✉ UNA LETTERA AL NARCISISTA N. 91

A Letter to the Narcissist – No. 91.jpg

Cara R:

Quando ci siamo incontrati, ero in un brutto periodo, venivo fuori da una relazione virtuale con un altro essere umano disastrato. Siamo stati una “cosa sola” nel giro di un mese, e abbiamo passato tutto il nostro tempo insieme, vivendo ciò che i miei amici (che non si fermavano a vedere QUESTA drammatica messa in scena disastrosa) definivano Uno Stile di Vita da Rockstar. Ho perso il lavoro a causa tua. Poi tu hai lasciato il tuo … E sembrava tutto così razionale in quel momento. Sei stato maltrattato, mi dicesti. Eri stato maltrattato da tutte le donne che erano venute prima, come ho sentito dai dettagli strazianti, per ore e ore. Ti hanno trattato tutte così male. E tu sei stato problematico anche in altri modi. Hai dichiarato “OCD” e “ansia sociale” e “attacchi di panico” quando la tua ansia ti ha sopraffatto.

Io ti amavo e volevo “sistemarti”, così che finalmente potessi amarmi. Volevo cancellare il ricordo di tutti gli abusi che avevi precedentemente sopportato e mostrarti come fosse “l’amore perfetto”. Ci ho provato. Anche quando ciò che facevi e ciò che dicevi erano due cose diverse. Anche nelle occasioni in cui la dissonanza e l’infelicità cognitive mi hanno sopraffatto e sono scappata dal tuo silenzio (inevitabilmente, per tornare quando hai protestato). I miei sforzi non sono mai stati sufficienti ad avere i risultati desiderati, veniva richiesto sempre di più. Quando una volta ho protestato, hai detto due cose, uno dei pochi episodi della tua involontaria onestà: “Non ho intenzione di cambiarmi per sistemarti” e “Non sono un ottimo ragazzo. Non potrò mai amarti come hai bisogno, desideri e meriti di essere amata.” Avrei dovuto ascoltare allora.

Ho pagato tutto, dato che eri “malato” e non potevi lavorare, e ti sei comportato come se avessi diritto a tutto. Ti aspettavi che pagassi senza batter ciglio e nessuna intenzione di restituire: la tua iscrizione alla palestra, il telefono, il cibo e infine l’affitto tuo, oltre al mio. E tu non hai mai fatto niente di diverso. Ora, a distanza di due anni, stai vivendo relativamente nel lusso più sfrenato, e ti lamenti di quanto faccia schifo. Forse faresti meglio a tornare a White Trash Town e affittare di nuovo una stanza con un drogato.

Io ero al verde e non potevo sostenere due appartamenti. Così ho fatto una cosa del tutto razionale: piuttosto che smettere di pagare per te e costringerti a pagare da solo, ho lasciato il mio appartamento e sono venuta a vivere con te, lontana dai miei figli, in un appartamento che era troppo costoso. Non c’è stata celebrazione del nostro ulteriore impegno reciproco. Invece, hai fatto trasferire in casa tuo fratello e lui stava sul nostro divano, a bere e fumare, senza lavoro, notte e giorno per 6 mesi. È stato un bene che sono riuscita a trovare un altro lavoro.

In tutto questo tempo, c’è stato un problema tra noi a livello sessuale. Tu non lo volevi e io mi incolpavo di non essere abbastanza attraente. Non ne abbiamo mai discusso. Non delle nostre preferenze fisiche, non della frequenza, non della mancanza di connessione che sentivo quando facevamo sesso, se ti fosse piaciuto (o no) quello che ho fatto per te in questo modo. Abbiamo fatto sesso se, quando, come e per quanto tempo volevi tu. Ciò che mi piaceva o volevo non ti riguardava. Avevo così tante domande. Volevo sapere perché mi hai lasciato nel mio letto, nel bel mezzo di un orgasmo, e te ne sei andato a fumare nell’altra stanza. Volevo sapere perché salti su dopo che abbiamo finito, senza un momento di coccole o di tenerezza. Volevo sapere perché, quando piango o ho degli incubi, non puoi tenermi e confortarmi, ma di nuovo lasci la stanza. Volevo sapere perché, quando ti chiedo di tenermi per il semplice conforto di un altro corpo umano, non puoi farlo. Volevo sapere perché non ti piace baciare. Volevo sapere perché preferisci avere rapporti sessuali da dietro senza guardarmi negli occhi o lasciare che io guardi nei tuoi. Di cosa hai paura? Di essere visto? Di avermi fatto vedere ciò che non vuoi che veda? Non mi aspetto una risposta.

In tutto questo tempo, non sei mai stato in grado di risolverlo o di fingere adeguatamente, anche con i miei migliori sforzi. Ti amavo e volevo così tanto che andasse “bene”, come “dovrebbe essere” tra noi. Quando ho tirato fuori questo discorso hai detto, no hai URLATO, che ogni volta che parlo del “Problema”, viene annullato tutto ciò che hai cercato di fare per risolvere la situazione, azzittendomi in modo efficace e costringendomi ad accettare le cose come stanno. Ma poi, non posso parlarti di nulla che mi fa male – e anche se lo facessi, tu non faresti nulla al riguardo perché semplicemente non puoi – NON PUOI – preoccupartene. Perché non si tratta di TE. E infine, FINALMENTE, qualcosa di sensato è stato detto: quando mi guardi, vedi solo te – e tu odi così tanto te stesso che puoi solo odiarmi.

So di essere consapevole che non ha NULLA a che fare con me. SO che ti ho salvato la vita più e più volte, ti ho protetto, supportato e reso la tua vita e la vita dei tuoi figli DI GRAN LUNGA MIGLIORE. Metto da parte me stessa e le mie esigenze di fronte alle tue scuse e razionalizzazioni su come tu sei “diverso”. Ho riversato il mio amore per te come acqua nel deserto, ho distrutto e ricreato ripetutamente me stessa per te, e tu neanche te ne accorgi. Mi sento invisibile, trascurata, data per scontata e, sinceramente, usata. Tu dici che non era tua intenzione. È, tuttavia, ciò che È, indipendentemente da come si tenta di manipolare i fatti.

C’è stata un’erosione del tuo rispetto per me nel tempo, cominciando con il dimenticare le cortesie di base come “per favore” e “grazie” e il degenerare “per scherzo” dandomi un pugno nel basso ventre, ruttandomi in faccia o offrendomi una visione in primo piano di te che risucchi il catarro e pensi che sia “divertente”. Cerchi di controllarmi con le tue minacce di “intercettazione”, di lasciarmi o di suicidio. Dici di non andare a rovistare le mie cose, ma non è vero – le rovisti, prendi ciò che sembra buono o utile, aiuti te stesso senza chiedere.

Sono stata abusata in molti modi. Mi è stato urlato in faccia, sono stata gettata su un tavolo, offesa, scartata e detto di andarmene per un tuo capriccio. Mi è stato mentito, sono stata ingannata e mi è stato permesso di credere a ciò che non era, ottenendo in questo modo risposte che avresti potuto dare di nascosto come se fossero segreti di stato. La violenza e la minaccia della violenza utilizzate come strumento per te per ottenere ciò che vuoi.

Sai quanto è difficile funzionare emotivamente quando ti è stato detto che “alcune cose sono vere solo al momento”? In un “momento” tu dici di amarmi, di essere il mio guardiano e protettore, in un altro che mi odi e vuoi che me ne vada. Da “Ti amo per sempre e ti voglio sposare” a “Ti prenderò a pugni in faccia” e “Ti ucciderò” e “Ti rovinerò la vita” e “Vuoi morire stasera?”

A febbraio, di fronte all’immensa paura di quello che avresti fatto, ti ho detto che l’avrei finita lì. Ho fatto questo, piuttosto che fare il fantasma fuori dalla tua vita, come espressione del mio impegno per la mia integrità, quindi non raccontarti storie sul “perché”, o fingere che è tutto perché io sono una “fottuta cagna ritardata” quando le persone ti chiedono cosa è successo. Non mi hai nemmeno fatto molte domande. L’ho presa come se non fossi interessato, e forse fossi sollevato dal fatto che alla fine avevo intenzione di andarmene dalla tua vita.

Ironia della sorte, l’ultima volta che abbiamo litigato, non hai nemmeno pensato che c’È un problema, e se io penso che ci sia, è un MIO problema, non il TUO o addirittura il NOSTRO.

Stavo aspettando che tu venissi da me, che mi chiedessi di restare, di cambiare idea. Ma non l’hai fatto. E questo è tutto ciò che ho bisogno di sapere, perché gli uomini cercano ciò che vogliono. Ho provato – e non ci sono riuscita – a trovare un appartamento che potessi permettermi da sola. La mia intenzione di amdarmene era fondata. Ma sono tornata nella nebbia delle promesse di un futuro migliore che so che non verrà. Ho smesso di crederci. Non posso prendere in considerazione le proposte e fingere che siano abbastanza buone, perché non è così. Ormai non vedo cosa ci sia per me qua, se anche lo facessi. Diavolo, anche il sesso fa schifo. Non ho alcun tipo di obbligo con te. Sono libera di scegliere e decidere cosa mi conviene di più. E non sono più disposta a mettere da parte i miei bisogni per il privilegio di inseguirti per avere briciole.

Sai, prego da mesi per avere chiarezza su ciò che sta VERAMENTE accadendo. E questa era lì, a fissarmi in faccia, con me che non volevo vedere, per tutto il tempo. Forse hai notato che mi tiravo indietro su alcune delle cose che di solito facevo: protestare per la mancanza di comunicazione, chiedere dei tuoi programmi di lavoro, e non mi lamento più della sistemazione per la notte. Tutte cose che avrebbero dovuto farti comparire una bandiera rossa, perché è quella che stavo sventolando.

Tu non puoi amarmi – lo capisco adesso. Semplicemente … non puoi. E non ha niente a che fare con me che non sono amabile o “difficile da amare”, dipende tutto da te. Ho pensato che se solo ti fossi aperto a me, sarei stata in grado di dimostrarti quanto sei amato, ma la mia più grande paura pare che si sia avverata senza che me ne accorgessi – ti sei aperto e … non c’è niente.

Finalmente – ho soppresso tutte le speranze che saresti cambiato. Le tue promesse vuote di cose che “andranno meglio” in un indefinito momento successivo vago non porteranno più alcun peso. Te l’ho detto una volta che quando ho smesso di preoccuparmi, lo brucerei a terra. Ieri è stato quel giorno. Che suono senti? È il suono di me che colpisce la partita.

Vedi, ho passato tutto il tempo quando mi lasciavi da sola a progettare la mia fuga, a sorriderti e a comportarmi in modo normale per mesi. Ci ho provato in modo onorevole e ho fallito. Non volevo vedermi come il tipo di persona che riesce a scomparire dalla vita di qualcuno senza una parola, e non mi piace perdere. Ma ho deciso che non è perdere se si esce da una casa in fiamme, specialmente se non è la tua. E ho deciso che la mia sopravvivenza – con ogni mezzo necessario – valeva la pena essere “disonorevole” per qualcuno che mi aveva ripetutamente disonorato. Così ho riordinato i miei piani, preso le mie cose e tutti i soldi che avevi, e me ne sono andata.

Ho una casella postale privata, ho bloccato le tue chiamate e i tuoi messaggi e quelli di tutti i tuoi familiari e amici, ti ho bloccato sui social media e fatto il meglio che potevo per accertarmi che tu non abbia modo di contattarmi o trovarmi al lavoro . Ho cancellato tutti i vecchi messaggi in ogni formato, scollegato il tuo account telefonico, disdetto il tuo abbonamento alla palestra, bruciato le tue foto e quelle dei tuoi figli. Sono scappata – abbastanza lontano che sarebbe un’impresa per te venire qui senza soldi e senza una macchina – se anche tu avessi preso nota di qual’è l’edificio in cui lavoro.

Immagino che tu ti stia infuriando. Sorrido.

H.G. TUDOR

A Letter to the Narcissist – No. 91

 

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi