📰 G.O.S.O. UNO

190727G GOSO One.jpgCos’è il G.O.S.O. ?

È il concetto d’oro di “Esci, rimani fuori” che è ciò che ogni vittima della nostra specie dovrebbe applicare alla sua situazione.

Sia che tu ti sia reso conto che sei stato irretito da un narcisista o che ora ti rendi conto che questo individuo particolare è una persona abusante, il GOSO è sempre applicabile.

Coloro che non sono stati coinvolti in un intreccio con la nostra tipologia possono considerarlo assolutamente ovvio. Naturalmente, ciò di cui non si rendono conto è che il GOSO ha due nemici formidabili; noi e voi – quindi applicare il GOSO è molto più difficile di quanto si rendano conto.

Di questi due nemici è evidente perché noi siamo il primo. Noi ti consideriamo una nostra proprietà, indipendentemente da dove sei collocato nella matrice di carburante, da Risorsa Non Intima a Risorsa Primaria Intima, tu appartieni a noi e sei lì per essere utile all’adempimento degli obiettivi principali. Più alto è il tuo stato nell’indice di carburante, maggiore sarà lo sforzo che verrà impiegato per mantenerti al posto. Avrai piena familiarità con molte delle varie manipolazioni che utilizziamo per assicurarci che tu non vada da nessuna parte e che rimani in loco. Il nostro Armamentario del Diavolo viene usato per essere sicuri che tu sei remissivo, che sforni carburante e sotto il nostro controllo. Questo controllo è spesso considerevole, tuttavia, tu inizi a riconoscere le manipolazioni, apprendi del gaslighting, della triangolazione, dell’insalata di parole e così via e cominci a vedere quando queste vengono utilizzate. Inizi a realizzare che non dovresti essere trattato in questo modo e con la tua comprensione aumentata inizi ad allentare la presa che abbiamo su di te.

Inizi a vedere le cose sotto una luce diversa. Adesso vedi un molestatore, un narcisista, che sta davanti a te e non la persona che una volta credevi fossimo. La tua decisione aumenta, la tua determinazione si consolida mentre ti rendi conto che hai bisogno di toglierti dalla nostra influenza tossica. Ora sai con cosa hai a che fare – è ora di uscire. Tuttavia, c’è un secondo nemico che è apparso all’orizzonte – tu.

Tu sei il tuo nemico o, più precisamente, lo è il tuo pensiero emotivo. Sai che devi uscire. Uscire forse il chiaro atto di porre fine alla relazione formale, di andarsene da una proprietà o di buttarci fuori – attuare il no contact e questo è l’obiettivo finale. A volte si esce fuori dal contesto abusante anche se non è possibile attuare il no contact, ma stai uscendo dall’influenza e dal comportamento dannoso che hai sopportato per così tanto tempo. Qualunque esso sia, capisci che è ora di uscire.

È allora che colpisce questo secondo nemico del pensiero emotivo. Il pensiero emotivo è un truffatore. Il suo unico scopo è garantire che venga alimentata la tua dipendenza da noi. Il pensiero emotivo non ha a cuore i tuoi interessi, anche se farà finta di farlo. Stai cercando di allontanarti da un mago della truffa proprio appena ne compare un altro anche se questo è altrettanto difficile da individuare, come la nostra tipologia. Il tuo pensiero emotivo vuole essere sempre la tua prima risposta in ogni situazione che riguarda la nostra specie, perché vuole essere sicuro di continuare a nutrire la dipendenza da noi. Ciò significa che devi continuare ad interagire con noi, pensare a noi, vederci, fare cose per noi. Rimanendo nella nostra influenza, la dipendenza rimane alimentata e il pensiero emotivo farà tutto il possibile per mantenere quella situazione.

Il pensiero emotivo è il tuo nemico in questa situazione. Non gli interessa il fatto che la fiducia in te stesso sia svanita, che sei completamente sfinito, che sei confuso, che ti stai curando un braccio rotto, che hai perso soldi, che il tuo senso dell’io sta scomparendo, che hai perso i tuoi amici, che il tuo lavoro ne sta risentendo e altre centinaia di disgrazie. Tutto ciò che importa è assicurarsi che tu non esca. Impedendo questo, la dipendenza viene alimentata.

Di conseguenza, questo subdolo e indiretto pensiero emotivo occuperà i tuoi pensieri il più rapidamente possibile per tenere a bada la fredda e dura logica. Sfortunatamente per te, lo fa con notevole facilità perché: –

1. È improbabile che tu capisca perfettamente cosa sta succedendo nel momento in cui riconosci il bisogno di uscire;
2. Sei stato ripetutamente condizionato dalla nostra manipolazione ad adottare il pensiero emotivo, in modo che sia sempre la risposta immediata quando prendi decisioni;
3. La tua capacità di far fronte sarà stata ridotta. Il pensiero emotivo ti offre l’opzione “facile” (ma non l’opzione giusta) e quando sei a terra, questo ha un notevole fascino.
Quindi, qual è la conseguenza? Il tuo pensiero logico ti dice “Questa persona è cattiva per me, ho bisogno di uscire”. Prima che il pensiero logico possa aggiungere qualcos’altro, il tuo pensiero emotivo aumenta e annega questo (pensiero logico) e riempie al suo posto la tua mente di ciò che vuole che tu pensi. In effetti, questo pensiero emotivo è così significativo che diventa il tuo unico modo di pensare e “prende il sopravvento” in termini di ciò che fai. Il pensiero emotivo ti governa e per questo, non sei in grado di vederlo. Rimuove la tua introspezione. Questo è il motivo per cui spesso ti guardi indietro e pensi “Che diavolo stavo pensando? Quello non ero io”. Questo perché ti è stato inserito il pilota automatico dal tuo pensiero emotivo e hai seguito una linea di condotta senza rendertene conto, perché il tuo pensiero logico non ha potuto controllare.

Come si manifesta questo pensiero emotivo? È subdolo come ho detto, perché ciò che fa è mascherarsi da qualcosa che è collegato ai tratti empatici in modo da convincere che ciò che stai facendo è in realtà ‘buono’ e la ‘cosa giusta’ da fare. Fa tutto parte della sua natura ingannevole. Perciò, quando hai quel breve momento di logica e decidi che hai bisogno di uscire, il pensiero emotivo viene allertato e realizza che c’è un pericolo nell’ottenere il suo aggiustamento della dipendenza da noi. Insorge e si manifesta in molti modi diversi, come ad esempio:

“Ma se me ne vado, come sarà in grado di gestirlo. Starò male per lui”. Questo si collega ai tuoi tratti di onestà e senso di colpa.

La logica direbbe

“Perché preoccuparsi di come lo gestirà? Lui si è mai preoccupato di come ti sei gestito tu? Non devi essere responsabile per questa persona. Vattene.”

Eppure la logica non viene ascoltata.

Il pensiero emotivo dirà: –

“Ma se potesse cambiare, ha detto che andrà in terapia e ha preso un appuntamento. E se me ne vado e mi perdo lui che cambia in meglio? “, Questo si ricollega ai tuoi tratti di speranza e al desiderio di risanare.

La logica ti direbbe

“È un narcisista. Non cambierà. Non può cambiare. Non devi restare. Vattene.”

Eppure la logica non viene ascoltata.

Il pensiero emotivo dirà: –

“Ora non è un buon momento, è il suo compleanno / sua madre è appena morta / ha un grande progetto al lavoro / non sta bene”. Questo si collega ai tuoi tratti di colpa e onestà.

La logica ti direbbe

“Ora è il momento giusto. Ha rovinato il tuo compleanno / a lei non importava quando tuo padre moriva / non ha mai sostenuto il tuo lavoro / non si è mai presa cura di te quando non stavi bene. Meriti di più. Vattene.”

Eppure la logica non viene ascoltata.

Ecco altri esempi del pensiero emotivo che ti impedisce di uscire. Vi sono familiari? Cosa ti starebbe dicendo il pensiero logico in risposta se fosse stato ascoltato?

“Non ho nessun posto dove andare e mi piace vivere in questa casa.”

“Ma se i bambini vogliono vederlo e questo li turba?”

“Ho paura di quello che mi farà.”

“Ha detto che se lo avessi lasciato, avrebbe postato quei video e quelle foto su internet”.

“Non voglio sentirmi come se avessi fallito e arrendermi su noi.”

“So che sta vedendo qualcun altro, e se me ne andassi e finissero felici insieme? Perché dovrei spianare loro la strada a una relazione insieme? “

“Ma io la amo ancora.”

“Ha bisogno del mio aiuto, non posso allontanarmi da qualcuno che ha bisogno di aiuto.”

“Non ha nessun altro tranne me.”

“Sarà troppo difficile farlo. Invece ho solo bisogno di trovare un modo per renderlo felice.”

“Come farò con i soldi? Controlla tutto lui, sarò in miseria.”

“Ho paura ad andarmene di nuovo.”

“Che cosa penserà la gente se io vado via, lo farà sembrare cattivo al lavoro e davanti ai suoi amici.”

“Potrebbe essere peggio, voglio dire, a volte è meravigliosa e il sesso è fantastico. Posso metterci sicuramente una pezza per i bei momenti? “

“Sto invecchiando e non voglio dover ricominciare tutto da capo.”

“Vorrei andarmene, ma devo rimanere per il bene dei bambini”.

“Non mi arrendo, devi combattere a volte per salvare una relazione e io sono un combattente.”

“Devo solo amarlo di più. L’amore risolverà le cose. Deve.”

Il tuo pensiero emotivo userà la paura, il senso di colpa, la speranza, la dedizione, la stima, l’altruismo, lo stato, la lealtà e altro ancora per farti rimanere e far naufragare il tuo tentativo di uscire.

Una parte fondamentale di Uscire è riconoscere che è il tuo pensiero emotivo che ti sta parlando, che questo non è il modo giusto di pensare e che questo pensiero emotivo è un imbroglione.

Educando la tua mente al riconoscimento del pensiero emotivo, dai alla logica l’opportunità di farsi ascoltare. Quando la logica si fa sentire, il pensiero emotivo reagirà, ma più ti impegni a riconoscere questo pensiero emozionale e a permettere alla logica di farsi ascoltare, più diventerà facile finché non realizzerai istintivamente che stai adottando il pensiero emotivo e quindi applicherai userai la logica. Continua a mantenere questa disciplina e scoprirai che la logica comincerà a prevalere e che stai conquistando il secondo nemico, in modo che tu ora non vedi alcun motivo per rimanere e il tuo dichiarato desiderio di andartene verrà soddisfatto.

Come potresti favorire il corso delle cose? La cosa più importante è costruire la tua comprensione tramite la lettura. Questo sviluppa la tua logica e ti fornisce materiale su cui la tua mente può lavorare invece di trovare solo pensieri emotivi che non ti aiuteranno. Devi avere un deposito di materiale a cui la tua mente può accedere e che ti ricorda con cosa hai a che fare.

Ci sono anche numerose tecniche per regolare il tuo processo mentale, ma ora te ne spiegherò una. Un metodo è trovare un totem. Trova un oggetto, potrebbe essere una pietra levigata dalla spiaggia, potrebbe essere un pezzo di ametista, un gioiello appartenente a una persona speciale, una moneta insolita, una palla antistress – può essere qualsiasi cosa purché si adatti alla tua mano. Questo deve quindi essere collocato in un luogo dove lo vedrai ogni giorno – sul comodino, sul tavolo della consolle vicino alla porta d’ingresso, vicino al lavandino del bagno. Ogni giorno devi prendere il totem e avvolgere la tua mano attorno ad esso, sentirlo nella tua mano e poi chiedi a te stesso

“Devo mettere in atto il GOSO. Cosa mi avrebbe detto di fare la logica? “

Le probabilità sono che la prima risposta sarà un pezzo di pensiero emotivo simile a quelli sopra elencati. Ferma il pensiero e valutalo. Questa è la logica o il pensiero emotivo? Riconosci cosa è. Se, come previsto, è il pensiero emotivo allora distruggi quel pensiero elaborando quella che è la logica – scoprirai che il pensiero logico apparirà più velocemente di quanto tu possa immaginare perché hai costruito la tua comprensione.

Fatelo tutti i giorni circa alla stessa ora. Scoprirai poi che quando hai un pensiero emotivo, ti renderai conto di andare al tuo totem, tienilo (in mano) respingi il pensiero emotivo e fai funzionare la logica. Potresti dover andare al tuo totem una dozzina di volte al giorno, ma gradualmente stai costruendo la tua logica, riducendo la tua dipendenza dal pensiero emotivo e infine scoprirai che lo stai facendo senza bisogno di ricorrere al tuo totem perché hai reimpostato il tuo pensiero. In questo modo, troverai la chiarezza e la risoluzione per uscire e non essere fermato.

Non è facile. Noi sappiamo istintivamente che la tua mente sta combattendo per impedirti di uscire e ci affidiamo a questo in coordinamento coi nostri sforzi per tenerti sotto il nostro controllo. Tuttavia, costruendo la tua comprensione e reimpostando il tuo pensiero, terrai il tuo pensiero emotivo sufficientemente sotto controllo per agire sulla necessità di uscire.

GOSO 2 affronta il modo in cui il pensiero emotivo cerca di far deragliare il tuo bisogno di stare fuori una volta uscito.

H.G. TUDOR

GOSO ONE

Pubblicato da

Stella SHELF Unmaskers

Sono la ex vittima di un Narcisista di rango Medio/Superiore che dopo questa esperienza devastante ha deciso di approfondire le sue ricerche sul narcisismo ed è nato questo blog

Rispondi