👤 LA PURA NECESSITÀ

191001D The Bare Necessity.png

Io non ho chiesto questo, lo sai. So che non l’hai chiesto nemmeno tu, ma per una volta non facciamo osservazioni su di te e parliamo di me, va bene? Io non ho mai chiesto di essere creato in modo che ogni singolo giorno dovessi raccogliere il carburante necessario per la mia esistenza. Sì, devo mangiare, devo bere acqua e devo respirare l’aria, proprio come fai tu, ma per quanto riguarda me ho un’altra necessità basilare della vita quotidiana. Devo avere carburante. Hai scelto tu di avere sempre cibo e acqua? No, tu non l’hai fatto. Neanche io. Neanche io ho scelto di richiedere questo carburante, ma senza di esso smetterò di esistere. Ciò che ho creato per sopravvivere in questo mondo si rovescerà e sarà la mia fine. Quanto andresti lontano per mangiare? All’inizio è abbastanza semplice no? Vai al negozio di alimentari o ordini online dal supermercato e acquisti gli ingredienti per preparare un pasto o per riceverne uno precotto. Tagli, sbucci, schiacci, mescoli e prepari quel pasto. Centomila diverse ricette tra cui scegliere. Al contrario, è possibile rimuovere l’imballaggio, perforare la pellicola trasparente e farlo saltare nel forno o nel microonde. In ogni caso tu hai cibo, pronto da mangiare e sostenerti. Ma cosa succederebbe se non avessi soldi per acquistare questo cibo, come reprimeresti i brontolii del tuo stomaco? Forse potresti chiedere che ti venga dato cibo dai vicini, dalle banche del cibo o dagli avanzi dei supermercati. È umiliante, ma devi mangiare, non è vero, quindi che importanza ha un po’ di orgoglio finché lo stomaco è pieno? Tuttavia, cosa succede se quella beneficenza finisce? Cosa succede se la benevolenza di amici e vicini si prosciuga? Cosa faresti in quel caso? E se non ci fossero amici e vicini di casa? Cercheresti di sopravvivere con le bacche che trovi sul ciglio della strada, bere l’acqua da un ruscello? Ti sosterrebbe a lungo o ti stancheresti di questo? Rovisteresti nei bidoni fuori da un supermercato per cercare il cibo che è stato gettato via, ma è perfettamente commestibile? È rubare questo? Forse no. Affronteresti gli sguardi di pietà e disprezzo di quelli che ti hanno visto mentre rovistavi in un cassonetto?

Ruberesti dai negozi per soffocare i morsi della fame? Sgraffigneresti una pagnotta da una panetteria, ti introdurresti furtivamente in una casa e ruberesti quella torta fredda o rovisteresti negli armadietti per trovare qualcosa da mangiare. Cosa succede se non c’è cibo commestibile nel cassonetto, rimuoveresti la muffa e mangeresti quello che trovi, rischiando la malattia? E se i supermercati avessero finito il cibo e non ci fosse nessun posto dove rubarlo? Setacceresti i frutteti fin quando la frutta non è esaurita? Pescheresti un pesce o cacceresti un agnello o agguanteresti un pollo per cucinarlo e mangiarlo su un fuoco all’aperto? E se le consuete risorse di carne cominciassero a svanire, essendo cadute preda di animali selvatici affamati in seguito al collasso della civiltà, che succederebbe? Cercheresti nuove risorse? Cacceresti e mangeresti, spinto dalla fame, un passero o un pettirosso? Che ne dici di un gufo? Un gabbiano? Massacreresti una volpe per mangiare la sua carne? Dove ti fermeresti? Mangeresti un altro essere umano per sopravvivere? Quando i bisogni urgono dove tracceresti la linea? Quanto andresti lontano per nutrire te stesso e i tuoi cari? Chiedere l’elemosina, coltivare in proprio, rubare, ferocia, cannibalismo? Hai un limite o quando il gioco si fa duro e lo stomaco è annodato con l’agonia della fame non ci sarebbe limite? Quanto lontano andresti? Combatteresti con un’altra persona per un pacchetto di riso? Picchieresti qualcuno per rubare le loro scorte di risparmi? Considereresti la perdita delle loro provviste di cibo e le loro ferite una conseguenza accettabile della tua necessaria sopravvivenza? Questo diventerebbe un danno collaterale nella ricerca della sopravvivenza? Per quanto possa sembrare orribile, dovrei immaginare che qualora insorgesse la necessità tu andresti oltre lo sgradevole per sopravvivere.

Ora, sostituisci il cibo con il bisogno di carburante e capirai che non ho altra scelta se non quella di raccogliere questo carburante da fonti diverse e in modi diversi nel corso di ogni giornata. Le conseguenze che possono insorgere possono sembrare deplorevoli per te, ma sono solo il risultato di questa mia necessità di ottenere carburante. Non ho chiesto io di dover fare questo, ma il modo in cui sono stato creato lo fa essere così. Nello stesso modo in cui tu combatteresti per assicurarti la tua propria sopravvivenza, piuttosto che rannicchiarti e morire in una buca, così devo fare io. Questo mi rende qualcosa che sarebbe considerato una persona cattiva solo per fare ciò di cui ho bisogno per esistere? Direi che non è così. So che quello che faccio ha conseguenze per gli altri. Non sono cieco né sono un pazzo. Comprendo appieno la devastazione che causo mentre faccio a pezzi la vita di qualcun altro come un ciclone, succhiando ogni cosa all’interno, scagliandola via e poi scartandola rotta e spezzata. Ho sentito le lamentele, le storie, i ricordi e le considerazioni. Ho sentito le grida di sgomento, i lamenti della sofferenza, le urla di terrore e i lenti singhiozzi del dolore. So ciò che è causato dalle mie azioni ma quale scelta ho? Non ho intenzione di arrivare a queste cose, ma devono sempre sorgere come conseguenza di ciò che devo fare.

Io non provo sensi di colpa né rimorso. Sono privo di quelle emozioni. Un’altra conseguenza del modo in cui sono stato creato. Non provo vergogna per queste azioni, nessuna pietà per coloro che soffrono per i miei comportamenti e nessun senso di empatia per coloro che sono spietatamente abbattuti dalle mie macchinazioni. Non sono gravato da tali emozioni, quindi non mi giro e rigiro la notte, non ho il sonno cosparso di incubi di tormento, non mi siedo angosciato e cerco l’assoluzione per tutto ciò che ho fatto e per tutto ciò che devo fare . Questi concetti non si applicano a me. Quello che faccio è invitarti a capirmi. Voglio che tu capisca cosa sono, cosa devo fare e ciò che ne deriva e che se tu fossi nei miei panni, faresti lo stesso. Questo non mi rende una persona cattiva, vero? Sono un brav’uomo che sta facendo un brutto lavoro. Giusto?

H.G. TUDOR

The Bare Necessity

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi