📰 LA DOZZINA DI SGOMENTI

THE-DOZEN-OF-DISMAY.png

Voi siete gente di emozioni. Non solo provate una vasta gamma di emozioni, sia positive che negative, sperimentate frequentemente le emozioni. La vostra produzione emotiva è amplificata, intensa e superiore a quella delle persone “normali”. Permettete alle emozioni di governarvi, siete molto in contatto con esse e lotterete per tenerle sotto controllo, mascherate e nascoste. Queste qualità che si applicano all’empatico, al super empatico e al co-dipendente in quantità crescenti, vi rendono obiettivi ideali per noi. Questo è per due motivi. Il primo, naturalmente, è perché la vostra copiosa produzione emotiva è per noi un carburante delizioso e potente. La nostra linfa vitale. Voi siete necessari per sostenere la nostra esistenza, perché è attraverso di voi che siamo in grado di acquisire un senso di esistenza, il vostro carburante che alimenta ciò che siamo, ciò che desideriamo ritrarre e ciò che desideriamo bandire. Il carburante è il fattore più importante, ma non è l’unico fattore. La seconda ragione per cui esigiamo di connetterci con tali individui emotivi (e specialmente nel ruolo di fonte primaria intima) è che le vostre condizioni emotive ci permettono di esercitare un controllo su di voi. L’esercizio del controllo ci consente di mantenere il nostro senso di superiorità. Questa superiorità ci permette di paralizzarvi e mantenervi in questo stato emotivo. Quindi il ciclo continua fino al momento in cui la produzione emotiva scende al di sotto di quel livello che è accettabile per noi. Assicurandoci che voi rimaniate emotivi, vi impediamo di vedere la realtà di ciò che ti sta accadendo. Ci assicuriamo che il vostro processo decisionale non si basi su una fredda, dura logica. Vi viene impedito di andare avanti. Vi viene impedito di sfuggirci. Questo è il motivo per cui gran parte del nostro comportamento manipolativo è focalizzato a provocare risposte emotive da voi. Per il carburante e per il controllo. Dobbiamo controllare il nostro ambiente se vogliamo esistere e questo significa controllare i nostri apparecchi, incluso voi come fonti primarie.

Come con gran parte dell’intreccio narcisistico, la conservazione di uno stato emotivo si ottiene attraverso le misure che prendiamo ma anche come conseguenza di tratti che sono particolarmente evidenti nella vostra specie, rispetto alle persone normali. Queste azioni e caratteristiche si combinano attraverso le nostre interazioni quotidiane. Permeano tutto ciò che diciamo e facciamo. La nostra manipolazione si basa sull’esistenza di questi oggetti al fine di massimizzare il loro effetto e mantenervi in uno stato emotivo. Queste azioni e questi tratti sono presenti nell’intreccio tra la mia specie e la vostra specie, in modo che la danza continua, la presa viene mantenuta e l’emozione si riversa fuori. Cerchiamo di applicare queste azioni in tutte le nostre manipolazioni. Cerchiamo di capitalizzare questi tratti in voi. Contemporaneamente c’è una combinazione efficace che in ultima analisi vi crea sgomento e quindi lo stato emotivo che desideriamo ardentemente in voi. Qui ci sono dodici di queste azioni e tratti; sei da parte nostra e sei da parte vostra.

1. Generalizzazione. La usiamo per mantenere la nostra superiorità e sminuirvi. Generalizzando facciamo sembrare come se noi fossimo quelli che non possono sbagliare e voi siete quello che hanno sempre torto. Quindi faremo commenti come: –

“Non mi dici mai che mi ami.”

“Sono sempre io quello che deve risolvere le cose.”

“Tutti pensano che tu sia cattivo con me.”

“Non mi lasci mai fare quello che voglio.”

Un tale sommario e ampia gamma di accuse vengono emessi con totale convinzione al fine di avere un effetto considerevole su di voi.

2. Previsione futura. Voi siete portati a basarvi su ciò che pensi; il futuro dovrebbe essere basato su ciò che è già successo. Ciò significa invariabilmente che, poiché avete sperimentato la gioia e la meraviglia del periodo d’oro, vi aspettate che la relazione in futuro debba continuare su una linea simile, e quindi avete un’alta (e in ultima analisi non realistica) aspettativa nel riporre le vostre speranze e le vostre decisioni sul passato piuttosto che sul presente.
3. Trasgressioni passate. Ci divertiamo nel rivangare il vostro passato allo scopo di suggerirvi che avete fatto qualcosa di sbagliato. Se avete commesso qualche errore in passato (che sia di natura trascurabile o rilevante) siamo sempre capaci di ricordarlo e continueremo a scavare. Non seppelliamo mai nulla. Inventeremo anche trasgressioni del passato che percepiamo che avete commesso, dopo tutto, non state facendo ciò che vogliamo, non venite più idealizzati e quindi dovete aver fatto qualcosa di sbagliato, vero? Queste invenzioni saranno di natura vaga e amorfa.
4. Pensiero in Bianco e Nero. Una risposta vertiginosa e disorientante alle critiche percepite che ci lanci ripetutamente così che un momento prima sarai un eroe, e quello dopo uno zero. Non operiamo nel grigio quando si tratta della nostra visione di te e degli altri. Sei bianco o nero. Poi di nuovo bianco. Prima di diventare di nuovo nero. Spesso nello spazio di minuti.
5. Mente chiusa. Operiamo con una mente chiusa. Noi sappiamo meglio di tutti. Conosciamo le cose giuste da fare. Non ascoltiamo nessuno, meno di tutti voi, perché siete traditori, deficienti e pazzi. Questo ci impedisce di affrontare le vostre sfide e dirige ogni suggerimento ragionevole e credibile che potreste fare su una situazione che potrebbe minare il nostro senso di superiorità.
6. Pensiero Catastrofico. Vi impegnate in questo come conseguenza di una natura intrinseca di essere così, ma noi la suscitiamo e la coltiviamo attraverso il vostro condizionamento da parte nostra. Poiché le nostre reazioni quando vi svalutiamo sono sproporzionate (dal vostro punto di vista) vi abituate al fatto che quando qualcosa va storto, si metterà di sicuro molto male. Questo vi fa supporre sempre il peggio il che aumenta la vostra ansia e le vostre reazioni emotive.
7. Paura irrazionale. Di nuovo come conseguenza dei giochi mentali che mettiamo in atto con te, vi ritrovate a fare supposizioni, interrogarvi e ossessionarvi su tutto ciò che viene detto e fatto, il che vi porta ad acquisire una paura irrazionale. Troverete qualcosa di cui preoccuparvi nella minima osservazione o espressione. Una volta non l’avreste mai fatto, ma il vostro coinvolgimento con noi fa sì che ciò accada e con esso l’emozione fluisce.
8. Proiezione. Noi proiettiamo ripetutamente accusandoti di fare le stesse cose di cui noi stessi siamo colpevoli. Questa è una reazione istintiva da parte nostra e non è solo una forma di difesa, ma vi costringe anche a mettervi sulla difensiva mentre cercate di giustificare il vostro comportamento e vi trovate sconcertati perché venite accusati dell’atto stesso. La vostra reazione è di sconcerto, stupore, turbamento e fastidio. Tutto buono per la razione emotiva.
9. Spostamento di Colpa. Un altro comportamento tipico della nostra specie nasce dal nostro bisogno di evitare la colpevolezza di qualsiasi cosa, il che si accorda con il nostro senso di diritto. Quindi è sempre colpa di qualcun altro. Di solito vostra. Questo ci permette di castigarvi e vi fa reagire in modo simile a quando proiettiamo.
10. Non Guardare Mai Indietro. Noi siamo troppo impegnati a guidare dritto per contemplare il nostro ombelico e rimuginare sugli eventi. Non operiamo in questo modo, ma voi lo fate. La vostra propensione a riflettere, considerare e valutare implica che vi soffermate sulle questioni troppo a lungo e così facendo vi paralizzate.
11. Mea Culpa. Non solo vi biasimiamo per tutto, ma anche voi vi impegnate a incolpare voi stessi. Avete bisogno di trovare le risposte sul perché le cose accadono e se stiamo spostando la colpa e rifiutiamo qualsiasi suggerimento che ci viene dato, allora hai la propensione ad accettare il fatto che voi dovete essere in qualche modo in colpa. C’è di peggio comunque. Non vi limitate solo a scrollare le spalle e accettare che la colpa sia vostra, ma vi sbattete a cercare di capire di cosa si tratta, spendendo tempo ed energie a capire perché siete in colpa.
12. Il Guaritore. Il vostro desiderio di aggiustare tutto, di guarire e di fare del bene, implica che non potete andarvene prontamente da una situazione in cui fareste bene a farlo. Invece rimanete sul sentiero di fuoco, nella fornace, nel mezzo della battaglia mentre le manipolazioni continuano e con essa l’accresciuta emozione che ne consegue.

Una dozzina di ragioni. Sei da parte nostra. Sei parte vostra. Dodici azioni e condizioni che hanno come conseguenza il vostro stato emotivo continuato.

H.G. TUDOR

The Dozen of Dismay

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi