signor Schiff avesse “aiutato a scrivere” un esposto sulla chiamata presentata da un informatore, senza offrire prove. (L’evidenza della paranoia, l’incapacità di offrire prove è una reazione comune della scuola del presidente Trump, questo perché (a) la sua parola e la sua convinzione sono le sue prove (grandiosità e la sua prospettiva narcisistica) e (b) non ha effettivamente bisogno di “prove” (nel senso inteso dai non narcisisti) in questo caso particolare per affermare il controllo. Tutto ciò che deve fare è dichiarare che c’è una cospirazione contro di lui e ciò gli consente (in assenza di qualsiasi risposta immediata come nel caso ivi descritto) di asserire il controllo.

Il presidente degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti che solo gli informatori “legittimi” dovrebbero essere protetti. (Questa suddivisione del tipo di informatori afferma essenzialmente “Chiunque faccia soffiate su me e il mio regime non ha validità ed è in torto (nel mio universo)

“Questo paese deve scoprire chi era questa persona, perché quella persona è una spia, secondo me”, ha dichiarato Trump. (Esattamente così – una spia contro lo Stato Uniti di Donald Trump, un individuo infido, sleale e inaffidabile, l’opinione che i narcisisti hanno di coloro che minacciano il nostro controllo.)

Ha etichettato l’intera inchiesta come una “beffa” e un “crimine fraudolento contro il popolo americano”, pur sostenendo che “coopererebbe sempre” con il Congresso. (Altri epiteti per affermare il controllo e ridurre la credibilità dell’indagine. Nota che la visione del mondo di altre persone è un’estensione del narcisista – Trump vede il popolo americano come parte di lui e quindi il crimine contro di lui è anche un crimine contro il popolo americano. Questa è anche grandiosità.)

Il presidente degli Stati Uniti si è anche scontrato alla Casa Bianca con un corrispondente di Reuters, che gli ha chiesto cosa considerasse sovversivo. (Sebbene il rapporto della BBC non indichi le parole esatte usate in questo dialogo con il corrispondente di Reuters, viene descritto come scontro (non una discussione o un dibattito ma scontro in senso più pugilistico che dimostra un avanti e indietro tra il presidente Trump e il corrispondente. Il corrispondente senza dubbio era in disaccordo con il presidente Trump e gli forniva Carburante di Sfida, questo avrebbe minacciato la percezione del controllo di Trump portandolo a rispondere nel suo solito stile deciso e diretto ribattendo di sopprimere l'”atto di ribellione” che si manifesta nei corrispondenti che tentano di rifiutare il controllo.

Mentre il leader finlandese restava a osservare, Trump ha dichiarato che “ci sono quelli che pensano che io sia un genio molto stabile” e ha detto che lui “probabilmente porterà molte controversie” contro coloro che hanno partecipato all’indagine in Russia. (Grandiosità – nota che non è stato dichiarato chi ha fatto davvero riferimento a lui come un genio molto stabile. Questo commento sembra anche essere una sorta di non sequitur nella conferenza stampa che mostra come Trump abbia una percezione diversa del mondo rispetto agli altri lì dentro. Nel suo mondo, era necessario affermare il suo status di genio molto stabile per ottenere il controllo. Inoltre, il commento sul contenzioso rappresenta l’Uso della Minaccia, sempre per ottenere il controllo al momento. Se lo ottiene, non intraprenderà azioni legali, ma se le accuse dovessero persistere (cosa che molto probabilmente accadrà) seguiranno le controversie.

Quando il giornalista ha fatto pressione su Trump, il presidente degli Stati Uniti lo ha interrotto, dicendo: “Non essere scortese”. (Superbia, Interruzione, Proiezione.)

In precedenza, Trump ha imperversato contro il più potente democratico eletto, il presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi, e contro il sig. Schiff su Twitter, accusando i democratici di concentrarsi su “CAZZATE”.

Ha twittato

I Nullafacenti Democratici dovrebbero concentrarsi sulla costruzione del nostro Paese, senza sprecare il tempo e l’energia di tutti su CAZZATE, che è ciò che hanno sempre fatto da quando sono stato eletto in schiacciante maggioranza nel 2016, 223-306. Prendete un candidato migliore questa volta, ne avrete bisogno!

(L’uso di Twitter da parte del presidente Trump è noto come uno sfogo attraverso il quale cerca di ottenere il controllo sulle persone. Sta effettivamente recuperando coloro che leggono i suoi tweet e quelli che ritiene leggano i suoi tweet (che sarà un gran numero dato il suo status) e intraprendere questa azione di recupero significa affermare il controllo. In questo caso, Nancy Pelosi essendo democratica sfida il controllo di Trump a causa dell’esistenza dell’indagine sull’impeachment. Trump deve rispondere e lo fa con questo tweet, e lo fa perché

1. Ha bisogno di una risposta rapida e un recupero elettronico tramite Twitter glielo consente,

2. È facile da fare: semplicemente digita e invia. Questa facilità si riferisce sia alla velocità che al risparmio di sforzo amato dai Pigri Inferiori e dai Medio-Rango amanti del Minimo Sforzo)

3. È altezzoso, sprezzante e offensivo, e usa una volgarità (a fatica il linguaggio della diplomazia o della statualità) ma perfettamente in linea con la sua scuola di narcisismo

4. Attacca i suoi avversari, piuttosto che la discussione, la tipica risposta ad hominem della sua scuola di narcisista.

5. Ancora più grandiosità quando ricorda a tutti della sua “elezione in schiacciante maggioranza” (non è necessario che questo promemoria sia emesso, la gente sa che ha vinto, ecco perché è presidente, ma fa parte della sua grandiosità che è usata per affermare il controllo)

Trump ha affermato che la signora Pelosi dovrebbe concentrarsi sulla sua città, San Francisco, che ha definito una “tendopoli” di senzatetto. (I senzatetto sono un problema a San Francisco (come in molte città) ma una popolazione di senzatetto di 9.784 abitanti su una popolazione di 884.367 non equivale a una tendopoli. Ovviamente quello non ha importanza, ciò che conta è la necessità di controllo e questo viene ricercato per mezzo di un offesa esagerata nei confronti dell’individuo che minaccia il controllo, la signora Pelosi e la sua città.)

I Democratici hanno accusato la Casa Bianca di bloccare le inchieste del Congresso e di rifiutare di rispondere a regolari richieste, cosa che ha suscitato la minaccia di citazione in giudizio questa settimana.

Il presidente della commissione per la sorveglianza della Camera Elijah Cummings ha dichiarato in un appunto: “Non faccio questo passo alla leggera.

“Nel corso delle ultime settimane, i comitati hanno tentato più volte di ottenere il rispetto volontario delle nostre richieste di documenti, ma la Casa Bianca ha rifiutato di interagire con i comitati, o addirittura di rispondere loro”. (Nota il rifiuto di interagire o rispondere ai comitati dimostra un senso del diritto, una superbia, una mancanza di responsabilità ed è fatto tutto per affermare il controllo. La mancata risposta è un gigantesco Trattamento del Silenzio, un’altra manipolazione.)

La citazione in giudizio richiederà documenti sulla chiamata di Mr. Trump con l’Ucraina e qualsiasi elemento correlato da parte del capo dello staff della Casa Bianca Mick Mulvaney.

La sig.ra Pelosi e il sig. Schiff hanno tenuto una conferenza stampa congiunta mercoledì, difendendo la procedura di impeachment.

“Non stiamo scherzando qui”, ha affermato Schiff, aggiungendo che i Democratici non volevano che l’inchiesta “si trascinasse”.

Ha anche criticato i commenti del presidente contro l’informatore come “uno sfacciato tentativo di intimidire i testimoni” e “un incitamento alla violenza”. (Questo è ciò che sembra essere, ma in realtà si tratta solo di cercare di affermare e mantenere il controllo, di contrastare le minacce al controllo, al controllo e al carburante, proprio come tutte le cose che tutti i narcisisti devono avere – per saperne di più sulle cause leggere Controllare è Adattarsi

Mr. Schiff ha anche rilasciato una dichiarazione in cui afferma che la sua commissione non ha mai esaminato o ricevuto in anticipo la denuncia dell’informatore, come dichiarato dall’onorevole Trump.

Di conseguenza, quest’ultimo episodio nell’amministrazione Trump mostra ancora una volta Un Narcisista molto Presidenziale al lavoro e fornisce esempi chiari di come funziona il narcisismo del presidente Trump.

Sarà messo sotto impeachment? In primo luogo, il Congresso deve approvare i capi d’accusa e se ciò accade, il Senato deve tenere un processo. Il voto del Senato richiede una maggioranza di due terzi perché venga condannato e poiché il partito del presidente Trump controlla la camera, è improbabile che venga accusato. Si potrebbe pensare che resterebbe in attesa e ignorerebbe il processo o coopererebbe, soddisfatto nella consapevolezza che il suo partito sarà sicuro che non viene messo sotto impeachment, ma non può farlo. Perché? In primo luogo, lui non gestisce una facciata come i Narcisisti di Medio-Rango o Superiori, ciò che vedi è diretto, forte e detto in faccia (fa anche parte del suo fascino elettorale), quindi non vede la necessità di essere lo statista (cosa che è ripetutamente dimostrata nella sua interazioni e commenti con altri leader mondiali e politici). In secondo luogo, se vi è un processo di impeachment, è abbastanza lontano ed è al processo e alle accuse di ORA che deve rispondere per affermare il controllo, da qui le varie manipolazioni (di base) a cui abbiamo assistito sopra.

Trump combatterà per rimanere in situ e al potere. Il suo narcisismo impone che debba essere così e a qualsiasi costo. Le manipolazioni continueranno e con ogni probabilità aumenteranno di dimensioni, intensità e portata.

H.G. TUDOR

A Very POTUS Narcissist – The Threat of Impeachment

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi