✉ UNA LETTERA AL NARCISISTA – N. 114

A Letter to the Narcissist – No. 114.png

Lui:
Niki,
Mi dispiace disturbarti, ho solo un paio di cose da dire.
Non importa cosa stia succedendo nella mia vita, non è passato un solo giorno in cui non penso a te, e mi chiedo come stai e spero che tu stia BENE.
Non importa come va tra noi, non credo che tu abbia mai saputo quanto davvero ti amavo e quanto amavo stare con te in tutta quella merda pazza.
Solo non voglio che tu pensi che sia stato tutto per niente.
Non importa cosa sia successo io e te siamo le uniche due persone che conoscono veramente i nostri sentimenti e ciò che abbiamo avuto.
Sono ancora un disastro ambulante.
Probabilmente lo sarò sempre. lol
Ci sono stati tanti bei momenti nelle nostre relazioni, non li ho mai dimenticati.
Purtroppo ci sono state anche molte cazzate e ferite. E molte di queste situazioni non credo di averle gestite molto bene.
Mi dispiace per questo.
Mi dispiace per tutte le cazzate e il dolore.
Mai stata mia intenzione.
Quando sei tornata a casa mia a novembre un anno dopo il giorno della nostra rottura, ironicamente, quando tu hai chiamato io ero di nuovo nella casa sull’albero, lo stesso posto in cui ero un anno fa quel giorno. Pensavo che il mio cuore potesse esplodere.
Mi dispiace di non aver risposto al telefono, anche se ciò che dovevi dire probabilmente mi avrebbe distrutto.
Tre volte.
L’odio, la rabbia e i rancori sono terribili per l’anima, specialmente nei confronti di qualcuno che un tempo amavi.
Penso che non sia mai troppo tardi per chiedere scusa.
Entrambi abbiamo fatto cose che ferivano l’altro.
Mi dispiace per questo.
Queste sono le parole che avrei dovuto dirti molto tempo fa.
Mi dispiace di non averlo fatto.
Mi dispiace che stiamo vagando per questo mondo separati.
Ma quello in sé può essere libertà e avventura. Spero che tu troverai entrambe.
Non riesco a pensare alla band in questo momento, ma quella canzone, mi spiace, mi suona in testa. Buckcherry, penso.
Abbiamo avuto la relazione più folle e appassionata che io abbia mai avuto, mi dispiace che non siamo riusciti a domarla al nostro livello.
Spero che tu ascolti e senta queste parole.
Non c’è bisogno di rispondermi, sono solo cose che voglio dirti e che avrei dovuto fare molto tempo fa.
Ti auguro ogni bene e felicità.
Eri, e sei, unica nel suo genere, Niki.
L’ho sempre saputo.
Un ultimo,
Mi dispiace.
Michael
Non posso dirti quante volte, HG.
E, proprio all’interno di quel testo, tante sequenze provocanti di parole.
Credevo che fossimo due fiamme gemelle: era l’unico modo per far combaciare il tutto, la dinamica del “corridore / inseguitore”. Mi sono aggrappato così strettamente a quello, e al concetto che l’amore avrebbe conquistato tutto.
Mi sono imbattuta nel tuo blog all’inizio del 2017, nel bel mezzo di uno scarto … In cerca di risposte … ho fatto tonnellate di ricerche. E ancora, non volevo crederci. Gli ho dato un’ultima possibilità. Sarebbe tornato con un anello e un sacco di promesse.
Vedo ora che lui era un’anima gemella karmica.
L’inferno ha deciso di darmi una lezione di vita.
L’ho sentito arrivare, questo recupero. So quando si sta apprestando a tornare. Sembrava sempre che avessimo questa strana connessione energetica.
Ho aspettato un mese per rispondere, ho guardato in silenzio mentre seguiva i movimenti di ciò che pensava sarebbe bastato per rientrare, ancora una volta. Tutto questo passando davanti casa mia, senza venire fisicamente più vicino.
Tutta quella spavalderia.
In fondo è una figa.
Lui è già in quella che sembra essere una relazione seria con una persona della mia città (vive a 45 minuti di distanza).
Culo.
Io la conosco. Voglio avvisarla.
Ma lo so – non porterà nulla di buono.
Va oltre la portata del mio miglior giudizio rispondere a tutti.
Confido che tu capisca il peso di quella frase.
Lasciar perdere le parole che hai inviato potrebbe essere considerato quasi perfetto.
Agrodolce.
Anche romantico.
Fiori sparsi sul relitto.
Di ciò che è stato.
Di ciò che avrebbe potuto essere.
Ma così facendo non onorerei tutto ciò che sono, ciò che vive dentro di me – la ragazza che avevi – e oh, l’hai avuta – ma, non hai mai investito davvero nel capirla.
Testa e cuore: sempre la guerra più bella.
C’è una parte di me che non vuole mai più vedere la tua faccia.
E un altro che brama l’ultimo ballo.
Quell’ultimo bacio.
Lascia che sia chiara, questo non è un invito a riaprire le linee di comunicazione.
Guarda e guida, tutto ciò che ti piace.
Ma resta a distanza.
Non ti devo nulla, soprattutto quelli che sono i pensieri nella mia mente, tuttavia, e per il piacere di onorare dove siamo stati:
Tu sai (sottolinealo) quanto ti ho amato.
Una parte di me ti amerà, sempre.
Certo, penso che sia così anche per te.
Ci sono cose che mi ricorderanno sempre te.
Ci sono posti che fanno sì che il mio cuore raggiunga il tuo.
Ci sono immagini che sicuramente non abbandoneranno mai la mia mente.
E, quando mi imbatto in qualcosa che so che apprezzeresti anche tu, beh …
Ma non mi è mai servito bene a riporre fiducia nelle tue scuse di “meglio tardi che mai”, né nei tuoi momenti sobri (“Sto commettendo il più grande errore della mia vita”, ecc.), vero?
Ciò che hai inviato suona così familiare a tutte le volte che sei tornato indietro con la coda tra le gambe.
Sei sempre stato così bravo a dirmi ciò che voglio sentire e a dimostrare che ti manca la sostanza per tener fede alle parole che dici.
Non sono più la tua pazza.
Anche se potrebbe non essere mai troppo tardi per dire che ti dispiace, quando si tratta di te e me, non basta.
Ti concederò il mio perdono.
Ma non dimenticherò mai.
Ci vorrebbe molto più che una scusa, più di quanto abbia visto e sia stata testimone di ciò che sei capace, per vederti stare di nuovo, ancora una volta, da qualche parte vicino alle mie buone grazie.
Hai oltrepassato troppe linee.
Sei stato più che sconsiderato con un cuore che voleva solo amarti oltre la logica e la ragione.
Non commettere errori, c’è una differenza tra serbare rancore e restare fermi nella propria esperienza.
Non ho rimpianti.
Ho imparato tanto da te e grazie a te.
Questo è il problema dei contratti per anime gemelle.
Indipendentemente dalla categoria in cui rientrano, il loro scopo è insegnarci, di far emergere tutto ciò di cui abbiamo bisogno per guarire.
Indipendentemente da ciò che accade, la connessione – a quel livello dell’anima – persiste.
Quindi…
Grazie.
Grazie.
Un milione di volte, grazie.
Per la bellezza. Per il danno.
Per il buono, il brutto e il cattivo.
Non hai la minima idea di come mi hai plasmato, e ti sarò eternamente grata per questo.
Strano pensare che tra 2 giorni potremmo essere stati sposati.
Sarebbero stati 7 anni.
Felice 14°.
Mi prenderò un momento, stapperò una birra, indosserò qualcosa la domenica, ballerò senza di te e brinderò ai ricordi, a ciò che era buono (perché quando era buono, Dio, era così buono, ma non ha mai superato il cattivo) e alle grandi speranze che avevo per noi.
Forse permetterò persino a me stessa di sentire la tua mancanza.
Allora, mi ricorderò che “la conoscenza dei veleni è essenziale”.
E, tornerò subito ad essere libera.
Sì. Mi sto divertendo.
Re-imparando ciò che significa e tutto ciò che comporta.
Molto. Tanto.
Avremo sempre la radio degli dei, Michael.
Stammi bene.
Sotto lo stesso cielo
• N •

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 114

 

 

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi